Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 15 settembre 2013

Parliament backs rules allowing suspension of visa-free travel only as a last resort

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Reciprocity rules enabling the EU to reimpose visa requirements for nationals of countries that still impose them on EU citizens were adopted by Parliament on Thursday, in a revision of the EU visa regulation. Under the new rules, the EU will also be able to temporarily suspend its visa-free travel arrangements with third countries to halt substantial and sudden increases in irregular migrant numbers or unfounded asylum requests, but only as a last resort.”The reciprocity principle that a third country benefitting from an EU visa waiver must extend the same treatment to EU citizens is a key feature of the EU’s common visa policy”, said Civil Liberties Committee rapporteur Agustín Díaz de Mera (EPP, ES).The amended EU visa regulation includes a “reciprocity mechanism” to deal with third countries that persist in requiring EU citizens to obtain visas, even though their own citizens are exempt from EU visa requirements. This mechanism, which was strengthened by MEPs in negotiations with the Council, should enable the EU to put more pressure on certain third countries to obey the visa reciprocity rule.The USA, for example, currently requires visas for EU citizens from Bulgaria, Cyprus, Romania and Poland, and Canada requires them for those from the Czech Republic, Bulgaria and Romania.The visa regulation now also includes a “suspension mechanism” to allow the EU to reimpose visa requirements temporarily in emergencies.Visa waivers could be temporarily suspended only “in emergency situation(s), as a last resort”, in which a “substantial and sudden increase, over a six month period”, in numbers of irregular migrants, unfounded asylum requests or rejected readmission applications had been detected, says the text.”The suspension mechanism allowing the EU to reimpose visa requirements temporarily in emergencies does not target specific third countries. It would provide a general framework for the future, and could be triggered for any country whose nationals are eligible to travel visa-free to the EU. The amendments to the visa regulation aim to preserve the integrity of the visa liberalisation process and ensure that visa-free travel to the EU does not lead to abuses”, Mr Díaz de Mera said.Member states facing an emergency situation would have to notify the European Commission, which would assess the possible need to suspend visa-free travel rules for nationals of a given third country. In doing so, it would have to take account of factors such as the number of member states affected, the overall impact of the increases on the migratory situation in the EU and the consequences of a suspension for the EU’s external relations. If the Commission were to decide that action were needed, then it would suspend the visa waiver for six months. This would be done via an “implementing act”, of which Parliament would have to be informed.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parliament calls for EU guidelines to protect unaccompanied minors

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Collectively, the EU is the largest contributo...

Collectively, the EU is the largest contributor of foreign aid in the world. (Photo credit: Wikipedia)

The European Commission should propose strategic guidelines for dealing with unaccompanied minors arriving in the EU, to ensure their full protection until a durable solution has been found for them, says a resolution adopted by the European Parliament on Thursday. MEPs stress that no child may be denied access to the EU territory, deplore the use of “unsuitable and intrusive” techniques for age assessment and call on member states to appoint a guardian for each child entering the EU alone.The common strategic guidelines on unaccompanied minors would cover issues such as the procedures needed to guarantee the child’s rights and the cooperation between the EU and the countries of origin to combat trafficking and irregular immigration and restore family ties.
“Unaccompanied minors’ rights are not always respected in EU member states, too often they are dealt with as adult irregular migrants and their vulnerabilities, specific needs and rights are not taken into account”, said rapporteur Nathalie Griesbeck (ALDE, FR) during the plenary debate. “Most of them are fleeing their countries to escape from war, violence, prosecution, poverty and natural disasters. They may also be victims of trafficking and sexual exploitation. These children by nature are vulnerable and it is our duty to do more for them”, she added.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gary Hunt wins home event of the Red Bull Cliff Diving World Series 2013

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Steven LoBue - ActionBy a margin of just 1.65 points, the 29-year-old overall leader of the current season was declared the winner of the sixth round of the World Series in a competition that was not decided until the very last dive. After a third place at the ‚Blue Lagoon’ in 2012, Gary Hunt wanted a home win more than anything else and he accomplished the feat on Saturday afternoon in front of an enthusiastic Welsh crowd. Second place went to Russia’s Artem Silchenko and Orlando Duque, from Colombia, completed the podium. More than 5,500 spectators over the weekend watched as three UK divers made the final round of the top-eight athletes for the first time this season and bright sunshine made up for a week of wet and physically-demanding weather conditions. With just two stops to go, the competition resumes in just two weeks’ time in the Brazilian city of Niterói.(DT_130914_RBCDUK_)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

New study: Job creation at stake as hospitality sector adapts to austerity

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

English: Various Euro bills.

English: Various Euro bills. (Photo credit: Wikipedia)

Bruxelles Tuesday 17 September in the European Parliament (18.30 – 20.30) A new study shows the critical role the hospitality sector plays in creating jobs and fighting unemployment across Europe at a time of austerity. The 300-page study by Ernst & Young, backed by the industry association HOTREC and The Brewers of Europe, shows that the hospitality sector provided 29% more jobs in 2010 than in 2000, whereas in the wider economy in the same period, the total number of jobs increased by just 7% At a time of austerity, governments are tempted to raise revenue by boosting taxes both in hospitality and in sectors whose health is closely tied with the health of the hospitality sector, such as brewing. Such a move can strike a heavy blow to a crucially important job creator. For example, beer creates 2 million jobs in the EU, with the vast majority of these being created in the bars and restaurants across Europe. Misguided government policies could thus deepen the crisis for Europe’s youth, whose jobless rates are typically double the average, topping 50% in Spain and Greece.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Bank Supports Efficient Public Finance Management in Russia

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

WASHINGTON D.C. The World Bank’s Board of Directors today approved a US$50 million loan to co-finance with the Russian Federation a US$133.571 million Public Finance Management Technical Assistance Project in Russia. The project will assist the Ministry of Finance, as well as the Federal Tax Service, the Federal Treasury, the Ministry of Economic Development, and Rosfinnadzor to improve transparency and results focus in public financial management and build institutional foundations for improved budget efficiency, effectiveness and accountability.“The project directly supports one of the main themes of the Bank’s Country Partnership Strategy for the Russian Federation of improving governance and transparency,” said Michal Rutkowski, World Bank Country Director for Russia. “It will also help ensure that public investments and service delivery are more efficient and fiscally sustainable, in turn fostering income growth for the bottom 40 percent of the population. Taxpayers should benefit as a result of changes in the Federal Tax Service’s approach to taxpayer service and improved dispute resolution processes, and businesses can benefit from changes in tax policy and administration that contribute towards a better climate for business and investment.” The project’s strategic objectives will be achieved through support to the following four main areas of activity:
Enhancing the economic efficiency of Russia’s tax system through changes in key areas of tax policy and improving the services provided to taxpayers by the Federal Tax Service, Streamlining methods of financing the country’s sub-national governments, strengthening their focus on results at all stages of the budget cycle, and building their capacity to manage public finances, Enhancing the quality, flow and accessibility of budget information through implementation of an integrated financial management information system ( E-budget), contributing to improved transparency and accountability, and Strengthening budget preparation, control and monitoring processes to ensure greater focus on expenditure efficiency, effectiveness and results. The project is designed to help achieve the following results:
Reduced time spent by small and medium sized enterprises on tax calculation and payment, as measured by the Doing Business Indicators,
Increased number of regions with satisfactory performance in public finance management, Improved budget transparency scores for Russia, as measured by the Open Budget Index, and Increased use of performance measures in the federal budget, to depict the goals and results of government spending programs. The project builds on a long history of cooperation between Russia and the Bank in the areas of budgeting, tax policy and tax administration. This includes the Regional Fiscal Technical Assistance Project, Fiscal Federalism and Regional Fiscal Reform Project, two Tax Administration Modernization Projects, and the Treasury Development Project. The new project will support the strategic directions for change that have already been laid out by the Government in policy documents on tax policy and administration, budget efficiency and inter-budgetary relations, and E-budget.Over the past few years, the Russian Federation has undertaken significant public financial management and institutional reforms, incorporating good international practice and laying the foundations for a modern public finance management system. The most notable achievements include:The successful implementation of a modern Treasury Accounting System and a single treasury account,The regulation of the overall budget process and introduction of three-year federal budgets,The creation of the Oil Stabilization Fund, The reform of regional fiscal relations and the establishment of fiscal rules for the sub-national governments, andThe modernization of the tax administration, leading to a cultural shift from the traditional command-and-control approach to a modern service-oriented approach.“Notwithstanding these reforms, revenue shortfalls across all government levels, inefficient budget spending, weak investment in public infrastructure modernization, and rigid financial management models in public institutions hamper the government’s ability to pursue an effective fiscal and economic policy,” said John Ivor Beazley, World Bank Lead Public Sector Specialist and Team Leader for the Project. “These problems are especially acute at the regional and local levels, where they are exacerbated by a weak revenue base, under-funding and widely different degrees of public finance management capacity. Also, the challenges of improving the efficiency of revenue and expenditure management are not new but they have been exposed and aggravated by the global financial crisis.”The project will be financed by a Technical Assistance Loan on IBRD terms, with project implementation over a four-year period. Most of the financing will be for technical assistance. US$3.275 million has been allocated for the purchase of hardware and software to create the infrastructure of information and reference services to taxpayers in the local tax offices.Russia joined the World Bank (IBRD-member and IDA-donor country) in 1992. Today, IBRD is financing 9 investment projects in Russia for the total amount of US$596 million.Given Russia’s size and strong financial position, engagement with the World Bank Group has been selective and strategic. Over the last 20 years, the Bank has worked with Russia on maintaining prudent macroeconomic policies, making public administration more efficient, restructuring the health sector and educating children starting from kindergarten age. IFC’s strategy in Russia is to support private sector development and encourage economic growth.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elections européennes de 2014: le débat c’est maintenant!

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Afin de préparer les élections européennes de mai 2014, Notre Europe – Institut Jacques Delors, EuroCité et Europartenaires organisent une grande conférence de rentrée ouverte au public « Elections européennes de 2014 : le débat c’est maintenant » le 16 septembre 2013 à Paris, à l’Assemblée nationale.Cette conférence abordera les principaux enjeux des prochaines élections européennes (démocratie, crise économique et sociale, enjeux extérieurs), afin de lancer le débat en vue du vote du 25 mai 2013. Elle s’inscrit dans le cadre du vaste cycle de conférences espace public européen, initié début 2013, et qui a aussi pour objectif d’écouter les remarques et les attentes exprimées par le public.Cette conférence sera introduite par Thierry Repentin, ministre français des Affaires européennes, conclue par Jacques Delors, Président fondateur de Notre Europe-Institut Jacques Delors et aura pour intervenants, entre autres, Elizabeth Guigou, Présidente de la Commission des Affaires étrangères de l’Assemblée nationale, Présidente fondatrice d’Europartenaires, ancienne ministre, Pascal Lamy, ancien directeur de l’OMC et Président d’honneur de Notre Europe-Institut Jacques Delors, Pervenche Berès, Présidente la Commission de l’emploi et des affaires sociales au Parlement européen (PSE), Sandro Gozi, Député italien, membre du Parti Démocrate, Sylvie Goulard, députée européenne ALDE, Guy Verhofstadt, Président du groupe Alliance des démocrates et des libéraux pour l’Europe au Parlement européen,Bernadino Leon, Représentant spécial de l’UE pour la région du Sud de la Méditerranée, Yannick JADOT, Député européen, Groupe des Verts/Alliance libre européenne au Parlement européen et Bernadette SÉGOL, Secrétaire générale de la Confédération européenne des syndicats.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fra Fabio Scarsato nuovo direttore editoriale del «Messaggero di sant’Antonio»

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

È fra Fabio Scarsato il nuovo direttore editoriale del «Messaggero di
sant’Antonio». A darne notizia, nei giorni scorsi, è stato il direttore generale dell’Opera Messaggero, fra Giancarlo Zamengo, eletto a tale carica, lo scorso mese di luglio, dal Capitolo provinciale ordinario della neonata Provincia italiana di Sant’Antonio di Padova. Fra Fabio succede a fra Ugo Sartorio, direttore editoriale del «Messaggero» nel periodo 2005-2013, al quale la nuova direzione ha espresso gratitudine per il grande e delicato lavoro svolto. Fra Fabio, nato a Brescia nel 1964, è frate minore conventuale dal 1986. Dopo la specializzazione in spiritualità francescana, conseguita nel 1992 a Roma presso la Pontificia facoltà dell’Antonianum, ha prestato il suo servizioinizialmente presso il Villaggio S. Antonio di Noventa Padovana,realtà francescana che si occupa di disagio giovanile e sociale, contestualmente dirigendo il «Messaggero dei ragazzi» e insegnando spiritualità francescana presso l’Istituto teologico S.Antonio dottore di Padova. Nel 2005 viene inserito in una piccola fraternità che anima i due santuari della Basilica dei SS. Martiri di Sanzeno e dell’eremo di S. Romedio, nella trentina Val di Non, attraverso progetti di accoglienza e proposte di spiritualità.
Contestualmente alla nomina di fra Fabio, è stata resa nota anche la nomina di fra Giancarlo Capitanio a direttore gestionale dell’Opera Messaggero. Fra Giancarlo, nato a Lecco nel 1966, è frate minore conventuale dal 1988. Dopo un’iniziale esperienza parrocchiale a Rovereto (TN), dal 1994 vive e svolge il suo ministero al Villaggio S. Antonio di Noventa Padovana, di cui è attualmente direttore generale. Alla nuova direzione sono stati espressi i migliori auguri di buon lavoro in una fase di certo non facile per l’editoria, sia dal Ministro Provinciale che dal Definitorio (cioè il «governo») della Provincia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La guerra che non c’è

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Tra un Premier ingessato, le camere e le commissioni in perenne asfissia, c’è da dire che la disinformazia svenduta per pochi euri di vendetta trasversale, impalpabile tritatutto non manca di fare il proprio dovere annichilente, alimentando un effetto spostamento che non teme avversari, anzi, li soggioga incondizionatamente.A ben guardare quel che esce fuori dalla scatola magica sembra un coacervo di tiratori scelti, dove ognuno mira ad abbattere il proprio avversario diventato nel contempo nemico, ciascuno indaffarato a celarne momentaneamente l’intrigo da impallinare a tempo debito, una sorta di guerra asociale dove non è lecito fare prigionieri, chi non spara alla nuca è out rispetto agli obbiettivi da raggiungere a qualunque costo.In questa battaglia di grandi professionalità e di ruoli davvero autorevoli, a fare la differenza c’è la vergogna, che non è una emozione primaria, che esplode istintivamente, essa è una meditata condizione di consapevolezza della perdita di valori, una opprimente precarietà esistenziale.Vergogna è ciò che dovrebbe assalire non solo quando siamo inondati di corpi nudi, di sorrisi sfavillanti e di liti costruite a misura di audience, bensì quando siamo investiti dalle miserie umane travestite di buone intenzioni, dalla disumanità delle parole incapaci di nascondere l’umiliazione che infertono.Vergogna è quanto spetta a chi non sente i colpi di cannone, di fucile, di pistola, quel carico insopportabile che non intende riconoscere il rumore del silenzio imposto, di chi abbassa lo sguardo nei riguardi di quella parte di popolo ribelle e istituzionale che vicendevolmente commettono le infamie più incoffessabili, impossibili da giustificare perfino per il più “autorevole” dei nuovi rivoluzionari. In entrambe le schiere s’annidano le carogne, non le fiere, quelle sono anime sante, distanti da tanto spreco dis-umano.Tv e carta stampata ci dicono qualcosa, ce lo dicono passandoci accanto, come fosse qualcosa che non deve riguardarci troppo, non sta accadendo qui, ma dall’altra parte del mondo, perciò dell’altra parte di strada che non è la nostra.You tube con una sequela terribile di video shock, ci mette con le spalle al muro, senza più possibilità di negare, di dire “non sapevo”, sono immagini che fanno inorridire la più ottusa e conclusa delle smemoratezze, c’è palese l’assenza di umanità, morta e sepolta ogni forma di giustizia, fotogramma dopo fotogramma ci obbliga a fare i conti con l’identità più sconvolgente della violenza.Violenza messa in atto dagli eserciti dittatoriali, da quelli insorgenti, dagli altri rivoluzionari, violenza allo stato puro che non risparmia nessuno, innocenti e colpevoli, le vittime sono quotidiano conto di mano per colorare di altre bugie la libertà.Per terra rimangono i pezzi di popolo, la carne morta e i silenzi, le urla e i lamenti sono echi che la televisione non ci rimanda, ci racconta un altro film per distoglierci dal fare i conti con quelle atrocità, che sbattono sulla nostra indifferenza non per tramite di qualche reporter in azione sul campo, di giornalisti di guerra sparpagliati sulle rovine di ogni giorno.No, sono i telefonini del soldato di regime, del ribelle soldato di Dio, sono questi i veri registi, gli esiti della guerra passano anche da questa nuova pratica delegittimante, e di solito la spunta di chi ha più ferocia e infamia in corpo.Uomini torturati con la flemma più miserabile, donne denudate, violentate, picchiate a morte tra le risate e i denti digrignati, bambini folli di paura, obbligati a diventare monchi e ciechi mentre lo scarpone chiodato si abbassa con forza sulla loro testa.Gli eserciti contrapposti fanno sfoggio del proprio cannibalismo addomesticato, del dolore che immediatamente è trapassato, la sofferenza unica spettanza, i video-telefonini riprendono grida, sangue, terrore, la morte, non c’è nulla di inventato, di mascherato, di tenuto celato, la messaggistica istantanea è il risultato del “vale tutto” di una libertà perduta o riconquistata ma ripetutamente spogliata di ogni dignità.Troppo facile ribadire che la guerra è sempre sbagliata, ciò che sta in bella mostra in quei video da fare “vedere” ai nemici di turno, non consentirà a nessuno di essere assolti o dimenticati dalla storia, per quanto sta succedendo e si sta perpetrando in quelle terre è bene sapere, tutti, soprattutto chi sta costantemente con la faccia voltata da un’altra parte, che non sarà sufficiente chiedere perdono.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prosegue il trend positivo per le esportazioni di marmi italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Carrara, Toscana, Italia

Carrara, Toscana, Italia (Photo credit: Wikipedia)

Anche nel primo semestre del 2013 sono aumentate quantità e valori. Il marmo che segna le performances più interessanti sia per i grezzi sia per i prodotti lavorati e il mercato americano si conferma leader per incremento percentuale. Continua invece la lunga fase negativa del granito.L’export italiano di materiali lapidei ha proseguito la sua fase positiva anche nel primo semestre del 2013. Lo rilevano le statistiche elaborate dall’ufficio studi dell’Internazionale Marmi e Macchine di IMM Carrara che ha operato sulle rilevazioni Istat confrontandole con la serie storica che ha realizzato nel corso degli anni. Nel primo semestre 2013 l’Italia ha esportato 2.111.520 tonnellate di materiali lapidei per un valore complessivo di 923.493.510 euro, in crescita tendenziale rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente sia in quantità (+2%) che in valore (+7,2%). In momenti non certo positivi per l’economia nazionale il comparto marca con forza la sua propensione all’export basata sulla vitalità delle aziende e sulla loro capacità di mettere sui mercati lavorati di qualità e ad alto valore aggiunto.A trainare il comparto sono soprattutto le esportazioni di marmo sia grezzo che lavorato. L’Italia ha, infatti, esportato, nel primo semestre, 699 mila tonnellate di marmo in blocchi e lastre per un valore di 158,7 milioni di euro con un aumento del +6,45% in quantità e del +10,64% in valore. Molto buono anche il trend dei lavorati con un export di oltre 451mila tonnellate di marmo lavorato per un valore di quasi 423,4 milioni di euro e con un incremento, rispetto allo stesso periodo del 2012 sia in quantità (+4,5%) che in valore (+10,4%). (Vedi tavola numero 1).
Le esportazioni di granito in blocchi e lastre, da alcuni anni in fase di contrazione, sono state pari a 74mila tonnellate (-5%) nei primi sei mesi del 2013 per un valore di poco superiore a 20 milioni di euro, mentre si registra un export di 282mila tonnellate per i graniti lavorati con un aumento di quasi il +4% nei valori che sono stati di 269,4 milioni di euro. Per una sommaria valutazione della contrazione del comparto nazionale del granito è utile proporre un confronto dell’export graniti con quello dell’intero anno 2006 quando il settore esportò 189.000 tonnellate di graniti in blocchi e lastre per un valore di 49 milioni di euro e 943.754 tonnellate di graniti lavorati per un valore di ben 811 milioni come riportato da Stone Sector 2007 edito da Internazionale Marmi e Macchine.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“I bambini in Siria: una generazione a rischio”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Intervento del Ministro degli Affari Esteri Emma Bonino “Il conflitto in Siria è arrivato al suo terzo anno e possiamo definirlo una delle più gravi crisi umanitarie nel mondo: un milione di bambini sono stati costretti a fuggire dal paese e sono attualmente rifugiati in Libano, Giordania, Turchia, Iraq ed Egitto; 740.000 di essi hanno meno di 11 anni. Oltre tre milioni sono coinvolti in modi diversi dal conflitto all’interno dei confini nazionali” ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera in apertura del Convegno “I bambini in Siria: una generazione a rischio”, organizzato a Roma dall’UNICEF Italia e dal Ministero degli Affari Esteri.Al convegno sono intervenuti, oltre a Giacomo Guerrera, Presidente UNICEF Italia, Marzio Babille, Rappresentante UNICEF per l’Iraq, Luigi Contu, Direttore ANSA, e in collegamento dagli uffici sul campo: Annamaria Laurini, Rappresentante UNICEF per il Libano; Dominque Hide e Michele Servadei rispettivamente Rappresentante e Vice Rappresentante dell’UNICEF Giordania. Ha concluso i lavori Emma Bonino, Ministro degli Affari Esteri.“La vita di oltre quattro milioni di bambini all’interno e fuori del paese è annientata dal conflitto in corso: un’intera generazione è a rischio. In Siria, il crescere continuo delle violenze e la distruzione di servizi e beni di sussistenza essenziali compromette la vita dei bambini che ne sono vittime”- ha proseguito Guerrera. – “È una ‘guerra ai bambini’. Una guerra che ha costretto e costringe molti di loro a lasciare le proprie case abbandonando la scuola, gli amici e i parenti, gli affetti più profondi. Le loro nuove “case” spesso non hanno le necessità più elementari e ciò li espone alle malattie e altri pericoli. Le cicatrici fisiche ed emotive di questo conflitto li accompagneranno per molti anni a venire”.L’UNICEF sta lavorando – con molti partner e Ong – per soddisfare le necessità dei bambini e delle famiglie siriani, ovunque essi si trovino, all’interno del paese o in quelli confinanti come rifugiati. Fino a oggi l’UNICEF ha aiutato milioni di bambini e di famiglie: dall’inizio dell’anno 2.401.525 sono stati vaccinati contro il morbillo, 278.293 hanno seguito programmi didattici, 468.361 hanno ricevuto supporto psicologico contro i traumi e lo stress della guerra; 10.223.057 persone hanno avuto accesso ad acqua potabile e per uso domestico.“Questi sono i numeri della concretezza della nostra organizzazione. Di quello che possiamo fare per i bambini e che vogliamo continuare a fare con l’aiuto di tutti. Grazie alla generosità dei donatori italiani, nel 2012-2013 l’UNICEF Italia ha trasferito 1.493.000 euro per l’emergenza in Siria e nei paesi confinanti – di cui oltre 1,1 milioni nei primi 8 mesi del 2013 – cui si aggiungono ulteriori 500.000 euro in trasferimento a sostegno dell’istruzione dei bambini rifugiati in Giordania. Ma sono necessari molti altri fondi per rispondere alle crescenti necessità della popolazione siriana, in particolare dei bambini, sia all’interno della Siria che nei paesi limitrofi”, ha ricordato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera.
Lo scorso 4 settembre, il Ministero degli Affari Esteri italiano ha deciso lo stanziamento di ulteriori 500.000 euro per i programmi di emergenza dell’UNICEF in Iraq, per fornire ai bambini rifugiati nel Kurdistan iracheno assistenza umanitaria nel settore acqua e igiene.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Galgani: “Un campus per la formazione aziendale e professionale”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

“La Scuola di Scienze Aziendali è un’eccellenza, un esempio unico nel nostro Paese, il cui valore è ancora più elevato in periodi come questi, nei quali si ascoltano continue recriminazioni sullo scarso collegamento tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro. La Scuola diretta da Piero Baldesi, nei suoi 28 anni di vita, ha diplomato 2.500 giovani e ha coinvolto 900 aziende italiane e internazionali; è oggi un modello di efficienza, il 90 per cento degli studenti che esce da queste aule trova lavoro nel giro di un anno e il 65 per cento viene assunto nella stessa azienda dove ha svolto lo stage curricolare”. Con queste parole il presidente della Camera di Commercio di Firenze, Vasco Galgani, ha descritto i successi della Scuola di Scienze Aziendali nel corso dell’Open Day 2013, durante il quale è stato presentato ai futuri studenti e ai genitori il prossimo corso in gestione d’impresa, le cui iscrizioni scadranno il 30 settembre.Galgani ha anche delineato un progetto sul possibile sviluppo della Scuola fondata da Comune di Firenze, Provincia di Firenze, Confindustria Firenze e la Camera di Commercio in rappresentanza di tutte le categorie economiche: “E’ arrivato il momento di valorizzare ancora di più le Scienze Aziendali, ampliarne gli spazi e inserirle in un contesto dedicato alla formazione d’eccellenza, insieme all’ISIS Leonardo Da Vinci e alla Scuola Superiore di Tecnologie Industriali. Con le istituzioni e le associazioni di categoria stiamo studiando la nascita di un vero e proprio campus per la formazione aziendale e professionale a Firenze Nova, con l’obiettivo di farlo diventare un punto di riferimento per l’intero territorio toscano”.Il progetto potrebbe rientrare negli interventi che la Camera di Commercio di Firenze ha predisposto nell’ambito della formazione, per i quali solo nell’ultimo anno sono stati erogati un milione e mezzo di euro. “Così come l’Università Luiss rappresenta l’eccellenza nel mondo accademico, vorremmo che il nuovo campus divenisse un investimento per la formazione media superiore in modo dare risposta alle imprese nella loro ricerca di personale specializzato”, ha aggiunto Filippo Salvi, presidente della Scuola di Scienze Aziendali, specificando che il nuovo campus con residenze, biblioteca, laboratori e spazi didattici sarebbe collocato in un’area particolarmente favorevole perché ben collegata attraverso strade, ferrovia e tramvia.Parole condivise dal direttore della Scuola di Scienze Aziendali, Piero Baldesi: “Per i ragazzi, frequentare la scuola come un’azienda con il badge d’ingresso, gli stages a Firenze e nel mondo e parlare con imprenditori di successo, rappresenta un mix apprezzato. Qualcosa che avvicina la nostra istruzione al sistema tedesco, riconosciuto come il migliore per quanto riguarda l’alternanza fra scuola e lavoro e per la vicinanza della scuola al mondo dell’impresa”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commercio delle armi

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Il premio Nobel per la pace Oscar Arias Sánchez, ex Presidente della Repubblica di Costa Rica, terrà, martedì 17 settembre alle 16,30 presso la Sala della Pace della Comunità di Sant’Egidio, una conferenza sul Trattato internazionale sul commercio delle armi adottato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso 2 aprile e già sottoscritto da settanta paesi. Proprio ieri la Camera dei deputati ha ratificato il Trattato con voto unanime, scrivendo “una delle pagine più belle del parlamento italiano”, come ha commentato l’on. Mario Marazziti, capogruppo di Scelta civica in Commissione Esteri e primo firmatario della proposta di legge di ratifica. Il Trattato internazionale sul commercio delle armi obbliga i paesi contraenti a imporre regole ai costruttori di materiale bellico, a combattere il mercato illegale e a regolamentare l’esportazione delle armi convenzionali. All’Assemblea generale delle Nazioni unite è stato adottato con 154 voti a favore, tre contrari (Siria, Corea del Nord e Itran) e 23 astenuti fra i quali Russia e Cina. Il giro di affari del commercio legale di armi ammonta a 80 miliardi di dollari l’anno. Oscar Arias Sánchez, Presidente del Costa Rica dal l986 al 1990 e poi dal 2006 al 2010, ha ricevuto il Nobel nel 1987 per l’attività svolta per la pacificazione in America centrale nel quadro delle iniziative promosse dal gruppo di Contadora, culminate con l’accordo firmato il 7 agosto 1987 dai presidenti di cinque Stati centroamericani sulla base di una proposta da lui stesso formulata.
Il programma della conferenza prevede il saluto del Prof. Andrea Riccardi, Fondatore della Comunità di Sant’Egidio, una introduzione dell’ambasciatore di Costa Rica presso la Santa Sede Fernando Felipe Sànchez e l’esposizione del premio Nobel Oscar Arias Sánchez.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlusconi e lo scontro Tv

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2013

Non sono le urla, le pitonesse e la costante tensione, gli ingredienti utili a costruire il consenso tra gli elettori. La ripartenza in grande stile dei talk show televisivi in un clima di scontro al calor bianco sulla vicenda della decadenza di Silvio Berlusconi, radicalizza le opinioni e non sposta voti, o ne sposta pochissimi.A sostenerlo è Mario Rodriguez, consulente, docente all’Università di Padova e autore di ConSenso, saggio sulla comunicazione politica edito da Guerini e Associati e dal 5 settembre in libreria. “I sondaggi, – spiega Mario Rodriguez – ci dicono che questo scontro quasi tutto televisivo sulla decadenza di Berlusconi non fa guadagnare voti a nessuno. Il motivo è chiaro: siamo di fronte a un modo di comunicare che non mette al centro delle proprie attenzioni chi riceve il messaggio e lo rielabora, ma solo chi lo emette.”Il caso Berlusconi, appare un caso da manuale– spiega Rodriguez nel suo libro– di quelli che vengono definiti gli effetti limitati dei media. La casalinga di Voghera, che in passato votava DC, oggi guarda Il grande fratello e vota Berlusconi, mentre la casalinga di Casalecchio di Reno, che prima votava PCI, e ora guarda anche lei Il grande fratello, continua a votare a sinistra. E’ il segno di quanto poco la TV sposti il voto degli italiani. Basti pensare a una vicenda oramai celebre: il caso Clinton – Lewinsky. Mesi di dibattiti e polemiche e le ricerche fatte allora dimostrarono che i media avevano imposto all’attenzione il fatto, ma non avevano spostato gli orientamenti politici.“Se continuiamo a rimanere fermi all’idea che per fare comunicazione politica occorre andare a urlare in TV presidiandola manu militari – conclude Rodriguez – non si supereranno mai le difficoltà attuali e la disaffezione dei cittadini. La crisi della politica si specchia in questa incapacità di creare consenso. E la soluzione è una sola. Serve la capacità di trovare parole e frasi appropriate, credibili, capaci di motivare le persone, dare senso ai comportamenti che si chiede di mettere in campo. È la rivincita della parola sull’immagine, dell’autenticità sulle ambiguità, delle chiacchere quotidiane sulla tv. Parole da dire con passione ma da pensare dal punto di vista di chi ascolta.” M. Rodriguez, Consenso. La comunicazione politica tra strumenti e significati, prefazione di Ilvo Diamanti, pp.142, euro 16,50, ISBN 978-88-6250-476-8, Guerini e Associati, 2013.
MARIO RODRIGUEZ (Napoli 1947) è un consulente di comunicazione in ambito politico e pubblico ed è professore a contratto di Comunicazione pubblica all’Università degli Studi di Milano e di Comunicazione politica a Padova. Dopo le prime esperienze di lavoro come giornalista e dirigente politico è stato dirigente d’azienda e senior consultant di una delle principali società di relazioni pubbliche internazionali. Nel 1994 ha fondato la MR & Associati Comunicazione. Collabora sin dalla fondazione con il quotidiano Europa ed è autore di diversi saggi apparsi sulla rivista Comunicazione Politica. Ha collaborato ai volumi La rivoluzione elettorale, a cura di Renato Mannheimer e Giacomo Sani (1993) e Milano a Roma, a cura di Ilvo Diamanti e Renato Mannheimer (1994).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »