Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 28 agosto 2013

What citizen dialogues for what type of energy transition?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

Synthesis – Sami Andoura, Comité économique et social européen Download the fileDownload the file. This synthesis by Sami Andoura, senior research fellow at Notre Europe – Jacques Delors Institute and the European Economic and Social Committee (EESC) draws on the conclusions of the conference organised on 14 May 2013, in Paris, with the support of the MACIF, in the framework of the French national debate on the energy transition, entitled “Energy transition and public dialogues : national and European perspectives”. It aimed at presenting a proposal for European dialogues on energy, stressing the importance of the European component of the energy transition, and reinforcing the civil society participation in the national and European energy politics governance, so as to achieve a European Energy Community, in the presence of the Danish minister of Energy, Mr Lidegaard, the former French minister for Ecology, Sustainable Development and Energy, Mrs Batho, and the president of the CESE, Mr Malosse.This conference created a fertile interaction between a national – French – level and the European level. Ideally it could kick start an on-going civil society dialogue in the EU, aiming at replication of such debate in other member states.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Urban Trail

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

Cagliari will host the first edition of the Urban Trail on October 12.
The Urban Trail is an event that brings people closer to the sport in the city.The Urban Trail, in its first edition, develops into a series of night routes, walking or running into the heart of the city, in the historic neighborhoods, in the most typical streets of Cagliari, as already happens in the cities of Lisbon, Porto, Bilbao and some Italian cities.We will pass the most hidden corners of the city, in perfect peace and security.The aim of this challenge is to propose a new and exciting adventure not only for citizens, but also for tourists who arrive each year in Sardinia looking for a stimulating and alternative holiday.The Glesport, who starred in other major sporting events, will be organizing this event.“A foot race through the streets of downtown, the rediscovery of historical and cultural attractions in Cagliari.” The race is divided into two routes: Approximately 6 km to the walk and about 10 km to the race, so that everyone can participate.
Participants will run through the streets, alleys, stairs, squares and gardens that are home to the most important monuments of the city; they will walk the sidewalks, crosswalks, bike lanes, and cross the most known places frequented by Cagliari’s youth.All participants will receive a spotlight and a colorful t-shirt for making more visible the path and creating a more choreography effect in the city.
ROUTEThe Urban Trail will pass through the historic districts of Cagliarii: Marina, Villanova, Stampace and Castello. We will hike the most enchanting places such as: Bastioni of S. Croce and Saint Remy, Tower of the Elephant, Portico Vivaldi, Buoncammino, Public Gardens, Piazza Yenne, Cathedral, Piazza Carlo Alberto, Ladders of S.Chiara and many othersThe start (9.00 p.m.) and the end of the race will take place along the street of Mercato Vecchio.The event is sponsored by the City of Cagliari, UISP and various private companies such as the Wall Street English school, as well as by traders who overlook along the way.
On the website http://www.urbantrailcagliari.com all the information for registration.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Competitive Pricing and Introduction of New Models Drives Success of Global Electric Vehicle Market, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

London, UK One of the key drivers of the global electric vehicle market is the reduction in the upfront ownership cost of vehicles this year. In fact, the prices of key electric vehicles have gone down by as much as 18 per cent of their 2012 price, as manufacturers look to boost sales and stay competitive. The question is, how much this will impact the development of the market.New analysis from Frost & Sullivan (http://www.automotive.frost.com), Strategic Outlook of the Global Electric Vehicle Market in 2013, finds that electric vehicle sales stood at 120,000 units in 2012 and estimates this to reach 2.7 million units in 2018.The global markets are indicating an upward trend in adoption as Frost & Sullivan estimates 2013 sales to boost up to 170-190,000 global sales which is more than 50 per cent increase from the previous year sales.Moreover, the cost of lithium-ion batteries has decreased by 20 to 40 per cent in the last five years, enabling vehicle manufacturers to lower the price of electric vehicles and fuel adoption.Range anxiety due to the lack of a robust charging infrastructure network with standardised business models has been another major market challenge. Earlier this year, the Society of Automotive Engineers International (SAE) standardised Combo-type connectors for direct current (DC) charging. In the near future, both CHAdeMO and Combo type DC charging are expected to coexist. More than ten automakers have launched trials for inductive charging, and standardisation for the same is likely to be announced in 2014. SAE has already set up a taskforce working towards the standardization of inductive charging.In addition, governments in various countries have extended incentives and benefits for electric vehicle consumers to 2015 and beyond. Scandinavia has led the way, with Norway gradually increasing its penetration rate of electric vehicles beyond three per cent in 2013.“Europe has invested close to €2 billion in various R&D projects ranging from electric vehicle powertrain to grid,” reckoned Kumar. “Added developments in battery technology in the United States, China and Europe will improve energy density and further reduce cost.”
Strategic Outlook of the Global Electric Vehicle Market in 2013 (M952-18) is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan’s related research services include: Global Electric Vehicle Forecast, Electric Vehicle Charging Infrastructure in North America, Global EV Market, and Central and Eastern European Electric Vehicle Industry. All research services included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends evaluated following extensive interviews with market participants.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quels dialogues citoyens pour quelle transition énergétique?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

Synthèse par Sami Andoura, Comité économique et social européen Texte intégralTexte intégral Cette synthèse de Sami Andoura, chercheur sénior à Notre Europe – Institut Jacques Delors et du Comité économique et social européen (CESE), reprend les enseignements tirés de la conférence organisée le 14 mai 2013 à Paris, avec le soutien de la MACIF, dans le cadre du Débat national sur la transition énergétique : « Transitions énergétiques et dialogues citoyens : perspectives nationales et européennes ». Cette conférence visait à présenter la proposition de Dialogues européens sur l’énergie, à souligner l’importance du volet européen de la transition énergétique et à renforcer la participation de la société civile à la gouvernance de la politique énergétique nationale et européenne pour aboutir à une Communauté européenne de l’énergie, en présence du ministre danois de l’Energie, M. Lidegaard, de l’ancienne ministre française de l’Écologie, du développement durable et de l’énergie Mme Batho et de M. Malosse, président du CESE.Cette conférence a suscité une interaction féconde entre un échelon national, celui de la France, et l’échelon européen. Elle a vocation à amorcer un dialogue permanent de la société civile au sein de l’UE en vue de reproduire un tel débat dans d’autres États membres.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Una dieta ricca di fibre protegge i topi dal diabete

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

La carenza di fibre che caratterizza la dieta occidentale può alterare la comunità microbica che vive nel nostro intestino e aumentare, di conseguenza, l’incidenza del diabete di tipo 1. Questo è il risultato del lavoro presentato oggi al 15° Congresso Internazionale di Immunologia di Milano da Eliana Marino, ricercatrice alla Monash University di Melbourne.Bambini con diabete di tipo 1 hanno un sistema immunitario intestinale alterato ed è stata avanzata l’ipotesi che le abitudini alimentari alterate tipiche dei paesi occidentali modifichino l’integrità intestinale e corrompano i normali processi di immunotolleranza. La microflora intestinale è nota per influenzare l’immunità e l’autoimmunità dell’organismo ma questa nozione non è stata presa sufficientemente sul serio. Il lavoro di Marino ha dimostrato che una dieta ricca di fibre ha un effetto positivo, grazie a un tipo di recettore accoppiato a proteine G, sulla microflora intestinale, che a sua volta migliora l’attività del sistema immunitario intestinale, portando così a una sua maggiore efficacia contro il diabete di tipo 1.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I probiotici possono proteggere dai disturbi neurologici?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

I probiotici possono aiutare a ridurre l’intensità di alcune gravi malattie neurologiche nei ratti; questa è l’interessante scoperta fatta da un’equipe dell’Istituto Besta di Milano e presentata da Chiara Cordiglieri, uno degli autori del lavoro, durante il 15° Congresso Internazionale di Immunologia che si conclude oggi a Milano.I probiotici sono batteri vivi e non patogeni che vivono nel nostro intestino, come i bifidobatteri, o nel tratto digerente, come i lattobacilli. Sono in grado di modificare il nostro metabolismo e di modulare l’attività del sistema immunitario, rappresentando quindi un bersaglio ideale per innovative strategie terapeutiche contro lemalattieautoimmuni. Cordiglieri e i suoi colleghi hanno scoperto che i bifidobatteri, dimostratisi più efficaci dei lattobacilli, consentono una riduzione dei sintomi e una guarigione più rapida in ratti affetti da encefalomielite, e un forte calo dell’intensità della fase cronica in ratti che soffrono di miastenia grave.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lattobacilli e cioccolato alleati contro la candida

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

L’80 per cento delle persone sane ospita Candida albicans nell’intestino senza problemi, ma quando le difese immunitarie sono seriamente compromesse questo fungo può prendere il sopravvento, e dare micosi gravi e diffuse anche al resto dell’organismo. Il gruppo di Luigina Romani dell’Università di Perugia ha appena pubblicato su Immunity uno studio che suggerisce come si potrebbe evitare questa drammatica evenienza: “Abbiamo scoperto infatti che un lattobacillo che fa parte della normale flora intestinale, Lactobacillus reuterii, quando la Candida comincia a prendere piede, cambia il suo metabolismo, smettendo di utilizzare zucchero e cominciando a consumare aminoacidi” spiega Romani. “Tra questi aminoacidi abbiamo scoperto che è molto importante in questi casi il triptofano, che si ritrova in cibi come il cioccolato, i latticini o le banane. Ricorrendo a esso come fonte di energia, i lattobacilli producono una sostanza, presente anche nei cavoli e nei broccoli, che induce a sua volta una risposta benefica per l’intestino, tramite un mediatore chiamato Interleuchina 22: ciò aiuta la sopravvivenza della flora batterica residua, controlla la proliferazione della candida e protegge la parete dall’infiammazione”.Lo studio dei ricercatori di Perugia spiega anche i risultati di ricerche precedenti, talvolta contraddittori sui benefici che si possono ottenere con i probiotici: “I probiotici non sono tutti uguali”, precisa la ricercatrice, “e non producono sempre gli stessi effetti”.Quel che è importante, dal punto di vista pratico, è sottolineare ancora l’importanza dei batteri che convivono con noi per la nostra salute. “Una ragione in più per non abusare degli antibiotici, soprattutto nei soggetti immunodepressi, in cui si rischia di fare più male che bene, privandoli di questi preziosi alleati” conclude Romani.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gioco d’azzardo e giocatori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

l 54% dei giocatori è nullatenente mentre un ulteriore 31% dichiara al fisco di guadagnare meno di 10mila euro all’anno. In pratica l’85% dei giocatori sono poveri e molti di loro hanno la social card. Un dato che strida con le giocate effettuate ogni anno di migliaia di euro dai “poveri possidenti” confrontate con le dichiarazione dei redditi presentatè.
A rivelarlo è la nuova indagine condotta dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business Ethics per Contribuenti.it Magazine dell’Associazione Contribuenti Italiani illustrata oggi a Bari nel corso del seminario “Riciclaggio, gioco d’azzardo ed evasione fiscale”.
“L’Italia ha il primato, in Europa, per la maggior cifra giocata al tavoli da gioco, una media quasi 2.430 euro a persona, che vengono sottratti all’economia reale, minorenni inclusi, il cui numero è passato in soli 3 anni da 860 mila unità a 4,2 milioni – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani. – L’erario si preoccupa più di fare cassa che combattere l’evasione fiscale accertando i giocatori nullatenenti”.
I giocatori in Italia sono 33,2 milioni, di cui 8,4 milioni giocano con frequenza settimanale. Il giro di affari nel 2013 potrebbe superare i 100miliardi di euro all’anno, in forte crescita rispetto ai 85 miliardi di euro del 2012, ai 78 del 2011 e agli appena 16 del 2003.
Anche il coinvolgimento di giocatori di età inferiore ai diciotto anni ha subito nel 2013 un forte incremento pari al 14,6%, ed in soli 3 anni sono passati da 860 mila unità a 4,2 milioni: a questa fascia è attribuibile il 37% di tutte le giocate.
I giocatori più incalliti sono quelli residenti in Molise con il 57%, segue la Campania con il 51% e dalla Sicilia 50,7%. In ultimo posto tro viamo quelli del Trentino Alto Adige con il 31,9%.
L’Associazione Contribuenti Italiani propone che vengano introdotte serie misure per combattere il gioco d’azzardo, l’evasione fiscale ed il riciclaggio come quella di applicare ogni anno il redditometro a tutti i giocatori previa identificazione degli stessi e di tutte le giocate, al fine di evitare non solo l’approccio dei minorenni, quanto anche il diffondersi di traffici illegali come il riciclaggio,l’usura e l’evasione fiscale, unitamente all’introduzione del divieto al gioco d’azzardo in tutti i luoghi pubblici.
Un’ulteriore proposta avanzata per combattere l’evasione fiscale e rilanciare l’economia del paese è quella di applicare su tutti i giochi legalizzati (IUG) un’imposta unica sostitutiva pari al 50% della vincita o di tassarle in dichiarazione dei redditi con l’aliquota ordinaria.
“Lo scopo delle istituzioni è quello di combattere l’evasione fiscale identificando tutti i finti poveri o nullatenenti – a fferma Vittorio Carlomagno, presidente dell’Associazione Contribuenti Italiani – non di certo quello d far cassa ad ogni costo chiudendo tutte e due gli occhi”.
Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Tav per i francesi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

La decisione della Francia di dichiarare i lavori della linea Torino-Lione “di pubblica utilità e urgenti” pone fine a tutti i dubbi circa la reale volontà del Governo francese rispetto alla realizzazione della Tav. Secondo la propaganda dei No Tav e dei ‘tecnici’ vicini al Movimento, al di là delle Alpi sarebbe in corso un ripensamento sull’opera tanto da ipotizzare un rinvio dei lavori al 2030. Anche esperti seri come quelli dell’istituto Leoni sono recentemente caduti in questa trappola. La Francia, invece, ha confermato di voler procedere e ha adottato strumenti normativi rapidi ed efficaci. Dimostrando che quando si è in presenza di un’infrastruttura di rilevanza europea non si può cedere di fronte a qualche Comune dissenziente né tanto meno di fronte a qualche centinaia di teppisti, provenienti da tutta Europa, che hanno fatto della Valle di Susa la loro palestra di lotta antagonista.
La decisione francese conferma anche la bontà della scelta del Governo italiano di dichiarare l’area del cantiere di Chiomonte ‘sito strategico di interesse nazionale’, senza che ciò abbia comportato alcun tipo di militarizzazione del territorio come continuano a ripetere i No Tav. C’è da augurarsi che di fronte ai provvedimenti adottati oltralpe cessino le strumentali disquisizioni sulle reali intenzioni della Francia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alemanno e i rifiuti a Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

“E’ davvero singolare che dopo 5 anni di sua assoluta inerzia e incapacità di affrontare il grave problema dei rifiuti a Roma l’ex sindaco Alemanno trovi oggi il coraggio di esprimersi con parole di disapprovazione verso l’operato della nuova Amministrazione che con serietà e senso di responsabilità sta invece finalmente riuscendo a individuare una via d’uscita per superare lo stato di emergenza”.Lo dichiara, attraverso una nota, il capogruppo del Partito Democratico in Campidoglio, Francesco D’Ausilio. “Bisognerebbe spiegare una volta per tutte all’ex primo cittadino che se ci troviamo in questa situazione è solo a causa della inadeguatezza evidenziata dalla sua giunta nel far fronte alla questione. Nel caso l’on.le Alemanno non lo avesse ancora compreso – conclude D’Ausilio – lui non è la soluzione ma il problema”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Empoli: Condizioni di vita degli ultra sessantaquattrenni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

Come stanno le persone con più di 64 anni residenti sul nostro territorio? Ce lo mostrano i risultati emersi dalle interviste telefoniche effettuate nel 2012 dal personale dell’Unità operativa Igiene e sanità pubblica e da quattro laureande dell’Agenzia per la formazione dell’Asl 11 su 350 cittadini selezionati nell’ambito dello studio “Passi d’argento”, un sistema di monitoraggio promosso dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie del Ministero della Salute.
L’Educazione alla salute del Dipartimento prevenzione dell’Asl 11 ha analizzato i dati ottenuti a livello territoriale tracciando un profilo complesso. Per quanto riguarda la propria salute, la percezione di stare bene è una condizione più frequente tra i maschi (53,2% contro il 30,7% delle femmine). Anche l’insoddisfazione per la vita è più elevata nelle femmine: 26 femmine su cento dichiarano di essere insoddisfatte contro 17 maschi su cento. Le problematiche inerenti la propria salute fisica sono la ragione principale del non sentirsi bene che riguarda oltre un terzo del campione. Il malessere principale è l’ansia, seguito dalla depressione e dallo stress. In questo caso non ci sono differenze tra femmine e maschi. I risultati ottenuti analizzando le abitudini di vita mostrano che chi fa uso di alcolici ha un’età media più elevata tra le femmine e più bassa tra i maschi ovvero con il progredire dell’età i maschi tendono a bere meno e le femmine a bere un po’ di più. Le quantità sono modiche e in genere vanno da 1 a 2 bicchieri di vino al giorno. In generale hanno fumato più i maschi (64,7% contro il 22% delle femmine). Al momento dell’intervista, invece, tra gli ultra 64enni si rileva una percentuale maggiore di femmine che dichiarano attualmente di fumare. Tra le malattie l’ipertensione è quella più comune, presente in oltre un terzo del campione. Seguono la bronchite cronica, l’insufficienza respiratoria ed il diabete. Ogni soggetto ha in genere più di una malattia diagnosticata dal medico e sono state rilevate 88 combinazioni diverse di malattie. La metà dei soggetti (52%) è stata visitata dal medico di medicina generale negli ultimi 30 giorni che hanno preceduto l’intervista, oltre i 3 mesi è stato visitato circa il 22% di soggetti. Esiste una relaziona significativa tra il tempo trascorso dall’ultima visita e altre variabili come l’età, il peso delle malattie e il valore di abilità.
Il 60% dei soggetti totali si è vaccinato contro l’influenza ma tra gli ultra 80enni questo valore sale fino al 90% circa.
L’attività sociale più frequente è parlare al telefono o incontrarsi per fare “quattro chiacchiere” (occupazione spesso sedentaria), sono poche le occasioni di “formazione” (4,6%), buona la partecipazione all’associazionismo (seppur senza specificazione). Meno del 13% partecipa a gite o soggiorni organizzati.
L’anziano costituisce una risorsa per la famiglia. Infatti, il 40% circa dei soggetti accudisce persone che appartengono al nucleo familiare.
Si rileva che le attività svolte in totale autonomia sono telefonare (79,7%), prendere le medicine (79,0%), cucinare e riscaldare i cibi (70,7%). Le attività svolte con minore autonomia sono invece spostarsi fuori casa, la cura della casa, fare il bucato, pagare le bollette. In generale, si può dire che le capacità di base, messe in atto autonomamente per soddisfare i bisogni primari, sono alimentarsi (93,1%), andare in bagno (84,6%), vestirsi e spogliarsi (82,0%), spostarsi in casa (80,2%). Ovviamente le abilità che rendono autonomi dipendono dall’età e si rileva che in generale dopo gli 83-84 anni molte funzioni necessitano di un aiuto o possono essere effettuate soltanto da altre persone. Per i soggetti meno indipendenti l’aiuto viene prevalentemente dei familiari (circa nel 90% dei casi), a seguire da persone pagate per aiutare (23%). Il giudizio complessivo sull’aiuto ricevuto è stato valutato buono dal 70% dei soggetti.
Circa la metà dei soggetti (47,7%) vive con il coniuge (o compagno di vita), solo il 18% vive da solo. La convivenza con i figli si ritrova nel 23% circa del campione. Oltre la metà (63%) vive in una casa di proprietà (propria o del coniuge), il 22% è in usufrutto (5,9%) o in case di familiari o di amici (16,2%). Solo il 15% circa è in affitto. Il 68% del campione riceve una pensione. Il titolo di studio più frequente è quello elementare (63%), solo il 3,3% dichiara di non possedere alcun titolo di studio. Il 6% circa percepisce “poco sicuro” il quartiere dove vive. L’accessibilità ai servizi essenziali quali comune, farmacia, medico di famiglia, negozi di alimentari (o supermercati) è abbastanza buona: l’80% dei soggetti dichiara di accedere facilmente a questi servizi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Strade e sicurezza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

L’Educazione alla salute del Dipartimento prevenzione dell’Asl 11 lavora dal 2003 sulla tematica della sicurezza stradale, mettendo in atto una serie di azioni educative rivolte ai giovani, che costituiscono la fascia della popolazione maggiormente interessata per la riduzione degli incidenti stradali.
Gli incidenti stradali, purtroppo, costituiscono la prima causa di morte soprattutto tra i giovani fra i 14 e i 25 anni. Il mancato rispetto delle regole, dei segnali stradali, la disattenzione alla guida, l’attitudine a considerare la guida reale come fosse un videogioco, nonché l’uso di sostanze (droga e alcol) contribuiscono a rendere insicura la loro circolazione su strada.
Al fine di ridurre l’incidentalità stradale negli ultimi quattro anni l’Educazione alla salute dell’Asl 11 ha realizzato progetti educativi che interessano tutti i gradi scolastici, dalle scuole dell’infanzia agli istituti di istruzione superiore, con l’obiettivo di ottenere un effetto duraturo nel tempo. Questi progetti, realizzati in collaborazione con i comandi della Polizia Municipale e di Polizia Stradale del territorio, con la Federazione Italiana Motociclisti, le amministrazioni comunali e gli istituti scolastici, ha coinvolto nell’anno scolastico 2012/2013 circa 4.500 studenti in percorsi formativi diversificati e mirati secondo le età dei destinatari. Nelle scuole dell’infanzia è stato attuato il progetto “Alla scoperta dei segnali stradali: la sicurezza è un tesoro” giunto ormai alla quarta edizione. Nei tre anni di attività precedenti sono stati coinvolti circa 3.500 bambini tra i 4 e i 5 anni. Il progetto prevede che i piccoli inizino a socializzare con i segnali stradali ed il loro significato, apprendendo i comportamenti corretti quando si cammina per le strade, quando si sale in auto con i genitori o si usa lo scuolabus. Grazie alla collaborazione attiva con i comandi di polizia municipale del territorio vengono realizzati giochi e simulazioni, eventi teatrali e alla fine del percorso i bambini vengono accompagnati a piedi o in scuolabus lungo un itinerario urbano per vedere l’applicazione pratica di quanto imparato nel corso dell’anno. Con i bambini della scuola primaria si riprende l’insegnamento della cartellonistica e dei segnali stradali, nonché si approfondiscono le loro conoscenze sulle regole della circolazione stradale, sul corretto comportamento del pedone e del ciclista. Il progetto elaborato per gli alunni delle Elementari è “La bicicletta, mobilità sostenibile e sicurezza” e, al pari di quello per le scuole dell’infanzia, è giunto alla quarta edizione. Finora ha coinvolto oltre 2.000 bambini tra i 9 e i 10 anni. Le attività educative sulla sicurezza stradale proseguono e si intensificano con gli studenti delle scuole secondarie di primo grado, che sono prossimi al conseguimento del patentino per ciclomotore e quindi alla loro prima esperienza di guida in strada con veicoli a motore. Questo progetto è stato realizzato per la prima volta durante l’anno scolastico 2005/2006 e ad oggi ha coinvolto oltre 13.000 studenti delle Medie. Le attività si basano sui concetti di sicurezza, rischio e pericolo, sulle cause più frequenti di incidente stradale ed i principali comportamenti che lo determinano, sui dispositivi di protezione, sull’effetto dell’alcol e di altre sostanze sulla guida. Viene, inoltre, introdotto il concetto di guida difensiva, che si basa sull’attuazione di una serie di accortezze per una maggiore consapevolezza alla guida, sviluppando la capacità di immaginare gli scenari possibili che potrebbero verificarsi secondo le manovre compiute.Nell’ambito di questo progetto didattico vengono utilizzati il simulatore di guida difensiva per mezzi a due ruote, gli “occhiali alcolici” che simulano gli effetti sulla visione provocati dall’alcol e viene distribuito ai partecipanti il “Manuale di guida difensiva, tecnica di sopravvivenza sulla strada” prodotto dall’Educazione alla salute dell’Asl 11. “Alcol ed altri ostacoli”, infine, è il progetto dedicato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado giunto alla quarta edizione, cui hanno partecipato oltre 4.000 studenti negli ultimi tre anni. Vengono proposti alcuni incontri informativi sui rischi derivanti dall’uso di alcol e altre sostanze, sulle conseguenze a livello civile e penale. Durante gli incontri viene fatto visionare loro materiale fotografico e video di incidenti realmente accaduti per indurre una riflessione sulla sicurezza stradale e per sensibilizzare al rispetto di comportamenti sicuri e delle regole per la circolazione stradale. Per valutare l’impatto delle iniziative didattiche l’Educazione alla salute dell’Asl 11 ha svolto indagini a distanza di un anno dalla conclusione dei progetti su un campione di studenti partecipanti e su un “gruppo di controllo” ovvero un campione di studenti che non hanno preso parte ai progetti. Il report “Insieme per la sicurezza, moltiplichiamo le azioni preventive. Indagine sulla ‘consapevolezza’” del gruppo di lavoro guidato da Alberto Silva dell’Educazione alla salute dell’Asl 11 ha dimostrato che esistono differenze statisticamente significative in termini di consapevolezza acquisita. I ragazzi che partecipano ai progetti per la prevenzione degli incidenti stradali acquisiscono maggiori abilità rispetto agli altri studenti.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pechino: Fiera del libro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2013

Resta alta l’attenzione del mondo del libro italiano per la Cina. Dodici le aziende italiane che tornano ancora una volta alla Beijing International Book Fair, in programma da domani, 28 agosto, al 1° settembre a Pechino. Una fiera che si conferma tra le principali manifestazioni internazionali del settore editoriale per lo scambio di diritti.Gli editori italiani saranno rappresentati in uno stand collettivo di 90 metri quadrati, organizzato dall’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (AIE): le case editrici 24 Ore Cultura, Pignatelli Palladini Titty Editore, Agave Edizioni, Ars Illuminandi, ATS Italia Editrice, Bologna Children’s Book Fair, De Agostini Libri-Edizioni White Star, Find Out Team, Gribaudo, Oliver Edizioni, Sassi Editore, Rai Eri saranno da domani a Pechino per la XX edizione della Fiera, che quest’anno avrà la Repubblica di Corea come Paese Ospite d’onore. Il potenziale di mercato per la Cina è grandissimo. Nel 2011 sono stati pubblicati in Cina 370mila titoli, 41mila in più rispetto al 2010. Si calcola che il 4% dei titoli pubblicati siano in traduzione, Nel 2011, i Paesi da cui si sono importanti più diritti sono Stati Uniti (4.553), Regno Unito (2.256), Giappone (1.982) e Korea (1.047). In Europa, i Paesi che hanno esportato di più sono stati Germania e Francia ma Italia e Spagna stanno crescendo a ritmi sostenuti.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »