Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 9 settembre 2013

CCEE-CEC together for peace

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Statement from the President of the Conference of European Churches (CEC) and the President of the Council of European Episcopal Conferences (CCEE)In the face of the suffering, destruction and death which the noble Syrian people have been enduring for too long, we reaffirm our ‘No’ to war.At this time our thoughts are especially with all the Christian faithful and their families who have been particularly affected by the conflict in Syria, through killings and a mass exodus which risks wiping out a more than thousand-year-long presence in that area of the world.We are aware that true peace can only come from God. To him we must entrust the anguished hearts of humanity, to him we must pray for our inner peace and that of the peoples in conflict.
We invite all the faithful of our Churches in Europe to unite with us and the international community in the day of fasting and prayer for peace in Syria, Saturday 7 September, proposed by Pope Francis.
To all nations, especially those gathered at St Petersburg for the G20 summit, we want to send a reminder, along with the Archbishop of Canterbury, Justin Welby, Pope Francis and many other leaders of our Churches, to put first the path of dialogue rather than arms.
We exhort everyone to look to God to enter on the path which brings an end to hostilities, putting weapons down and opening the way to negotiation, dialogue, reconciliation and peace. It is never too late to build a future together. This peace so longed for can only be achieved together, never by the abuse of one over the other.
We are sure that, with God’s help, good sense can prevail and bring about a peaceful living side-by-side in truth, justice, love, freedom and respect for all minorities, especially the Christians in the country.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sistema Comune Europeo d’Asilo: un traguardo ancora lontano

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Il cammino verso il raggiungimento di un Sistema Comune Europeo di Asilo giusto ed efficace è ancora lungo, nonostante gli sforzi degli ultimi 12 anni per armonizzare le politiche di asilo nazionali e l’adozione del “pacchetto asilo” a giugno 2013.
La ricerca pubblicata dall’European Council on Refugees and Exiles (ECRE) sui sistemi di asilo in 14 Stati membri dell’Unione Europea, e curata per l’Italia dal Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR), evidenzia grandi differenze rispetto alle norme procedurali, alla tutela dei diritti, ai servizi d’integrazione e all’uso della detenzione amministrativa dei richiedenti asilo.“Come possiamo aspettarci che i rifugiati siano in grado di spiegare le ragioni che li hanno costretti a fuggire dai loro paesi, ad affrontare una procedura legale molto complessa quando in diversi casi non sono né assistiti da un avvocato né da un interprete qualificato, o quando, molto spesso, devono dormire per strada o in accampamenti di fortuna, o quando l’aver trascorso mesi in centri di detenzione sovraffollati li ha lasciati psicologicamente segnati?” ha dichiarato Michael Diedring, Segretario Generale dell’ECRE, alla presentazione del rapporto “Non ci siamo ancora: la prospettiva delle ONG sulle sfide per un Sistema Comune di Asilo giusto ed efficace”.Nel rapporto si sottolinea come in molti Paesi non sia garantita l’assistenza legale durante la procedura spesso complessa per il riconoscimento della protezione internazionale, e di come non siano predisposti servizi qualificati di interpretariato. Inoltre, in caso di diniego dello status, tempi limitati per presentare ricorso in caso di una prima decisione negativa alla richiesta d’asilo rendono di fatto impraticabile l’appello. E’ quanto accade, ad esempio, nel Regno Unito, dove sono accordati solo 2 giorni per presentare ricorso.Un’altra questione cruciale analizzata dall’ECRE è quella riguardante la detenzione amministrativa di richiedenti asilo, misura largamente diffusa in Europa, che riguarda invece in modo limitato l’Italia e che in Grecia è stata estesa anche ai minori non accompagnati, detenuti nelle stesse condizioni degli adulti.“Sono tanti i casi di difformità di trattamento nei confronti dei richiedenti asilo in Europa che condizionano fortemente le vite di queste persone: pensiamo, ad esempio, alle condizioni di accoglienza o ai tassi di riconoscimento della protezione. In Italia, in particolare, l’accesso ai centri di accoglienza è estremamente difficoltoso, sono molti i richiedenti asilo, infatti, che si trovano settimane, a volte mesi, a vivere per strada nelle città che dovrebbero accoglierli. Date queste condizioni si teme sempre più l’impatto che la crisi siriana possa avere su un sistema di accoglienza già in forte sofferenza. Se si confronta questa situazione con quanto succede in un paese come la Svezia, che mette in campo un sistema con più di 41.000 posti a fronte dei circa 11.000 disponibili in Italia, si comprende quanto sia diversa l’aspettativa di vita materiale di chi arriva nei diversi paesi dell’Unione. D’altra parte, in Italia, i tassi di riconoscimento di protezione sono tra i più alti d’Europa. E’ per questa ragione che si assiste, ad esempio, al ritorno in Italia di rifugiati di origine afgana, che hanno ricevuto un diniego alla loro richiesta d’asilo proprio nei paesi del Nord Europa, e che rientrano nel nostro paese per vedersi riconosciuta una forma di protezione. In questa Europa sembra contare più la fortuna che il diritto, più che un sistema di protezione e asilo comune sembra di essere in una lotteria per richiedenti asilo e rifugiati” dichiara Christopher Hein, direttore del CIR.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una strategia per la pesca nell’Adriatico e nello Ionio

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Il Parlamento dovrebbe reiterare la sua richiesta per una strategia macroregionale per la pesca nel mare Adriatico e nello Ionio al fine di promuovere lo sviluppo economico e l’integrazione europea in quella zona, secondo un progetto di risoluzione non legislativa in votazione martedì.Sviluppo sostenibile del settore della pesca e dell’acquacoltura, sostegno all’occupazione e protezione dell’ambiente dovrebbero essere le linee direttrici di una strategia per la pesca nell’Adriatico e nello Ionio, secondo il progetto di risoluzione preparato dal deputato italiano Guido Milana (S&D).La risoluzione rappresenta la risposta del Parlamento a una comunicazione della Commissione del dicembre 2012 sulla necessità di una più intensa cooperazione tra i paesi e le regioni che si affacciano sul mare Adriatico e sul mar Ionio.Dibattito: lunedì 9 settembreVotazione: martedì 10 settembreProcedura: risoluzione non legislativa

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Olimpiadi del 2024?

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

English: Nicola Zingaretti Italiano: Nicola Zi...

English: Nicola Zingaretti Italiano: Nicola Zingaretti (Photo credit: Wikipedia)

Roma. Dove vivono il presidente del Consiglio, Gianni Letta, il Sindaco della Capitale, Ignazio Marino e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti? A Roma, direbbe qualcuno. Abbiamo dei dubbi, perche’ la storia dei grandi appuntamenti sportivi depongono a sfavore della scelta di Roma come sede per le Olimpiadi del 2024. Ricordiamo quella dei Mondiali di Nuoto del 2009 e del relativo Polo Natatorio progettato dall’architetto Calatrava: mai portato a termine, in stato di abbandono e costato 250 milioni di euro. Dei mondiali di calcio e’ bene ricordare i costi dello stadio Olimpico, passati da 80 a 230 miliardi di lire. Ci aggiungiamo la situazione caotica del traffico romano, le interruzioni del servizio metro durante i temporali e le vicende della costruenda linea C della metropolitana, emblema della incapacita’ progettuale capitolina. Come ciliegina finale, vorremmo ricordare che le olimpiadi costano. Per quelle del 2020 erano previsti circa 10 miliardi di euro, due volte e mezzo l’IMU. Per quelle del 2024 la cifra sara’ maggiore. Dove si prenderanno? Dalle tasche dei contribuenti, ovviamente! (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’anticoagulante Xarelto della Bayer

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

L’anticoagulante Xarelto della Bayer secondo quanto riportato da alcuni media tedeschi avrebbe causato alcuni casi di effetti collaterali negativi – quasi 1.000 di quest’anno, e fra questi si segnalerebbero ben 72 decessi.L’Istituto federale per i farmaci e i dispositivi medici tedesco (BfArM) ha registrato un numero crescente di casi sospetti che sarebbero connessi all’utilizzo dell’anticoagulante Xarelto della Bayer. Nel 2012, medici e pazienti avrebbero segnalato alla BfArM un totale di 750 casi sospetti per reazioni avverse, tra cui 58 decessi, mentre solo nei primi otto mesi di quest’anno sarebbero già 968 i casi di effetti avversi, con 72 morti, come ha annunciato l’autorità a seguito di un’inchiesta della rivista “Der Spiegel”. Tuttavia, la BfArM ha sottolineato che “un nesso causale tra farmaco e effetti collaterali non è certo.”Lo Xarelto è uno dei prodotti commercialmente più importanti della Bayer e dovrebbe portare più di due miliardi di euro l’anno nelle casse della multinazionale farmaceutica in tutto il mondo. Basti pensare che nella sola Germania, il numero delle dosi giornaliere prescritte è stato pari a 0,7 milioni di euro nel 2011, ma è aumentato a 25,5 milioni nel 2012, come risulta dal rapporto 2013 sulla prescrizione di farmaci che sarà pubblicato giovedì a Berlino.
Pur evidenziando che anche la Bayer non ha dato peso a tali eventi dal momento che sarebbero solo “segnalazioni spontanee” di medici e consumatori, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, invita l’Agenzia Italiana per il Farmaco (AIFA) a fare le opportune verifiche per eliminare ogni dubbio fra gli operatori sanitari ed i pazienti.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Somalia: bambini a scuola

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Nell’ambito dell’iniziativa Go 2 School, le autorità somale lanciano una vasta campagna con l’obiettivo di dare ad un milione di bambini l’accesso all’istruzione. Il lancio avviene oggi, Giornata Mondiale per l’Alfabetizzazione, a Mogadiscio, Garowe (Puntland ) e Hargeisa (Somaliland).La campagna, portata avanti dalle autorità scolastiche e sostenuta dall’UNICEF e da altri partner internazionali, avrà la durata di tre anni: l’intenzione è di dare ad un quarto dei giovani attualmente fuori del sistema scolastico la possibilità di studiare.I tassi di iscrizione in Somalia sono tra i più bassi del mondo. Solo quattro bambini su dieci frequentano la scuola. Molti iniziano la scuola primaria in ritardo rispetto all’età scolare regolare di ingresso (sei anni), molti altri abbandonano gli studi precocemente. Le iscrizioni alla scuola secondaria sono ancora più basse. La situazione per le ragazze è ancora più difficile: solo un terzo delle ragazze nella Somalia centrale e meridionale è iscritto a scuola e molte abbandonano prima di completare la loro istruzione primaria.L’iniziativa prevede l’istruzione di base per bambini tra i 6 e i 13 anni, nonché l’istruzione alternativa per i bambini che sono fuori dal circuito normale scolastico, come i pastori e gli sfollati. Ci sono anche piani per la formazione di competenze di base per mezzo milione di ragazzi tra i 14 e i 18 anni di età, che sono spesso visti come nella fascia di età più a rischio di essere reclutati in gruppi armati o bande criminali. Inoltre, per raggiungere i genitori e convincerli a portare i loro figli a scuola, saranno portati avanti piani che prevedono la costruzione e la ristrutturazione di scuole, oltre che attività di formazione.”Go 2 School è molto ambiziosa, ma è una iniziativa fondamentale e realizzabile”, ha detto Sikander Khan, Rappresentante UNICEF per la Somalia. “L’istruzione è la chiave per il futuro della Somalia – abbiamo già perso almeno due generazioni. Una gioventù istruita è uno dei migliori contributi al mantenimento della pace e della sicurezza in Somalia. So che i genitori somali riconoscono questo – e credo che la comunità internazionale lo valuti positivamente” . L’iniziativa Go 2 School, che costerà 117 milioni di dollari su tre anni, è sostenuta da UNICEF, WFP e UNESCO, insieme a diverse ONG internazionali. I fondi provenienti da Unione Europea, USAID e Dipartimento britannico per lo sviluppo internazionale, DFID sono stati indirizzati ad un consorzio di ONG. Giappone, Partnership Globale per l’Istruzione e Agenzia per lo sviluppo internazionale danese, DANIDA, hanno assunto impegni, mentre altri hanno manifestato interesse. Finora ci sono stati impegni o promesse che coprirebbero il 50% del finanziamento richiesto per gli anni scolastici 2013/14-2015/2016.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ancora attacchi alla privacy

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

16 paesi, Stati Uniti in primis, hanno chiesto a Yahoo! tra i principali portali internet globali, di fornire informazioni sui propri utenti nei primi sei mesi del 2013.Nessun dubbio, che queste richieste ci siano state perché Yahoo! lo ha comunicato ufficialmente venerdì: sono, infatti, ben 29 mila le richieste di informazioni sui suoi utenti provenienti da 16 paesi ricevute sin dall’inizio dell’anno, ma la stragrande maggioranza dall’amministrazione americana. Nella sua prima relazione denominata “trasparenza”, il motore di ricerca ha detto di aver ricevuto 12.444 richieste da parte delle autorità statunitensi nei primi sei mesi del 2013. Si tratta di tutti i tipi di richieste di dati, ha sottolineato Yahoo!, sia da autorità giudiziarie o dalle autorità degli Stati Uniti di sicurezza nazionale in virtù della legge FISA (Foreign Intelligence Surveillance Act) e NSL (nazionali Lettere di sicurezza). Ma il governo degli Stati Uniti, ha sottolineato la società, “ci proibisce di rivelare ulteriori dettagli sul numero di applicazioni”. Ron Bell, il principale membro dell’ufficio legale di Yahoo! ha tentato comunque di rassicurare il pubblico dichiarando che “che le richieste dei governi sono fatte legalmente e agli effetti di legge.” Se é pur vero che, per quanto dichiarato da Yahoo! nel 55% dei casi sono state fornite informazioni “senza contenuto”, come nomi o la geolocalizzazione, e per il 6% non si riescono a fornirne, resta circa un 40 % di dati per così dire più significativi o meglio invasivi che, comunque, per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” vanno a ledere la sfera della riservatezza degli utenti.Tra i 16 paesi e territori richiedenti Yahoo! ci sono in Australia , Hong Kong, l’ India , Nuova Zelanda, Taiwan, Francia, Germania, Irlanda, Gran Bretagna, Brasile e anche l’Italia. Non é dato sapere, però cosa abbiano richiesto le autorità italiane ed i dati di chi.É ovvio, per lo “Sportello dei Diritti”, dopo che Google, Microsoft, Facebook ed infine Yahoo! hanno rivelato sin dalla fine di agosto, che più di 70 stati avevano chiesto informazioni sui propri utenti nella prima metà del 2013, si pongono seri problemi di tutela della privacy dei cittadini che semplicisticamente vengono giustificati e archiviati in tutta fretta dagli stati come conseguenze delle esigenze di sicurezza nazionale. Le rivelazioni circa il programma di sorveglianza degli Stati Uniti, per cui l’Agenzia per la Sicurezza americana, NSA, (National Security Agency) ha ricevuto dalle multinazionali della rete e dell’informatica migliaia di dati digitali relativi agli utenti Internet, a questo punto potrebbe essere la punta di un iceberg di un Grande Fratello che spia le nostre vite utilizzando uno strumento divenuto indispensabile nella vita quotidiana: la rete. Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, si augura, quindi, che alla luce delle dichiarazioni delle principali società che operano su internet, non ultima Yahoo!,
che vedono coinvolta anche l’Italia, vi siano i dovuti chiarimenti da parte del governo italiano e una più severa regolamentazione dell’accesso ai dati sensibili dei cittadini che paiono, allo stato, indiscriminatamente a disposizione delle autorità nazionali.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I grandi Festival d’Autunno scelgono molto cinema italiano

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Busan International Film Festival , 18° ed. (3/12 ottobre) Con una selezione ampia ed eterogenea , sette film, l’Italia si presenta a Busan, il festival asiatico con il mercato di maggior rilievo. In concorso L’arbitro di Paolo Zucca, che segnala, soprattutto dopo la vittoria di La-Bas nel 2011, le aspettative per il nuovo cinema italiano. Selezionata al completo la tripletta italiana del concorso di Venezia: Via Castellana Bandiera di Emma Dante, Sacro GRA di Gianfranco Rosi e L’intrepido di Gianni Amelio, riconoscimento delle scelte della Mostra del Cinema. Sempre da Venezia arriva Il terzo tempo di E.M. Artale, mentre da Cannes viene lanciato sul mercato asiatico Salvo di Piazza e Grassadonia. In anteprima coreana (il film uscirà nelle sale a seguire il festival) verrà presentato La migliore offerta di Giuseppe Tornatore.
BFI London Film Festival, 57° ed ( 9/20 ottobre) Otto i lungometraggi italiani invitati al London Film Festival. Tre opere prime: Via Castellana Bandiera di Emma Dante, Miele di Valeria Golino e Salvo di Piazza e Grassadonia, che verrà distribuito in Uk da Peccadillo Pictures. Tre i film che giocano con i generi: Bertolucci su Bertolucci di Luca Guadagnino, Stop the Pounding Heart di Roberto Minervini, La mia classe di Daniele Gaglianone. E due autori molto seguiti da critica e pubblico inglesi, Gianni Amelio e Daniele Luchetti, che chiudono la selezione italiana con L’intrepido e Anni felici.
Tokyo International Film Festival, 26° ed (dal 17 al 25 ottobre) Ancora una volta saranno tre i film che rappresenteranno l’Italia nel più importante festival giapponese. Nella sezione World Focus sarà presentato Via Castellana Bandiera, mentre uno ‘special screening’ sarà riservato a La migliore offerta, che verrà poi distribuito nelle sale nipponiche del colosso Gaga. E con largo anticipo sulla conferenza stampa del Festival di Tokyo, arriva l’annuncio che Anni felici è stato invitato nel Concorso Internazionale.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Leonardo Cesarini è il nuovo Direttore Sales & Marketing di Europcar Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Cesarini è nato a Perugia 48 anni fa e, dopo una decennale formazione professionale nelle vendite e nel marketing del largo consumo (Bolton e Hasbro), ha maturato una forte e significativa esperienza nell’intera filiera del turismo, ricoprendo ruoli di direzione commerciale nei vettori aerei (Meridiana Fly), nell’hospitality (Boscolo Hotels) e nel turismo organizzato (Club Méditerranèe).In qualità di Direttore Sales & Marketing di Europcar Italia, Leonardo Cesarini risponde all’AD e DG Fabrizio Ruggiero e coordinerà un team di oltre 40 persone, articolate nelle aree marketing, sales, customer service e sales administration.
“Sono estremamente orgoglioso ed entusiasta di questa nuova sfida perché ritengo che Europcar abbia grandi potenzialità di crescità nel nostro Paese, sia per la qualità della flotta e del servizio sia per la forte attenzione alla customer satisfaction. Il principale focus mio e di tutto il team commerciale sarà incrementare le vendite e sviluppare la promozione dei nostri unici brand values in tutti i segmenti di mercato: corporate, leisure e consumatore finale italiano ed internazionale”, ha dichiarato Cesarini dopo la nomina.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Merck Serono S.p.A. è concessionario esclusivo per la vendita in Italia di Eutirox®

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2013

Merck Serono S.p.A., affiliata italiana di Merck KGaA (Darmstadt, Germania) annuncia di avere iniziato, in data 1° luglio 2013, la commercializzazione del farmaco per il trattamento degli stati di ipotiroidismo Eutirox® (Levotiroxina sodica). Eutirox è presente sul mercato italiano dal 1981 (precedentemente commercializzato da Bracco su licenza Merck KGaA) ed è il trattamento che ha rivoluzionato l’approccio terapeutico all’ipotiroidismo (primo farmaco di sintesi chimica in un ambito tradizionalmente caratterizzato da farmaci di origine estrattiva). Le disfunzioni tiroidee sono di frequente riscontro: secondo stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ne sono affette circa un miliardo di persone in tutto il mondo. In particolare l’ipotiroidismo può essere riscontrato nel 6-17% della popolazione generale, con una maggiore prevalenza nelle donne e negli anziani. Uno studio del 2008 riporta un aumento dell’incidenza dell’ipotiroidismo, seppur con variazioni da paese a paese.La terapia sostitutiva con Levotiroxina è il trattamento standard per l’ipotiroidismo, ma è necessaria un’adeguata calibrazione giornaliera della dose per poter rispondere alle specifiche esigenze del singolo paziente.Eutirox® offre un’ampia varietà di dosaggi per il trattamento dell’ipotiroidismo (25/50/75/100/125/150/175/200 mcg), che consentono quindi la massima flessibilità posologica e, conseguentemente, una vera personalizzazione della terapia secondo le necessità del singolo paziente.Eutirox® è rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale, e detiene da lungo tempo la posizione di leadership sul mercato italiano. Il suo utilizzo è aumentato negli anni seguendo la tendenza di incremento dell’incidenza della patologia: nel 2012, secondo dati IMS, sono state vendute circa 19 milioni di confezioni, per un totale di quasi 1 miliardo di compresse.“Siamo particolarmente soddisfatti di aver inserito nel nostro portfolio prodotti uno dei farmaci Merck più conosciuti e diffusi – ha dichiarato Antonio Messina, Presidente ed Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A. Le patologie della tiroide sono in continuo aumento, ed Eutirox® rappresenta una soluzione terapeutica consolidata da più di trenta anni di largo utilizzo, nel corso dei quali ha contribuito a migliorare significativamente la qualità della  vita dei pazienti ipotiroidei”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »