Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 27 luglio 2013

Ethical Issues in Patient Safety Research

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

A new WHO publication, “Ethical Issues in Patient Safety Research”, recently published, reflects on the specific ethical questions that can arise in the conduct of patient safety research and improvement activities, and aims to provide clear guidance on how to interpret internationally accepted ethical principles in such contexts. The publication also includes patient safety and quality improvement activities, not always considered research, but which sometimes contain some ethical risks to patients or providers.In response to requests from research ethics committees (REC), patient safety researchers and interested professionals, this publication provides thirteen specific guidance points about the specific nature of ethical risks associated with patient safety activities and ways to minimize these. It also looks at the criteria for identifying minimal risks, breaches of confidentiality and offers suggestions for protecting it, together with privacy and anonymity. It also identifies other ethical situations where patients or providers may be affected by research and patient safety activities, providing guidance on the obligations that researchers have towards patients and research participants in such scenarios.While patient safety research and related improvement activities share features with many other types of research, questions are frequently raised about the type and extent of ethical oversight that may be warranted, in a context where members of research ethical committees are not always comfortable issuing advice, or where researchers and quality or safety practitioners are not always fully aware of how to minimize the risks associated with their activity, to best protect their recipients. This publication is a first attempt to provide some clear guidance in this area.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Giornata Mondiale della Gioventù

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Dal 23 al 28 luglio a Rio de Janeiro, uno sguardo sul contributo del Movimento dei Focolari. Giovani dei Focolari. I giovani dei Focolari partecipano alla GMG di Rio inseriti nei gruppi regionali o nazionali organizzati dalle chiese locali. Alcuni collaborano direttamente con l’organizzazione dell’evento, inseriti nello staff. Altri sono tra i 60 mila volontari al servizio dei partecipanti. Animano anche diverse catechesi.
Alla Fiera delle Vocazioni tengono uno stand. Lì, durante i giorni della GMG e insieme a decine di altre associazioni, promuovono uno spazio di incontro e di approfondimento delle varie realtà ecclesiali. Sarà presentata in modo particolare la vita della giovane Chiara Luce Badano, proclamata beata nel 2010 e una delle figure di riferimento di questa GMG; ma anche il United World Project, l’Istituto Universitario Sophia, la Escola Civitas promossa dai giovani impegnati in politica, e il Movimento dei Focolari in generale.
Chiara Luce Badano. Un gruppo prepara da più di un anno uno spettacolo sulla vita di Chiara Luce, dal titolo “A santidade veste jeans”. Presenti i genitori Maria Teresa e Ruggero Badano, lo spettacolo sarà proposto ai partecipanti il giorno 24, in tre sessioni alle 15.00, alle 18.00 e alle 20.30, nel “Teatro Carlos Gomes” (stazione metrò Caricoca). Il libro “25 minutos: a vida de Chiara Luce Badano” di Franz Coriasco, un suo amico agnostico, sarà distribuito in 500 mila copie.
Gen Rosso. In tournée da oltre un mese in Brasile, il gruppo musicale Gen Rosso terrà il giorno 24 alle ore 20.00, nel Centro di Convegni “Rio Centro”, lo spettacolo “Dimensione indelebile”. Il Gen Rosso è inserito anche nel gruppo di oltre 50 artisti che animeranno il programma del giorno 27, quando i giovani si riuniranno a Guaratiba per la veglia col Papa. Questa volta presenteranno un pezzo di “Streetlight”, al quale collaborano dal vivo 200 giovani di varie associazioni attive nella cura da dipendenze.
Dialogo interreligioso. Nel contesto della GMG è stato pianificato un incontro interreligioso per 200 delegati di tutto il Brasile, con la finalità di far conoscere iniziative di dialogo in atto e dibattere su azioni concrete. Ha avuto luogo la mattina del giorno 21, alla Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro. I Focolari hanno partecipato nella preparazione e sono stati presenti con alcuni delegati. L’idea dell’incontro è nata dal gruppo di giovani cristiani, ebrei e musulmani che si riunisce mensilmente a Rio.
Sempre in ambito interreligioso, i giovani del Religions for Peace Global Youth Network promuovono il giorno 24 una tavola rotonda sul tema “Andate e costruite la pace in tutte le nazioni”. Avrà luogo a “Irmandade do Espírito Santo de Estácio de Sá”, alle ore 18.00

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenlight poll shows Facebook users would be willing to pay $10+ to see no ads at all

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

London, Facebook is due to report its Q2 results today and no doubt eyes will be fixed on how revenues earned from advertising – mobile in particular, have fared. In the lead up to this, Twitter’s Biz Stone has suggested Facebook could earn at least $12bn per year by offering users the option of signing up for an ads-free experience at a cost of $10 per month, i.e. Facebook could potentially earn three times more revenues from such a service than it reaped from advertising last year ($4.3bn). Stone based this on a minimum of 10% of Facebook’s 1.1bn user base ‘buying in’ to the option.But would users really be willing to pay for this and if so, how much would they consider to be reasonable? Speculating on exactly this at the turn of the year, leading London-based independent digital marketing agency, Greenlight, polled 500 people globally to gauge just how much they would be prepared to pay not to see ads when using Facebook.The data from Greenlight’s “Search & Social Survey (2012-2013)”*, showed 15% of users would be prepared to pay Facebook to see no ads with the majority, 8%, indicating they would be willing to spend $5 right up to $10 and even over, per month.In March, Facebook unveiled the redesign of its News Feed. Andreas Pouros, COO at Greenlight, noted then that Facebook had taken the success of advertising in peoples’ newsfeeds on mobile and based its News Feed redesign on mirroring that format (or close to it) on all devices, which, in his view would help to boost revenues, results of which will be revealed, when Facebook reports its quarterly earnings later today.
Pouros also commented then that:- Whilst the move was shrewd, in that the redesigned News Feed mirrored that on mobile where it has proved successful from an advertising perspective, the conflict between user experience and driving more ad dollars loomed large. It did with AltaVista historically, who were then unseated in the search engine wars with a new upstart (Google), with a cleaner interface and better user experience -Facebook may need to pace itself a little less aggressively when it comes to cashing in on its advertising sweet spot. Alongside showing that 15% of users would pay Facebook to see no ads at all, Greenlight’s survey also showed that close to 70% say they ‘never’ or ‘rarely’ click on advertisements or sponsored listings in Facebook, indicative that consumer apathy is very real.Pouros also noted that the challenge faced by Facebook is ‘reinventing’ advertising so people don’t feel they are being bombarded by ads. With the very recent addition of a video service to its photo-sharing app Instagram, video ads could perhaps be the next step, and some are in fact already betting on it.All in all, early reports out today indicate analysts are optimistic about Facebook’s results. JP Morgan expects Facebook’s advertising revenue to rise 40% on the previous quarter to reach $1.39bn, with mobile accounting for a third ($446mn) of it, whilst those derived from desktop advertising are projected to fall 4% on the previous year as ad dollars continue to shift to mobile devices. Others have been cautionary, Cantor Fitzgerald for example, pointing to a weaker ad market in Europe, which it says could hurt Facebook’s international revenue.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prova bikini e incontinenza

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

“In presenza di un problema di aumentata frequenza nel fare pipì a volte può essere opportuno porre anche una particolare attenzione all’alimentazione – spiega la dottoressa Antonella Biroli, Fisiatra dell’Ospedale S. Giovanni Bosco di Torino – poiché ci sono cibi che, se consumati in eccesso, possono essere diuretici, mentre altri possono avere effetti irritativi sulla vescica. Il the, il caffè, l’alcool, alcuni succhi di frutta – come quello di pompelmo – possono avere un effetto diuretico e i cibi piccanti, le bevande gassate, gli alimenti acidi – come pomodori e agrumi – per alcune persone rappresentano fattori irritanti per le vie urinarie e quindi possono aumentare il senso di urgenza minzionale”.Per quanto riguarda invece l’assunzione di liquidi, se da una parte è vero che bere regolarmente può aiutare a regolarizzare l’intestino e limitare l’insorgenza di cistiti acute o calcoli urinari, dall’altra parte nella maggior parte dei casi non è necessario imporsi di superare un litro e mezzo di acqua al giorno in presenza di una dieta ricca di frutta e verdura. “Al contrario, le persone affette da urgenza minzionale, come nel caso di vescica iperattiva, possono avere effetti negativi da un eccessivo apporto di liqudi e aumentare la frequenza urinaria e l’urgenza. Quando si verifica un aumento di produzione di urina durante la notte (poliuria notturna), è opportuno bere meno nelle ore serali, naturalmente tenendo conto delle necessità del nostro corpo nei periodi più caldi, legate alla sudorazione”, consiglia Biroli.
Naturalmente è importante tenere conto anche degli effetti dell’alimentazione sul peso. Antonella Biroli aggiunge: “L’obesità è un fattore negativo sia per l’incontinenza sia per il prolasso genitale, in quanto il peso influisce sul sostegno degli organi pelvici (statica pelvica) e favorisce l’aumento della pressione endoaddominale con effetti negativi anche sulla continenza urinaria. Molti studi hanno dimostrato come una perdita di peso del 5-10% favorisca un miglioramento dell’incontinenza”.Anche una regolare funzione intestinale può condizionare il comportamento della vescica per diversi aspetti. Ogni donna dovrebbe privilegiare una dieta ricca di fibre(frutta, verdura), che con il giusto apporto di liquidi aiuta a mantenere un transito intestinale regolare.In riva al mare meglio evitare di fumare, anche se questo fattore non rappresenta una causa diretta di incontinenza. “La tosse persistente provocata dal fumo stesso è un elemento negativo per la continenza: l’aumento di pressione che la tosse determina all’interno dell’addome favorisce, infatti, le fughe urinarie da sforzo”,commenta la fisiatra. E aggiunge: “Per ‘mantenersi in forma’ in vista dell’estate molte donne frequentano palestre o fanno esercizi domiciliari. Dovrebbero però evitare esercizi che comportino una contrazione dei muscoli addominali non controbilanciata da una simultanea contrazione dei muscoli del pavimento pelvico. In genere quest’ultima non viene appresa ed esercitata volontariamente, quindi la sola attivazione dei muscoli addominali comporta un contemporaneo sovraccarico dei muscoli pelvici. Al contrario, è utile praticare un’attività fisica regolare di intensit&agrav e; lieve/moderata, come ad esempio camminare. Il nuoto o la ginnastica in acqua sono benefici, soprattutto in caso di sovrappeso, in quanto consentono di allenare la muscolatura in assenza di gravità e con meno traumi, sia articolari che pelvici”.In vacanza meglio porre attenzione anche all’utilizzo di alcuni farmaci, che tendono a far peggiorare l’incontinenza: naturalmente i diuretici, i tranquillanti assunti per combattere l’insonnia – perché rendono meno sensibili al riempimento vescicale durante il sonno -, alcuni antdepressivi e anti-ipertensivi.È importante ricordare che in presenza di incontinenza urinaria può essere utile in moltissimi casi la riabilitazione del pavimento pelvico; per alcuni tipi di incontinenza ci sono terapie farmacologiche efficaci. Infine in caso di inefficacia di terapie conservative la chirurgia nel corso del tempo si è evoluta proponendo interventi sempre meno invasivi e sempre più efficaci. “Se il problema viene affrontato per tempo, nella quasi totalità dei casi sono possibili miglioramenti estremamente significativi e anche la completa guarigione per arrivare più sereni e in forma all’estate, pronti per partire per le vacanze”, conclude Biroli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

1943: l’anno delle illusioni

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Il 1943 può essere definito come l’anno delle illusioni: si illusero i congiurati del Gran Consiglio del Fascismo di salvare il Regime sacrificando Mussolini; si illusero il Re e Badoglio di tradire l’alleato senza pagare dazio; si illusero i ragazzi di Salò di difendere l’onore d’Italia e finirono col combattere i propri fratelli; si illusero i partigiani di sostituire la dittatura fascista con quella del proletariato, pensando di fare dell’Italia una repubblica sovietica e si ritrovarono, invece, a sostenere la monarchia e l’occupante americano; si illusero infine gli italiani convinti che la guerra fosse finita, quando invece ne stava per iniziare una seconda ben peggiore.Tutto ebbe inizio il 25 luglio 1943 quando, con una deliberazione del Gran Consiglio del Fascismo, il Regime cessò di esistere. Mussolini, pur potendo rigettare l’ordine del giorno del Ministro Grandi e far arrestare i congiurati, inspiegabilmente accettò il deliberato che lo esautorava di tutti i suoi poteri per essere trasferiti al Re.Intanto Vittorio Emanuele III con i vertici delle Forze Armate tramava per liquidare Mussolini, come primo atto per poi passare dalla parte vincente, quella degli alleati.Il responso del Gran Consiglio, contrariamente alle intenzione dei protagonisti (che di fatto si comportarono come utili idioti, per dirla alla Lenin), tornò utile al Re per dare una insperata veste istituzionale a quello che fu a tutti gli effetti un Colpo di Stato.L’indomani Mussolini, rispettoso delle regole e convinto della correttezza di Vittorio Emanuele III, si presentò al monarca per rassegnare le proprie dimissione da Capo del Governo. Il Re, il cui unico scopo era quella di salvare la corona e se stesso dal tracollo bellico, con un atto inconcepibile dal punto di vista istituzionale, lo fece sequestrare (e non arrestare in quanto ne mancavano i presupposti giuridici).Tutti i poteri furono affidati ai vertici dell’esercito che instaurarono una dittatura militare con a capo il Maresciallo Badoglio. Del nuovo esecutivo nessun esponente politico ne faceva parte in quanto i partiti rimanevano fuori legge al pari del partito fascista nel frattempo sciolto.A parte qualche spontanea manifestazione di giubilo, derivante dall’equivoco che con la caduta del regime sarebbe finita la guerra, degli antifascisti e dei partigiani neanche l’ombra, li avremmo visti solo dopo al seguito delle vittoriose truppe alleate.Il nuovo governo si affrettò a rassicurare l’alleato tedesco circa la fedeltà dell’Italia e il proseguimento della guerra al suo fianco e nel contempo avviò segreti contatti con gli angloamericani per passare armi e bagagli dalla parte del nemico, nella patetica illusione di uscire indenni da una guerra che volgeva al peggio.L’8 settembre del 1943 arrivò l’annuncio di Badoglio che chiamò armistizio quello che in realtà fu tradimento: nel volgere di 24 ore i tedeschi divennero improvvisamente nemici e gli invasori americani alleati.Questo atto scellerato non mutò le sorti del conflitto, non servì a lenire le sofferenze della popolazione civile che continuò a lungo a morire sotto i bombardamenti terroristici dell’aviazione angloamericana. Servì solo a scatenare l’ira vendicativa di Hitler, in quel momento padrone assoluto del nostro Paese.
Con il rovesciamento del fronte e il passaggio dell’Italia dalla parte degli angloamericani (che faceva presagire una rapida e vittoriosa conclusione del conflitto), si riorganizzarono i vecchi partiti che seppero, soprattutto quello comunista che aveva mantenuto una sua struttura clandestina, cogliere al volo quella insperata opportunità di tornare ad essere protagonisti della vita politica italiana. La guerra invece continuò per altri 18 mesi e nel conflitto tra eserciti si inserirono i partigiani, alcuni smaniosi di ricostruirsi una verginità politica dopo essersi affermati grazie al regime, altri per attribuirsi delle onorificenze da spendere al tavole della spartizione del potere alla fine del conflitto. E fu guerra civile.Questi sono i fatti che ognuno può giudicare, ma che dubito si possano contestare. (Gianfredo Ruggiero, presidente Circolo Culturale Excalibur – Varese)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cuneo fiscale

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Roma, 25 Luglio 2013. Diminuire le imposte sui costi del lavoro per dare maggior respiro alle aziende e aumentare il reddito dei lavoratori. In questo modo si rilancia l’economia: le imprese sono meno oberate da contributi, al pari del lavoratore che puo’ disporre di maggiori entrate. Sono tutti d’accordo, ma come fare o meglio come si e’ fatto nel passato? Rimandiamo alla memoria di quel che e’ successo nel 2007 (governo Prodi). Fu approvato un taglio al cuneo fiscale del 5%, del quale il 3% a favore delle imprese e il 2% per i lavoratori. Le imprese risparmiarono (circa 7 miliardi per le annualita’ 2007 e 2008), i lavoratori no. Perche’? Semplice: per i lavoratori i tagli del cuneo coincisero con la riforma dell’Irpef. Un bilanciamento perfetto che vide su un piatto la riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori e sull’altro la rimodulazione delle aliquote, la trasformazione delle deduzioni in detrazioni e l’aumento degli assegni familiari per tutti i contribuenti. Insomma, si
e’ tagliato da una parte e aumentato dall’altra. Risultato? Niente aumento in busta paga.Sarebbe bene che l’attuale governo non riproponesse analoga manovra.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Minori aggressivi

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Il distacco precoce madre-figlio può provocare nei piccoli reazioni emotive importanti. Tra quelli sottratti troppo presto dal contatto materno, circa 1 bambino su 3 (il 30%) ha mostrato comportamenti determinati da sentimenti che si possono mostrare con modalità aggressive. Per superarli è possibile introdurre nelle attività quotidiane dei nidi un momento dedicato alle coccole. Lo ha dimostrato il progetto di intervento formativo ‘Mancano gli abbracci’, che l’Istituto di Ortofonologia (IdO) ha realizzato in collaborazione con i servizi di pediatria presso 9 asili nido del IV Municipio di Roma da febbraio a giugno 2012, con il coinvolgimento di 90 educatori e 550 bambini. Un’iniziativa tutta a favore della salute dei minori.“Queste difficoltà vissute dai bambini – ha spiegato il direttore dell’IdO, Federico Bianchi di Castelbianco – devono essere affrontate proprio nei luoghi in cui i piccoli vengono portati già dai primi mesi di vita per esigenze delle famiglie, connesse alla necessità sempre più frequente delle donne di tornare al lavoro poco tempo dopo il parto”. Quindi, per aiutare i bambini a superare rabbia e ansia “dobbiamo ripartire dal corpo e dalla relazione – ha aggiunto lo psicoterapeuta – perché in questo modo i piccoli potranno ritrovare la sicurezza e una relazione più accogliente”. Infatti, con ‘Mancano gli abbracci’ si è svolto un lavoro intenso sulla parte pratica della relazione, il contatto, insegnando agli educatori la tecnica del massaggio pediatrico (lo shantala). Si tratta di una frizione di origine indiana per neonati e bambini molto piccoli che ha “permesso agli educatori di rapportarsi ai bambini in modo diverso. Infatti circa 165 minori (il 30%) hanno interiorizzato un buon rapporto, sviluppando sentimenti di fiducia verso gli adulti”.Anche i pediatri hanno preso parte al progetto. “L’opportunità di avere ‘sul campo’ una persona competente per molte delle più frequenti patologie infantili che interessano i piccoli nella fascia di età 3 mesi/3 anni – ha precisato Patrizia Operamolla, pediatra del IV Municipio di Roma – ha rappresentato un valido aiuto sia nelle situazioni di dubbio, sia in quelle in cui gli psicologi hanno fornito alle educatrici utili consigli sulla gestione del bambino”.Ma quali sono state le principali reazioni degli educatori e dei bambini durante il percorso formativo? Tra le educatrici ha “predominato l’interesse e la curiosità, ma non sono mancati momenti di diffidenza e timore per la presenza all’interno del nido di un’estranea che avrebbe potuto rappresentare un elemento di disturbo degli equilibri raggiunti – hanno affermato le psicologhe dell’IdO – perplessità poi rientrate grazie ad un lavoro morbido e accogliente verso le educatrici e rispettoso del carattere di ogni bambino”.In questi cinque mesi, le educatrici hanno rafforzato il loro livello di consapevolezza rispetto alle problematiche mostrate dai bambini, potendo sia “confermare il tipo di relazione che avevano messo in atto con i piccoli, spesso realizzata in modo inconsapevole, che comprendendo l’importanza di un aggiornamento continuo sulle problematiche dei minori. Infatti, le stesse educatrici – hanno sottolineato le psicologhe – hanno richiesto di approfondire tutte le tematiche emerse”.Come gli adulti, pure i bambini hanno “risposto con curiosità, interesse e piacere – ha precisato Operamolla – è intuitivo considerare quanto le carezze e il massaggio rappresentino uno strumento utile per aiutare i piccoli ad allentare eventuali tensioni o stati d’ansia”. ‘Mancano gli abbracci’ ha quindi fornito alle educatrici “un valido strumento per gestire situazioni più o meno difficili, che sono spesso causa di pianto e/o aggressività nel bambino – ha concluso Castelbianco – riducendo il generale livello di stress sia negli adulti che nei bambini stessi”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva il grande caldo

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Le previsioni meteo parlano chiaro. Il caldo di questi ultimi giorni annuncia un fine settimana, quello di sabato 27 e domenica 28 luglio prossimi, rovente con temperature che saliranno ben oltre le medie del periodo e che si protrarranno anche nella prossima settimana. Si registreranno sul territorio valori dai 31 ai 34 gradi centigradi soprattutto nelle ore centrali della giornata e fino a 13 ore giornaliere in cui potrebbe essere avvertito disagio dovuto al caldo.
L’attenzione si rivolge, quindi, alla fascia di popolazione più fragile costituita dagli anziani e dai bambini più esposti ai disturbi provocati dalle temperature elevate. A loro, in particolare, si ricordano gli accorgimenti necessari per contrastare gli effetti del caldo; consigli validi, comunque, anche per tutte le altre persone.
In casa
· scegli le prime ore del mattino per rinfrescare i locali dell’abitazione;
· impedisci l’ingresso dei raggi solari con tende alle finestre, persiane, veneziane e scuri per controllare la temperatura delle stanze;
· soggiorna nelle zone più fresche della casa e preferisci gli ambienti ventilati;
· cerca di trascorrere poco tempo ai piani alti delle abitazioni con tetti e solai non bene isolati e nelle zone esposte al sole: non ricevono la giusta areazione;
· limita l’uso dei fornelli e del forno che tendono a riscaldare l’ambiente domestico;
· lavati con acqua tiepida: rinfresca e dà una sensazione di benessere;
· privilegia l’uso di un condizionatore d’aria, ma è buona regola non abbassare eccessivamente la temperatura rispetto all’esterno per evitare bruschi sbalzi termici;
· se usi ventilatori meccanici non indirizzarli direttamente sulle persone e regolali in modo che l’aria circoli in tutto l’ambiente;
· bevi molti liquidi e preferisci bevande non alcoliche e senza caffeina. Adotta un’alimentazione leggera a base di frutta, verdura, pesce e conserva al fresco gli alimenti;
· a letto evita coperte e pigiami aderenti, meglio un lenzuolo.
Fuori casa
· evita di uscire nelle ore calde della giornata (dalle 11 alle 17) ed evita l’esposizione diretta al sole;
· preferisci i vestiti di colore chiaro, non aderenti e possibilmente di cotone e lino (evita fibre sintetiche). Non dimenticare occhiali da sole e cappello;
· se svolgi attività fisica, programmala al mattino presto o dopo il tramonto;
· trascorri più tempo possibile in ambienti climatizzati (negozi o altri luoghi pubblici).
In auto
· se l’auto non ha climatizzatore, evita di viaggiare nelle ore più calde della giornata;
· se hai parcheggiato l’auto al sole, prima di iniziare il viaggio, ventila l’abitacolo per abbassare la temperatura interna;
· se devi fare un lungo viaggio porta dell’acqua con te, potrà essere utile soprattutto nel caso di code o rallentamenti;
· non lasciare persone o animali, nemmeno per brevi periodi, nell’auto parcheggiata al sole;
· se l’auto è climatizzata, prima di fermarsi per la sosta, regola la temperatura su valori di circa 5°C inferiori a quella esterna;
· usa tendine parasole;
· evita di orientare le bocchette della climatizzazione verso il conducente e i passeggeri.
Uso dei farmaci
· leggi attentamente le modalità di conservazione riportate sulle confezioni dei farmaci. Qualora non fossero esplicitate, conserva i farmaci nella loro confezione, lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e, comunque, a temperatura inferiore ai 30°C;
· il caldo può potenziare l’effetto di molti farmaci utilizzati per la cura dell’ipertensione e di molte malattie cardiovascolari. E’ opportuno quindi effettuare un controllo più assiduo della pressione arteriosa ed eventualmente richiedere il parere del medico curante. Ogni decisione sulla terapia deve essere presa sempre in accordo con il medico alla luce di ogni singola situazione clinica.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »