Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 19 febbraio 2014

Statement of Victor Pinchuk

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

victor pinchuk1Victor Pinchuk said: “A peaceful solution must be found, it is imperative to refrain from the use of force and find a compromise. Ukraine since its independence has avoided bloodshed. We must return to this tradition immediately. From this minute, this is the responsibility of everyone – those in power, the opposition, civil society, business. It is time for all sides to take courageous steps towards compromise that they may not yet have been ready to take even this morning. For each of us, love for Ukraine must be immeasurably more important than any other feelings and interests.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Frost & Sullivan: Europe Lagging Behind Regarding Standard ESC Fitment in Cars

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

frost sullivanLondon, UK Electronic Stability Control (ESC) is themost dominant enabler for active and passive safety technologies. Built into a car, it is crucial to avoiding crashes caused by losing control over the vehicle. But while the technology has achieved near complete penetration in North America, Europe still lags behind, which is mainly due to the lack of legislations mandating the technology in the region. Despite the European New Car Assessment Programme (EuroNCAP) which includes tests to rate cars fitted with ESC from 2011, the technology has witnessed only minimal growth over the last two years. According to Frost & Sullivan, the European ESC market is expected to reach
a market value of close to €2 billion by 2020. Among the various original equipment manufacturers (OEMs), it is the upper tiers in the pyramid that attract maximum fitment rates, with the German Big Three claiming close to 100 percent fitment across the eight segments they cater to. “The mass market segments, though, work differently,” says Frost & Sullivan (www.automotive.frost.com) Industry Analyst, Arunprasad Nandakumar. “Across Europe, different OEMs have established varied strategies for marketing ESC for their portfolios. While the optional fitment costs the consumer anywhere between 300 to 1200 Euros, the average optional fitment rate is approximately 540 Euros across Europe. If the technology does become mandatory in 2014, it will pose a challenge to volume manufacturers. They will either have to bear the cost of the technology or pass it on to the end consumer.”While mass market OEMs, such as Volkswagen and Toyota, follow a similar strategy by providing the technology as standard in 60-70 percent and as optional in the rest of their models, a few others, such as Fiat and
Hyundai, have decided to offer the technology not even as optional on over three percent of their entire product range.Regarding rate diversity, Nissan and Renault, despite their existing alliance, serve another interesting case in point. While Renault incorporates the technology on a standard base of at least 80 percent of its line-up, Nissan only reaches 60 percent. But Renault sells about 1.6
times the volumes compared to Nissan in Europe, and the Japanese
manufacturer may therefore be more sceptical to further increase the cost of its products, and thus counteract the effort to improve sales figures. In addition, ESC fitment in Japan is still below that of Europe and North America, due to home-market legislation and few Japanese suppliers. Also American-owned Opel, a manufacturer offering the technology as standard across its portfolio in North America, only reaches 58 percent of fitment rates in Europe. While the standard fitment rate for Asian OEMs stands at 54 percent in Europe, European mass OEMs competing in the same segment are at 49 percent. On top of that, countries, such as Denmark, Sweden, and Germany, offer ESC
fitment as standard in most models, while countries like Greece, Malta, and Iceland fail to offer the technology even as optional in most of the
available models. Dealers operating in more than one European country, fail to provide the technology equivalently. It is therefore not just the responsibility of a dealer to ensure favourable uptake of optional fitment; OEMs need to ensure availability across vehicle model line-up.
“It is understandable that fitment rates are higher among premium OEMs in comparison to volume OEMs such as Fiat, Ford Europe, and others who are faced with packaging challenges to incorporate an ESC into their existing models,” Nandakumar concludes. “But the anomalies in fitment rates among various models within similar price brackets is a concern that automobile manufacturers need to assess.” The trend in fitment rates is expected to change as the technology is likely to become mandatory by September 2014, ensuring that all vehicle models manufactured since will bear ESC as standard.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rinite gravidica: si presenta nel 60% circa delle donne in attesa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

rinite allergicaMilano, Spesso, soprattutto in questa stagione, può essere confusa con i segnali tipici del raffreddore: naso chiuso, secrezione abbondante di muco, starnuti a raffica, prurito al naso, voce nasale ma, se questi sintomi appaiono in gravidanza, è più probabile che si tratti di rinite gravidica, una condizione che si riscontra nel 60% delle donne in dolce attesa. I sintomi, generalmente non gravissimi, sono però piuttosto fastidiosi e possono disturbare gli ultimi mesi della gravidanza. Il problema delle riniti indotte dalla gravidanza è tendenzialmente sottostimato a causa di una scarsa conoscenza del fenomeno e anche perché viene generalmente confuso con il banale raffreddore. I medici concordano nel dire che si può parlare di rinite gravidica in presenza di una congestione nasale che si manifesta in assenza di altri indici di infezione delle vie respiratorie (sia di tipo virale che di tipo batterico) o cause di origine allergica. A causare la rinite gravidica sono gli ormoni, gli estrogeni e il progesterone: questi ormoni avrebbero un effetto sull’aumento della vascolarizzazione e delle secrezioni ghiandolari che causano il gonfiore della mucosa nasale e la sua congestione.Come affrontare un problema tanto fastidioso senza ricorrere ai farmaci – cortisonici, antistaminici o vasocostrittori – comunemente impiegati, ma sconsigliati in gravidanza? La risposta nell’acido ialuronico ad alto peso molecolare, disponibile in farmacia come sodio ialuronato in fiale allo 0,3%.
“Il nostro gruppo di ricerca, coordinato dal Prof. Maurizio Iengo, spiega Elena Cantone – specialista in Otorinolaringoiatra presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Federico II di Napoli – ha dimostrato che c’è una differente concentrazione di ormoni sessuali e dei loro recettori sulla mucosa nasale nelle varie fasi ormonali della donna ed in particolare nel periodo della gravidanza. La rinopatia gravidica ed i sintomi correlati dipendono sia da un effetto diretto degli ormoni sessuali sulla mucosa nasale, sia da uno indiretto, che determinerebbero una variazione di concentrazione locale dei recettori per gli ormoni e di alcuni neurotrasmettitori. L’effetto finale è un aumento della vascolarizzazione e delle secrezioni ghiandolari, che determina uno stimolo continuo sulla mucosa nasale causa di gonfiore e congestione. Il problema è inasprito dalla controindicazione, in gravidanza, all’assunzione di farmaci quali cortisonici e vasocostrittori in genere indicati per la rinite. Lavaggi nasali con soluzioni fisiologiche possono aiutare ma spesso non sono sufficienti alla risoluzione dei sintomi. Recentemente, prosegue la specialista, si è rivelato efficace e privo di controindicazioni il trattamento con nebulizzazioni nasali di acido ialuronico, che non solo migliora la sintomatologia specifica ma agisce anche idratando la mucosa nasale e fluidificando le secrezioni”.
L’acido ialuronico ad alto peso molecolare, disponibile in farmacia come sodio ialuronato in fiale allo 0,3% (Yabro®), consente l’eliminazione dei sintomi e il miglioramento della qualità della respirazione. Esso ha la capacità di idratare le mucose, dando sollievo a bruciore e prurito, e, al tempo stesso, migliorando il battito ciliare che consente l’eliminazione del muco. In uno studio condotto dal Dr. Alberto Macchi della Clinica di Otorinolaringoiatria, Università dell’Insubria di Varese, pubblicato nel 2013 sulla rivista “International Journal of Immunopathology and Pharmacology”, è stato dimostrato che, alla fine del trattamento con aerosol di sodio ialuronato, più del 55% dei pazienti non era più affetto da rinite.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lufthansa e Austrian Airlines annunciano la collaborazione con Amadeus per incrementare le offerte per i viaggiatori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

LufthansaMilano. Lufthansa, la più grande compagnia europea di bandiera tedesca, e Amadeus, leader nella distribuzione e nella fornitura di tecnologie avanzate per l’industria globale dei viaggi e del turismo, annunciano un nuovo accordo che vedrà la vendita anticipata della prenotazione dei posti, quale servizio ancillare per le agenzie di viaggi che usano Amadeus Airline Ancillary Services. L’accordo, che coinvolge anche la compagnia Austrian Airlines, consociata di Lufthansa, prevede la possibilità per gli agenti di viaggio che utilizzano Amadeus, in 63 mercati nel mondo, di effettuare la prenotazione anticipata dei posti nella Economy Class per i viaggiatori che volano su rotte nazionali ed europee. I passeggeri, inoltre, potranno acquistare i posti Extra legroom sulle tratte continentali e intercontinentali.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cina: nuova ondata di violenza in Xinjiang

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

XinjiangIn seguito a un attacco di militanti Uiguri a una colonna di polizia avvenuto lo scorso 14 febbraio nel distretto di Uchturpan nella prefettura di Aksu e in cui hanno perso la vita 15 persone tra cui 11 Uiguri, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si appella alla comunità internazionale affinché si impegni nei confronti delle autorità cinesi per porre fine alla persecuzione della minoranza musulmana degli Uiguri. Per l’APM, l’aumento della violenza anche da parte degli Uiguri è conseguenza diretta della forte repressione e persecuzione che gli Uiguri subiscono. Da gennaio 2013 gli scontri tra forze di sicurezza cinesi e Uiguri nella provincia dello Xinjiang hanno causato almeno 254 morti, di cui 39 solo nei primi due mesi del 2014.Decine di blogger, giornalisti, scienziati e attivisti per i diritti umani uiguri sono in carcere per motivi politici. Gli arresti arbitrari e di persone note come quello dell’economista Ilham Tohti, arrestato lo scorso 15 gennaio 2014 e di cui si sono perse le tracce, o quello dell’attivista per i diritti umani uiguro Abduweli Ayub non fanno altro che innalzare i toni dello scontro e alimentare la violenza. Il 39enne padre di famiglia Abduweli Ayub è stato arrestato in agosto 2013 a Kashgar perché raccoglieva soldi per una scuola uigura indipendente. La scuola dovrebbe dare alla popolazione uigura la possibilità dell’insegnamento nella propria lingua e quindi la sopravvivenza della lingua uigura anche in ambito pubblico dove è invece sempre più soppiantata dal cinese Han. Abduweli Ayub è stato arrestato insieme ai suoi collaboratori Dilyar Obul e Muhemmet Sidik. Tutti e tre gli attivisti sono detenuti nel carcere di Urumchi e rischiano una lunga detenzione.Secondo le stime di diverse associazioni per i diritti umani, i processi per “minaccia alla sicurezza statale” tenuti nella regione autonoma dello Xinjiang sono aumentati circa del 10% rispetti all’anno prima, raggiungendo i 296 procedimenti penali. In nessuna altra regione cinese ci sono così tanti procedimenti per presunti crimini legati alla sicurezza dello stato come nello Xinjiang. A confronto, in Tibet, che pure è scosso da rivendicazioni per il rispetto dei diritti umani, culturali e religiosi, nel 2013 sono stati accusati di “minaccia alla sicurezza dello Stato” 20 persone. Il 60% dei processi a sfondo politico si svolgono nella città di Kashgar, il tradizionale centro uiguro.Secondo l’APM, l’unico modo per garantire la pace nella provincia dello Xinjiang è quello di avviare un dialogo con la minoranza uigura del paese. Ma difficilmente le autorità cinesi risulteranno credibili se non libereranno prima tutti gli attivisti, giornalisti e semplici cittadini arrestati per motivi politici e non annulleranno le massicce limitazioni alla libertà religiosa degli Uiguri.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ferrari – The World’s Most Powerful Brand

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

The Brand Finance Global 500, released today, is an annual study conducted by leading brand valuation consultancy Brand Finance. The world’s biggest brands are put to the test and evaluated to determine which are the most powerful and most valuable.Ferrari is the world’s most powerful brand. The legendary Italian carmaker scores highly on a wide variety of measures on Brand Finance’s Brand Strength Index, from desirability, loyalty and consumer sentiment to visual identity, online presence and employee satisfaction. Ferrari is one of only eleven brands (including Google, Hermès, Coca-Cola, Disney, Rolex and F1 racing rivals Red Bull) to be awarded an AAA+ brand rating and has the highest overall score.Brand Finance Chief Executive David Haigh stated, “The prancing horse on a yellow badge is instantly recognizable the world over, even where paved roads have yet to reach. In its home country and among its many admirers worldwide Ferrari inspires more than just brand loyalty, more of a cultish, even quasi-religious devotion, its brand power is indisputable.”Though Ferrari is the world’s most powerful brand, being a niche, luxury brand with an officially capped production, it is perhaps unsurprising that it is some way off being the world’s most valuable. Its US$4 billion brand value puts it 350th in brand value terms. David Haigh continues, “Apple also has a powerful brand, rated AAA by Brand Finance. However what sets it apart is its ability to monetize that brand. For example, though tablets were in use before the iPad, it was the application of the Apple brand to the concept that captured the public imagination and allowed it to take off as a commercial reality.” This is just one of the factors responsible for its US$105 billion brand value; Apple is the world’s most valuable brand for the third year in a row.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Are Detroit OEMs Heading Towards Extinction if Apple Acquires Tesla?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2014

london-centralLondon, UK – 18 February 2014 – “Apple has an arm that researches automated driving technology and Tesla is also interested in automated driving. Hence, the speculations carry more weight than mere rumours, as if about celebrities or colleagues,” said Frost & Sullivan Automotive and Transportation Team Leader Prana Tharthiharan. “The clear trend we expect is the emergence of a smart-phone industry-like value chain that would coexist with the traditional automotive value chain.”With Google already having demonstrated that they can create an Android inthe automotive space with the modified driverless Toyota Prius, Apple would need its version of an iCar in order to compete and Tesla is considered the technological equivalent of Apple in the automotive world. So, are these Silicon Valley giants looking to step into the role of an integrated mobility provider (where automakers end up supplying hardware to these brands) or that of a supplier, so that a BMW or a Porsche can best tap the connected-car potential? One thing is for sure: they cannot step on anyone’s toes – but these potential disruptors hold less potential to replace an OEM or a supplier, but could completely transform the “power” equation in the value chain.
Millennials on mobile phone service prefer owning the latest iPhone or other smart-phone and place an emphasis on branding, constantly arguing between being a “Mac” person or an “Android” person. And while their disposable income is not high, telecom operators have started offering bundles of phones that you can pay for on a monthly basis with the ability to upgrade when the next “in-thing” is in the store to keep with the times. If the future holds potential for cars to be available to one and all, without having to own the vehicle, take a guess – what brand do you think consumers would pick: one from Detroit or one from Silicon Valley? Keeping in mind that seven out of the top ten brands (by value) are tech-companies and the top two are Apple and Google.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »