Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 23 novembre 2013

Kumi Naidoo accompanies many major NGOs in walking out of the UN climate negotiations

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

warsaw overview

warsaw overview (Photo credit: Nikos Roussos)

 In regards to the massive NGO walk-out today from the UN climate negotiations, Kumi Naidoo, Executive Director of Greenpeace International said:“The Polish government has done its best to turn these talks into a showcase for the coal industry. Along with backsliding by Japan, Australia and Canada, and the lack of meaningful leadership from other countries, governments here have delivered a slap in the face to those suffering as a result of dangerous climate change. The EU is being shackled by the Polish government and its friends in the coal industry, and must resume leading on the climate agenda if Paris is going to deliver a treaty that matters.” “China, if anyone, can be a game-changer, but it’s not yet capitalising on its potential. It has yet to translate its domestic gains on cutting coal use and other climate action into constructive engagement in these talks. 2014 is a critical year – it must be a year of action and ambition on the road to Paris. Each and every country must table new pollution reduction targets, as well as meeting the promises they have already made.”“We believe in this process. We will never give up on it, because people around the world desperately need a global treaty on climate change. But a new treaty must also be meaningful. Warsaw has simply not been good enough. As civil society, we will be back next year with still more voices behind us, with more determination and with more ambition to succeed. We expect governments to do the same.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Schuman Compact: a roadmap to a decentralised Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Europe - Satellite image - PlanetObserver

Europe – Satellite image – PlanetObserver (Photo credit: PlanetObserver)

Brussels Five years of crisis have pushed Europe to take emergency financial measures to cushion the free fall of distressed countries. However, efforts to turn the crisis into a spur for “an ever closer union” have met with political resistance to the surrender of fiscal sovereignty. If such a union remains elusive, a perpetual muddling ahead risks generating economic and political dysfunction. It may be time to recognize and render more effective the de facto decentralisation in Europe.The Schuman Compact, proposed by Ashoka Mody and published today by Bruegel, is based on the idea that since the very inception of the EU, Europe’s leaders have been unwilling to cross a threshold that compromised core national sovereignty. Instead, the solidarity visualized by Robert Schuman in his 1950 speech can be achieved through three agreements that allow national governments to move forward within a coherent framework.The Fiscal Compact: The delegation of European fiscal governance to the European Commission has created complex structures that have encouraged costly delays, deceptions and half-measures. For this reason, fiscal policy should be the responsibility of the member states where the sovereignty lies. This concept is already present in the Fiscal Compact to which states voluntarily commit.The Sovereign Debt Compact: To minimise the risk of excessive future sovereign borrowing, a credible “no bailout” regime must ensure that private lenders bear losses when sovereign debt becomes unsustainable. This will require writing the possibility of restructuring in debt contracts.The Banking Compact: The current debate is focused on the intractable financing details of the complex banking union. But financial stability requires a much smaller euro-area banking system. The compact would encourage states to pro-actively downsize the growing crowd of zombie banks (using debt-equity swaps) while bolstering viable banks. A centralised banking union is desirable; but tackling the here and now must be the priority.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Notre Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Jacques Delors

Jacques Delors (Photo credit: Wikipedia)

Jacques Delors Institute publishes a study commissioned by the Federal Chancellery of Austria on the impact of the reforms currently implemented or mooted on national welfare states in the EMU.
As Jacques Delors underlines in the foreword of this study, national welfare states, to which Europe’s citizens feel immensely attached, play a central role in EU countries whatever the differences there may be among the member states. Even though the welfare state was already facing a dual challenge in terms both of funding and of effectiveness before 2007, the current crisis has only worsened the tension weighing down on welfare states.The economic downturn has translated into a significant rise of unemployment and poverty levels, in particular in the euro area periphery, whereas growing pressure to consolidate national budgets is forcing significant cuts in social spending. At the same time, the crisis has led to a major reform of the European economic governance and the current debate suggests deepening the process of integration within the euro area in the fiscal, economic, banking and political fields.In the first part of this study, Sofia Fernandes and Kristina Maslauskaite present an overview of the state of ”Social Europe” today with an emphasis on the consequences of the new economic governance on national employment and social policies and the impact of the current crisis on national welfare states. In the second part of the study, the authors propose three possible scenarios for EMU’s future. These scenarios are built on different assumptions and they include a set of initiatives in the fields of the fiscal, economic, banking and political union as well as EMU’s social dimension. The authors assess each scenario on the basis of their main consequences for the euro area economy and for national welfare states from core and peripheral member states.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Miami Real Estate Double-Digit Price Appreciation Continues

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Brickell Skyline from the Miami River

Brickell Skyline from the Miami River (Photo credit: Exploratus)

Miami, FL – October marked the 23rd consecutive month where Miami’s home prices appreciated compared to year-ago figures, according to a new report from the 30,000-member MIAMI Association of REALTORS and the local Multiple Listing Service (MLS) system.The median sales price for a Miami home in October was $220,000, a significant increase of 18.9% when compared to $185,000 during the same period last year. Moreover, median condo prices also showed double-digit appreciation. The median sales price for a Miami condo was $170,000, an increase of 17.2% from the year-ago median price of $145,000.“The 23 consecutive months of appreciation of Miami home and condo prices is a remarkable sign of the vitality and strength of South Florida’s real estate market,” said 2013 Chairman of the Board of the MIAMI Association of REALTORS Natascha Tello. “Rising home and condo values is a reflection of increased demand from international buyers from around the world, creating a great opportunity for sellers.”Average sales prices were also marked by double-digit growth. The average sales price of a Miami single-family home in October was $421,546, a 29.9% increase compared to $324,611 at the same time last year. Similarly, average Miami condo prices increased by 11.8% to $296,568 relative to the prior year where the average price was $265,225.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Warsaw iconic building is stage for call to free activists as COP19 fails to respond to climate emergency

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

The Arctic Cathedral

The Arctic Cathedral (Photo credit: Bernt Rostad)

Warsaw. Activists today protested at the iconic Palace of Culture and Science in central Warsaw to demand immediate climate action and to free the climate defenders, known as the Arctic 30. Warsaw is currently hosting the annual UN climate negotiations, which are not delivering the urgent action people and the planet need.
Kumi Naidoo, Executive Director of Greenpeace International said:
“Typhoon Haiyan reminded the world that we must act without delay, but the governments of countries like Australia, Japan, Poland and Canada are serving their oil, nuke and coal lobbies while condemning many more around the world to suffering. The climate talks are held hostage by these lobbies while brave climate defenders like the Arctic 30 still face several years in jail for taking peaceful action to protect the Arctic from climate change.”A large banner was hung on the side of the Palace facing the National Stadium, where the COP19 talks are being held, which read: “Save the Arctic – Free our Activists”.The protest comes at a moment when the negotiations are at a deadlock. The financing needed for loss and damage, adaptation to the climate impacts and the transition towards renewable energies are not provided by rich countries. Most recently, Australia and Japan stepped back from their previous commitments. Poland and some major emerging economies are blocking a strict timetable for ambitious targets in 2014. The world`s largest emitter China has not been ready to translate its domestic policy progress into constructive engagements here in Warsaw.“This process is sorely lacking in leadership on all sides. China and the EU, if anyone, have potential to be a game-changer in these talks, but they are not capitalizing their potential. ““If governments can’t even agree on a strict timetable for increasing climate ambition and making 2014 a year of increased mitigation and financing commitments, you will see more acts of civil disobedience by ordinary citizens who are frustrated by policy leaders who simply act as puppets of their fossil fuel industries. The movement against coal and oil interests needs the courageous mobilization of people who can act as bravely as the Arctic 30 did,” added Naidoo.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Members of European parliament as you’ve never seen them

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

European Parliament

European Parliament (Photo credit: jocelyn.aubert)

Bengui recently came to Notre Europe – Jacques Delors Institute to support the candidacy, in the forthcoming 2014 European elections of his idol, Bertrand Renard. To help him achieving his goal, and to understand the role of the MEP and the functioning of the European Parliament, we offered him to go to Strasbourg, where he shooted this video …Now Bengui knows a little bit more about the European Parliament and its members, especially thanks to the availability and the patience of José Bové, Alain Cadec, Jean-Marie Cavada, Jean-Louis Cottigny, Isabelle Durant, Ashley Fox, Sylvie Goulard, Sylvie Guillaume and Henri Weber.
This video, that has already been viewed more than 50 000 times, was made with the support of the French Ministry of Foreign and European Affairs and the European Commission in the framework of the call for proposal “Mobilizing on the web.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Greenpeace looks towards the future of climate negotiations

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Greenpeace snow man at the G8 Summit. www.gree...

Greenpeace snow man at the G8 Summit. http://www.greenpeace.org/G8 (Photo credit: Wikipedia)

Warsaw on the official closing day of the UN climate negotiations and following yesterday’s civil society walk out, Kumi Naidoo, Executive Director of Greenpeace said:“This was a sham. It was supposed to be about increasing emission cuts, but what we saw was the opposite – Japan lowering its target, Australia rolling back its climate legislation and Brazil reporting a 28% increase of its deforestation rate. Furthermore, the complete failure of rich countries to deliver on existing promises on long-term finance is putting the most vulnerable people at risk.” “Too many governments, North and South, continue to block progress towards a new global climate agreement while serving their coal and oil lobbies, rather than their people. Greenpeace, looking into the future, expects to see a new kind of leadership from emerging economies. They have become powerful players in the international community. With power comes responsibility.”Martin Kaiser, Head of the Greenpeace Delegation said:“China is making big strides domestically in tackling pollution from its coal industry and advancing renewable energy, but is not yet translating it into a willingness to lead at a global level. Brazil is promoting the important principle of historical responsibility, but that’s no excuse for Brazil, or anyone to ditch their responsibilities over their current and future emissions,” said Kaiser.Greenpeace will be pushing national governments throughout 2014 so that they come to the Ban Ki-Moon summit in September and later the climate conference in Lima, taking with them meaningful emission reduction offers while being prepared to fill the Green Climate Fund. In particular, Greenpeace is expecting concrete proposals in 2014 for reducing climate pollution from China, the US and the European Union – the three biggest emitters. The EU has to immediately raise its weak climate targets and finally fix its stumbling emissions trading scheme. “People are getting less and less patient with corporate polluters. A growing number of people are prepared to take action against the coal, oil, gas and nuclear industries and demand a different kind of energy system. It was for this cause that our friends, risking their liberty, protested against drilling in the Arctic. The example of the Arctic 30 will continue to be an inspiration to us,” said Kaiser.“We remain absolutely committed to achieving international co-operation at the United Nations, to protect the world’s citizens from the devastating impacts of climate change and its aftermath,” added Naidoo.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Les députés européens comme vous ne les avez jamais vus

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Français : Sylvie Goulard lors de la Conventio...

Français : Sylvie Goulard lors de la Convention européenne du MoDem, Maison de la Mutualité, le 8 février 2009. (Photo credit: Wikipedia)

Bengui a récemment débarqué à Notre Europe – Institut Jacques Delors afin de soutenir la candidature aux prochaines élections européennes de son idole Bertrand Renard. Pour l’aider à atteindre son but, à comprendre ce qu’est un député européen et à quoi sert le Parlement européen, nous l’avons envoyé à Strasbourg, dont il a rapporté cette vidéo… Bengui en sait désormais un peu plus sur le Parlement européen et ses membres notamment grâce à la disponibilité et à la patience de José Bové, Alain Cadec, Jean-Marie Cavada, Jean-Louis Cottigny, Isabelle Durant, Ashley Fox, Sylvie Goulard, Sylvie Guillaume et Henri Weber.
Déjà visionnée plus de 50 000 fois, cette vidéo a été réalisée avec le soutien du Ministère des Affaires Étrangères et Européennes et de la Commission européenne, que nous remercions, dans le cadre de l’appel à proposition “Mobiliser sur le web “.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terapia immuno-oncologica innovativa

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Roma La Commissione Europea ha espresso parere favorevole per l’utilizzo in prima linea di ipilimumab nella terapia dei pazienti adulti con melanoma avanzato (non operabile o metastatico).3 Ipilimumab, già approvato in Europa a luglio 2011 per il trattamento di pazienti adulti con melanoma avanzato precedentemente trattati e disponibile in Italia da febbraio 2013, rappresenta il più importante avanzamento nella cura di questa malattia negli ultimi 30 anni, offrendo per la prima volta un beneficio in termini di sopravvivenza globale nel trattamento del melanoma avanzato in uno studio di fase III.1
“L’approvazione di ipilimumab in prima linea è un’importante novità per molti pazienti europei con melanoma avanzato che non hanno ricevuto precedenti trattamenti. Nonostante alcuni progressi nel trattamento di prima linea del melanoma in stadio avanzato, per molti pazienti raggiungere migliori risultati nella sopravvivenza rappresenta tuttora una necessità insoddisfatta – ha commentato Ron Cooper, Presidente di Bristol-Myers Squibb Europe -. La nuova indicazione sottolinea la fiducia nel potenziale terapeutico di un trattamento come ipilimumab, che rappresenta la prima terapia approvata della nostra pipeline immuno-oncologica. In Bristol-Myers Squibb siamo impegnati nella ricerca e sviluppo dell’immuno-oncologia, un trattamento innovativo e in rapida evoluzione che potenzia le naturali capacità del sistema immunitario del paziente di combattere il tumore”.
L’aspettativa mediana di vita dei pazienti con melanoma metastatico, uno dei più aggressivi tipi di tumore della pelle, era di soli 6-9 mesi.4 “Ipilimumab – ha affermato il dott. Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma e coordinatore delle linee guida dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) sul melanoma – è attualmente l’unico trattamento per il melanoma avanzato che ha mostrato una sopravvivenza a lungo termine duratura nei pazienti già trattati, in uno studio randomizzato di fase III.1,2 Con questa approvazione siamo ora in grado di offrire questa terapia immuno-oncologica innovativa ai pazienti con melanoma avanzato dalle prime fasi del trattamento”.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Focus del paziente emofilico

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Le patologie della coagulazione, la prevenzione odontoiatrica nel paziente emofilico (dal bambino all’adulto), le Prestazioni Ambulatoriali Complesse nel paziente emofilico (PAC), un decalogo per il paziente e una guida per il medico, il lavoro del Centro Emofilia del Policlinico Umberto I, della FedEmo e dell’AEL Onlus, l’esperienza dell’Istituto George Eastman di Roma: questi i temi al centro del workshop “Difetti della coagulazione e odontoiatria: focus sul paziente emofilico”, organizzato oggi presso la prestigiosa cornice della “Sala Tevere” della Regione Lazio, dove si sono dati appuntamento medici ematologi, odontoiatri, esperti del settore, autorità politico-istituzionali e del mondo della ricerca, oltre a numerosi ed illustri relatori ed associazioni di pazienti, per presentare il rapporto tra il paziente emofilico e le cure odontoiatriche. Rapporto in passato travagliato, oggi invece più sereno grazie alle nuove tecniche di cura, sia in termini strumentali che di materiali.
Un interessante momento di confronto per approfondire le problematiche cliniche, organizzative ed economiche delle cure odontoiatriche nel paziente portatore di difetti della coagulazione.
Il workshop, al termine del quale si è tenuta una conferenza stampa, è stato organizzato dalla Federazione delle Associazioni degli Emofilici (FedEmo), dall’Associazione Emofilici del Lazio AEL Onlus e dall’Istituto George Eastman di Roma.Vincere la “paura del dentista”, ancor più per il paziente emofilico, è la sfida che si vuole lanciare attraverso il racconto dell’esperienza del Lazio dove, attraverso la collaborazione tra l’Istituto Eastman e il Centro Emofilia del Policlinico Umberto I, è stato realizzato un efficace modello di cura odontoiatrica, che ha consentito anche una significativa riduzione dei costi. E’ possibile estendere tale modello ad altre Regioni italiane? “Quando ero bambino – ha raccontato Romano Arcieri, Segretario Generale della FedEmo – non erano disponibili approcci farmacologici come la profilassi e la presenza di diversi prodotti terapeutici per la cura dell’emofilia. Ogni approccio invasivo determinava pertanto la paura di “farsi male”, senza pensare che comunque eravamo in mano a specialisti. Probabilmente questa paura ha “colpito” gran parte della nostra comunità, quella adulta, per la quale alcuni approcci interventistici non erano così scontati ed immediati come oggi ma richiedevano una complessità di intervento che spesso erano causa di ripensamenti: questo comportamento ha sicuramente determinato un ritardo nelle cure dentarie, favorendo a lungo termine situazioni patologiche sfavorevoli. Oggi c’è una sempre maggior richiesta di procedure invasive, come quella degli impianti, che da una parte hanno bisogno di una tecnica specifica, dall’altra di una copertura emostatica adeguata. Da qui la necessità che tali procedure vengano eseguite in strutture con esperienza e competenze adeguate rispetto alla tipologia (IRCSS, Università) e alla presenza di unità di trattamento complesse, con la necessità di collaborazioni tra lo specialista odontoiatrico e quello ematologico. Infine, per ridurre l’impatto sulla salute dentaria, si auspica una maggiore informazione ai dentisti del territorio attraverso la divulgazione di materiale informativo definito tra l’odontoiatra e l’ematologo, ma anche la possibilità di sviluppare una rete di specialisti odontoiatrici di riferimento riconosciuti dalla Regione, con la naturale conseguenza di innalzare il livello delle cure offerte alla comunità emofilica in termini di appropriatezza”. Chiaro, dunque, il messaggio emerso dal workshop: grazie all’adozione di determinati accorgimenti, oggi è possibile gestire gli interventi odontoiatrici in pazienti definiti “a rischio”, come quelli emofilici. “Abbiamo capito – ha affermato il Dott. Francesco Riva, U.O.C. Chirurgia Odontostomatologica Ospedale George Eastman di Roma – che il paziente emofilico presentava problematiche particolari con difficoltà nella gestione medica e terapeutica. Per questo abbiamo attivato dei sistemi PAC (Prestazioni Ambulatoriali Complesse) per trattare tali pazienti a livello ambulatoriale, senza ricorrere al regime di ricovero: questo ha, di fatto, determinato una netta riduzione dei costi di gestione ed una migliore aderenza al trattamento del paziente stesso (compliance). In particolare, in un periodo di 7 anni, tra il 2007 ed il 2013, sono stati sottoposti a trattamenti chirurgici invasivi 50 pazienti (42 maschi e 8 femmine) con disturbi congeniti dell’emostasi. Abbiamo effettuato 156 chirurgie, facendo registrare 0 casi di sanguinamento o complicazioni da infezione post operatorie, senza ricorrere all’ospedalizzazione”. Riva ha poi presentato il Decalogo per il medico e per il paziente (vedi relativa cartella), per assicurare a quest’ultimo la massima efficienza in termini di sicurezza.“La politica e le istituzioni – ha dichiarato l’On. Rodolfo Lena, presidente commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio – devono incoraggiare e sostenere iniziative come quelle portate avanti dall’istituto Eastman, vanto del sistema sanitario pubblico laziale, e da Fedemo. È così che si fa sistema, è così che ci si salda con il mondo dell’associazionismo attivo. Il nostro impegno andrà nella direzione di favorire sempre più processi di razionalizzazione delle prestazioni erogate, così come la diffusione di informazioni corrette e volte alla prevenzione e alla gestione di eventuali complicazioni: ben vengano dunque il decalogo stilato dal professor Riva e l’adozione di linee guida e protocolli operativi. È inoltre per noi fondamentale il contributo degli emofilici in termini di idee e di proposte per migliorare la nostra sanità e fare del Lazio un punto di riferimento per chi, soffrendo di questa grave patologia, debba affrontare cure odontoiatriche”.Nel corso dei lavori si è parlato delle cure odontoiatriche per i bambini emofilici. Molto toccante l’esperienza di una mamma di un bimbo affetto da questa patologia. “Dalla mia esperienza – ha spiegato – ho imparato che è sempre necessario rivolgersi ad un dentista vicino la propria residenza, educare all’igiene dentale come prevenzione e contattare sempre il Centro Emofilia”.Dall’incontro è emerso il ruolo fondamentale dell’Associazione Emofilici del Lazio AEL Onlus, formata da 720 persone, per aiutare i pazienti e le famiglie ed informare su cosa sia l’emofilia. “I nostri obiettivi – ha informato il Presidente Ottorino Rossi – sono quelli di soddisfare le necessità degli emofilici e delle loro famiglie che non sanno bene come affrontare le varie problematiche della vita con questa patologia, assicurare un supporto sociale ed umano ai giovani emofilici, informare sugli sviluppi della ricerca nella cura dell’emofilia, dell’HIV e dell’epatite, aiutare l’emofilico nelle esigenze ospedaliere, promuovere incontri medico-scientifici”. Rossi si è soffermato sulle criticità dei circa 650 pazienti affetti da emofilia e da altre malattie emorragiche congenite del Lazio. “La Regione Lazio – ha proseguito – ha istituito la Rete Assistenziale delle Malattie Emorragiche Congenite (MEC). Nella rete è previsto un modello “Hub & Spoke”, con un Centro di riferimento e coordinamento (Centro di III livello), presso il Policlinico Umberto I (Dipartimento di Ematologia Biotecnologie Cellulari e Ematologia), due presidi di II livello (Ospedale Bambin Gesù, Policlinico Gemelli) e 4 presidi di I livello (Belcolle-Viterbo, S. Camillo de Lellis-Rieti Provincia Rieti, SM Goretti-Latina, Umberto I-Frosinone). La Rete, purtroppo, non è stata mai implementata. La più grande criticità riguarda il Centro Hub, dove 1.000 tra pazienti emofilici e portatori di disordini di aggregazione e coagulazione del sangue sono gestiti da un unico professionista!”. “La Rete, indicata nel decreto n. U0057 del 12 luglio 2010 del Commissario ad acta – ha continuato Teresa Petrangolini, Consigliere regionale del Lazio e membro della Commissione Politiche Sociali e Salute – è purtroppo rimasta solo sulla carta e la riorganizzazione non ha avuto mai un’implementazione effettiva. Sulla base dell’Accordo, sancito lo scorso 13 marzo 2013, tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano sulla definizione dei percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da MEC, occorre portare a termine il percorso intrapreso affinché questa rete diventi effettivamente operativa al più presto, visto che lo stesso accordo andava recepito entro sei mesi. Tra i punti sottoscritti da tutti gli attori istituzionali, infatti, – ha proseguito la Petrangolini – le Regioni si sono impegnate a definire in modo formale i percorsi assistenziali delle persone con MEC secondo un approccio integrato, attraverso la definizione condivisa di procedure diagnostiche e terapeutiche, i presidi accreditati MEC e una rete di unità operative in grado di prendere in carico il paziente qualora siano necessarie prestazioni specialistiche non erogate dagli stessi presidi accreditati”. Proprio in questa direzione va la collaborazione tra Istituto Eastman e Centro Emofilia del Policlinico Umberto I, in attesa di un riconoscimento formale da parte delle rispettive Direzioni Aziendali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Study of Global Antisemitism and Policy

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Sapienza University of Rome

Sapienza University of Rome (Photo credit: javaczuk)

Roma Lunedì, 25 novembre, 2013 ore 10.00 Aula Magna – palazzo del Rettorato, Sapienza – Università di Roma Piazzale Aldo Moro, 5 –
Lunedì 25 novembre il Rettore della Sapienza Luigi Frati e il Direttore dell’ISGAP – The Institute for the Study of Global Antisemitism and Policy – Charles Small, presenteranno l’accordo di collaborazione scientifica e culturale tra le due istituzioni. Si tratta in assoluto del primo programma internazionale realizzato a livello interuniversitario sui temi dell’antisemitismo e delle molteplici scienze collegate alle vicende dell’ebraismo, di cui la Sapienza è il primo ateneo italiano a farne parte. Alla cerimonia saranno presenti il prorettore per la cooperazione e i rapporti internazionali della Sapienza, Antonello Biagini, il coordinatore per l’Italia e l’Europa dell’ISGAP, Robert Hassan, Ambasciatori e autorità del mondo istituzionale, religioso, oltre a docenti, ricercatori e studenti.
L’evento sarà accompagnato da una tavola rotonda dal titolo “L’antisemitismo nella prospettiva comparata” a cui parteciperanno oltre a Charles Small, Marina Caffiero, coordinatore del dottorato di storia, antropologia, religioni della Sapienza; Riccardo Di Segni, Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma; Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale.
The Institute for the Study of Global Antisemitism and Policy (ISGAP) si occupa in ambito accademico delle origini, dei processi e delle manifestazioni associate all’antisemitismo, oltre ad altre forme di pregiudizio, incluso il razzismo. Fondato nel 2004 l’ISGAP è il primo centro di ricerca interdisciplinare e interuniversitario dedicato allo studio dell’antisemitismo con sede in Nord America e presieduto dal Premio Nobel Elie Wiesel. Oggetto di studio sono in particolare le mutevoli fasi storiche dell’antisemitismo, le modalità con le quali questo si relaziona con altre forme di odio, quali migliori prassi sviluppare per contrastarlo. L’ISAGP invita regolarmente eminenti studiosi e ricercatori a presentare documenti ed a partecipare a progetti di ricerca su tali temi. Obiettivi centrali includono lo sviluppo di un curriculum inter-disciplinare e la pubblicazione di studi analitici che esaminino l’antisemitismo, un pregiudizio che rimane diffuso e ricorrente. L’ISGAP ambisce a creare uno spazio vibrante in cui possano fiorire lo studio, la discussione e il dibattito di alto livello.Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siamo tutti di destra?

Posted by fidest press agency su sabato, 23 novembre 2013

Italiano: segnale stradale italiano per inters...

Italiano: segnale stradale italiano per intersezione a T con diritto di precedenza da destra. (Photo credit: Wikipedia)

Nel pubblicare l’articolo di Alessandra Daniele sul bollettino della Fidest titolato “Un mostro a dieci teste” dove le dieci teste erano attribuite ai dieci diversi modi in cui è rappresentata la politica italiana che guarda a destra mi sono chiesto, innanzitutto: ma esiste davvero, dopo la caduta del muro Berlino e i rivolgimenti politici mondiali che sono seguiti l’idea che il mondo continui a dividersi in destra, centro e sinistra? Personalmente non lo credo. Ritengo, piuttosto che si sia accentuato il rapporto tra chi ha e chi è. Tra chi naviga nell’area del benessere ed è una minoranza nel mondo e chi resta emarginato ed è la stragrande maggioranza. Quest’impari divisione è il prezzo che noi stiamo pagando a una aberrazione culturale che ci è stata instillata, goccia dopo goccia, per millenni. Il tema sostanziale sta nel fatto che noi abbiamo, e giustamente, sostenuto il diritto alla vita ma non quello a vivere. Qui sta tutta la nostra contraddizione. Come abbiamo potuto permettere che milioni di bambini, ogni anno, vivano di stenti e molti di loro alla fine muoiano di fame e di sete e di malattie e con loro spesso le madri che li hanno concepiti? Dobbiamo poi aggiungervi il mancato diritto per tutti all’istruzione, ad avere un lavoro e un tetto sotto di cui ripararsi e più in generale al rispetto della dignità umana. Non a caso l’art. uno della Costituzione italiana afferma che il nostro paese è fondato sul lavoro. Un concetto a dir poco profetico per non dire rivoluzionario se pensiamo che se all’essere umano non è garantito un lavoro il suo destino è segnato poiché solo disponendo di un reddito è possibile tutelare la vita, l’assistenza, l’istruzione, una vecchiaia serena. A questo punto l’umanità ha solo due strade da imboccare e che non sono né a destra né al centro né a sinistra: sono nella lotta tra chi vive con il superfluo e nega il diritto agli altri il necessario per vivere. E non vi sarà giustizia e libertà nel mondo se non conquisteremo per tutti il diritto a vivere dopo di quello alla vita. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »