Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 23 febbraio 2014

Simba The Lion Goes Home

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

leoneToday international wildlife charity, the Born Free Foundation, and The Natuurhulpcentrum (Wildlife Rescue Centre) announced that Simba the lion’s epic journey to Africa had started, accompanied by Bafta award-winning actress Virginia McKenna OBE and Coronation Street favourite Helen Worth.The uplifting story of Simba has captured the hearts and imagination of people across the world and, with the relocation firmly underway, it brings the tragic story of this magnificent lion to a new and exciting chapter. From the confines of a zoo cage to the beast wagon of an animal trainer, Simba finally embarks on the 4,900 mile journey to the Born Free-supported Lilongwe Wildlife Centre in Malawi.The expert relocation team and sanctuary staff, headed up by senior wildlife vet Stef Michels and Born Free’s Big Cat expert Tony Wiles, met early this morning and gently encouraged Simba into his travelling crate in preparation for his 4 hour journey to Amsterdam’s Schiphol airport.
Stef said, “We were hopeful that Simba would respond and voluntarily enter the crate and, with his familiar carers around him, it all went to plan. So far he has had a smooth journey, which he is taking well and we are very pleased with his progress.” Star of Coronation Street and long term ambassador for Born Free, Helen Worth, was on hand to lend her support and witness proceedings. Helen said, “This is the first time I have met Simba and what a beautiful animal he is. It is a disgrace that in modern Europe such neglect of wild animals can still be found. I am delighted that I can be part of this operation that is running so smoothly and will take Simba to a new secure home with lifetime care.” Simba was six months old when he entered the French zoo, Parc Zoologique du Bouy, and only two months later he was then acquired by an animal trainer in Vernay. Here, poor Simba’s home was a ‘beast wagon’ – nothing more than a lorry trailer and leone1sometimes the use of a small outside run. Thankfully though, matters were about to change for Simba when the French Authorities stepped in and ordered that Simba be handed over. At the end of 2012, thanks to a concerted effort by Fondation 30 Millions d’Amis, a French NGO, and the Natuurhulpcentrum Opglabbeek, Simba had a temporary new home in Belgium and following discussions with Born Free last year the plan was hatched to move Simba to Africa.Sil Janssen, Founder and chairman of the Natuurhulpcentrum said: “Every time we release an animal or send it off to a new and better home, it is a great day for the Natuurhulpcentrum. This is what we work and strive for. We know that Simba will be in good hands with Born Free Foundation and the Lilongwe Wildlife Centre.”The move to relocate Simba has been a great team effort with sponsorship and support of the transportation courtesy of Born Free’s Global conservation partner Land Rover and Kenya Airways, ‘The Pride of Africa’, generously providing the flights.As Simba’s IATA-approved crate was loaded onto a trailer, the convoy headed up with the pulling power of the 6-strong convoy of Land Rover Discovery cars set off on their journey.Mark Cameron, Land Rover Global Brand Experience Director, said, “Over the past decade Land Rover has enjoyed a successful and rewarding partnership with the Born Free Foundation and I am therefore delighted that our Land Rover Experience team have been able to help with the safe relocation of Simba from Belgium to Malawi. Born Free has worked tirelessly to ensure Simba enjoys the rest of his life in his new home and I am very proud that through the towing capability of our vehicles and the expertise of our Land Rover Experience drive team we can help this become a reality.”On arrival at Schiphol, Simba will be taken into the animal quarantine centre before boarding the Kenya Airways 767 aircraft, under the careful supervision of the ground staff. Simba’s flight to Malawi will have a short touchdown in Nairobi’s Jomo Kenyatta Airport whilst enroute to Lilongwe. Kenya Airways Group Managing Director and Chief Executive Officer, Dr. Titus Naikuni, noted that, “The initiative is part of the airline’s partnership with the Born Free Foundation towards supporting wildlife conservation by rescuing endangered animals and restoring them to their natural habitats. Wildlife is our heritage, and its conservation and protection is the responsibility of all of us. Therefore, I find this an amazing example of how we can connect across the globe to protect endangered wildlife for their return and long-term survival in their natural habitats.”At Nairobi, Simba will be met by the symbol of lions herself the Born Free actress and founder of the Born Free Foundation, Virginia McKenna OBE, who will join the team and personally be making the journey to welcome Simba into his new home.Virginia said, “How wonderful to have a ‘good news’ animal story! In contrast to the seemingly endless negative and tragic ones that have filled the media in recent weeks. Yes, it is about one animal, one individual, but all of them matter and Simba, having initially been taken in by a Belgian Rescue centre from an animal trainer in France, is now to begin his final journey to Africa, his rightful homeland. The public’s generous response to his situation has been quite amazing. Indeed, people are increasingly aware of how wild animals can be exploited and can suffer, and perhaps long to be a part of a caring and positive story.”In time there are plans to introduce Simba to a lioness named Bella who was rescued by Born Free from a Romanian zoo and now lives at the Lilongwe Wildlife Sanctuary in Malawi.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La storia naturale della pressione arteriosa

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

pressione arteriosaSe nei 25 anni che separano un giovane adulto dalla mezza età la pressione aumenta, cresce anche il rischio di aterosclerosi coronarica, misurabile dal grado di calcificazioni delle arterie cardiache. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Jama e coordinato da Norrina Allen, ricercatrice alla Feinberg school of medicine della Northwestern university di Chicago. «La pressione sanguigna è un importante fattore di rischio per la malattia cardiovascolare, ma gli attuali modelli predittivi considerano solo i valori misurati al momento di stimare la morbilità coronarica, cosa che di solito si fa nella mezza età o più avanti, senza considerare l’effetto potenziale dei valori pressori nel corso del tempo» spiega la ricercatrice, che assieme ai colleghi ha provato a correlare le tendenze pressorie all’estensione delle calcificazione coronariche (Cac) nei 4681 partecipanti allo studio Cardia, Coronary artery risk development in young adults, ambosessi bianchi e neri fra 18 e 30 anni all’inizio dello studio, nel 1985-1986. Durante i 25 anni di follow-up i ricercatori hanno misurato pressione sistolica, diastolica e mediana identificando cinque distinte sottopopolazioni in base alle variazioni di pressione registrate fino alla mezza età: il 22% dei partecipanti ha mantenuto bassi valori in tutto il follow-up; il 42% aveva livelli moderati persistenti; il 12% aveva livelli che aumentavano gradualmente; il 19% aveva la pressione alta in modo stabile e il 5% iniziava con valori elevati che aumentavano ancora durante il follow-up. «A conti fatti, la prevalenza di un punteggio di calcificazione coronarica elevato variava dal 4% nel primo gruppo al 25% nell’ultimo» riprende Allen. E conclude: «Anche se la pressione sanguigna è un fattore di rischio noto da decenni, questi risultati suggeriscono che il suo andamento a lungo termine può essere una preziosa fonte di informazioni sul rischio coronarico». E in un editoriale di accompagnamento Pantelis Sarafidis, dell’università di Salonicco, in Grecia, commenta: «I dati di Allen e colleghi approcciano in modo nuovo la valutazione del rischio di malattia cardiovascolare e aprono importanti prospettive nella prevenzione della malattia coronarica dimostrando l’esistenza di diverse possibili evoluzioni della pressione sanguigna nel quarto di secolo che separa un giovane adulto dalla mezza età».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The single market 20 years later: challenges and opportunities

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

single marketThis synthesis by Emanuel Gyger and Maria Eugenia Le Gourriérec, reviews the main ideas discussed during the conference entitled “The single market 20 years later: challenges and opportunities” organised by Notre Europe – Jacques Delors Institute and the Maison de l’Europe on 11 December 2013 in Paris. The conference focused on two elements of the single market: growth and the social dimension. The text is divided in five parts:
1. The single market, a driving force for growth in Europe;
2. A potential which has yet to be fully exploited;
3. A single market based on competition and on solidarity;
4. The social dimension of the single market in the context of the European elections campaign;
5. The single market, unloved and incomplete. (Photo: single market)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Friend of the Sea sponsors

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

veneziaVenice monk seal conservation project. Friend of the Sea has made an important donation to LIPU (Italian major birds’ conservation organization). The donation will support a project for the protection and conservation of habitats in the Venice Lagoon which hosts monk seal and marine birds.Monk seals are normally found in other areas of the Mediterranean Sea, mainly in Turkey, Greece, and Croatia, but last summer a specimen unexpectedly appeared in the Lagoon after been sighted on the southernmost point of Istria peninsula.The Mediterranean monk seal used to be widespread throughout the Mediterranean Sea, but in 20th Century it was brought to the brink of extinction by habitat changes and fishermen.The LIPU project aims at assessing monk seal populations and movements in the Northern Adriatic, and how they can be better protected. An awareness campaign is also carried out to locals and tourists.“Friend of the Sea has helped over the years several projects to protect endangered species, such as albatross and boto dolphins in the Amazon river.” Explains Paolo Bray, Director of Friend of the Sea. “The certified products this way carry an added value as they contribute to these conservation projects through Friend of the Sea.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU public prosecutor: MEPs call for clearer scope, defence rights

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

BruxellesThe powers of the future European Public Prosecutor’s Office (EPPO) should be clearer and the EPPO should make sure that defence rights are properly protected in all its activities, said the Civil Liberties Committee in a resolution passed on Thursday.The non-legislative text, approved by 34 votes to 7 with 1 abstention, sets Parliament’s priorities and red lines for giving its consent to the EPPO proposal when the moment comes.The protection of the EU budget against fraud can be better achieved at EU level, MEPs underline. However, they urge member states to clarify the EU prosecutor’s powers and the relationship between the EPPO and other EU bodies, such as Eurojust and OLAF.The committee text also points out that the EPPO’s competences should only be extended to offences other than those affecting the EU’s financial interests under three conditions:when the conduct simultaneously constitutes a crime affecting the EU’s financial interests and other offences;when the offences affecting the EU’s financial interests are predominant; and when the other crimes would be barred from further punishment if they were not prosecuted and brought to judgement together with the offences affecting the EU’s financial interests.The EPPO should ensure a high protection of defence rights in all its activities, MEPs point out, adding that EU minimum standards for procedural rights in criminal procedures should be respected in all the EPPO’s activities.In order to receive Parliament’s consent, the EPPO proposal should include a hierarchy of binding criteria to decide which court exerts jurisdiction over the different cases.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migrants: MEPs endorse search and rescue rules to prevent further deaths at sea

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

african_migrants.jpg.crop_displayBinding rules on search and rescue to clarify how border guards serving in Frontex sea operations should deal with migrants and where they should disembark them were approved by the Civil Liberties Committee on Thursday. The rules were informally agreed by Parliament and Council negotiators on 11 February.The text defines “emergency phases” for search and rescue operations and places a clear duty upon units participating in Frontex operations to engage and to save lives. The rules on search and rescue operations and the disembarkation of migrants will only cover operations that are coordinated by Frontex. This should help to dispel confusion created by EU member states’ differing interpretations of international law and practices.The “operational plan” governing Frontex-coordinated border surveillance operations must henceforth include procedures to ensure that persons needing international protection, victims of trafficking in human beings, unaccompanied minors and other vulnerable persons are identified and given appropriate help. Only after migrants are identified may possible coercive measures be taken (the identification rules are mandatory, whereas the enforcement ones are optional).
MEPs tightened up the text to ensure compliance with the “non-refoulement” principle, which says that individuals must not be returned to their country of origin or any other country where there is a risk of persecution, torture or other serious harm.Border guards who consider landing intercepted or rescued people in a third country will have to follow certain procedures (e.g. identification, personal assessment, information on the place of disembarkation, etc). Their actions will be subject to inspection.”Even though no migrant has so far been disembarked in a third country as part of a Frontex-coordinated operation, it is still very important to lay down tough rules to ensure that if this happens, it is done in full compliance with the ‘non-refoulement’ principle and respect for the fundamental rights of the migrants concerned”, said the rapporteur.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs back deal on visa-free travel for Moldovan citizens

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

moldaviaMoldovan citizens should no longer need a visa to travel to the Schengen area, under an informal deal struck by Parliament and Council negotiators and endorsed by the Civil Liberties Committee on Thursday. The debate and vote in plenary on the draft regulation is expected to take place on 27 February.Moldova is the first East Partnership country to meet all the requirements of their Visa Liberalisation Action Plan allowing for visa-free travel to be put in place.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Russia and the West must allow Ukraine to resolve crisis

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

THE CRISIS in Ukraine has entered a new and dangerous phase. Although Ukraine is still some way from outright civil war, the absence of any sign of willingness on either side to step back and compromise is worrying, writes Professor Stefan Hedlund, Research Director at the Centre of Russian and Eurasian Studies at Uppsala University, Sweden in World Review. moscaMoscow is bent on ensuring Kiev does not sign any form of agreement with Brussels, which would mark the end of its own ambitions of restored status as a regional great power. The West in contrast is bent on precluding precisely this from happening.‘The real paradox of this game is that neither side appears to have any desire at all of actually integrating Ukraine,’ says Professor Hedlund. ‘The Ukrainian economy is now in such a terrible state, and Ukrainian politics so ridden with corruption and infighting, that neither of the two outside powers want anything to do with it.’The impact on Ukrainian politics of this internally inconsistent tug of war has been devastating. Successive governments have realised that playing Russia and Europe against each other is a winning strategy.‘The track record of broken promises and soured relations has now reached a point where outside interest in the future of the hapless country is just the overriding desire to prevent the other side from gaining the upper hand,’ he says.Only days before the bloodshed, Russian Foreign Minister Sergei Lavrov warned of disaster and called on both sides to effectively step back and allow Kiev to sort out its own mess.‘There is wisdom in this’, says Professor Hedlund. ‘Outside involvement has been part of the problem, not the solution’.
Meanwhile, the situation in Kiev is marked by what is best viewed as the last stand of the Yanukovych regime.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs back Budapest as next European Police College seat

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

ungheria-budapest-2Budapest should temporarily host the European Police College (CEPOL), said the Civil Liberties Committee in a vote on Thursday. MEPs backed to move the seat of the EU police training body from its current location in Bramshill (UK) to the Hungarian capital, but they urged the European Commission to review this decision by 2019 and put forward a cost-benefit analysis of all possible options.The current CEPOL seat is located in Bramshill, but the UK government announced that it no longer wished to host it. MEPs say that the costs related to the change of seat should be fully covered by the UK and by additional EU money to avoid any additional burdens to the regular CEPOL budget.Under the approved text, MEPs call on the Commission to review the CEPOL regulation by 2019 at the latest, “including by performing a thorough cost-benefit analysis and impact assessment of all possible options, and if appropriate table legislative proposals to amend it”.
MEPs regret that the European Parliament was not fully involved in the evaluation of applications and that only one candidate was presented to the Civil Liberties Committee, despite other 6 countries had applied for the CEPOL seat (Ireland, Greece, Spain, Italy, The Netherlands and Finland).MEPs approved the mandate to start negotiations with the Council on this issue by 36 votes to 10, with 3 abstentions.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Transparency: better access to documents and protection of whistleblowers needed in the EU

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

The widest possible public access to documents is needed to effectively allow citizens to comment on all aspects of EU activity, says a report adopted by the Civil Liberties Committee on Thursday. MEPs call on the Council to finally move forward with the revision of the regulation on access to documents and for a Transparency officer in each EU institution. They also urge for better protection of whistleblowers.
The Lisbon Treaty lays down the fundamental right of access to documents, MEPs stress, recalling that “any decision denying access to documents must be based on clearly and strictly defined legal exceptions, accompanied by reasoned and specific justification, allowing the citizen to understand the denial of access and to make effective use of the legal remedies available”.Citizens have a right to know how the decision-making process works, how their representatives act, hold them accountable and to know how public money is allocated and spent, stresses the report.The EU legislation on access to documents is still not being properly applied by the EU’s administration, says the committee, noting that the “exceptions of Regulation (EC) No 1049/2001 [on public access to documents] are being applied routinely rather than of exceptionally”. It calls on the institutions, bodies and agencies to strictly apply this regulation, taking full account of the body of case-law on this matter. MEPs express their disappointment with the fact that since December 2011, when Parliament adopted its first reading position on the revision of the regulation, “no progress has been made, since the Council and the Commission did not seem ready to embark on substantive negotiations”. They call on the Council to finally move forward with the revision and on both institutions to agree on a new instrument that provides significantly more transparency.The Civil Liberties Committee calls on all the institutions to evaluate and, where necessary, review their internal arrangements for reporting wrongdoing, and calls for the protection of whistleblowers. “In a healthy democracy citizens should not have to rely on whistleblowers in order to ensure transparency of their governments’ competences and activities”, it adds.
The Commission should table a proposal to protect whistleblowers “not only morally, but also financially in order to properly protect and support whistleblowers as part of the democratic system”, says the text.
MEPs recommend that each EU institution or body appoint from within its management structures a Transparency Officer, to be responsible for compliance and for improving practices. EU institutions should also put in place “public document registers” with clear and accessible structures and good search functionality, they add.
International agreements, such as the envisaged Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) with the US, have binding effects and impact on EU laws. Documents related to them should therefore be public in principle, says the committee.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza Ucraina

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

kiev”il 28 novembre 2013 l’Ucraina avrebbe dovuto sottoscrivere un Accordo di associazione con l’Unione Europea, teso ad avvicinare sensibilmente Kiev e Bruxelles;per poter firmare l’Accordo, il Governo ucraino si sarebbe dovuto impegnare nell’elaborazione di riforme concrete nell’ambito della giustizia selettiva e di riforme del sistema democratico, oltre che nella risoluzione della vicenda legata a Yulia Tymoshenko;il 21 novembre 2013 il Presidente della Repubblica Ucraina, Viktor Fëdorovyč Janukovyč, ha annunciato ufficialmente di non essere intenzionato a firmare l’Accordo di associazione con l’UE;tale scelta, probabilmente dovuta alla consapevolezza da parte di Janukovyč del ruolo dell’Ucraina di cuscinetto tra la Russia e il resto dell’Europa ed alla sua intenzione di riunire tutti i protagonisti di quell’area per portare avanti insieme un’unica trattativa di natura commerciale, ha scatenato le proteste di quell’ampia parte della popolazione che vede nell’ingresso nell’Unione Europea la strada giusta per permettere una crescita dell’intero Paese;a preoccupare la popolazione vi sono anche le tendenze filo-russe del Governo, pressato sia dalla proposta di Putin di creare un’unione doganale extra-UE sia da quanto avvenuto il 24 novembre nel villaggio di Šajkaš, in Serbia, dove sono stati avviati degli scavi per il progetto South Stream, a opera della compagnia russa Gazprom, il maggiore estrattore al mondo di gas naturale;si tratta della costruzione di un gasdotto che servirà a portare il gas naturale russo verso i Balcani ed i Paesi dell’Unione Europea senza passare in territorio ucraino, privando quindi l’Ucraina di tutti i benefici economici che sarebbero conseguiti ad un passaggio del gasdotto all’interno dei propri confini;sono quindi partite una serie di proteste a Kiev, con la nascita di un movimento spontaneo rinominato da Radio Free Europe Euromaidan, dal nome della piazza principale di Kiev, il cui nome in ucraino è Maidan (Piazza dell’Indipendenza), teatro principale delle manifestazioni di protesta;il 30 novembre 2013 più di 100.000 manifestanti ucraini favorevoli all’Unione Europea sono scesi in piazza, sfidando un divieto del Governo che aveva proibito i cortei in centro;gli attivisti si sono radunati nel parco Taras Shevchenk e poi hanno marciato verso Piazza dell’Indipendenza, dove hanno abbattuto le transenne erette attorno a un albero di Natale per scoraggiare gli assembramenti;in tale occasione è stato anche occupato simbolicamente il piano terra del Municipio di Kiev;la reazione della polizia ucraina, autorizzata dal Ministro dell’Interno Vitaly Zakharchenko, è stata estremamente violenta e spropositata, con cariche a ripetizione contro i manifestanti (tra cui molte donne e persone anziane) e l’uso di gas lacrimogeni e granate stordenti;
si è alzato in tale occasione un coro di proteste contro l’operato della polizia ucraina, ed è stato lanciato un appello allo sciopero generale;
gli scontri sono proseguiti anche all’inizio di dicembre, e la tensione è aumentata ulteriormente alla notizia, uscita il 17 dicembre, di un accordo con il quale la Russia ha concesso uno sconto sulle forniture di gas ed ha investito 15 miliardi di dollari in titoli di stato ucraini, segnale di un ulteriore avvicinamento del Governo ucraino alla Russia ed un consequenziale allontanamento dalla possibilità di accordi con l’UE;
la notte del 24 dicembre una giornalista ucraina filo-europea dell’“Ukrainska Pravda”, Tetyana Chornovil, è stata selvaggiamente picchiata a Kiev;la cronista, che ha scritto articoli molto critici nei confronti del Presidente Viktor Janukovyč e dei suoi più stretti alleati, stava guidando quando due uomini l’hanno costretta a fermarsi alla periferia di Kiev e l’hanno picchiata;settimane di manifestazioni di protesta e scontri hanno portato all’approvazione, il 16 gennaio 2014, di un pacchetto di severissime leggi di stampo repressivo, che prevedevano una forte compressione delle libertà di protesta, con pene di detenzione carceraria fino a dieci anni, reintroducevano il reato di diffamazione per i giornalisti che accusavano i politici di corruzione, intaccavano profondamente il diritto ad un’informazione libera ed introducevano il divieto di accamparsi nei luoghi pubblici senza autorizzazione, di indossare maschere antigas o caschi e di distribuire materiale propagandistico;inoltre, le nuove leggi prevedevano che tutte le Ong che ricevevano finanziamenti esteri fossero obbligate a registrarsi come agenti stranieri e che venissero registrati anche tutti i siti che si occupano d’informazione;il 19 gennaio i cittadini di Kiev e di tutta la nazione sono scesi per manifestare in maniera forte e pacifica il loro dissenso a questi provvedimenti ed esternare la volontà di entrare a far parte dell’Unione Europea;la protesta è proseguita nei giorni successivi sfociando in violentissimi scontri, che si sono susseguiti, aumentando ogni giorno di intensità e potenza;le scelte di gestione della piazza da parte del Governo guidato da Janukovyč sono state improntate alla soppressione della protesta con la forza e si sono rivelate del tutto controproducenti, provocando un’escalation di violenza fino ad arrivare ad un drammatico spargimento di sangue;si parla di almeno sei morti tra i giovani manifestanti, di una trentina di persone di cui si sono completamente perse le tracce, di oltre 200 arresti e di centinaia di feriti, che, peraltro, non possono recarsi negli ospedali per farsi curare dato il rischio di essere catturati dalle ronde di polizia;circolano addirittura voci del fatto che il Governo avrebbe fatto ricorso ai “Titishki”, ovvero gruppi di ragazzi comprati con droga ed una manciata di euro per infiltrarsi nelle piazze e sabotare la protesta;questa grave situazione ha suscitato grande sdegno nella comunità internazionale, ed in particolar modo dell’Unione Europea, visto che parte della protesta era di stampo filoeuropeo;il Presidente della Commissione Europea Barroso ha dichiarato la possibilità di sanzioni economiche, mentre il cancelliere tedesco Angela Merkel, con un messaggio diretto al Presidente della Repubblica Ucraina, ha chiesto di avviare immediatamente nuove trattative con l’opposizione;
la protesta antigovernativa si è allargata anche al resto del Paese, e cinque Consigli regionali delle regioni occidentali e centrali del Paese (ovvero quelle filo-occidentali) sono stati presi d’assalto dai manifestanti, a Leopoli, Rivne, Ternopil, Khmelnytsky e Cherkassy;
manifestanti hanno costruito barricate intorno agli edifici occupati a Lviv e Rovno, ed a Leopoli il governatore Oleg Salo, uomo vicino al Presidente, è stato costretto a dimettersi dai dimostranti, ma ha poi ritrattato;il Presidente ucraino ha dovuto, dunque, aprire uno spiraglio di dialogo, e, dopo un primo colloquio fallimentare, con la conseguente occupazione del Ministero dell’Agricoltura, ha annunciato un rimpasto di Governo, l’amnistia per i manifestanti che in questa settimana abbiano commesso reati non gravi e modifiche alle leggi anti-protesta;poche ore dopo sono ripresi gli scontri, ed allora il 25 gennaio il Presidente Janukovyč ha annunciato la disponibilità a rivedere la Costituzione in senso più pluralista ed ha proposto ad Arseny Yatsenyuk, uno dei tre leader dell’opposizione, di diventare premier ed all’ex campione del mondo di pugilato Vitali Klitschko, un altro dei capi dell’opposizione, di essere vicepremier;la proposta di un Governo guidato dai leader dell’opposizione è stata respinta e la protesta è andata avanti anche il 26 gennaio con l’occupazione di “Casa Ucraina”, una sorta di palazzo delle esposizioni presidiato all’interno dalla polizia;sempre il 26 gennaio circa 3.000 dimostranti hanno preso d’assalto l’edificio del Governo regionale di Dnipropetrovsk, terza città più popolosa dell’Ucraina e capoluogo dell’omonimo Oblast nell’est del Paese, ed altri scontri si sono verificati a Zaporizzja, anch’essa nel sud-est ucraino, dove 5.000 manifestanti si sono raccolti davanti al palazzo del Governo regionale e hanno chiesto al personale di andarsene, finché la polizia non ha respinto la folla utilizzando gas lacrimogeni e granate stordenti;ancora, il 26 gennaio il movimento denominato “Splina Sprava” (che in ucraino significa “Causa Comune”) aveva occupato il Ministero della Giustizia;la mattina seguente l’edificio era stato sgomberato dalle forze dell’ordine, sotto la minaccia del Ministro della Giustizia ucraino, Elena Lukash, sulla proclamazione dello stato d’emergenza se il suo dicastero non fosse stato liberato pacificamente;i manifestanti, nel lasciare l’edificio, avevano annunciato che avrebbero continuato a bloccare l’ingresso dell’edificio in attesa della sessione speciale del Parlamento prevista per il giorno successivo, e che se il Governo non avesse in tale sede ceduto alle richieste dell’opposizione, il Ministero sarebbe stato nuovamente occupato;
a seguito delle trattative tra Governo ed opposizioni si è giunti alle dimissioni del primo ministro Azarov ed all’abolizione da parte del Parlamento delle leggi anti-manifestazioni;il premier Azarov ha dichiarato di aver preso personalmente la decisione di dimettersi per facilitare il raggiungimento di un compromesso socio-politico e di una soluzione pacifica al conflitto;nove delle dodici leggi anti-proteste sono state revocate, tra cui quella che prevede la pena del carcere fino a 15 anni per i trasgressori dei divieti sulla partecipazione alle dimostrazioni;il Presidente ucraino ha proposto ad un esponente del partito della Tymoshenko la guida del Governo, ricevendo però un netto rifiuto;dieci sedi di Consigli regionali su 25 sono occupate o bloccate dai manifestanti, e larga parte dell’ovest del Paese è di fatto sotto il controllo dei dimostranti;il carattere spontaneo e del tutto privo di gerarchie della protesta ha permesso anche a realtà di estrema destra di insinuarsi al suo interno: in particolare si tratta della formazione “Svoboda”, nata da un partito neonazista e che inneggia a Stepan Bandera (collaborazionista di Hitler durante la Seconda Guerra Mondiale), che ancora nel 2004 continuava a definirsi social-nazionale, avendo come emblema una specie di svastica, ed il “Pravi Sektor”, ovvero “Settore di Destra”, altra realtà innervata da ideologie russofobiche e razziste;la presenza di forze che attraversano strumentalmente la protesta e per cui l’integrazione nell’Unione Europea è tutt’altro che una priorità rischia di rovinare un movimento spontaneo e liberal-democratico;in una conferenza stampa congiunta del Presidente del Consiglio italiano ed il Primo Ministro spagnolo Mariano Rajoy, Enrico Letta aveva affermato che le porte dell’Europa sono aperte all’avvicinamento ed, un giorno, all’ingresso dell’Ucraina e che l’Italia chiede con forza, esattamente come farà anche Catherine Ashton, Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell’Unione Europea, che il dialogo recuperi e superi questa situazione drammatica di ricorso alla violenza che vede ai confini dell’Unione un paese dividersi con spargimento di sangue; l’innalzamento nel mese di febbraio del livello di scontro fino ai drammatici avvenimenti del 18 e 19 febbraio 2014, che hanno visto, da parte delle autorità governative, l’uso di armi convenzionali nei confronti dei manifestanti, con preoccupanti segnali di degenerazione verso un’escalation che non esclude la violenza civile;
l’urgenza di una forte posizione europea di condanna, e di individuazione di strumenti efficaci per favorire una decompressione e l’avvio di una fase di negoziato e di dialogo per scongiurare una degenerazione drammatica che rischia di lasciare sul campo molte vittime e di creare una zona di tensione e di crisi in un paese ponte del partenariato orientale e dell’Europa, tra Unione Europea e Russia, tale da costituire la premessa per maggiori libertà democratiche e da scongiurare lòeggi speciali e violente repressioni che rischiano di diventare un punto di non ritorno. (foto fonte La presse)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Journalists HIV and AIDS event organised by Caritas Internationalis and UNAIDS

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

caritasRome 25-26 February 2014 “Ensuring 15 million people have access to high quality antiretroviral medicine and care by 2015 will be a critical milestone in reaching everyone in need,” said Dr Luiz Loures, Assistant Secretary General of the United Nations and Deputy Executive Director Programme, UNAIDS. “But we cannot do it alone. Historically, the services provided by the faith-based community have been a critical contribution to the millions of lives saved and they must be fully involved and engaged in efforts to expand access to HIV services. They have the capacity, the networks, the expertise and the experience. They will be one of our greatest allies in reaching people most in need.”
The consultation is related to UNAIDS’ Treatment 2015 initiative to reach at least 15 million people living with HIV with antiretroviral treatment. According to UNAIDS, at the end of 2012, 9.7 million people were accessing antiretroviral therapy in resource-limited settings.
“The event recognises the extensive HIV treatment services as well as care and support programmes offered by Caritas, other Catholic Church-based organizations, and many other Christian faith traditions, particularly in areas with limited resources,” said Caritas Internationalis Secretary General Michel Roy. “We have a common goal to provide treatment to all people living with HIV who need it.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emissioni CO2: automobili più pulite entro il 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

auto corssaIn base al disegno di legge in votazione martedì, il limite per le emissioni di CO2 per le autovetture nuove vendute nell’UE deve essere ridotto da 130 g/km nel 2015 a 95 g/km entro il 2020. Il testo, già informalmente concordato con i ministri dell’UE, spiana anche la strada al raggiungimento di ulteriori riduzioni dopo il 2020 e prevede l’introduzione di un nuovo protocollo di test delle emissioni che meglio rifletta le condizioni reali di guida.L’obiettivo di 95g/km entro il 2020 è la media massima autorizzata per le auto vendute nell’UE. Esso si applica ai fabbricanti che producono più di 1.000 veicoli all’anno.
Se la media delle emissioni di un determinato fabbricante superasse l’obiettivo, verrebbero applicate delle sanzioni, a meno che l’eccesso sia compensato da emissioni molto basse da altri modelli della gamma.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Double-Digit Increases for Miami Real Estate Sales, Prices and New Listings in January

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

Miami-skyline-for-wikipediaMiami, FL – Following three consecutive record sales years and more than two years of appreciation, the Miami real estate market began the year with robust strengthening marked by double-digit increases for sales, prices and new listings, according to the 31,000-member MIAMI Association of REALTORS and the local Multiple Listing Service (MLS) system.In January, residential real estate sales in Miami-Dade County increased 11.6 percent to 2,173 compared to 1,947 in January of last year. Single-family home sales increased 9.8 percent relative to January 2013, from 823 to 904. Compared to January 2013, condominium sales were up 12.9 percent from 1,124 sales the previous year to 1,269 sales last month.Median Sale Prices Continue Double-Digit Price Appreciation
Median sale prices again increased significantly for both single-family homes and condominiums this January. The median sales price for single-family homes spiked by 16 percent, up to $225,000 from $194,000 in January 2013, marking 26 straight months of growth. The average sale price for single-family homes increased 32.3 percent from $308,978 in January 2013 to $408,626 last month.The median sales price for condominiums has increased for 31 consecutive months. Compared to January 2013, the median sales price for condominiums increased by 24.4 percent to $186,000 from $155,000 last year. The average sale price for a condominium increased to $361,295 from $290,378 in January 2013.New listings of single-family homes increased 13.8 percent up to 1,739 in January 2014 from 1,663 during the same period in 2013. Condominium listings surged 20.1 percent from 2,790 in January 2013 to 3,352 last month. This reflects the success of the Miami Association of Realtors campaign to encourage homeowners to sell during the severe housing shortage we experienced in in 2012 and 2013. More inventory creates a more balanced market between buyers and sellers.Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops fell 5.1 percent from December and were also 5.1 percent below what they were in January 2013, according to the National Association of Realtors (NAR). Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 15,000 in January, up 10.2 percent compared to the year-ago figure, according to Florida Realtors. Statewide sales of condominiums totaled 7,377, up 9.3 percent from January 2013.The national median existing-home price for all housing types was $188,900 in January, a 10.7 percent increase from January 2013, according to NAR. The statewide median sales price for single-family existing homes last month was $162,500, up 12.1 percent from the previous year, while that of townhouse-condo properties was $131,000, up 17.0 percent over the previous year.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricostruzioni mammarie: addio protesi

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2014

ricostruzioni mammarieE’ un epocale cambio di direzione quello che sta avvenendo negli Stati Uniti, secondo un recente studio infatti il 70% dei chirurghi plastici americani ha usato qualche forma di impianto di grasso della paziente per gli interventi al seno (sia ricostruttivi che estetici). “Il grasso ‘autologo’ viene prelevato dall’addome o dalle cosce della paziente stessa con una piccola cannula da liposuzione, il grasso viene poi trattato, purificato e reinserito utilizzandolo alla stregua di un filler riempitivo” spiega il Dottor Carlo Macro Specialista in Chirurgia Plastica, dirigente medico Divisione Chirurgia Maxillo Facciale Ospedale San Camillo di Roma. “La tecnica sta spopolando in tutto il mondo per molti motivi e diversi utilizzi, il risultato infatti è più naturale e meno soggetto a rischi di rigetto o effetti collaterali. Il grasso viene usato per aumentare i volumi del viso (zigomi, mento) riempire depressioni cutanee e rughe profonde (come solchi naso-genieni) come forma suprema della medicina estetica detta ‘rigenerativa’ ma si sta spostando verso il corpo. In particolare nella chirurgia del seno il grasso può essere usato come complemento e perfezionamento di un intervento di protesi per rendere più morbidi i contorni, riempire svuotamenti della parte superiore del seno e riempire zone delimitate come l’asportazione di quadranti della mammella a causa di un tumore”.
Dall’Università di Pittsburg però alcuni colleghi hanno misurato il fenomeno e hanno calcolato come la tendenza più in auge negli USA sia quella di sostituire la ricostruzione con protesi unicamente con il grasso. Per perfezionare la ricerca è stato somministrato un questionario a 156 chirurghi plastici della prestigiosa ASPS (American Society of Plastic Surgery), la metà dei quali ha risposto che utilizza regolarmente il ‘fat grafting’ sia come tecnica ricostruttiva sia per perfezionare i contorni di un impianto di protesi in un intervento estetico. I tre quarti dei medici preferiscono utilizzare cellule di grasso prelevate dalla zona dell’addome grazie alla facilità di prelievo. Ma il dato davvero interessante è che i rispondenti hanno indicato che scelgono questa tecnica nel 90% dei casi di ricostruzione mammaria post-cancro, in parte perché le esigenze estetiche sono diverse e così le possibilità tecniche. Commenta il chirurgo: “in presenza di una mastectomia radicale il seno viene completamente rimosso insieme alla pelle che lo ricopriva, questo significa che per la ricostruzione sono necessarie due fasi successive: l’inserimento di un ‘espansore’ ossia un dispositivo che viene periodicamente riempito di soluzione salina ed ha il compito di sfruttare l’elasticità della pelle per aumentarne la dimensione e permettere, in terza fase, l’inserimento di una protesi mammaria. Ora va da sé che in una paziente che ha già subito un intervento massivo e traumatico come l’asportazione di un tumore e della mammella (o entrambe) la decisione di operarsi di nuovo altre due volte deve essere sostenuta da una forte motivazione. Alcune donne sono talmente provate e traumatizzate da entrare in un meccanismo chiamato ‘evitamento’ che le porta a non ricostruire il seno mai più e in fondo, sopportare un corpo che vivono, comprensibilmente come menomato. Ecco allora che un impianto di grasso autologo diventa una procedura molto meno invasiva: il grasso può essere prelevato con sottili cannule, trattato e impiantato per via iniettiva nell’arco della stessa giornata. Le donne che hanno subito un intervento per cancro hanno esigenze psicologiche e meno ‘estetiche’. Sanno che non potranno avere il seno ‘di prima’, ma spesso desiderano tornare a sentirsi donne complete, cosa che passa anche dal riconoscimento e dall’accettazione dell’immagine corporea. Per se stesse ma anche per i loro partner, i figli. E’ una sorta di rito di passaggio per celebrare il ritorno alla vita, il fatto di aver sconfitto la paura.
L’unico limite attuale al ‘fat grafting’ è una certa quota di riassorbimento del grasso, la percentuale di perdita dell’impianto dipende principalmente dalla tecnica di processamento delle cellule adipose. Ne esistono diverse e ciascun centro medico sceglie il proprio. Certamente un riassorbimento elevato costituisce una fonte di insoddisfazione per la paziente che potrebbe scegliere un ulteriore intervento e attualmente uno degli approcci usati per limitare questo rischio è l’over treatment, ossia inserire una percentuale di grasso in più in modo che quando si sarà riassorbito sarà possibile apprezzare il risultato finale. Ovviamente si tratta di una criticità che va discussa con la paziente che deve scegliere l’approccio più adatto a lei.
Va detto comunque che le differenze tra chirurghi europei e americani non si fermano qui: non solo differiscono nell’approccio chirurgico estetico (periareolare negli Usa, dal solco sotto mammario da noi), ma anche nella forma e proiezione (più tonde negli Usa dove la chirurgia plastica è ancora considerata uno status da esibire, anatomiche e meno proiettate da noi dove prevale ormai l’approccio naturale), ma soprattutto nelle misure. “La media di aumento richiesta italiana è di 250 cc, mentre negli Stati Uniti 350 cc è il livello di partenza!” racconta il Dottor Macro “Va specificato che simili quantità sono ingestibili con il grasso e che gli aumenti ideali con questo straordinario ma delicato materiale biologico si aggirano intorno ai 180-220 cc. Il grasso autologo quindi come le altre tecniche ha vantaggi e limiti ma nel caso della ricostruzione ha il vantaggio di non presentare alcun rischio di rigetto e nemmeno di reazione capsulare, quindi di rappresentare una alternativa molto sicura che, per essere gradevole, deve essere eseguita da specialisti esperti in questo tipo di impianto. Ritengo comunque che in pochi anni sarà possibile rendere il ‘fat grafting’ una tecnica ancora più raffinata che spopolerà anche nelle pazienti che cercano un risultato in termini di bellezza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »