Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 255

Archive for 22 ottobre 2013

Let citizens of Colombia, Peru and UAE visit EU without visas, say MEPs

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

Citizens of Colombia, Peru and the United Arab Emirates should be able to travel to the Schengen area without a visa, said the Civil Liberties Committee on Monday, amending a draft update of the EU visa regulation to this effect. The Commission’s initial proposal envisaged a visa waiver only for citizens of five Caribbean island nations, 10 Pacific island nations and Timor-Leste.The 2001 visa regulation lists non-EU countries whose nationals need a visa to travel to the EU’s border-free Schengen area (the “negative list”) and those whose nationals do not need a visa for this purpose (the “positive list”).The committee added Colombia and Peru to the visa-free list, arguing that they meet the conditions laid down in the regulation for a visa waiver. The European Parliament gave its green light to trade deals with these two Latin American countries in December 2012.”The determination of those third countries whose nationals are subject to the visa requirement, and those exempt from it, is governed by a considered, case-by-case assessment of a variety of criteria relating inter alia to irregular immigration, public policy and security, and to the EU’s external relations with third countries including in particular respect of human rights and fundamental freedoms, consideration also being given to the implications of regional coherence and reciprocity”, MEPs say.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jobs Wanted: Youth in Southeast Europe

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

The World Bank Group building in Washington, D.C.

The World Bank Group building in Washington, D.C. (Photo credit: Wikipedia)

VIENNA. The World Bank, in collaboration with the Austrian Ministry of Finance, the Vienna Institute for International Economic Studies, and the Global Development Network, held a high-level policy dialogue on ‘Youth Employment in Southeast Europe’.Ministers of Labor, Social Policy, and Youth, and senior officials from Albania, Bosnia and Herzegovina, Croatia, FYR Macedonia, Kosovo, Montenegro, and Serbia gathered with representatives of international organizations, think tanks, and youth representatives to discuss ways to improve youth employment prospects in the region and unlock the potential of the younger generation.The conference highlighted the persistent and high rate of youth unemployment in Southeast Europe relative to other countries in the world. In many countries, one in two youth are unemployed. Moreover, the conference called attention to the number of youth who are not only out of work, but also out of school. One in four youth in SEE is not working, not searching for work, and not studying. When young people find employment, they are often left with precarious jobs, part-time or temporary jobs, or informal employment, leaving them excluded from the benefit system and society more generally.A video on youth employment shown at the conference emphasized the pressing situation. “I am not overly ambitious career wise. I would be very satisfied if my job would make it possible for me to support myself and my family,” said Dušan Nikoliæ (21), Student at the University of Belgrade, in the video. Gazmend Januzi (24), a construction technician from Sarajevo, said, “What would be good for me is to have a permanent job and insurance.”Policy makers and experts alike agreed that countries are severely constrained by fiscal and foreign debt. Declining consumption and investments, and limited access to finance are exacerbating the current situation with dramatic impacts for the labor markets. Beyond job creation, issues related to labor regulations, taxation, and skills mismatches disproportionately affect the youth, particularly young women as well as youth from disadvantaged backgrounds, overall making it more difficult to fulfill their aspirations for good jobs.“Employment rates among the young people are particularly low. Moreover, a significant share of young people who are out of work are not seeking employment nor studying. This pattern has been compounded by the ongoing economic downturn. As part of recovery efforts, it will be critical to lay the foundation for a more inclusive growth path in which youth are central to socio-economic development,” said Vladimir Gligorov, Senior Economist at the Vienna Institute for International Economic Studies (wiiw).The Policy Dialogue encouraged a very open discussion and allowed participants to take stock, and to discuss policies both successful and failed ones. The discussion touched upon macroeconomic policies, markets and incentives, as well as skills. Areas that needed further analysis, policy development, and action were outlined.“Addressing youth employment calls for a multi-sectoral agenda. What works, of course, depends on the country context, but we can learn a lot from the experience in the region and elsewhere. And we ought to be acting now in order not to miss out on the enormous potential of Southeast Europe’s workforce. The job challenge requires an improved environment for firms in order to thrive and create jobs. We also need to ensure, however, that workers are adequately prepared in order to be able to take advantage job opportunities. Reforms require persistence, but they pay off,” said Ellen Goldstein, World Bank Country Director for Southeast Europe.Addressing the participants of the Policy Dialogue, Harald Waiglein, Director-General in the Austrian Ministry of Finance, said, “We welcome today’s high-level forum on ‘Youth Employment in Southeast Europe’ with politicians from the region and international experts to discuss how to make progress on one of the greatest challenges of our times. Knowledge exchange and best practices must aim at the delivery of solutions for youth unemployment. We expect that the World Bank Group Vienna office will serve as a platform for intensive dialogue among practitioners, scientists, national, and international experts alike.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Parliament stands in Court for the EU’s citizens right to know

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

English: A Committee Room in the European Parl...

English: A Committee Room in the European Parliament (Brussels) (Photo credit: Wikipedia)

The recent ruling of the European Court of Justice should open the eyes of member states to the necessity to update EU legislation on access to documents. EU citizens need a clearer and wider access to the decision-making process, said Civil Liberties Committee rapporteur on the regulation on access to documents.The European Court of Justice ruled on 17 October 2013 that the Council’s policy of releasing legislative drafting documents with the names of member states tabling amendments blacked out was not in conformity with EU law (Council v Access Info Europe Case C-280/11 P).The European Parliament intervened by joining the case in support of Access Info Europe.
Michael Cashman (S&D, UK), rapporteur for the original Regulation 1049/2001 on access to documents and its current revision, lauded the European Parliament’s historical move for defending citizen’s rights:
“I congratulate Access Info Europe for helping, through this case, to clarify EU legislation and keeping all of us accountable. I am proud our House has stood by EU citizens and stood for what it has been continuously fighting for: more transparency of the decision-making process.It is a shame that the other two Institutions, the Council and the European Commission, prefer to challenge civil society and the citizens they represent rather than recognising that the current legislation needs to be revised and not only interpreted by the judges.
The current revision is in a deadlock in Council, and in June 2013, the European Parliament called for the co-legislators to start the negotiations again for a deal that will ensure better access by EU citizens to EU documents.I am hopeful that such decisions of the European Court of Justice will open the eyes of member states to the necessity to update our legislation accordingly and to stop relying on jurisprudence. Our citizens need a clearer and wider access to the decision-making process and the ECJ has confirmed this today. Now, let’s get around the table and do the work”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan: Cost Efficiency and Convenience Convince Residents in Select European Cities To Consider Car Sharing

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

LONDON – 21st October, 2013 – Frost & Sullivan’s recent customer research study on car sharing in select European cities reveals that the market is fast gaining ground. Residents in a number of cities in France, Germany as well as in the United Kingdom, are currently multi-modal transport users. While only one out of four claim familiarity with the car sharing concept, once familiar, the interest levels in these services zip to 38 percent.(http://www.automotive.frost.com), Car Sharing End User Analysis in Selected European Cities, finds that traditional car sharing will increase from 0.7 million members in 2011 to more than 15 million members in 2020. The major interest groups include the young, the well-educated, the office goers, and university students, with no children.
The rising popularity of car sharing services has expectedly eaten into the share of other modes of transportation, but that is not to say it will nudge them out. Potential car sharers reported that they would – for the time being – consider replacing one out of three trips with car sharing. Between 25 to 40 percent of current drivers claimed they would give up their cars and about 60 percent of non-owners said they would refrain from buying a car.The growing of the trend can further be observed in the Frost & Sullivan forecast that traditional car sharing in Europe will reach nearly 0.24 million vehicles by 2020. Basic and small vehicles are currently popular options among car sharing operators (CSO).The future of the market however, will be determined by Peer-to-peer (P2P) car sharing. Though only 18 percent of respondents seem willing to share their own cars, P2P car sharing has been growing rapidly since 2008, having recorded 100 percent growth between 2010 and 2011. As a result, the market is expected to have nearly 0.31 million vehicles in operation and more than 0.74 million members by 2020. While there is little doubt that the car sharing model is a hit in Europe, it has not reached its optimum potential due to attitudinal and operational issues such as the unavailability of a vehicle within short notice, the loss of flexibility, and customers’ reluctance to pay an up-front membership fee.“To expand the scope of car sharing services, CSOs could direct their marketing and educational campaigns at the younger demographic. Liasing with universities to build awareness among students prior to the start of their careers would be a wise move,” noted Moreira. “Further flexibility using location-based services could also be built into the service to attract a larger pool of customers.”If you are interested in more information on Frost & Sullivan’s latest customer research Car Sharing End-user Analysis in Selected European Cities, please send an email to Katja Feick, Corporate Communications, at katja.feick@frost.com, with your full contact details.Car Sharing End-user Analysis in Selected European Cities (M9D5-18) is part of the Automotive & Transportation Growth Partnership Service program. Frost & Sullivan’s related research services include: 2013 United States Automotive Technicians’ Choice, 2012 European Customer Desirability and Willingness to Pay for Infotainment, HMI and Telematics Features and Services, and 2012 United States Telematics, Connectivity, Apps, and HMI. All research services included in subscriptions provide detailed market opportunities and industry trends evaluated following extensive interviews with market participants.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vertice Nato

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

E’ iniziato a Bruxelles il vertice dei ministri della difesa delle nazioni appartenenti alla NATO e Competere.EU scrive una lettera aperta al Ministro della Difesa italiano Mario Mauro.Il think thank, attivo nell’elaborazione delle politiche e delle pratiche di sviluppo sostenibile, chiede a Mauro di far si che l’Italia sia uno dei Paesi leader nella richiesta dell’attuazione del modello di “Smart Defence” elaborato dal Patto Atlantico che potrà portare una razionalizzazione ed un efficientamento degli apparati di difesa dei Paesi membri.“In questi giorni di emergenza umanitaria nel Mediterraneo– scrivono il Presidente di Competere.EU Pietro Paganini ed il Segretario Generale Roberto Race– cresce nell’opinione pubblica la consapevolezza dell’importanza di una sicurezza data da sistemi di difesa al passo con i tempi. Tutto ciò andrebbe in accordo con gli altri Paesi in funzione nell’attuale scenario geostrategico e dei nuovi pericoli come quelli dati dalla cyber proliferazione.I tagli che il mondo della difesa e della sicurezza, tra gli altri, hanno subito, possono rivelarsi un grandissimo rischio o viceversa rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese.”“Ad indicarci il modo per continuare ad avere un apparato di difesa efficiente– scrivono Paganini e Race– è stata proprio la Nato che con la Smart Defence invita i Paesi a fare più e meglio con meno costi, razionalizzando la spesa e mettendo a sistema le eccellenze di ogni Stato membro.”“Per questo– continuano Paganini e Race– Le chiediamo di far sì che l’Italia possa farsi promotore del rilancio di questa nuova fase nella quale le difese dei vari Paesi dovranno lavorare alla propria razionalizzazione ed al proprio efficientamento e alla realizzazione di una difesa comune.Tema che sarà all’ordine del giorno, tra l’altro, proprio del Consiglio dei ministri della difesa dell’Unione Europea che si terrà a dicembre.Non possiamo perdere altro tempo. Il rischio di un vuoto di Difesa o di una Difesa inadeguata esporrebbe tutto il nostro tessuto sociale a numerose minacce, non solo di natura militare, ma anche emergenziale – come abbiamo visto di fronte ad un Mediterraneo in crisi – che la società civile non potrebbe affrontare senza un dispositivo reattivo e specializzato come quello militare.
Un discorso, questo, di estrema attualità, nel momento in cui l’Europa, è matura ma non ancora strutturata per provvedere alla propria sicurezza, avendo dimostrato di non saper fornire una risposta univoca alle emergenze che colpiscono i paesi a lei vicini”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sostegno imprese settore salute

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

La presentazione e lo studio delle best practice europee più avanzate nell’ambito delle Scienze della Salute come modelli di riferimento per sostenere la crescita economica delle piccole e medie imprese del settore: una tematica d’eccellenza per il MID TERM EVENT del progetto H4G-Health4Growth, l’incontro che si svolgerà a Torino il 23 ottobre come importante momento di confronto tra le esperienze dei partner del progetto.Health 4 Growth è un progetto triennale europeo di condivisione di buone pratiche delle politiche pubbliche di sostegno nell’ambito delle Scienze della Salute, inserito nel quadro del programma Interreg IVC: a partire dal 2012 undici partner internazionali hanno avviato un attento programma di screening sui relativi territori al fine di individuare modelli che potranno costituire un esempio di riferimento per le PMI. Il progetto è finanziato per il 75% dal Fondo europeo di sviluppo regionale e per il resto dal Ministero dell’Economia. Le finalità di H4G sono indagare le politiche comunitarie e regionali nel settore salute per migliorarle e promuovere la cooperazione tra le piccole e medie imprese per sfruttare il potenziale di crescita e innovazione del settore. Considerare i bisogni di queste aziende, secondo i promotori del progetto, è indispensabile per elaborare efficaci politiche comunitarie e regionali per la salute e l’industria.
L’evento è organizzato dalla Provincia di Torino, da 2i3T – Incubatore d’Impresa dell’Università degli Studi di Torino e dal Bioindustrypark Silvano Fumero di Colleretto Giacosa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete bambini

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

Fig. 2 The pancreas. 1. pancreatic head. 4. pa...

 

Confortanti notizie al Congresso Mondiale di Endocrinologia Pediatrica che si è svolto a Milano a settembre: il sistema di infusione ad ansa chiusa con rilevatore wireless di glicemia noto con il termine di ‘pancreas artificiale’ ha mostrato la sua efficacia e sicurezza anche nella popolazione pediatrica così come riportato da uno studio di Moshe Phillip et al pubblicato sul New England Journal of Medicine (1) e discusso al meeting.Lo studio collegato al Progetto DREAM (Diabetes Wireless Artificial Pancreas Consortium) ha evidenziato un risultato estremamente promettente, specialmente perché la notte è il momento di maggior rischio per le crisi ipoglicemiche che possono verificarsi e non vengono identificate. Questo nuovo approccio permette di controllare gli episodi di ipoglicemia notturna e permetterà in futuro, grazie all’utilizzo h24 liberare i bambini diabetici dalla terapia con iniezioni.“Il 75% dei casi di convulsioni notturne sono legate al calo di zuccheri durante la notte a questa causa è attribuito il 6% dei decessi tra i diabetici al di sotto dei 40 anni. Lo studio ha preso in considerazione 56 bambini e ragazzi con una storia di malattia di almeno 1 anno, in diversi campi per diabetici allo scopo di verificare anche la possibilità di utilizzare un dispositivo tecnologicamente raffinato anche in contesto extraospedaliero e di ‘real-life’” spiega il Professor Francesco Chiarelli, Direttore della Clinica Pediatrica dell’Università di Chieti e Presidente della Società Europea di Endocrinologia Pediatrica (ESPE) “In Italia la diffusione del sistema di infusione ad ansa chiusa potrebbe rappresentare per i 12mila piccoli pazienti affetti di diabete di tipo 1 la svolta terapeutica e un netto miglioramento nella qualità di vita e il 90% dei genitori intervistati nell’ambito della ricerca ha dichiarato che si sentirebbe più sicuro applicando questo sistema durante la notte”.“In Italia l’epidemiologia del diabete di tipo 1 presenta un quadro che vede il trend in netta crescita: i casi infatti sono aumentati di dieci volte negli ultimi 30 anni rispetto alle tre volte dei casi negli adulti” spiega Chiarelli “Peculiare anche la distribuzione regionale, con il picco in Sardegna (35-40 casi ogni 100mila bambini per anno), a cui seguono Liguria e Lombardia (con 10-15 casi ogni 100mila bambini per anno) mentre le altre Regioni tra cui Campania, Abruzzo e Molise si assestano su una media di 6 casi ogni 100mila bambini per anno. In Europa invece il primato negativo è della Finlandia con una media di 60-80 casi ogni 100mila bambini per anno.Una patologia complessa che solo se ben controllata permette una vita normale. “E’ necessario un alto livello di collaborazione da parte della famiglia e del bambino dato che il ‘gold standard’ di terapia prevede comunque misurazioni costanti e 4 infusioni di insulina al giorno. C’è da dire che in Italia il SSN garantisce una assistenza di buon livello e che una una indagine europea pubblicata su Diabetes Care ci ha messi davanti alla Gran Bretagna per qualità delle cure. L’obiettivo in termini di ricerca è però quello di affrancare i bambini dal disagio delle infusioni quotidiane. Siamo sulla buona strada: esistono già pompe da infusione che possono essere impostate per un rilascio programmato di insulina. Il dispositivo viene applicato all’altezza dell’addome con un accesso sottocutaneo. Ma negli ultimi anni il sistema si è evoluto affiancando all’infusore un sensore capace di rilevare il livello di glucosio nel sangue in maniera automatica, comunicarlo wireless alla pompa ad ansa chiusa che a quel punto rilascia o blocca l’insulina a seconda delle reali necessità dell’organismo. Come dimostrato dallo studio di Phillip, questo sistema che funziona alla stregua di un ‘pancreas artificiale’ è particolarmente prezioso durante la notte quando un eventuale evento di ipoglicemia non è riconosciuto e, nei bambini sino a 3-4 anni può provocare anche danni in quanto il cervello non può rimanere per troppo tempo senza zuccheri, i suoi nutrienti fondamentali. Il Progetto DREAM quindi si è posto l’obiettivo di verificare l’efficacia e la sicurezza del dispositivo in un campione (n.56: 31 maschi e 25 femmine) di ragazzi tra i 10 e i 18 anni reclutati nei campi diabete di 3 paesi: Israele, Germania e Slovenia.
Ecco i risultati: Il sistema ad ansa chiusa che associa una pompa ad infusione ad un sensore per la rilevazione del glucosio opera grazie ad un algoritmo computerizzato che in caso di necessità ordina all’infusore il rilascio della giusta quantità di insulina necessaria in quel momento.Allo stesso gruppo in modo randomizzato un giorno è stata somministrata la terapia con microinfusore tradizionale e un altro giorno quella con ‘pancreas artificiale’. La notte in cui era usato il PA si è verificato un significativo decremento degli episodi di ipoglicemia (livelli inferiori a 63 mg per dl e il periodo in cui il livello di glicemia raggiungeva valori inferiori a 60 mg/dl (con P=0.003 a favore del dispositivo con sensore di rilevazione rispetto a P=0.02).
“L’analisi del secondo end point ha mostrato un miglioramento significativo nel controllo della glicemia e le dosi totali di insulina durante la notte sono state maggiori per rispondere all’iperglicemia” spiega l’endocrinologo pediatra “Il pancreas artificiale non ha permesso che la glicemia salisse oltre 180 mg/dl contro i 28 minuti in cui si è verificata nel gruppo di controllo. Allo stesso modo la notte in cui era attivo il PA la glicemia è stata alta solo per 146 minuti nel gruppo con sensore contro i 233 minuti nel gruppo di controllo”. NEJM 368;9 824-833 Moshe Philip. et al – Nocturnal Glucose Control with an artificial pancreas at a diabetes camp

 

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Annullata la cartella esattoriale per “difetto di motivazione”

Posted by fidest press agency su martedì, 22 ottobre 2013

Il Fisco e gli esattori quando pretendono un credito tributario devono adeguatamente motivare le ragioni e consentire agevolmente d’individuare la causale delle somme richieste, mentre sovente le cartelle esattoriali riportano sinteticamente il solo importo dei tributi e degli accessori, senza specificare altri elementi utili in tal senso.Ad evidenziarlo Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti” ancora più convinto che tale comportamento debba essere censurato dopo aver letto l’interessante sentenza n. 258/24/13, depositata l’1 ottobre scorso, dalla Commissione Tributaria Regionale di Bari – Sez. 24 – Sezione Staccata di Lecce (Presidente Giovanni Romano, relatore Paola Bracciale, giudice Vincenzo Schilardi) che, in sede di appello, ha confermato la sentenza di primo grado della CTP di Lecce accogliendo le eccezioni formulate da un contribuente difeso dall’avvocato Maurizio Villani ed ha totalmente annullato la cartella esattoriale notificata da Equitalia S.p.a. per “carenza di motivazione”.I giudici tributari leccesi, hanno rigettato il ricorso della P.A. Sulla scia della più recente corte di Cassazione in particolare delle sentenze della sezione IV n. 20039 del 30.08.2013 e n. 20211 del 03.09.2013 ed in particolare, su tutte la n. 15188 del 18.06.2013 per cui in ipotesi di liquidazione di imposta ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973 art. 36 bis o D.P.R. n. 633 del 1972 art. 54 bis, “la cartella di pagamento costituisce l’atto con il quale il contribuente viene a conoscenza per la prima volta della pretesa fiscale e come tale deve essere adeguatamente motivata…”.
“Nella fattispecie” si legge in motivazione, “la cartella riproduce semplicemente le voci relative ai tributi ed accessori senza nessuna ulteriore analitica ancorchè succinta motivazione”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »