Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Cuneo fiscale

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Roma, 25 Luglio 2013. Diminuire le imposte sui costi del lavoro per dare maggior respiro alle aziende e aumentare il reddito dei lavoratori. In questo modo si rilancia l’economia: le imprese sono meno oberate da contributi, al pari del lavoratore che puo’ disporre di maggiori entrate. Sono tutti d’accordo, ma come fare o meglio come si e’ fatto nel passato? Rimandiamo alla memoria di quel che e’ successo nel 2007 (governo Prodi). Fu approvato un taglio al cuneo fiscale del 5%, del quale il 3% a favore delle imprese e il 2% per i lavoratori. Le imprese risparmiarono (circa 7 miliardi per le annualita’ 2007 e 2008), i lavoratori no. Perche’? Semplice: per i lavoratori i tagli del cuneo coincisero con la riforma dell’Irpef. Un bilanciamento perfetto che vide su un piatto la riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori e sull’altro la rimodulazione delle aliquote, la trasformazione delle deduzioni in detrazioni e l’aumento degli assegni familiari per tutti i contribuenti. Insomma, si
e’ tagliato da una parte e aumentato dall’altra. Risultato? Niente aumento in busta paga.Sarebbe bene che l’attuale governo non riproponesse analoga manovra.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: