Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 23 ottobre 2013

“Blackfish” Does New Film Signal the End of Captive Dolphin Exploitation?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

English: Tilikum as "Shamu" at SeaWo...

English: Tilikum as “Shamu” at SeaWorld Orlando. (Photo credit: Wikipedia)

Blackfish, the acclaimed documentary film directed by Gabriela Cowperthwaite, tells the harrowing story of Tilikum, a male orca involved in the death of three people while in captivity at SeaWorld. The film includes shocking scenes, devastating testimonies and reveals the impact on captive dolphins, including orca, of unnatural confinement and exploitation.It also highlights the risks that dolphin trainers are subjected to and the apparent lengths that captive facilities will go to ensure that the only news coming out of captive marine facilities is good news.The Born Free Foundation, in collaboration with film distributors, Dogwoof, FilmFreaks and Karma Films, is proud to bring Blackfish, to Europe. A film tour of 8 European cities in 7 countries in 20 days will be accompanied by former SeaWorld trainer, Samantha Berg, who will offer her own personal insights and respond to growing public concerns about what many regard as a totally unacceptable situation.
Starting on the 23rd October, Premier showings of Blackfish, personally supported by Samantha Berg, will include Spain, Belgium, the Netherlands, Germany and Italy, countries which host 20 of the 34 captive dolphin facilities operating in 15 Member States of the European Union. Between them, these ‘water circuses’ hold and display more than 300 whales and dolphins to members of the public and visiting tourists.
Samantha Berg, the former SeaWorld trainer, explains:”Blackfish expertly demonstrates that orca (killer whales – the largest dolphins) are extraordinarily intelligent, complex social beings. I’m coming to Europe to share my personal story of participating in the captive marine mammal industry and my subsequent change of heart to help people realize that the exploitation of whales and dolphins for human entertainment and profit needs to end.””The evidence is overwhelming and it is clear to me that captivity causes the animals’ involved significant stress and suffering, resulting in physical and psychological disorders and early mortality,” confirms Daniel Turner, spokesperson for Born Free.”The keeping of whales and dolphins in bare, concrete tanks where they are made to perform circus-style tricks for entertainment is cruel. The Born Free Foundation continues to work for a dolphinaria-free Europe.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A time-lag problem, or even a lack of consistency

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

European Council

European Council (Photo credit: The Prime Minister’s Office)

António Vitorino takes a stand on the main issues of the European council of the 24th and 25th of October 2013, in an interview covering the ways to boost EU growth, the single market deepening, the banking union, the social dimension of the EMU and immigration within and towards the EU.António Vitorino answers to the six following questions :
1 – The European Council is going to be debating ways of imparting a fresh boost to growth in Europe. What are your recommendations in this connection?
2 – The European Council is also due to discuss deepening the single market, particularly with regard to the service industry and to the digital economy: what initiatives should be given priority?
3 – Progress towards a European banking union is also on the European Council’s agenda: Do you think that the progress being made is sufficiently rapid?
4 – The social dimension of the EMU is also due to be debated at this European Council meeting : what expectations do you have in that area?
5 – The European Council has been called on to address the issue of illegal immigration in the wake of the tragedies that have occurred in the Mediterranean. What is you position on this issue?
6 – Do you think, on a broader level, that the European Council should review European strategy toward immigration?

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WJC President: Restore Israeli Flag at Qatari Sporting Event

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

World Jewish Congress President Ronald S. Lauder today expressed his dismay at Qatar’s removal of the Israeli flag from the premises of the FINA Swimming World Cup in Doha. The flag was removed from the Aspire Zone, a 2.5 square kilometer (1 square mile) sporting zone in the Qatari capital where Israeli swimmers were competing. The flag was also expunged from television reports about the Israeli swimmers. The removal violates the FINA Code of Ethics, which requires that its tournament shall have “no discrimination on the basis of gender, race, religion, or political opinion.” “Qatar must immediately restore the Israeli flag to its venue at this sporting event and stop pandering to the worst sort of Arab rejectionism,” Lauder stated. “If Doha won’t guarantee the participation of athletes from all countries and respect the neutrality of international sportsmanship, it has forfeited its right to host the FIFA 2022 World Cup in soccer. That event should be moved from Qatar.”
About the World Jewish Congress
The World Jewish Congress (WJC) is the international organization representing Jewish communities in 100 countries to governments, parliaments and international organizations.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La cura del diabete con le staminali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

A scheme of the generation of induced pluripot...

A scheme of the generation of induced pluripotent stern (iPS) cells. (1)Isolate and culture donor cells. (2)Transfect stern cell-associated genes into the cells by viral vectors. Red cells indicate the cells expressing the exogenous genes. (3)Harvest and culture the cells according to ES cell culture, using mitotically inactivated feeder cells (lightgray). (4)A small subset of the transfected cells become iPS cells and generate ES-like colonies. (Photo credit: Wikipedia)

L’idea di curare il diabete, sostituendo il pezzo difettoso, la funzione d’organo mancante, con un trapianto di pancreas o di isole pancreatiche, risale a diversi decenni fa. Ma gli ostacoli a questo tipo di terapia sono molti e riguardano principalmente la scarsità dei donatori e il sistema immunitario del ricevente che, se non tenuto a bada, finisce col distruggere le cellule trapiantate.Non è semplice trovare donatori e quindi bisogna trovare altri fonti di beta cellule. Un tentativo è quello di ‘fabbricarne’ di nuove. I metodi potenziali per ottenere questo risultato in vivo sono sostanzialmente due: sfruttare le cellule staminali/progenitrici normalmente presenti nel pancreas per farle rigenerare (metodo assai controverso) oppure realizzare una ‘trans-differenziazione’ di cellule diverse dalle beta-cellule (es. dei fibroblasti). I metodi ex vivo (cioè al di fuori del corpo del paziente) prevedono invece di espandere, cioè di far moltiplicare le cellule del donatore o di differenziare delle cellule staminali pluripotenti. “Grazie alle nuove tecnologie e agli avanzamenti della ricerca – afferma Shimon Efrat, del Dipartimento di genetica Umana dell’Università di Tel Aviv e uno dei massimi esperti mondiali in terapia con cellule staminali applicata al diabete – oggi siamo in grado di espandere in maniera importante le cellule beta pancreatiche prelevate da un donatore, al punto che dalle cellule estratte da un solo pancreas siamo in grado di produrne una quantità sufficiente per migliaia di potenziali riceventi. Ma le cose non sono così facili come potrebbe sembrare: un conto è infatti riuscire ad avere un grande numero di cellule, un altro è quello di mantenerne intatta la loro capacità di produrre insulina, che è quanto serve per trattare la persona con diabete. In teoria oggi è anche possibile ‘fabbricare’ cellule beta pancreatiche anche a partire da un fibroblasto o da cellule cutanee ma la via ancora altamente sperimentale. Per produrre un grande numero di cellule beta a partire da un piccolo gruppo di isole pancreatiche è necessario prima manipolarle per farle regredire ad uno stadio simile a quello embrionario, andando cioè ad ottenere le cosiddette ‘induced pluripotent stem cells’ (iPS); in questo stadio, è abbastanza facile fare espandere le cellule, cioè ottenerne un gran numero. Successivamente, mettendole a contatto con delle miscele di cosiddetti ‘fattori solubili’ è possibile far tornare adulte queste iPS, riportandole a “maturazione” cioè facendo riacquisire loro le caratteristiche di beta cellule adulte in grado di produrre insulina.Queste cellule ridifferenziate per ora sono state utilizzate solo in esperimenti sugli animali, ma i risultati sono molto promettenti. Nel topo ad esempio, sono in grado di correggere l’iperglicemia. Per quanto riguarda l’uomo, siamo ancora fermi agli esperimenti in vitro che tuttavia hanno dimostrato la possibilità di fare regredire ad uno stadio di ‘pluripotenza’ le beta cellule umane. In altre parole le iPS derivate dalle beta-cellule (BiPS) potrebbero un giorno rappresentare un’importantissima fonte di cellule staminali pluripotenti dalle quali ricavare cellule beta pancreatiche per trapianti. E nel frattempo, gli scienziati fanno pratica di ‘trans-differenziazione’, partendo da un fibroblasto per arrivare a cellule beta pancreatiche, per applicazioni che si avvicinano sempre più ad esperimenti di stretto interesse per la pratica clinica. Si è riusciti ad esempio, isolando fibroblasti da pazienti con diabete di tipo 2 a transdifferenziarli in cellule beta-pancreatiche con le caratteristiche del paziente con diabete di tipo 2. Queste cellule, coltivate in laboratorio possono essere utilizzate dall’industria farmaceutica per fare esperimenti con nuovi farmaci anti-diabetici su un modello ‘in vitro’, mai utilizzato prima assimilabile ad una persona con diabete ‘in provetta’. Uno scenario da fantascienza, molto più vicino di quanto si pensi. “Le ricerche presentate dal Prof. Efrat – commenta il professor Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana d Diabetologia – rappresentato un fronte avanzato della ricerca che apre nuove speranze per la cura del diabete. Certo, la strada è ancora lunga ma lo sforzo dell’intera comunità scientifica diabetologica, va seguita passo passo perché è solo dalla ricerca e dal suo sostegno che può venire a risposta che molte persone con diabete attendono”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Dispositivi medici: miglioramento dei controlli e della tracciabilità per garantire la sicurezza dei pazienti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

English: DNA replication or DNA synthesis is t...

English: DNA replication or DNA synthesis is the process of copying a double-stranded DNA molecule. This process is paramount to all life as we know it. (Photo credit: Wikipedia)

Le procedure di controllo e di certificazione concordate dal Parlamento martedì saranno più rigorose e garantiranno maggiore rispetto e tracciabilità dei dispositivi medici come le protesi mammarie e quelle per le anche. Regole più severe saranno istituite sia per le informazioni sia per i requisiti etici dei dispositivi medico-diagnostici utilizzati per esempio in gravidanza o nei test del DNA. I deputati inizieranno a breve i negoziati con gli stati membri.Le norme approvate hanno lo scopo di garantire la trasparenza delle informazioni sia per i pazienti sia per il personale medico e di rafforzare le regole di tracciabilità, senza creare oneri aggiuntivi per i fabbricanti innovatori minori.”Si parla di prodotti che dovrebbero aiutare i pazienti nella loro sofferenza, nella loro malattia. Dobbiamo aiutare i medici a fare in modo che utilizzino solo i prodotti migliori quando assistono i loro pazienti. Fino ad oggi, i medici hanno continuato a dirci che centinaia di protesi d’anca sono difettose e devono essere di nuovo ritirate, con enormi spese per i sistemi sanitari e sofferenza per i pazienti. Abbiamo bisogno di un sistema migliore”, ha detto la relatrice Dagmar Roth-Behrendt (S&D, DE).In base agli emendamenti proposti dal Parlamento, l’accesso pubblico ai dati clinici per i medici, i pazienti e i paramedici sarà più semplice e faciliterà la scelta del prodotto migliore da utilizzare. In seguito ai recenti scandali, in cui il numero dei pazienti con dispositivi medici potenzialmente difettosi è rimasto sconosciuto, i deputati intendono munire i pazienti di un’apposita scheda di impianto su cui essere registrati, in modo tale da essere avvisati di eventuali incidenti avvenuti su prodotti simili.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoporosi e pazienti con il diabete Complicanza poco nota ma ‘pesante’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Mentre nel diabete di tipo 1 ad essere alterata è soprattutto la capacità di formare nuovo tessuto osseo – fatto che comporta un bilancio ‘negativo’ a livello dello scheletro – nel tipo 2, paradossalmente la massa ossea risulta addirittura aumentata, ma ad essere compromessa è la qualità dell’osso. “Questo è provocato dal fatto che le fibre collagene presenti nella matrice dell’osso – spiega Claudio Marcocci, professore ordinario di endocrinologia all’Università di Pisa e direttore dell’U.O. di endocrinologia 2 dell’azienda ospedaliera universitaria pisana nel suo intervento a ‘Pianeta Diabete’, il meeting della Società Italiana di Diabetologia (SID) in corso a Riccione – nella persona con diabete di tipo 2 subiscono una glicosilazione; è un po’ come se nel diabete fuori controllo, l’eccesso di glucosio si andasse ad ‘incollare’ sulle proteine (anche il collagene è una proteina), come una melassa, andandone così ad alterarne della qualità. In questa maniera, l’osso diventa più fragile, nonostante la sua densità risulti aumentata. Nel caso dei ‘tipo 2’ poi bisogna anche ricordare che l’osteoporosi è una patologia molto legata all’età”.Quando l’età ha il suo ‘peso’. E paradossalmente è proprio il miglioramento delle cure del diabete che prolungando l’aspettativa di vita, già aumentata nella popolazione generale, a far sì che il soggetto diabetico sia esposto a quella terza parte della vita dove il rischio di fratture osteoporotiche è aumentato proprio in quanto evento legato alla senescenza. Il problema delle fratture da osteoporosi nel paziente con diabete è legato in gran parte anche alle complicanze vascolari e neurologiche che, unite all’età avanzata, rendono più frequenti e più facili le cadute. E se ad essere più colpite dall’osteoporosi in età avanzata sono certamente le donne, va altresì ricordato che neppure gli uomini sono immuni: il rapporto di prevalenza per le fatture osteoporotiche tra femmina e maschio è di 3 a 1.Il rischio di fratture da osteoporosi poi è particolarmente evidente nei soggetti con ‘tipo 1’, col diabete giovanile. In questi soggetti c’è un’aumentata evidenza di rischio fratturativo in una fascia di età nella quale i soggetti non diabetici difficilmente si fratturano a causa della fragilità ossea. Da non dimenticare poi che per alcuni farmaci anti-diabetici, quali i glitazoni, è stato messo un effetto ‘pro-osteoporotico’.E’ importante dunque portare a conoscenza sia i soggetti con diabete che i medici di famiglia che il diabete rappresenta un fattore di rischio per fatture osteoporotiche non trascurabile. E’ dunque fondamentale mettere in atto tutte le misure che possono ridurre questo rischio – dal migliorato controllo glicemico, all’ottimizzazione dei livelli di vitamina D – oltre ad instaurare terapie anti-osteoporosi specifiche e alla prevenzione delle cadute.“La presenza dell’osteoporosi, soprattutto nella donna diabetica – afferma il professor Stefano Del Prato, presidente della Società Italiana di Diabetologia – rappresenta un’ulteriore dimostrazione della complessità di questa patologia. Un motivo in più, perché il diabetologo sia quello specialista in grado di governare le alterazioni metaboliche e le complicanze che interessano tutti gli organi del corpo. Comprese le ossa”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento per lo stop alla pratica di “beaching” per rottamazione di vecchie navi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Le misure concordate con i ministri europei per porre fine alla pratica dell’arenamento sulle spiagge dei paesi emergenti per rottamare le vecchie navi e per assicurare che queste siano invece riciclate in impianti riconosciuti, sono state approvate martedì dal Parlamento. Per i deputati, l’arenamento delle navi finalizzato allo smantellamento mette a rischio la salute dei lavoratori, la sicurezza e l’ambiente.
Il relatore Carl Schlyter (Verdi/ALE, DE) ha dichiarato: “Vorrei sottolineare che questo non è un attacco contro l’India, il Bangladesh o il Pakistan – paesi che attualmente praticano l’arenamento – ma contro la stessa pratica di arenamento pericolosa e altamente inquinante.” Questo regolamento, ha proseguito, “incoraggia questi paesi a compiere i necessari investimenti per impianti di riciclaggio adeguati, sopratutto a vantaggio di posti di lavoro sicuri ed ecocompatibili nei loro paesi”.
Un elenco comunitario d’impianti di riciclaggio delle navi. In futuro, le navi registrate nell’UE dovranno essere smantellate in impianti di riciclaggio approvati dall’UE, che dovranno soddisfare requisiti specifici, essere certificati e sottoposti a regolari ispezioni.Durante i negoziati, il Parlamento ha rafforzato i requisiti proposti, obbligando tra l’altro le società di riciclaggio navale a operare in strutture permanenti, che devono essere progettate, costruite e gestite in sicurezza e rispettando l’ambiente. Le imprese di riciclaggio dovrebbero limitare i materiali pericolosi in tutto il processo di smantellamento e manipolare i materiali e i rifiuti pericolosi unicamente su suoli impermeabili con un efficace sistema di drenaggio. I quantitativi effettivi di materiali pericolosi dovranno essere documentati e il loro trattamento autorizzato solo presso impianti di trattamento dei rifiuti o di riciclaggio.Sia le navi comunitarie, sia quelle non comunitarie, saranno oggetto del regolamento poiché dovranno produrre un inventario dei materiali pericolosi quando entrano nei porti dell’UE. Saranno gli Stati membri a stabilire le misure di esecuzione, comprese le sanzioni in caso di violazione delle norme.Inoltre, la Commissione dovrà presentare uno studio sulla fattibilità su uno strumento finanziario che agevoli un corretto riciclaggio delle navi all’insegna della sicurezza e, se del caso, presentare una proposta legislativa entro 3 anni dall’entrata in vigore del presente regolamento.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nelle insuline ‘con il cervello’il futuro della cura del diabete?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

L’insulina è uno dei capisaldi della terapia del diabete. Lo è da quando è stata scoperta e introdotta in terapia negli anni ’20 e lo resta ancora oggi, anche se nella versione ‘terzo millennio’ l’insulina (o meglio i diversi tipi di insuline utilizzate ogni giorno da milioni di pazienti in tutto il mondo) ha subito modifiche radicali rispetto all’ antenata. “Nonostante i grandi progressi fatti in questo campo però – ammette il professor Stefano Del Prato, presidente della Società Italiana di Diabetologia – l’insulina ha ancora il grosso limite di dover essere somministrata attraverso iniezioni sottocutanee e in maniera un poco ‘cieca’, nel senso che non si sa quanta glicemia ci sia in giro. Quello che il nostro organismo invece riesce a fare con un incredibile grado di precisione è di produrre insulina in quantità sufficiente per controllare la glicemia, senza farla scendere troppo (cioè senza provocare crisi ipoglicemiche) e senza farla salire eccessivamente”. Per cercare di imitare il più possibile la perfezione del funzionamento del nostro organismo, si stanno studiando varie soluzioni: dal trapianto di isole pancreatiche, al pancreas artificiale. Ma si sta profilando all’orizzonte anche una terza via.“Si tratta di una prospettiva molto affascinante, anche se ancora puramente sperimentale – commenta Del Prato – quella della cosiddetta ‘insulina intelligente’. In pratica si tratta di un’insulina ‘inglobata’, racchiusa in sostanze particolari, dei polimeri che hanno la capacità di ‘sentire’ la glicemia. Quando la glicemia si alza, i polimeri si aprono e fanno uscire l’insulina, mentre se invece la glicemia scende troppo, i polimeri lo ‘avvertono’ e si richiudono impendendo così la fuoriuscita dell’insulina e la sua entrata in circolo. Di questa insulina ‘intelligente’, sono allo studio anche delle versioni ‘per bocca’. Il vantaggio dal punto di vista terapeutico è quello di avere un’insulina che garantisca il controllo della glicemia, riducendo il rischio dell’ipoglicemia, evento non solo spiacevole per il paziente ma anche potenzialmente pericolosa.Lo stato della ricerca. La ricerca sulle insuline intelligenti è per ora arrivata agli studi sugli animali da esperimento – precisa Marco G. Baroni, professore associato di endocrinologia all’Università di Roma ‘La Sapienza’ – che hanno dato risultati molto promettenti. La durata d’azione di queste insuline sperimentali va dalle 12 ore fino a 300 giorni”. Al momento le ricerche sono condotte da gruppi scientifici indipendenti, come l’MIT di Boston nel Massachusetts e gruppi di ricerca cinesi; a questi studi sono interessate anche alcune industrie ma lo stato di queste ricerche è avvolto dal più impenetrabile segreto. Le prime ricerche sulle insuline intelligenti risalgono al 2006, ma è solo negli ultimi tre anni che si sono raggiunti risultati molto promettenti. Le insuline intelligenti di ultima generazione sfruttano le nanotecnologie e la glucosio-ossidasi, l’enzima utilizzato anche sulle strisce reattive per la lettura della glicemia da sangue capillare (quello che si ottiene con la puntura del dito). L’enzima ‘sensore di glicemia’ quando riconosce valori troppo alti, induce una modificazione del pH del sistema che fa allargare le maglie del polimero che ingloba l’insulina, permettendo all’ormone di uscire dal ‘guscio’ e di entrare in circolo dove esercita la sua azione e riporta alla norma i valori di glicemia. L’opposto accade in presenza di ipoglicemia: le maglie del guscio si stringono e l’insulina non entra in circolo. Per ora, almeno nell’animale, il sistema ha dimostrato di funzionare. Anche per molti giorni”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sabelli: Tradizione casearia dal 1921

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Sabelli Spa, uno dei primi quattro player nazionale nel settore caseario, punta alle prime posizioni del settore facendo leva su due asset fondamentali: da una parte la dinamicità dei due giovani AD, Simone Mariani e Angelo Galeati, e dall’altra la qualità artigianale del prodotto valorizzata dagli standard industriali adottati.
Con 63 milioni di euro di fatturato, 150 dipendenti, una struttura completamente dedicata alla distribuzione – Sabelli Distribuzione Srl -, posizioni di primissimo piano nelle quote di mercato nella produzione di mozzarella, ricotta e formaggi, Sabelli Spa rappresenta una delle eccellenze nazionali nel campo dell’agroalimentare.
“Ci siamo dati l’obiettivo di rendere competitiva l’esperienza che Nicolangelo Sabelli ha trasmesso a nostro nonno Archimede, con un’unica linea di crescita che parte dal 1921 e continua a progredire” dichiara Simone Mariani, Amministratore e Direttore Finanze e HR di Sabelli Spa. “Abbiamo affinato le sue grandi intuizioni – continua Mariani – calandole in una realtà nella quale la qualità non è solo una questione di certificazioni, ma è anche identità e coerenza”.
Nicolangelo Sabelli nel 1921, dall’originario Molise si trasferì nelle Marche, in un territorio che allora era incontaminato e che oggi è significativamente stretto fra due dei più importanti parchi nazionali italiani: quello del Gran Sasso e quello dei Monti Sibillini.
“Quando Archimede iniziò a lavorare in azienda – continua Simone Mariani – comprese che l’asset più importante per l’azienda erano le fattorie dalle quali Sabelli acquistava il latte. Per questo Sabelli oltre ad essere il principale, o a volte l’unico, cliente di queste fattorie, grazie alla lungimiranza di Archimede, assunse anche il ruolo di sostenitore dell’attività agricola”. Oggi Sabelli continua questa tradizione rifornendosi da circa 200 allevamenti della zona e in particolare da 60 aziende situate dentro al Parco del Gran Sasso e 10 dentro al Parco dei Monti Sibillini.
A questo occorre aggiungere la politica di qualità che, partendo dal disciplinare di rintracciabilità che permette di ricostruire ogni fase della lavorazione con un processo controllato lungo tutta la filiera produttiva, arriva alle certificazioni di qualità ISO 9001 e ambiente ISO 14001.Una scelta di qualità e di sostenibilità che garantisce al consumatore un prodotto assolutamente genuino e controllato in tutte le sue fasi, grazie a materie prime provenienti da pascoli naturali senza l’utilizzo di mangimi chimici. Il forte legame con il territorio di Sabelli Spa, è alimentato da scelte che, come nel caso della filiera corta, favoriscono lo sviluppo economico delle comunità locali, portando avanti i valori della responsabilità sociale e della crescita sostenibile.In questo senso Sabelli Spa pianifica scelte economiche sostenibili che, per quanto riguarda i processi produttivi, vedono la gestione responsabile dei reflui della lavorazione del latte e il recupero delle risorse fra le quali grandi quantità d’acqua grazie all’utilizzo del concentratore di siero. I consumi energetici sono contenuti grazie all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.
Ciò è reso possibile anche dal continuo ascolto e dal coinvolgimento dei collaboratori, garantendo un clima lavorativo sereno, con rapporti corretti e trasparenti nel rispetto dei fornitori e delle comunità locali.I prodotti Sabelli sono reperibili su tutto il territorio nazionale grazie ad accordi con i grandi marchi della GDO e hanno garanzia di freschezza grazie alla capillarità distributiva del network logistico di Sabelli Distribuzione Srl.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete. Rischio di fallimento per le casse del SSN italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesi...

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesità negli USA. Creazione personale. (Photo credit: Wikipedia)

Il diabete non si vede e non si sente, almeno non prima di rivelarsi attraverso le sue complicanze. Ma intanto sono 250 milioni le persone nel mondo e l’8,6% della popolazione europea affette da questa condizione, che non risparmia neppure i bambini. Solo nel nostro Paese sono più di 200 le persone che ogno giorno si ammalano di diabete. Questa presenza ‘silenziosa’ ma ‘minacciosa, rappresenta la prima causa di ictus e di infarto oltre a causare complicanze a livello di occhio, rene e nervi e “assorbe il 10-15% dell’intero budget sanitario – ricorda la dottoressa Paola Pisanti, Presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute. l’Italia – ricorda sempre Pisanti – detiene però il ‘primato’ per essersi dotata per prima, nel mondo, di una legge ‘visionaria’ e ancora molto attuale come la 115/87 interamente dedicata al diabete. A questa, qualche mese, si è aggiunto anche il ‘Piano Nazionale Diabete’, in ottemperanza a quanto richiesto dalla Comunità Europea”. Il ‘Piano Nazionale Diabete’ tricolore è stato formalmente approvato all’unanimità in Conferenza Stato-Regioni alla fine dello scorso anno ma, finora, è stato di fatto recepito solo da 9 Regioni, peraltro con le differenze e le disparità che caratterizzano la nostra sanità regionalizzata. Tanto per fare un esempio, la regione Marche sta di fatto smantellando la rete dei centri diabetologici, trasferendo tutta l’assistenza di questa condizione sulla medicina generale. “E’ paradossale – commenta il professor Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana d Diabetologia – che mentre da un lato, finalmente si sia giunti a un Piano Nazionale del Diabete, dall’altro si insista su una regionalizzazione che tuttora fonte di disparità di trattamento tra cittadini italiani. Questo processo è contrario ai principi enunciati dal Piano che tra il suo decalogo elenca proprio la riduzione delle disparità e la valorizzazione della rete specialistica che così fortemente ha caratterizzato la diabetologia italiana. Se è ragionevole che i centri ‘glicemologici’ non abbiano più ragione di esistere, sarebbe altrettanto ragionevole operare una razionalizzazione della specialistica diabetologica potenziando in modo adeguato i centri di secondo e terzo livello”.Ma al di fuori dell’Italia, qual è la migliore assistenza per un persona con diabete? “In Gran Bretagna – afferma deciso Simon Griffin, professore di Medicina Generale all’Università di Cambridge – è quella basata sui medici di famiglia ma appoggiata a centri specialistici di riferimento. I migliori risultati infatti sono stati ottenuti laddove esiste una collaborazione tra medici di famiglia consentendo il passaggio del paziente ad un’assistenza di secondo livello, cioè a quella specialistica, in qualsiasi momento in caso di necessità”. Il processo passa anche attraverso il monitoraggio di una serie di parametri in tempo reale e questo grazie al fatto che i medici di medicina generale (MMG) immettono i dati relativi ai loro pazienti nei loro computer dotato di un software, grazie al quale possono essere estratti in un attimo a livello centralizzato. La partecipazione dei medici di famiglia a questo progetto è stato scuramente favorito dall’incentivo economico che deriva dall’immissione dei dati nel sistema. Oggi i medici di famiglia lavorano molto meglio di quanto prevedesse il Governo, ma questo sistema è risultato alla fine molto più costoso delle aspettative”.Ma potrebbe un sistema come questo funzionare in Italia? Nel nostro Paese sono ormai numerosi gli esempi di gestione integrata tra medicina generale e medicina specialistica. Un esempio è quello portato dal vicepresidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) Ovidio Brignoli. “Utilizzando un sistema di monitoraggio elettronico simile a quello illustrato da Griffin – elucida Brignoli – è stato possibile allargare l’assistenza a un numero maggiore di persone con diabete, ma ancor più è stato possibile coinvolgere sempre più medici di famiglia nel processo di gestione e ottenere tangibili miglioramenti, tra l’altro senza dovere ricorrere a incentivi economici. Questa azione rappresenta comunque il risultato della interazione e collaborazione tra medico di medicina generale e diabetologo. Con lo specialista condividiamo le linee d’azione e lo specialista partecipa ai nostri audit e processi di verifica”. “L’integrazione è parte essenziale del Piano Nazionale del Diabete – ricorda il professor Del Prato – che nasce nella logica di porre al centro dell’azione sanitaria la persona con diabete cui corrisponde, a seconda delle necessità e complessità clinica, la disponibilità di specifiche competenze. In quest’ottica è necessario rafforzare la figura specialistica del diabetologo come referente culturale di un processo di condivisione e verifica continua. Il diabetologo non è un esperto di “glicemia”. Piuttosto è il gestore all’interno di un processo complesso e coordinato della complessità ed evolutività della patologia diabetica. Il diabete costa molto, troppo. Ma questo costo è dovuto per oltre a metà ai ricoveri ospedalieri per le complicanze della malattia. Solo un’accurata integrazione delle cure potrà garantire la necessaria assistenza a un numero così ampio di persone con diabete, assistenza fondamentale per ridurre il rischio di complicanze.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »