Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for ottobre 2013

World Jewish Congress mourns passing of Tadeusz Mazowiecki, ‘architect of Polish democracy’ and ‘friend of Israel and the Jewish people’

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

NEW YORK – The World Jewish Congress (WJC) has praised Tadeusz Mazowiecki, Poland’s first prime minister after the fall of Communism, as one of the architects of the modern, democratic Poland and as a friend of Israel and the Jewish people. Mazowiecki died on Monday at the age of 86. “Tadeusz Mazowiecki’s silent but effective diplomacy ensured that his country’s transition was successful. Together with Lech Walesa, he laid the foundations for what is today the strongest country both economically and politically in Central and Eastern Europe,” said WJC President Ronald S. Lauder.Lauder highlighted that the Mazowiecki government re-established diplomatic relations with Israel in 1990 and helped to open Polish airports for Jews leaving the then Soviet Union. He was also part of the group that successfully fought for the repeal of the 1975 United Nations General Assembly Resolution that “determined that Zionism is a form of racism and racial discrimination”.“The Jews are grateful to Tadeusz Mazowiecki for his staunch defense of their rights as Poland emerged from Communism, and for his help in resolving the crisis of the Carmelite convent on the grounds of Auschwitz in the early 1990s. He will also be remembered for speaking out against anti-Semitism clearly and unequivocally and exposing war crimes as special rapporteur for human rights in the former Yugoslavia. May his memory be for a blessing,” Lauder declared.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe and Central Asia Second to OECD in Implementing Good Business Regulatory Practices

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Washington, D.C., A new World Bank Group report finds that the pace of regulatory reform in Europe and Central Asia remains strong, with 19 economies implementing 65 reforms to improve business regulation in the past year.Doing Business 2014: Understanding Regulations for Small and Medium-Size Enterprises shows that efforts to strengthen legal institutions and reduce the complexity and cost of regulatory processes have paid off for entrepreneurs in Europe and Central Asia. The region has overtaken East Asia and the Pacific as the second most business-friendly after the high-income economies in the Organization for Economic Co-operation and Development (OECD).The report finds that since 2009, 92 percent of economies in Europe and Central Asia have improved their process for starting a business, a higher share than in any other region. Thanks to these efforts, today it is the easiest region for business entry, ahead of the OECD high-income economies. In response to the financial crisis, 73 percent of the region’s economies reformed insolvency proceedings over the same period, and 85 percent made it easier to pay taxes.“Joining the European Union (EU) in 2004 was a great motivator for some economies in the region,” said Augusto Lopez-Claros, Director, Global Indicators and Analysis, World Bank Group. “Our report finds that these economies have continued on a path of comprehensive and ambitious economic and institutional reform even after EU entry, ensuring that they could compete with their more developed high-income partners. Beyond that, the report finds that there is encouraging news across Europe and Central Asia. Of the 20 economies narrowing the gap with better business regulatory practices the most since 2009, nine are in the region: Armenia, Belarus, Georgia, Kosovo, the former Yugoslav Republic of Macedonia, Moldova, Poland, the Russian Federation, and Ukraine.”The Russian Federation was among the global top 10 improvers in the past year, with reforms in five areas tracked by Doing Business. Builders dealing with the permitting process in Moscow now face fewer delays, more streamlined approvals, and lower fees thanks to the adoption of the national urban planning code and a time limit for registering new buildings.Poland continues to make regulations more business-friendly and in this year’s report is at 45 in the global ranking of 189 economies on the ease of doing business. In the past year the government simplified business registration and construction permitting.
Croatia improved in five areas. In the area of trading across borders, for example, the government invested in improvements at the port of Rijeka and streamlined export customs procedures in preparation for accession to the EU Common Transit Convention.Singapore tops the global ranking on the ease of doing business. Joining it on the list of the top 10 economies with the most business-friendly regulations are Hong Kong SAR, China; New Zealand; the United States; Denmark; Malaysia; the Republic of Korea; Georgia; Norway; and the United Kingdom.In addition to the global rankings, every year Doing Business reports the economies that have improved the most on the indicators since the previous year. The 10 economies topping that list this year are (in order of improvement) Ukraine, Rwanda, the Russian Federation, the Philippines, Kosovo, Djibouti, Côte d’Ivoire, Burundi, the former Yugoslav Republic of Macedonia, and Guatemala. Yet challenges persist: five of this year’s top improvers—Burundi, Côte d’Ivoire, Djibouti, the Philippines, and Ukraine—are still in the bottom half of the global ranking on the ease of doing business.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Renforcer la place de l’Europe dans le monde

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Cette synthèse de Giorgio Garabsasso reprend les éléments clés de la table ronde intitulée « Renforcer la place de l’Europe dans le monde » au cours de laquelle ont été abordés les défis et priorités de la politique extérieure de l’UE, la nécessité du renforcement de cette dernière face aux bouleversements des équilibres géopolitiques, et enfin le besoin de renouveau du projet européen en la matière.
Ce débat, modéré par Nicolas Leron, Président d’Eurocité, a rassemblé :
– Elisabeth Guigou, Présidente de la Commission des Affaires étrangères de l’Assemblée nationale, Présidente fondatrice d’Europartenaires, ancienne ministre et membre du CA de Notre Europe – Institut Jacques Delors.
– Bernard Guetta, Chroniquer de politique internationale à France Inter
– Pascal Lamy, Ancien directeur général de l’Organisation Mondiale du Commerce (OMC), Président d’honneur de Notre Europe – Institut Jaques Delors
– Bernadino Leon, Représentant spécial de l’UE pour la région du Sud de la Méditerranée
Cette table ronde a eu lieu dans le cadre de la conférence intitulée « Élections européennes de 2014 : le débat, c’est maintenant ! » organisée par Notre Europe – Institut Jacques Delors, Eurocité et Europartenaires le 16 septembre 2013 à Paris, et qui a abordé les principaux enjeux des élections européennes de mai 2014, afin de contribuer au lancement du grand débat public que ces élections ont vocation à susciter.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antiche manifestazioni del patrimonio culturale intangibile e attività turistiche

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

venezia

venezia (Photo credit: Ghetu Daniel)

Porto Crociere di Venezia, Terminal 103 il 22 e 23 novembre 2013.Il summit, organizzato dalla Venezia Terminal Passeggeri S.p.A, con la presenza dei massimi esperti mondiali del settore, presenterà il patrimonio culturale intangibile nazionale e mondiale e le relative politiche di tutela e salvaguardia, anche al fine di promuoverne una migliore conoscenza, comprensione, catalogazione e riconoscimento della ricchezza e varietà. La partecipazione al convegno è gratuita previa registrazione. Attenzione puntata su Venezia, poiché il congresso rappresenterà il momento per la promozione delle candidature veneziane per le liste del patrimonio culturale intangibile, previste dalla convenzione UNESCO del 2003.Due le sessioni della prima giornata, venerdì 22 novembre 2013:iIn mattinata filo conduttore “Il patrimonio culturale intangibile sul piano mondiale ed europeo” che affronterà gli aspetti più internazionali della Convenzione Internazionale UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Intangibile con particolare riferimento al turismo, alla proprietà intellettuale, e alle organizzazioni non governative.
La seconda, nel pomeriggio, farà il punto sul “ patrimonio culturale intangibile veneziano” con un approfondimento sulle tradizioni della Serenissima tra cui la gondola, la lavorazione del vetro di Murano, la manifattura del merletto di Burano e di altri pregiati tessuti. Spazio anche al Carnevale di Venezia, alla Commedia dell’Arte ed alle arti coreutiche, dal volo dell’Angelo alla danza verticale.Nella giornata conclusiva, sabato 23 novembre 2013, i lavori verteranno sul “patrimonio culturale intangibile nazionale” : approfondimento della tutela giuridica e stato dell’arte di alcune esperienze in corso e dei progetti in via di studio. La Convenzione ha per scopo la salvaguardia del patrimonio intangibile delle comunità, dei gruppi e degli individui interessati, un capitale particolarmente vulnerabile del processo identitario culturale. Vi rientrano le tradizioni orali e popolari, l’arte dello spettacolo, le musiche, le feste, i rituali, l’artigianato, le pratiche sociali e tradizionali. Beni intangibili, ma non per questo meno preziosi di quelli tangibili, che devono poter essere identificati come beni di interesse culturale dell’umanità e conseguentemente tutelati a livello nazionale e mondiale.
Il comitato scientifico del convegno è costituito da: Maria Laura Picchio Forlati, Società italiana di diritto internazionale, Scuola di San Rocco Tullio Scovazzi, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Milano, Benedetta Ubertazzi Università di Macerata, Fondazione Von Humboldt, Lauso Zagato, Università Ca’ Foscari, Venezia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Nutraceutica Forum” 2013

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Milano. Cresce costantemente il mercato degli integratori alimentari, giunto oggi a quasi 158 milioni di confezioni vendute da agosto 2012 ad agosto 2013 in farmacia e parafarmacia (+3,7% da agosto 2011, ma +4,3% negli ultimi 12 mesi). Superiore l’incremento di valore del mercato, che supera i 2,2 miliardi di Euro (+5,5% nel biennio 2011-2013, ma +5,8% negli ultimi 12 mesi), a fronte di un lieve aumento del prezzo al pubblico per confezione: in media 13,60 euro nel 2011, 13,90 euro nel 2012, 14,30 euro oggi.“Questo aumento dei consumi è un indicatore indiretto del fatto che nonostante la crisi economica che ci attanaglia, l’attenzione al proprio benessere, alla cura di sé, alla prevenzione delle malattie, sta sempre più prendendo piede”, ha commentato Michele Carruba, Professore di farmacologia all’Università degli studi di Milano, intervenuto al “Nutraceutica Forum” organizzato da IMS Health. Durante il Forum sono stati presentati i dati di mercato dei prodotti, a somministrazione orale, notificati al Ministero della salute, rilevati ad agosto 2013 attraverso la banca dati IMS Multichannel su farmacia, parafarmacia e corner della grande distribuzione.Il “Nutraceutica Forum” di IMS Health indaga molti aspetti, non solo quelli economici del mercato, ma anche i comportamenti e i trend di acquisto da parte dei consumatori. Innanzitutto, mostra come i più gettonati siano gli integratori per l’apparato gastro-intestinale, al primo posto per i consumi (il 27% tra tutti quelli venduti in Italia) e al cui interno spopolano i ‘probiotici’, che rappresentano il 57% dei prodotti acquistati in questo segmento, e quelli multivitaminici e di sali minerali (1 su 4 dei venduti).“Sono probabilmente i due settori nei quali maggiore peso hanno la comunicazione e la pubblicità – ha ricordato Carruba -, strumenti che sono in grado di influenzare e spostare i consumi. Questo è un tema particolarmente importante, perché se è vero che gli integratori non sono farmaci, ossia non curano, ma favoriscono il ripristino del normale stato fisiologico dell’organismo, è sempre bene non abusarne; consultarsi con il proprio medico o il proprio farmacista, per scegliere l’integratore più adatto alla propria situazione, è sempre raccomandabile.” Se la farmacia è il luogo in cui maggiormente si acquistano gli integratori – vi avviene il 90% delle vendite secondo IMS Health-, il medico di medicina generale comincia a percepire l’integratore o il nutraceutico come un prodotto da conoscere e ‘prescrivere’, o meglio consigliare. Secondo una rilevazione IMS Health condotta su un campione rappresentativo di medici di famiglia nel periodo agosto–settembre 2013, 8 su 10 consigliano ai propri assistiti gli integratori nella pratica quotidiana.Una cosa su cui medici e farmacisti sembrano concordare, sempre secondo le indagini di IMS Health, è il bisogno di ricevere una formazione adeguata e approfondita su integrazione e prodotti correlati, per poter essere sempre aggiornati e proattivi nei confronti dei propri pazienti o clienti.Durante la tavola rotonda, in cui aziende e organizzazioni del settore si sono confrontate per capire come affrontare le sfide del futuro di questo mercato, è emerso che la sinergia di medici e farmacisti, adeguatamente preparati, potrà e dovrà essere un punto cardine per il consumatore moderno perché possa ricevere indicazioni corrette e accreditate e quindi scegliere l’integratore più opportuno per la propria salute.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Blackfish” Does New Film Signal the End of Captive Dolphin Exploitation?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

English: Tilikum as "Shamu" at SeaWo...

English: Tilikum as “Shamu” at SeaWorld Orlando. (Photo credit: Wikipedia)

Blackfish, the acclaimed documentary film directed by Gabriela Cowperthwaite, tells the harrowing story of Tilikum, a male orca involved in the death of three people while in captivity at SeaWorld. The film includes shocking scenes, devastating testimonies and reveals the impact on captive dolphins, including orca, of unnatural confinement and exploitation.It also highlights the risks that dolphin trainers are subjected to and the apparent lengths that captive facilities will go to ensure that the only news coming out of captive marine facilities is good news.The Born Free Foundation, in collaboration with film distributors, Dogwoof, FilmFreaks and Karma Films, is proud to bring Blackfish, to Europe. A film tour of 8 European cities in 7 countries in 20 days will be accompanied by former SeaWorld trainer, Samantha Berg, who will offer her own personal insights and respond to growing public concerns about what many regard as a totally unacceptable situation.
Starting on the 23rd October, Premier showings of Blackfish, personally supported by Samantha Berg, will include Spain, Belgium, the Netherlands, Germany and Italy, countries which host 20 of the 34 captive dolphin facilities operating in 15 Member States of the European Union. Between them, these ‘water circuses’ hold and display more than 300 whales and dolphins to members of the public and visiting tourists.
Samantha Berg, the former SeaWorld trainer, explains:”Blackfish expertly demonstrates that orca (killer whales – the largest dolphins) are extraordinarily intelligent, complex social beings. I’m coming to Europe to share my personal story of participating in the captive marine mammal industry and my subsequent change of heart to help people realize that the exploitation of whales and dolphins for human entertainment and profit needs to end.””The evidence is overwhelming and it is clear to me that captivity causes the animals’ involved significant stress and suffering, resulting in physical and psychological disorders and early mortality,” confirms Daniel Turner, spokesperson for Born Free.”The keeping of whales and dolphins in bare, concrete tanks where they are made to perform circus-style tricks for entertainment is cruel. The Born Free Foundation continues to work for a dolphinaria-free Europe.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A time-lag problem, or even a lack of consistency

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

European Council

European Council (Photo credit: The Prime Minister’s Office)

António Vitorino takes a stand on the main issues of the European council of the 24th and 25th of October 2013, in an interview covering the ways to boost EU growth, the single market deepening, the banking union, the social dimension of the EMU and immigration within and towards the EU.António Vitorino answers to the six following questions :
1 – The European Council is going to be debating ways of imparting a fresh boost to growth in Europe. What are your recommendations in this connection?
2 – The European Council is also due to discuss deepening the single market, particularly with regard to the service industry and to the digital economy: what initiatives should be given priority?
3 – Progress towards a European banking union is also on the European Council’s agenda: Do you think that the progress being made is sufficiently rapid?
4 – The social dimension of the EMU is also due to be debated at this European Council meeting : what expectations do you have in that area?
5 – The European Council has been called on to address the issue of illegal immigration in the wake of the tragedies that have occurred in the Mediterranean. What is you position on this issue?
6 – Do you think, on a broader level, that the European Council should review European strategy toward immigration?

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WJC President: Restore Israeli Flag at Qatari Sporting Event

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

World Jewish Congress President Ronald S. Lauder today expressed his dismay at Qatar’s removal of the Israeli flag from the premises of the FINA Swimming World Cup in Doha. The flag was removed from the Aspire Zone, a 2.5 square kilometer (1 square mile) sporting zone in the Qatari capital where Israeli swimmers were competing. The flag was also expunged from television reports about the Israeli swimmers. The removal violates the FINA Code of Ethics, which requires that its tournament shall have “no discrimination on the basis of gender, race, religion, or political opinion.” “Qatar must immediately restore the Israeli flag to its venue at this sporting event and stop pandering to the worst sort of Arab rejectionism,” Lauder stated. “If Doha won’t guarantee the participation of athletes from all countries and respect the neutrality of international sportsmanship, it has forfeited its right to host the FIFA 2022 World Cup in soccer. That event should be moved from Qatar.”
About the World Jewish Congress
The World Jewish Congress (WJC) is the international organization representing Jewish communities in 100 countries to governments, parliaments and international organizations.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La cura del diabete con le staminali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

A scheme of the generation of induced pluripot...

A scheme of the generation of induced pluripotent stern (iPS) cells. (1)Isolate and culture donor cells. (2)Transfect stern cell-associated genes into the cells by viral vectors. Red cells indicate the cells expressing the exogenous genes. (3)Harvest and culture the cells according to ES cell culture, using mitotically inactivated feeder cells (lightgray). (4)A small subset of the transfected cells become iPS cells and generate ES-like colonies. (Photo credit: Wikipedia)

L’idea di curare il diabete, sostituendo il pezzo difettoso, la funzione d’organo mancante, con un trapianto di pancreas o di isole pancreatiche, risale a diversi decenni fa. Ma gli ostacoli a questo tipo di terapia sono molti e riguardano principalmente la scarsità dei donatori e il sistema immunitario del ricevente che, se non tenuto a bada, finisce col distruggere le cellule trapiantate.Non è semplice trovare donatori e quindi bisogna trovare altri fonti di beta cellule. Un tentativo è quello di ‘fabbricarne’ di nuove. I metodi potenziali per ottenere questo risultato in vivo sono sostanzialmente due: sfruttare le cellule staminali/progenitrici normalmente presenti nel pancreas per farle rigenerare (metodo assai controverso) oppure realizzare una ‘trans-differenziazione’ di cellule diverse dalle beta-cellule (es. dei fibroblasti). I metodi ex vivo (cioè al di fuori del corpo del paziente) prevedono invece di espandere, cioè di far moltiplicare le cellule del donatore o di differenziare delle cellule staminali pluripotenti. “Grazie alle nuove tecnologie e agli avanzamenti della ricerca – afferma Shimon Efrat, del Dipartimento di genetica Umana dell’Università di Tel Aviv e uno dei massimi esperti mondiali in terapia con cellule staminali applicata al diabete – oggi siamo in grado di espandere in maniera importante le cellule beta pancreatiche prelevate da un donatore, al punto che dalle cellule estratte da un solo pancreas siamo in grado di produrne una quantità sufficiente per migliaia di potenziali riceventi. Ma le cose non sono così facili come potrebbe sembrare: un conto è infatti riuscire ad avere un grande numero di cellule, un altro è quello di mantenerne intatta la loro capacità di produrre insulina, che è quanto serve per trattare la persona con diabete. In teoria oggi è anche possibile ‘fabbricare’ cellule beta pancreatiche anche a partire da un fibroblasto o da cellule cutanee ma la via ancora altamente sperimentale. Per produrre un grande numero di cellule beta a partire da un piccolo gruppo di isole pancreatiche è necessario prima manipolarle per farle regredire ad uno stadio simile a quello embrionario, andando cioè ad ottenere le cosiddette ‘induced pluripotent stem cells’ (iPS); in questo stadio, è abbastanza facile fare espandere le cellule, cioè ottenerne un gran numero. Successivamente, mettendole a contatto con delle miscele di cosiddetti ‘fattori solubili’ è possibile far tornare adulte queste iPS, riportandole a “maturazione” cioè facendo riacquisire loro le caratteristiche di beta cellule adulte in grado di produrre insulina.Queste cellule ridifferenziate per ora sono state utilizzate solo in esperimenti sugli animali, ma i risultati sono molto promettenti. Nel topo ad esempio, sono in grado di correggere l’iperglicemia. Per quanto riguarda l’uomo, siamo ancora fermi agli esperimenti in vitro che tuttavia hanno dimostrato la possibilità di fare regredire ad uno stadio di ‘pluripotenza’ le beta cellule umane. In altre parole le iPS derivate dalle beta-cellule (BiPS) potrebbero un giorno rappresentare un’importantissima fonte di cellule staminali pluripotenti dalle quali ricavare cellule beta pancreatiche per trapianti. E nel frattempo, gli scienziati fanno pratica di ‘trans-differenziazione’, partendo da un fibroblasto per arrivare a cellule beta pancreatiche, per applicazioni che si avvicinano sempre più ad esperimenti di stretto interesse per la pratica clinica. Si è riusciti ad esempio, isolando fibroblasti da pazienti con diabete di tipo 2 a transdifferenziarli in cellule beta-pancreatiche con le caratteristiche del paziente con diabete di tipo 2. Queste cellule, coltivate in laboratorio possono essere utilizzate dall’industria farmaceutica per fare esperimenti con nuovi farmaci anti-diabetici su un modello ‘in vitro’, mai utilizzato prima assimilabile ad una persona con diabete ‘in provetta’. Uno scenario da fantascienza, molto più vicino di quanto si pensi. “Le ricerche presentate dal Prof. Efrat – commenta il professor Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana d Diabetologia – rappresentato un fronte avanzato della ricerca che apre nuove speranze per la cura del diabete. Certo, la strada è ancora lunga ma lo sforzo dell’intera comunità scientifica diabetologica, va seguita passo passo perché è solo dalla ricerca e dal suo sostegno che può venire a risposta che molte persone con diabete attendono”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Dispositivi medici: miglioramento dei controlli e della tracciabilità per garantire la sicurezza dei pazienti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

English: DNA replication or DNA synthesis is t...

English: DNA replication or DNA synthesis is the process of copying a double-stranded DNA molecule. This process is paramount to all life as we know it. (Photo credit: Wikipedia)

Le procedure di controllo e di certificazione concordate dal Parlamento martedì saranno più rigorose e garantiranno maggiore rispetto e tracciabilità dei dispositivi medici come le protesi mammarie e quelle per le anche. Regole più severe saranno istituite sia per le informazioni sia per i requisiti etici dei dispositivi medico-diagnostici utilizzati per esempio in gravidanza o nei test del DNA. I deputati inizieranno a breve i negoziati con gli stati membri.Le norme approvate hanno lo scopo di garantire la trasparenza delle informazioni sia per i pazienti sia per il personale medico e di rafforzare le regole di tracciabilità, senza creare oneri aggiuntivi per i fabbricanti innovatori minori.”Si parla di prodotti che dovrebbero aiutare i pazienti nella loro sofferenza, nella loro malattia. Dobbiamo aiutare i medici a fare in modo che utilizzino solo i prodotti migliori quando assistono i loro pazienti. Fino ad oggi, i medici hanno continuato a dirci che centinaia di protesi d’anca sono difettose e devono essere di nuovo ritirate, con enormi spese per i sistemi sanitari e sofferenza per i pazienti. Abbiamo bisogno di un sistema migliore”, ha detto la relatrice Dagmar Roth-Behrendt (S&D, DE).In base agli emendamenti proposti dal Parlamento, l’accesso pubblico ai dati clinici per i medici, i pazienti e i paramedici sarà più semplice e faciliterà la scelta del prodotto migliore da utilizzare. In seguito ai recenti scandali, in cui il numero dei pazienti con dispositivi medici potenzialmente difettosi è rimasto sconosciuto, i deputati intendono munire i pazienti di un’apposita scheda di impianto su cui essere registrati, in modo tale da essere avvisati di eventuali incidenti avvenuti su prodotti simili.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoporosi e pazienti con il diabete Complicanza poco nota ma ‘pesante’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Mentre nel diabete di tipo 1 ad essere alterata è soprattutto la capacità di formare nuovo tessuto osseo – fatto che comporta un bilancio ‘negativo’ a livello dello scheletro – nel tipo 2, paradossalmente la massa ossea risulta addirittura aumentata, ma ad essere compromessa è la qualità dell’osso. “Questo è provocato dal fatto che le fibre collagene presenti nella matrice dell’osso – spiega Claudio Marcocci, professore ordinario di endocrinologia all’Università di Pisa e direttore dell’U.O. di endocrinologia 2 dell’azienda ospedaliera universitaria pisana nel suo intervento a ‘Pianeta Diabete’, il meeting della Società Italiana di Diabetologia (SID) in corso a Riccione – nella persona con diabete di tipo 2 subiscono una glicosilazione; è un po’ come se nel diabete fuori controllo, l’eccesso di glucosio si andasse ad ‘incollare’ sulle proteine (anche il collagene è una proteina), come una melassa, andandone così ad alterarne della qualità. In questa maniera, l’osso diventa più fragile, nonostante la sua densità risulti aumentata. Nel caso dei ‘tipo 2’ poi bisogna anche ricordare che l’osteoporosi è una patologia molto legata all’età”.Quando l’età ha il suo ‘peso’. E paradossalmente è proprio il miglioramento delle cure del diabete che prolungando l’aspettativa di vita, già aumentata nella popolazione generale, a far sì che il soggetto diabetico sia esposto a quella terza parte della vita dove il rischio di fratture osteoporotiche è aumentato proprio in quanto evento legato alla senescenza. Il problema delle fratture da osteoporosi nel paziente con diabete è legato in gran parte anche alle complicanze vascolari e neurologiche che, unite all’età avanzata, rendono più frequenti e più facili le cadute. E se ad essere più colpite dall’osteoporosi in età avanzata sono certamente le donne, va altresì ricordato che neppure gli uomini sono immuni: il rapporto di prevalenza per le fatture osteoporotiche tra femmina e maschio è di 3 a 1.Il rischio di fratture da osteoporosi poi è particolarmente evidente nei soggetti con ‘tipo 1’, col diabete giovanile. In questi soggetti c’è un’aumentata evidenza di rischio fratturativo in una fascia di età nella quale i soggetti non diabetici difficilmente si fratturano a causa della fragilità ossea. Da non dimenticare poi che per alcuni farmaci anti-diabetici, quali i glitazoni, è stato messo un effetto ‘pro-osteoporotico’.E’ importante dunque portare a conoscenza sia i soggetti con diabete che i medici di famiglia che il diabete rappresenta un fattore di rischio per fatture osteoporotiche non trascurabile. E’ dunque fondamentale mettere in atto tutte le misure che possono ridurre questo rischio – dal migliorato controllo glicemico, all’ottimizzazione dei livelli di vitamina D – oltre ad instaurare terapie anti-osteoporosi specifiche e alla prevenzione delle cadute.“La presenza dell’osteoporosi, soprattutto nella donna diabetica – afferma il professor Stefano Del Prato, presidente della Società Italiana di Diabetologia – rappresenta un’ulteriore dimostrazione della complessità di questa patologia. Un motivo in più, perché il diabetologo sia quello specialista in grado di governare le alterazioni metaboliche e le complicanze che interessano tutti gli organi del corpo. Comprese le ossa”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento per lo stop alla pratica di “beaching” per rottamazione di vecchie navi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Le misure concordate con i ministri europei per porre fine alla pratica dell’arenamento sulle spiagge dei paesi emergenti per rottamare le vecchie navi e per assicurare che queste siano invece riciclate in impianti riconosciuti, sono state approvate martedì dal Parlamento. Per i deputati, l’arenamento delle navi finalizzato allo smantellamento mette a rischio la salute dei lavoratori, la sicurezza e l’ambiente.
Il relatore Carl Schlyter (Verdi/ALE, DE) ha dichiarato: “Vorrei sottolineare che questo non è un attacco contro l’India, il Bangladesh o il Pakistan – paesi che attualmente praticano l’arenamento – ma contro la stessa pratica di arenamento pericolosa e altamente inquinante.” Questo regolamento, ha proseguito, “incoraggia questi paesi a compiere i necessari investimenti per impianti di riciclaggio adeguati, sopratutto a vantaggio di posti di lavoro sicuri ed ecocompatibili nei loro paesi”.
Un elenco comunitario d’impianti di riciclaggio delle navi. In futuro, le navi registrate nell’UE dovranno essere smantellate in impianti di riciclaggio approvati dall’UE, che dovranno soddisfare requisiti specifici, essere certificati e sottoposti a regolari ispezioni.Durante i negoziati, il Parlamento ha rafforzato i requisiti proposti, obbligando tra l’altro le società di riciclaggio navale a operare in strutture permanenti, che devono essere progettate, costruite e gestite in sicurezza e rispettando l’ambiente. Le imprese di riciclaggio dovrebbero limitare i materiali pericolosi in tutto il processo di smantellamento e manipolare i materiali e i rifiuti pericolosi unicamente su suoli impermeabili con un efficace sistema di drenaggio. I quantitativi effettivi di materiali pericolosi dovranno essere documentati e il loro trattamento autorizzato solo presso impianti di trattamento dei rifiuti o di riciclaggio.Sia le navi comunitarie, sia quelle non comunitarie, saranno oggetto del regolamento poiché dovranno produrre un inventario dei materiali pericolosi quando entrano nei porti dell’UE. Saranno gli Stati membri a stabilire le misure di esecuzione, comprese le sanzioni in caso di violazione delle norme.Inoltre, la Commissione dovrà presentare uno studio sulla fattibilità su uno strumento finanziario che agevoli un corretto riciclaggio delle navi all’insegna della sicurezza e, se del caso, presentare una proposta legislativa entro 3 anni dall’entrata in vigore del presente regolamento.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nelle insuline ‘con il cervello’il futuro della cura del diabete?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

L’insulina è uno dei capisaldi della terapia del diabete. Lo è da quando è stata scoperta e introdotta in terapia negli anni ’20 e lo resta ancora oggi, anche se nella versione ‘terzo millennio’ l’insulina (o meglio i diversi tipi di insuline utilizzate ogni giorno da milioni di pazienti in tutto il mondo) ha subito modifiche radicali rispetto all’ antenata. “Nonostante i grandi progressi fatti in questo campo però – ammette il professor Stefano Del Prato, presidente della Società Italiana di Diabetologia – l’insulina ha ancora il grosso limite di dover essere somministrata attraverso iniezioni sottocutanee e in maniera un poco ‘cieca’, nel senso che non si sa quanta glicemia ci sia in giro. Quello che il nostro organismo invece riesce a fare con un incredibile grado di precisione è di produrre insulina in quantità sufficiente per controllare la glicemia, senza farla scendere troppo (cioè senza provocare crisi ipoglicemiche) e senza farla salire eccessivamente”. Per cercare di imitare il più possibile la perfezione del funzionamento del nostro organismo, si stanno studiando varie soluzioni: dal trapianto di isole pancreatiche, al pancreas artificiale. Ma si sta profilando all’orizzonte anche una terza via.“Si tratta di una prospettiva molto affascinante, anche se ancora puramente sperimentale – commenta Del Prato – quella della cosiddetta ‘insulina intelligente’. In pratica si tratta di un’insulina ‘inglobata’, racchiusa in sostanze particolari, dei polimeri che hanno la capacità di ‘sentire’ la glicemia. Quando la glicemia si alza, i polimeri si aprono e fanno uscire l’insulina, mentre se invece la glicemia scende troppo, i polimeri lo ‘avvertono’ e si richiudono impendendo così la fuoriuscita dell’insulina e la sua entrata in circolo. Di questa insulina ‘intelligente’, sono allo studio anche delle versioni ‘per bocca’. Il vantaggio dal punto di vista terapeutico è quello di avere un’insulina che garantisca il controllo della glicemia, riducendo il rischio dell’ipoglicemia, evento non solo spiacevole per il paziente ma anche potenzialmente pericolosa.Lo stato della ricerca. La ricerca sulle insuline intelligenti è per ora arrivata agli studi sugli animali da esperimento – precisa Marco G. Baroni, professore associato di endocrinologia all’Università di Roma ‘La Sapienza’ – che hanno dato risultati molto promettenti. La durata d’azione di queste insuline sperimentali va dalle 12 ore fino a 300 giorni”. Al momento le ricerche sono condotte da gruppi scientifici indipendenti, come l’MIT di Boston nel Massachusetts e gruppi di ricerca cinesi; a questi studi sono interessate anche alcune industrie ma lo stato di queste ricerche è avvolto dal più impenetrabile segreto. Le prime ricerche sulle insuline intelligenti risalgono al 2006, ma è solo negli ultimi tre anni che si sono raggiunti risultati molto promettenti. Le insuline intelligenti di ultima generazione sfruttano le nanotecnologie e la glucosio-ossidasi, l’enzima utilizzato anche sulle strisce reattive per la lettura della glicemia da sangue capillare (quello che si ottiene con la puntura del dito). L’enzima ‘sensore di glicemia’ quando riconosce valori troppo alti, induce una modificazione del pH del sistema che fa allargare le maglie del polimero che ingloba l’insulina, permettendo all’ormone di uscire dal ‘guscio’ e di entrare in circolo dove esercita la sua azione e riporta alla norma i valori di glicemia. L’opposto accade in presenza di ipoglicemia: le maglie del guscio si stringono e l’insulina non entra in circolo. Per ora, almeno nell’animale, il sistema ha dimostrato di funzionare. Anche per molti giorni”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sabelli: Tradizione casearia dal 1921

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Sabelli Spa, uno dei primi quattro player nazionale nel settore caseario, punta alle prime posizioni del settore facendo leva su due asset fondamentali: da una parte la dinamicità dei due giovani AD, Simone Mariani e Angelo Galeati, e dall’altra la qualità artigianale del prodotto valorizzata dagli standard industriali adottati.
Con 63 milioni di euro di fatturato, 150 dipendenti, una struttura completamente dedicata alla distribuzione – Sabelli Distribuzione Srl -, posizioni di primissimo piano nelle quote di mercato nella produzione di mozzarella, ricotta e formaggi, Sabelli Spa rappresenta una delle eccellenze nazionali nel campo dell’agroalimentare.
“Ci siamo dati l’obiettivo di rendere competitiva l’esperienza che Nicolangelo Sabelli ha trasmesso a nostro nonno Archimede, con un’unica linea di crescita che parte dal 1921 e continua a progredire” dichiara Simone Mariani, Amministratore e Direttore Finanze e HR di Sabelli Spa. “Abbiamo affinato le sue grandi intuizioni – continua Mariani – calandole in una realtà nella quale la qualità non è solo una questione di certificazioni, ma è anche identità e coerenza”.
Nicolangelo Sabelli nel 1921, dall’originario Molise si trasferì nelle Marche, in un territorio che allora era incontaminato e che oggi è significativamente stretto fra due dei più importanti parchi nazionali italiani: quello del Gran Sasso e quello dei Monti Sibillini.
“Quando Archimede iniziò a lavorare in azienda – continua Simone Mariani – comprese che l’asset più importante per l’azienda erano le fattorie dalle quali Sabelli acquistava il latte. Per questo Sabelli oltre ad essere il principale, o a volte l’unico, cliente di queste fattorie, grazie alla lungimiranza di Archimede, assunse anche il ruolo di sostenitore dell’attività agricola”. Oggi Sabelli continua questa tradizione rifornendosi da circa 200 allevamenti della zona e in particolare da 60 aziende situate dentro al Parco del Gran Sasso e 10 dentro al Parco dei Monti Sibillini.
A questo occorre aggiungere la politica di qualità che, partendo dal disciplinare di rintracciabilità che permette di ricostruire ogni fase della lavorazione con un processo controllato lungo tutta la filiera produttiva, arriva alle certificazioni di qualità ISO 9001 e ambiente ISO 14001.Una scelta di qualità e di sostenibilità che garantisce al consumatore un prodotto assolutamente genuino e controllato in tutte le sue fasi, grazie a materie prime provenienti da pascoli naturali senza l’utilizzo di mangimi chimici. Il forte legame con il territorio di Sabelli Spa, è alimentato da scelte che, come nel caso della filiera corta, favoriscono lo sviluppo economico delle comunità locali, portando avanti i valori della responsabilità sociale e della crescita sostenibile.In questo senso Sabelli Spa pianifica scelte economiche sostenibili che, per quanto riguarda i processi produttivi, vedono la gestione responsabile dei reflui della lavorazione del latte e il recupero delle risorse fra le quali grandi quantità d’acqua grazie all’utilizzo del concentratore di siero. I consumi energetici sono contenuti grazie all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.
Ciò è reso possibile anche dal continuo ascolto e dal coinvolgimento dei collaboratori, garantendo un clima lavorativo sereno, con rapporti corretti e trasparenti nel rispetto dei fornitori e delle comunità locali.I prodotti Sabelli sono reperibili su tutto il territorio nazionale grazie ad accordi con i grandi marchi della GDO e hanno garanzia di freschezza grazie alla capillarità distributiva del network logistico di Sabelli Distribuzione Srl.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete. Rischio di fallimento per le casse del SSN italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesi...

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesità negli USA. Creazione personale. (Photo credit: Wikipedia)

Il diabete non si vede e non si sente, almeno non prima di rivelarsi attraverso le sue complicanze. Ma intanto sono 250 milioni le persone nel mondo e l’8,6% della popolazione europea affette da questa condizione, che non risparmia neppure i bambini. Solo nel nostro Paese sono più di 200 le persone che ogno giorno si ammalano di diabete. Questa presenza ‘silenziosa’ ma ‘minacciosa, rappresenta la prima causa di ictus e di infarto oltre a causare complicanze a livello di occhio, rene e nervi e “assorbe il 10-15% dell’intero budget sanitario – ricorda la dottoressa Paola Pisanti, Presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute. l’Italia – ricorda sempre Pisanti – detiene però il ‘primato’ per essersi dotata per prima, nel mondo, di una legge ‘visionaria’ e ancora molto attuale come la 115/87 interamente dedicata al diabete. A questa, qualche mese, si è aggiunto anche il ‘Piano Nazionale Diabete’, in ottemperanza a quanto richiesto dalla Comunità Europea”. Il ‘Piano Nazionale Diabete’ tricolore è stato formalmente approvato all’unanimità in Conferenza Stato-Regioni alla fine dello scorso anno ma, finora, è stato di fatto recepito solo da 9 Regioni, peraltro con le differenze e le disparità che caratterizzano la nostra sanità regionalizzata. Tanto per fare un esempio, la regione Marche sta di fatto smantellando la rete dei centri diabetologici, trasferendo tutta l’assistenza di questa condizione sulla medicina generale. “E’ paradossale – commenta il professor Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana d Diabetologia – che mentre da un lato, finalmente si sia giunti a un Piano Nazionale del Diabete, dall’altro si insista su una regionalizzazione che tuttora fonte di disparità di trattamento tra cittadini italiani. Questo processo è contrario ai principi enunciati dal Piano che tra il suo decalogo elenca proprio la riduzione delle disparità e la valorizzazione della rete specialistica che così fortemente ha caratterizzato la diabetologia italiana. Se è ragionevole che i centri ‘glicemologici’ non abbiano più ragione di esistere, sarebbe altrettanto ragionevole operare una razionalizzazione della specialistica diabetologica potenziando in modo adeguato i centri di secondo e terzo livello”.Ma al di fuori dell’Italia, qual è la migliore assistenza per un persona con diabete? “In Gran Bretagna – afferma deciso Simon Griffin, professore di Medicina Generale all’Università di Cambridge – è quella basata sui medici di famiglia ma appoggiata a centri specialistici di riferimento. I migliori risultati infatti sono stati ottenuti laddove esiste una collaborazione tra medici di famiglia consentendo il passaggio del paziente ad un’assistenza di secondo livello, cioè a quella specialistica, in qualsiasi momento in caso di necessità”. Il processo passa anche attraverso il monitoraggio di una serie di parametri in tempo reale e questo grazie al fatto che i medici di medicina generale (MMG) immettono i dati relativi ai loro pazienti nei loro computer dotato di un software, grazie al quale possono essere estratti in un attimo a livello centralizzato. La partecipazione dei medici di famiglia a questo progetto è stato scuramente favorito dall’incentivo economico che deriva dall’immissione dei dati nel sistema. Oggi i medici di famiglia lavorano molto meglio di quanto prevedesse il Governo, ma questo sistema è risultato alla fine molto più costoso delle aspettative”.Ma potrebbe un sistema come questo funzionare in Italia? Nel nostro Paese sono ormai numerosi gli esempi di gestione integrata tra medicina generale e medicina specialistica. Un esempio è quello portato dal vicepresidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) Ovidio Brignoli. “Utilizzando un sistema di monitoraggio elettronico simile a quello illustrato da Griffin – elucida Brignoli – è stato possibile allargare l’assistenza a un numero maggiore di persone con diabete, ma ancor più è stato possibile coinvolgere sempre più medici di famiglia nel processo di gestione e ottenere tangibili miglioramenti, tra l’altro senza dovere ricorrere a incentivi economici. Questa azione rappresenta comunque il risultato della interazione e collaborazione tra medico di medicina generale e diabetologo. Con lo specialista condividiamo le linee d’azione e lo specialista partecipa ai nostri audit e processi di verifica”. “L’integrazione è parte essenziale del Piano Nazionale del Diabete – ricorda il professor Del Prato – che nasce nella logica di porre al centro dell’azione sanitaria la persona con diabete cui corrisponde, a seconda delle necessità e complessità clinica, la disponibilità di specifiche competenze. In quest’ottica è necessario rafforzare la figura specialistica del diabetologo come referente culturale di un processo di condivisione e verifica continua. Il diabetologo non è un esperto di “glicemia”. Piuttosto è il gestore all’interno di un processo complesso e coordinato della complessità ed evolutività della patologia diabetica. Il diabete costa molto, troppo. Ma questo costo è dovuto per oltre a metà ai ricoveri ospedalieri per le complicanze della malattia. Solo un’accurata integrazione delle cure potrà garantire la necessaria assistenza a un numero così ampio di persone con diabete, assistenza fondamentale per ridurre il rischio di complicanze.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Let citizens of Colombia, Peru and UAE visit EU without visas, say MEPs

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

Citizens of Colombia, Peru and the United Arab Emirates should be able to travel to the Schengen area without a visa, said the Civil Liberties Committee on Monday, amending a draft update of the EU visa regulation to this effect. The Commission’s initial proposal envisaged a visa waiver only for citizens of five Caribbean island nations, 10 Pacific island nations and Timor-Leste.The 2001 visa regulation lists non-EU countries whose nationals need a visa to travel to the EU’s border-free Schengen area (the “negative list”) and those whose nationals do not need a visa for this purpose (the “positive list”).The committee added Colombia and Peru to the visa-free list, arguing that they meet the conditions laid down in the regulation for a visa waiver. The European Parliament gave its green light to trade deals with these two Latin American countries in December 2012.”The determination of those third countries whose nationals are subject to the visa requirement, and those exempt from it, is governed by a considered, case-by-case assessment of a variety of criteria relating inter alia to irregular immigration, public policy and security, and to the EU’s external relations with third countries including in particular respect of human rights and fundamental freedoms, consideration also being given to the implications of regional coherence and reciprocity”, MEPs say.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jobs Wanted: Youth in Southeast Europe

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

The World Bank Group building in Washington, D.C.

The World Bank Group building in Washington, D.C. (Photo credit: Wikipedia)

VIENNA. The World Bank, in collaboration with the Austrian Ministry of Finance, the Vienna Institute for International Economic Studies, and the Global Development Network, held a high-level policy dialogue on ‘Youth Employment in Southeast Europe’.Ministers of Labor, Social Policy, and Youth, and senior officials from Albania, Bosnia and Herzegovina, Croatia, FYR Macedonia, Kosovo, Montenegro, and Serbia gathered with representatives of international organizations, think tanks, and youth representatives to discuss ways to improve youth employment prospects in the region and unlock the potential of the younger generation.The conference highlighted the persistent and high rate of youth unemployment in Southeast Europe relative to other countries in the world. In many countries, one in two youth are unemployed. Moreover, the conference called attention to the number of youth who are not only out of work, but also out of school. One in four youth in SEE is not working, not searching for work, and not studying. When young people find employment, they are often left with precarious jobs, part-time or temporary jobs, or informal employment, leaving them excluded from the benefit system and society more generally.A video on youth employment shown at the conference emphasized the pressing situation. “I am not overly ambitious career wise. I would be very satisfied if my job would make it possible for me to support myself and my family,” said Dušan Nikoliæ (21), Student at the University of Belgrade, in the video. Gazmend Januzi (24), a construction technician from Sarajevo, said, “What would be good for me is to have a permanent job and insurance.”Policy makers and experts alike agreed that countries are severely constrained by fiscal and foreign debt. Declining consumption and investments, and limited access to finance are exacerbating the current situation with dramatic impacts for the labor markets. Beyond job creation, issues related to labor regulations, taxation, and skills mismatches disproportionately affect the youth, particularly young women as well as youth from disadvantaged backgrounds, overall making it more difficult to fulfill their aspirations for good jobs.“Employment rates among the young people are particularly low. Moreover, a significant share of young people who are out of work are not seeking employment nor studying. This pattern has been compounded by the ongoing economic downturn. As part of recovery efforts, it will be critical to lay the foundation for a more inclusive growth path in which youth are central to socio-economic development,” said Vladimir Gligorov, Senior Economist at the Vienna Institute for International Economic Studies (wiiw).The Policy Dialogue encouraged a very open discussion and allowed participants to take stock, and to discuss policies both successful and failed ones. The discussion touched upon macroeconomic policies, markets and incentives, as well as skills. Areas that needed further analysis, policy development, and action were outlined.“Addressing youth employment calls for a multi-sectoral agenda. What works, of course, depends on the country context, but we can learn a lot from the experience in the region and elsewhere. And we ought to be acting now in order not to miss out on the enormous potential of Southeast Europe’s workforce. The job challenge requires an improved environment for firms in order to thrive and create jobs. We also need to ensure, however, that workers are adequately prepared in order to be able to take advantage job opportunities. Reforms require persistence, but they pay off,” said Ellen Goldstein, World Bank Country Director for Southeast Europe.Addressing the participants of the Policy Dialogue, Harald Waiglein, Director-General in the Austrian Ministry of Finance, said, “We welcome today’s high-level forum on ‘Youth Employment in Southeast Europe’ with politicians from the region and international experts to discuss how to make progress on one of the greatest challenges of our times. Knowledge exchange and best practices must aim at the delivery of solutions for youth unemployment. We expect that the World Bank Group Vienna office will serve as a platform for intensive dialogue among practitioners, scientists, national, and international experts alike.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Parliament stands in Court for the EU’s citizens right to know

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

English: A Committee Room in the European Parl...

English: A Committee Room in the European Parliament (Brussels) (Photo credit: Wikipedia)

The recent ruling of the European Court of Justice should open the eyes of member states to the necessity to update EU legislation on access to documents. EU citizens need a clearer and wider access to the decision-making process, said Civil Liberties Committee rapporteur on the regulation on access to documents.The European Court of Justice ruled on 17 October 2013 that the Council’s policy of releasing legislative drafting documents with the names of member states tabling amendments blacked out was not in conformity with EU law (Council v Access Info Europe Case C-280/11 P).The European Parliament intervened by joining the case in support of Access Info Europe.
Michael Cashman (S&D, UK), rapporteur for the original Regulation 1049/2001 on access to documents and its current revision, lauded the European Parliament’s historical move for defending citizen’s rights:
“I congratulate Access Info Europe for helping, through this case, to clarify EU legislation and keeping all of us accountable. I am proud our House has stood by EU citizens and stood for what it has been continuously fighting for: more transparency of the decision-making process.It is a shame that the other two Institutions, the Council and the European Commission, prefer to challenge civil society and the citizens they represent rather than recognising that the current legislation needs to be revised and not only interpreted by the judges.
The current revision is in a deadlock in Council, and in June 2013, the European Parliament called for the co-legislators to start the negotiations again for a deal that will ensure better access by EU citizens to EU documents.I am hopeful that such decisions of the European Court of Justice will open the eyes of member states to the necessity to update our legislation accordingly and to stop relying on jurisprudence. Our citizens need a clearer and wider access to the decision-making process and the ECJ has confirmed this today. Now, let’s get around the table and do the work”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan: Cost Efficiency and Convenience Convince Residents in Select European Cities To Consider Car Sharing

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

LONDON – 21st October, 2013 – Frost & Sullivan’s recent customer research study on car sharing in select European cities reveals that the market is fast gaining ground. Residents in a number of cities in France, Germany as well as in the United Kingdom, are currently multi-modal transport users. While only one out of four claim familiarity with the car sharing concept, once familiar, the interest levels in these services zip to 38 percent.(http://www.automotive.frost.com), Car Sharing End User Analysis in Selected European Cities, finds that traditional car sharing will increase from 0.7 million members in 2011 to more than 15 million members in 2020. The major interest groups include the young, the well-educated, the office goers, and university students, with no children.
The rising popularity of car sharing services has expectedly eaten into the share of other modes of transportation, but that is not to say it will nudge them out. Potential car sharers reported that they would – for the time being – consider replacing one out of three trips with car sharing. Between 25 to 40 percent of current drivers claimed they would give up their cars and about 60 percent of non-owners said they would refrain from buying a car.The growing of the trend can further be observed in the Frost & Sullivan forecast that traditional car sharing in Europe will reach nearly 0.24 million vehicles by 2020. Basic and small vehicles are currently popular options among car sharing operators (CSO).The future of the market however, will be determined by Peer-to-peer (P2P) car sharing. Though only 18 percent of respondents seem willing to share their own cars, P2P car sharing has been growing rapidly since 2008, having recorded 100 percent growth between 2010 and 2011. As a result, the market is expected to have nearly 0.31 million vehicles in operation and more than 0.74 million members by 2020. While there is little doubt that the car sharing model is a hit in Europe, it has not reached its optimum potential due to attitudinal and operational issues such as the unavailability of a vehicle within short notice, the loss of flexibility, and customers’ reluctance to pay an up-front membership fee.“To expand the scope of car sharing services, CSOs could direct their marketing and educational campaigns at the younger demographic. Liasing with universities to build awareness among students prior to the start of their careers would be a wise move,” noted Moreira. “Further flexibility using location-based services could also be built into the service to attract a larger pool of customers.”If you are interested in more information on Frost & Sullivan’s latest customer research Car Sharing End-user Analysis in Selected European Cities, please send an email to Katja Feick, Corporate Communications, at katja.feick@frost.com, with your full contact details.Car Sharing End-user Analysis in Selected European Cities (M9D5-18) is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan’s related research services include: 2013 United States Automotive Technicians’ Choice, 2012 European Customer Desirability and Willingness to Pay for Infotainment, HMI and Telematics Features and Services, and 2012 United States Telematics, Connectivity, Apps, and HMI. All research services included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends evaluated following extensive interviews with market participants.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vertice Nato

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

E’ iniziato a Bruxelles il vertice dei ministri della difesa delle nazioni appartenenti alla NATO e Competere.EU scrive una lettera aperta al Ministro della Difesa italiano Mario Mauro.Il think thank, attivo nell’elaborazione delle politiche e delle pratiche di sviluppo sostenibile, chiede a Mauro di far si che l’Italia sia uno dei Paesi leader nella richiesta dell’attuazione del modello di “Smart Defence” elaborato dal Patto Atlantico che potrà portare una razionalizzazione ed un efficientamento degli apparati di difesa dei Paesi membri.“In questi giorni di emergenza umanitaria nel Mediterraneo– scrivono il Presidente di Competere.EU Pietro Paganini ed il Segretario Generale Roberto Race– cresce nell’opinione pubblica la consapevolezza dell’importanza di una sicurezza data da sistemi di difesa al passo con i tempi. Tutto ciò andrebbe in accordo con gli altri Paesi in funzione nell’attuale scenario geostrategico e dei nuovi pericoli come quelli dati dalla cyber proliferazione.I tagli che il mondo della difesa e della sicurezza, tra gli altri, hanno subito, possono rivelarsi un grandissimo rischio o viceversa rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese.”“Ad indicarci il modo per continuare ad avere un apparato di difesa efficiente– scrivono Paganini e Race– è stata proprio la Nato che con la Smart Defence invita i Paesi a fare più e meglio con meno costi, razionalizzando la spesa e mettendo a sistema le eccellenze di ogni Stato membro.”“Per questo– continuano Paganini e Race– Le chiediamo di far sì che l’Italia possa farsi promotore del rilancio di questa nuova fase nella quale le difese dei vari Paesi dovranno lavorare alla propria razionalizzazione ed al proprio efficientamento e alla realizzazione di una difesa comune.Tema che sarà all’ordine del giorno, tra l’altro, proprio del Consiglio dei ministri della difesa dell’Unione Europea che si terrà a dicembre.Non possiamo perdere altro tempo. Il rischio di un vuoto di Difesa o di una Difesa inadeguata esporrebbe tutto il nostro tessuto sociale a numerose minacce, non solo di natura militare, ma anche emergenziale – come abbiamo visto di fronte ad un Mediterraneo in crisi – che la società civile non potrebbe affrontare senza un dispositivo reattivo e specializzato come quello militare.
Un discorso, questo, di estrema attualità, nel momento in cui l’Europa, è matura ma non ancora strutturata per provvedere alla propria sicurezza, avendo dimostrato di non saper fornire una risposta univoca alle emergenze che colpiscono i paesi a lei vicini”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »