Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 30 luglio 2013

Ethernet to Tap New Synergies for Connected Cars, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

London, UK The need to integrate multiple consumer electronic devices into the car offering connected services and maintaining brand identity has led to a situation where original equipment manufacturers (OEMs) are shifting toward higher connectivity options, which could power prioritised and personalised services, catering to varied consumer needs. With the paradigm shift toward connected cars and associated services such as automotive-app stores and connected location based services, there is an ever-increasing need for higher data transfer bandwidths. Ethernet could serve as the backbone to the electronic architecture connecting domains and sub networks that require higher bandwidth and also cater to consumers’ need for connectivity.Frost & Sullivan (www.automotive.frost.com) estimates that the total number of Ethernet ports globally will reach 300 million by 2020. The number of nodes or ports is expected to range from more than 100 in luxury cars, 50–60 in mass market segment cars, and less than 10 nodes in entry level cars by 2020.“Ethernet could be the catalyst for bringing the automotive industry a step closer to connected vehicles,” says Frost & Sullivan Senior Research Analyst, Divya Krishnamurthy. “With its capability to simplify the networking architecture, higher uptake rates are expected in the near future.”The growth of electronics and growing number of control units has led to a complex EE architecture. Connectivity of sub networks and communication of control units require higher bandwidths. Car networks such as LIN, CAN, and FlexRay are not specified to cover the increasing demands for bandwidth and scalability.The bandwidth requirement for in-vehicle electronic applications, such as camera-assisted parking with advanced driver assistance systems (ADAS), lane departure warning systems, collision avoidance systems, and traffic light recognition is higher, in the range over 100Mbps. The number of nodes to be connected therefore is also higher. Most importantly, proven IP-based Ethernet technology enables OEMs to use a single-network platform by significantly reducing the connectivity cost and cabling weight. It is scalable and flexible enough to be used in multiple vehicle segments.
BMW AG, in partnership with Freescale Semiconductor, Inc., will be the first OEM to commercialise the Ethernet for a 360-degree camera parking assist system for its X5, later in 2013. The German carmaker is expected to offer the same for other models in the future. Hyundai Motor Company is using Broadcom Corporation’s BroadR-Reach Ethernet technology to offer next-gen connected infotainment systems. Fiat Group Automobiles S.P.A has also signed a joint venture with Continental AG for its 500L model to bring in the Continental Infotainment System, which can be used as an advanced multimedia system.
Frost & Sullivan is currently working on a study focussing on Market Trends and Technical Developments Surrounding the Ethernet and In-vehicle Connectivity in Europe and North America. If you are interested in any further information on the research or would like to speak to Miss Krishnamurthy directly, please send an email to Katja Feick, Corporate Communications, at katja.feick@frost.com, with your full contact details.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants. Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ronald S. Lauder: Europe’s New Jewish Question

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

NEW YORK – In March 1936, Poland’s Sejm (the lower house of parliament) almost succeeded in outlawing shechita (slaughter according to Jewish law). Only the Polish Constitution prevented an outright ban. Had the majority of legislators gotten their way, many of Poland’s 3.2 million Jews would have gone meatless.A few days ago, the ghosts of the past returned to the Sejm, when deputies rejected a government bill intended to keep religious slaughter legal. Even many of the bill’s supporters (including Prime Minister Donald Tusk) were concerned not with defending the rights of religious minorities, but rather with protecting meatpacking jobs.The vote was an assault on freedom of religion that flies in the face of Article 53 of the Polish Constitution, which states that “Freedom of conscience and religion shall be ensured to everyone” and specifies that the “performing of rites” is protected. It was also a slap in the face for Poland’s Jewish community, which has been part of the country’s social landscape for more than a thousand years, and which, despite the Holocaust, has witnessed a remarkable renaissance over the past two decades. Indeed, Poland, with its rich Jewish heritage and history, was believed to be among the most fertile environments for a Jewish revival after the fall of communism.Yet the Sejm’s decision raises the question: Do Poles really want Jewish life to return to their country? Or do they see Poland’s Jewish legacy only as something that benefits their tourism and food industries? Not every Jew keeps kosher, and some are vegetarians. Hence, not every Jew relies on kosher meat. But almost every Jew will defend the right of others to live according to Jewish dietary laws. Shechita is an indispensable, non-negotiable part of Jewish religious life.Today, Poland’s Jewish population numbers only a few thousand. Everyone knows why. That, of course, makes it easier for today’s politicians to ban shechita. Such populist measures are vote winners. The civil rights of small religious minorities do not matter much politically; the perceived rights of animals (and economic motivations) do.But was this decision really motivated by concern for animal welfare? For some deputies, it undoubtedly was; but others discovered their love of animals only when it seemed popular to do so. As The Economist noted succinctly, “Poland is not a country hitherto known for championing animal rights.” Indeed, it is hypocritical that hunting for sport and unsupervised home slaughtering continue to be permitted, whereas shechita, which is carried out by experienced people according to well-established procedures, is not.In recent months, Polish politicians became agitated about “ritual slaughter.” Granted, the term sounds archaic; but the Torah is the first systematic legislation that forbids cruelty to animals and mandates that they be treated with consideration and respect. Those who argue that ritual slaughter is “foreign” to Polish culture not only know nothing about their country’s history; they also exploit and reinforce anti-Semitic sentiment.Poland is not the only place where established religious practices are being questioned. In other Western countries, such as Germany, France, the Netherlands, and New Zealand, heated debates about religious slaughter and circumcision have taken place recently.A year ago, a German judge ruled that religious circumcision was a cruel practice that inflicted bodily harm on boys and was therefore illegal – a view supported by many commentators in the media. But German politicians strove to find a solution that accommodated the concerns of the Jewish and Muslim minorities. They demonstrated real leadership. Within weeks, Chancellor Angela Merkel’s government proposed legislation that put religious circumcision on a solid legal basis, with the support of most members of the Bundestag.In the Netherlands, a covenant was signed that allowed religious slaughter. It received the backing of the legislature, which had previously favored a ban.Likewise, in Poland, following a Constitutional Court ruling in November 2012 that struck down on technical grounds a provision permitting religious slaughter, the government promised that the practice would remain legal. Yet when legislators voted on the government’s bill earlier this month, following a sometimes-hysterical debate on ritual slaughter in the media, three dozen deputies from Tusk’s Civic Platform, the largest faction in the Sejm, opposed it.By taking this step, Poland has become the ringleader for those in Europe who want to deny Jewish citizens the right to practice their religion freely. If not halted, such measures could call into question the Jewish presence on the Continent in the longer term. Yet Tusk has ruled out a reversal of the ban, and one of his ministers asked the Jewish and Muslim communities to challenge it before the Constitutional Court.The relationship between Central and Eastern European countries and the Jewish people has always been characterized by both triumph and tragedy. In recent years, it has been strengthening, especially in Poland. Encouraging developments have taken place, such as the construction of a new state-of-the-art Jewish Museum in Warsaw.A few months ago, I participated in the March of the Living at Auschwitz. Many Jews with European roots who now live in America or Israel were in attendance. As usual, it was a bittersweet experience. For my part, and for many years now, I have tried to highlight the sweet.But now I am left wondering: Can the Jewish renaissance in the heart of Europe continue if essential elements of Jewish life are declared illegal? Or will Europe’s leaders stand up for the civil rights of their Jewish compatriots?As Pinchas Goldschmidt, President of the Conference of European Rabbis, recently remarked, one cannot be proud of the Jews of yesterday and tell the Jews of today that their religious practices are no longer welcome. The Jewish heritage is part of Europe’s heritage. It should be protected, not restricted.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Tunisia, tensioni dopo l’uccisione del leader dell’opposizione laica Brahmi

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

Nel giorno della celebrazione del 56° anniversario della Repubblica è stato assassinato il leader politico dell’opposizione laica Mohamed Brahmi, aumentando le tensioni nel paese. Deputato dell’Assemblea costituente, già leader del Movimento del Popolo e da poche settimane coordinatore generale del nuovo partito Corrente Popolare, Brahmi aveva assunto una posizione apertamente critica nei confronti del partito islamista al governo al-Nahda. Nelle principali città tunisine si sono svolte violente manifestazioni in seguito alla notizia: l’episodio e la reazione popolare ricordano l’assassinio di pochi mesi fa di un altro membro dell’opposizione laica, Chokri Belaid.
E’ probabile che questo secondo episodio ritardi ulteriormente l’accordo tra il partito laico e islamista sulla bozza della nuova Costituzione: il testo deve ancora essere approvato dall’Assemblea Costituente, dopo oltre un anno di lavori. In conseguenza di tali ritardi saranno possibili slittamenti del calendario elettorale: le elezioni presidenziali e legislative sono attualmente previste per fine 2013.L’assassinio di Brahmi potrebbe avere impatti anche sulla performance economica del paese: le rinnovate tensioni politiche impatteranno sui tempi della ripresa economica e sull’effettiva capacità delle autorità di implementare le riforme necessarie. Il FMI, con cui il paese ha recentemente concluso un accordo da USD 1,75 miliardi, stima la crescita del PIL tunisino al 4% nel 2013 e al 4,5% nel 2014; queste previsioni sono tuttavia legate alla presenza di un contesto politico stabile: il recente episodio di violenza potrebbe avere ricadute su settori strategici, come il turismo (che contribuisce complessivamente al 14% del PIL), e sulla capacità di attrarre investimenti esteri (che ha già registrato una riduzione del 10,6% degli investimenti esteri nel primo trimestre 2013, rispetto allo stesso periodo del 2012). Inoltre, in risposta al recente episodio di violenza, il sindacato l’UGTT (Union Générale Tunisienne du Travail) ha indetto una serie di scioperi generali che riguarderanno i settori chiave quali trasporti e minerario-estrattivo, quest’ultimo particolarmente strategico e frequentemente colpito da scioperi e manifestazioni che ne hanno rallentato l’attività.
A livello di sicurezza, la situazione continua ad essere delicata, soprattutto in alcune aree: resta in vigore lo stato di emergenza in tutto il paese, mai rimosso dalla caduta del precedente regime di Ben Ali e recentemente prorogato dal presidente Marzouki.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Micron Updates Anticipated Timing of Closing of Elpida Transactions

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

BOISE, Idaho, (GLOBE NEWSWIRE) — Micron Technology, Inc. (Nasdaq:MU) (“Micron”) announced today that it anticipates the closing of Micron’s acquisition of 100 percent of Elpida’s equity to occur on July 31, 2013, Tokyo time.The closing of the acquisition will be pursuant to a Sponsor Agreement entered into on July 2, 2012, in connection with Elpida’s corporate reorganization proceedings conducted under the jurisdiction of the Tokyo District Court. The closing of the transaction is subject to satisfaction or waiver of a number of conditions, including final approval by the Tokyo District Court.
Micron also anticipates concurrently closing its acquisition of a 24 percent share of Rexchip Electronics Corporation from Powerchip Technology Corporation and certain of its affiliates.
Micron Technology, Inc., is one of the world’s leading providers of advanced semiconductor solutions. Through its worldwide operations, Micron manufactures and markets a full range of DRAM, NAND and NOR flash memory, as well as other innovative memory technologies, packaging solutions and semiconductor systems for use in leading-edge computing, consumer, networking, embedded and mobile products. Micron’s common stock is traded on the NASDAQ under the MU symbol. To learn more about Micron Technology, Inc., visit http://www.micron.com.Micron and the Micron orbit logo are trademarks of Micron Technology, Inc. All other trademarks are the property of their respective owners.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Par delà la Troïka: quels clivages et quels visages pour l’UE?

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

Les interventions de la Troïka en Grèce, en Irlande, au Portugal et à Chypre ont engendré des dommages politiques durables pour l’image de l’UE qu’il convient de réparer ou de neutraliser. Cela implique de promouvoir un jeu politique européen structuré de manière plus visible sur des bases démocratiques classiques, à savoir sur une confrontation organisée sur la base de lignes nationales et partisanes.L’analyse d’Yves Bertoncini, directeur de Notre Europe – Institut Jacques Delors, et Valentin Kreilinger, chercheur à Notre Europe – Institut Jacques Delors se base sur trois constats principaux:
1. La crise de la zone euro a suscité un intense débat démocratique dans l’UE ;
2. Les clivages entre États membres devraient être rendus plus visibles ;
3. Les clivages au sein du Parlement européen méritent aussi davantage d’attention.
L’affirmation de ces divisions nationales et partisanes permettrait de mieux souligner que le débat sur les décisions de l’UE est plus ouvert qu’il n’y paraît. C’est aussi une bonne manière de rappeler que les critiques de ces décisions ne doivent pas être considérées comme « anti-démocratiques », mais plutôt contribuer à modifier l’équilibre des forces aux élections européennes et nationales, et donc respecter le résultat des votes.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le vacanze si prenotano dallo smartphone

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

Mobile App

Mobile App (Photo credit: mdurwin2)

Lo dice il principale portale di bed and breakfast in Italia, bed-and-breakfast.it, che rende noti i suoi dati di traffico da dispositivo fisso e mobile, e il volume di download delle proprie App per smartphone.
“I dati di frammentazione del pubblico parlano chiaro – dice Giambattista Scivoletto, fondatore del primo sito dedicato ai B&B in Italia – in soli tre anni gli utenti che accedono al nostro sito da smartphone o tablet sono passati da circa 20.000 (visite al sito da dispositivo mobile a luglio 2010) a oltre 500.000 (visite al sito da dispositivo mobile a luglio 2013), ovvero 25 volte di più.I dati sono ancora più eloquenti se si paragona il traffico da dispositivo fisso, che è aumentato di percentuali a sole due cifre. Se il numero di chi cerca e prenota un B&B per le vacanze da casa o dall’ufficio, dunque, cambia relativamente poco in un triennio, si moltiplica esponenzialmente, invece, quello di chi in lo fa in mobilità: a cena con amici, durante un aperitivo, in una pausa all’aperto o anche sui mezzi pubblici.Stesso trend segue il download delle app per smartphone che il sito mette gratuitamente a disposizione dei viaggiatori sugli store di App Mobile. “Il numero di download della nostra App Mobile è in costante aumento – dice Scivoletto – , tanto che attualmente, se guardiamo ad esempio l’App Store di Apple, la nostra è la 4a applicazione più scaricata nella sezione viaggi, accanto a colossi come TripAdvisor, Booking, Trivago… una bella soddisfazione per una piccolissima azienda tutta italiana come la nostra, e dedicata a un prodotto (il B&B) che fino a qualche anno fa era ancora classificabile come di nicchia”.Gli italiani, quindi, continuano ad andare in vacanza, nonostante la crisi?”È cambiato qualcosa nelle abitudini di chi va in vacanza – continua il fondatore di bed-and-breakfast.it: le risorse economiche sono diminuite, è innegabile, e come sappiamo il viaggio è tra le prime voci a essere depennata nel budget familiare. Tuttavia, il nostro prodotto (i Bed and Breakfast e le soluzioni di microricettività in generale) consente di tenere bassa la spesa per l’alloggio, e forse anche per questo è premiato, con un numero di prenotazioni che non vede, al momento, flessione. Dall’altra parte, però, assistiamo alla diminuzione del numero di giorni prenotati”. Si va in vacanza, quindi, almeno in estate, ma per periodi più brevi e con un occhio molto più attento a ogni voce di spesa.C’è chi la vacanza la pianifica, chi invece la offre. Chi sono e quanti sono i gestori dei B&B italiani e perché hanno deciso di investire in questa particolare formula di attività ricettiva?
“Attualmente i bed and breakfast italiani ammontano, secondo un rapporto che abbiamo pubblicato nel 2012, a circa 20.500, e il dato è in crescita: aumentano le famiglie italiane che decidono di convertire la seconda o la prima casa (quando esistono le condizioni) in bed and breakfast. Il dato si traduce in reddito integrativo per oltre 20.000 famiglie italiane e in una importante soluzione lavorativa per 40.000 persone, soprattutto donne. Gestire un B&B è non solo una attività divertente e remunerativa ma consente tra l’altro di ammortizzare le spese di gestione delle abitazioni di proprietà, cosa non da poco in tempi di crisi”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Newsletter dall’Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

E’ consultabile on line (www.inea.it) il mensile Newsletter dall’Europa – INEA Bruxelles a cura dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria. Il settimo numero riporta informazioni sulle priorità della Presidenza Lituana nel settore agricolo, sull’accordo tra le tre principali istituzioni europee sulla riforma della Pac 2014/2020 e sul futuro del settore orticolo in Europa. Altre notizieriguardano le due conferenze svoltesi nel mese di luglio: Le politiche della terra e la scarsità alimentare. Una sfida per l’Unione Europea e Meeting of the Minds on Nutrition Impact of Food Systems. Altre informazioni relative al settore agricolo sono state concentrate nei Briefs del mese. La sezione Eventi avvisa gli interessati dello svolgimento di una serie di conferenze sul tema della quote latte, sicurezza alimentare e sviluppo sostenibile che si svolgeranno nel mese di Settembre 2013

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I calcoli renali aumentano il rischio d’infarto

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

Milano, I calcoli renali sembrano aumentare il rischio di malattia coronarica e quindi di infarto. A dimostrarlo uno studio pubblicato nei giorni scorsi su Lancet, che ha coinvolto per vent’anni più di 242 mila persone sane, uomini e donne, tra i 25 e i 75. Quasi 20 mila hanno sviluppato nel corso degli anni calcoli renali e quasi 17 mila di loro sono andati incontro ad un infarto del miocardio, dimostrando quindi che il rischio di infarto in chi ha calcoli al rene aumenta di più del 50%, soprattutto tra le donne.“La calcolosi renale è un problema molto diffuso che interessa 10 uomini su 100 e 7 donne su 100 – ha spiegato Lidia Rota Vender, presidente di ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari – Onlus -. Sapevamo già che aterosclerosi, ipertensione, diabete e sindrome metabolica sono più frequenti in chi soffre di calcolosi renale. Oggi con questo studio sappiamo anche che i calcoli renali vanno inclusi tra i fattori di rischio dell’infarto”.I responsabili di questo aumentato rischio non sono ancora chiari. Potrebbero essere i disturbi del metabolismo del calcio: un consumo troppo basso di calcio potrebbe favorire la liberazione del calcio contenuto nelle ossa e quindi aumentarne l’eliminazione attraverso il rene, facilitando la deposizione di piccoli ammassi “calcarei”, un po’ come accade nel sistema idraulico delle case quando una acqua troppo ricca di sali favorisce la formazione del calcare sui tubi, che progressivamente li ostruisce riducendo il passaggio dell’acqua. Allo stesso tempo, poiché il calcio è lo ione che permette al sangue di coagulare, un eccesso di calcio circolante potrebbe favorire un aumento della coagulazione del sangue e quindi la formazione di trombi nelle arterie e nelle vene. Altri possibili colpevoli potrebbero essere il processo di invecchiamento, per cui i reni perdendo la propria funzionalità favoriscono il deposito di calcio nei condotti, e l’osteopontina, una proteina coinvolta nel processo di calcificazione dell’osso, che si trova in quantità elevata nelle persone che soffrono di trombosi coronarica, infarto del miocardio o aterosclerosi, che se non eliminata dai reni si accumula nel sangue.“Il legame tra calcoli renali e trombosi va indagato più in profondità, perché i meccanismi che lo regolano non sono chiari, così come non è chiaro perché i calcoli siano più diffusi tra i bianchi, le donne e i diabetici – ha concluso Lidia Rota Vender -. Quel che è certo è che una patologia piuttosto comune come i calcoli va considerata un fattore che aumenta il rischio di trombosi, dato che aiuterà la pratica clinica quotidiana, soprattutto in un’ottica di prevenzione. I prossimi anni saranno decisivi per capirne qualcosa di più e trovare strategie più raffinate di prevenzione e approcci terapeutici sempre più precoci ed efficaci”.Ma c’e’ di più. Con il caldo il rischio di colica renale aumenta. Responsabile numero uno è la disidratazione. Il grande caldo fa aumentare la sudorazione e, se non ci si idrata bene, le urine diventano più concentrate e aumenta il rischio che si formino calcoli di ossalato di calcio. Chi rischia di più? I giovani adulti, tra i 25 e i 40 anni, soprattutto maschi, che hanno una familiarità per questo problema, o che hanno già avuto episodi in passato. Per evitare sorprese è fondamentale bere molto, soprattutto se si fa molta attività sportiva. L’acqua è l’ideale; cautela con tè e bevande arricchite di sali minerali: possono favorire la precipitazione di calcoli di ossalato di calcio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tragedia del mare

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2013

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) esprime il proprio cordoglio per la morte di 31 migranti che tentavano di raggiungere l’Italia via mare.Secondo quanto riportato dai 22 sopravvissuti – giunti a Lampedusa nella serata di sabato 27 – durante il terzo giorno di viaggio il gommone sul quale viaggiavano 53 passeggeri avrebbe subito una foratura, cominciato ad imbarcare acqua e a sgonfiarsi. Il carburante presente nel motore e nelle taniche di riserva sarebbe poi fuoriuscito, ustionando cinque passeggeri.Fra le 31 persone annegate ci sarebbero 8 donne (4 in stato di gravidanza) e un neonato. Dopo esser rimasti per circa 5 ore in mare i migranti sono stati soccorsi da una nave mercantile che ha avvisato la guardia costiera per il trasporto dei migranti a Lampedusa.Tra i deceduti risultano esserci parenti dei superstiti che si trovano tuttora in evidente stato di shock. L’Agenzia ONU per i rifugiati auspica un rapido trasferimento di queste persone accompagnato da misure di sostegno psicologico.Questa ennesima tragedia del mare evidenzia ancora una volta come persone in fuga da guerre e persecuzioni rischino la propria vita in pericolosi viaggi attraverso il Mar Mediterraneo per trovare sicurezza in Europa. Sono circa 7.800 – secondo le stime dell’UNHCR – i migranti e i richiedenti asilo che nei primi 6 mesi dell’anno sono approdati sulle coste italiane. I principali luoghi d’origine di questi migranti e richiedenti asilo sono i paesi dell’Africa sub-sahariana – in particolare Somalia ed Eritrea – ma anche Egitto, Pakistan e Siria.L’UNHCR esprime apprezzamento nei confronti della Guardia Costiera italiana e del mercantile coinvolti nelle operazioni di salvataggio, reitera l’esortazione a tutte le imbarcazioni in navigazione affinché restino costantemente allerta sulla presenza di migranti e rifugiati che hanno bisogno di essere soccorsi e a tutti gli stati a proseguire nell’adempimento dei loro obblighi derivanti dal diritto internazionale dei rifugiati e dal diritto del mare.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »