Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 5 settembre 2013

Petersburg Community of Sant’Egidio: Appeal

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Syria

Syria (Photo credit: ewixx)

We address an urgent appeal to you so that we may come out of a state of impasse in front of the continuation of this tragic situation. We cannot wait any longer. The more this situation of conflict lasts, the more any hope for peace is consumed.We should soon find the way for a reasonable negotiation. The solutions are not simple. Syria is a mosaic of unique and fragile interpenetration of religious and ethnic minorities. It is located on the threshold of the ancient Middle Eastern fracture, made of old conflicts and open wounds. The war is likely to infect the whole region and especially it may easily overwhelm Lebanon. In addition to the legitimate interests of international security and those of neighboring countries, in Syria we witness the intertwining of delicate aspects of religious struggle and defense of minorities. The result is a complex geopolitical scenario, apparently uncompromising with the settlements designed in recent decades. Faced with a so deadly and geopolitically dense conflict, the temptation to powerlessness or to military shortcuts is strong.
As Community of Sant’Egidio, strong with a long experience of dialogue and commitment in the work for peace, we believe it is necessary to take decisive action to drive all the players on the road to a negotiated solution. Even in front of a disaster of similar proportions it is always possible to do something. We must defend the space of coexistence that – for better or worse – existed in the area. Gimmicks that lead to separate the various entities that make up the country today are not credible.Since the beginning of the Syrian crisis, the peaceful and dialogical positions were silenced. In their place, from both sides, the choice for armed confrontation prevailed. But it is now clear that there is no military solution. No winner will emerge from the current conflict, while the different positions will be ever more radicalized. It will be worse for everyone and especially for the Syrians who are suffering in such an unspeakable way.We must build a consensus in the international community: it does have sufficient power and authority to impose an immediate ceasefire. Only a truce may lead the parties to talk to each other, both Syrian and their respective allies. Well aware of the gravity of the situation, due to the extermination of innocent civilians and the use of prohibited weapons, the Community of Sant’Egidio with its experience in many conflicts and paths of peace, feels the need to reiterate that no one is able to win on the ground. To add violence to violence, by anyone, is a trap even for the best of intentions. To say that the solution in Syria is in negotiation does not express weakness, but political audacity. We are furthermore sure that a political settlement, and not a military solution, is the only one that history will not blame upon today’s leaders. Every international actor, in taking an intelligent and generous step towards the negotiation, will show both strength and credibility.We ask the G20 to express itself so that a people that is now hostage may find its future, so that the Syrians may speak to one another. Today, this possibility seems remote. International intervention should reopen the space for dialogue is the only possible solution before being all swept away in an even worse crisis. We appeal to you so that these arguments are firmly put on the agenda at the next G20 meeting in St. Petersburg.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe’s children speak to Pope Francis

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

English: Colombia: Humanitarian Assistance to ...

English: Colombia: Humanitarian Assistance to Refugees and Internally Displaced Persons Español: Asistencia humanitaria a desplazados en Colombia (Photo credit: Wikipedia)

At the end of the General Audience, a delegation form the Council of European Episcopal Conferences (CCEE) will present Pope Francis with a book of drawing and letters which children, representing the outskirts of the European nations, wanted to give to the Pope.
At the same time, a copy of the collection of drawings and letters will be signed by the Holy Father.The delegation which will present the collection of drawings and letters comprises:
– His Grace Mgr Đuro Hranić, Archbishop of Đakovo-Osijek (Croatia) and President of CCEE’s ‘Catechesis, School and Universities’ Commission;
– Don Michel Remery, CCEE Deputy General Secretary;
– Vasile S., a Moldovan child, who will be the ambassador of children on the outskirts of Europe, accompanied by his bishop, His Lordship Mgr Anton Cosa, Bishop of Chişinău (Moldovan Republic).
The war in Syria dramatically questions the international community. With more than 100,000 deaths, 4 million internally displaced persons and 2 million refugees, it represents a political and humanitarian crisis that threatens the stability of the whole Middle East and beyond.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rising Chronic Disease and a Gender Gap in Health Take a Growing Toll in Eastern Europe and Central Asia

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Washington, Men in Eastern Europe and Central Asia are more likely to die prematurely than women, a trend driven by rising levels of chronic diseases connected to alcohol use, poor diets, and smoking.In the region, the number of years of healthy life lost because of ischemic heart disease, or coronary artery disease, increased 18% between 1990 and 2010, cirrhosis 82%, and diabetes 11%. Alcohol use disorders also increased by 11% and cause more early deaths and disability than two decades ago.While women saw their mortality rates decline over four decades, men in some age groups have experienced increases in mortality and others have seen little or no progress. For men aged 25 to 29, mortality rates were nearly the same in 2010 as they were in 1970, despite improvements for men globally in this age group. For men aged 45 to 59, mortality rose between 1970 and 2010, and researchers attribute this in large part to rising levels of alcohol use.
Although communicable, newborn, nutritional, and maternal causes have decreased in number, health loss from these diseases still persists in certain countries across the region, such as in Azerbaijan, Kazakhstan, and Kyrgyzstan. “The rapid shifts in disease burden place poor people in low- and middle-income countries at high risk of not having access to appropriate services and incurring payments for health care that push them deeper into poverty,” said Timothy Evans, Director of Health, Nutrition and Population at the World Bank Group. “The data in these new reports are critical inputs to the efforts of policymakers in countries towards universal health coverage that aim to improve the health of their people, communities, and economies.”
The World Bank commissioned the first GBD analysis as part of its World Development Report 1993. Earlier this year, IHME presented GBD 2010 findings in meetings hosted by the World Bank. Bank officials saw how the GBD analysis could be applied to the Bank’s work in specific countries and began working with IHME on six regional reports.
The report also identifies the leading causes of disability in the region. Mental disorders such as depression and anxiety as well as low back pain, neck pain, and other musculoskeletal disorders contributed most to increasing levels of disability throughout Eastern Europe and Central Asia. Murray and his co-authors also call on countries to address the leading risk factors that cause the most disability and premature death. Dietary risks, high blood pressure, alcohol use, smoking, high BMI, and physical inactivity were all leading risk factors that contributed to increasing levels of mortality between 1990 and 2010. Household air pollution, iron deficiency, and suboptimal breast feeding caused the most illness in children.“Each country in Eastern Europe and Central Asia faces unique challenges brought on by changing risk factors,” said Heidi Larson, IHME’s Director of European Initiatives. “For policymakers, it will be critical to use these local data to develop solutions that work for each country while improving health in the region as a whole.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Day of Reflection for the Mining industry

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

The Pontifical Council for Justice and Peace is holding a Day of Reflection on environmental and social questions relevant to the mining industry, on Saturday 7 September. Leading executives will participate from some of the world’s most important mining companies: African Rainbow Minerals, Anglo American, AngloGold Ashanti, Areva, Baker Hughes, BHP Billiton, China Minmetals Corporation, Curis Resources, Fortescue, MMG, Newmont, Rio Tinto and Zamin Resources.
Also taking part in the Day of Reflection will be several Church representatives expert in issues of mining, a delegate of the Secretariat of State, the International Council on Mining and Metals, the World Gold Council, Caritas Internationalis and Oxfam America, for a total of about 40 persons.Thanks to previous meetings between mining executives and the Pontifical Council, the Day is meant to respond frankly to the several problems and challenges of mining companies in communities around the world. What are today’s challenges in the mining sector? what could be the industry’s goals? how can decision-makers best guide their corporations towards their short- and long-term objectives?
Upon these questions will touch the day’s final declaration which will be made available during the press conference to be held at the Pontifical Council for Justice and Peace, Palazzo San Calisto, Rome, Saturday 7 September at 5:45 p.m. Journalists will have the opportunity to ask questions of Cardinal Peter Turkson and some mining Executives, regarding the difficulties, the hopes and the challenges of their sector, and about the contribution of the Church’s Social Teachings to their shared reflections.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan: Vehicle Parking Management Systems in North America and Europe Nurtures a New Ecosystem

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

LONDON The parking industry has transformed dynamics in its operation with a different genre of participants including automotive OEMs exploring numerous opportunities in parking and expected to witness a major growth phase in this decade. Bundled services with apps are helping parking operators to ease their operations, business and positioning. Early stage growth opportunities will attract more than 20 new start-ups in the parking industry providing real-time parking applications with investments ranging from $200-250 millions in the next three to five years.“Participating in this web conference will help to understand the new parking ecosystem which combines technologies and participants from automotive, telecom and IT industry in parking in Europe and North American cities.” says Mr. Barua. “It is crucial to understand the growing interest among automotive OEMs to invest in the parking industry and be aware of strategic alliances currently developing within the parking industry.”“The parking industry has witnessed a few technology start-ups (e.g., ParkatmyHouse) leveraging the collaborative or shared economy business model in the United Kingdom for parking and facilitating completely online services designed to connect available vacant parking spaces with people looking to park their cars. This initiative recorded more than £5 million earnings to property owners who had let out their parking space. GottaPark, a parking start up, has helped more than 10,000 vehicle owners in North America for the last six years by offering a peer-to-peer parking business model with a recurring customer base. Streetline (in the United States and Europe) has combined technology and innovation to offer real-time parking solutions to on-street and off-street parking areas benefitting the city councils, traffic management centres, and commuters. These new business models and innovative ideas are paving the way for futuristic vehicle parking solutions,” summarises Mr. Barua. This web conference will benefit core parking operators, parking management companies, automotive OEMs, parking app providers, parking automation companies, technology providers, infrastructure providers, governments and municipalities.“A new parking ecosystem has developed in the industry with a collaborative consumption of parking and futuristic real-time parking assistance systems in European as well as North American cities,” Mr. Barua concludes.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Gli italiani non amano le aziende del farmaco

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Milano. Gli internauti italiani sembrano non amare le aziende farmaceutiche. Tra blog, social network, conversazioni sui Forum e search sui principali motori di ricerca, il web di casa nostra non mostra particolare affezione né per i produttori di farmaci né per le aziende di Medical Device: gli italiani, in rete, ne parlano poco, rispetto ad altri comparti industriali, ma soprattutto ne parlano male. È quanto emerge da un’indagine esclusiva, svolta tra gennaio e giugno 2013, dal mensile AboutPharma and Medical Devices in collaborazione con Netscreening, società specializzata nelle analisi di web reputation.
La ricerca appare sul numero di settembre del periodico edito da Hps – un’anticipazione dei risultati è disponibile sul sito internet del mensile, aboutpharma.com – e ha messo sotto la lente il traffico online, generato in Italia, riguardante 70 aziende farmaceutiche (italiane e straniere) e i principali produttori di dispositivi medici, selezionandone una quarantina tra quelli che presentavano la maggiore significatività statistica. Le aziende farmaceutiche sono state “analizzate” utilizzando il rispettivo brand come parola chiave.
La ricerca di AboutPharma e Netscreening ha rilevato che gli italiani, in rete, parlano pochissimo delle farmaceutiche: fatto cento il valore attribuito alle tendenze di ricerca dedicate al sistema industriale nel suo complesso, l’azienda Pharma che totalizza più “search” (Pfizer) è ben ultima, con indice 2, dietro a brand quali Samsung (88), Ikea (41), Fiat (28) e Kinder (4). Il tutto a dimostrazione che il posizionamento delle aziende del farmaco nei dibattiti on-line è poco significativo se confrontato con altri segmenti merceologici.Inoltre dall’analisi del “sentiment” sul segmento Pharma e Medical Device che emerge dalle discussioni via internet degli utenti italiani, risulta che in rete si dialoga di farmaci e dispositivi medici con atteggiamento per lo più neutro e distaccato (64%). Chi invece manifesta sul web emozioni più definite, non sembra provare grande affezione verso i produttori di farmaci: le manifestazioni di “sentimento negativo” si attestano al 27,6%. Meno “indigesto” il mondo dei dispositivi, con il 76,7% delle discussioni dal tono neutro e un sostanziale pareggio fra giudizi negativi e positivi (rispettivamente 13,25% e 10,05%).Con riguardo ai singoli brand, Pfizer guida la classifica della presenza sul web, con 4.578 discussioni (seguono Bayer e Novartis, notevolmente distanziate); Baxter, invece, si aggiudica il primo posto tra le aziende di Medical Device, ma bisogna tener presente che produce anche farmaci e l’indagine sulla ricorrenza del marchio non può tener conto della doppia veste produttiva.Inoltre determinati fatti specifici (uno scandalo internazionale, un’azione della magistratura oppure un “caso” terapeutico) mostrano tutta la loro capacità di incidere negativamente sulla percezione di brand, determinando così in molti casi una reputazione negativa dell’azienda in questione.La ricerca di AboutPharma è arricchita da commenti di osservatori ed esperti del mondo della comunicazione, da Alberto Contri (Pubblicità progresso) a Mario Pappagallo (Corriere della Sera) e il suggerimento è pressoché univoco: il comparto farmaceutico deve adeguarsi a nuove responsabilità e nuovi linguaggi. Il web, insomma, non può lasciare indifferenti. Soprattutto se tocca la reputazione aziendale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Facebook inchioda l’ex

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Image representing Facebook as depicted in Cru...

Image via CrunchBase

É proprio vero che Facebook é un occhio del mondo, assolutamente indiscreto, sulle nostre vite e le decisioni giurisprudenziali che hanno a che fare con il social network ormai si susseguono una dopo l’altra, tanto da farlo divenire addirittura uno strumento micidiale per procurarsi delle prove. Questa volta, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sottolinea come valga la pena segnalare un decreto pubblicato dalla prima sezione civile del tribunale di Santa Maria Capua Vetere in materia di separazione ma che é oltremodo interessante per come viene motivata la parte in cui ritiene utilizzabili anche in un giudizio i contenuti pubblicati sul social network Una donna, infatti, é stata letteralmente inchiodata in tribunale dall’ex marito che ha dimostrato come la stessa, dopo la separazione si sia legata ad un professionista, tanto che sul suo profilo risulta chiaro e senza alcun filtro per la privacy: «Impegnata con N.B.». Ove la N. sta per “Nino”, diminutivo di Gaetano, per l’appunto il professionista. E le immagini pubblicate sono altrettanto inequivocabili e poiché postate sul social network risultano alla mercé di tutti gli altri utenti diventano pubbliche e utilizzabili in giudizio. Quindi, anche dall’ex che non ha difficoltà a produrle in tribunale così evitando la modifica delle condizioni di separazione, nonostante il fatto che la donna sia stata nel frattempo licenziata dal posto di lavoro. La relazione con il professionista, infatti, le consente un tenore di vita corrispondente se non superiore a quello goduto in costanza di matrimonio. Nel caso di specie, il Tribunale campano ha respinto il ricorso della signora, nonostante la stessa abbia perso il posto dopo tredici anni di servizio. Intanto, non risulta provato dalla donna che da quando é stata licenziata si sia data da fare per trovare un nuovo lavoro. Ma é proprio Facebook ad inchiodare la ex moglie. Rileva il collegio che le fotografie e quindi i documenti postati sul social network possono essere acquisibili ed utilizzabili: “é noto, infatti, che il social network “Facebook”, si caratterizza, tra l’altro, per il fatto che ciascuno degli iscritti, nel registrarsi, crea una propria pagina nella quale può inserire una serie di informazioni di carattere personale e professionale e può pubblicare, tra l’altro, immagini, filmati ed altri contenuti multimediali; sebbene l’accesso a questi contenuti sia limitato secondo le impostazioni della privacy scelte dal singolo utente, deve ritenersi che le informazioni e le fotografie che vengono pubblicate sul proprio profilo non siano assistite dalla segretezza, che al contrario, accompagna quelle contenute nei messaggi scambiati utilizzando il servizio di messaggistica (o di chat) fornito da social network; mentre queste ultime, infatti, possono essere assimilate a forme di corrispondenza privata, e come tali devono ricevere la massima tutela sotto il profilo della divulgazione, quelle pubblicate sul proprio profilo personale , proprio n quanto già di per se destinate ad essere conosciute da soggetti terzi, sebbene rientranti nell’ambito della cerchia delle c.d. “amicizie” del social network, non possono ritenersi assistite da tale protezione, dovendo, al contrario, essere considerate alla stregua di informazioni conoscibili da terzi”. Ma v’é di più motivano i giudici che “nel momento in cui si pubblicano informazioni e foto sulla pagina dedicata al proprio profilo personale, si accetta il rischio che le stesse possano essere portate a conoscenza anche di terze persone non rientranti nell’ambito delle c.d. “amicizie”
accettate dall’utente, il che le rende, per il solo fatto della loro pubblicazione, conoscibili da terzi ed utilizzabile anche in sede giudiziaria”.Nella fattispecie, come per milioni di persone che hanno deciso di pubblicare la loro vita su Facebook, la signora ha diffuso foto che la riguardano nella propria vita personale ed in particolare la ritraggono con il nuovo compagno in vari momenti dell’anno, anche durante le vacanze.Potere di Facebook, insomma.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siria: situazione rifugiati

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Nella giornata odierna i ministri dei governi iracheno, giordano, libanese e turco hanno annunciato, di concerto con l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), di aver raggiunto un accordo per cercare congiuntamente un incremento urgente e sostanziale dell’aiuto internazionale alla regione che si trova a dover fronteggiare la presenza di due milioni di rifugiati fuggiti dalla Siria.Il ministro libanese degli affari sociali Wael Abu Faour, il ministro degli esteri giordano Nasser Judeh, il ministro degli esteri turco Ahmet Davutoğlu e il ministro degli esteri iracheno Hoshyar Zebari, si sono uniti all’Alto Commissario per i rifugiati António Guterres nell’esprimere grave preoccupazione per il peggioramento della situazione umanitaria nella regione e per l’impatto devastante che sta avendo sui paesi che ospitano un elevato numero di rifugiati siriani.
In un comunicato congiunto l’Alto Commissario e i ministri hanno dichiarato: “Ci troviamo di fronte a una drammatica escalation del conflitto siriano, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo di armi chimiche. Ci appelliamo con forza alla comunità internazionale affinché le divergenze esistenti vengano superati e si giunga insieme alla fine dei combattimenti. È necessario che vengano interrotte tutte le azioni che provocano flussi di rifugiati. Deve essere urgentemente raggiunta una soluzione politica per porre fine a questo ciclo di orrore. Non ci può essere una soluzione umanitaria alla crisi siriana; ci deve invece essere una soluzione politica che metta fine alla crisi umanitaria”.
L’accordo di mercoledì apre la strada a un segmento ad alto livello (High-Level Segment) a livello ministeriale che si terrà il 30 settembre nel contesto dell’incontro annuale del Comitato Esecutivo dell’UNHCR. Queste discussioni si prefiggono l’obiettivo di raggiungere il consenso su impegni di larga scala che implichino un sostegno sul piano umanitario e dello sviluppo in condizioni di emergenza. In questo contesto è anche previsto il coinvolgimento delle istituzioni finanziarie internazionali.
Tenendo conto dei rifugiati che si sono registrati o che sono in attesa di essere registrati, si può affermare che i paesi vicini alla Siria ospitano oggi più di due milioni di rifugiati siriani. Circa 720mila di questi rifugiati si trovano in Libano, 520mila in Giordania, 464mila in Turchia e 200mila in Iraq. In Egitto si trovano altri 111mila rifugiati siriani. Si stima che le cifre reali siano più elevate, dal momento che non tutti i rifugiati si registrano presso l’UNHCR. La presenza dei rifugiati ha avuto un impatto profondo su questi paesi.
In Libano la presenza di più di un milione di cittadini siriani ha prodotto devastanti ripercussioni economiche e sociali e ha creato una pesante pressione sulle popolazioni locali. Il numero di siriani attualmente registrati con lo status di rifugiati è pari o superiore al 18 per cento della popolazione del paese, con gruppi di rifugiati distribuiti in più di 1.400 diverse località. L’impatto è preoccupante, in particolare sulle delicate strutture demografiche, con la possibilità che si verifichino gravi conseguenze per la sicurezza. Sia il sistema educativo che quello igienico-sanitario sono esposti a una pressione insostenibile.
In Giordania, il flusso di rifugiati siriani ha comportato un incremento della popolazione dell’11 per cento che ha dovuto essere gestito nonostante le risorse limitate, l’economia in difficoltà, e servizi e infrastrutture sotto pressione. Molti rifugiati siriani vivono all’interno di campi profughi (140mila), ma la maggioranza di essi si trova nelle città e nei villaggi giordani (480mila). Questo aumento dei rifugiati ha comportato un’enorme pressione sulle risorse, sui servizi e sulle infrastrutture giordane. Bisogna inoltre tenere in considerazione che un repentino incremento della popolazione dell’ordine dell’11 per cento rappresenta per qualsiasi paese una seria minaccia alla sicurezza. L’accoglienza dei rifugiati nel 2013 è finora costata 2,016 miliardi di dollari solamente per quanto riguarda l’elettricità, l’approvvigionamento idrico, l’istruzione, il sistema sanitario, le spese degli enti locali, i prodotti sovvenzionati, insieme alla protezione e all’accoglienza.
In Iraq, paese già sottoposto a problemi di sicurezza e ad esodi interni di larga scala ben prima che iniziasse la crisi siriana, la popolazione di 160mila rifugiati siriani è ulteriormente aumentata di 40mila unità in seguito al recente arrivo di rifugiati provenienti dalle aree di conflitto nel nord e nel nord est della Siria. Le migliaia di rifugiati che vivono tra la popolazione locale, allo stesso modo di quelli che si trovano invece all’interno di campi profughi, si trovano in condizioni che diventeranno ben presto insostenibili in assenza di un aiuto più consistente.
In Turchia, il governo ha risposto al flusso di rifugiati siriani stanziando 2 miliardi di dollari. I rifugiati sono distribuiti all’interno di 21 campi profughi dove vengono loro garantiti un alloggio, assistenza sanitaria, sicurezza e altri servizi. Si ha già notizia di circa 250mila siriani che vivono fuori dai campi in località urbane, ma molti altri in attesa di registrazione si troverebbero nella stessa situazione.Il Comitato Esecutivo dell’UNHCR si riunirà il prossimo 30 settembre in presenza delle delegazioni ministeriali di tutti gli stati membri delle Nazioni Unite, dei vertici delle agenzie ONU e degli attori impegnati nella cooperazione allo sviluppo, oltre che di alti rappresentanti delle istituzioni finanziarie internazionali e delle organizzazioni non governative. Fino a questo momento la programmazione degli aspetti umanitari della crisi siriana è stata fatta sulla base di piani di azione – aggiornati periodicamente – stabiliti tra agenzie diverse. L’azione più recente ha riguardato l’appello lanciato in giugno per raccogliere 4,4 miliardi di dollari, dei quali circa 3 sarebbero serviti per soddisfare i bisogni umanitari e delle comunità locali per l’anno in corso nella regione che comprende i paesi vicini alla Siria.Alla fine di agosto la parte di questo appello che riguardava i paesi confinanti con la Siria risultava finanziata per circa il 40 per cento.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Educare nell’era digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Brescia. La cinquantaduesima edizione di “Scholé” , tradizionale appuntamento culturale che ogni anno chiama a Brescia oltre un centinaio di pedagogisti, apre i battenti domani 5 settembre presso il Centro “Mater Divinae Gratiae” e avrà come titolo Ad aprire la “due giorni” promossa dall’Editrice La Scuola e quest’anno dedicata al tema “Educare nell’era digitale”, sarà il Segretario generale della Cei monsignor Mariano Crociata che interverrà sul piano decennale della Conferenza episcopale italiana in relazione all’ emergenza educativa. Prima di lui la presentazione del segretario generale di “Scholé”, Luciano Pazzaglia e, a seguire gli interventi di Luciano Caimi, Don Felice Nuvoli, Loredana Perla, Pierpaolo Triani. Nel pomeriggio, con la presidenza di Carla Xodo le due relazioni di Giovanni Santambrogio (“Le trasformazioni sociali e culturali del web”) e Ruggero Eugeni (“La sfida educativa nella condizione postmediale”), alle quali seguirà il dibattito. Venerdì 6 settembre, la ripresa dei lavori, con la presidenza di Cosimo Laneve, altre due relazioni affidate a Pier Cesare Rivoltella (“La rivoluzione del libro digitale”) e Alessandro Antonietti “Psicologia della lettura del testo multimediale”), il dibattito e le conclusioni. “Scholé” può vantare al suo attivo, dal 1954 ad oggi (con qualche periodo di sospensione attorno al Sessantotto) cinquantuno convegni e una quarantina di pubblicazioni di atti che hanno consentito un monitoraggio continuo del mondo dell’educazione e della scuola, con una straordinaria attenzione al tema della “persona”, e un interesse ben oltre la comunità accademica. Nelle ultime edizioni la riflessione scientifica si è fatta sempre più aderente alle emergenze educative in uno stretto legame con l’attualità e le profonde trasformazioni succedutesi in contesti nei quali il mondo virtuale ha finito quasi per sovrapporsi a quello reale.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Fiat sfoglia la margherita

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Italiano: Sergio Marchionne

Italiano: Sergio Marchionne (Photo credit: Wikipedia)

Per il Piemonte, FIAT Mirafiori è un patrimonio di inestimabile valore che negli anni ha creato benessere, eccellenza e occupazione. A differenza del Presidente Cota noi siamo preoccupati sia delle migliaia di piccoli imprenditori che lottano ogni giorno sul mercato del lavoro, sia dei 5.300 lavoratori torinesi della casa automobilistica. Non solo, perché ai dipendenti di Mirafiori dobbiamo aggiungere tutti coloro che lavorano per le imprese dell’indotto del settore automotive. E’ per questo che negli anni abbiamo tenuto puntato il riflettore dell’attenzione su ogni movimento di FIAT e su ogni parola di Marchionne ed è per questo che oggi ancora non tiriamo fuori i bicchieri belli del brindisi perché, seppur soddisfatti delle intenzioni annunciate dall’amministratore delegato della casa automobilistica, vogliamo attendere di conoscere per quanto tempo ancora verrà chiesta la cassa integrazione straordinaria e vogliamo vedere i primi atti concreti del rilancio dello stabilimento. Vogliamo capire nel dettaglio quali saranno le tempistiche dell’operazione perché per troppe volte abbiamo assistito a marce indietro disarmanti e vogliamo inoltre conoscere, oltre al SUV, quale altro modello verrà messo in produzione perché non si tratta di un dettaglio di poco conto. La dirigenza FIAT lanci una bella operazione trasparenza, chiarisca tutti i dettagli e ci permetta di brindare tutti insieme, lavoratori compresi, ad un nuovo luminoso ciclo della casa automobilistica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: valorizzazione botteghe storiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

“Confermo il mio impegno per la valorizzazione e la tutela delle botteghe storiche e degli antichi mestieri”, Così la senatrice PD Daniela Valentini dopo l’incontro con le Associazioni Botteghe Storiche di Roma, Le Antiche Botteghe del Tridente e i Negozi Storici di Eccellenza, per recepire le osservazioni sul ddl “Norme per la tutela e la valorizzazione delle botteghe storiche e degli antichi mestieri” presentato dalla senatrice. “E’ stato un incontro ricco di contenuti e importanti osservazioni – ha spiegato la senatrice – sollevate da coloro che vivono ogni giorno le difficoltà legate al mondo degli antichi mestieri e che più di tutti possono contribuire ad ampliare il ddl. Le considerazioni addotte dalle Associazioni hanno interessato principalmente la tutela e la valorizzazione del capitale umano e la trasmissione dei saperi perché ci sia un trasferimento culturale di generazione in generazione; il miglioramento del sistema finanziamento alle attività produttive, per far si che questo si trasformi veramente in un “valore” che crei occupazione e ricchezza”. “Sono state inoltre rilevate – ha proseguito Valentini – le difficoltà dovute al problema del caro affitti, dell’accesso ai bandi pubblici per il restauro dei beni artistici e della necessità di deroghe specifiche per l’utilizzo di strumenti e macchinari tradizionali necessari per l’esecuzione delle antiche e consolidate tecniche di lavorazione”. “Abbiamo voluto assicurare alle Associazioni che le loro considerazioni verranno affrontate nel ddl così come è nostra intenzione proseguire con loro un proficuo confronto per tutto l’iter legislativo del ddl per raggiungere insieme l’obiettivo di avere al più presto uno strumento concreto da affidare nelle mani dei cittadini”, ha concluso la senatrice Daniela Valentini.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciclo di conferenze della Scuola di Posgrado del Collegio degli Avvocati di Buenos Aires

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Downtown Buenos Aires, from the Sheraton Hotel.

Downtown Buenos Aires, from the Sheraton Hotel. (Photo credit: Wikipedia)

in collaborazione con L’ITALIANO, su aspetti giuridici e culturali La Scuola di Posgrado del Collegio degli Avvocati di Buenos Aires ha stabilito vincoli di mutua collaborazione col quotidiano L’ITALIANO e con le principali istituzioni italiane in Argentina, specialmente con l’Ambasciata e col Consolato Generale di Buenos Aires.
Frutto di questa collaborazione è un ciclo di conferenze su aspetti del diritto italiano comparato, focalizzati sugli aspetti anche culturali, che servono alla formazione dei professionisti in ciascun ambito dei temi trattati, che spaziano dalla cittadinanza alle pensioni, alle piccole e medie aziende, al sistema giudiziario italiano, alla gastronomia ed ai programmi universitari, La data d’inizio del ciclo di sei conferenze inizio sarà il 23 Settembre.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La casa vacanza più piccola d’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Su Casevacanza.it è possibile affittare la casa vacanza più piccola d’Italia. Meno di dieci metri quadri per un concentrato di tecnologia che riesce a rendere superflui i grandi spazi di una stanza d’hotel.
Sul sito, leader in Italia per gli affitti turistici e parte di Gruppo Immobiliare.it, è presente il bizzarro annuncio relativo ad un monolocale, sito nel pieno centro storico di Roma, ristrutturato con materiali di pregio: un loft in miniatura, con mattoni a vista e soffitto in legno, arredo di qualità ed elementi di domotica che lo rendono funzionale nonostante il poco spazio. Il tavolo da pranzo all’occorrenza scompare, il divano diventa letto, la TV ha l’impianto hi-fi incorporato e il wireless rende connessi tutti i device tecnologici.La casa vacanza più piccola d’Italia (lunga appena quattro metri) era stata edificata nel XVIII secolo e fino agli anni Trenta del Novecento è stata abitata; poi sono cambiate le esigenze di spazio degli italiani ed era stata abbandonata a se stessa.

Posted in Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Capodanno ebraico

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

“Voglio rivolgere alla Comunità Ebraica i miei migliori auguri in occasione del Rosh haShanah, il tradizionale Capodanno che questa sera aprirà il 5774esimo anniversario dalla creazione del mondo. Un’occasione di riflessione e di raccoglimento per i cittadini della comunità ebraica più antica d’Europa, quella romana, e per tutti noi, con l’auspicio che sia un anno colmo di gioia e foriero di pace”. E’ quanto dichiara, attraverso una nota, il capogruppo del Partito Democratico in Campidoglio, Francesco D’Ausilio.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Progetto mission

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

refugee

refugee (Photo credit: my stification)

La RAI, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e INTERSOS hanno seguito con molta attenzione il dibattito sviluppatosi sui media relativo al programma Mission e ritengono importante fare alcune precisazioni in merito alla trasmissione e alle sue finalità.
Per quanto concerne la trasmissione televisiva, riteniamo necessario ribadire che non si tratta in alcun modo di un “reality” ma di un progetto di social TV nel quale alcuni volti noti, che non saranno remunerati salvo un rimborso spese, per un periodo di tempo limitato ma significativo affiancheranno gli operatori umanitari di UNHCR e INTERSOS nel loro lavoro quotidano di protezione e assistenza ai rifugiati.
Il grande pubblico avrà la possibilità di vedere – senza finzioni sceniche – come realmente si svolge la giornata tipo in un campo rifugiati e di conoscere da vicino i problemi di chi vive e lavora nel campo, ovvero i rifugiati e gli operatori umanitari. Le attività di cooperazione portate avanti in crisi umanitarie dimenticate come nella Repubblica Democratica del Congo sono estremamente complesse e abbracciano una moltitudine di aspetti umanitari, tecnici, logistici, economici, culturali, sociali, politici, ecc. L’obiettivo di Mission è di provare a raccontare tutto questo con un linguaggio non tecnico, semplice e accessibile a tutti attraverso la partecipazione di personaggi popolari familiari al pubblico di RAI 1.La collaborazione al programma dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e di INTERSOS, coerentemente con il mandato e l’esperienza delle due organizzazioni, rappresenta una garanzia per la tutela della dignità dei rifugiati ed il rispetto dei loro diritti. In piena sintonia con la RAI, le organizzazioni si sono impegnate a tutelare chi non ha voluto essere ripreso dalle telecamere, per proteggere l’identità delle persone a rischio e per dare una possibilità a tutti coloro i quali hanno espresso invece il desiderio di poter raccontare la loro storia e di essere finalmente ascoltati, mettendo fine al silenzio e all’indifferenza. Mission rappresenta quindi un’importante novità che non solo darà voce a chi ha deciso di raccontare la propria storia ma anche la possibilità a molte persone di ascoltare e di sapere, contribuendo a ridurre la marginalità mediatica dell’umanitario.Nel mondo le persone costrette ad abbandonare le proprie case a causa di guerre, violenze e persecuzioni sono oltre 45milioni. “Le loro storie troppo spesso sono taciute, ignorate, dimenticate e per questo abbiamo deciso di accettare la proposta della RAI di partecipare a questo progetto“ dichiara Laurens Jolles, Delegato UNHCR per il Sud Europa. “Per la prima volta, il lavoro umanitario – che per definizione non fa “notizia” e che quasi mai guadagna l’attenzione dei media – verrà raccontato attraverso la testimonianze dei personaggi scelti dalla RAI. Si tratta di persone che hanno grande familiarità con il pubblico delle prime serate di RAI 1, capaci di avvicinare le famiglie italiane al dramma dei rifugiati”.
INTERSOS da sempre lavora in prima linea per difendere e aiutare le persone in fuga dalle guerre e dai disastri naturali contribuendo a garantirne dignità e sicurezza” – sottolinea Marco Rotelli, segretario generale INTERSOS – “Quando RAI ha deciso di portare al grande pubblico questo difficile tema, abbiamo apprezzato che si sia rivolta a noi e UNHCR per tutelare al massimo la sicurezza e la dignità dei rifugiati, in piena sintonia con i nostri mandati di organizzazioni umanitarie”.

Posted in Recensioni/Reviews, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rete diabetologica in Italia: Da smantellare?

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Un incontro urgente con il Ministro Beatrice Lorenzin, e con l’Assessore Luca Coletto, Coordinatore della Commissione Salute in Conferenza delle Regioni, è stato richiesto da FAND-Associazione Italiana Diabetici, in collaborazione con Diabete Italia, l’organizzazione che raggruppa le società scientifiche diabetologiche e della medicina generale, le associazioni di volontariato e degli operatori sanitari in diabetologia, a seguito dell’ennesima ipotesi prospettata da una Regione di depotenziare la rete dei Centri diabete.Dopo la delibera di Giunta della Regione Veneto del 18 giugno scorso, che propone un taglio netto a strutture diabetologiche venete esistenti da moltissimi anni, ed esclude la diabetologia dalle “Schede di dotazione ospedaliera” regionali, è la volta della Regione Marche.
Con la bozza di riordino del sistema delle reti cliniche trasmessa dalla Giunta regionale marchigiana alla Commissione sanità si prevede, infatti, anche un ridimensionamento della rete diabetologica regionale.
Ciò, “in netta controtendenza e contrasto con la lungimirante Legge regionale 23 febbraio 2009 n. 1, che per prima in Italia ha provveduto a realizzare un sistema integrato di prevenzione e cura della patologia diabetica e delle sue complicanze, volto ad assicurare agli utenti l’erogazione di prestazioni uniformi, appropriate e qualificate, nel rispetto dei principi previsti dalla legislazione statale e garantendo, in particolare, la gestione integrata del paziente diabetico”, come hanno già denunciato le associazioni locali delle persone con diabete in un comunicato a firma del Coordinatore regionale FAND Emilio Benini, supportato dai Consiglieri nazionali Carlo Bonvini e Giuseppe Ferrandes.
“Il diabete colpisce oggi oltre 3 milioni di persone in Italia, e la malattia è sempre più diffusa. Coinvolge oggi il 5,5% della popolazione; era ‘solo’ il 3,4% nel 1993, con una crescita, ad oggi inarrestabile, del 60% in 20 anni”, ricorda Egidio Archero, Presidente FAND e Vicepresidente Diabete Italia.“Il diabete costa ogni anno oltre 10 miliardi di euro al sistema sanitario e più di metà della spesa è legata a ricoveri ospedalieri per cattivo controllo della malattia – prosegue. Sono così sicuri i nostri amministratori che tagliando le cure e peggiorando lo stato di una rete di centri diabetologici riconosciuta come uno dei fiori all’occhiello della nostra sanità si otterrà un vero risparmio, come sembrerebbe nelle loro intenzioni?” si chiede retoricamente Archero.”Il caso Marche è paradigmatico. Da anni la regione presenta un tasso di ospedalizzazione per diabete scompensato e per complicanze legate al diabete inferiore rispetto alla media nazionale; anche il consumo di farmaci antidiabetici a livello territoriale è stabilmente al di sotto del dato nazionale. In questo scenario di buona sanità si decide di smantellare la rete diabetologica. Decisione indolore per amministrativi e politici che saranno in tutt’altre faccende affaccendati quando quei dati, fra qualche anno, peggioreranno, ma che le persone con diabete cominceranno a scontare nel loro quotidiano immediatamente”, denuncia Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia.“Nessuno nega la necessità di riordinare e ottimizzare le risorse. Cionondimeno i cittadini diabetici hanno il diritto/dovere di chiedere allo Stato su quale linea del Piave si arresterà la Caporetto del SSN. Pare curioso, per usare un eufemismo, che nell’anno in cui il nostro Paese si dota di un Piano nazionale per la malattia diabetica, volto a contrastare quella che, a detta di tutti, politici, medici, amministratori, pare essere una delle più importanti sfide per la sanità del futuro, le prime azioni intraprese siano quelle di smantellare i presidi alla base di quest’azione di contrasto”, conclude amaramente Caputo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: competitività e austerità

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

English: Official logo of the World Economic F...

English: Official logo of the World Economic Forum. (Photo credit: Wikipedia)

La perdita di posizioni di competitività dell’economia italiana certificata dai dati del World Economic Forum – dichiara il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – non è che la prova di quanto male stiano facendo al paese le politiche recessive fino ad ora adottate e i ritardi nell’approvazione di quelle riforme in grado di ridisegnare in meglio l’assetto strutturale italiano. Il 49esimo posto tra le 148 economie censite – continua Tiso – è infatti il risultato di diversi anni di immobilismo, dell’adozione nell’ultimo quinquennio di politiche recessive, della mancanza di una visione strategica e della pesante struttura del mercato del lavoro: troppo ingolfato dalla burocrazia e da sistemi ormai superati. Esistono diverse autorevoli soluzioni alla difficile situazione economica venutasi a creare, ma prima di tutto c’è bisogno di una maggiore capacità di ascolto da parte dell’esecutivo, troppo impegnato in beghe interne che nulla hanno a che vedere con la vita dei cittadini. Investire nel mondo agricolo è una scelta che tutti i principali indicatori economici, considerate le specificità italiane, ritengono la più idonea per superare la crisi; ciò nonostante il governo non presta la giusta attenzione a questa ipotesi e rilega ancora oggi l’agricoltura ad un semplice aggregato economico. L’auspicio – conclude Tiso – è che si verifichi quanto prima una chiara inversione di tendenza e una presa di coscienza su cosa rappresenti il primario in Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Santanchè e la “pitonessa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2013

Paolo Santanchè (chirurgo plastico, ex marito Daniela Santanchè) a La Zanzara su Radio 24: “Pitonessa? E’ un soprannome che deriva da una vecchia barzelletta che non si può raccontare perché siamo in fascia protetta. Era l’unica barzelletta che lei raccontava sempre quando stavamo insieme, anche perché se ne ricordava poche”. Questa la rivelazione di Paolo Santanchè, ex marito di Daniela Santanchè, chirurgo plastico, a La Zanzara su Radio 24. Ma qual è la barzelletta, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo?: “Quella del coniglio e della pitonessa, fatevela raccontare da lei, è carina. Poi Santanchè dice: “Ci siamo conosciuti quando lei venne da me per rifarsi il naso. Aveva 21 anni. Continuare a portare il mio nome è stata una concessione fatta in sede di divorzio perchè all’epoca nel mondo del jetset era conosciuta come mia moglie, e io sono un chirurgo abbastanza conosciuto. Lei sostenne che avrebbe avuto un danno se non gli avessi concesso il cognome, perchè nessuno la conosceva con il suo cognome. Ormai non ci penso più, non è un problema assillante, ma è una cosa stravagante e incoerente per una sostenitrice delle donne non portare il suo cognome. Io sono un amante della coerenza che è una virtù in via di estinzione e questa cosa qui non riesco a capirla. Ma io sono un uomo all’antica e ho una parola sola. Abbiamo fatto un accordo e non ritorno sui miei passi”. “Leggo che lei si vanta di avermi portato un sacco di clienti – dice Paolo Santanchè – ma per fortuna mi sono arrivati da soli. Certo, lei faceva pubbliche relazioni ma quando l’ho conosciuta ero già un chirurgo plastico molto noto perchè ero uno dei pochi che faceva la liposuzione”. “Con me Daniela si è rifatta solo il naso – dice ancora Paolo Santanchè- il resto non lo so. Difficile capire da una foto, bisogna vedere i particolari. Può darsi che abbia fatto qualche punturina, l’hanno fatto tutti. Ma non so, non la vedo da tanti anni. Quando io decido di tagliare, taglio”. Ma lei affiderebbe alla Santanchè l’amministrazione di un condominio?: “Io non darei da amministrare nulla a nessun politico, non conosco un politico a cui affiderei qualcosa, non ci sono persone affidabili. E’ una tragica verità. Non conosco nessun politico che sia una persona affidabile. Però Daniela mi sembra in grado di guidare Forza Italia. Alfano? Un personaggio insignificante. Con Berlusconi lei è stata incoerente, prima contro e poi pasdaran? Sì, a me piacciono altri politici, ma solo i cretini non cambiano idea”

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »