Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 14 dicembre 2013

Pope Francis has told crowds in St Peter’s Square that hunger is a scandal and he urged them to support the Caritas ‘One Human Family, Food for All’ campaign

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Pope Francis Portrait Painting

Pope Francis Portrait Painting (Photo credit: faithmouse)

“The scandal that millions of people suffer from hunger must not paralyze us, but push each and every one of us to act: singles, families, communities, institutions, governments, to eliminate this injustice,” said the pope, speaking at his weekly Wednesday audience in St Peter’s Square.One Human Family, Food for All is the Caritas confederation’s first ever global campaign. Launched on 10 December, the campaign says that hunger can be eliminated by 2025 if resources are shared.“Caritas launched a worldwide campaign against hunger and food wastage, with the motto ‘One Human Family, Food for All’,” said Pope Francis. “The Gospel shows us the way: have faith in the providence of the Lord and share your daily bread without wasting it.
“I encourage Caritas to take forward this commitment and I invite everyone to join this ‘wave of solidarity’.”Caritas organisations and people of faith across the world took part in a “wave of prayer” to launch the campaign. People prayed and reflected on hunger at midday in countries across the world.Pope Francis recorded a video message for the launch of the campaign in which he denounced the fact that there’s enough food in the world yet people go hungry.

 

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fleet Management Systems to Gain Widespread Acceptance in Europe, Finds Frost & Sullivan

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

LONDON Fleet management systems (FMS) have an established presence in France, Germany, UK, Italy and Benelux, with 70 percent of fleet managers claiming familiarity with FMS – 37 percent are already using it and 33 percent are testing it. In general, fleet owners display a positive attitude toward FMS, and 35 percent of respondents in a recent Frost & Sullivan survey consider it an absolute necessity. Large fleets are keener to adopt these solutions than small and medium fleets, clearly indicating a lack of awareness on the benefits offered by FMS among the latter.
Willingness to Pay for FMS, summarises the findings of the survey of 155 decision-makers and key influencers for FMS in Europe. The research revealed that fleet managers are satisfied with the FMS currently offered. In fact, productivity and fleet security – two of the top three criteria used during purchase – exceed expectations. On the other hand, fleet managers are dissatisfied with the savings made on insurance premiums and the lack of new services.“Presently, vehicle management as well as fleet security and control are the most widely-used services in Europe,” said Frost & Sullivan Customer Research Consultant Agnieszka Wolf. “However, offering driver and order management services will help FMS vendors retain existing customers as 35 percent of respondents are looking to buy these solutions in the next 36 months.”Key points of interest (POI) in navigation systems include gas stations, repair stations, and speed restrictions. Respondents working in medium commercial vehicle (MCV) fleets were keen on all POI with particular interest in truck parking slots, road gradients, and restaurants.Interestingly, respondents indicated that they would prefer dealing with one supplier per solution. Two out of three also said that they would choose brands offering prognostic technologies, which help predict the impending failure of a commercial vehicle.No clear overall preference for a particular FMS vendor type was seen, although significant vendor preferences exist according to solution and country. While respondents in Germany, Italy and UK are more aware of systems from truck original equipment manufacturers (OEMs), only Germany and UK favour truck OEMs for all solutions. Fleet managers in Italy, France and Benelux favour specialised third-party or logistics and supply chain providers. Among specialised FMS providers, TomTom and Transics received the highest ratings.“The survey reveals that the key decision maker for FMS purchase in fleets is top management,” said Wolf. “However, driver and trade unions appear to influence decisions in Italy and Benelux, especially in the case of large fleets with more than 100 vehicles.”In terms of payment, general willingness to spend on fleet telematics services is low. Fleet owners in France are most willing to pay for these services whereas those from Benelux are least inclined. Readiness to pay is also higher in MCV and heavy commercial vehicle fleets than light vehicle fleets. Profit-sharing business models too are gaining acceptance, particularly in France. In Benelux, the market is quite polarised and there is no clear penchant for profit sharing.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 28 Comments »

ACS Capitol Hill briefing – Bio-based feedstocks

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

ACS

ACS (Photo credit: cesvlc)

WASHINGTON, Petrochemical innovations of the twentieth century gave us synthetic materials like nylon, plastics, and composites with a wealth of applications. With today’s refined understanding of synthetic methods chemists have begun to generate products from biological starting materials. Often inspired by green chemistry, bio-based products are now hitting the market. Many bio-based products can exceed their petrochemical-based counterparts in cost savings, superior properties, durability, and recyclability. This panel will discuss corn-, soy-, and other bio-based materials spanning the agricultural, automotive, coatings, and textile industries.Moderator: Stephen Ritter, Ph.D., Chemical & Engineering News Panelists:
Carrie Majeske, Ford Motor Company, Michigan
Jim Martin, OmniTech International, Kansas
Dean Webster, Ph.D., North Dakota State University
Richard Wool, Ph.D., University of Delaware
Richard Wool will be honored on Dec. 11 as a recipient of the 2013 Presidential Green Chemistry Challenge Awards given jointly by the US Environmental Protection Agency (EPA) and ACS. Wool will honored for creating several high-performance materials using biobased feedstocks, including vegetable oils, chicken feathers, and flax to produce a range of products such as adhesives, composites, foams, a leather substitute, and even computer circuit boards.The Science & the Congress Project was established in 1995 to provide a neutral and credible source of scientific information targeted to policymakers on Capitol Hill. Expert speakers are chosen to provide a balanced presentation about the topic under discussion, and their comments are independent of any position that may be held by the ACS, the sponsors of ACS Science & the Congress or its co-hosts. For more information, click here.
The American Chemical Society is a nonprofit organization chartered by the U.S. Congress. With more than 163,000 members, ACS is the world’s largest scientific society and a global leader in providing access to chemistry-related research through its multiple databases, peer-reviewed journals and scientific conferences. Its main offices are in Washington, D.C., and Columbus, Ohio.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

official launch of the World Health Organization’s MiNDbank online platform.

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Youth for Human Rights International

Youth for Human Rights International (Photo credit: Wikipedia)

WHO MiNDbank is a product of the QualityRights Project, WHO’s flagship campaign to improve care and end human rights violations against people with mental and psychosocial disabilities. WHO MiNDbank brings together key policies, strategies, laws and service standards for mental health, substance abuse, general health, disability, human rights and development. The platform aims to facilitate debate, dialogue, advocacy and research in order to promote national reform in these areas, in line with international human rights and best practice standards.
oficial de MiNDbank, plataforma en línea de la Organización Mundial de la Salud. MiNDbank es un logro del Proyecto QualityRights, campaña faro de la OMS para mejorar la atención de la salud y poner fin a las violaciones de los derechos humanos de las personas con discapacidades mentales y psicosociales. MiNDbank agrupa políticas, estrategias, leyes y estándares de servicios fundamentales para la salud mental, el abuso de sustancias, la salud general, la discapacidad, los derechos humanos y el desarrollo. El objetivo de esta plataforma en línea es facilitar el debate, el diálogo, la promoción y la investigación para promover reformas a nivel nacional en estas esferas, en consonancia con las normas internacionales de derechos humanos y las normas de buenas prácticas.
oficial da plataforma online MiNDbank da Organização Mundial de Saúde. A plataforma MiNDbank da OMS é um produto do Projeto QualityRights, principal campanha da OMS para melhorar os cuidados e acabar com as violações dos direitos humanos dirigidas às pessoas com incapacidade mental e psicossocial. A base de dados MiNDbank da OMS reúne políticas, estratégias, leis e normas sobre serviços fundamentais em saúde mental, abuso de substâncias, saúde geral, incapacidade, direitos humanos e desenvolvimento. A plataforma pretende facilitar o debate, o diálogo, a advocacia e a investigação para promover reformas nacionais nestas áreas, de acordo com os direitos humanos e com as boas práticas internacionais.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Roma discrimination: end illegal expulsions and ethnic profiling, MEPs say

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

DSCN0331EU countries must stop illegal expulsions of Roma people and end ethnic profiling, police abuse and human rights violations perpetrated against them, says Parliament in a non-binding resolution adopted on Thursday. It assesses member states’ strategies to boost Roma integration and calls for more funds to prevent discrimination and reach small community projects.The resolution condemns attempts by EU countries to unlawfully limit the right of Roma people to freedom of movement in the EU. With an estimated population of 10 to12 million in Europe (approximately 6 million living in the EU), Roma people are the biggest ethnic minority in Europe.The Commission and member states must ensure sufficient funding for Roma integration, from both national budgets and EU programmes such as the European Social Fund or the European Regional Development Fund. MEPs also suggest providing special grant schemes, such as flexible and small funds for community projects.The EU executive should continue assessing how member states spend EU funds earmarked for Roma integration and report its findings to Parliament and Council every year, MEPs suggest.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dolore: cure “fai da te”

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Collegio Borromeo, one of the historical unive...

Collegio Borromeo, one of the historical university residences in Pavia. (Photo credit: Wikipedia)

A quasi 4 anni dall’approvazione della Legge 38, una ricerca commissionata a Doxa dal Centro Studi Mundipharma ha cercato di comprendere se e come sia cambiata la gestione del dolore nella mentalità e nell’effettivo comportamento di pazienti, medici di famiglia e farmacisti. Emergono segnali di apertura verso i farmaci oppioidi, il cui impiego però è penalizzato da disinformazione e paure infondate. Le terapie con antinfiammatori, nonostante gli effetti collaterali, restano ancora le più diffuse, come confermano i dati di mercato: nel periodo ottobre 2012 – settembre 2013, oppiacei a quota 99 milioni di euro, contro 292 milioni spesi per FANS e Coxib (dati IMS Midas).
– In linea di principio, riconoscono nel medico di medicina generale la figura di riferimento per la cura del dolore (91%) ma, alla prova dei fatti, gli italiani decidono in autonomia e ricorrono all’automedicazione (53%) o, più di rado, chiedono consiglio in farmacia (20%). Nei confronti dei farmaci oppiacei, cresce la fiducia degli addetti ai lavori e l’interesse dei pazienti eppure, ogni 10 analgesici prescritti, 1 solo è oppioide mentre 7 sono antinfiammatori non steroidei (FANS), anche per dolori cronici e terapie protratte nel tempo. E’, in sintesi, la fotografia scattata da una recente indagine condotta da Doxa per conto del Centro Studi Mundipharma su un triplice target, allo scopo di sondare i rispettivi approcci al trattamento antalgico: 500 pazienti (25-64 anni) che hanno utilizzato medicinali antidolorifici negli ultimi 6 mesi, 100 medici di famiglia e 100 farmacisti di tutta Italia. Dal dire al fare, un divario da colmare. Potrebbe essere questa la formula che riassume il quadro articolato e, in parte, contraddittorio dipinto dalla survey. “Abbiamo riscontrato un’attitudine positiva verso gli antidolorifici oppioidi e una diffusa consapevolezza della loro efficacia, dichiarata da tutti i target coinvolti nell’indagine”, spiega Massimo Sumberesi, Managing Director di Doxa Marketing Advice. “La maggioranza di medici, farmacisti e pazienti è d’accordo su un loro utilizzo più diffuso. Tale propensione favorevole, tuttavia, non si traduce poi in una reale prescrizione o assunzione di questi farmaci. In sostanza, nel passare dalle parole ai fatti, ci si perde nel labirinto della disinformazione, di preconcetti e timori ingiustificati. Le abitudini consolidate stentano a modificarsi, nonostante il nuovo quadro normativo, e si finisce per privilegiare altre tipologie di analgesici con cui si ha maggiore familiarità, anche quando il loro impiego non sarebbe del tutto appropriato, evitando così di dover confutare eventuali pregiudizi sugli oppiacei manifestati dai pazienti. Dagli stessi malati di dolore, però, arriva un’esplicita richiesta di maggiori informazioni su questi farmaci: le figure di consiglio e i media sono dunque importanti, per contrastare fantasie e credenze errate”.Entrando nel dettaglio della ricerca, scopriamo che il 30% dei pazienti visitati dai medici di famiglia nell’ultimo mese lamenta dolore; nel 66% dei casi, si tratta di una forma cronica. Circa 8 clinici su 10 effettuano personalmente la diagnosi e la prescrizione della terapia ma il fenomeno dell’autocura – confermato anche dai farmacisti – assume dimensioni eclatanti: il 73% dei malati non si rivolge ad alcun medico. Gli analgesici più impiegati? Sempre e comunque FANS: li assume il 95% dei pazienti, li prescrive il generalista al 72% dei suoi assistiti, anche in caso di dolore cronico (1 volta su 2). Per limitare gli effetti collaterali degli antinfiammatori, riferiti dal 20% dei pazienti, si ricorre poi molto spesso ai gastroprotettori, con un evidente aggravio di costi per il SSN.Gli oppioidi, al contrario, compaiono solo nell’11% delle ricette firmate dal medico di famiglia: all’origine vi sono probabili deficit conoscitivi e una scarsa confidenza con queste opzioni terapeutiche, come dimostra il fatto che il 22% dei generalisti intervistati ammetta di non conoscere o non ricordare alcun marchio di farmaco oppiaceo presente sul mercato. Pesano però anche le resistenze dei pazienti: un ostruzionismo che il curante, forse per mancanza di solide basi, non se la sente di affrontare. Il timore che gli analgesici oppioidi possano indurre dipendenza spaventa il 65% dei malati, il 61% li considera per malattie gravi e il 53% crede che la legge ne consenta l’uso solo in casi particolari.“L’indagine Doxa evidenzia un uso improprio di analgesici per la gestione del dolore cronico, nonostante a molti siano noti i gravi effetti collaterali che i FANS possono creare, se impiegati per lungo tempo”, dichiara Massimo Allegri, Dirigente Medico Terapia del Dolore, Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo e Università di Pavia. “Recenti dati di letteratura mostrano che l’uso protratto di antinfiammatori possa causare non solo danni gastrici ma anche problemi cardiovascolari. E’ fondamentale che gli oppioidi vengano considerati un valido strumento per la terapia del dolore cronico moderato-severo. I pazienti a volte pensano possano dare dipendenza. In realtà, le evidenze scientifiche dimostrano che, nei soggetti trattati con oppiacei a scopo antalgico, non sembrano attivarsi le medesime aree cerebrali coinvolte nei meccanismi della dipendenza. Oggi, inoltre, vi sono nuovi farmaci e nuove associazioni farmacologiche, come ossicodone e naloxone (antagonista dell’oppioide) che, per le loro proprietà, oltre a ridurre notevolmente la possibilità di abuso, presentano un ulteriore vantaggio: la riduzione della stipsi, un effetto collaterale frequente con altri oppioidi e che può ridurre l’efficacia della terapia”.Favorevoli a un maggiore impiego di oppiacei, non solo nel dolore oncologico o nelle cure palliative, sono il 64% dei pazienti, il 76% dei farmacisti e il 94% dei medici di famiglia, che in futuro pensano di prescriverne di più (69%). Una tendenza, seppur lieve, confermata anche dai dati di mercato.“Secondo l’ultimo Rapporto Osmed, il trend del consumo di farmaci dispensati dal SSN tra il 2004 e il 2012 evidenzia un lieve ma costante calo dei FANS e un progressivo aumento degli oppiacei”, dichiara Marco Filippini, Direttore del Centro Studi Mundipharma. “Si va verso un modestissimo miglioramento dell’appropriatezza prescrittiva in ambito dolore; i passi compiuti, però, sono lenti e poco significativi. Gli antinfiammatori continuano a costare molto al sistema sanitario e restano in assoluto i farmaci da banco più acquistati, nonostante gli importanti eventi avversi. Il mercato degli oppioidi, pur supportato dalla Legge 38, quest’anno cresce molto meno e sembra in affanno: da ottobre 2012 a settembre 2013, i dati IMS segnalano +17%, contro un +30% dello stesso periodo nell’anno precedente”.Il 62% dei pazienti ritiene che gli analgesici oppiacei siano poco diffusi perché ancora non se ne parla abbastanza; il 63% non avrebbe problemi ad assumerli, se fosse il medico a prescriverli. Il ruolo del generalista è dunque essenziale per promuovere la conoscenza e l’accettazione di questi farmaci.“Nel percepito dei pazienti, il medico di medicina generale rappresenta una figura cui si guarda con fiducia e deve dunque assolvere a una funzione di rassicurazione e consiglio nella scelta della terapia”, commenta Fiorenzo Corti, Responsabile comunicazione nazionale FIMMG. “Se per piccoli disturbi l’automedicazione può essere indicata, per patologie di rilievo come sindromi artrosiche o infiammazioni osteoarticolari, che richiederebbero una valutazione medica approfondita, le cure ‘fai da te’ possono essere rischiose oltre che poco appropriate. Per quanto riguarda in particolare la scarsa prescrizione di farmaci oppioidi, che colloca l’Italia agli ultimi posti rispetto agli altri Paesi europei, andrebbe fatta una riflessione seria. Occorre migliorare l’informazione e la formazione nella ‘real life’ delle cure primarie, coinvolgendo i medici nelle attività formative sul territorio, utilizzando il web e favorendo un cambio di cultura fra gli stessi cittadini. A questo proposito, FIMMG guarda con attenzione alle esperienze di ‘empowerment’ del paziente, partite l’anno scorso in Lombardia nel contesto della sperimentazione CREG”.“I risultati di questa indagine – conclude Marta Gentili, Presidente dell’Associazione pazienti Vivere senza dolore – mostrano come ci sia assoluta necessità di fare chiarezza tra medici, pazienti e farmacisti sul tema dolore. Quanto emerso è, per certi versi, in contraddizione con quanto accade quotidianamente e con quanto dichiarato nel corso degli ultimi mesi da questi stessi interlocutori. E’ necessario, quindi, che tutte le figure coinvolte nel processo educativo sul tema dolore si comportino responsabilmente, analizzando in maniera corretta lo stato dei fatti ed impegnandosi in maniera propositiva affinché la Legge 38 sia applicata con scrupolo e serietà”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori: nasce la carta europea

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Annals of Oncology

Annals of Oncology (Photo credit: Wikipedia)

Il prof. Stefano Cascinu, presidente AIOM: “La nostra specialità deve rimanere autonoma. Questo documento ci difende contro i tentativi di impoverirla riconducendola nell’ambito della medicina interna. Il periodo di formazione non può essere ridotto a quattro anni”
Milano, 13 dicembre 2013 – Un documento per garantire l’autonomia dell’oncologia medica in ogni Paese europeo e assicurare le cure migliori a tutti i pazienti. Nasce la Carta stilata dalle società scientifiche del Vecchio Continente riunite nell’ESMO (European Society for Medical Oncology), con l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) in prima linea, che definisce, in modo chiaro e formale, chi è l’oncologo medico. Oggi il cancro fa meno paura, infatti quasi il 60% delle persone colpite dalla malattia guarisce, ma l’autonomia della disciplina non può essere messa in discussione. “Negli ultimi mesi – afferma il prof. Stefano Cascinu, Presidente AIOM – abbiamo assistito con preoccupazione al rischio di vedere la nostra specialità ridotta a quattro anni, contravvenendo alla Direttiva Europea che fissa invece in un quinquennio il periodo di formazione. Il pericolo per ora sembra scongiurato, ma questo documento può ulteriormente proteggerci da tentativi di impoverimento dei percorsi formativi dei nostri specializzandi. E non è sostenibile l’idea di ricondurre l’oncologia all’interno della medicina interna. Va riconosciuto il carattere multidisciplinare della nostra specialità”. Il carico di lavoro dei camici bianchi, come evidenziato dalla V Edizione del Libro Bianco AIOM, è in costante crescita: in ogni struttura di oncologia medica del nostro Paese si eseguono in media 6170 visite ambulatoriali all’anno (erano 3.000 nel 1999, 3.400 nel 2004 e 5.000 nel 2008): i ricoveri sono 730 con una durata di circa 5 giorni. Ogni reparto ha una disponibilità di 15 posti letto e vi lavorano 6 medici strutturati. I risvolti del position paper, pubblicato oggi su Annals of Oncology, sono numerosi e importanti. “Il primo – spiega la dott.ssa Marina Garassino, Rappresentante italiana dell’ESMO – è difendere la qualità di cura per i nostri pazienti indipendentemente dalle barriere geografiche”. Nel 2013 si stimano in Italia 366.000 nuove diagnosi di cancro (erano 364mila nel 2012): 200.000 (55%) negli uomini e 166.000 (45%) nelle donne.
L’evoluzione della cura dei tumori richiede una figura specialistica sempre più preparata alle costanti evoluzioni e cambiamenti in materia, sia nell’ambito della diagnosi che delle terapie. “Solo la preparazione professionale dell’oncologo medico – sottolinea il prof. Razvan Popescu, coordinatore ESMO dei Rappresentanti nazionali europei e primo autore dell’articolo – al momento attuale è in grado di fornire garanzie nel trattamento e nella cura di questi pazienti”.
L’oncologia è una specialità relativamente recente, nata negli anni Sessanta, ma solo nel marzo 2011 è stata formalmente riconosciuta come specialità indipendente dall’Unione Europea. “Definire con chiarezza chi è l’oncologo medico – continua il dott. Massimo di Maio del Direttivo nazionale AIOM – abbatte le barriere anche per cercare lavoro all’estero. E garantisce il riconoscimento della nostra professionalità in qualsiasi Paese”. “Sono particolarmente a favore di questo documento – afferma il prof. Fortunato Ciardiello, presidente eletto ESMO -, il cancro è oggi una patologia a forte impatto economico e sociale ed è perciò necessario difendere l’autonomia della disciplina oncologica in tutta Europa”. “La cura dei pazienti oncologici – conclude la prof.ssa Martine Piccart, Presidente ESMO – è sempre più complessa e andrebbe perseguita in un ambito ‘olistico’ multidisciplinare, in cui l’oncologo ha un ruolo centrale nel team multidisciplinare insieme ad altre figure, come il chirurgo e il radioterapista”.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seminar for journalists on the European Parliament’s inquiry

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Brussels Tuesday 17 December at 15.00 – Room: ASP 5G2 Seminar for journalists on the European Parliament’s inquiry on electronic mass surveillance of EU citizens, with the presentation of key points of the draft report drawn up by Claude Moraes (Tuesday at 16.00), followed by two roundtables with Members of the Civil Liberties and Foreign Affairs Committees and journalists who had access to documents leaked by former NSA contractor Edward Snowden.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties Committee Inquiry on electronic mass surveillance of EU citizens

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Map of Brussels with EU flag

Map of Brussels with EU flag (Photo credit: Wikipedia)

Brussels Tuesday 17 December from 16.30 to 18.30 Wednesday 18 December from 9.00 to 12.30- Room: JAN 2Q2 Press conference by Claude MORAES (S&D, UK), EP inquiry rapporteur; Elmar BROK (EPP, DE), Chairman of the Foreign Affairs Committee and Mike ROGERS (R-MI), Chairman of the US House Permanent Select Committee on Intelligence, on EU-US cooperation to restore trust following allegations of NSA’s mass surveillance of EU citizens.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

TARES: Lo “Sportello dei Diritti” in ausilio dei contribuenti

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

P1030294 Commissione Tributaria Provinciale Di...

P1030294 Commissione Tributaria Provinciale Di Venezia (Photo credit: Chiew Pang)

Lo “Sportello dei Diritti”, ricorda nella persona del presidente Giovanni D’Agata, che lunedì 16 dicembre scade il termine per il pagamento del saldo TARES anno 2013.In questi giorni, infatti, molti comuni si sono adoperati nel far pervenire gli avvisi di pagamento creando non poche preoccupazioni tra i contribuenti, già afflitti dai quotidiani problemi determinati da una crisi economica senza precedenti. A tal proposito per eventuali contestazioni future, si precise quanto segue:
1) una volta pagata la tassa, il contribuente entro 5 anni può chiedere il rimborso, oltre gli interessi e, in caso di rifiuto da parte del Comune, si può proporre ricorso alla competente Commissione Tributaria Provinciale;
2) in caso, invece, di mancato pagamento, contro l’atto di recupero si può proporre ricorso entro 60 giorni innanzi alla competente Commissione Tributaria Provinciale. A questo punto, lo “Sportello dei Diritti”, con l’assistenza del tributarista avvocato Maurizio Villani, sta valutando la procedura di contestazione per una tassa ingiusta, illegittima ed immotivata.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abolizione finanziamento ai partiti

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

Italiano: Matteo Renzi è un politico italiano,...

Italiano: Matteo Renzi è un politico italiano, attuale sindaco della città di Firenze. (Photo credit: Wikipedia)

“Da oggi i partiti e la politica dovranno cominciare davvero a fare fundraising e la donazione di fondi sarà un nuovo indice per misurare la partecipazione dei cittadini alla vita politica e sociale del Paese”. Questo il commento del Segretario Generale di Competere.EU, Roberto Race e del Senior Fellow del think tank e Presidente del Centro Studi sul Non Profit Raffaele Picilli sull’approvazione del Governo in Consiglio dei Ministri del decreto di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.Il think tank Competere.EU, il pensatoio italiano nato per elaborare e implementare politiche e pratiche per lo sviluppo sostenibile, ha tra le sue aree di interesse proprio il finanziamento ai partiti, il quale viene seguito da un osservatorio con report dedicati.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regime cinese e atrocità

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2013

English: Shows Falun Gong practitioner being a...

English: Shows Falun Gong practitioner being arrested by the Chinese police. Falun Gong practitioner Zhang Cuiying was captured and detained for 8 months by the government. She subsequently left left China and went to Australia. (Photo credit: Wikipedia)

Il Parlamento europeo ha approvato ieri una risoluzione che condanna il «sistematico espianto di organi dai […] prigionieri di coscienza della Repubblica popolare cinese, incluso da un gran numero di praticanti del Falun Gong». La risoluzione invita gli Stati membri a condannare pubblicamente la pratica raccapricciante e a garantire che tutti gli interessati siano perseguiti.«Questa risoluzione ha inviato un messaggio forte al regime comunista cinese che tali crimini contro l’umanità sono inaccettabili da parte dei membri delle società civili», ha detto il Sig. Erping Zhang, portavoce del Falun Dafa Information Center.I rapporti dei funzionari cinesi che sorvegliano l’uccisione sistematica di persone per i loro organi è emersa prima nel marzo del 2006 quando una donna ha divulgato che fino a 4.000 praticanti del Falun Gong sono stati uccisi per i loro organi presso l’ospedale in cui aveva lavorato (leggi). Una settimana dopo, un medico militare cinese non solo ha confermato il conteggio della donna, ma ha sostenuto che tali atrocità stavano avendo luogo in 36 diversi campi di concentramento in tutto il Paese (leggi). Nel luglio 2006, l’ex Segretario di Stato per l’Asia-Pacifico David Kilgour e il rinomato avvocato per i diritti umani David Matas, hanno pubblicato il proprio rapporto di 140 pagine, che raggiunge «la conclusione deplorevole che le accuse sono vere» (leggi).Due libri sono stati successivamente pubblicati sul tema: Bloody Harvest: espianti di organi da praticanti del Falun Gong in Cina nel 2009, e Organi di Stato: l’abuso dei trapianti in Cina nel 2012 (in Italia nel 2013). Le due pubblicazioni concludono che decine di migliaia di praticanti del Falun Gong sono stati uccisi per i loro organi. Nel 2008 Israele ha vietato il turismo dei trapianti in risposta in gran parte alle prove emergenti sugli espianti di organi in Cina. Il 6 dicembre 2013 il parlamentare canadese Irwin Cotler ha introdotto una legge volta a prevenire che i Canadesi ottenessero organi che non sono stati donati volontariamente.
Alla commissione Giustizia del Senato è in discussione un disegno di legge che chiede sanzioni penali per chi fosse coinvolto nel traffico internazionale di organi (leggi). Negli Stati Uniti, la Camera dei Rappresentanti sta attualmente lavorando su una risoluzione di condanna degli espianti di organi in Cina, chiedendo indagini e un’azione penale.«Nonostante tutte le tattiche di pressione e intimidatorie che i funzionari cinesi hanno usato a livello internazionale per mantenere i governi stranieri lontani dal sottolineare questa atrocità, molti, compreso il Parlamento europeo, stanno ora esigendo che Pechino fermi questa pratica orribile», aggiunge Zhang. «Gli investigatori dicono che tra 45.000 e 65.000 praticanti del Falun Gong sono stati uccisi e i loro organi venduti a scopo di lucro. Questo deve essere fermato. è un affronto a tutta l’umanità».

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »