Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Archive for 29 novembre 2013

What political balance of power in the next European Parliament?

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

Finland is a member of the European Union sinc...

Finland is a member of the European Union since 1995 and is represented in the European parliament. (Photo credit: Wikipedia)

6 months before the verdict of the May 2014 European elections, Yves Bertoncini and Valentin Kreilinger try to foresee what could be the political balance of power within the next European Parliament, on the basis of the elements of expertise and information already available.
Their policy paper main findings are based on three series of analyses
1 – The cohesion of political forces will remain a key factor of influence : some political families (especially the “populists”) and groups are less united than others, and will then see their actual influence reduced as compared when their number of seats.
2 – There should be some substantial shifts in the number of seats garnered by the major political groups of the European Parliament : the race between the EPP and the S&D could be very tight, while the populists should make substantial gains.
3 – The logics of majority dynamics should not be deeply modified after May 2014 : while they vary according to the policy area, the majority could go on relying on a “Grand coalition”, even if center right and, more probably, center left coalition could also be formed for the adoption of parts of the votes.
Yves Bertoncini and Valentin Kreilinger conclude their policy paper by underlining that the political game seems to be very open at this stage as regards the outcome of the left-right competition, and that this should prompt all the actors and citizens concerned to engage in a vigorous promotion of their alternative vision and proposals for the EU.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governing Board holds first meeting in Geneva

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

Ecumenical church centre in Langendorf SO, Swi...

Ecumenical church centre in Langendorf SO, Switzerland. (Photo credit: Wikipedia)

The Governing Board of the Conference of European Churches began its first meeting at the Ecumenical Centre in Geneva on Tuesday.CEC President, the Rt Rev. Christopher Hill, Bishop of Guildford in England, who retires from the position on November 30, opened the proceedings with prayers in the chapel of the Ecumenical Centre.There, prayers were offered for those languishing in warring Syria, people suffering from the super typhoon in the Philippines and for the people of Europe who face debilitating economic conditions.
Until the 14th CEC Assembly in Budapest in June and July of this year the main governing body of CEC was its Central Committee. CEC’s new constitution replaces the Central Committee with the Governing Board.
Very Rev. Karin Burstrand, the Dean of Gothenburg in the Church of Sweden is one of the two vice-presidents along with His Eminence Metropolitan Emmanuel of France who stepped down as President.
World Council of Churches General Secretary, Rev. Olav Fykse Tveit, spoke to Board members later, exchanging views about ecumenical organisations undergoing change.
The Conference of European Churches (CEC) is a communion of 115 Orthodox, Protestant, Anglican and Old Catholic Churches from all European countries, and 40 organisations in partnership. It was founded in 1959 and the CEC has offices in Geneva, Brussels and Strasbourg.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Put to the test: the Eastern Partnership and the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

This Policy paper by Florent Parmentier establishes a picture of the Eastern Partnership and its perspectives while the Vilnius Summit of the 28th and 29th of November begins.Four years after its launch, two years after political reform of the European Neighbourhood Policy (to include the “more for more” principle), and a few days after Ukraine’s defection, where does the Eastern Partnership stand? This question is explored through a first-time assessment of eastern partners. Further European integration depends on the current offer of the Partnership on the EU side. This paper identifies possible paths to making this policy more effective, and on the basis of these considerations, examines where the Eastern Partnership may be in 2020.After having drawn on the appraisal, challenges and then objectives and stakes of the Partnership, the author proposes some recommendations, as well as prospects for a partnership wich has been weakened by the withdrawal of Ukraine only a few days before the Vilnius Summit.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Locazione immobili e certificazione energetica

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

Italian houses

Italian houses (Photo credit: tristanf)

Dal 6 Giugno 2013 e’ obbligatorio allegare ai nuovi contratti di compravendita immobiliare e di locazione l’Attestazione di Prestazione Energetica (APE), un documento che certifica il fabbisogno energetico dell’immobile, ovvero i suoi consumi energetici suddivisi, come avviene per gli elettrodomestici, in categorie che vanno dalla A+ (migliore prestazione, consumi piu’ bassi) alla G (peggiore prestazione, consumi piu’ alti). La mancanza di questo allegato determina la nullità dell’atto e l’applicazione di sanzioni.
Un obbligo accolto con molte polemiche, pur se obiettivamente inevitabile perche’ prevista da dettami europei (Direttiva 2010/31/UE) a fronte dei quali l’Italia, inadempiente, è stata oggetto di una procedura europea di infrazione e di una condanna della Corte di Giustizia europea. La norma, pero’, ha lasciato scoperti alcuni aspetti pratici sui quali sono intervenuti vari chiarimenti tra cui una risoluzione dell’Agenzia delle entrate (n.83/E del 22/11/2013) che entra nel merito della registrazione dei contratti di affitto:
– l’obbligo di allegare l’APE NON riguarda il momento della registrazione del contratto, che puo’ avvenire anche senza attestazione energetica e senza che scattino le conseguenze previste dalla legge (nullita’ del contratto e sanzioni).
In realta’ una conseguenza c’e’ ed e’ di natura economica. Se si registra il contratto con tutti gli allegati, compresa l’attestazione energetica (APE), viene pagata l’imposta solo sul contratto, poiche’ gli allegati ne sono esentati per legge. Se invece si registra l’APE in un momento successivo, si dovra’ pagare l’imposta di registro in misura fissa (168 euro), non potendo piu’ parlare di allegato ma di documento a se’. Ma se la registrazione del contratto e’ avvenuta telematicamente, gli allegati, APE compresa, sarannoconsegnati in un momento successivo e quindi la loro registrazione -chiesta esibendo l’attestazione di registrazione rilasciata dal sistema telematico- e’ gratuita.
– all’atto della registrazione può essere allegata una copia semplice dell’APE senza alcun bollo. Quest’ultimo e’ dovuto, nella misura di 16 euro per ogni foglio, solo se si allega una copia dichiarata conforme da un pubblico ufficiale.
Ciò conferma che per rispettare l’obbligo di legge l’APE deve essere consegnata al locatario nel momento stesso in cui questi stipula il contratto di affitto. In caso contrario questo contratto sarebbe nullo o sanzionabile.Fatta la norma -e la circolare di chiarimenti- c’e’ sempre un’anomalia: se l’APE non viene consegnata al momento della stipula del contratto e neanche allegata alla registrazione dello stesso (registrazione valida anche se il contratto non e’ come dovrebbe essere), come emergono i contratti irregolari, l’annullabilita’ degli stessi e le relative sanzioni? Tutto cio’ ci fa sembrare la norma molto debole e incerta, e, come si sa, e’ proprio nell’incertezza che si infila la malafede. Qual è il senso di questo obbligo relativamente ai contratti di affitto? Si rinnova un andazzo italico: c’e’ la disposizione europea, siamo in ritardo e si viene “bacchettati”, si pasticcia quindi in fretta e furia una norma di adeguamento che pero’ risulta incerta nella sua applicazione. E poi, ciliegina sulla torta, si pensa subito a come modificarla (*).
Ma non era meglio fare qualcosa di piu’ chiaro e semplice? Se l’intento era una sorta di censimento dello stato energetico degli edifici, non si poteva semplicemente obbligare i proprietari a presentare la certificazione al catasto, cosi’ da renderla visionabile a chiunque fosse interessato all’immobile, potenziale compratore o inquilino che fosse? Una norma cosi’, secondo noi, avrebbe soddisfatto anche l’UE.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifugiati: integrazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

refugee

refugee (Photo credit: my stification)

Il 30 novembre convegno nazionale organizzato dall’Ausl con il ministro Kyenge per confrontare le sperimentazioni dei territori ed elaborare un sistema nazionale condiviso. Quando avviene una tragedia in mare, si risveglia l’attenzione sull’accoglienza dei migranti sopravvissuti. Ma per gli ospiti dei centri di accoglienza esiste un problema successivo: quello dell’integrazione. In Italia, si sono affermati numerosi percorsi innovativi in questa direzione, ma si tratta di esperienze per lo più episodiche e transitorie, legate a realtà locali. Ora, anche per rispondere ai vincoli delle Direttive europee, si tratta di metterle a sistema per costruire, su questa base, una risposta nazionale comune e condivisa.È questo l’obiettivo del convegno nazionale “Italia terra d’asilo” che si svolgerà a Parma il prossimo 30 novembre, dalle 9 alle 18, presso la Sala Aurea della Camera di commercio (via Verdi 2/a). Organizzato dall’Ausl di Parma, l’appuntamento sarà aperto dai saluti del direttore generale dell’Ausl Massimo Fabi, dei presidenti di Ciac onlus Emilio Rossi, Provincia di Parma Vincenzo Bernazzoli e Regione Emilia-Romagna Vasco Errani e vedrà la partecipazione degli assessori regionali Lucenti e Marzocchi, di amministratori, volontari e di esperti nazionali ed europei. Le conclusioni, alle 17.30, saranno affidate al ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge.Il recente recepimento anche nel nostro Paese della Direttiva europea che stabilisce misure a favore dell’integrazione dei beneficiari di protezione internazionale dovrà provocare cambiamenti importanti. La normativa stabilisce in particolare che venga riservata un’attenzione specifica all’assistenza sanitaria e alla riabilitazione psico-fisica ai rifugiati in situazione di particolare fragilità quali “le donne in stato di gravidanza, i disabili, le vittime di torture, stupri o altre gravi forme di violenza psicologica, fisica o sessuale, o i minori che abbiano subito qualsiasi forma di abuso, negligenza, sfruttamento, tortura, trattamento crudele, disumano o degradante o che abbiano sofferto gli effetti di un conflitto armato”.Durante il convegno saranno così presentati, tra l’altro, il ruolo dei servizi territoriali sanitari e sociali nei percorsi di integrazione nei titolari di protezione con particolare riferimento alle esperienze realizzate dallo Spazio salute immigrati dell’Ausl, Ciac onlus e CISS Parma. La mattinata si concluderà con il racconto di esperienze realizzate a Roma, Trieste e Milano. Nel pomeriggio le proposte per rendere sistematico e uniforme questo impegno formulate dal Comitato scientifico saranno discusse in una tavola rotonda con rappresentanti delle istituzioni, tra cui il Capo di gabinetto del Ministero dell’Integrazione Angelo Carbone, l’assessore regionale alla Promozione politiche sociali e politiche per l’accoglienza Teresa Marzocchi, il delegato all’Immigrazione dell’ANCI Giorgio Pighi, sindaco di Modena.L’appuntamento è organizzato dall’Azienda Usl con il patrocinio di Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Conferenza territoriale sociale e sanitaria, Rete nazionale per i diritti dei rifugiati Europasilo, Società italiana di medicina delle migrazioni (SIMM) e Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (ASGI), in collaborazione con Sistema di protezione per i richiedenti asilo e i rifugiati (SPRAR) e con il sostegno di Camera di commercio di Parma e Camst.La media annua di domande d’asilo in Italia si aggira attorno alle 18mila unità. In Emilia-Romagna – raccontano i dati delle nove Questure – si è registrata una crescita pari al 14% dalle 3.914 del 2011 alle 4.476 dell’anno successivo. In provincia di Parma – sempre secondo i dati della Questura – i permessi di soggiorno a fine 2011 erano 559 (446 uomini e 113 donne): 201 per protezione sussidiaria, 186 come rifugiati, 164 per richiesta d’asilo (di cui 9 con possibilità di svolgere attività lavorativa), 4 per motivi umanitari e 4 in base alla Convenzione di Dublino.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

English: A Ryanair 737-200 airliner on the gro...

English: A Ryanair 737-200 airliner on the ground at Dublin Airport. (Photo credit: Wikipedia)

Tre viaggiatrici italiane hanno ottenuto l’esecuzione, in Irlanda, di una sentenza italiana: per corrispondenza e senza avvocato. Grazie alla legislazione dell’Unione Europea a tutela dei consumatori, tre viaggiatrici italiane hanno ottenuto l’esecuzione, in Irlanda, di una sentenza di un giudice di pace italiano che condannava Ryanair a indennizzarle. Il tutto per corrispondenza e senza bisogno di avvocato. Le viaggiatrici si erano rivolte all’Aduc dopo una disavventura causata dal mancato rispetto delle norme (anche queste europee) a tutela dei passeggeri. RyanAir veniva condannata per la prima volta da un giudice italiano con sentenza immediatamente eseguibile in Irlanda. Questo era stato possibile grazie al nuovo procedimento europeo per le cause di modesta entità (reg. CE 861/2007), attraverso il quale il cittadino può ottenere una sentenza valida in un altro Stato dell’UE senza dover seguire la faticosa trafila burocratica di traduzione e recepimento. Non solo: tale procedura non prevede la necessità di essere assistiti da un legale, e per attivarla basta la semplice compilazione di un modulo invece del complicato atto di citazione previsto dalla procedura italiana.
La sentenza del Giudice di pace di Firenze, dott. Simone Bozzi, giunta dopo soli tre mesi dall’inizio della causa, è stata poi inviata per raccomandata a/r allo Sceriffo della contea di Dublino, che ha provveduto ad eseguirla. Risultato: è arrivato l’assegno.
Purtroppo lo stesso risultato non potrebbe ottenerlo un cittadino irlandese contro una compagnia aerea italiana, visto il bizantinismo delle nostre procedure in materia di esecuzione forzata: atto di precetto, notifica tramite ufficiali giudiziari, procedimento davanti al giudice dell’esecuzione, e cosi’ via. E infatti, per ottenere lo stesso risultato contro una compagnia italiana, anche un cittadino italiano sarebbe stato costretto a rivolgersi ad un legale e affrontare i lunghi tempi della nostra giustizia. In breve, per l’utente italiano è più facile, veloce e meno costoso ottenere giustizia in Irlanda che nel proprio Paese…

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IX Premio Internazionale Beato Padre Pino Puglisi

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

Pino Puglisi

Pino Puglisi (Photo credit: Wikipedia)

Palermo giovedì 3 dicembre 2013 Ai bambini concepiti nei i viaggi della speranza, dalla Sicilia verso il mondo, sarà dedicata a loro la nona edizione del premio “Beato Padre Pino Puglisi”. Non una passerella, ma anche quest’anno, il premio “Beato Padre Pino Puglisi” vuole essere un riconoscimento simbolico per chi facendo il proprio dovere fa anche del bene, promuovendo la dignità degli uomini e l’impegno sociale.
Così nomi comuni tra i premiati che giovedi 3 dicembre 2013, alle ore 21 saliranno sul palco del Politeama Garibaldi di Palermo, come il sindaco di Lampedusa, il vice comandante della Polizia, i rappresentanti della Fondazione Rita Levi Montalcini e tanti altri. A presentare la serata i giornalisti Roberto Gueli e Tiziana Martorana.
L’evento, diventato ormai un appuntamento internazionale, è uno dei principali momenti esclusivamente siciliani dedicato alla riflessione e alle testimonianze sulla lotta alla mafia. Battaglia che ha contraddistinto Padre Pino Puglisi, sacerdote palermitano, ucciso dalla mafia e modello per i giovani e per tutto il mondo, e beatificato proprio quest’anno.
Il premio, organizzato dall’Associazione JusVitae Onlus, in collaborazione con la Cisl di Palermo e il Brass Group, gode anchedel patrocinio del Presidente della Repubblica.
L’ingresso sarà gratuito, gli inviti si possono ritirare nella sede dell’Associazione Je Vitae Onlus, in via La Colla 56

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlusconi e la storia

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 novembre 2013

Letta alla presentazione del volume "Una ...

Letta alla presentazione del volume “Una storia italiana” (Photo credit: Palazzochigi)

Non intendo avere la pretesa di rispolverare gli ultimi venti anni che hanno visto la leadership berlusconiana. Mi limito a questi due ultimi anni o meglio da quando Berlusconi è stato costretto a dimettersi per cedere il passo al governo Monti. Cos’è successo dopo? Abbiamo avuto la convinzione che il “cavaliere” fosse stato messo fuori gioco e invece nelle ultime politiche del febbraio del 2013 gli è mancato poco che la sua coalizione vincesse la tornata elettorale. Ora la storia sembra ripetersi. Lui è estromesso, ma non è domo. Già pensa a una fulminante campagna elettorale che lo riporterà in cima alla montagna dei consensi popolari. Il rituale è lo stesso: allora il governo Monti si rese inviso agli italiani per i sacrifici che impose e le antipatie che suscitò per il suo modo di esporre i problemi del paese e la poca equità che espresse per i ceti meno abbienti.
Ora Berlusconi ha in mano un altro asso: il malumore crescente nell’opinione pubblica per le impopolari e maldestre attività del governo Letta che di certo finirà con procurarsi le stesse antipatie, se non peggio, del suo predecessore. Non solo. Il banco di prova è anche l’antieuropeismo crescente degli italiani e gli atteggiamenti della Merkel non sono un buon segno. E siccome gli italiani sono i classici “gnoccoloni” ci ritroveremo al solito con le promesse di Berlusconi di farci riscuotere a pronta cassa una cospicua parte delle tasse che paghiamo e milioni pronti a crederci. D’altra parte lo stile “berlusconiano” è di quelli che fanno cultura in nome di un antistato, del populismo, dei furbetti di quartiere, degli evasori fiscali, delle truffe e delle bustarelle. Alla fine c’è da credere che molti penseranno al cavaliere come al classico furbo che ce l’ha fatta e l’essere stato preso nelle mani nel sacco con la sentenza Mediaset lo considerano solo un incidente di percorso. E’ un peccato di gola che non impedirà al suo autore un’altra abbuffata per buona pace di tutti noi e dei nostri personali vizietti. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »