Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Archive for 22 novembre 2013

Independent research exposes who is responsible for climate change: Gazprom and Shell star

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Gazprom

Gazprom (Photo credit: Thawt Hawthje)

Amsterdam Just five oil companies — Chevron, ExxonMobil, Shell, BP and ConocoPhilips — are ultimately responsible for emissions equivalent to nearly 12.5 % of cumulative historical global industrial emissions of carbon dioxide and methane, startling new research has shown.This new report exposes the companies that have made major contributions to the climate crisis — and the investors that fund them — and for the first time calculates their contribution to global industrial emissions of greenhouse gases and potentially identifying their measure of culpability for climate change impacts.The report comes as several leading civil society organizations walked out of the UN climate talks in Warsaw, Poland to protest the lack of progress in the negotiations and the failure of several governments to stand up to the fossil fuel industry. A major impediment to progress in the climate negotiations has been the failure of rich countries to provide financing to compensate vulnerable countries for damages caused by the impacts of climate change.“Fossil fuel companies plan to exploit untapped oil and coal reserves while our climate can’t handle the amount of carbon that has already been emitted. These companies must be held accountable for the damages they have caused, and their plans to send us past a point of no return must be stopped,” said Kumi Naidoo, Executive Director of Greenpeace International. “Until governments finally act, we will have no choice but to continue to intervene to prevent a climate catastrophe, acting as the Arctic 30 did against the most powerful industry on earth.”The peer-reviewed research published in Climatic Change on historic carbon emissions shows that the estimated emissions of 90 entities are equivalent to approximately 63 % of cumulative global emissions of industrial CO2 and methane (calculated as CO2 equivalents) between 1854 and 2010. [2]The 90 entities are made up of 50 investor-owned companies, 31 state-owned enterprises and nine former and current states [3]. Cumulatively, emissions estimated for investor-owned companies amount to 315 Gt CO2 e (21.7%), for state-owned enterprises to 288 Gt CO2e (19.8%) and for former and current states to 312 Gt CO2e (21.5%). Of these emissions estimated for carbon producers, half has been emitted since 1986.The largest 10 investor-owned companies contributed an estimated 229.5 Gt of CO2e, equivalent to 15.8 % of the estimated cumulative historical global emissions through 2010. The 21 U.S. based companies included in this study alone contributed an estimated 172.6 Gt CO2e (12%) of global emissions through 2010. In 2010, investor-owned companies contributed 7,628 MtCO2e or 242 tCO2e per second (equivalent to 27.3%) to the atmosphere.The results are, that the estimated emissions of those 90 entities amount to 914 Gt CO2e of cumulative world emissions of industrial CO2 and methane. The entities are comprised of 83 of the world’s largest fossil fuel entities (crude oil & NGLs, natural gas, and coal) plus cement manufacture´s emissions by 7 entities. The threshold for entities to be included in this study was set at the production of ≥8 million tonnes of carbon (MtC) in a recent year. Some entities have since been added, while others were absorbed through mergers or acquisitions.
“These findings provide a ground breaking development and a new building block in terms of potential legal outcomes to hold fossil fuel producers liable for damage caused by climate change,” said Stephen Leonard, a lawyer and the President of the Climate Justice Programme.The industry ranking was published after 28 Greenpeace International activists and two freelance journalists were detained at gunpoint by Russian security forces who seized their ship the Arctic Sunrise on September 19 after a peaceful protest at a Gazprom Arctic oil drilling platform. Taking action to demand climate protection, these 30 brave men and women have since spent the past two months in detention, charged with a crime they did not commit.St. Petersburg courts have now granted bail to 26 members of the so-called Arctic 30, 15 of whom have been released. But Australian activist Colin Russell has had his bail request denied and the Arctic 30 still face at least one serious charge that could see them spend years in a Russian prison.Gazprom, and its partner Shell, the two companies that are leading the charge to drill for oil in the pristine Arctic, ranked high on the list in the study. Gazprom ranks 5th in the top 20 investor and state-owned entities, while Shell is ranked at number six.“This evidence should be further impetus for people all over the world to follow in the footsteps of the Arctic 30 by standing up to these companies. While those brave people could spend several years in a Russian jail, the real culprits — companies like Gazprom and Shell — are free to keep polluting the planet. They’re the ones who should be held accountable and forced to stop, not the peaceful protestors who stand up to them on behalf of all of us,” said Ben Ayliffe, head of the Arctic oil campaign for Greenpeace International.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Auto blu in calo

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Le auto blu (cioè quelle di rappresentanza in uso ai vertici delle amministrazioni, o comunque di servizio guidate da un autista) sono passate da 7.162 unità del gennaio 2013 a 6.504 unità nel novembre 2013; mentre le auto “grigie” sono passate da 53.277 a 50.077 unità.Il parco auto complessivo, in dieci mesi, è passato da 60.439 a 56.581 vetture (delle quali 6.504 “auto blu”), con un calo del 6,4 % rispetto a gennaio 2013 (dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre 2012 la riduzione era stata del 3,1%). Dall’inizio dell’anno il parco auto della Pubblica amministrazione è diminuito di 3.741 vetture, in linea con il trend di riduzione degli ultimi anni.La riduzione delle auto consente di stimare una diminuzione della spesa per il 2013 pari a circa 110 milioni di euro, che si aggiunge a quella registrata nel 2012 (rispetto al 2011) di circa 130 milioni di euro. Il risparmio complessivo rispetto al 2011 sale quindi a 240 milioni di euro annui.A rilevarlo è il censimento permanente delle auto pubbliche, realizzato da Formez PA su incarico del Ministero per la PA e la Semplificazione, aggiornato al 1° novembre 2013.(i dati delle singole amministrazioni in tempo reale sono disponibili sulla banca dati delle auto della pubblica amministrazione: http://156.54.102.224/public.aspx )Gli enti che partecipano al censimento sono stati 8.345, pari al 95% dell’universo di riferimento. La risposta delle amministrazioni si distingue per l’escalation positiva: si è passati, infatti, dal 59,2% degli enti rispondenti nel dicembre 2011 al 95% del novembre 2013, percentuale ormai stabile dall’agosto di quest’anno. Il 5% delle amministrazioni non ha risposto al censimento: questi enti, in base alle nuove norme, dovranno ridurre del 50% le spese per auto di servizio.
Il nuovo dossier presentato da Formez PA sui dati del censimento permanente delle auto pubbliche è previsto dai DPCM 3 agosto 2011 e 12 gennaio 2012. L’obiettivo è quello di valutare l’impatto delle policies varate in materia dal Governo, divenute più stringenti grazie alla Legge di stabilità del 24 dicembre 2012 n. 228, che espressamente prevedeva, fino al 31 dicembre 2014, il divieto per le PA di acquisto di nuove autovetture e di stipula di contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto autovetture. Unica eccezione è rappresentata dagli acquisti per “i servizi sociali e sanitari svolti per garantire i livelli essenziali di assistenza”. Successivamente, il recente Decreto sulla Pubblica Amministrazione (D.L. 101/2013) ha previsto che “le PA non potranno acquistare automobili o stipulare contratti di locazione finanziaria fino al 31 dicembre 2015. Per quelli che non rispettano l’obbligo di partecipare al Censimento permanente (istituito con il DPCM del 3 luglio 2012) scende del 50% la possibilità di spesa in acquisto, manutenzione e noleggio delle auto e acquisto buoni taxi, rispetto alla spesa prevista nel 2013. “Nei casi in cui è ammesso l’acquisto di nuove autovetture, le amministrazioni pubbliche ricorrono a modelli a basso impatto ambientale e a minor costo d’esercizio, salvo motivate e specifiche eccezioni”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Si apre a Firenze il 30° Congresso Nazionale SIMG con la partecipazione di 1500 camici bianchi

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Firenze

Firenze (Photo credit: Mangilao30)

Firenze, 21 novembre 2013 – Il Servizio Sanitario Nazionale rischia di scomparire. Costa troppo e non è più in grado di rispondere ai bisogni reali dei cittadini. L’unica reale alternativa è rappresentata da un nuovo modello di assistenza, in cui ospedale e territorio sono strettamente connessi. Già realizzato da un anno in Toscana, ha dimostrato di evitare ricoveri impropri in ospedale fino al 35% dei casi e gli intasamenti dei pronto soccorso, con notevole risparmio di risorse. Si chiama sistema di cure primarie integrate e intercetta i bisogni di salute prima che si trasformino in malattie. Viene presentato oggi nella giornata di apertura del 30° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), in corso a Firenze fino a sabato. “L’esempio toscano – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG – può essere esteso al resto del Paese. Gli attuali criteri di cura vanno superati. È destinata a esaurirsi la figura del medico di medicina generale che lavora con modalità tradizionali. Già durante il ricovero devono essere attivati i meccanismi per assistere il paziente a casa, dopo le dimissioni. Il paziente, varcata la soglia dell’ospedale, non abbandona il legame con il territorio, che rimane la sua destinazione naturale. L’acuzie, il ricovero ospedaliero e l’evento critico sono una parentesi che impone il ricorso a una struttura complessa. La persona poi trova nelle nuove cure primarie un sistema che l’attende a casa, predisponendo tutti gli interventi necessari, dall’accoglienza al supporto domiciliare, in continuità con l’ospedale di cui rappresenta l’estensione ed il raccordo. Inoltre non possiamo più attendere la presentazione dei problemi e l’arrivo delle criticità: dobbiamo intervenire in tutte le fasi della malattia, delle complicanze e del ricovero. È il passaggio dalla medicina di attesa a quella della presa in cura, con la realizzazione di un modello a ‘media intensità di cura e assistenza’”. Il tema di fondo del 30° Congresso Nazionale SIMG è costituito dalla parola “cambiamento”. In base alle nuove norme infatti i medici di famiglia saranno obbligati a lavorare in associazioni mono-professionali (Aggregazioni Funzionali Territoriali) e multi-professionali (Unità Complesse di Cure Primarie). “Il sistema salute – continua il dott. Ovidio Brignoli, vicepresidente SIMG – oggi risente di condizionamenti mai verificatisi negli ultimi 50 anni: l’esplosione delle malattie croniche, la drastica e drammatica riduzione delle risorse e, per contro, nuovi bisogni di salute della popolazione. Il cambiamento non si è fatto attendere a livello legislativo. La SIMG è pronta a raccogliere la sfida. In accordo con le prassi del chronic care model, il team delle cure primarie esplora tutte le fasi del processo assistenziale in maniera proattiva”.
Oggi la medicina generale deve sempre più farsi carico delle carenze del sistema. “Ciascuno di noi – spiega la dott.ssa Raffaella Michieli, segretario SIMG – è responsabile della salute di una media di circa 1.100 assistiti. Sono oltre 25 milioni i malati cronici a cui dobbiamo garantire continuità di cura per evitare ricoveri e prestazioni inutili. Come risulta dall’ultimo rapporto Health Search della SIMG, il carico di lavoro dei medici di famiglia è aumentato in maniera esponenziale: da 6,6 contatti all’anno per paziente del 2003 a 8,3 del 2011, che equivale a più di 30 visite al giorno. Un dato in crescita in particolare per i camici bianchi che lavorano nel Sud e nelle Isole. Ricordiamo che gli adempimenti burocratici occupano più della metà della nostra vita professionale. Chi va dal medico di famiglia è soprattutto donna, ma non dai 75 anni in poi, quando a prevalere sono gli uomini”. La maggior parte delle visite è di tipo ambulatoriale (il 71,5% di tutte quelle registrate nel 2011). L’ipertensione non complicata è la patologia che impegna maggiormente i medici di famiglia (15,6% dei contatti totali nel 2011), seguita dal diabete mellito (5,5%) e dalla dislipidemia (3,6%). Il 30° Congresso Nazionale SIMG tocca i temi centrali per la professione: dall’ipertensione alla gestione del dolore al diabete all’osteoporosi alla BPCO fino alla fibrillazione atriale. Una sessione speciale è dedicata alle dipendenze: il medico di famiglia svolge infatti un ruolo fondamentale nell’individuazione di un nuovo modello per gestirle, grazie al rapporto privilegiato e continuo con gli assistiti. Senza dimenticare la ricerca scientifica. “Da più di 20 anni – continua il dott. Brignoli – siamo impegnati in studi clinici, epidemiologici e sperimentali e in un decennio abbiamo prodotto più di 150 articoli su riviste con Impact Factor. Lavoriamo con interlocutori internazionali e abbiamo stretto un accordo con un centro di ricerca inglese per definire il nuovo algoritmo sull’osteoporosi e con l’Università di Montreal per un progetto sulla farmacovigilanza. Abbiamo quindi deciso di dedicare, nella giornata finale del Congresso, un workshop internazionale alla ‘Ricerca clinica in Medicina Generale’, promosso dalla Fondazione SIMG. Verrà presentato un nuovo database per analizzare tutti i determinanti decisivi della salute dei cittadini, rappresentati dall’alimentazione, dagli stili di vita e dai comportamenti sociali”. Grazie alle informazioni dettagliate sulle abitudini alimentari delle singole comunità, sarà possibile realizzare anche efficaci programmi di prevenzione. Infine grande spazio alla formazione. “La Scuola Superiore delle Cure Primarie della SIMG – conclude il dott. Cricelli – è un progetto di grande respiro con cui vogliamo formare le nuove professionalità, gli esperti di management, di diagnostica e gestione clinica. E, anche in Italia, come già in altri Paesi, nel prossimo futuro serviranno medici di medicina generale con interessi speciali, cioè con competenze cliniche di secondo livello. Figure intermedie fra lo specialista e il medico di medicina generale, nel cui percorso formativo la SIMG darà un contributo fondamentale”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Mamma, bambino e tutela sociale”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Mamma ed io

Mamma ed io (Photo credit: Minchioletta)

Chieti 23 novembre 2013, alle ore 9, presso l’Aula Congressi CESI, in Via dei Vestini 31 , si terrà un incontro di approfondimento sulle malattie infiammatorie croniche dell’intestino dal titolo “Mamma, bambino e tutela sociale”, promosso da AMICI Onlus, Associazione Nazionale per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (www.amiciitalia.net) in collaborazione con l’Unità di Endoscopia Digestiva dell’Ospedale SS. Annunziata di Chieti diretta dal Professor Matteo Neri. L’incontro si concentrerà soprattutto sull’incidenza di tali patologie nel rapporto con mamme e bambini. Sarà un’occasione di confronto tra clinici e rappresentanti dei malati sulle tematiche inerenti questo gruppo di patologie a elevato impatto sociale, che si pone l’obiettivo di migliorare l’assistenza ai pazienti e ridurre i disagi economici, fisici e psicologici che ne derivano.Nel corso dell’evento volontari, pazienti e professionisti del mondo sanitario si confronteranno per la messa a punto di una nuova strategia tesa al miglioramento dell’assistenza e, più in generale, della qualità della vita dei pazienti affetti da queste patologie.
Colite ulcerosa e Malattia di Crohn sono patologie croniche che colpiscono l’intestino, con notevoli costi per chi ne è affetto e per l’intera società, legati non solo al trattamento medico o chirurgico necessario, ma anche alla riduzione della capacità lavorativa, alle difficoltà nelle relazioni sociali e al generale peggioramento della qualità di vita. Oggi, in Italia, si contano quasi 150.000 pazienti con malattia di Crohn e colite ulcerosa (le cosiddette “malattie infiammatorie croniche intestinali” o MICI), dei quali più di 3.000 sono abruzzesi. Si tratta solo di stime, poiché per le MICI manca un Registro epidemiologico, regionale o nazionale.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il bla, bla della politica

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Snake b n w

Snake b n w (Photo credit: Wikipedia)

Possibile che non ci rendiamo conto che per anni siamo stati presi in giro? Abbiamo perso il primo appuntamento con la storia negli anni della ricostruzione, dopo la seconda guerra mondiale, dove potevamo dare una svolta seria al paese. Il secondo è venuto dopo la caduta del muro di Berlino e la stagione di “mani pulite”. Il terzo lo stiamo perdendo da quando ci siamo accorti anni fa che stavamo nutrendo in corpo un serpe che ci stava succhiando il nostro sangue rendendoci anemici e non abbiamo fatto nulla per strapparlo dalle nostre carni. Ora cosa vogliamo di più e di diverso se siamo proprio noi la causa dei nostri mali? C’è da chiedersi dove sono gli italiani? Che faccia di bronzo ci siamo ritrovati se andando all’estero ci ridono dietro citando un certo nome che pure ha rivestito cariche importanti nel nostro paese e il voto di milioni di elettori? Siamo diventati una sorta di muro di gomma dove sono rimbalzati gli scandali, i clientelismi, i voti di scambio, le corruzioni, gli abusi, gli sprechi e quant’altro e stiamo arrivando al punto che tutto non ci riguarda più come se si trattasse di fatti che accadono agli altri e non a noi. Cosa ci vuole per risvegliarci da questo torpore? Eppure vi è qualcosa di drammatico che pencola sul nostro capo. Penso ai milioni di disoccupati giovani e non giovani che siano, penso ai milioni di poveri resi ancora più miseri dalle attuali politiche governative, penso ai cassa integrati, esodati ma anche ai piccoli imprenditori costretti a chiudere bottega schiacciati da una burocrazia che avanza con il rullo compressore. Cosa deve capitarci di più? (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Difendo Berlusconi

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Silvio Berlusconi - Caricature

Silvio Berlusconi – Caricature (Photo credit: DonkeyHotey)

Sembra un non senso questo titolo eppure lo devo se penso a quelli che lo hanno votato in passato e di cui oggi il cavaliere ne trae vanto. La colpa, a mio avviso, non è del cavaliere ma del cavallo che lo ha tenuto in groppa senza tentare nemmeno di scalciare. Sono gli italiani “gnoccoloni” che dopo la promessa di restituire l’imu pagato nel 2012 si sono precipitati negli uffici postali per… riscuotere. Sono gli italiani “scordarelli” che dopo venti anni di promesse mancate continuano a sperare. Sono gli italiani che continuano a attendere che nulla cambi e Berlusconi ne è una garanzia per continuare a evadere il fisco, per elargire e ricevere bustarelle, per corrompere e essere corrotti, per fare della giustizia e più in generale delle istituzioni merce avariata. Sono gli italiani che ancora credono a quel partito che si chiama Pd che con la coda fra le gambe ha consentito la venuta del governo Monti e l’odierno di Letta, che si è fatto “imbucare” da Napolitano per la seconda volta dietro il miraggio di una nuova stagione politica e non è stato nemmeno capace di eleggere un nuovo presidente. Sono gli italiani che non hanno capito che per voltare pagina due sono le strade possibili: una cruenta con la rivoluzione in piazza e l’altra democratica con il voto al M5S. Scegliamo la seconda, ovviamente, ma facciamolo sino in fondo, non lasciatemi difendere Berlusconi perché lui gli affari li fa eccome. Siamo noi gnoccoloni a farglielo fare a nostre spese. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Le “ali” del Pd

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2013

Gianni Pittella che ho conosciuto a Bruxelles anni fa e apprezzato come infaticabile parlamentare del suo partito e attivo nei lavori delle commissioni mi ha fatto pervenire una lettera circolare inviata agli organi di stampa riguardo la sua candidatura alla primarie e alla sua intenzione di proseguire il suo impegno politico per “determinare la rigenerazione del Partito Democratico”. “Voglio portare avanti le mie idee – egli scrive – su un partito che dia centralità ai territori e agli amministratori locali, sull’adesione al PSE, sul necessario cambiamento del gruppo dirigente archiviando i troppi errori del passato. E anche sull’importanza del no profit, sull’idea di un welfare innovativo, su un Paese che si rilanci a partire dal Mezzogiorno.”
Credo che sia importante, innanzitutto, restituire una sua identità politica e una sua progettualità a un partito che si lascia percepire al cospetto dell’opinione pubblica come indeciso, poco impegnato nel sociale e più incline agli inciuci istituzionali.
Il forte declino l’ho avvertito dalla nascita del governo Monti. Allora è mancata la decisione di sciogliere le camere e andare alle urne. Fu un errore grave che attribuiscono interamente a Napolitano nel suo spirito di sudditanza a Berlusconi, perché sarebbe stato possibile invertire il senso di marcia e restituire al Parlamento la sua centralità. I pasticci compiuti nelle ultime elezioni non hanno fatto altro che confermare la confusione esistente tanto che abbiamo avuto in Bersani un timido sostenitore del partito in un’infausta campagna elettorale dove si è fatta sentire solo la voce dell’opposizione. Il tutto è peggiorato con la formazione di un governo definito di “larghe intese” e il suo modo di vivacchiare con promesse di riforme semplicemente differite nel tempo ma senza alcuna garanzia che possano essere realizzate. Il caso Cancellieri oggi e quello di ieri che ha interessato Alfano mostrano solo gli sforzi per rattoppare uno straccio di governo. Ora con il pateracchio della non entrata degli amici di Alfano in Forza Italia si compie l’ennesima presa in giro con un Berlusconi che anticipa l’intento di voler inglobare, in una coalizione, questi transfughi e facendoli così rientrare dalla finestra dopo che sono usciti dalla porta.
Ora che ci troviamo al cospetto, volendo usare una benevola espressione, con un partito senza spina dorsale che non è stato capace nemmeno di eleggere il nuovo presidente della repubblica e deve oggi sottostare ai diktat del solito inquilino del Quirinale cosa possiamo fare se non sperare in qualcuno che gli dia la sveglia per farlo ritornare un soggetto diverso? E soprattutto che sappia guardare ai problemi locali con minore partigianeria e all’Europa con maggiore spirito costruttivo e a inviarvi non i soliti trombati casalinghi ma uomini di valore, e in questo caso Pittella non serva solo come eccezione ma bensì come regola. Che dire altro sennonché l’Italia sembra essere il paese che adora la mediocrità in tutti campi ma soprattutto in politica e le attuali candidature ne sono un esempio. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »