Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 15 febbraio 2014

Voices of young migrants offer mixed picture on global migration in UN’s latest World Youth Report

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

migrantsNew York,Of the world’s 232 million international migrants, 75 million people are under age 30, and the opportunities and challenges they face vary widely, according to the new United Nations World Youth Report, launched today.The report, on “Youth and Migration,” is based on the experiences of young people affected by migration and relates the stories of individuals as they move to new lands.About half of the young international migrants are women and girls, and 60 per cent of young international migrants live in developing countries. The report primarily focuses on the experiences of international migrants, but notes that many young people are internal migrants who move within their home countries.The report outlines the global situation of young migrants by highlighting some of the concerns, challenges and successes experienced by young migrants as told in their voices taken from a series of online consultations and surveys organized by the UN Department of Economic and Social Affairs (UN-DESA).“As a young, unmarried couple, we sought stability and the chance to start a life together,” Tome and Elizabete, young Portuguese migrants living in France, said. “We were searching for a better life, and there came an opportunity to migrate.”Young migrants are a diverse group. Their social, economic and educational backgrounds, how they migrate, and their motivation for leaving all influence the scope, scale and type of migration they experience. The struggles and opportunities young migrants face often differ according to the type of migration, such as regular versus irregular or voluntary versus forced.Voluntary migration for work, study or family reasons is more common than forced migration. The legal status of young migrants varies as they travel through transit and destination countries. Some travel as documented migrants, moving through legal channels or staying in other countries with the required paperwork. However, others are undocumented migrants who may lack the necessary legal authorization to enter, stay or work in a transit or destination country, or have overstayed the allowed time in their country of destination and are thus in an irregular situation.“Financial dependence among young people significantly affects their migration decision,” Laz, a Nigerian migrant living in the United States, said. “Some young people make the choice of using a cheaper but illegal route to move to another country when they are faced with the paucity of funds.”The reasons young migrants moved varied widely in accounts noted in the report with some positive, such as for educational and job opportunities, and some negative, such as due to conflict, coercion or persecution.“Persecution based on my sexual orientation and gender identity was a deciding factor for me as a transgender woman,” Liaam, a female migrant living in the United States, said. “My country of origin did not provide the guarantees necessary to protect my life.”The report examines the motivating factors behind young people’s migration decisions, the importance of information in preparing for and reducing the risks associated with migration, and the cost of migration and how it influences the choice of migration routes.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ronald Lauder urges Hungary to end divisions over Holocaust commemoration, expresses support for Jewish community

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

ungheria-budapest-2BRUSSELS / NEW YORK – Ronald S. Lauder, the president of the World Jewish Congress (WJC), is urging the Hungarian government to put an end to the row with the country’s Jewish community over the commemoration of the Holocaust. In an opinion article to be published by Hungary’s leading newspaper Népszabadság on Saturday, Lauder reaffirms that the WJC backs the decision taken last Sunday by the Federation of Hungarian Jewish Communities (Mazsihisz) not to take part in official events marking the 70th anniversary of the deportation of Hungarian Jews to the Nazi death camps unless its concerns regarding controversial projects are addressed.“The decision taken by Mazsihisz has the full support of the World Jewish Congress. Let there be no doubt: The Jewish community both in Hungary and internationally stands united on this issue. Reconciliation and forgiveness are difficult to achieve when the views of the Jewish community, of those who lived through these dark days, or of their descendants, are not are not taken into account, or are publicly discredited,” Lauder states.In his article, the WJC president expresses concern that the issue of Hungary’s role in the Holocaust has become the subject of debate in the midst of the general election campaign. “Extreme-right forces must not be allowed to exploit this issue for electioneering purposes. The remembrance of the Holocaust and of the atrocities committed during World War II ought to unite Hungarians, not divide them. It is of critical importance that younger generations are educated about what happened during World War II,” he argues.“For Jews, the Holocaust is not an issue of left or right. It is not, and should not be, the subject of an election campaign,” Lauder writes, adding: “Portraying Hungary solely as a victim of Nazi Germany obfuscates the role the administration of Miklós Horthy played, first in depriving Hungarian Jews of their civil rights and later in sending thousands of them to the death camps.”Lauder also calls on the government of Prime Minister Viktor Orbán to postpone the installation of a controversial monument on Budapest’s Liberty Square. “If Viktor Orbán and the Hungarian government seriously believe that the statue should also be a memorial for the Jewish victims, at the very least they should listen to the Jewish community’s concerns, take them into account, and reconsider their plans.”Last May, the World Jewish Congress held its Plenary Assembly in Budapest in solidarity with Hungary’s Jewish community, which is the largest in Central Europe.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unreported violence against women masks true extent of problem

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

violenceTwo-thirds of female victims of physical and/or sexual violence did not contact the police or any other service following the most serious incident of violence they had experienced, a survey from the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) can reveal. The scale of the problem therefore often remains invisible in official figures, highlighting the need to improve awareness of the issue.“FRA’s survey has uncovered shocking levels of violence against women across the EU,” said FRA Director Morten Kjaerum on V-Day, in support of the global movement to end violence against women. “42,000 women have spoken to us about their experiences of abuse at home, at work, in public and online. Their collective voices underline the urgent need to empower women to discuss and report this all too common problem so authorities can act to help end violence against women.”On 5 March, FRA will present the results of its survey on gender-based violence at a high-level conference in Brussels. It is the first and largest EU-wide survey to record the extent and nature of violence against women across the EU. The survey results are based on face-to-face interviews with 42,000 women in the 28 EU Member States. They provide reliable and comparable data on women’s experiences of various types of physical, sexual and psychological violence by current and former partners, and other perpetrators. The survey also covered women’s experiences of stalking and sexual harassment – including cyber stalking and cyber harassment – and asked adult women about their childhood experiences of violence.The conference will bring together about 250 representatives from EU institutions and bodies, international organisations, national governments and parliaments, national human rights bodies and civil society will are expected to attend. Decision makers and practitioners will hear about the extent of the problem, as a prelude to discussions about the findings and about what EU and national policy makers could do to help combat violence against women.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Thailandia: 1300 profughi Rohingya espulsi verso la Birmania

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

thailandiaDopo mesi di smentite lo scorso 13 febbraio le autorità thailandesi hanno per la prima volta ammesso di aver forzatamente rimpatriato 1.3000 profughi Rohingya verso la Birmania. Le espulsioni sono avvenute tra settembre e novembre 2013 e senza che fossero precedute dallo studio dei singoli casi. Secondo le dichiarazioni di un generale della polizia thailandese, i profughi sono stati trasferiti in barca dalla provincia thailandese di Ranong alla vicina regione birmana di Tanintharyi. Il trasferimento sarebbe avvenuto in accordo con le autorità birmane. Negli scorsi anni le organizzazioni per i diritti umani hanno ripetutamente denunciato il trattamento disumano riservato in Thailandia ai profughi Rohingya e avevano chiesto al paese di garantire la tutela permanente ai profughi che a casa loro erano stati e sarebbero nuovamente stati vittime di pesanti persecuzioni.La situazione non cambia molto nel vicino Bangladesh. La scorsa settimana la ministra degli affari esteri bengalese Dipu Moni ha confermato che il suo paese non può accogliere altri Rohingya e che si impegnerà per un veloce rimpatrio dei profughi. Il ministero degli esteri del Bangladesh avrebbe anche già preparato un piano di azione e nominato una commissione per l’attuazione del piano. Una commissione inter-ministeriale dovrebbe infine elaborare insieme a polizia e guardie di frontiera una nuova strategia per il controllo dei rifugiati. Attualmente circa 30.000 Rohingya vivono legalmente nei campi profughi nel sud del Bangladesh ma altri 300.000 circa vivono senza documenti nella regione di Cox Bazar nelle vicinanze della città di Chittagong. La loro è una situazione terribile, costretti a nascondersi dalle autorità, essi sono quotidianamente vittime di aggressione e sfruttamento.Il rimpatrio forzato dei Rohingya nonostante la violenta persecuzione e i sistematici crimini e massacri che subiscono in Birmania viola decisamente i parametri del diritto umanitario internazionale. Negare protezione e tutela a chi a casa propria rischia la vita unicamente in base alla sua appartenenza etnica e religiosa è disumano e indegno di qualunque paese che voglia dirsi democratico. Né la Thailandia né il Bangladesh esercitano pressione sulle autorità birmane affinché pongano fine alla discriminazione dei Rohingya. Il Bangladesh ha infine rifiutato gli aiuti all’accoglienza e alla gestione della situazione dei profughi illegali offerti dall’Unione Europea.I profughi forzatamente rimpatriati in Birmania (Myanmar) rischiano lunghe pene detentive. Dal 2011 ad oggi molti dei Rohingya costretti a tornare nel paese hanno dovuto affrontare condanne al carcere per “abbandono illegale della Repubblica”.La politica restrittiva sui profughi di Thailandia e Bangladesh contribuisce a far fiorire la tratta di esseri umani. Attualmente solo le organizzazioni illegali riescono ancora a portare fuori dal paese i profughi disperati. Arrivati oltre frontiera i Rohingya si ritrovano poi nella trappola dei trafficanti e costretti a lavorare come mano d’opera a bassissimo costo. Considerata la situazione dei Rohingya in Bangladesh, si è aperto anche un nuovo mercato per i trafficanti di persone che trasferiscono i Rohingya dal Bangladesh all’India dove ancora una volta essi si trovano a essere ridotti in condizioni di schiavitù e vengono sfruttati come lavoratori a basso costo.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energia: l’Italia cambierà passo?

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

energia“Abbiamo l’ambizione che gli oltre 180.000 chilometri della rete idraulica minore, da noi gestita, diventino un grande serbatoio di energia per il Paese.” Lo afferma Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), a corollario dell’odierna firma del Protocollo d’Intesa con AssoRinnovabili per lo sviluppo, in primo luogo, dei cosiddetti “mini” e “micro” idroelettrico.“L’odierna firma – prosegue Gargano – va nella direzione del territorio e del suo sviluppo. La produzione idroelettrica, che oggi assicura il 12% del fabbisogno energetico del Paese, garantisce la maggiore efficienza tra le energie rinnovabili; è ad emissioni zero; non ha problemi di smaltimento di residui e non consuma suolo; non crea inquinamento acustico. Con le moderne tecnologie siamo in grado di produrre energia grazie anche alla sola acqua fluente; i Consorzi di bonifica, per la distribuzione irrigua ed il “sollevamento delle acque”, sono grandi utilizzatori di energia e già oggi producono circa 377 milioni di chilowattora grazie a 115 impianti idroelettrici. Sono già progettate ulteriori 41 centraline per la produzione di ulteriori 45 milioni di chilowattora. E’ un patrimonio, che mettiamo a servizio del Paese, chiedendo però che vengano migliorate le normative in materia. Da oggi, con Asso Rinnovabili, creiamo un gruppo di lavoro per elaborare congiuntamente proposte sui temi delle autorizzazioni, degli incentivi e dei collegamenti alla rete elettrica, utilizzando interessi e competenze comuni”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fronte europeo per il Kosovo

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

kosovoUna delegazione composta da quindici membri del Fronte Europeo per il Kosovo è partita stamani da Roma alla volta di Varsavia. Nella capitale polacca – in data sabato 15/02 – avrà luogo la manifestazione internazionale “Kosowo jest Serbskie”, promossa ed organizzata dagli Autonomi Nazionalisti Polacchi a sostegno delle minoranze serbe presenti nella regione del Kosovo e Metochia.L’appuntamento internazionale “Kosowo jest Serbskie” – giunto ormai alla sua terza edizione – quest’anno vedrà presente per la prima volta anche la delegazione romana del Fronte Europeo per il Kosovo. Ad aspettare i volontari della Capitale a Varsavia un’ulteriore delegazione del Fronte, proveniente dalla Repubblica Ceca, con cui dal 16 al 21/10/2013 i volontari romani sono stati impegnati in un’importante missione umanitaria nelle enclave serbe del Kosovo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: il paese dei diritti negati

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2014

disabiliE’ unicamente a suon di cause legali che gli Italiani, da qualche anno a questa parte, ottengono il rispetto di diritti, inclusi quelli costituzionali che, in altri Paesi realmente civili, vengono dati per scontati. Ed è proprio alla Costituzione, la Legge italiana per eccellenza, quella cui deve riferirsi tutta la normativa, che un gruppo di cittadini ha deciso di appellarsi perché non venga cancellato quanto stabilito tra i suoi principi fondamentali, all’articolo 3: il diritto alla «rimozione degli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana».Si tratta di un ricorso collettivo nazionale contro l’amministrazione statale, al quale potranno partecipare tutti i cittadini italiani, promosso da persone con disabilità e dalle loro famiglie, in opposizione al nuovo ISEE, l’indicatore della situazione economica delle famiglie, necessario per accedere a prestazioni sociali agevolate, recentemente regolamentato da un Decreto.«E’ stata una vera beffa – affermano dal comitato promotore della causa – ascoltare il presidente del Consiglio Letta annunciare questo provvedimento proprio il 3 Dicembre, giornata in tutto il mondo dedicata ai diritti dei disabili, e descriverlo come una normativa in favore delle persone con disabilità mentre è palese che, considerare i sostegni economici destinati a superare una condizione di gravissimo disagio quale un vero e proprio reddito, non possa che penalizzare ulteriormente famiglie già a concreto rischio di povertà.»L’antefatto è rappresentato dall’art.5 del Decreto Salva Italia (DL n. 201, 6/12/2011) nel quale veniva rivoluzionato l’utilizzo dell’ISEE ma soprattutto dal Decreto attuativo recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale. In quest’ultimo sono stati infatti fissati gli elementi utili a fotografare la “ricchezza” delle famiglie, individuata anche nelle indennità di accompagnamento e nei sostegni economici per l’assistenza domiciliare alla persone non autosufficienti e che, all’interno del decreto incriminato, vengono considerati alla stessa stregua delle plusvalenze di Borsa o dei redditi d’impresa. Altro elemento preoccupante è l’aver cancellato il coefficiente di riparametrazione che precedentemente considerava il disagio delle famiglie con disabilità. Ma del resto è tutto il Decreto ad essere infarcito di iniquità, disattenzioni, inasprimenti, tanto da farlo stridere fortemente con le parole del Governo che hanno astutamente tentato di farlo passare per una norma in favore delle persone con disabilità.Attraverso questa causa, quindi, i ricorrenti contesteranno l’impianto stesso del Decreto nella parte che: considera reddito il sostegno sociale alla disabilità sancito dalla Costituzione; fissa un tetto massimo alle spese effettivamente sostenute e le limita a quelle deducibili dalla dichiarazione dei redditi; non consente l’intera detrazione delle spese sostenute per l’assistenza personale; discrimina in modo ingiustificato l’entità delle detrazioni tra disabili minorenni e disabili maggiorenni.
Il ricorso verrà curato dal Prof Federico Sorrentino, noto costituzionalista e docente universitario, che invita gli aspiranti ricorrenti ad attivarsi il prima possibile in quanto i termini per poter impugnare la normativa scadranno entro brevissimo tempo.A sostegno dell’iniziativa, predisposta in forma collettiva per ridurre la spesa che i ricorrenti dovranno affrontare per una causa di portata storica, e per fornire tutte le informazioni necessarie ai firmatari del ricorso, sono raggiungibili su internet il gruppo Facebook “STOP AL NUOVO ISEE” – http://www.facebook.com/groups/STOPALNUOVOisee – e il blog – http://stop-al-nuovo-isee.blogspot.it dove sarà anche possibile sottoscrivere online la propria adesione attraverso lo specifico modulo.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »