Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 24 luglio 2013

FundedByMe Finland announces crowdfunding rounds aimed at international growth markets

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Helsinki, FundedByMe, Europe’s fastest-growing crowdfunding platform, today confirmed the launch of two Finnish brands using equity crowd investment to finance growth.Based in Finland’s Oulu, Lastu is a brand that designs and manufactures high quality wooden designer accessories and protective covers for electronic devices. The products are designed and manufactured in Finland and the campaign on FundedByMe aims to raise €200,000 in crowd investment. “Our product has been very well received in Finland and the other Nordic countries. We are looking to the FundedByMe crowd for additional funding, allowing us to expand awareness of our products and our business across the rest of Europe”, says the Lastu founder, Sakari Arffman of Droplet Hitech Design Ltd.Business Intelligence solutions – easy and accessible for SMEs Smeebi, another Finnish startup currently crowdfunding on FundedByMe, provides SaaS-based Business Intelligence for small companies and their advisors. The software is sold online and listed as an approved add-on in the UK, USA, Australia and New Zealand with leading accounting software providers. Smeebi offers reporting, analysis and planning for better business decision-making. Smeebi has a financial goal for the Crowdfunding campaign of €300,000. “Business Intelligence, Cloud and SaaS are all recession-beating growth industries, now with Smeebi and FundedByMe even small investors can get involved from the start”, says Smeebi’s CEO Rob Connell. Also still open to investors is Finnish Beibamboo, specialist manufacturer of children’s clothing for use in hospitals. Beibamboo launched their crowd-financing round with FundedByMe on in May 2013 with a goal of collecting €65,000 by Fall 2013. Together with other funding campaigns they have so far raised €26,000. Prominent Beibamboo investors thus far include Alf Rehn and Matti Vanhanen.FundedByMe is the first and biggest crowdfunding platform in Northern Europe and also one of the first platforms for Equity Crowdfunding in the world and the only one in the Nordics. Providing financial services to help businesses obtain financing through the Internet, FundedByMe has a number of success stories. FundedByMe has offices in Stockholm, Copenhagen, Helsinki, Oslo and Madrid and are launching in Berling in September 2013. http://www.fundedbyme.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Is Islam compatible with a secular Europe?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Does the integration of Islam in Europe presuppose a prior ‘religious reformation’ that would make Islam compatible with so-called ‘European values’? And what are these European values? Are they Christian values or secular values? While all European constitutions and treaties stress the commitment towards ‘human rights’, ‘religious freedom’ and ‘democracy’, the status of ‘secularism’ is more complex.In this thought-provoking article, Olivier Roy introduces the concept of the ‘theological predicament’: the perceived connection between ‘Muslim values’ and the religion’s theological core. It’s the compatibility (or not) of these ‘values’ that are often called into question; to be fully integrated into European society, some maintain, Muslims must either have a liberal understanding of their religion to generate values in line with ‘European’ ones, or their theology must be reformed to allow the same.
At the heart of this ‘predicament’ is the mistaken belief that Islam is a single, universal set of values followed by all believers, and that there is no distinction between religion, culture and politics. This creates the impression of a single set of Muslim ‘values’ which are often perceived to be at odds with ‘Christian’, ‘secular’ or ‘European’ values.
But as Roy notes, it is difficult to speak of ‘Christian’ values in an age of declining church attendance, ‘Christian’ values that might not be shared by all Christians, and ‘secular values’ (especially on matters of family or sexuality) that clash with Christian ones. Indeed, the very notion of European ‘secularism’ itself is up for discussion in this article.Roy sees the current debate as not just about Islam, rather it is a continuation of the centuries-old European debate on the role of religion in politics and society. Our current focus on the theological content of Islam and on religious observance is, Roy notes; “a legacy of the European political culture and not of Islamic politics, culture or faith”.So, where does this leave Islam in Europe? Roy explores the different ways that European governments deal with the faith. In his view, current essentialist approaches to Islam challenge the established notion of the separation of church and state, and, paradoxically, the supposedly secular nature of the European state. Intervention, such as training ‘good’ imams, for example, runs against the secular value of religious freedom.In time, though, Roy believes that state interference will ‘format’ the religion, allowing it to adapt to its new environment. The gradual integration of Muslims into European society will also lead to new forms of religiosity and ‘theological updating’; the passing of generations will also see norms and values ‘recast in a European context’. Roy’s article also draws attention to Europe’s own identity crisis, noting that Islam ‘is the mirror through which Europe is looking’ at its own, confused, self. ‘Nostalgia is not a policy,’ Roy concludes hopefully, ‘the issue now is to set out what European values are, and no doubt most of the faithful will be able to share them.’
Taylor & Francis Group partners with researchers, scholarly societies, universities and libraries worldwide to bring knowledge to life. As one of the world’s leading publishers of scholarly journals, books, ebooks and reference works our content spans all areas of Humanities, Social Sciences, Behavioural Sciences, Science, and Technology and Medicine.
From our network of offices in Oxford, New York, Philadelphia, Boca Raton, Boston, Melbourne, Singapore, Beijing, Tokyo, Stockholm, New Delhi and Johannesburg, Taylor & Francis staff provide local expertise and support to our editors, societies and authors and tailored, efficient customer service to our library colleagues.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

New Report Shows how to Boost Benefits from Knowledge Management

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

United Kingdom – According to a new report by University of Greenwich Professor Colin Coulson-Thomas organisations are capturing and sharing the wrong sort of knowledge. Based upon a five-year investigation, the report Transforming Knowledge Management sets out a more affordable route to high performance organisations.“Knowledge management initiatives have been excessively general and overly complex, and they have not delivered hoped for results,” claims Coulson-Thomas. He continues “A more focused and flexible approach is required that can quickly impact upon performance, achieve multiple objectives and provide clear benefits to both people and organisations.”According to Coulson-Thomas, “Many organisations just load material onto a corporate intranet. What is captured and shared is often ‘commodity knowledge’ that is available to others. It does not differentiate or represent a source of competitive advantage.”Coulson-Thomas argues we need to distinguish between ‘knowledge about things’ and ‘knowledge of how best to do things’. He explains: “There are people who know a great deal about the theory of accounting who I would not ask to prepare a set of accounts.”
The new 223 page evidence-based and A4 sized report questions ‘traditional’ approaches to knowledge management and sets out a more affordable route to greater returns on investment and achieving multiple objectives.
The report contains mini-case studies that illustrate a successful response to a generic challenge facing organisations. Each mini-case study briefly presents the problem addressed, what was done, the results achieved and subsequent situation, what made difference and main learning points.Coulson-Thomas captures and shares what high achievers do differently. He believes “We need to step up from information management to knowledge-based performance support that helps key work groups to excel. Personalised help relevant to a particular job, issue or situation should be accessible 24/7 wherever people are, including when on the move.”He continues: “Knowledge management needs to re-focus upon helping key work groups to adopt the superior approaches of high performers. Re-focused it can enable us to create high performance organisations and teams that remain current, competitive and vital.”Many corporate initiatives promise jam tomorrow rather than measurable impact today. Coulson-Thomas believes “We need to shift the emphasis from ‘knowing’ to ‘doing’. Performance support can have a quick and direct impact on performance by focusing on knowledge of how to do things and – in particular – how to excel at difficult jobs.”The new report shows how the benefits of knowledge-based performance support can include higher productivity, bespoke responses, reduced stress and evidenced compliance. The Professor concludes “It may be possible to simultaneously improve quality, cut costs and save time. Crucially we can do all this with existing people, cultures and structures.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nouvel élan pour une stratégie d’action extérieure de l’UE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

À l’occasion de la publication du rapport « Think Global – Act European. Thinking Strategically about the EU’s External Action », Notre Europe – Institut Jacques Delors a organisé une conférence à Bruxelles le 15 mai 2013 pour présenter les recommandations de 16 think tanks européens pour renforcer l’action extérieure de l’UE.Cette Synthèse, par Chiara Rosselli, Assistante de Recherche, Notre Europe -Institut Jacques Delors, reprend les principaux éléments du débat:
1. L’UE dans la concurrence mondiale autour des valeurs ;
2. Rééquilibrer le poids économique et politique de l’UE ;
3. Quelle Europe sans soutien politique ?
Le débat a eu lieu en présence notamment de Pascal Lamy, Directeur général d’ l’OMC, Jean-Yves Le Drian, ministre français de la Défense, David O’Sullivan, Directeur général administratif du Service européen pour l’action extérieure (SEAE) et Elmar Brok, président de la commission Affaires étrangères du Parlement européen.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sviluppo del turismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

AVIAREPS, il leader mondiale nella rappresentanza di destinazioni turistiche e compagnie aeree, consolida la propria posizione nel settore della comunicazione turistica e delle rappresentanze anche in Italia, con l’integrazione ufficiale di Adam Integrated Communications nel Gruppo AVIAREPS. Insieme alla sede AVIAREPS di Milano, la nuova società AVIAREPS Adam Communications, presentata oggi alla conferenza stampa tenutasi a Milano presso Palazzo Giureconsulti, fornirà il proprio know-how e nuove prospettive per lo sviluppo del turismo nazionale e internazionale a città, regioni, paesi e attori dell’industria dell’ospitalità, con l’obiettivo di incrementare il numero di visitatori sia verso l’Italia che verso i mercati esteri. Inoltre, il consolidamento delle suddette competenze nell’ambito della comunicazione in un unico gruppo consentirà alle organizzazioni estere desiderose di promuoversi direttamente verso l’industria del turismo italiano e i suoi consumatori, un migliore accesso al mercato domestico e ai vantaggi del network.
Michael Gaebler, Chairman & CEO AVIAREPS Group ha dichiarato: “la nostra decisione di incrementare ulteriormente il nostro investimento e il nostro impegno nell’industria italiana del turismo con la creazione di AVIAREPS Adam Communications riflette le nostre aspettative e la nostra grande fiducia nello sviluppo futuro dei flussi turistici da e verso l’estero. Attraverso questa integrazione abbiamo incrementato il numero di professionisti e le competenze interne alla nostra organizzazione. In questo modo possiamo offrire benefici concreti e ulteriore valore aggiunto a enti turistici italiani, compagnie aeree, ferroviarie e marittime, porti e aeroporti, associazioni di promozione territoriale e distretti produttivi, marchi della distribuzione, hotel e resort, i quali potranno così accedere facilmente a un network globale integrato e multilingue, che parla il linguaggio del settore e ne comprende a fondo le esigenze, aspirazioni e sfide. Allo stesso modo, la nostra rete internazionale di clienti da oggi avrà a disposizione una squadra multitasking che faciliterà il networking con operatori turistici qualificati, media e consumatori italiani. La realizzazione di questa operazione è la conferma della nostra mission aziendale: “Bringing the world to people, and people to the world”.
AVIAREPS, che ha sede in Italia dal 1999, attualmente vanta un network internazionale di 46 uffici in 39 Paesi, distribuiti in tutti i continenti. La creazione di AVIAREPS Adam Communications offrirà alle realtà italiane un più ampio accesso ai mercati internazionali con supporto in loco grazie al network globale AVIAREPS, vocato all’espansione e sviluppo del turismo e del commercio.
Vittoria Chiappero, fondatore e CEO di Adam Integrated Communications ha affermato: “L’intesa con il Gruppo AVIAREPS rappresenta per Adam un importante giro di boa, proiettando il suo team nell’era 3.0. L’obiettivo di AVIAREPS Adam Communications è quello di crescere ulteriormente incrementando i servizi messi a disposizione dei clienti, sviluppando nuovi modelli di business e investendo nella ricerca di nuove soluzioni innovative. Vogliamo dare accesso ai nostri partner a un network internazionale, fornendo alle compagnie che operano nel settore turistico in Italia un range di opportunità più ampio che mai”. Vittoria Chiappero è stata nominata Business Development Director della società di nuova creazione AVIAREPS Adam Communications.AVIAREPS Adam Communications opererà di concerto con il Management AVIAREPS di Milano, che continuerà a svolgere le funzioni di unica sede italiana del Gruppo. Giulio Santoro mantiene il suo ruolo di General Manager AVIAREPS Italy e in aggiunta viene nominato Managing Director di AVIAREPS Adam Communications. Matteo Prato viene nominato Tourism Director della stessa società.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trapianti di tessuto muscolo-scheletrico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Possono evitare l’amputazione di un arto e migliorare la qualità di vita di pazienti vittime di incidenti invalidanti. Sono i trapianti di tessuto muscolo-scheletrico, tecnica chirurgica a cui si ricorre nei casi di importanti perdite ossee conseguenti a tumori o a fratture complesse, nelle ricostruzioni legamentose multiple degli sportivi infortunati e come sostituto osseo nelle revisioni di protesi d’anca e ginocchio. Pur non trattandosi di “trapianti salvavita”, consentono di curare alcune gravi patologie ossee, che diversamente avrebbero un decorso peggiore; sono da ritenersi, pertanto, interventi “migliorativi”. Attualmente stanno facendo registrare un numero di richieste in costante aumento, passando in Lombardia da una media di 500 operazioni annue, alle 1.800 effettuate nel solo anno 2012. In 450 casi c.a., corrispondente al 26% degli interventi totali, è stato utilizzato tessuto muscolo-tendineo (tendini e menischi); l’osso nelle sue varie forme è stato invece richiesto nel 77% dei casi.Rispondono a queste richieste le Banche Regionali per la Conservazione del Tessuto muscolo-scheletrico. In Italia sono sei le strutture certificate a cui è possibile rivolgersi per ricevere tendini, tessuti e ossa; si trovano a Milano, Torino, Bologna, Firenze, Treviso e Roma. La Banca di Milano ha iniziato la sua attività nel 2003, mentre la prima nata in Italia, ubicata presso gli Istituti Rizzoli di Bologna, risale al 1962. “Dalla loro introduzione, la possibilità di usufruire di preziosi ‘ricambi’ ha permesso di ampliare molto le indicazioni terapeutiche per i pazienti”, spiega Clara Terzaghi, responsabile medico all’interno della Banca regionale del tessuto muscolo-scheletrico della Lombardia diretta dalla Dott.ssa Farè, e specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Unità Operativa di Chirurgia Articolare Mininvasiva (CAM) dell’Istituto Ortopedico G. Pini. “Prima, per alcuni tipi di patologie non vi era alcuna possibilità di trattamento. Il tessuto sintetico rappresentava una possibile alternativa che tuttavia non garantiva e non garantisce al paziente lo stesso risultato”.Nonostante i trapianti di tessuto muscolo-scheletrico abbiano un impatto minore sui media e sull’immaginario collettivo rispetto a quelli di organi, costituiscono un settore della medicina in rapida espansione e che offre notevoli possibilità terapeutiche. “Diversamente da quanto avviene per gli organi, il trapianto di tessuti non contempla alcun rischio di rigetto, poiché non è necessario che vi sia compatibilità tra donatore e ricevente. La maggior parte della popolazione non conosce la nostra Banca e non sa che è possibile “donare” l’osso e i tendini. Se noi avessimo una maggiore disponibilità di questi tessuti, potremmo soddisfare meglio le crescenti richieste dei pazienti e garantire alla popolazione lombarda molti più interventi di ricostruzione. In un futuro prossimo, potremmo ipotizzare interventi di ricostruzione sempre più complessi con il solo tessuto omologo”, evidenzia Terzaghi.Ma come avviene esattamente il reperimento dei tessuti conservati presso le Banche? Vengono prelevati da donatori viventi o deceduti e possono essere elementi ossei (es. testa di femore) o muscolo-scheletrici (cartilagini, menischi, tendini). I criteri di inclusione, piuttosto restrittivi, sono i medesimi per entrambi i tipi di donatori. “Al momento dell’arruolamento – sottolinea Terzaghi – viene effettuata un’approfondita anamnesi che prevede l’esclusione di tutti i donatori con patologie gravi accertate, stati settici di natura batterica o virale, sieropositività, tumori maligni, pregressi interventi di trapianto di organi e/o tessuti, trattamenti immunosoppressivi e/o chemioterapici, malattie da prioni”. Nel caso del donatore deceduto è importante che la causa di morte non sia sconosciuta e che venga effettuata l’autopsia. L’équipe di medici che effettua il prelievo e il trapianto è diversa da quella che esegue l’accertamento di morte, un provvedimento introdotto per legge, con il fine di evitare che vi possa essere qualsiasi tipo di conflitto d’interesse. Il consenso rappresenta un elemento importante; nel caso del donatore vivente, viene compilato e firmato direttamente dal paziente; nel caso di donatore deceduto, viene accordato e firmato dai familiari.“Tutti i pazienti sottoposti a protesi d’anca (PTA) sono potenziali donatori”, aggiunge Clara Terzaghi, da tempo specializzata nel recupero di teste di femore da donatori viventi – anche e soprattutto per i pazienti che opera all’interno dell’Unità CAM – e nel valutare e validare tessuti provenienti da tutti gli altri nosocomi presenti sul territorio lombardo. “È importante che rispondano ai criteri di inclusione e che non risultino positivi a un questionario sul rischio infettivologico concernente l’attività sessuale e le abitudini di vita. In linea teorica non c’è un limite legato all’età del donatore, ma è implicito che dopo gli 80 anni di età, soprattutto per le donne, subentra un problema di tipo osteoporotico, che potrebbe compromettere la buona qualità del tessuto. La testa del femore ‘donata’ viene stoccata e conservata nelle celle frigorifere della banca del tessuto a -80° C per un tempo massimo di 5 anni”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dieci anni di conflitto nel Darfur

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

KHARTOUM – Le nuove violenze in Sudan, nella regione occidentale del Darfur, registrate negli ultimi mesi, hanno spinto oltre 250.000 persone ad abbandonare i propri villaggi ed averi, ha dichiarato oggi il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP).Il conflitto decennale ha recentemente subito un’accelerazione, a causa di conflitti interni tribali per l’accaparramento di terre coltivabili e risorse, creando la più grande ondata di popolazione sfollata negli ultimi anni e mettendo a dura prova la capacità del WFP di raggiungere le famiglie vulnerabili.“Siamo molto preoccupati per come si sta evolvendo la situazione che minaccia la fragile sicurezza alimentare in questa regione”, ha affermato il Direttore del WFP in Sudan, Adnan Khan. “Questa è la stagione in cui le persone dovrebbero dedicarsi a seminare o a lavorare nelle fattorie , invece fuggono dai loro villaggi ed un numero significativo di essi è addirittura dovuto fuggire nei campi rifugiati del vicino Ciad”.
La natura del conflitto si è evoluta ed è diventata più complessa, a causa del coinvolgimento di un numero maggiore di gruppi in quasi tutte le aree del Darfur. In aggiunta ai 250.000 sfollati all’interno del Sudan, secondo l’UNHCR circa 30.000 sudanesi hanno attraversato il confine con il Ciad negli ultimi mesi. Fino ad ora circa 16.000 persone si sono stabilite nel paese vicino e stanno ricevendo assistenza nel nuovo campo profughi di Abgadam nella zona di Tissi, in aggiunta ai 300.000 rifugiati del Darfur che sono in Ciad da diversi anni.
Nelle altre aree del paese, nelle regioni colpite dai conflitti del Blue Nile e del Sud Kordofan, confinanti con la Repubblica del Sud Sudan, vi sono stati oltre 100.000 sfollati a causa di una ripresa delle violenze. Il WFP sta rispondendo a questa situazione, fornendo assistenza alimentare nelle aree a cui ha accesso.In Sudan, la maggior parte delle operazioni del WFP si svolgono in Darfur, dove l’agenzia per l’assistenza alimentare delle Nazioni Unite, all’inizio dell’anno, aveva previsto di raggiungere 2,7 milioni di persone, inclusi 1,4 milioni di persone che vivono nei campi. A causa dei recenti movimenti di popolazione, il numero totale delle persone che riceveranno assistenza nel Darfur salirà a oltre 2,9 milioni di persone.“Questo conflitto sta andando avanti da un decennio e l’escalation a cui abbiamo assistito in questa prima metà dell’anno ha creato non solo maggiori necessità ma ha anche reso più difficile il nostro compito di assistere tutti coloro che ne hanno bisogno a causa dell’insicurezza. Il prolungarsi di questa situazione potrebbe mettere a rischio i nostri programmi per garantire la sicurezza alimentare nel lungo periodo e costruire la resilienza delle comunità” ha dichiarato Khan.Il WFP ha raccolto, finora, solo 180 milioni di dollari del suo bilancio operativo, che è pari a 397 milioni di dollari, necessari a sfamare 3,9 milioni di persone colpite dal conflitto in Sudan. Nonostante un buon raccolto nel 2012, la sicurezza alimentare rimane fragile ed è minacciata da una combinazione di fattori quali il conflitto, l’insicurezza e alti prezzi degli alimenti.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oltre sei milioni gli italiani afflitti da alterazioni tiroidee

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

In estate, con il caldo e l’afa, aumentano i disagi e le sofferenze di chi è afflitto da disturbi endocrini come le disfunzioni della tiroide. Sono oltre sei milioni gli italiani colpiti da queste malattie. Chi soffre d’ipotiroidismo (disfunzione in cui la tiroide “lavora” male e produce pochi ormoni) può, durante la stagione calda, trovare sollievo presso una località balneare. Al contrario, per chi è afflitto da ipertiroidismo, e quindi ha una ghiandola che genera troppi ormoni tiroidei, è preferibile una vacanza in montagna. “Per un malato di ipotiroidismo il mare può essere un ottimo e prezioso alleato della salute – afferma la dottoressa Silvia Misiti, Direttore della Fondazione IBSA per la Ricerca Scientifica -. Sulle coste l’aria è solitamente meno inquinata e, anche grazie al così detto “aerosol marino”, contiene maggiori quantità di iodio. I raggi solari, il vento, la temperatura e l’umidità delle località balneari sono tutti elementi climatici che portano ottimi benefici a chi ha una tiroide che funziona troppo poco. Chi invece è affetto da ipertiroidismo è preferibile che trascorra una vacanza dove il clima è più mite e la presenza di iodio nell’aria minore. Per questo l’ideale è una località montana di quota modesta”. L’Italia è uno dei Paesi più colpiti al mondo da disfunzioni tiroidee. Le zone più esposte sono il Lazio (soprattutto Frosinone e Latina), la Lombardia (con picchi nelle valli bergamasche) e il Piemonte, tutte località distanti dal mare e con un’atmosfera povera di iodio. “Un altro fattore di prevenzione e cura dell’ipotiroidismo è rappresentato dalla dieta che si può seguire in una località balneare – prosegue la dottoressa Misiti -. L’organismo per poter funzionare bene ha bisogno di circa 150-200 microgrammi di iodio al giorno, pari alla quantità che eliminiamo quotidianamente con le urine. L’apporto principale avviene attraverso l’assunzione di acqua, elementi addizionati con iodio (sale), e una dieta ricca cibi che lo contengono come frutti di mare, crostacei, alghe e pesce (preferibilmente quello azzurro). Anche la frutta e la verdura coltivate nelle zone costiere, presentano maggiori quantità di questo prezioso minerale rispetto a quelle provenienti dall’entroterra. Infine, per un buon funzionamento della ghiandola tiroidea, non bisogna dimenticare l’importanza dell’attività fisica anche durante le vacanze – afferma la Misiti -. Basta fare una passeggiata o una corsetta di 20-30 minuti sulla spiaggia tutti i giorni per restare in forma e respirare un po’ di aria buona e ricca di iodio”. Le patologie della tiroide presentano una maggiore incidenza tra la popolazione femminile. Possono avere ricadute sulla salute riproduttiva e causare infertilità, fallimento della fecondazione in vitro, o creare problemi durante la gravidanza. Nel corso della vita una donna ha il 20% di possibilità di sviluppare una di queste malattie. Tutti questi gravi disturbi sono sottovalutati dalla popolazione, nonostante siano in forte crescita in tutto il pianeta. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), infatti, oltre un miliardo di persone ne è colpito e un neonato ogni 3 mila viene al mondo con una malattia tiroidea. Per sensibilizzare i cittadini, incrementare le conoscenze di medici e potenziare la ricerca è nata, nel dicembre del 2012, la Fondazione IBSA per la Ricerca Scientifica. Questo ente senza scopo di lucro s’interessa anche di altre aree terapeutiche come dermatologia, reumatologia, terapia del dolore e infertilità femminile. “Abbiamo deciso, nei primi mesi di attività della nostra Fondazione, di focalizzare il nostro impegno sulle patologie della tiroide – sottolinea la dottoressa Misiti -. A maggio a Stresa abbiamo organizzato un Forum sull’ipotiroidismo subclinico. Il meeting ha avuto un grande successo ed ha visto la partecipazione di numerosi medici e l’importante presenza del Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) prof. Sergio Pecorelli. A fine settembre terremo a Gubbio un secondo incontro con esperti internazionali interamente dedicato all’ormone tiroideo T3, il cui utilizzo terapeutico è ancora molto discusso. La Fondazione IBSA vuole far diventare questi Forum importanti appuntamenti annuali internazionali, riconosciuti dagli specialisti e dalle Istituzioni come momento imprescindibile di formazione e aggiornamento, anche dal punto di vista della farmaco economia”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forte crescita del cloud computing nella sanità europea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Come molti altri settori, anche il competitivo e dinamico settore della sanità guarda al cloud computing come mezzo per migliorare la qualità dei servizi, riducendo allo stesso tempo i costi. Il mercato maturo dei servizi informativi per la sanità, in particolare, ha bisogno di soluzioni in grado di far crescere le entrate. Attualmente si stanno snellendo e rendendo più accurati i flussi di lavoro, grazie a soluzioni come sistemi di archiviazione e trasmissione di immagini (PACS), sistemi informativi radiologici (RIS), sistemi informativi per la sanità (HIS) e sistemi informativi clinici (CIS). Tuttavia, il mercato ha bisogno di soluzioni che integrino queste tecnologie, rendendo disponibili tutti i dati rilevanti del paziente ed i dati di imaging in un unico centro, rendendoli allo stesso tempo accessibili da altre strutture. Una simile condivisione dei dati a livello aziendale può aiutare i fornitori di servizi sanitari ad aumentare l’efficienza e la spesa nominale. Il cloud computing si sta espandendo rapidamente e sta diventando un elemento chiave per le soluzioni a livello aziendale. Implementare le tecnologie di cloud in modo adeguato può aiutare i fornitori di servizi sanitari ad aumentare la qualità dei servizi medici e l’efficienza operativa, condividere informazioni tra diverse sedi geografiche e gestire le spese. Il concetto può essere applicato in vari modi, quali l’archiviazione dei dati e prevenzione della perdita di dati, il mantenimento dei dati dei pazienti e la condivisione autorizzata delle informazioni. Ad esempio, le informazioni memorizzate relativamente a un paziente potrebbero dover essere condivise al di fuori dell’ospedale durante un’emergenza, in cui il tempo è un fattore cruciale. Ciò può essere fatto in modo rapido ed efficiente dando la possibilità di accedere, previa autorizzazione, a queste informazioni nel cloud.
Con il mercato dei sistemi PACS già maturo in tutta Europa, i fornitori di servizi sanitari hanno bisogno di sistemi di archiviazione aggiuntivi per effettuare il backup dei propri dati, il che può rendere il processo di archiviazione dati una questione costosa, andando a toccare il budget operativo. “Utilizzando il cloud computing, la spesa per l’hardware e per lo spazio di archiviazione potrebbe essere ridotta, poiché l’archiviazione dati su cloud (o cloud storage) può costare quasi 10 volte meno dei sistemi di archiviazione dati tradizionali, – osserva Raghuraman Madanagopal, analista di Frost & Sullivan. – Inoltre, l’implementazione di sistemi di cloud storage potrebbe causare un riaggiustamento della cifra spesa per formare le risorse affinché possano gestire i sistemi di archiviazione dati”. Anche il rischio di perdere i dati rappresenta una grande preoccupazione per la maggior parte dei fornitori di servizi sanitari, poiché ha un impatto cruciale sull’efficienza operativa degli ospedali. Il cloud computing fornisce grande sicurezza nel ridurre il rischio di perdita di dati, aggiornandosi regolarmente e migliorando gli standard di protezione. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcun tempo di disservizio e l’accesso in tempo reale non ne è influenzato, assicurando così l’accessibilità 24/7 indispensabile per i fornitori di servizi sanitari. L’implementazione del cloud computing, tuttavia, è ancora in fase iniziale e permangono alcuni fattori limitanti come le preoccupazioni sulla sicurezza e sulla conformità, la carenza di personale qualificato per migrare i dati dai supporti hardware al cloud e la scarsa diffusione della banda larga o le basse velocità di connessione in molte parti d’Europa. Ciononostante, il cloud computing ed i suoi servizi forniscono agli ospedali in tutta Europa delle opzioni eccellenti per migliorare la qualità dei trattamenti e ciò incoraggerà l’implementazione su larga scala negli anni a venire. “I fornitori di servizi cloud sono costantemente attivi nell’innovare se stessi e nel migliorare i propri standard di sicurezza per adeguarsi alle diverse normative e garantire un elevato livello di sicurezza, – afferma Madanagopal. – I vantaggi del cloud computing in termini di spazio di archiviazione dati ed efficienza, prevenzione della perdita di dati e maggiore facilità di condivisione sincronizzata e autorizzata possono, col tempo, cambiare le dinamiche del settore dei servizi informativi per la sanità in Europa”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Nasce il primo portale medico-sanitario italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Nasce il primo sito in Italia per le consulenze medico-sanitarie online, una modalità già molto diffusa negli Stati Uniti che va oltre il semplice consiglio. Webmedicine.it è il primo portale dedicato al tema della salute dove è possibile avere un consulto diretto con uno specialista, mostrare gli esami ed ottenere una consulenza specifica. «Si ha un rapporto diretto con il medico o lo specialista», premette Stefano Davanzo, ideatore del portale Webmedicine. «In internet c’è molta offerta di canali tematici dedicati ai temi della salute. Manca però la possibilità di incontrare in modo diretto – in video conferenza – e riservato uno specialista che possa darci delle indicazioni su specifici temi».Ormai sul web il tema della salute occupa uno spazio molto importante: secondo un’indagine del Forum per la ricerca biomedica del Censis presentata alla fine dell’anno scorso, un italiano su tre utilizza internet per ottenere informazioni sulla salute. Di questi, il 90,4% effettua ricerche su specifiche patologie, il 58,6% cerca medici e strutture cui rivolgersi, il 15,4% prenota visite ed esami attraverso la rete. «Davanti a questa sete di informazioni, il contatto diretto con il medico conserva un’importanza nodale», prosegue Davanzo. «Internet risponde alla crescente esigenza di poter avere più servizi fruibili direttamente da casa propria, nel rispetto dei propri tempi: Webmedicine.it garantisce la tutela della privacy e mette a disposizione personale estremamente qualificato».
Gli specialisti sono accuratamente selezionati e devono rispettare il codice etico che il portale si è dato. «Agli specialisti chiediamo non solo di presentare il proprio curriculum in chiaro, in modo da poter dimostrare la propria esperienza, ma anche di sottoporsi ad un feedback di valutazione al termine di ogni consulenza, così da avere degli elementi di valutazione della prestazione erogata», spiega Filippo Ubaldi, ginecologo, presidente del comitato scientifico di Webmedicine. «Puntiamo ad offrire l’eccellenza in campo medico-sanitario su temi che sono di grande interesse, ma talvolta di anche di grande complessità». Il portale, infatti, al momento offre otto canali tematici che spaziano dalla genetica all’andrologia, dalla psicologia alla patologia clinica, ostetricia, nutrizione, gastroenterologia e consulenza sulle potenzialità delle cellule staminali. Per fine anno il numero delle specialità presenti su Webmedicine sarà triplicato, potenziando al tempo stesso lo staff medico-sanitario. È possibile ottenere consulenze in merito a specifici esami o patologie diagnosticate – incluse le malattie genetiche o rare -, ma anche, per esempio, consigli sull’allattamento e la gestione del neonato, come gestire l’ansia e le patologie comportamentali, o ancora conoscere quali innovative terapie cellulari sono disponibili e come potervi accedere. «Il paziente può presentare gli esami fatti e sottoporli allo specialista – precisa Ubaldi – nell’ottica finale di instaurare un rapporto costruttivo e trasparente nel solo interesse del paziente, rispettando in modo assoluto la sua privacy».
Per richiedere una consulenza è sufficiente registrarsi sul portale, indicare l’area di interesse e lo specialista, infine scegliere data e orario dell’appuntamento. «Sulla base della disponibilità dello specialista, siamo in grado fissare un primo appuntamento in giornata, grazie a una fascia oraria decisamente ampia, che spazia dalle 7 alle 23.30», conclude Davanzo. «Il contatto avviene su una piattaforma riservata, gestita secondo stringenti criteri di rispetto della privacy, dove il paziente incontra lo specialista nella tranquillità della sua abitazione e, mediante una videoconferenza, spiega la propria problematica e riceve la consulenza adeguata».
Webmedicine.it – è il primo portale italiano dedicato alla consulente medico-scientifica online. È stato costituito da persone provenienti da diversi background, con una lunga esperienza nel settore medico-sanitario e unite dall’idea di sviluppare idee innovative e tese a migliorare l’offerta sanitaria. Webmedicine.it è una piattaforma attraverso la quale è possibile ottenere consulenze di indirizzamento in varie specialità come genetica, andrologia, psicologia, cellule staminali, patologia clinica, ostetricia, nutrizione e gastroenterologia. http://www.webmedicine.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sistema immunitario va in tilt?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2013

Quando le cellule lanciano gli allarmi sbagliati il sistema immunitario vain tilt. Nasce così anche la sclerosi multipla? Porta la firma deiricercatori della Fondazione Santa Lucia (Mario Picozza, Luca Battistini, eGiovanna Borsellino) un nuovo studio, pubblicato nell’ultimo numero dellaprestigiosa rivista internazionale Blood, grazie al quale è adessopossibile identificare con precisione le cellule del sangue (cellule “dendritiche”) che allertano e attivano le difese immunitarie. In alcuni individui, queste lanciano segnali di allarme sproporzionati, determinando l’eccessiva (e inutile) attivazione delle cellule del sistema immunitario che quindi aggrediscono organi e tessuti propri. Nella Sclerosi Multipla, una malattia neurologica disabilitante che colpisce soprattutto giovani adulti, succede proprio così, anche se non è chiaro cosa dia il via all’attacco autoimmune. Il merito della ricerca sta nell’aver messo a punto una metodica non invasiva che consente, a partire da piccolissime quantità di sangue, di seguire passo passo le cellule dendritiche e di coglierle in flagranza di reato, nel momento cioè in cui liberano in circolo le sostanze infiammatorie che attivano il sistema immunitario. In questo studio è stata utilizzata la “citofluorimetria policromatica”, che attraverso la misurazione di molecole fluorescenti permette di studiare le cellule del sangue nel dettaglio. Avvalendosi di strumentazioni all’avanguardia i ricercatori del Santa Lucia sono riusciti nel tentativo di trovare “l’ago nel pagliaio”, e la cassetta degli attrezzi nelle mani del ricercatore si arricchisce quindi di uno strumento in più.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »