Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 29 ottobre 2013

World Jewish Congress mourns passing of Tadeusz Mazowiecki, ‘architect of Polish democracy’ and ‘friend of Israel and the Jewish people’

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

NEW YORK – The World Jewish Congress (WJC) has praised Tadeusz Mazowiecki, Poland’s first prime minister after the fall of Communism, as one of the architects of the modern, democratic Poland and as a friend of Israel and the Jewish people. Mazowiecki died on Monday at the age of 86. “Tadeusz Mazowiecki’s silent but effective diplomacy ensured that his country’s transition was successful. Together with Lech Walesa, he laid the foundations for what is today the strongest country both economically and politically in Central and Eastern Europe,” said WJC President Ronald S. Lauder.Lauder highlighted that the Mazowiecki government re-established diplomatic relations with Israel in 1990 and helped to open Polish airports for Jews leaving the then Soviet Union. He was also part of the group that successfully fought for the repeal of the 1975 United Nations General Assembly Resolution that “determined that Zionism is a form of racism and racial discrimination”.“The Jews are grateful to Tadeusz Mazowiecki for his staunch defense of their rights as Poland emerged from Communism, and for his help in resolving the crisis of the Carmelite convent on the grounds of Auschwitz in the early 1990s. He will also be remembered for speaking out against anti-Semitism clearly and unequivocally and exposing war crimes as special rapporteur for human rights in the former Yugoslavia. May his memory be for a blessing,” Lauder declared.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe and Central Asia Second to OECD in Implementing Good Business Regulatory Practices

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Washington, D.C., A new World Bank Group report finds that the pace of regulatory reform in Europe and Central Asia remains strong, with 19 economies implementing 65 reforms to improve business regulation in the past year.Doing Business 2014: Understanding Regulations for Small and Medium-Size Enterprises shows that efforts to strengthen legal institutions and reduce the complexity and cost of regulatory processes have paid off for entrepreneurs in Europe and Central Asia. The region has overtaken East Asia and the Pacific as the second most business-friendly after the high-income economies in the Organization for Economic Co-operation and Development (OECD).The report finds that since 2009, 92 percent of economies in Europe and Central Asia have improved their process for starting a business, a higher share than in any other region. Thanks to these efforts, today it is the easiest region for business entry, ahead of the OECD high-income economies. In response to the financial crisis, 73 percent of the region’s economies reformed insolvency proceedings over the same period, and 85 percent made it easier to pay taxes.“Joining the European Union (EU) in 2004 was a great motivator for some economies in the region,” said Augusto Lopez-Claros, Director, Global Indicators and Analysis, World Bank Group. “Our report finds that these economies have continued on a path of comprehensive and ambitious economic and institutional reform even after EU entry, ensuring that they could compete with their more developed high-income partners. Beyond that, the report finds that there is encouraging news across Europe and Central Asia. Of the 20 economies narrowing the gap with better business regulatory practices the most since 2009, nine are in the region: Armenia, Belarus, Georgia, Kosovo, the former Yugoslav Republic of Macedonia, Moldova, Poland, the Russian Federation, and Ukraine.”The Russian Federation was among the global top 10 improvers in the past year, with reforms in five areas tracked by Doing Business. Builders dealing with the permitting process in Moscow now face fewer delays, more streamlined approvals, and lower fees thanks to the adoption of the national urban planning code and a time limit for registering new buildings.Poland continues to make regulations more business-friendly and in this year’s report is at 45 in the global ranking of 189 economies on the ease of doing business. In the past year the government simplified business registration and construction permitting.
Croatia improved in five areas. In the area of trading across borders, for example, the government invested in improvements at the port of Rijeka and streamlined export customs procedures in preparation for accession to the EU Common Transit Convention.Singapore tops the global ranking on the ease of doing business. Joining it on the list of the top 10 economies with the most business-friendly regulations are Hong Kong SAR, China; New Zealand; the United States; Denmark; Malaysia; the Republic of Korea; Georgia; Norway; and the United Kingdom.In addition to the global rankings, every year Doing Business reports the economies that have improved the most on the indicators since the previous year. The 10 economies topping that list this year are (in order of improvement) Ukraine, Rwanda, the Russian Federation, the Philippines, Kosovo, Djibouti, Côte d’Ivoire, Burundi, the former Yugoslav Republic of Macedonia, and Guatemala. Yet challenges persist: five of this year’s top improvers—Burundi, Côte d’Ivoire, Djibouti, the Philippines, and Ukraine—are still in the bottom half of the global ranking on the ease of doing business.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Renforcer la place de l’Europe dans le monde

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Cette synthèse de Giorgio Garabsasso reprend les éléments clés de la table ronde intitulée « Renforcer la place de l’Europe dans le monde » au cours de laquelle ont été abordés les défis et priorités de la politique extérieure de l’UE, la nécessité du renforcement de cette dernière face aux bouleversements des équilibres géopolitiques, et enfin le besoin de renouveau du projet européen en la matière.
Ce débat, modéré par Nicolas Leron, Président d’Eurocité, a rassemblé :
– Elisabeth Guigou, Présidente de la Commission des Affaires étrangères de l’Assemblée nationale, Présidente fondatrice d’Europartenaires, ancienne ministre et membre du CA de Notre Europe – Institut Jacques Delors.
– Bernard Guetta, Chroniquer de politique internationale à France Inter
– Pascal Lamy, Ancien directeur général de l’Organisation Mondiale du Commerce (OMC), Président d’honneur de Notre Europe – Institut Jaques Delors
– Bernadino Leon, Représentant spécial de l’UE pour la région du Sud de la Méditerranée
Cette table ronde a eu lieu dans le cadre de la conférence intitulée « Élections européennes de 2014 : le débat, c’est maintenant ! » organisée par Notre Europe – Institut Jacques Delors, Eurocité et Europartenaires le 16 septembre 2013 à Paris, et qui a abordé les principaux enjeux des élections européennes de mai 2014, afin de contribuer au lancement du grand débat public que ces élections ont vocation à susciter.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antiche manifestazioni del patrimonio culturale intangibile e attività turistiche

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

venezia

venezia (Photo credit: Ghetu Daniel)

Porto Crociere di Venezia, Terminal 103 il 22 e 23 novembre 2013.Il summit, organizzato dalla Venezia Terminal Passeggeri S.p.A, con la presenza dei massimi esperti mondiali del settore, presenterà il patrimonio culturale intangibile nazionale e mondiale e le relative politiche di tutela e salvaguardia, anche al fine di promuoverne una migliore conoscenza, comprensione, catalogazione e riconoscimento della ricchezza e varietà. La partecipazione al convegno è gratuita previa registrazione. Attenzione puntata su Venezia, poiché il congresso rappresenterà il momento per la promozione delle candidature veneziane per le liste del patrimonio culturale intangibile, previste dalla convenzione UNESCO del 2003.Due le sessioni della prima giornata, venerdì 22 novembre 2013:iIn mattinata filo conduttore “Il patrimonio culturale intangibile sul piano mondiale ed europeo” che affronterà gli aspetti più internazionali della Convenzione Internazionale UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Intangibile con particolare riferimento al turismo, alla proprietà intellettuale, e alle organizzazioni non governative.
La seconda, nel pomeriggio, farà il punto sul “ patrimonio culturale intangibile veneziano” con un approfondimento sulle tradizioni della Serenissima tra cui la gondola, la lavorazione del vetro di Murano, la manifattura del merletto di Burano e di altri pregiati tessuti. Spazio anche al Carnevale di Venezia, alla Commedia dell’Arte ed alle arti coreutiche, dal volo dell’Angelo alla danza verticale.Nella giornata conclusiva, sabato 23 novembre 2013, i lavori verteranno sul “patrimonio culturale intangibile nazionale” : approfondimento della tutela giuridica e stato dell’arte di alcune esperienze in corso e dei progetti in via di studio. La Convenzione ha per scopo la salvaguardia del patrimonio intangibile delle comunità, dei gruppi e degli individui interessati, un capitale particolarmente vulnerabile del processo identitario culturale. Vi rientrano le tradizioni orali e popolari, l’arte dello spettacolo, le musiche, le feste, i rituali, l’artigianato, le pratiche sociali e tradizionali. Beni intangibili, ma non per questo meno preziosi di quelli tangibili, che devono poter essere identificati come beni di interesse culturale dell’umanità e conseguentemente tutelati a livello nazionale e mondiale.
Il comitato scientifico del convegno è costituito da: Maria Laura Picchio Forlati, Società italiana di diritto internazionale, Scuola di San Rocco Tullio Scovazzi, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Milano, Benedetta Ubertazzi Università di Macerata, Fondazione Von Humboldt, Lauso Zagato, Università Ca’ Foscari, Venezia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Nutraceutica Forum” 2013

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2013

Milano. Cresce costantemente il mercato degli integratori alimentari, giunto oggi a quasi 158 milioni di confezioni vendute da agosto 2012 ad agosto 2013 in farmacia e parafarmacia (+3,7% da agosto 2011, ma +4,3% negli ultimi 12 mesi). Superiore l’incremento di valore del mercato, che supera i 2,2 miliardi di Euro (+5,5% nel biennio 2011-2013, ma +5,8% negli ultimi 12 mesi), a fronte di un lieve aumento del prezzo al pubblico per confezione: in media 13,60 euro nel 2011, 13,90 euro nel 2012, 14,30 euro oggi.“Questo aumento dei consumi è un indicatore indiretto del fatto che nonostante la crisi economica che ci attanaglia, l’attenzione al proprio benessere, alla cura di sé, alla prevenzione delle malattie, sta sempre più prendendo piede”, ha commentato Michele Carruba, Professore di farmacologia all’Università degli studi di Milano, intervenuto al “Nutraceutica Forum” organizzato da IMS Health. Durante il Forum sono stati presentati i dati di mercato dei prodotti, a somministrazione orale, notificati al Ministero della salute, rilevati ad agosto 2013 attraverso la banca dati IMS Multichannel su farmacia, parafarmacia e corner della grande distribuzione.Il “Nutraceutica Forum” di IMS Health indaga molti aspetti, non solo quelli economici del mercato, ma anche i comportamenti e i trend di acquisto da parte dei consumatori. Innanzitutto, mostra come i più gettonati siano gli integratori per l’apparato gastro-intestinale, al primo posto per i consumi (il 27% tra tutti quelli venduti in Italia) e al cui interno spopolano i ‘probiotici’, che rappresentano il 57% dei prodotti acquistati in questo segmento, e quelli multivitaminici e di sali minerali (1 su 4 dei venduti).“Sono probabilmente i due settori nei quali maggiore peso hanno la comunicazione e la pubblicità – ha ricordato Carruba -, strumenti che sono in grado di influenzare e spostare i consumi. Questo è un tema particolarmente importante, perché se è vero che gli integratori non sono farmaci, ossia non curano, ma favoriscono il ripristino del normale stato fisiologico dell’organismo, è sempre bene non abusarne; consultarsi con il proprio medico o il proprio farmacista, per scegliere l’integratore più adatto alla propria situazione, è sempre raccomandabile.” Se la farmacia è il luogo in cui maggiormente si acquistano gli integratori – vi avviene il 90% delle vendite secondo IMS Health-, il medico di medicina generale comincia a percepire l’integratore o il nutraceutico come un prodotto da conoscere e ‘prescrivere’, o meglio consigliare. Secondo una rilevazione IMS Health condotta su un campione rappresentativo di medici di famiglia nel periodo agosto–settembre 2013, 8 su 10 consigliano ai propri assistiti gli integratori nella pratica quotidiana.Una cosa su cui medici e farmacisti sembrano concordare, sempre secondo le indagini di IMS Health, è il bisogno di ricevere una formazione adeguata e approfondita su integrazione e prodotti correlati, per poter essere sempre aggiornati e proattivi nei confronti dei propri pazienti o clienti.Durante la tavola rotonda, in cui aziende e organizzazioni del settore si sono confrontate per capire come affrontare le sfide del futuro di questo mercato, è emerso che la sinergia di medici e farmacisti, adeguatamente preparati, potrà e dovrà essere un punto cardine per il consumatore moderno perché possa ricevere indicazioni corrette e accreditate e quindi scegliere l’integratore più opportuno per la propria salute.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »