Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 25 settembre 2013

Many Societies Gradually Moving to Dismantle Gender Discrimination, Yet More Can Be Done, Says World Bank Group President Jim Yong Kim

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

Eritrean women

Eritrean women (Photo credit: Wikipedia)

London, September 24, 2013 —A new World Bank and IFC report finds legal and regulatory barriers to women’s economic inclusion have decreased over the past 50 years globally, but many laws still hinder women’s participation in the economy. Laws restricting women’s economic activity are currently most prevalent in the Middle East and North Africa, Sub-Saharan Africa and South Asia.The third in a series, Women, Business and the Law 2014: Removing Restrictions to Enhance Gender Equality monitors regulations affecting women entrepreneurs and employees in 143 economies. This edition highlights reforms carried out over the past two years, examines the evolution of women’s property rights and legal decision making ability since 1960 and expands coverage to examine legal protections addressing violence against women.“Our latest edition of Women, Business and the Law shows that many societies have made progress, gradually moving to dismantle ingrained forms of discrimination against women,” said Kim. “Yet a great deal remains to be done.”This report finds 44 economies have made 48 legal changes, thus increasing women’s economic opportunities over the past two years. Côte d’Ivoire, Mali, the Philippines and the Slovak Republic had the most reforms. Among the reforms, husbands can no longer unilaterally stop their wives from working in Côte d’Ivoire and Mali, the Philippines has lifted restrictions on night work for women, and the Slovak Republic increased the percentage of wages paid during maternity leave.The report finds economies in Eastern Europe and Central Asia have the most extensive lists of jobs women cannot do. For example, in the Russian Federation women cannot drive trucks in the agricultural sector, in Belarus they cannot be carpenters and in Kazakhstan they cannot be welders. These restrictions may have arisen from a desire to protect women, but can limit their employment options. The report shows economies with the most job restrictions on women have lower female participation in the formal labor force.
Between 1960 and 2010, more than half the restrictions on women’s property rights and ability to conduct legal transactions were removed in the 100 economies examined. Restrictions in three regions – Sub-Saharan Africa, Latin America and the Caribbean, and East Asia and the Pacific – were cut in half. While some restrictions were removed in South Asia and in the Middle East and North Africa, these two regions reformed the least.Another major innovation in the report is new data on the existence and scope of laws on two areas of violence against women: sexual harassment and domestic violence. Covering 100 economies, the data show that prohibitions against sexual harassment in the workplace are widespread – 78 economies have legislation and over half of these criminalize the behavior. Legislation on domestic violence is also widespread –76 economies have laws prohibiting domestic violence. The region with the fewest laws on domestic violence is the Middle East and North Africa.
The report shows lower gender legal parity is associated with fewer women participating in firm ownership, while policies encouraging women to join and remain in the labor force are associated with greater income equality. Even though the report offers signs of improvement for women’s economic opportunities globally, it shows economies can do more to ensure women’s participation in economic life.
Women, Business and the Law measures how laws, regulations and institutions differentiate between women and men in ways that may affect women’s incentives or capacity to work or to set up and run a business. It analyzes legal differences on the basis of gender in 143 economies, covering six areas: gaining access to institutions, using property, getting a job, providing incentives to work, building credit, and going to court. The project provides a clear picture of gender gaps based on legal differences in each economy, but it does not capture the full extent of the gender gap, nor does it indicate the relative importance of each aspect covered. This year’s report was published by Bloomsbury Publishing.
The World Bank Group is one of the world’s largest sources of funding and development expertise for developing countries. It comprises five closely associated institutions: the International Bank for Reconstruction and Development (IBRD) and the International Development Association (IDA), which together form the World Bank; the International Finance Corporation (IFC); the Multilateral Investment Guarantee Agency (MIGA); and the International Centre for Settlement of Investment Disputes (ICSID). Each institution plays a distinct role in pursuing the World Bank Group’s mission to fight poverty and improve living standards for people in the developing world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

MEPs raise suspension of EU-US bank data deal

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

United States Capitol

United States Capitol (Photo credit: Jack in DC)

MEPs raised the possibility of suspending or even terminating the EU-US Terrorist Finance Tracking Programme (TFTP), during the discussion on Tuesday about the NSA’s alleged tapping of the SWIFT company’s international bank-transfer data at the Civil Liberties Committee’s third hearing on US and EU countries’ surveillance schemes.Home Affairs Commissioner Cecilia Malmström told MEPs that she had not yet received satisfactory replies from the US authorities concerning the allegations. She said she had written to US Treasury Under Secretary David Cohen on 12 September to ask for clarifications, following the allegations in the press that the NSA had been tapping into personal financial data from SWIFT’s international bank-transfer database.
“I am not satisfied with the answers I got so far,” Ms Malmström told MEPs. “We need more information and clarity,” she said, adding that the Commission had requested formal consultations with the US under Article 19 of the TFTP agreement.Sophie in’ t Veld (ALDE, NL) agreed that the answers from the US were not sufficient. “For me the [TFTP] agreement is effectively dead (…) it is null and void,” she said, adding: “Approving an international agreement is like signing a blank check. (…) The only reason I had to support it no longer exists.”Other MEPs also raised the possibility of suspending or terminating the TFTP agreement. “Would you agree to suspend the agreement given the unclear answers from the US?” asked the committee rapporteur for the inquiry, Claude Moraes (S&D, UK). Parliament’s rapporteur for the TFTP deal, Alexander Alvaro (ALDE, DE), said that he would be in favour of suspension as a “minimum option”.Axel Voss (EPP, DE), said: “At this point we cannot simply withdraw” from the deal. “If media reports are true this constitutes a breach of the agreement and a breach of the agreement can lead to suspension,” replied Ms Malmström, clarifying that a decision to maintain or suspend the TFTP agreement “is a very serious one”.If after analysing all the information, the Commission deemed it necessary to propose a suspension, “this should be decided by qualified majority in the Council,” she said

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Supportive Government Policies Stimulate Electric Vehicle Market in Turkey, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

London, UK Turkey is set for the era of electric vehicles (EVs), as original equipment manufacturers (OEMs) prepare for the launch of new EVs and the development of charging infrastructure gathers pace. EV market growth in the country is mainly driven by reduced special consumption taxes (SCT) for EVs as well as demand from global companies that are increasingly focusing on green policies.New analysis from Frost & Sullivan (http://www.automotive.frost.com), Strategic Analysis of the Electric Vehicle Market in Turkey – An Update, finds that approximately 190 EVs were sold in Turkey in 2012 and estimates this to reach 44,654 units in 2020 at a compound annual growth rate of 98.9 percent. Twelve OEMs are expected to launch their EV models in next five years. In terms of public charging stations, the country had 160 in 2012 and 120,000 more are expected to be installed by 2020.
Smart grid investments in the electricity distribution network will allow for easier integration of EVs to the grid and widen the potential for EV sales. Turkey also has separate tariff schemes for electricity usage during the day and night, thereby enabling the low-cost charging of EVs at night.Unfortunately, incentives limited to the reduction of SCT are not enough to create awareness and boost large-scale EV uptake. It will take a few years for customers to change their daily commuting habits and opt for EVs over traditional vehicles. Infrastructure expansion and operational changes are necessary, too.After 2015, the market in the country will boom as used fleet EVs are made available to private customers.If you are interested in more information on Frost & Sullivan’s latest report Strategic Analysis of the Electric Vehicle Market in Turkey – An Update, please send an e-mail to Katja Feick, Corporate Communications, at katja.feick@frost.com, with your full contact details.Strategic Analysis of the Electric Vehicle Market in Turkey – An Update (M998-18) is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan’s related research services include: Electric Vehicle Charging Infrastructure in Europe, Strategic Analysis of Brazil Electric Vehicle Market, Strategic Outlook of the Electric Vehicle Market for 2013 and other Electric vehicle studies. All research services included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends evaluated following extensive interviews with market participants.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants.Our “Growth Partnership” supports clients by addressing these opportunities and incorporating two key elements driving visionary innovation: The Integrated Value Proposition and The Partnership Infrastructure.The Integrated Value Proposition provides support to our clients throughout all phases of their journey to visionary innovation including: research, analysis, strategy, vision, innovation and implementation.The Partnership Infrastructure is entirely unique as it constructs the foundation upon which visionary innovation becomes possible. This includes our 360 degree research, comprehensive industry coverage, career best practices as well as our global footprint of more than 40 offices.For more than 50 years, we have been developing growth strategies for the global 1000, emerging businesses, the public sector and the investment community. Is your organization prepared for the next profound wave of industry convergence, disruptive technologies, increasing competitive intensity, Mega Trends, breakthrough best practices, changing customer dynamics and emerging economies?

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un corso per trasformare la voce in testi scritti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

Dragon NaturallySpeaking

Dragon NaturallySpeaking (Photo credit: Wikipedia)

Milano. L’Università di Macerata ha organizzato il primo Master AMAC (Accessibility to Media, Arts and Culture), il cui programma di studio include un modulo di respeaking, una efficace tecnica adottata per trascrivere simultaneamente il discorso orale di convegni, workshop, conferenze, riunioni, ecc. e per produrre sottotitoli in tempo reale.L’attività del respeaker consiste nell’ascoltare il testo di partenza e nel dettarlo simultaneamente a Dragon NaturallySpeaking – insieme alla punteggiatura necessaria – in modo da ottenerne un testo scritto.
Nel caso della sottotitolazione, il testo elaborato dal software viene visualizzato in un formato “sottotitoli” che vengono proiettati insieme all’immagine originale nel caso di eventi come seminari, o mostrati «in pancia» sullo schermo nel caso di trasmissioni televisive.
L’attività di respeaking è necessaria in quanto il parlato libero delle persone non ha le caratteristiche necessarie ad una trascrizione automatica di qualità, in quanto caratterizzato da interruzioni, ripetizioni, rumori di fondo. Inoltre, la costruzione sintattica del parlato orale non corrisponde spesso a quella della forma scritta, e naturalmente nessun oratore pronuncia la punteggiatura.Tre docenti hanno gestito il modulo respeaking per i corsisti – i quali hanno scelto di utilizzare Dragon in italiano o in inglese – ed hanno impostato un percorso didattico in funzione dei diversi scenari possibili e con difficoltà crescente: discorsi e conferenze (un solo parlante, velocità di parola moderata), programmi TV con narrazioni (un solo parlante ma con la necessità di seguire il montaggio), telecronaca di eventi sportivi (più di un parlante), telegiornali (un solo parlante, velocità elevata), previsioni del tempo (un parlante, velocità elevatissima) e infine programmi di intrattenimento e talk show (due o più parlanti, velocità elevatissima).Per ogni video sono stati proposti vari esercizi, oltre al respeaking vero e proprio, tra cui l’inserimento di testi scritti sulle stesse tematiche del video, la visione del brano e la creazione di liste di parole da aggiungere al vocabolario di Dragon, la creazione di macro utili, la correzione di eventuali errori di riconoscimento o di dettatura, e così via. In questo modo gli studenti hanno appreso come migliorare il loro rendimento e come sfruttare al meglio le caratteristiche del software.
In particolare la possibilità di “addestrare” Dragon, di modificarne e ampliarne il dizionario in base all’evento da sottotitolare e di pianificare a priori determinate strategie scegliendo apposite macro o dizionari specifici, sono valide risorse che il respeaker sa come sfruttare al meglio al fine di produrre verbalizzazioni e sottotitoli di eccellente qualità.

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kenya: dopo l’attacco terroristico a Nairobi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

Kenya, 2012

Kenya, 2012 (Photo credit: Moridin_)

La popolazione musulmana del Kenya e i profughi dalla Somalia rischiano ulteriore emarginazione e discriminazione. L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) teme che il terribile attacco terroristico compiuto a Nairobi possa avere gravi conseguenze sulla situazione già difficile della popolazione di fede musulmana del Kenia e i profughi provenienti dalla Somalia. Tutti i fedeli musulmani in Kenia rischiano ora di essere sospettati in toto di terrorismo nonostante il Supremo Consiglio musulmano abbia chiaramente preso le distanze dall’attacco terroristico. Anni di lavoro delle organizzazioni musulmane per porre fine alla discriminazione e alla violazione dei loro diritti rischiano di andare in fumo a causa del terrore importato dagli estremisti di Al Shabaab.I musulmani del Kenia costituiscono circa l’11% sui 40 milioni di abitanti del paese africano. L’attentato arriva proprio nel momento in cui la popolazione musulmana aveva iniziato a emanciparsi e a partecipare attivamente alla vita politica del paese e a porre richieste precise ad autorità e politici, come pari accesso al mercato del lavoro e riconoscimento sociale. Il Consiglio Supremo dei Musulmani del Kenia aveva però chiesto anche l’alleggerimento della legge anti-terrorismo proprio per porre fine alla discriminazione in toto dei fedeli musulmani nel paese. La richiesta di liberalizzazione della politica di sicurezza certo non sarà accolta ora, con il presidente Uhuru Kenyatta impegnato a mostrarsi forte e fermo di fronte agli attacchi.La discriminazione, le perquisizioni e gli arresti arbitrari rischiano di investire anche i campi dei profughi somali rifugiatisi nel vicino Kenia. Purtroppo però ogni violenza e arbitrarietà commessa contro i profughi non fa altro che ingrossare proprio le fila delle milizie estremiste Al Shabaab che da decenni reclutano sistematicamente i giovani dei campi profughi. L’unico modo per togliere forza alle milizie estremiste resta quello di impegnarsi con un seria politica a favore dei profughi, di fornire scuole, formazione professionale e reali prospettive socio-economiche in Kenia o in Somalia.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecom Italia agli spagnoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl:“Sulla vendita di azioni Telco alla società spagnola Telefonica e sul conseguente nuovo assetto di controllo di una delle imprese chiave per lo sviluppo del nostro Paese, Telecom Italia, serve un quadro dettagliato per esprimere qualsiasi giudizio ma è evidente che è proprio la mancanza di dettagli e di chiarezza che alimenta le preoccupazioni.
Per questo chiedo al presidente del Consiglio, Enrico Letta, di venire in Aula alla Camera dei deputati a illustrare la valutazione e le considerazioni del governo su un’operazione che rientra nelle logiche di mercato, e come tale non è stata preannunciata, ma coinvolge da molto vicino tutti gli sforzi e gli investimenti che le imprese e le pubbliche amministrazioni stanno mettendo in campo per affrontare la sfida dell’economia digitale.In particolare eravamo rimasti fermi alle frammentarie e contraddittorie informazioni sullo scorporo della rete fissa, all’ipotesi d’ingresso della Cassa Depositi e Prestiti, alla trasformazione di Telecom Italia da azienda nazionale di telecomunicazioni ad attore protagonista della sfida mondiale dei servizi via internet, alla necessità di ingenti investimenti in infrastrutture per le reti di nuova generazione, alle preoccupazioni sull’indebitamento e sulle tariffe.Cosa cambierà con i due terzi del capitale Telco in mano agli spagnoli? Ci saranno ancora le risorse per gli investimenti e per lo sviluppo dei servizi? A che punto è il progetto di scorporo della rete fissa e quali sono le prospettive del settore in Italia? Sono solo alcune delle domande alle quali il presidente del Consiglio dovrà rispondere, e mi auguro lo faccia nel più breve tempo possibile e senza perdere di vista il fatto che in questi giorni il nostro Paese continua a cedere pezzi pregiati a imprese straniere e fatica a investire su stesso. Se continuiamo così ci resteranno solo le scorie di quello che era ed è ancora un grande sistema industriale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete: impatto sociale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

prof. Stefano Del PratoBarcellona. Il diabete preoccupa: 371 milioni di persone sono colpite dalla malattia nel mondo; oltre 3 milioni in Italia. “Per l’ISTAT siamo giunti a 3,3 milioni, senza considerare 1 milione di persone che nel nostro Paese ha il diabete non diagnosticato”, dice Salvatore Caputo, diabetologo, Presidente di Diabete Italia, l’organizzazione che raggruppa le società scientifiche diabetologiche e della medicina generale, le associazioni di volontariato e degli operatori sanitari in diabetologia. In Italia, circa 27.000 persone fra i 20 e i 79 anni muoiono ogni anno a causa del diabete: un decesso ogni 20 minuti. Oltre a ridurre l’aspettativa di vita di 5-10 anni, il diabete è responsabile di complicanze serie ed invalidanti: ogni 7 minuti una persona con diabete ha un attacco cardiaco, ogni 26 minuti una va in insufficienza renale, ogni 30 minuti una ha un ictus, ogni 1,5 ore una subisce un’amputazione, ogni 3 ore una entra in dialisi.Il diabete non preoccupa solo per gli aspetti sanitari. In Italia, il diabete assorbe risorse del Servizio sanitario nazionale per 9,2 miliardi di euro l’anno, con una proiezione di 12 miliardi al 2020. “Non dimenticando che pesano sulla comunità, nel complesso, anche i costi derivanti da perdita di produttività, pensionamento precoce, disabilità permanente della persona con diabete”, spiega Carlo B. Giorda, Presidente Fondazione AMD (Associazione medici Diabetologi). Secondo il Rapporto 2013 “Facts and figures about diabetes in Italy”, che analizza l’andamento dei principali indicatori della malattia regione per regione, redatto sotto l’egida dell’Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, i costi diretti del diabete continuano ad essere attribuibili in misura preponderante ai ricoveri ospedalieri, che rappresentano circa il 57% dei costi complessivi, mentre i costi legati ai farmaci rappresentano meno del 7% della spesa pro-capite, stimata mediamente in circa 3.000 euro.A incidere in maniera importante su questi costi è una componente della malattia spesso sottostimata: l’ipoglicemia. Una proiezione elaborata sulla base di uno studio condotto dal Consorzio Mario Negri Sud e dalla regione Puglia, sui costi delle ipoglicemie nel periodo 2003-2010, ci dice come in questi 8 anni l’ipoglicemia sia stata responsabile di 128.000 ricoveri ospedalieri in Italia, per episodi gravi o cadute, incidenti e altre conseguenze del repentino abbassamento della glicemia. “Il che ha comportato una spesa per il servizio sanitario stimata ben oltre i 400 milioni di euro. Una cifra considerevole, comunque sottostimata, perché non tiene conto di tutti i casi di accessi al pronto soccorso che non sfociano in un ricovero”, commenta Giorda. Mediamente, infatti, secondo lo stesso studio, è di 2.326 euro il costo di ogni singolo ricovero causato da un episodio grave di ipoglicemia e di 3.489 euro il costo se l’ipoglicemia causa conseguenze gravi quali eventi cardiovascolari o cadute con fratture.Per valutare l’incidenza degli episodi di ipoglicemia severa e sintomatica nelle persone con diabete di tipo 1 e 2, l’impatto sulla qualità di vita e sui costi diretti e indiretti, AMD, in collaborazione con il Consorzio Mario Negri Sud, e il contributo di Novo Nordisk, ha programmato lo studio Hypos-1, un’indagine approfondita condotta dai Servizi di diabetologia, i cui risultati preliminari sono stati illustrati da Giorda. “Nel diabete di tipo 1, una persona su due sperimenta un’ipoglicemia severa l’anno, mentre le ipoglicemie sintomatiche sono estremamente frequenti; mentre nel diabete di tipo 2, una persona su dieci ha un’ipoglicemia severa l’anno e tre su quattro almeno un’ipoglicemia sintomatica”, dice Giorda. “Inoltre, Hypos-1 conferma che le ipoglicemie comportano un evidente impatto negativo sulla qualità di vita, sul benessere fisico, psicologico, sul peso della malattia e soprattutto sulla paura dell’ipoglicemia; non solo: determinano un grosso dispendio di risorse economiche, sia in termini di accesso ai servizi che di perdita di produttività”, aggiunge.“Il verificarsi di episodi di ipoglicemia ha un impatto negativo su molti aspetti della vita quotidiana, quali attività lavorativa, vita sociale, guida, pratica sportiva, tempo libero, sonno. Diversi studi hanno documentato che le persone che hanno avuto esperienza di ipoglicemie, specie se gravi, tendono a diminuire l’adesione alla terapia e agli stili di vita raccomandati, riportando una peggiore qualità di vita e maggiori preoccupazioni legate alla malattia” dice Edoardo Mannucci, Direttore Agenzia Diabetologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.“Le ipoglicemie sono il principale effetto collaterale del trattamento con insulina, ma oggi l’incidenza di ipoglicemie sintomatiche e notturne è diminuita grazie all’introduzione di insuline innovative, ciononostante le ipoglicemie continuano a rappresentare una barriera all’ottimizzazione della terapia insulinica – continua Mannucci. Le caratteristiche della formulazione di un’insulina ideale dovrebbero essere quelle di rilasciare una concentrazione di insulina costante, stabile, priva di picchi e continua per almeno 24 ore, con rischio ridotto di ipoglicemia. L’insulina degludec è un innovativo analogo basale dell’insulina caratterizzato da durata d’azione superiore alle 24 ore e con un effetto metabolico distribuito uniformemente nel corso della giornata. La sua ridotta variabilità di assorbimento assicura un profilo glicemico più stabile con un’importante riduzione del rischio di ipoglicemia. A parità di riduzione di emoglobina glicata, nel programma di sviluppo clinico BEGIN®, degludec, rispetto ad altre insuline, era associato ad un minore tasso di ipoglicemia notturna sia nel diabete tipo 1 (-25%) sia nel tipo 2 (-17%). La disponibilità di questa nuova insulina, che all’occorrenza permette anche flessibilità nell’orario di somministrazione da un giorno all’altro, potrebbe rappresentare un passo in avanti per la terapia insulinica”, conclude Mannucci.(prof. stefano del prato)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cacciari: da Barbara a Renzi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 settembre 2013

“Barbara Berlusconi? L’ho conosciuta come studentessa qualche anno fa ed è una bravissima, appassionata e di una assoluta modestia. Era molto legata ai suoi colleghi di corso. Non faceva assolutamente pesare il suo cognome. In politica potrebbe funzionare, meglio di Marina Berlusconi”. Lo dice Massimo Cacciari, ex sindaco di Venezia che nel 2010 era pro Rettore dell’Università San Raffaele di Milano dove si è laureata la figlia del Cavaliere. “Barbara – aggiunge Cacciari – può funzionare perché ha curiosità e cultura. Marina mi dicono invece sia una brava amministratrice ma gli imprenditori veri vogliono comandare e non possono fare politica. Come ha giustamente detto Carlo de Benedetti, nulla è meno democratico di un’impresa moderna. Sono i più inadatti al mondo a fare politica. Barbara non è come Marina, non ha fatto il suo percorso e ha studiato filosofia che è una cosa un po’ strana per un futuro imprenditore e un Berlusconi”.
Massimo Cacciari a La Zanzara su Radio 24: “Renzi? Poverino, si agita. Va a pranzo con chi capita, ogni giorno deve finire sui giornali per l’immagine”. “Pd? Discussioni da schifo, una cosa scandalosa”. “Diventerà segretario, ma glielo lasceranno fare? La cassa ce l’hanno gli altri”.“Renzi dietro non ha un partito e per la sua cultura pensa di poter fare il premier senza partito, ma non esiste. Poverino, si agita continuamente. Va a pranzo con chi gli capita, va in cerca di immagine e una volta va con Cavalli, l’altra con Signorini. Ogni giorno deve vedere la sua immagine sui giornali”. Lo dice Massimo Cacciari, ex sindaco di Venezia, a La Zanzara su Radio 24. “E’ una cosa logorante – dice Cacciari – io non vado a cena e a pranzo con nessuno, sono le cose più detestabili. L’uomo invece è agitato, per ora va avanti a battute. Probabilmente diventerà segretario, ma glielo lasceranno fare? La cassa per ora ce l’hanno gli altri”. “La discussione sul congresso del Pd – aggiunge ancora Cacciari – è una cosa scandalosa. Uno schifo? Sì, è un piccolo grande scandalo che un partito discuta da mesi di stupidaggini che non hanno nessuna importanza per i cittadini in un momento così drammatico”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »