Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 22 luglio 2013

Forum on Emerging Topics in Patient Safety

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

English: Mergenthaler Hall, Johns Hopkins Univ...

English: Mergenthaler Hall, Johns Hopkins University, Baltimore, Maryland, USA. (Photo credit: Wikipedia)

The Forum on Emerging Topics in Patient Safety (http://armstronginstitute.cvent.com/safetyforum), to be held 23-25 September in Baltimore, USA, aims to generate recommendations for rapidly accelerating the pace of improvement in reducing preventable
The Forum features thought leaders in the field of health care, including leaders of the WHO Patient Safety Programme, who will make this a unique opportunity to share, network and contribute to future safety and quality solutions. WHO maintains a Patient Safety Project Office within the Armstrong Institute for Patient Safety and Quality at Johns Hopkins. This Project Office supports the broad mandate of the WHO Patient Safety Programme by providing leadership and assistance in the science of safety, behaviour change and patient safety evaluation. It is our hope that this new forum will deepen our collective knowledge of what is needed to reduce preventable harm on a broad scale.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rethinking the EMU and making Greater Europe positive again

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Our founding president Jacques Delors delivered a speech on 5 June 2013 focused on three main elements:
1. the three shocks the EU needs to address: sovereignty, globalisation, human error;
2. the EMU’s restructuration;
3. the Europe of Twenty-Eight.
His address took place during a conference organised in Lisbon by the Gulbenkian Foundation to launch a new multiannual partnership with Notre Europe – Jacques Delors Institute.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FEI Awards ceremony to be jazzed up at legendary music venue

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

The equestrian world will follow in the footsteps of the world’s greatest musicians when it celebrates the winners of the FEI Awards at a new-format ceremony in Montreux, Switzerland on 7 November.The Montreux Casino (now the Casino Barrière Montreux), the venue of the FEI Awards ceremony, hosted the world-famous Montreux Jazz Festival from the late 1960s to 1993. It also housed Mountain Studios, the recording facility the British band Queen liked so much that they bought it and whose clientele included Michael Jackson and the Rolling Stones. The FEI, the world governing body of horse sport, set up its five-category awards in 2009 to reward outstanding individuals from the global equestrian community.The winners of the FEI’s Longines Rising Star, Reem Acra Best Athlete, Development, Best Groom and Against All Odds awards will be photographed by Edouard Curchod, a local photographer who has immortalised most of the artists who have performed on the main stages of the Montreux Jazz Festival. Curchod’s photos grace DVDs of musicians as diverse as Miles Davis and Simply Red.Rock band Deep Purple wrote Smoke on the Water, their biggest worldwide hit, about an incident that occurred at a Frank Zappa concert at the Montreux Casino in 1971. The song tells of how a fan fired a flare gun, which set the casino ceiling on fire, causing the show to stop, the hall to be evacuated and led to the destruction of the entire venue. The casino was rebuilt and opened its doors again in 1975.The Montreux Jazz Festival began in 1967 as a three-day event to entertain international delegates of the Rose d’Or, the Golden Rose Festival of Television. It quickly morphed into a two-week event with a line-up of legends from all musical genres. Prince and Sting are among the many performers at this year’s festival, which ends on 20 July. The festival has since 1994 taken place at the Montreux Music & Convention Centre (2m2c), where the FEI General Assembly 2013 will be held.Representatives of the FEI’s 132 Member Federations will be among the guests of the FEI Awards ceremony that will end the General Assembly. Nominations for the FEI Awards 2013 close on 31 July. For further information and to make nominations, please visit http://www.feiawards.org.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The European Commission launches a series of stakeholder workshops on Maritime Spatial Planning

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

The European Commission organised a workshop on Maritime Spatial Planning (MSP) and energy (oil and gas, offshore wind energy and ocean renewable energy sectors) in Dublin.
This event was the first in a series of stakeholder workshops assessing the benefits and challenges of MSP for specific maritime sectors and activities. The workshops aim to draw conclusions on the specific needs and best practices on cross-sector cooperation. Discussions and conclusions will feed the work of the Commission to support the deployment of MSP in Europe. The next workshop will take place in November 2013 in Vilnius and will be focused on fisheries and aquaculture. The following one will discuss shipping during the Greek Presidency. Please contact MARE-E1@ec.europa.eu if you wish to be informed about future workshops.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Baltic Sea Conference 2013 – Blue Growth, Sustainability and Water Industries

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Baltic sea

Baltic sea (Photo credit: ekieraM)

(03/10/2013) The sea is a shared resource, which has provided economic progress, prosperity and well-being throughout history to the populations living close to the Baltic Sea. Today the Sea is also fragile and past exploitation has led to unacceptable levels of pollution.
Delivery on blue growth is high on the EU and regional agenda and contributes to achieving the goals of the Europe 2020 strategy for smart, sustainable and inclusive growth as well as the EU Strategy for the Baltic Sea Region. A new and strong regional alliance between public, private and international partners is needed to unlock the potential for growth from the maritime economy and to turn the environmental challenges into future opportunities for innovation and sustainable development. Blue and Green Growth must go together. “The Baltic Sea Conference 2013 – Blue Growth, Sustainability and Water Industries” aims at bringing all relevant stakeholders together back-to-back with the 2013 Helcom Ministerial meeting in Copenhagen 3 October.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Maritime and Fisheries Fund (EMFF): Investing in a sustainable future

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Countries using the Euro de jure Countries and...

Countries using the Euro de jure Countries and territories using the Euro de facto Countries in the EU not using the Euro (Photo credit: Wikipedia)

The Council of Agriculture and Fisheries has backed new criteria for fisheries fund allocations. The new system will support compliance with the reformed Common Fisheries Policy and in particular with the objective of increased sustainability. EMFF will be used to co-finance projects alongside national funding streams. The European Commission has welcomed the general approach agreed on July 15, 2013, by the Council on the European Maritime and Fisheries Fund (EMFF) running from 2014-2020.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola – L’assunzione di 200mila precari passa per il giudizio della Corte di Lussemburgo

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Anief: effetto della sentenza della Corte Costituzionale che con l’ordinanza n. 207/13 ha rinviato alla Giustizia europea la questione sulla compatibilità della normativa italiana con la direttiva comunitaria in tema di reiterazione dei contratti a termine e assenza di risarcimento del danno che l’Italia continua a perpetrare a docenti, amministrativi, tecnici ed ausiliari con almeno 36 mesi di servizio.È ufficiale: l’assunzione di 200mila precari della scuola dipenderà dal volere dei giudici di Lussemburgo. Con ordinanza n. 207/13, la Corte Costituzionale ha infatti rinviato alla Corte di Giustizia europea la questione sulla compatibilità della normativa italiana con la direttiva comunitaria in tema di reiterazione dei contratti a termine e assenza di risarcimento del danno per docenti, amministrativi, tecnici ed ausiliari precari della scuola con almeno 36 mesi di servizio.La posizione della Consulta ribalta quella assunta esattamente un anno fa della Cassazione, che aveva gettato sui precari una doccia fredda sostenendo che la norma nazionale era chiara e che fosse quindi inutile rivolgersi alla Corte di Lussemburgo su possibili conflitti con la norma comunitaria: l’Italia, infatti, per non rispettare le indicazioni dell’Ue ha introdotto nella Legge 106/2011 una norma che aggira l’obbligo di assumere il personale precario anche se ha superato i tre anni di supplenze. Ora, però, la Consulta riapre le speranze e sposta la partita in Europa.”La decisione dei giudici delle leggi è stata saggia – afferma Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – considerato che un’altra ordinanza di remissione, promossa dal giudice del lavoro di Napoli nel gennaio scorso, è pendente alla Corte di giustizia europea. A tal proposito, c’è da ricordare che sono migliaia i ricorrenti che si sono rivolti all’Anief in questi anni per ottenere giustizia dai tribunali della Repubblica. Molti di essi hanno ottenuto in primo grado risarcimenti fino a 30.000 euro per la mancata stabilizzazione”.Il tutto mentre la nuova proposta di legge europea approvata in Senato continua a ignorare una procedura d’infrazione attivata dalla Commissione Ue contro l’Italia proprio sui precari della scuola, il cui testo rimane secretato persino ai parlamentari della Repubblica. “Speriamo – conclude il sindacalista Anief-Confedir – che giunga presto il momento di porre fine alla piaga del precariato e di stabilizzare finalmente tutti i supplenti sui posti vacanti e disponibili. Non di certo fermandosi ai soli 15mila proposti dal ministro Carrozza, peraltro ancora nemmeno sicuri. Oppure agli 11.542 che vinceranno il concorso a cattedra senza però che vi siano tutti i posti liberi”

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperta la genesi del diabete

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

È stato fatto dall’équipe di ricerca condotta dal professor Saverio Cinti un altro importante passo verso la conoscenza della patogenesi del diabete, che affligge 350 milioni di persone nel mondo, 33 milioni in Europa, uccide un europeo ogni due minuti e costa circa il 15% del costo sanitario globale. Già nel 2005 il gruppo di lavoro aveva scoperto che l’infiammazione che caratterizza il tessuto adiposo, implicata nella patogenesi del diabete di tipo 2, è dovuta alla morte degli adipociti obesi. Del 2008, poi, è la scoperta che gli adipociti viscerali sono più fragili e quindi più propensi alla morte di quelli del sottocutaneo, offrendo così una possibile spiegazione al fatto che l’accumulo di grasso viscerale (più frequente nel sesso maschile) è più pericoloso per le conseguenze metaboliche di quello sottocutaneo (più frequente nel sesso femminile).Ora, il più recente, importante step consiste nel riconoscimento del meccanismo che porta alla morte gli adipociti obesi. Si tratta di un tipo particolare di morte che può essere indotta da diversi fattori patogeni, interni o esterni alle cellule. Questo tipo di morte cellulare si chiama piroptosi (perché è associata a una vivace reazione da parte dell’organismo che spesso implica la presenza di febbre). Infatti a differenza dell’apoptosi, modalità più nota di morte cellulare programmata, la piroptosi evoca una risposta infiammatoria indotta dall’attivazione di una reazione molecolare cellulare (inflammosoma) che implica l’attivazione di un enzima specifico (caspasi 1). La caspasi 1 a sua volta attiva e promuove la secrezione di citochine infiammatorie, quali IL1beta e IL 18. Queste possono provocare danni che vanno dalla interferenza funzionale con il recettore insulinico (provocando il diabete tipo 2), alla possibilità di attivazione di meccanismi di auto immunità e, forse, anche di stimolo alla degenerazione neoplastica. Il diabete di tipo 2 è la più diffusa complicanza dell’obesità (circa l’ 85% dei pazienti con diabete di tipo 2 sono obesi) ed è noto che i soggetti obesi hanno una maggiore propensione (circa 2-3 volte rispetti a soggetti magri) al carcinoma dell’esofago, della mammella e del colon.Questi dati aprono nuove prospettive per la prevenzione e il trattamento di queste malattie, come per esempio l’uso di antiinfiammatori specifici. Inoltre, il riscontro di cristalli di colesterolo, che di per sé può attivare il meccanismo dell’inflammosoma che porta alla piroptosi, negli adipociti obesi e stressati potrebbe indicare che aspetti dietetici particolari (a esempio con grassi o altri componenti che favoriscano la cristallizzazione del colesterolo) potrebbero essere più predisponenti di altri per l’infiammazione del tessuto adiposo degli obesi e le conseguenti gravi complicanze legate all’obesità.Le tappe che porterebbero alla morte per piroptosi della cellula adiposa obesa, suggerite dai risultati del lavoro, potrebbero essere le seguenti:
1-Rigonfiamento della cellula adiposa per il bilancio energetico positivo (accumulo di energia)
2-Relativa carenza di ossigeno per allontanamento fisico dai vasi capillari e modificazioni della matrice extracellulare
3-Sofferenza cellulare (stress) evidenziata 1) a livello strutturale da alterazione di organuli cellulari, accumulo di glicogeno e calcio, comparsa di cristalli di colesterolo; 2) a livello biochimico da accumulo di radicali liberi e comparsa di molecole markers di stress cellulare.
4-Produzione di molecole che attirano i macrofagi (MCP1)
5-Attivazione del meccanismo molecolare che porta alla piroptosi (inflammasoma) con comparsa negli adipociti di molecole markers di tale processo (caspasi 1, ASC, IL 1beta, IL 18)
6-Morte della cellula adiposa con produzione di voluminosi detriti (in primis, le grandi gocciole lipidiche)
7-Formazione di caratteristiche reazioni isto-patologiche (crown-like-structures, CLS) deputate al riassorbimento dei detriti: i macrofagi circondano i detriti e li riassorbono
8-La difficoltosa eliminazione dei detriti degli adipociti implica nel tessuto adiposo obeso una cronica permanenza dei macrofagi delle CLS con continua e sostenuta produzione di citochine, che si sommano a quelle prodotte dalle cellule adipose stressate e che determinano resistenza periferica all’insulina e diabete di tipo 2. Lo stato flogistico cronico del tessuto adiposo infiammato, infine, rappresenta un milieu favorente la degenerazione neoplastica dei tessuti epiteliali concomitanti (es.: mammella e colon).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete: Italia U.S.A. strategia comune

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Washington, Studiare non solo le basi genetiche, ma soprattutto i determinanti geografici e sociali, e in particolare le loro interazioni, all’origine della pandemia del diabete di tipo 2: questi gli obiettivi di un ambizioso progetto di ricerca sviluppato da Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation, in collaborazione con Università di Roma Tor Vergata e Università di Ginevra, che sarà presentato oggi all’Ambasciata italiana di Washington DC, USA, nell’ambito delle manifestazioni celebrative dell’Anno della cultura italiana negli Stati Uniti. “Siamo orgogliosi di avere collaborato all’organizzazione di questo evento, nella convinzione che tale progetto di ricerca potrà contribuire alla prevenzione e alla cura del diabete”, ha sottolineato l’Ambasciatore Claudio Bisogniero. “Nel contesto del 2013: Anno della Cultura Italiana negli USA, iniziative come questa mettono in evidenza – ha aggiunto l’Ambasciatore – l’importante valore aggiunto offerto dall’Italia nei campi della medicina, dell’alta tecnologia, e della scienza”.Oltre 24 milioni di persone con diabete negli USA, 4 milioni in Italia: nei due Paesi risiede il 7,5% di tutte le persone con diabete del mondo – Supera i 370 milioni la conta delle persone con diabete sulla Terra; i sistemi sanitari hanno speso 471 miliardi di dollari per curarlo nel 2012 – Da Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation, Università di Roma Tor Vergata e Università di Ginevra il via a un innovativo progetto di ricerca in geomedicina.“Il progetto di ricerca applica le conoscenze e la pratica della geomedicina, una nuova disciplina che indaga i rapporti e le implicazioni dell’ambiente, in senso lato, con la genesi delle malattie”, spiega Francesco Dotta, Segretario generale della IBDO Foundation e Direttore della UOC di Diabetologia del Policlinico Le Scotte di Siena. “E’ un progetto innovativo, che studierà il fenomeno in un’area pilota, la Regione Basilicata, che con il 6,9 per cento della popolazione colpito da diabete è una delle regioni Italiane in cui più si sta diffondendo la malattia.” “La nostra ricerca vuole appunto approfondirne il perché”, precisa. Dotta aggiunge che l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è particolarmente interessata a questo progetto e sta valutando di applicarne i principi di indagine in altre aree del mondo.Si tratta di uno dei molti esempi di collaborazione internazionale nella ricerca medica che parte dal nostro Paese, ed è proprio di questo che si discuterà nel convegno “Quality of care and quality of cure in diabetes – Scientific, social, economic and policy approach” organizzato dall’Ambasciata d’Italia. “D’altronde, la scuola diabetologica italiana e quella statunitense sono unanimemente riconosciute come particolarmente avanzate – prosegue Dotta – e non è un caso che autorevoli diabetologi ed esperti di politica sanitaria italiani si riuniscano oggi a Washington con gli omologhi colleghi americani per discutere come studiare, ma soprattutto affrontare in spirito di piena collaborazione tra le due sponde dell’Atlantico un problema di sanità pubblica che diventa ogni giorno più drammatico.”Secondo i dati della International Diabetes Federation (IDF), sono 371 milioni le persone con diabete nel mondo, il 5 per cento della popolazione terrestre: di queste oltre 24 milioni risiedono negli USA e 4 in Italia, nel complesso il 7,5 per cento di tutte le persone con diabete nel mondo. Inoltre, nel 2012 il diabete ha assorbito risorse per 471 miliardi di dollari.“Tra le manifestazioni organizzate per celebrare l’Anno della cultura italiana negli USA – dichiara Renato Lauro, Rettore dell’Università di Roma Tor Vergata e Presidente della IBDO Foundation – assume particolare importanza l’evento organizzato dalla nostra Ambasciata a Washington”. “Il tema scelto, infatti, è di particolare rilevanza poiché il diabete costituisce una sfida per i sistemi sanitari a livello mondiale sotto l’aspetto sociale, economico, non solo strettamente sanitario”. “Al convegno oltre agli illustri esperti americani parteciperanno per l’Italia i massimi esperti dell’Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation, il think-tank nato per iniziativa dell’Università Tor Vergata cui hanno aderito centri di ricerca nazionali ed internazionali, società scientifiche e numerose Istituzioni”.(Sandro Lomonaco)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Far East Energy annuncia l’inizio della trivellazione di nove nuovi pozzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

HOUSTON, (GLOBE NEWSWIRE) — Far East Energy Corporation (OTCBB:FEEC) ha annunciato oggi l’avvio delle trivellazioni in altri nove pozzi, a 21 giorni dall’ultimo aggiornamento sul programma di trivellazioni diffuso giovedì 27 giugno; il numero complessivo di pozzi trivellati sale così a 52 nel 2013. Inoltre, con il raggiungimento della profondità massima in altri otto pozzi e l’esecuzione della fratturazione in 15 pozzi, Far East è ormai quasi a metà della sua prima campagna di fratturazioni programmate per il 2013. Al momento nel giacimento sono attivi 29 impianti di trivellazione. Fra i 52 pozzi avviati da FEEC nel 2013 25 sono di produzione, di cui 20 hanno raggiunto la massima profondità; al 17 luglio, 12 su 20 erano stati sottoposti a fratturazione. Oggi è prevista la fratturazione di un altro pozzo. Come annunciato in precedenza, a decorrere dal 10 luglio i prezzi del gas applicati nelle città cinesi sono cresciuti mediamente del 15% in tutto il paese, dopo l’intervento della Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme, il più importante organismo cinese in materia di politiche nel settore. Secondo gli analisti, questo rialzo si tradurrà in un incremento alla fonte intorno al 25%. “Gli aumenti dei costi del gas, che secondo gli analisti potrebbero balzare fino al 25% per i prezzi alla fonte, congiuntamente al possibile triplicarsi dei sussidi destinati alla gassificazione di carbone da 0,2 a 0,6 RMB per metro cubo, una volta attuati potrebbero tradursi in un potenziale aumento dei prezzi di vendita del gas in una forbice compresa tra il 45% e il 50%. Questi sviluppi e i recenti annunci che evidenziano il permanere nel settore di un radicato interesse verso le attività di gassificazione del carbone in Cina hanno posto Far East in una posizione eccellente, mentre proseguiamo il più vasto e strategico programma di trivellazione della storia della nostra azienda”, ha dichiarato Jennifer Whitley, Direttore Finanziario di Far East.
Far East Energy Corporation La Società, con sede a Houston e filiali a Pechino e Taiyuan (Cina), si dedica alla prospezione e allo sviluppo della gassificazione di carbone in Cina.
Le dichiarazioni contenute nel presente comunicato, che esprimono le intenzioni, gli auspici, le stime, le convinzioni, le attese, le aspettative o i pronostici sul futuro di Far East Energy Corporation e dei suoi dirigenti hanno carattere previsionale ai sensi della Sezione 27A del Securities Act del 1933 e successive modifiche, e della Sezione 21E del Securities Exchange Act del 1934 e successive modifiche.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il fatturato dei “maghi”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Maghi, indovini, medium, fattucchieri e chiaroveggenti: niente crisi in 8 casi su 10. Nei primi 6 mesi del 2013 i maghi e fattucchieri hanno aumentato il loro fatturato annuo da 7,5 MLD a 8,3 MLD di euro, + 18,5% rispetto allo stesso periodo del 2012. E’ quanto emerge dalla nuova indagine condotta dal Centro Studi e Ricerche “Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it Magazine dell’Associazione Contribuenti Italiani, diffusa oggi a Roma nel corso del convegno ”Italiani e fattucchieri in tempo di crisi”In Italia, si stima, che operano circa 160 mila maghi erogando 30mila prestazioni giornaliere. 4 cittadini su 10 si fidano di indovini e chiaroveggenti spendendo per una consulenza o previsione un importo variabile tra 50 a 1.000 euro.Tra i creduloni, le donne restano la maggioranza e, in genere, chiedono cons igli sulla vita affettiva e sentimentale e sulla salute, mentre gli uomini si concentrano sul denaro e lavoro.Il 41% dei maghi esercita al Nord, il 26% al Centro, il 19% al Sud ed il 14% nelle isole. La regione con più maghi è la Lombardia seguita dal Lazio, Campania, Sicilia, Piemonte, Puglia, Liguria, Veneto, Friuli V.G. e Puglia.”Non bisogna pensare, però, che questo ambiente sia popolato solo da persone ingenue – dichiara Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Sempre più professionisti della finanza, industriali e top manager di imprese pubbliche si affidano con discrezione ai servizi di maghi e indovini per prevedere quando finirà la crisi”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pavia al primo posto tra i grandi atenei italiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2013

Collegio Borromeo, one of the historical unive...

Collegio Borromeo, one of the historical university residences in Pavia. (Photo credit: Wikipedia)

L’Università di Pavia si conferma saldamente al primo posto, per il terzo anno consecutivo, tra i grandi atenei italiani nella classifica CENSIS–La Repubblica; prima per la didattica nel gruppo chimico-farmaceutico, seconda per odontoiatria e terza per Medicina e Chirurgia. Per la ricerca, Pavia è prima nell’area di Ingegneria civile e architettura.Ottima valutazione per il sito web, quarto in Italia.
Prima posizione anche quest’anno per l’Universitù di Pavia: la grande guida di Repubblica premia Pavia e il suo campus con il podio più alto. Nella classifica CENSIS-La Repubblica, Pavia è prima tra i grandi Atenei (da 20.000 a 40.000 iscritti), davanti al Calabria, Parma, Cagliari e Genova. La valutazione riguarda servizi (85 punti), borse (92 punti), strutture (96 punti), web (106 punti), internazionalizzazione (93 punti), per un punteggio finale medio di 94,1.La guida CENSIS propone quindi le classifiche della didattica e della ricerca.Per la didattica (organizzata in 15 aree disciplinari e non più in facoltà) l’ateneo pavese è valutato davvero molto bene: Censis-Repubblica assegna il primo posto all’area chimico-farmaceutica, il secondo a Odontoiatria e il terzo a Medicina e Chirurgia.Per la ricerca, (suddivisa in 14 aree) Pavia risulta prima nell’area Ingegneria civile e architettura, quarta per Scienze politiche e sociali, quinta per ingegneria industriale e dell’informazione, attestandosi tra la sesta e la settima posizione per buona parte delle alter aree, da economia a matematica a filologia e scienze dell’antichità.Ottima anche la valutazione del sito web dell’Università di Pavia, quarto in Italia, con 106 punti, dopo Roma La Sapienza, Bologna e Politecnico di Torino e a pari merito con Padova.Il podio più alto per l’Università arriva a pochi girni dalla pubblicazione del rapporto ANVUR sulla ricerca, che vede Pavia al quinto posto assoluto per la ricerca in Italia (su 95 atenei), con il primo posto per Matematica e il secondo posto per Psicologia.Questi dati confermano il valore di una laurea conseguita presso un ateneo storico e pluridisciplinare come Pavia, che a buon titolo può definirsi research university, dove si studia e si vive in un campus che, grazie anche ai 16 collegi universitari, sa attrarre talenti da tutt’Italia e molti studenti stranieri.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »