Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 26 settembre 2013

Temples to Toilets: First Global Interfaith Initiative to Promote Safe Water, Sanitation and Hygiene Launched at UNICEF House

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

India

India (Photo credit: Spicygreenginger)

NEW YORK, The first global interfaith initiative to promote safe water, sanitation and hygiene was launched today. The partnership will bring together faith-based organizations committed to tackling pressing social problems that impede the health and rights of children around the world.The Global Interfaith WASH Alliance, or GIWA, envisions a water-secure world in which safe and sustainable drinking water and improved sanitation will be accessible to all by the year 2020. An estimated 5 billion people across the world are members of religious communities, underscoring the critical role religious leaders can play in addressing seemingly intractable problems – such as access to safe water and sanitation.Lack of adequate sanitation is a global crisis directly impacting health, education, productivity and economic status. Every day diarrhoea – the second largest killer of children under five in the developing world – claims over 1600 young lives. “Our world has lost millions of beautiful children due to poor water, hygiene and sanitation,” said Pujya Swamiji, GIWA co-founder and President & Spiritual Head of Parmarth Niketan Ashram. “Today, leaders of the world’s faiths are saying, enough.”“Clean water and sanitation should not be a distant dream for children and communities,” said Anthony Lake, UNICEF Executive Director. “They should be a reality. And this alliance can help bring their dreams much closer.”Religious communities are already an indispensable partner for UNICEF in advancing children’s rights and enhancing their well-being. In terms of promoting water and sanitation efforts, partners of GIWA can point to significant achievements, among them:
· Ganga Action Parivar (GAP), bringing together the faiths of India to protect and restore the Ganga River, which is polluted by some 2 billion litres of sewage and 1 billion litres of toxic chemicals daily. GAP provides and promotes sanitation, potable water, tree plantations, public awareness programmes and more.
· The “Islam and Water” education programme supported by the Alliance of Religions and Conservation which is creating water awareness among Muslim communities in several countries.
·Imam Ilyasi, Chief Imam of India and President of the All India Imam Organization announced the development of a WASH training involving over 500,000 imams in India. The Ecumenical Water Network of the World Council of Churches, which is working with 349 churches and Christian organizations worldwide to facilitate an exchange of information on the world’s water crisis.
Expanding access to sanitation and eliminating open defecation can save lives and reduce cases of diarrhoea in children under five by over a third. Yet two years shy of the Millennium Development Goals deadline, only 64 per cent of the global population has improved sanitation, far short of the 75 per cent MDG target. And while the international community has reached its MDG water target, more than 768 million people still lack access to improved drinking water sources.Safe drinking water and improved sanitation not only reduce diarrhoea and stunting, but they are often the catalyst that can propel a family out of poverty. They are basic human rights as well as foundations upon which healthy and productive societies may thrive. Without them, children cannot survive and communities cannot grow and prosper. Investing in Water, Sanitation and Hygiene, therefore is an investment in the health and livelihoods of future generations.“We are called to sanctify time and dedicate the next 7 years, every hour, every second to the provision of clean water and improved sanitation,” said Rabbi Awraham Soetendorp, GIWA co-founder and President and Founder of the Institute for Human Values. “Living water will be in reach of the whole community of life and thus hope will propel us to action.”The seed for the Global Interfaith WASH Alliance was planted earlier this year at “Wings for Water,” a multi-stakeholder dialogue held in The Hague in advance of the World Water Day celebrations. Included among GIWA’s founding partners are: Institute for Human Values (The Netherlands), Ganga (Ganges) Action Parivar, (India), Elijah Interfaith Institute (Israel), the All India Organization of Imams of Mosques, the Council of 13 Indigenous Grandmothers, the Ecumenical One World Initiative (Germany), and Inner Sense (The Netherlands).In order to achieve its goal to fulfill the MDGs and achieve a water secure world by 2020, GIWA will bring together faith-based organizations, aid agencies and religious communities working on WASH; mainstream good practices of faith-based WASH initiatives; engage the world’s religions in advocacy work to ensure that governments take seriously their responsibilities to guarantee the human right to water and sanitation; and spearhead concrete actions to enhance public health by promoting Community-Led Total Sanitation (CLTS). GIWA’s aim is to empower religious and spiritual communities to take action on WASH and bring a spirit of collaboration and compassion into existing networks and planned international events on WASH

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Malattie della tiroide

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

“Stiamo osservando un incremento delle malattie della tiroide: è un trend che vedrà, nei prossimi 20 anni, aumentare ulteriormente questi disturbi, che già oggi colpiscono oltre il 10% della popolazione femminile. Le malattie più frequenti sono la tiroidite di Hashimoto, una patologia autoimmune che può progressivamente indurre l’ipotiroidismo, i noduli e i tumori alla tiroide che, grazie alla diagnosi precoce, vengono guariti nella maggioranza dei casi, afferma Enrico Papini, Responsabile scientifico Associazione Medici Endocrinologi (AME) e Direttore UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche dell’Ospedale Regina Apostolorum, Albano Laziale. L’incremento di tali patologie è attribuibile sia all’inquinamento ambientale che a situazioni locali, come le radiazioni vulcaniche o la carenza iodica che caratterizza alcune aree del nostro territorio”.
L’accurata messa a punto dei temi più rilevanti e controversi della patologia tiroidea è l’obiettivo del Workshop ‘Thyroid UpToDate 2013 – Patologia tiroidea fra certezze e zone grigie’ che si terrà ad Ariccia (Roma) il 27 e il 28 settembre p.v. e al quale parteciperanno numerosi esperti italiani e internazionali. “Patologie così ‘comuni’ consentono, attraverso la revisione di ampie casistiche, l’ottimizzazione periodica delle pratiche mediche, prosegue Papini. I noduli della tiroide sono molto frequenti nella popolazione italiana e giungono ad interessare il 30-50% nelle donne in età fertile”. L’uso combinato dell’ecografia e dell’esame citologico con ago sottile ha consentito di individuare le lesioni a rischio di malignità e di ridurre il numero degli interventi di tiroidectomia a scopo “diagnostico-precauzionale”. Tuttavia, le casistiche chirurgiche dimostrano che la maggioranza degli interventi di asportazione della tiroide è tuttora eseguito su casi che si rivelano benigni. Questo dato fa riflettere sull’opportunità di evitare ai pazienti interventi non necessari, e le conseguenze potenzialmente sfavorevoli che talora ne derivano. L’obiettivo è quindi limitare gli interventi chirurgici, quando il nodulo alla tiroide è benigno, ai soli pazienti che presentino ipertiroidismo o sintomi compressivi non altrimenti gestibili. Allo scopo sono state recentemente impiegate varie tecniche mini-invasive, eseguibili senza ricovero né necessità di anestesia generale. Ciò consente di mantenere, anche se parzialmente, la funzione della tiroide evitando i costi sociali e sanitari della chirurgia e la necessità di una terapia sostitutiva per tutta la vita.
“Per questi motivi, un gruppo di lavoro formato dalle Società Italiane di Endocrinologia e dalla Società Italiana di Anatomia Patologica, spiega Papini, ha messo a punto una classificazione diagnostica più precisa. Vengono inoltre proposte tecniche bioptiche che, sotto guida ecografica, consentono di ottenere piccoli campioni di tessuto tiroideo (e non semplici cellule come avviene con il tradizionale agoaspirato) che permettono una più affidabile determinazione dei marcatori tumorali eliminando, anche se non del tutto, le “aree grigie” dell’agoaspirato”.
Il convegno tratterà anche dei più recenti aggiornamenti nella terapia dell’ipotiroidismo, sia dopo tiroidectomia, sia nei casi di tiroidite di Hashimoto. La terapia, che utilizza prevalentemente (ma non solo) la levotiroxina, deve essere seguita per tutta la vita e impone semplici ma precise regole per essere effettuata correttamente. Purtroppo, in alcuni casi, l’assorbimento del farmaco può non essere ottimale, per problemi digestivi o per il contemporaneo uso di altre medicine, e per tutti è necessario non assumere cibo, per almeno 30 minuti, dopo l’assunzione della levotiroxina. Alcune persone, infine, non riescono a riacquistare un completo benessere anche dopo la normalizzazione delle loro analisi di laboratorio. Alcuni recenti contributi nel campo della farmacologia consentono ora di ricorrere ad un ventaglio più articolato di soluzioni terapeutiche e di soddisfare, almeno in parte, le esigenze finora irrisolte, ad esempio con l’impiego dell’ormone tiroideo in soluzione liquida che può garantire un migliore assorbimento del principio attivo.
I tumori della tiroide sono, in genere, dotati di moderata aggressività e l’atto chirurgico seguito dalla eventuale ablazione dei residui con radioiodio è nella maggioranza dei casi definitivamente curativo. In alcuni casi, purtroppo, hanno luogo recidive della malattia tumorale, soprattutto a livello dei linfonodi del collo. Varie armi sono a disposizione per gestirle: chirurgia, medicina nucleare e, molto recentemente, tecniche ablative mini-invasive e farmaci anti-tumorali. E’ necessaria una precisa messa a fuoco delle indicazioni e dei limiti delle varie metodiche disponibili (soprattutto delle più recenti) e di come esse possano essere utilizzate, in successione o in modo combinato, per raggiungere la massima efficacia con il minimo rischio per il paziente. Un’altra malattia della tiroide è l’ipertiroidismo che determina una profonda alterazione della qualità della vita ed è una condizione che può influenzare sfavorevolmente patologie coesistenti, soprattutto negli anziani e nei cardiopatici. Tuttora in Italia alcuni pazienti vengono trattati con terapia medica per periodi assai lunghi, senza ricorrere a una soluzione definitiva di questo problema. La terapia con radioiodio può svolgere con sicurezza ed efficacia il ruolo di terapia definitiva ma è spesso procrastinata per dubbi e timori circa i possibili effetti collaterali. Le numerose evidenze a favore e le rare (anche se importanti) limitazioni di questa modalità di trattamento dell’eccesso di ormoni tiroidei devono essere ben presenti allo specialista che si trovi ad affrontare queste situazioni.
E’ evidente che, in una situazione così articolata, è importante affidarsi a centri ospedalieri che possano offrire una serie di procedure diagnostiche e di alternative terapeutiche adeguate alle diverse condizioni. “A questo fine, il convegno potrà avvalersi anche del contributo dei pazienti e delle loro associazioni il cui punto di vista è sempre più importante e determinante nella revisione dei protocolli clinici”, conclude Papini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Volontari della conoscenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Campidoglio: La cordonata capitolina - Roma, I...

Campidoglio: La cordonata capitolina – Roma, Italia. (Photo credit: Wikipedia)

Al via la campagna di adesione alla “Rete dei volontari della conoscenza” e la 4ª edizione del concorso patrocinati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Venerdì 27 settembre alle 10 la presentazione in Campidoglio, con il lancio della 12ª edizione di “Nonni su Internet”, il nuovo progetto ISIS e la premiazione dei volontari impegnati con “The Knowledge Volunteers” in Italia, Spagna, Repubblica Ceca e Grecia, nel programma Grundtvig per l’invecchiamento attivo. Interviene il vicesindaco di Roma Capitale Luigi Nieri.
Dai più giovani che frequentano ancora la scuola primaria ai più anziani ultranovantenni sono più di 36.000 i volti di tutte le età e nazionalità che animano la Rete dei volontari della conoscenza. Una Rete nata già grande grazie a undici edizioni di Nonni su Internet, il progetto di alfabetizzazione digitale per la terza età basato sul modello di apprendimento intergenerazionale, che ha “diplomato” quasi 20.000 over 60. E grazie a 16 diverse declinazioni territoriali del progetto, attuate in Italia e in Europa per rispondere a bisogni specifici, la Fondazione Mondo Digitale ha messo a punto una piattaforma integrata di strumenti (da manuali ad alta leggibilità a video virali) per accelerare il processo di realizzazione di una società della conoscenza per tutti. I volontari della conoscenza sono un vero e proprio motore sociale per la promozione di una cittadinanza attiva, per migliorare la coesione, promuovere l’occupazione e aumentare il capitale umano e sociale.
La campagna “La conoscenza è una ricchezza, condividila!” sarà presentata in Campidoglio venerdì 27 settembre alle ore 10, con la proiezione di uno spot, un vero e proprio video virale in grado di “contagiare” nuovi volontari in ogni parte del mondo.
L’evento prevede il lancio di una serie di iniziative correlate: la Rete dei Volontari della conoscenza, la quarta edizione del concorso “Volontari della conoscenza”, la 12ª edizione di Nonni su Internet, nato nella capitale e ora diffuso in tutta Italia e in diversi paesi europei, e il nuovo progetto ISIS, che ha ottenuto il “Premio per l’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni” (Governo italiano/Politiche per la famiglia). L’evento è anche occasione per festeggiare il successo del progetto “The Knowledge Volunteers” (TKV), finanziato dalla Commissione Europea, e premiare i volontari impegnati in Italia, Spagna, Repubblica Ceca e Grecia.
Ad aprire l’evento sarà il vicesindaco di Roma Capitale Luigi Nieri. Parteciperanno anche Erica Battaglia, presidente della Commissione Politiche sociali, e Valeria Baglio, presidente della Commissione Scuola. Alfonso Molina, professore di Strategie delle Tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale, presenterà la Rete dei Volontari della conoscenza. Seguiranno le testimonianze e la premiazione dei volontari con interventi dei rappresentanti delle organizzazioni partner europee. Coordinerà Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

TLC Tecnologia LTE-4G ed interferenze con i canali televisivi terrestri

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Parte la collaborazione Adiconsum–Fondazione Ugo Bordoni.
Pietro Giordano, Adiconsum dichiara:Grazie all’accordo bilaterale con la FUB, i consumatori che subiscono disturbi improvvisi alla ricezione televisiva, oltre a richiedere l’assistenza di Help Interferenze potranno rivolgersi alle sedi territoriali Adiconsum per effettuare segnalazioni, sapere se hanno diritto a ricevere gratuitamente l’installazione del filtro e risolvere gli eventuali contenziosi
Da gennaio 2013 sono disponibili smartphone e tablet di quarta generazione (4G), che grazie ad un nuovo standard di comunicazione, denominato LTE, permettono una navigazione ultraveloce, fino a 100 Mbit/s in download e fino 50 Mbit/s in upload.Tale tecnologia LTE opera su tre bande, una delle quali, quella di 800 MHz, è la stessa utilizzata dai canali televisivi digitali. Ciò può determinare problemi alla visione della tv, con un’improvvisa cattiva ricezione di alcuni canali o addirittura il completo oscuramento della televisione.Adiconsum, in qualità di rappresentante dei consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti al tavolo tecnico sulle interferenze LTE – dichiara Pietro Giordano, Presidente Nazionale – ha sottoscritto un accordo di collaborazione con la Fondazione Ugo Bordoni (FUB) (istituzione di ricerca che opera sotto la supervisione del Ministero dello Sviluppo Economico), che gestisce il sistema di assistenza agli utenti colpiti da interferenze LTE denominato Help Interferenze, per monitorare attraverso le sue sedi territoriali, disseminate su tutto il territorio nazionale, le eventuali criticità riscontrate dai consumatori a seguito dell’introduzione di questa nuova tecnologia e sperimentare ulteriori strumenti di assistenza forniti direttamente da un’Associazione dei consumatori. Esprimiamo soddisfazione per la scelta della FUB di coinvolgerci in questo servizio, che rappresenta una buona pratica a vantaggio dei consumatori.
Il servizio Help Interferenze è partito all’inizio del 2013 – dichiara il Presidente della Fondazione Ugo Bordoni, Avv. Alessandro Luciano – e i nostri ingegneri hanno costruito un sistema di controllo così efficiente da essere stato presentato con successo a Londra il 18 settembre in un incontro trilaterale tra la FUB, il DTG (l’organismo rappresentativo di tutti gli attori della televisione digitale inglese) e l’AT800 (il consorzio creato nel Regno Unito per la gestione dei problemi delle interferenze LTE). Il sistema, che opera per il momento attraverso il sito web e un help desk dedicati e a breve anche con un call center, sta funzionando in modo soddisfacente e sta raccogliendo le segnalazioni nelle quali i cittadini riportano i loro problemi e forniscono gli elementi necessari affinché i nostri tecnici valutino se il disturbo dell’impianto di antenna TV riportato dipenda o meno dall’accensione delle antenne LTE. Tuttavia – prosegue l’Avv. Luciano – crediamo che il coinvolgimento di Adiconsum, con cui la FUB vanta una fruttuosa collaborazione negli anni sulle tematiche dell’ICT, possa assicurare attraverso le sue sedi territoriali e il diretto rapporto con i consumatori una diffusione più capillare dell’iniziativa e fornire l’assistenza e le informazioni sul servizio Help Interferenze in modo da garantire a tutti i cittadini la tutela dei loro diritti.
La fase della segnalazione è molto importante. Qualora l’indirizzo presso cui si trova l’apparecchio televisivo dovesse essere tra quelli interessati dalle interferenze, il consumatore ha diritto GRATUITAMENTE all’installazione di un filtro montato da un antennista per il ripristino della corretta ricezione dei segnali televisivi.La collaborazione tra Adiconsum e FUB – conclude Giordano – si spinge oltre. In caso di prima segnalazione non andata a buon fine, infatti, il consumatore che si rivolge ad Adiconsum può contare sull’attivazione di una collaborazione diretta con il Gestore del servizio. Insieme ad un tecnico della FUB si procederà alla verifica del reclamo e, in presenza di imprescindibili requisiti, verrà valutato l’eventuale coinvolgimento dell’Ispettorato territoriale del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento delle Comunicazioni, per decidere, dati alla mano, se il consumatore ha diritto o meno all’installazione del filtro.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regata internazionale di Dublino

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

English: Altovetro, Grand Canal Dock, Dublin

English: Altovetro, Grand Canal Dock, Dublin (Photo credit: Wikipedia)

Ha conquistato un meritato secondo posto, nella sezione dei dragoni delle donne operate al seno, la squadra italiana “Donne in Rosa” alla terza edizione della “Dublin International Dragon Boat Regatta”, la competizione internazionale delle Dragon Boat svoltasi nel Grand Canal Dock a Dublino.Fra le 32 pagaiatrici di “Donne in Rosa”, provenienti da Firenze, Milano, Roma e Venezia, presente anche una delegazione delle Astro Dragon Ladies di Empoli composta Rita Biocca, Luana Cabibbo, Roberta Cornia, Franca Criseo Tatiana Kurilova, Claudia Occupati, Donata Ragionieri, Maria Grazia Scarselli, Mina Tomasulo, accompagnate dall’allenatore Flavio Mazzantini.Grande soddisfazione sia per il risultato della regata, ma anche per la riuscita dell’intera visita nella capitale irlandese è stata espressa dalle dragonesse empolesi al loro ritorno, che ringraziano per l’opportunità offerta loro l’Associazione Astro e la Banca di Credito Cooperativo di Cambiano. La delegazione ha anche incontrato l’Ambasciatore d’Italia in Irlanda Maurizio Zanini e partecipato alla conferenza sull’efficacia dello screening mammografico per la prevenzione del cancro al seno, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura, ricevendo, per l’intera durata della loro permanenza, una calorosa accoglienza e profonda disponibilità. Dal canto loro le dragonesse italiane si sono fatte portatrici della forza dello spirito di aggregazione e di condivisione che le accomunano dopo l’esperienza del tumore, ma anche di un messaggio di speranza e di coraggio per la battaglia vinta contro il male.
Le Astro Dragon Ladies sono un gruppo di donne operate di tumore al seno che fanno parte di A.S.T.R.O. (Associazione per il Sostegno Terapeutico e Riabilitativo in Oncologia), e che, fra le altre forme di terapia riabilitativa, hanno deciso di adottare anche quella del Dragon Boat: una vera e propria disciplina sportiva, poco conosciuta, ma molto spettacolare (20 pagaie spingono una barca a forma di drago, guidata da un timoniere e al ritmo di un tamburino), che per una felice intuizione di un medico canadese è diventata anche una valida forma di riabilitazione per le donne operate al seno, tanto che nel giro di pochi anni squadre di “dragonesse” sono nate in tutto il mondo.
L’equipaggio completo vanta altre 8 coraggiose componenti: Clara Andreani, Ilaria Antonelli, Lucia Cioni, Cristina Dami, Donella ed Elena Gaini, Simona Morelli, Maria Statello.Sono supportate nella loro attività dal canottiere Flavio Mazzantini, allenatore e timoniere, da Piero Gori, tamburino, e dalla società Canottieri di Limite che si occupa della custodia e della manutenzione dell’imbarcazione, nonché della preparazione sportiva delle donne interessate a questa iniziativa.
Gli allenamenti si svolgono ogni martedì, dalle ore 19.00 alle 20.00, e il sabato dalle ore 8.30 alle 10.00, alla Mollaia di Limite, sede della società remiera.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alitalia: non solo colpa di Berlusconi ma anche dei sindacati

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Alitalia A330-200 EI-DIP

Alitalia A330-200 EI-DIP (Photo credit: BriYYZ)

E’ cosi’ che doveva finire l’Alitalia. Bastava ragionare un pochino, non tanto, per prevedere che l’Alitalia sarebbe stata svenduta. Colpa di Berlusconi che ne fece tema di campagna elettorale per poi scaricare i costi, 3,2 miliardi, sulle spalle dei contribuenti, ma anche colpa dei sindacati. A tal proposito riportiamo un nostro comunicato stampa del 2008: “L’intervista sull’Alitalia al segretario della Uil, Luigi Angeletti, di Sergio Rizzo del Corriere della Sera di oggi, dimostra la irresponsabilita’ dei comportamenti della rappresentanza confederale dei lavoratori della compagnia aerea. Se quanto affermato da Angeletti e’ vero, viene da pensare che nella trattativa sindacato-governo-Alitalia si applicava la linea della doppiezza: in privato si chiedevano provvedimenti smentiti pubblicamente. E’ proprio una‚ pena vedere‚ la Cgil che con la mano destra fa una cosa e un’altra con la sinistra, una Cisl che gira a vuoto e una Uil interessata a tutelare i propri iscritti (il che ci pare piu’ che giusto) celandosi dietro la battaglia dell’italianita’ della “nostra compagnia di bandiera”. Appare sempre piu’ chiaro che i sindacati, con i loro modi di agire, sono stati una delle cause del declino dell’Alitalia, supportando rivendicazioni che hanno contribuito a collocare fuori mercato la compagnia. Tutto cio’ e’, e continua ad essere, il comportamento dei confederali e probabilmente di molte altre sigle sindacali. Angeletti si lamenta del numero eccessivo dei sindacati in Alitalia, ma se queste sono le condotte e i risultati del suo sindacato e della Cgil e Cisl, e’ bene che le sigle si moltiplichino ancora, forse qualcosa di buono ne nascera’. Alla fine chi si accollera’ il fardello dell’irresponsabilita’ sindacale saranno i cittadini contribuenti e utenti: pagheranno i debiti Alitalia e i biglietti aerei nazionali si continueranno ad acquistare a prezzo da amatore.” (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie rare

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

“Sono ormai 12 anni che il D.M. sulle Malattie Rare resta immutato ed è un dato di fatto che oggi sia obsoleto. Il Disegno di Legge, di cui sono prima firmataria, presentato lo scorso giugno, deve essere calendarizzato ed approvato al più presto”. Lo afferma l’on. Binetti al convegno “Siamo Rari… Ma Tanti” organizzato dall’Associazione Dossetti e in svolgimento nella Sala delle Colonne di Palazzo Marini.
“La situazione rispetto al 2001 è completamente cambiata, l’elenco delle malattie rare di allora va ampliato ed è impensabile che i pazienti debbano sostenere spese mediche altissime per curarsi. – Continua il deputato Udc – Servono linee guida, modelli terapeutici e maggiore velocità nelle diagnosi. Purtroppo oggi cogliere le difficoltà e i bisogni reali dei malati rari è ancora difficile”. Conclude l’esponente centrista: “La legge non va solo calendarizzata, sarà necessario avviare e modernizzare strutture; i fondi non ci sono, ma del taglio agli sprechi se ne parla da tempo. E’ eliminando unitili spese che si possono veicolare i soldi su progetti davvero necessari”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aiuti ai bimbi siriani

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Română: Ruinele Cetatii Siria, Comuna Siria, j...

Română: Ruinele Cetatii Siria, Comuna Siria, jud. Arad, Cod LMI AR-II-a-A-00650 (Photo credit: Wikipedia)

L’UNICEF e l’Unione europea (UE) hanno firmato un nuovo accordo di cooperazione, per cui vengono donati ulteriori 45 milioni di $ USA (34 milioni di €) per proteggere i bambini colpiti dalla crisi in Siria e per promuovere l’accesso all’istruzione in Siria, Giordania e Libano. “L’accordo di oggi dimostra il nostro continuo impegno per aiutare coloro che sono più vulnerabili in ogni conflitto: i bambini e i giovani. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare che una generazione perduta cresca senza accesso alla scuola a causa del terribile conflitto in Siria. Con il nostro supporto a 2,5 milioni di bambini nella regione sarà data la possibilità di ricevere l’istruzione e con essa la speranza di un futuro migliore”, ha detto Štefan Füle, Commissario UE per l’Allargamento e la politica europea di vicinato.
“Con la crisi in Siria giunta ormai al terzo anno, dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per evitare che un’intera generazione sia perduta”, ha dichiarato Yoka Brandt, Vice Direttore generale dell’UNICEF. “L’istruzione non deve mai essere compromessa da un conflitto o pagare il costo di una crisi; il sostegno dell’UE – di cui beneficeranno milioni di bambini in Siria- contribuirà ad evitare questa perdita”. Si prevede che, entro la fine del 2013, il contributo dell’UE alle operazioni dell’UNICEF in Siria, Giordania, Libano e Turchia, arriverà a più di 100 milioni di $ USA.La campagna “Back to Learning” è in corso in tutti i paesi colpiti sostenuti dall’UNICEF e dai suoi partner, con l’obiettivo di raggiungere più di 1,5 milioni di bambini nella regione.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina estetica, quando l’emergenza è in ambulatorio

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

 

Perugia il 27 e 28 settembre si tiene un corso patrocinato dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) che spiega come gestire le complicazioni più frequenti.Li chiamano interventi mini-invasivi e sono quei trattamenti di bellezza che si eseguono ambulatorialmente in pochi minuti o in poche ore. Anche in Italia sono sempre più praticati: nel 2012, secondo i dati di Aicpe (Associazione di chirurgia plastica estetica) sono aumentati dell’11% rispetto all’anno precedente. La definizione “mini-invasivi”, tuttavia, è fuorviante: la tendenza, infatti, è quella di interventi sempre più invasivi, per cercare di ottenere risultati sempre più importanti. Con una serie di problemi: per eseguire questi trattamenti per legge è sufficiente una laurea in medicina, mentre per gestire le situazioni di emergenza è necessaria una formazione specifica. Da qui l’idea di un corso teorico-pratico, patrocinato da Aicpe, in cui saranno simulate le problematiche più frequenti che un medico può incontrare durante l’attività professionale. L’evento è organizzato in Umbria, nel Centro di formazione in emergenza-urgenza di via Piccolotti a Marsciano, provincia di Perugia, venerdì 27 e sabato 28 settembre.
«Oggi le metodiche eseguite in regime ambulatoriale stanno diventando sempre più invasive, con un largo uso di anestetici locali e di farmaci che possono esporre i sanitari all’insorgere di emergenze sul paziente, che devono essere gestite prontamente e con le giuste conoscenze – afferma Bruno Bovani, chirurgo plastico di Perugia socio di Aicpe e organizzatore del corso -. Mentre in sala operatoria il chirurgo deve attenersi a rigide norme di sicurezza ed è assistito da un’equipe di professionisti preparati ad affrontare gli imprevisti, in ambulatorio il dottore è da solo a dover gestire, in tempi brevissimi, eventuali complicazioni. E per i medici non specializzati o con poca esperienza, non è così scontato sapere cosa fare» Lo scopo è fornire al medico gli strumenti più avanzati per fronteggiare le situazioni di pericolo, nell’ottica di una maggiore sicurezza per i pazienti.
Ma quali sono le complicazioni più frequenti? «Quella più diffusa è la crisi vagale, ossia lo svenimento: il paziente perde i sensi in risposta a stress emotivo o perché impressionabile – dice Bovani -. Uno degli elementi che possono causare problemi, anche seri, sono gli anestetici locali: l’eccessiva o cattiva somministrazione può indurre reazioni neurologiche o di cardiotossicità, che vanno dall’intossicazione alla crisi cardiaca. Nei pazienti che già soffrono di altre patologie, possono insorgere crisi ipertensive, mentre la somministrazione di farmaci e anestetici può portare a crisi allergiche, anche con shock anafilattico, che sono da gestire subito».
Il corso di Perugia si terrà in una vera sala operatoria dotata delle più moderne tecnologie e di una sala regia in grado di simulare le principali tipologie di emergenze a cui si può andare incontro durante l’attività. Alla fine del corso si terrà un test finale per conseguire una certificazione rilasciata dall’azienda USL Umbria 1.
AICPE. L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica, la prima in Italia dedicata esclusivamente all’aspetto estetico della chirurgia, è nata con l’obiettivo di dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Pur essendo una novità per il nostro Paese, non lo è affatto in molte altre nazioni europee e non, dove esistono da tempo associazioni che raccolgono tutti coloro che si interessano di chirurgia estetica. Ad Aicpe al momento hanno aderito più di 170 chirurghi in tutta Italia, tra cui si annoverano professionisti di fama e docenti universitari. Membri di Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, che aderiscono a un codice etico e di comportamento da seguire fuori e dentro la sala operatoria. Scopo di Aicpe è tutelare pazienti e chirurghi plastici in diversi modi: disciplinando l’attività professionale sia per l’attività sanitaria sia per le norme etiche di comportamento; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica; elaborando linee guida condivise. Tra gli obiettivi c’è anche l’istituzione di un albo professionale nazionale della categoria.(Silvia Perfetti)

 

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di perfezionamento in “Traduzione giuridica dei contratti internazionali

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Como

Como (Photo credit: Gabriele Asnaghi)

Il Dipartimento di Diritto, Economia e Cultura dell’Università dell’Insubria di Como presenta la seconda edizione del corso di perfezionamento in “Traduzione giuridica dei contratti internazionali e dei documenti societari” inglese-italiano, coordinato dalla Prof.ssa Valentina Jacometti e della Prof.ssa Arianna Grasso.
Il corso si svolgerà da novembre 2013 a febbraio 2014 ed è rivolto a traduttori, giuristi, linguisti e professionisti che intendono specializzarsi, o consolidare le loro competenze, nel settore delle traduzioni giuridiche. Il corso è aperto a un minimo di 12 fino a un massimo di 50 partecipanti, selezionati sulla base dei curricula e dei titoli, e prevede una quota di iscrizione di 600,00 euro. Sono previste borse di studio a copertura totale o parziale del costo di iscrizione.
Il corso di perfezionamento in “Traduzione giuridica dei contratti internazionali e dei documenti societari” inglese-italiano ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti gli strumenti culturali e metodologici per affrontare la traduzione dei documenti che ricorrono con maggiore frequenza nel settore delle traduzioni legali. È rivolto a traduttori, giuristi, linguisti e professionisti che intendano specializzarsi o consolidare le competenze già acquisite nel settore delle traduzioni giuridiche.
Il corso si articola in 60 ore suddivise in un modulo teorico e in uno pratico. Il primo è finalizzato all’illustrazione in chiave comparatistica dei concetti giuridici, dei fondamenti dell’inglese giuridico e della metodologia della traduzione giuridica. Il secondo intende fornire gli strumenti metodologici e procedurali per affrontare la traduzione dei contratti internazionali e dei documenti societari oggetto di studio nella parte teorica. Il modulo pratico è organizzato come un vero e proprio laboratorio, attraverso la simulazione in aula del processo traduttivo, la proposta di soluzioni e spunti di riflessione e approfondimento.
L’iscrizione è possibile anche in mancanza del titolo di Laurea, purché venga conseguito prima del termine del corso. Inoltre, l’Ordine degli Avvocati di Como attribuirà 24 crediti formativi per la frequenza delle lezioni. Sono anche previste borse di studio a copertura totale o parziale del contributo d’iscrizione.
Le domande vanno presentate entro il 7 ottobre; è possibile scaricare il bando all’indirizzo http://www.uninsubria.it/uninsubria/facolta/giuro.html alla pagina del corso in “Offerta formativa”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

80 anni di Farmacia a Pavia

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

Collegio Borromeo, one of the historical unive...

Collegio Borromeo, one of the historical university residences in Pavia. (Photo credit: Wikipedia)

Pavia 30 settembre 2013 – Aula Magna dell’Università. Nel 1933, con Regio Decreto 31 agosto 1933 n.1592, veniva fondata a Pavia la Facoltà di Farmacia. 80 anni di attività didattica e scientifica, che l’Università di Pavia festeggia il 30 settembre, insieme al Dipartimento di Scienze del Farmaco, diretto dalla prof. Gabriella Massolini, ai docenti e agli studenti dei corsi di laurea in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche.La cerimonia del 30 settembre, oltre a celebrare la significativa ricorrenza, intende ricordare la trasformazione che portò dalla Scuola di Farmacia allaFacoltà, evidenziando le radici storiche e, soprattutto pensando ai giovani, le prospettive future della professione del farmacista e dei laureati in CTF. Il programma della giornata, che prevede interventi di docenti, rappresentanti degli ordini professionali ed esperti, offrirà anche l’occasione per avviare il nuovo anno accademico dei corsi di laurea in Farmacia e CTF.Programma30 settembre 2013
Ore 9.30 – Saluto delle Autorità Accademiche
Ore 10.00 – Prof. Renata Crotti – La professione del farmacista nella storia
Ore 10.15 – Dott. Carlo Bagliani – La scuola di farmacia nell’Ateneo pavese e la storia dei suoi illustri cattedratici
Ore 10.30 – Prof. Ettore Novellino – Il farmacista nel terzo millennio
Ore 11.00 – Prof. Carlo Rossi – L’industria farmaceutica e il corso di laurea in CTF
Ore 11.30 – Prof. Alessandro Rigamonti – La nascita del corso di laurea in CTF all’Università di Pavia e la sua importanza per l’industria farmaceutica.
Interverranno alla giornata il presidente FOFI Sen. Andrea Mandelli e il presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pavia Dott. Roberto Braschi.
Ore 12.30 – Cortile delle Magnolie – Brindisi finale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: studenti e affitti in nero

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2013

“Apprendiamo di una maxi operazione delle Fiamme Gialle e di un protocollo antievasione firmato dalla Guardia di Finanza, Regione, Università, Comune, Laziodisu, AA.SS.LL. e AMA finalizzato al recupero delle somme non pagate all’amministrazione finanziaria sugli affitti in nero e aiutare gli studenti fuori sede a Roma, spesso costretti a pagare prezzi folli per una stanza nella Capitale. Chiediamo alle Istituzioni interessate di convocare un tavolo permanente con le rappresentanze degli studenti universitari delle Università Capitoline: intendiamo essere d’aiuto alle Istituzioni in questa battaglia di legalità e ai nostri colleghi colleghi fuori sede, troppo spesso vessati, e coadiuvarle nella predisposizione di “un piano di sostegno” per chi, come me, ha deciso di studiare lontano da casa”. E’ quanto dichiara in una nota Giuseppe Romeo, eletto al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari e aderente al gruppo Studenti per le Libertà e Azione Universitaria.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »