Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 11 settembre 2013

Constant Technological Innovations in Automotive Safety Warrants Frequent Updates to Legislation, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

LONDON – 11th September, 2013 – With the number of fatalities and injuries on the rise, legislative authorities in Europe are taking a keen interest in the safety of pedestrians, passengers and drivers. This enhanced focus on safety has far-reaching ramifications for the automotive industry.The automotive industry marketed most active safety technologies, especially adaptive cruise control (ACC), autonomous emergency braking system (AEBS), and forward collision warning (FCW), as optional features due to consumers’ limited awareness of their importance. However, with the European Commission mandating the fitment of electronic stability control (ESC) and considering AEBS for city driving, vehicular safety fitments are becoming the norm.There are likely to be more regulatory changes based on the functionalities of advanced driving assistance system (ADAS) applications such as lane departure warning (LDW), AEBS, pedestrian detection, and intelligent speed adaptation (ISA) systems. These functionalities are especially relevant because they have been considered under ‘other significant projects’ by the Euro New Car Assessment Program (Euro NCAP).Even though car makers are including novel safety systems in their vehicles, they are not finding many takers for it in the price-sensitive non-luxury vehicle segments. For a low-cost vehicle, at any given price band, the add-on cost of ADAS functionalities will constitute a high percentage of the vehicle sticker price, while the same for a luxury car would constitute a smaller percentage, even if the ADAS is a sophisticated add-on such as Night Vision System or ACC with Stop and Go.Even in favourable economic conditions, ADAS’ uptake had not been encouraging in the developed markets. Though consumer awareness of value-added features, such as blind spot detection (BSD) and night vision systems is rising, they are not impressed by ADAS’ value proposition at the point of sale.Further, the decline in new vehicle sales has lengthened the replacement rates of vehicles, pushing the timeline for reaching zero fatalities. Even with the increasing deployment of ADAS retrofit solutions, better consumer acceptance, and legal assistance, the soonest this goal can be reached is 2030.A whirlwind of legislative and regulatory changes are likely to disrupt industry dynamics, and increase competitiveness. For instance, if vehicle-to-vehicle and vehicle-to-infrastructure communication becomes the mainstay of inter-vehicular communication, it can be used to cater to various ADAS functionalities. However, these technologies also pose cyber-security issues and privacy issues; and the laws for tackling it are still loosely interpreted, and in some cases, misinterpreted.“Unless amendments are made to the existing framework for cyber laws, the growth of such technologies may be shunted,” noted Manoharan. “Safety has become a long-standing inflection in the automotive industry with binding impact on legislation; after all, Zero Fatality or Complete Safety is the new Green.”This press release is based on a market insight, entitled Are Legislative Frameworks Geared Towards Attaining Zero Fatalities Goal?, which is part of Frost & Sullivan’s Automotive & Transportation (http://www.automotive.frost.com) Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan is also studying the impact of various NCAP initiatives on safety technologies across various regions such as Europe, US, Korean, Japan, China and Latin America.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs debate David Miranda’s detention and threats to media freedom

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

David Miranda’s detention by the British authorities under anti-terror laws and its possible consequences for media freedom were discussed by MEPs in a debate on Tuesday evening. Most speakers questioned the proportionality of the measure and asked for a thorough investigation. The European Commission stressed that this case is already under judicial review in the UK courts.
European Commission”We are committed to ensure that media freedom is fully respected by member states when implementing European law”, stressed Commission Vice-President Neelie Kroes. She mentioned, however, that freedom of expression is not absolute when reasons of public safety and public security are at stake. But any limitations must be “proportionate”, she added.On David Miranda’s detention, Ms Kroes said that this case is under judicial review in the UK courts. “The Commission cannot take decisions on questions of law about that case”, she said, stressing however that an independent tool to monitor media freedom in member states is being put in place. “We expect first results in spring next year”, she added. “We must promote media freedom. That goes to the heart of our democracy”, she concluded.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

5th Renewal Course of Marriage Law and Canonical Procedure

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

Roma, piazza sant'Apollinare - da sinistra: pa...

Roma, piazza sant’Apollinare – da sinistra: palazzo Altaemps, chiesa di sant’Apollinare, palazzo dell’ex Collegio germanico, oggi sede della Pontificia Università della Santa Croce (Opus Dei) (Photo credit: Wikipedia)

Rome, September 16-20, 2013Holistic Pedagogical Approach: Interactive Lectures, Open Discussions, Case Studies.Program:
Monday, September 16
8.45 Wellcome
10.00 Greeting of the Rector
10.10 General Introduction by the Dean of the Faculty of Canon Law
10.20 Brief Introduction of Theoretical Presentations by His Eminence Cardinal Raymond Burke, Prefect of the Supreme Tribunal of the Apostolic Signatura
11.15 Person and Nature about marriage. Juridical Consequences Prof. Msgr. Carlos José Errázuriz M., Pontifical University of the Holy Cross
15.30 Defect of Canonical Form and Supplying the FacultyRev. Prof. Miguel Ángel Ortiz, Pontifical University of the Holy Cross
17.15 Case study: Supplying the Faculty (in groups organized according to languages)Italian: Rev. Prof. Miguel Ángel Ortiz, Pontifical University of the Holy Cross English: Rev. Prof. Luis Navarro, Pontifical University of the Holy CrossSpanish: Rev. Prof. Héctor Franceschi, Pontifical University of the Holy Cross
Tuesday, September 17
9.00 Penal Praxis and Procedure: Recent Developments
Prof. Msgr. Joaquín Llobell, Pontifical University of the Holy Cross
11.00 Divorce, Remarriage and Marriage Nullity
Rev. Prof. Héctor Franceschi, Pontifical University of the Holy Cross
15.30 Does Sacramental Marriage Without Faith Exist?
Prof. Montserrat Gas Aixendri, Pontifical University of the Holy Cross
17.15 Case study: The Relevance of Lack of Faith to Marriage Consent (in groups organized according to languages)Italian: Prof. Msgr. Paolo Bianchi, Regional Ecclesiastical Tribunal, LombardyEnglish: Rev. Prof. Benedict Ejeh, St. Pius X School of Canon Law, Venice Spanish: Prof. Montserrat Gas Aixendri, Pontifical University of the Holy Cross
Wednesday, September 18
mornig Participation in the General Audience in Saint Peter’s Square
15.30 The Divorce Mentality and the Exclusion of IndissolubilityProf. Msgr. Massimo Mingardi, Assistant Judicial Vicar of the Regional Ecclesiastical Tribunal Flaminio
17.15 Case Study: Exclusion of the bonum sacramenti (in groups organized according to languages)Italian: Prof. Msgr. Massimo Mingardi, Regional Ecclesiastical Tribunal Flaminio English: Rev. Prof. Benedict Ejeh, St. Pius X School of Canon Law, Venice Spanish: Prof. Msgr. José Tomás Martín de Agar, Pontifical University of the Holy Cross
Thursday, September 19
9.00 Identifying the Roles in the Forensic Deontology of the Church
Prof. Msgr. Paolo Bianchi, Judicial Vicar of the Regional Ecclesiastic Tibunal, Lombardy
11.00 Efficiency in the Casesof Marriage Nullity: An Operative PerspectiveH.E. Msgr. Antoni Stankiewicz, Dean Emeritus of the Apostolic Tribunal of the Roman Rota
15.30 Problems in the Interpretation of Canon 1095 and Questions of “de iure condendo”Rev. Prof. Héctor Franceschi, Pontifical University of the Holy Cross
17.15 Case Study: Consensual Incapacity (in groups organized according to languages)Italian: Rev. Prof. Héctor Franceschi, Pontifical University of the Holy CrossEnglish: Rev. Prof. Pablo Gefaell, Pontifical University of the Holy Cross Spanish: Rev. Prof. Jordi Bosch, University of Navarra
Friday, September 20
9.00 Internal Freedom and Discretion of Judgment
Prof. Msgr. Davide Salvatori, Prelate Auditor of the Apostolic Tribunal of the Roman Rota
11.00 Case Study: Defect of Internal Freedom (in groups organized according to languages)Italian: Prof. Msgr. Davide Salvatori, Apostolic Tribunal of the Roman Rota English: Rev. Prof. Pablo Gefaell, Pontifical University of the Holy Cross Spanish: Rev. Prof. Jordi Bosch, University of Navarra
15.30 Innovations in the Procedure Pertaining to the Roman Rota
Prof. Msgr. Joaquín Llobell, Pontifical University of the Holy Cross
17.15 Can a marriage be automatically validated? The notion of the recognition of Canonical Sentences in the Civil Order
Rev. Prof. Miguel Ángel Ortiz, Pontifical University of the Holy Cross
18.30 Conclusion of Presentations by His Eminence Cardinal Francesco Coccopalmerio, President of the Pontifical Council for Legislative Texts

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nullità matrimoniale e sviluppi dottrinali e giurisprudenziali al V Corso di aggiornamento per operatori dei tribunali ecclesiastici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

Roma, 16-20 settembre 2013 – Pontificia Università della Santa Croce Circa 250 operatori dei tribunali ecclesiastici (giudici, difensori del vincolo, vicari giudiziali, avvocati), provenienti da decine di nazioni dei quattro continenti – tra cui Italia, Spagna, Stati Uniti, Messico, Cile, Argentina, Svezia, Ucraina, Filippine – si sono dati appuntamento a Roma dal 16 al 20 settembre 2013 per partecipare al V Corso di aggiornamento in Diritto matrimoniale e processuale canonico, promosso dalla Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce.
L’obiettivo dell’iniziativa, nella sua formula ormai collaudata, è quello di offrire gli sviluppi normativi, dottrinali e giurisprudenziali relativi al processo di dichiarazione della nullità del matrimonio e ad altri rilevanti settori d’attività dei tribunali. Ciò anche per venire incontro a quanto auspicava Benedetto XVI nel Discorso alla Rota Romana del 21 gennaio 2012, in cui affermava “che l’interpretazione della legge canonica deve avvenire nella Chiesa”, applicando alla stessa “quell’ermeneutica del rinnovamento nella continuità di cui ho parlato in riferimento al Concilio Vaticano II, così strettamente legato all’attuale legislazione canonica”.
Tra gli argomenti in discussione ci sarà anche la questione dei “divorziati risposati”, con riferimento alle parole di Papa Francesco nella conferenza stampa nel viaggio di rientro dalla GMG del Brasile. Si parlerà inoltre di “Persona e natura nel matrimonio”; di “mentalità divorzistica ed esclusione dell’indissolubilità”; aspetti operativi nella “celerità delle cause di nullità matrimoniale”; problemi interpretativi sulla questione dell'”incapacità consensuale”; se “può esistere un matrimonio sacramentale senza fede”; sviluppi recenti in tema di “processi e procedure penali”; il “riconoscimento civile delle sentenze canoniche”, e infine alcune novità procedurali riguardanti la Rota Romana. All’edizione di quest’anno (la quinta, dopo quelle del 2002, 2004, 2007 e 2010) prenderanno parte il Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, Card. Raymond Burke; il Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, Card. Francesco Coccopalmerio; il Decano emerito del Tribunale della Rota Romana, SER. Mons. Antoni Stankiewicz, insieme a diversi professori dell’Università della Santa Croce e di altre Università del mondo, illustri canonisti dei Dicasteri della Curia Romana, Uditori del Tribunale della Rota Romana, Giudici dei Tribunali della Chiesa di molti paesi e specialisti delle diverse scienze che studiano il matrimonio e la famiglia.
Per facilitare un maggiore scambio di esperienze tra i partecipanti e il confronto con i relatori, sono previsti ampi momenti di dibattito e alcuni casi pratici, suddivisi per gruppi linguistici, sui temi affrontati nelle relazioni principali della sessione pomeridiana.
Programma dettagliato del Corso: http://www.pusc.it/can/cagg13/program

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scienza e vita: Un manifesto critico verso il nuovo codice di deontologia medica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

“Convinti che la deontologia medica sia un patrimonio comune della professione e di tutti i medici, persuasi che una buona deontologia fondi anzitutto il corretto esercizio dell’arte medica e tuteli il bene comune, non possiamo tacere il nostro unanime sconcerto a fronte di gravi stravolgimenti in atto con la revisione del Codice deontologico”, questa la posizione dell’Associazione Scienza & Vita verso le modifiche contenute nella proposta del nuovo Codice, oggetto del Manifesto associativo “Una buona deontologia fa una buona medicina. E fa una società migliore” pubblicato oggi e scaricabile qui. “Tre sono gli elementi di principale criticità nel testo in discussione: la perdita del senso stesso della nozione di deontologia; lo svuotamento della relazione medico-paziente; la riduzione di un testo vitale a mero mansionario” commentano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, Presidente e Copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.
“Il Manifesto è stato elaborato grazie all’ampio, dettagliato e rigoroso lavoro del gruppo dei medici di Scienza & Vita. I punti critici riscontrati sono stati molteplici, ma si è scelto di tenere alta l’attenzione su alcuni articoli fondativi, le cui proposte di modifica, contenute nella bozza del nuovo Codice, sono fonte di preoccupazione condivisa da molti altri appartenenti ad associazioni mediche. Tra gli articoli discutibili: l’introduzione del concetto di genere; l’abolizione dell’obiezione di coscienza; l’inserimento arbitrario delle Dat”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Profughi Siria: donazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

Flag of UNICEF

Flag of UNICEF (Photo credit: Wikipedia)

L’UNICEF ha accolto con favore l’annuncio da parte di ECHO-European Commission Humanitarian Aid Department di una nuova donazione di 5 milioni di euro, che andrà a beneficio dei bambini siriani in Iraq, Giordania e Siria.La nuova donazione porterà a quasi 16 milioni di euro il contributo di ECHO per i programmi dell’UNICEF in risposta alla crisi in Siria. Nel complesso, la Commissione Europea (attraverso le sue ‘braccia” sviluppo e umanitario) è il terzo più grande donatore dell’UNICEF per questa emergenza, contribuendo con circa 40 milioni di euro. “Siamo profondamente grati che ECHO abbia ancora una volta rinnovato il suo impegno a favore dei bambini siriani, le cui necessità continuano ad aumentare, sia all’interno del paese che fuori”, ha detto Maria Calivis, Direttore regionale UNICEF per il Medio Oriente e Nord Africa. “Questo generoso contributo ci permetterà di continuare a fornire l’acqua – che è altrettanto importante come il cibo – e sostenere i bambini a superare i loro traumi”.I nuovi fondi serviranno a 2,7 milioni di persone – i bambini e le loro famiglie – ad avere accesso all’acqua potabile e a servizi igienico-sanitari adeguati; saranno da supporto ai programmi di protezione dei bambini; in particolare ne beneficeranno i bambini separati dalle famiglie e non accompagnati e i bambini vulnerabili, che hanno bisogno di sostegno psicologico per superare l’impatto subito dal conflitto. “L’Unione Europea nel suo complesso, con la Commissione Europea e l’aiuto bilaterale dei suoi Stati membri, è il più grande donatore nella risposta alla crisi siriana con un contributo di oltre 1,3 miliardi di euro attraverso partner come UNICEF. E’ fondamentale che questi partner abbiano accesso sicuro a milioni di persone bisognose all’interno della Siria e che ai civili sia garantito di attraversare in sicurezza il paese e i suoi confini”, ha sottolineato Marilena Chatziantoniou, Responsabile dell’Ufficio ECHO in Siria.Nel giugno di quest’anno, l’UNICEF ha annunciato che ha bisogno di più di 470 milioni di dollari per i suoi programmi per bambini siriani in Siria, Iraq, Giordania, Libano ed Egitto per quest’anno. Il 40% di questi fondi non è coperto.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bilancio UE 2014: nonostante le promesse, il Consiglio vuole tagliare la spesa per crescita e lavoro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

I tagli proposti dal Consiglio alla spesa UE per ricerca e occupazione contraddicono le promesse fatte, secondo quanto hanno detto i deputati, commentando il progetto di bilancio per il 2014, presentato martedì dalla Presidenza lituana del Consiglio.Il Consiglio propone un bilancio di 142,5 miliardi di euro in stanziamenti d’impegno e di 136,1 miliardi di euro in stanziamenti di pagamento, vale a dire tagli per 9 miliardi di euro (-6%) in impegni e 9,5 miliardi di euro (-6,6%) in pagamenti, rispetto a quest’anno.La posizione del Consiglio sul bilancio contraddice le sue promesse per una ripresa economica. Nonostante gli impegni recentemente presi di dare priorità all’occupazione (giovanile) e ai programmi di crescita per la ricerca, l’istruzione e le piccole e medie imprese, sono proprio questi i settori in cui il Consiglio propone i tagli più ingenti, per un totale di 426 milioni di euro (-3%). “Il Consiglio ha scelto di fare ‘business as usual’, tagliando il già limitato bilancio proposto dalla Commissione. È inaccettabile che il Consiglio proponga di fare i tagli più cospicui alle politiche di crescita quali la ricerca e l’innovazione”, ha dichiarato la relatrice sul bilancio 2014, Anne Jensen (ADLE, DK).Il Consiglio propone inoltre tagli per 157 milioni di euro per la politica estera (-2,5%) e 153 milioni di euro per l’amministrazione (-1,8%). I settori di spesa meno colpiti sono i fondi strutturali e l’agricoltura.Nel frattempo, l’annosa questione della carenza di pagamenti per il 2013 non è ancora stata risolta e i deputati temono che possa influenzare i negoziati sul bilancio 2014, se non si trova rapidamente una soluzione. All’inizio di quest’anno, la Commissione aveva stimato il deficit a 11,2 miliardi di euro per pagare i conti in sospeso di quest’anno, ma finora gli Stati membri si sono accordati solo per 7,3 miliardi di euro.Il Parlamento è anche preoccupato per l’aumento dei costi degli impegni in sospeso che devono ancora essere trasformati in pagamenti (i cosiddetti “arretrati da liquidare” ADL). Gli ADL saranno pari a 235 miliardi di euro entro la fine di quest’anno, cifra che si aggiungerà ai pagamenti futuri.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquirenti immobili e mutui

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

In base alle nuove norme approvate provvisoriamente dal Parlamento martedì, gli acquirenti d’immobili saranno informati meglio sui costi e sui rischi legati all’assunzione del mutuo, parzialmente difesi dalle oscillazioni di mercato che gonfiano le rate, ma anche meglio protetti in caso di mancato rimborso del prestito. Prima di finalizzare dette norme, i deputati desiderano perfezionarle per garantire che siano correttamente recepite in tutta l’UE.La legislazione coprirà le ipoteche su immobili residenziali, immobili residenziali che comprendono uno spazio ufficio e terreni edificabili. Alcuni requisiti saranno adattati per riflettere le differenze tra i mutui nazionali degli Stati membri e sui mercati immobiliari, ma le informazioni per gli acquirenti dovranno essere presentate in un formato coerente in tutta l’UE.
Chiunque contragga un mutuo nell’UE dovrebbe ricevere informazioni comparabili sui prodotti disponibili che comprendono il costo totale e le conseguenze finanziarie nel lungo periodo previste dal prestito. Le condizioni di credito offerte ai mutuatari dovrebbero corrispondere alla loro situazione finanziaria attuale e tener conto delle loro prospettive e delle possibili regressioni.Inoltre, gli acquirenti dovrebbero poter usufruire di un periodo di riflessione obbligatorio di 7 giorni prima della sottoscrizione del prestito, oppure di 7 giorni per esercitare il diritto di recesso dopo la conclusione del contratto.I deputati hanno inserito norme più flessibili – tra le quali il diritto del mutuatario di rimborsare il prestito iniziale – soggette a possibili modalità che saranno decise dagli Stati membri, nonché il diritto del creditore a un equo indennizzo per il rimborso anticipato. Tuttavia, sarà vietato chiedere ai mutuatari di pagare penali per il rimborso anticipato.Sulla base delle nuove norme, per i prestiti erogati in valuta estera il mutuatario deve essere informato prima della firma del contratto che l’importo delle rate da corrispondere potrebbero aumentare. In alternativa, al mutuatario potrebbe essere consentito di cambiare la valuta, a determinate condizioni e al tasso di cambio indicato nel contratto di prestito.I deputati hanno aggiunto una nuova norma che prevede che la restituzione delle garanzie, come la proprietà stessa, sarà sufficiente a rimborsare il prestito, a condizione che il creditore e il debitore lo abbiano esplicitamente accettato nel contratto di prestito.Per i deputati, qualora un beneficiario non rimborsi il prestito, la legislazione dovrebbe includere requisiti per la vendita della proprietà volte a ottenere “il miglior prezzo possibile”, per agevolare il rimborso del debito residuo, in modo da proteggere i consumatori e prevenire il loro indebitamento eccessivo per lunghi periodi.I deputati hanno adottato il testo finale, ma prima di approvare la normativa nel suo insieme, il Parlamento chiede agli Stati membri di impegnarsi a garantire che le norme siano correttamente applicate sul loro territorio, vale a dire in tutta l’UE.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il progetto di legge di riforma del processo tributario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

Nell’ottica dell’attività dello “Sportello dei Diritti” a tutela dei contribuenti e per una seria e concreta riforma del processo tributario che ponga sullo stesso piano fisco e contribuenti, Giovanni D’Agata presidente e fondatore dell’associazione segnala l’articolo del tributarista avvocato Maurizio Villani in merito al progetto di legge di riforma del processo tributario, presentato al Senato dal Sen. Giorgio Pagliari (PD), composto da 121 articoli e dalla relazione illustrativa di 14 pagine (il tutto in allegato all’articolo di pagg. 19). Nella disamina si evince l’apprezzamento per l’interessante iniziativa legislativa ma anche allo stesso tempo vengono suggerite una serie di modifiche ed integrazioni per rendere il processo tributario più aderente ai principi costituzionali (artt. 24 e 111, comma 2, della Costituzione).Tra queste, alcune variazioni e perfezionamenti ai principi della legge delega fiscale in tema di contenzioso tributario (art. 10), attualmente in discussione presso il comitato unico ristretto Camera-Senato (presieduto dall’On. Daniele Capezzone – PDL – C282), i cui lavori riprendono martedì 10 settembre p.v..Come “Sportello dei Diritti”, ricordiamo che il mondo professionale, imprenditoriale ma i cittadini tutti, attendono da anni una seria ed urgente riforma del processo tributario, per cui, è necessario che i media diano la massima pubblicità alle due iniziative parlamentari (progetto di legge e delega fiscale) per sollecitare il Parlamento attraverso la pressione del pubblico, ad una rapida ed auspicata approvazione definitiva entro l’anno, anche perché nel Nostro Paese, l’iniziativa legislativa, specie in materie così delicate come quella fiscale, è troppo spesso mortificata e non arriva mai al dunque.Auspichiamo, inoltre, che a tutti i livelli, nazionale e locale, si creino dei forum sull’argomento ed eventi sul tema in modo che i contribuenti, gli imprenditori, i professionisti ed i giudici tributari possano suggerire eventuali altre correzioni od integrazioni oppure confermare i termini e le proposte contenuti nell’articolo dell’avvocato Villani, di seguito pubblicato unitamente al “Codice del Processo Tributario” e alla relativa “Relazione Illustrativa” reperibili sul sito dello “Sportello dei Diritti” http://www.sportellodeidiritti.org in allegato, da inviare al Parlamento per le relative considerazioni ed approvazioni.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

AEC Underwriting Agenzia di Assicurazione e Riassicurazione, prima azienda italiana nel settore assicurativo,

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

E’ considerata intermediaria grossista o collocatore specializzato nei rischi del ramo RC Generale, nella RCTO e nelle Responsabilità Amministrative e Professionali, annuncia l’ottenimento del “Rating di Legalità” (“★★+”, due stellette più) appena introdotto nel nostro Paese dal Governo con Decreto Cresci Italia (art. 5- ter, DL n. 1/2012) di cui l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) è soggetto attuatore.
Nato da una proposta di Confindustria ad inizio 2012, con l’obiettivo di conferire alle imprese virtuose un titolo ufficiale che consente anche l’iscrizione negli elenchi di fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa istituiti ai sensi delle vigenti disposizioni di legge (white list), il rating di legalità sancisce il riconoscimento ufficiale del valore etico di un’impresa che valorizza la legalità e la compliance.AEC riceve questo riconoscimento a dimostrazione del rispetto di elevati standard di conformità alle norme e di legalità ed anche come garanzia di trasparenza e correttezza nell’operare sul mercato. Il Gruppo AEC continua così il suo percorso proteso alla sintesi tra cultura d’impresa e cultura etica, che AEC ha dimostrato avviando un percorso di corporate compliance management per il miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle proprie attività. In particolare, AEC ha definito ed implementato il Modello Organizzativo e Gestionale (MOG) per la prevenzione di reati (previsto dalla L. 231/2001), il codice di comportamento (Codice Etico) e una serie di norme e best practices nazionali e internazionali tra cui spiccano quelle relative all’anticorruzione e all’antiriciclaggio ed al Bribery Act della legislazione del Regno Unito.
AEC, che ha chiesto la certificazione del rating per essere pronta al business dell’Expo 2015 di Milano – requisito obbligatorio per tutte le imprese che vorranno partecipare alle gare d’appalto per tale evento – prosegue così nel “circolo virtuoso” teso ad elevare le best practices al rango di good practices. Cioè a completare le prassi tese al miglioramento e all’efficientamento della propria attività in un’ottica di trasparenza, solvibilità ed eticità. La certificazione del rating da parte dell’Agcm è la dimostrazione di quanto, oggi, oltre al raggiungimento degli obiettivi economici, in AEC conti il valore reputazionale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

School: save the children

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

<
Più di un terzo dei genitori italiani evidenzia la carenza dei fondi della scuola italiana, mentre 9 su 10 lamentano l’inadeguatezza delle strutture ospitanti. In aumento i contributi richiesti alle famiglie, che finanziano l’acquisto dei materiali per la didattica (78%), ma concorrono anche a sostenere l’insegnamento delle materie curricolari (31%) ed extra (44%) All’avvio dell’anno scolastico, l’Organizzazione lancia un ritratto della scuola italiana: per circa il 40% dei genitori il livello della scuola italiana rimane elevato, ma 1 ragazzo su 4 lo ritiene appena accettabile. Il precariato degli insegnanti è un ostacolo per il percorso scolastico dei ragazzi per il 87% dei genitori, mentre per 84% la motivazione dei docenti influisce sul livello di insegnamento.
Quale fotografia della scuola emerge dalle considerazioni di genitori e ragazzi italiani? La visione dei genitori scattando l’istantanea sulla scuola, è un peggioramento più o meno grave (87%, 1 genitore su 4 ritiene il peggioramento molto grave, con picchi del 37% in Sardegna e 33% in Lazio), che viene imputato a carenza di fondi (35%, con picchi del 41% in Piemonte e Lombardia), depauperamento di strutture e dei servizi (27%, che tocca il 33% in Veneto e Puglia).Questi alcuni dei dati inediti della ricerca “Il ruolo e le condizioni del sistema educativo italiano” realizzata da Ipsos per Save the Children all’avvio dell’anno scolastico, che traccia un ritratto in chiaroscuro della scuola italiana.Nonostante tutto però, il 40% dei rispondenti trova di qualità elevata la scuola italiana (51% in Sicilia e 45% in Piemonte) e l’insegnamento impartito (l’8% dei genitori è completamente d’accordo con questa affermazione, il 32% abbastanza d’accordo), mentre lo stato di inadeguatezza (se non di fatiscenza vera e propria) delle strutture ospitanti è rilevato da 9 su 10 intervistati (90%), dato che arriva alla quasi totalità del campione in Sicilia (96%) e Lazio (94%)“I dati di questa indagine ci dimostrano che il nostro Paese si caratterizza sempre di più per le forti disuguaglianze educative. Nel percorso scolastico dei bambini hanno sempre più peso i divari di tipo economico, sociale e culturale delle famiglie e dei territori di provenienza”, dichiara Raffaela Milano Direttore Programmi italia – EU di Save the Children. “L’anno scolastico si apre in uno scenario allarmante: meno tempo scuola, scarse opportunità di formazione dei docenti, edifici insicuri, classi affollate, taglio delle attività extrascolastiche, discriminazione nei servizi di refezione, offerta insufficiente di servizi per la prima infanzia: tutto questo colpisce i minori, in particolare quelli dei contesti più svantaggiati, e compromette le loro opportunità di crescita.”La famiglia gioca un ruolo chiave nel sostegno economico delle attività scolastiche, provvedendo molto spesso (78% di adulti) all’acquisto o al finanziamento dell’acquisto di materiali destinati alla didattica, come carta, e fotocopie (valori che salgono all’86% in Puglia e Piemonte e all’81% in Toscana e Emilia, ma anche di altre necessità di carattere più generale (tipicamente, la carta igienica – 51% tra i genitori, che arriva al 61% in Puglia e 60% in Piemonte).I genitori concorrono anche a sostenere l’insegnamento di alcune materie, più spesso in aggiunta al corso di studi (44%, 52% in Piemonte e 48% in Lazio), ma anche materie previste dal curriculum studiorum (31%, che diventa 40% in Campania e 39% in Lazio).Anche i ragazzi confermano questi dati: il 70% di loro dice che la famiglia contribuisce all’acquisto di materiale didattico, il 26% parla del materiale igienico-sanitario, 24% dei costi sostenuti per le materie extra curricolari e il 17% per quelle curricolari.Secondo la stragrande maggioranza dei genitori italiani, questi costi sono nettamente aumentati nell’ultimo periodo: ben l’81% dice di aver dovuto contribuire in misura maggiore all’acquisto del materiale didattico nell’ultimo periodo (carta, fotocopie etc.), dato che arriva al 92% in Lombardia e 86% in Liguria. Per il 78%, gli aumenti hanno riguardato il contributo per l’insegnamento di materie curricolari (il dato arriva a ben il 93% in Campania), mentre il 76% dice di aver subito l’impennata dei costi del servizio mensa (con picchi dell’84% in Lombardia e 82% in Veneto) e i contributi per il materiale non didattico (che arriva all’84% in Sardegna e all’83% in Lombardia).I genitori italiani, inoltre, riconoscono che le precarie condizioni in cui gli insegnanti si trovano a lavorare agisce da barriera in due sensi, da un lato perché di fatto essa ostacola un percorso scolastico organico e fluido per i ragazzi (87%, che arriva al 91 e 90% rispettivamente in Sicilia ed Emilia Romagna), dall’altro perché la motivazione dei docenti influisce sul livello di insegnamento (84%, che tocca il 90 e 88% rispettivamente in Sicilia e Toscana) e sul riconoscimento della figura del docente come adulto di riferimento (79%, con picchi dell’86 e 84% in Puglia e Campania).Anche i ragazzi hanno una chiara percezione delle difficoltà finanziarie del sistema scolastico italiano (33%), e della scarsa qualità delle strutture scolastiche (21%). 1 ragazzo su 4 ritiene che la condizione della scuola sia appena accettabile, il 12% di essi la ritiene bassa, mentre 1 ragazzo su 10 la reputa molto buona.Gli studenti intervistati concordano con gli adulti che la misura più urgente per migliorare ulteriormente la loro scuola prevede la garanzia di un corpo insegnanti stabile, al fine di garantire un corretto percorso di studi (51%), ma vada altresì garantita la formazione dei docenti (25%), gli interventi sulla struttura che ospita la scuola (16%), come la lotta alla precarietà come leva motivazionale (9%).“Il governo ha assunto alcuni impegni importanti sul fronte scolastico, come lo stanziamento dei fondi per l’edilizia scolastica o il rilancio dei programmi di contrasto alla dispersione nelle regioni del Sud. È indispensabile rafforzare questo impegno, invertire decisamente la rotta rispetto alla stagione dei tagli degli investimenti per l’istruzione (nel periodo 2008-2011 la scuola ha subito tagli per 8,4 miliardi di euro e l’Italia spende per la scuola il 4,7% del PIL rispetto al 6,3% della media OCSE). Non possiamo lasciare solo sulle spalle degli studenti, delle famiglie e dei docenti questo enorme problema. E’ indispensabile rimettere concretamente la scuola al centro dell’attenzione delle istituzioni e della opinione pubblica”, conclude Raffaela Milano.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sistema Comune Europeo d’Asilo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2013

Il cammino verso il raggiungimento di un Sistema Comune Europeo di Asilo giusto ed efficace è ancora lungo, nonostante gli sforzi degli ultimi 12 anni per armonizzare le politiche di asilo nazionali e l’adozione del “pacchetto asilo” a giugno 2013.La ricerca pubblicata dall’European Council on Refugees and Exiles (ECRE) sui sistemi di asilo in 14 Stati membri dell’Unione Europea, e curata per l’Italia dal Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR), evidenzia grandi differenze rispetto alle norme procedurali, alla tutela dei diritti, ai servizi d’integrazione e all’uso della detenzione amministrativa dei richiedenti asilo.“Come possiamo aspettarci che i rifugiati siano in grado di spiegare le ragioni che li hanno costretti a fuggire dai loro paesi, ad affrontare una procedura legale molto complessa quando in diversi casi non sono né assistiti da un avvocato né da un interprete qualificato, o quando, molto spesso, devono dormire per strada o in accampamenti di fortuna, o quando l’aver trascorso mesi in centri di detenzione sovraffollati li ha lasciati psicologicamente segnati?” ha dichiarato Michael Diedring, Segretario Generale dell’ECRE, alla presentazione del rapporto “Non ci siamo ancora: la prospettiva delle ONG sulle sfide per un Sistema Comune di Asilo giusto ed efficace”.Nel rapporto si sottolinea come in molti Paesi non sia garantita l’assistenza legale durante la procedura spesso complessa per il riconoscimento della protezione internazionale, e di come non siano predisposti servizi qualificati di interpretariato. Inoltre, in caso di diniego dello status, tempi limitati per presentare ricorso in caso di una prima decisione negativa alla richiesta d’asilo rendono di fatto impraticabile l’appello. E’ quanto accade, ad esempio, nel Regno Unito, dove sono accordati solo 2 giorni per presentare ricorso.Un’altra questione cruciale analizzata dall’ECRE è quella riguardante la detenzione amministrativa di richiedenti asilo, misura largamente diffusa in Europa, che riguarda invece in modo limitato l’Italia e che in Grecia è stata estesa anche ai minori non accompagnati, detenuti nelle stesse condizioni degli adulti.“Sono tanti i casi di difformità di trattamento nei confronti dei richiedenti asilo in Europa che condizionano fortemente le vite di queste persone: pensiamo, ad esempio, alle condizioni di accoglienza o ai tassi di riconoscimento della protezione. In Italia, in particolare, l’accesso ai centri di accoglienza è estremamente difficoltoso, sono molti i richiedenti asilo, infatti, che si trovano settimane, a volte mesi, a vivere per strada nelle città che dovrebbero accoglierli. Date queste condizioni si teme sempre più l’impatto che la crisi siriana possa avere su un sistema di accoglienza già in forte sofferenza. Se si confronta questa situazione con quanto succede in un paese come la Svezia, che mette in campo un sistema con più di 41.000 posti a fronte dei circa 11.000 disponibili in Italia, si comprende quanto sia diversa l’aspettativa di vita materiale di chi arriva nei diversi paesi dell’Unione. D’altra parte, in Italia, i tassi di riconoscimento di protezione sono tra i più alti d’Europa. E’ per questa ragione che si assiste, ad esempio, al ritorno in Italia di rifugiati di origine afgana, che hanno ricevuto un diniego alla loro richiesta d’asilo proprio nei paesi del Nord Europa, e che rientrano nel nostro paese per vedersi riconosciuta una forma di protezione. In questa Europa sembra contare più la fortuna che il diritto, più che un sistema di protezione e asilo comune sembra di essere in una lotteria per richiedenti asilo e rifugiati” dichiara Christopher Hein, direttore del CIR.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »