Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 25 novembre 2013

Greenpeace makes closing comment on COP19

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Português: Greenpeace promove atividades pela ...

Português: Greenpeace promove atividades pela Semana de Mobilização pelo Clima. Na Feira dos Importados, integrante do Greenpeace faz manifestação equipada com uma placa solar presa a um capacete capaz de gerar energia suficiente para acender lâmpadas. (Photo credit: Wikipedia)

Warsaw, As the gavel sounds today at the official closing of the UN Climate Negotiations, Martin Kaiser, Head of Delegation for Greenpeace International said:”The comatose nature of these negotiations sends a clear signal that increased civil disobedience against new coal plants and oil rigs is needed to prevent catastrophic climate change. Neither the industrialized countries nor the big developing nations were willing to move forward in offering concrete measures to reduce their emissions, or even agree on a concrete date for doing so. Apart from a pittance for the adaptation fund, the rich countries did not pledge any money to supporting developing countries in their efforts to tackle climate change and to build up climate friendly economies.It is irresponsible of the governments of Poland, US, China, India and EU to pretend to act against global warming and catastrophic climate change while agreeing on baby steps at COP19.The results of this climate conference shows that Greenpeace and other NGOs did the right thing in leaving this conference.A global treaty in Paris won’t be possible without a systemic paradigm shift away from fossil fuels and nuclear power, and towards renewable energy in the EU, the US, China and India.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

“The European Union cannot be a team looking for shoulder pads into an anteroom.”

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Europe 1999

Europe 1999 (Photo credit: Greg_e)

It is with this quote from Napoleon Bonaparte that the European Movement for Citizens intends to put the European Commissioner Reding back on European track. While it is true that the EU is seen as a “boxing ring”, the attitude of European elites is standing on a vaudeville stage. In response to the “perfect team” who is dreamed by Viviane Reding, it is first necessary to see such a team as a large antechamber of talks where everyone promotes its own agenda first. For nearly eight months people have been kept harping on vague terms such as “inclusion”, “inclusive society”, “dialogue”, “interactivity”.All European political leaders have to be always answerable to those people to whom they have promised the earth in their fine speeches. They have to maintain themselves to power so that they can just lull people with fine words and grand proclamations. According to you, what do people retain of all that at mid-step? They see is only smoke and mirrors while the meeting with real citizens as cherished by everyone’s lips has never been set up ultimately. We can cite a specific example, as the event that took place at the European Economic and Social Committee on 23 and 24 last January about the dialogue with European citizens.
The representatives of EU Institution could have attended to this event at the same time where members of the civil society were there. However, they have dodged the meeting in the day before just because they feared to trig acute questions they never wanted to answer. It is sure that the arrogance of this snub will remain recorded in the annals of European citizen dialogue, Miss Reding.Moreover, it is useless to select some “populist” events to sell a product known to have an expired use-by date or an override date to inspire confidence, or respect, for a political model that the 28 member States never really trusted. By the way, the Greek crisis has demonstrated “the ground zero” of solidarity of our future Europe if we go on with the same characters and the same tricks.Making selective teasing will not boost public confidence not only in MEPs or in Commissioners, but also in the contemporary Heads of State and Government.
The voter turnout at previous European elections cannot be explained by a lack of motivation or dialogue. Saying that is like you miss out on the reality and follow chimeras that lead to greater disappointments. Abstention, Mrs. Reding, is first the translation of the famous “ras-le-bol” (we are fed up with this situation) expressed by Euro-citizens who have finally realized that Europe of Capitalism and Finance is passing prior to any societal concern. People live in their own everyday life, that is to say a world in which they toil to get there in short, something that has never happened to you for ages.The importance of the message that you refuse to understand is that people are frustrated to make so many sacrifices for peanuts. And you, Madam European Commissioner, what did you do like notorious sacrifice to support your fellow citizens in these moments of crisis? Have you waived the payment of 35% of your salary or allowance to donate to charitable organizations? Did you invite some modest European families to share a hot meal at the Commission?It is not enough to make promises of a better political debate, because without a real program defended before 748 million of European citizens, European politicians’ speeches will not be listened.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Miracle of Christmas Comes to Newbridge Silverware Museum of Style Icons (MOSI)

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Cover of "Miracle on 34th Street (Special...

Cover via Amazon

Dublin, Ireland….The classic Christmas movie ‘Miracle on 34th Street’ has found Kris Kringle meandering the halls of the Museum of Style Icons (MOSI) at Newbridge Silverware and in a sight befitting of only the miracles Christmas can bring, he has left his bright red Santa Claus suit for all to enjoy. Beginning Thursday, November 21, 2013 and through Monday, January 6, 2014 the most magical piece of movie memorabilia, the original red Santa suit worn by the merry Kris Kringle will exhibit exclusively at the Museum of Style Icons (MOSI) at the Newbridge Silverware Visitor’s Centre located at R445 and Main Street in Kildare, Ireland. In the 1947 Christmas classic movie, an old man going by the name of Kris Kringle fills in for an intoxicated Santa in Macy’s annual Thanksgiving Day parade. Kringle proves to be such a hit that he is soon appearing regularly at the chain’s main store in midtown Manhattan. When Kringle surprises customers and employees alike by claiming he really is Santa Claus it leads to an investigation to determine his authenticity proving to all that Christmas indeed is the most special of times. The original movie stars Edmund Gwenn as Kris Kringle and Ireland’s most beloved actress Maureen O’Hara along with John Payne, Natalie Wood, Jack Albertson and a host of other award winning actors.Visitors will have the opportunity to view the original piece of movie memorabilia along with vintage movie images. Guests can also find the best gifts for the Christmas season in the showroom adjacent to the museum. From the beauty of the Romance of Ireland collection to jewelry and cutlery with distinctive Newbridge Silverware quality, the gift-giving has only just begun and the stockings can be filled with care at one of the world’s most popular shopping destinations offering new designs and hundreds of beautiful gift ideas. This Christmas season personal gifts that will stand the test of time and become treasured family traditions are offered by Newbridge Silverware. New patterns and products tell the story of beauty, grace and an unmatched heritage.
Newbridge Silverware is one of the world’s most iconic brands and Ireland’s premier designer of fine cutlery, housewares, jewelry and giftware. Newbridge Silverware has also established itself as a complete destination for fans and customers. The Newbridge Visitors Center hosts the Museum of Style Icons (MOSI), an extraordinary collection of authentic costumes and personal effects from some of the world’s most popular celebrities. The collection includes garments worn by Marilyn Monroe, Princess Diana, Elizabeth Taylor, Audrey Hepburn, Barbra Streisand, Tippi Hedren, Ingrid Bergman, The Beatles, Michael Jackson and so much more. The Silver Restaurant, also part of the Newbridge Silverware destination, is a classic restaurant offering guests an award winning culinary experience. From its rich heritage firmly placed in Irish history since 1934 to its modern day offering of products and incredible destination experiences, Newbridge Silverware has become one of the world’s most revered brands. For more information on Newbridge Silverware.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ronald S. Lauder: ‘Iran must be judged by its actions’

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Iran Elections

Iran Elections (Photo credit: bi0xid)

Seconding the reaction of Israel and most of Iran’s Middle East neighbors, the World Jewish Congress expressed its deep misgivings after the announcement that the Western powers had secured an interim agreement in Geneva on limiting the Iranian nuclear program.“Iran must be judged by its actions, not its words and promises, because they are not worth the paper they are written on,” said World Jewish Congress President Ronald S. Lauder. “Nothing in the deceptive behavior of Iran and its leaders in recent years should make the world believe that they will honor this agreement.”Lauder added that WJC welcomes the preparedness of Senate Majority Leader Harry Reid and other leaders of the U.S. Congress to support a strengthening of Iran sanctions.In remarks before his weekly cabinet meeting on Sunday, Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu said, “What was achieved last night in Geneva is not an historic agreement, but an historic mistake.“Today the world has become a much more dangerous place because the most dangerous regime in the world has taken a significant step toward attaining the most dangerous weapon in the world,” the prime minister addedUnited Against a Nuclear Iran, a U.S. lobbying group formed by former diplomats, criticized the Geneva deal as providing “disproportionate sanctions relief to Iran.””By not agreeing to dismantle a single centrifuge, Iran has not rolled back its nuclear infrastructure and with the many centrifuges that it is currently operating, Iran retains the ability to breakout and produce enough weapons-grade uranium for a nuclear weapon in as little as 2 months,” the group said in a statement. “At the same time, the carefully constructed sanctions architecture developed over decades has been significantly rolled back.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rateizzazione bollette, multe, avvisi, cartelle, imposte: guida pratica dell’Aduc

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

In periodo di notevole mancanza di soldi da parte di molte persone, quando giunge una bolletta o una cartella -sperando che non si tratti di quelle cosiddette “pazze” che spesso arrivano, e che devono essere contestate- anche il pagamento di utenze e/o multe per violazioni di norme, e’ un problema. Prima di farsi prendere dalla collera e buttarle in un angolo, dove e’ molto facile che entrino nel “dimenticatoio”, e’ bene informarsi su come ottemperare ai propri impegni “senza levarsi il cibo di bocca” e magari dover poi affrontare una serie di peripezie per comunque pagarle, magari con importi raddoppiati. Per questo abbiamo preparato una scheda pratica che riassume metodi e tempi normativi per le rateizzazioni di bollette, multe, avvisi, cartelle, imposte.
A cura di Rita Sabelli, che e’ responsabile per l’Aduc in materia di aggiornamento normativo, la scheda prende spunto dalla recente entrata in vigore del DM ministero dell’Economia sulla rateizzazione straordinaria fino a 120 rate delle cartelle esattoriali: occasione per fare chiarezza sulle rateizzazioni ottenibili dall’utente/consumatore anche nella sua posizione di contribuente.La scheda e’ cosi’ articolata:
– Bollette: tlc, elettricita’ e gas, acqua. Dipende dai contratti.
– Verbali multe stradali: rateizzabili in massimo 60 rate, a determinate condizioni.
-Canone/imposta Rai: i pensionati con reddito non superiore a 18.000 euro possono scegliere di pagare il canone con una trattenuta dalla pensione, in massimo 11 rate.
– Avvisi di liquidazione: i cosiddetti “avvisi bonari” che possono scaturire dalle prime fasi dei controlli fiscali, automatici o formali, che riguardano le dichiarazioni obbligatorie (iva, dei redditi, etc.).
– Cartelle esattoriali e avviso di accertamento esecutivi: nei casi in cui il debitore possa dimostrare di essere in temporanea difficoltà finanziaria, con richiesta all’agente della riscossione che la concederà valutando liberamente il caso.
– Imposte da dichiarazione annuale: il saldo dovuto come da dichiarazione dei redditi e il primo acconto inerente le imposte dirette (IRPEF, IRES, IRAP), a condizione di aver esercitato l’opzione nella dichiarazione stessa. Fanno eccezione gli acconti di Novembre, che devono essere versati in un’unica soluzione. Anche per l’IVA a debito che scaturisce dalla dichiarazione annuale all’ordinario termine unico di versamento (16/3 dell’anno successivo a quello oggetto di dichiarazione).

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Casa dolce Caritas

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Caritas Romana Stich

Caritas Romana Stich (Photo credit: Wikipedia)

Il prossimo giovedì 28 novembre, alle ore 11, nella Sala Rossa del Vicariato di Roma (piazza San Giovanni in Laterano, 6/A), si svolgerà la conferenza stampa di presentazione di “Casa dolce Caritas”, l’iniziativa di solidarietà che la Caritas diocesana di Roma e le Ferrovie dello Stato promuoveranno sui treni Alta velocità e nelle Stazioni di tutta Italia per il periodo natalizio a sostegno della ristrutturazione dell’“Ostello Don Luigi Di Liegro” alla Stazione Termini. La campagna verrà presentata ufficialmente dal cardinale vicario Agostino Vallini, dall’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti e dal direttore della Caritas diocesana monsignor Enrico Feroci.Le numerose iniziative in programma coinvolgeranno oltre 250 volontari – 150 dell’organismo diocesano di solidarietà, e 100 delle Ferrovie dello Stato – e prenderanno il via domenica 8 dicembre 2013 per proseguire fino al 6 gennaio 2014.
L’Ostello “Don Luigi Di Liegro” è sorto nel 1987 su iniziativa dell’allora direttore della Caritas a cui ora è dedicato, in un immobile messo a disposizione dalle Ferrovie dello Stato Italiane che opera in convenzione con il Comune di Roma. «Pensato come luogo accogliente e confortevole – spiega monsignor Enrico Feroci – per ospitare i senza dimora per brevi periodi, una sorta di approdo da cui ripartire, in esso prestano la loro attività professionisti, operatori sociali e volontari». Nel 2012 vi hanno trovato riparo temporaneo 1.574 senza dimora – per un totale di 63.111 pernottamenti – che, aggiunge monsignor Feroci, «oltre all’assistenza immediata – un letto, una doccia, un pasto, un cambio di vestiti – hanno incontrato persone disposte ad ascoltarli, a credere alla loro richiesta di aiuto, a dare una parola di conforto e, quando possibile, a trovare loro una sistemazione non temporanea. Negli anni chi era in difficoltà ha imparato a conoscerlo, vi ha fatto ritorno ogni qualvolta ha avuto bisogno di uno spazio amico, anche soltanto per essere ascoltato, riconosciuto».

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come risolvere una lite extragiudizialmente

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Contro la lentezza e gli alti costi di giustizia civile arriva l’organismo internazionale di mediazione e arbitrato dell’A.N.P.A.R..(associazione dal 1995 -senza scopo di lucro).Mentre alcuni professionisti contrari da sempre alla mediazione, continuano a mettere in atto tutti i mezzi possibili per farla fallire, filosofeggiando a modo loro sulla nuova legge 98/2013 che ha modificato in parte il D. Lsg 28/2010, l’A.N.P.A.R. da tempo forte della sempre più evidente progressiva privatizzazione della giustizia offre valide soluzioni a questa crisi , ai suoi tempi, ai suoi costi (in continuo aumento, da tempo ha formato e continua a formare oltre che mediatori anche altri professionisti che sono in grado di proporre metodi alternativi alla risoluzione dei conflitti. Sono due le alternative che le imprese pubbliche e private, i consumatori ma anche semplici cittadini meno abbienti, hanno per non andare davanti al giudice civile per la risoluzione del contenzioso: la mediazione obbligatoria (art. 5 comma 1/bis del D. Lsg 28/2010), e/o facoltativa e in subordine l’arbitrato.
I fatti: centinaia di arbitrati dal 1995 più di 5.000 mediazione dal 2011 ad oggi. La legge dice che chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa a una controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari è tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione. La parte deve partecipare personalmente alla procedura (fatti salvo i giustificati motivi di impedimento) e può farsi assistere da un avvocato. Le parti possono stabilire nello stesso procedimento di mediazione che in caso di fallimento della stessa intendono ricorrere all’arbitrato amministrato dalla camera arbitrale dell’A.N.P.A.R. In tal modo si è certi che la risoluzione della controversia non potrà continuare davanti ad un giudice ordinario. Perché sia all’accordo di mediazione che al lodo arbitrale viene conferito carattere di esecutività. L’organizzazione A.N.P.A.R. si sta diffondendo sull’intero territorio nazionale e fuori confini. Tantissime le “sedi operative” già aperte in Italia che vanno dall’estremo nord all’estremo sud a disposizione di cittadini, imprese e professionisti che si affiancano alle delegazioni ed uffici di prossimità deputati alla divulgazione dei sistemi extragiudiziali.
L’A.N.P.A.R. è in grado di offrire ai cittadini, società ed enti un servizio di mediazione e/o arbitrato a pagamento e secondo tariffe predeterminate, assicurando tempi di risoluzione delle controversie contenute: per la mediazione in massimo 3 mesi e per l’arbitrato in massimo entro 180 giorni. La formula è quella di tanti forum televisivi: anziché rivolgersi ad un tribunale ordinario, affrontando rischi ed incognite inerenti la durata del procedimento, i suoi costi e quant’altro in discussione, le parti in lite si rivolgono all’A.N.P.A.R chiedendo che la soluzione venga affidata ad un soggetto neutrale, del quale s’impegnano ed obbligano ad accettare e rispettare le decisioni. A conclusione del procedimento l’arbitro o gli arbitri emettono un lodo cui viene conferito carattere di esecutività, cui le parti si adeguano. I vantaggi vengono indicati nella velocità del giudizio, nell’integrale rispetto della privacy, nel risparmio sui costi. L’abbattimento stimato rispetto ad un giudizio si avvicina al 90% per la mediazione ed al 50% per l’arbitrato rispetto al costo di un giudizio ordinario. Un esempio per tutti: per una causa che rientra nello scaglione da 25.000 a 50.000 euro il costo è di euro 400 per parte per la mediazione mentre il costo complessivo per l’arbitrato è di euro 750 – 1250 per un arbitro unico e di 1.900 – 3.000 euro per un collegio arbitrale da suddividersi equamente se non stabilito diversamente dalle parti. Sono previste per grossi enti (banche, assicurazioni, associazioni ecc) speciali convenzioni, per l’ulteriore abbassamento dei costi, del quale ne usufruiscono anche la/e controparte/i. Inoltre se si è in possesso di un titolo di studio almeno triennale o iscritto ad un albo professionale si può accedere alla formazione per diventar mediatore e/o arbitro frequentando uno dei corsi dell’organismo formativo dell’A.N.P.A.R. certificato ISO-UNI 9001 -2008. Tutta la modulistica per avviare una mediazione o un arbitrato è reperibile sul sito http://www.anpar.it ovvero per ulteriori informazione puoi telefonare alla segreteria nazionale al n. 089.274799 o scrivere all’indirizzo e-mail info@anpar.it riceverai tutte le informazioni necessarie per attivare uno qualunque dei sistemi di risoluzione di controversia extragiudiziale in poco tempo e a basso costo e senza IVA.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salute dentale

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

What did I do?

What did I do? (Photo credit: kirikiri)

In occasione del XXXII Congresso Internazionale AIOP, gli esperti dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica spiegano ai cittadini come riconoscere una protesi eseguita a regola d’arte e tutelarsi da prestazioni a basso costo, il cui risparmio è solo apparente. Attenzione anche ai necessari tempi biologici, ordine e pulizia degli studi, certificazioni e assistenza post intervento. Con la crisi economica sono già 600.000 gli italiani che si sono affidati al dentista low cost, spesso anche all’estero. Eppure il nostro Paese rappresenta un’eccellenza nel panorama odontoiatrico internazionale.
Quando viene ricostruita una corona protesica, uno degli interventi dentistici più comuni, ci sono alcuni segnali che aiutano a capire se si è ricevuto un lavoro di qualità o meno. A tal proposito, l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha stilato alcuni semplici consigli per supportare i pazienti alle prese con la crisi economica e il proliferare di prestazioni odontoiatriche a basso costo, in Italia e all’estero. Ecco alcune regole d’oro: la corona non deve risultare più alta degli altri denti, non deve “toccare prima”; i contatti con i denti vicini devono essere precisi, occorre infatti poter usare il filo interdentale, che deve incontrare una buona resistenza ma senza rompersi o sfilacciarsi; la gengiva a contatto con il bordo della corona non deve arrossarsi o sanguinare; la corona non deve staccarsi accidentalmente; il colore della ceramica deve essere simile a quello dei denti vicini.Il decalogo è stato presentato oggi a Bologna, in occasione del XXXII Congresso Internazionale AIOP, che con i suoi 1.500 soci è la più importante accademia protesica d’Europa e una delle massime espressioni dell’eccellenza odontoiatrica italiana. In un contesto come quello attuale, dove i cittadini cercano soluzioni di risparmio economico anche nell’ambito della salute, e oltre 600.000 italiani già si affidano alle cure dei dentisti low cost, il vademecum degli esperti AIOP vuole rappresentare uno strumento utile per riconoscere ed eventualmente porre rimedio a prestazioni di “non qualità”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Figli: risarcimenti e vuoti emotivi

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

English: The Palace of Justice in Rome, Italy,...

English: The Palace of Justice in Rome, Italy, seat of the Supreme Court of Cassation. View from the opposite side of Umberto I bridge Français : Le Palais de Justice en Rome, Italie, siège de la Court de Cassation, vue de Pont Umberto I Deutsch: Die Justizpalast in Rom, die Oberster Kassationsgerichtshofs Palast Italiano: Il Palazzo di Giustizia, anche noto come Palazzaccio, sede della Corte di Cassazione, a Roma, visto dalla mezzeria di ponte Umberto I (Photo credit: Wikipedia)

Ancora una sentenza che mette di fronte alle proprie responsabilità quei padri che non hanno voluto riconoscere i propri figli.
È la prima sezione civile della Cassazione con la sentenza 26205 pubblicata il 21 novembre che statuisce il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale da illecito endofamiliare per quei figli non riconosciuti dal padre ritenuto responsabile per la sola consapevolezza del concepimento e non la certezza assoluta della paternità. La conseguenza è che il vuoto emotivo, relazionale e sociale causato dall’assenza paterna nella vita dei figli può essere liquidato economicamente. A darne notizia, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione da anni impegnata anche nella tutela dei diritti dei figli e della famiglia.
Nel caso di specie i giudici di legittimità hanno rigettato il ricorso di un uomo condannato dalla Corte d’Appello di Trieste, a corrispondere ai figli un risarcimento di ben 150mila euro caduno a titolo di danno non patrimoniale da illecito endofamiliare a seguito del riconoscimento giudiziale della paternità naturale.
Nella causa l’uomo aveva sostenuto di non essere stato a conoscenza del suo status prima del giudizio, e che peraltro l’azione intrapresa era tardiva ed il danno non patrimoniale non era dovuto in assenza di prova certa della sofferenza dei ricorrenti. Ed in più, il danno doveva essere escluso, almeno per il secondo figlio, perché al momento del concepimento la madre frequentava anche un altro uomo.
Ma i giudici del Palazzaccio hanno ben ritenuto di dover respingere tutte le doglianze formulate da questi rimarcando la circostanza che l’obbligo dei genitori di mantenere i figli sorge dalla nascita e discende dal mero fatto della generazione. Tale preciso obbligo direttamente desumibile dal sistema di protezione della filiazione stabilito nell’articolo 30 della Costituzione non viene meno quando il figlio sia riconosciuto da uno solo dei genitori, per il periodo anteriore alla dichiarazione giudiziale di paternità o maternità, essendo sorto sin dalla nascita nei confronti di entrambi i genitori. «Si determina, pertanto, un automatismo tra procreazione e responsabilità genitoriale che costituisce il fondamento della responsabilità aquiliana da illecito endofamiliare, nell’ipotesi in cui alla procreazione non segua il riconoscimento e l’assolvimento degli obblighi conseguenti alla condizione di genitore».
Peraltro – rilevano gli ermellini – che nella fattispecie “il ricorrente ha avuto la piena possibilità di essere del tutto consapevole della probabilità della propria paternità, ma ne ha ignorato tutti i segnali, lasciando i minori privi della figura paterna e delle cure necessarie”. Ed inoltre, sarebbe stato suo preciso onere ricorrere a un’indagine tecnica al fine di verificare l’effettiva paternità. In merito alla determinazione del risarcimento, i giudici di Piazza Cavour hanno concluso che il danno subito a causa della privazione della figura paterna è consistito per i figli nelle ripercussioni personali e sociali derivanti dalla consapevolezza di non essere mai stati desiderati ed accolti come figli. La mancanza del padre, in sostanza, ha segnato un tracciato di disagio e sofferenza nello sviluppo psico-fisico dei minori e ha creato una situazione di privazione affettiva e di ruolo sociale di natura stabile e definitiva, non suscettibile di mutamenti quanto meno fino al raggiungimento della maggiore età. Il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, con applicazione del criterio equitativo puro, ha concluso la Suprema corte, sorge quindi «dal vuoto emotivo, relazionale e sociale dettato dall’assenza paterna fin dalla nascita nella vita dei resistenti».

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Export agroalimentare italiano

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Apulia Molise Campania 2009

Apulia Molise Campania 2009 (Photo credit: Wikipedia)

Grazie alla diffusione nel mondo della “Dieta mediterranea”, cresce nei primi 6 mesi del 2013 l’export dei prodotti agroalimentari ed enogastronomici italiani verso il Nord America con +4,3 per cento, la UE con +3,2 per cento, ed il sud Asia con 2,6 per cento.
In media, le esportazioni dei prodotti agroalimentari ed enogastronomici sono aumentate del +3,9 per cento dei primi sei mesi del 2013, con il Sud in crescita del +12,7 per cento, il Centro del +6,9 per cento, mentre dati negativi si registrano nel Nord est con -1,1 per cento e nel nord ovest con -0,8 per cento.
La Sicilia batte tutti con +23,8 per cento, seguita dalla Campania con +18,2 per cento e Puglia con +12,3 per cento. Bene anche il Lazio con +7,5 per cento, l’Abruzzo con +6,8 per cento ed il Molise con +6,2 per cento. Nello stesso periodo decrescono nell’export tutti i paesi concorrenti ad eccezione della Spagna con +2,2 per cento e Portogallo con +1,7 per cento. Male va la Francia con il -4,2 per cento, la Germania con il -3,3 per cento e la Gran Bretagna con -2,6 per cento.
Č quanto diffuso dal presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani Vittorio Carlomagno, nel corso del convegno su «Dieta mediterranea e sviluppo economico” organizzato dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business Ethics nell’ambito del progetto YAMABELL 2.0, promosso dall’Associazione Contribuenti Italiani, che si rivolge alle imprese che sono interessate a lavorare in rete avvalendosi dell’esperienza di Teams professionali di Business Conselors e Coaches Aziendali, con la mission di supportare, promuovere e sviluppare l’aggregazione di piccole e medie imprese, italiane ed europee, su programmi comuni, centrati sui mercati esteri. “L’aggregazione, o rete d’imprese, – ha affermato Vittorio Carlomagno – puň offrire una risposta ai limi ti dimensionali delle nostre aziende, favorendone l’accesso all’estero e accrescendo o diversificando la gamma di prodotti e servizi offerti”
“Contribuenti.it intende promuovere tali iniziative – ha concluso Vittorio Carlomagno – incentivando i processi di cambiamento delle aziende italiane, adeguandole agli standard internazionali (Europa, Usa e Giappone), rendendo il sistema economico piů competitivo”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il tumore alla prostata si alimenta a tavola

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 novembre 2013

Italiano: Tessuto della prostata normale (A) e...

Italiano: Tessuto della prostata normale (A) e colpita da tumore (B) (Photo credit: Wikipedia)

Gli oncologi dell’AIOM: “Fondamentali l’educazione a stili di vita sani e la diagnosi precoce, ma diciamo no all’uso indiscriminato del test del PSA. Nuovi farmaci ormonali e chemioterapici migliorano la sopravvivenza nella malattia avanzata”. 36mila casi nel 2013
Napoli, 23 novembre 2013 – Il tumore della prostata si alimenta a tavola: una dieta ricca di grassi saturi, fritti e carne rossa aumenta la probabilità di sviluppare il cancro. Lo dimostrano anche i numeri: le Regioni del Nord sono le più colpite mentre il Meridione, patria della dieta mediterranea, è la zona in cui si registra la minore incidenza. La Campania occupa il penultimo posto, seguita soltanto dalla Basilicata, con tassi inferiori di un terzo rispetto al Piemonte ‘maglia nera’ e all’Umbria, regione nota per l’elevato consumo di insaccati e bistecche. Per giocare d’anticipo sulla neoplasia più diffusa tra gli uomini, che registra 36mila nuove diagnosi nel 2013, si devono quindi privilegiare ortaggi gialli e verdi, olio d’oliva e frutta. Così facendo si può allontanare il rischio di contrarre il tumore che, comunque, rispetto al passato fa sempre meno paura: nell’ultimo decennio la mortalità è diminuita del 10%. Questo grazie anche alle innovative terapie ora disponibili, che consentono un aumento della sopravvivenza e una migliore qualità di vita dei malati. “Nuovi farmaci ormonali (abiraterone, enzalutamide) e chemioterapici come il cabazitaxel sono messi a disposizione dalla ricerca scientifica – spiega il prof. Carmine Pinto, Presidente eletto dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e Direttore dell’Unità Operativa di Oncologia Medica del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna, durante il Convegno Nazionale “Personalizzazione e strategia di trattamento nel carcinoma della prostata”, in chiusura oggi a Napoli –. Occorre individuare per il singolo paziente la migliore strategia terapeutica ed impiego sequenziale delle molecole oggi disponibili. È questa oggi la prospettiva per le persone con cancro avanzato. Il nostro obiettivo, quindi, è curare allungando la sopravvivenza ma, allo stesso tempo, migliorare anche la qualità di vita dei malati”. Due farmaci già disponibili in Italia sono il cabazitaxel, sperimentato nel 2011 nel nostro Paese in 25 centri, nell’ambito di un ampio studio internazionale e l’abiraterone acetato. “Nel 2012 il primo ha ricevuto il via libera dell’AIFA ed è ora a disposizione di tutte le Regioni, il secondo è arrivato ad aprile 2013. A breve potremo utilizzarne un terzo, l’enzalutamide, approvato ad agosto di quest’anno dall’EMA”, aggiungono i proff. Sergio Bracarda, Direttore dell’Oncologia Medica dell’Ospedale S. Donato di Arezzo e Orazio Caffo, Oncologo presso l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento. Trattamenti innovativi quindi, che si inseriscono nella strategia terapeutica del tumore alla prostata: patologia con cui ad oggi convivono ben 217mila italiani. “Un numero davvero consistente di persone, a cui possiamo offrire una delle migliori assistenze al mondo, in ogni angolo del Paese – commenta il prof. Giacomo Cartenì, Responsabile dell’Oncologia Medica del “Cardarelli” di Napoli –. Questa due giorni promossa dall’AIOM, resa possibile grazie ad un contributo educazionale di Sanofi, serve proprio per scattare una fotografia, a livello nazionale, dello stato dell’arte della neoplasia prostatica. Cinque sessioni per discutere di argomenti fondamentali come gli effetti delle terapie sulla qualità della vita, prevenzione, gestione e sostenibilità dei farmaci innovativi tra crisi economica e best practise”. La discussione sull’Antigene Prostatico Specifico (PSA) rappresenta uno dei momenti principali del Convegno: la diffusione di questa metodica di dosaggio, introdotta all’inizio degli anni Duemila, ha modificato profondamente l’epidemiologia della malattia. “Il test del PSA non può essere utilizzato in maniera indiscriminata come screening del cancro alla prostata – sottolinea il prof. Pinto –. La sua sensibilità varia dal 70 all’80% e questo significa che il 20-30% delle neoplasie non viene individuato quando si utilizza l’esame come unico mezzo identificativo. Va eseguito solo quando è necessario, cioè dopo i 50 anni, se vi è familiarità diretta per il tumore e in caso di disturbi urinari”. Utilizzare il PSA come screening diffuso aumenterebbe il rischio di uso inappropriato di esami e sovradiagnosi, senza portare vantaggi sicuri in termini di riduzione dei decessi. “Le patologie tumorali sono destinate a diventare in poco tempo la prima causa di mortalità a livello mondiale, nei Paesi occidentali così come in quelli in via di sviluppo – afferma Alessandro Crevani, Direttore della Business Unit Oncologia di Sanofi Italia –. Sanofi è da sempre impegnata nella ricerca di soluzioni e nuovi approcci per dare risposte significative e adeguate alle esigenze delle persone affette da diverse tipologie di cancro, sia in termini di controllo della malattia sia sotto l’aspetto della qualità di vita. In questo percorso di progresso scientifico, crediamo fermamente nel valore della collaborazione con le Società Scientifiche. Il tumore alla prostata, in particolare, richiede un approccio congiunto per essere precocemente individuato e tempestivamente affrontato”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »