Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 15 giugno 2014

More than 60 government​s back 100% reliance on clean, renewable energy

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

climate_changeBonn. During two weeks of UN climate talks in Bonn more than 60 countries expressed their support for phasing out dependence on coal, oil and gas that are driving global warming, and relying instead entirely on renewable energy by the middle of the century. Backing for a transformation of the world’s energy system away from fossil fuels is the first sign that governments may finally be prepared to act on scientific conclusions from the Intergovernmental Panel on Climate Change that they accepted in April. Martin Kaiser, Head of International Climate Politics for Greenpeace said, “It’s a major breakthrough that almost one third of the world’s governments acknowledge that we have to switch from fossil fuels to clean energy in the space of one human generation. It is achievable – technology isn’t the problem. Governments can and must now act at the national level while they continue to hammer out the details of a binding new international climate treaty.” Despite the growing international enthusiasm for clean energy the Bonn talks ended with little detailed progress being achieved, despite an announcement by the United States that they will limit carbon emissions from coal burning and hopes that China will shortly toughen up its restrictions on coal use. China and the US are the leading carbon polluters. It is now up to Heads of State who have been invited by UN Secretary General Ban Ki-moon for a one-day Climate Summit in New York, in September, to deliver concrete measures against carbon pollution by supporting the drive for clean energy. “In New York, Heads of State must cement the objective that the world´s energy needs must be met by clean, renewable energy by the middle of this century, and give the green light to an action plan,” said Martin Kaiser. “It’s time they stopped subsidising coal, oil and gas companies with taxpayers’ money and instead backed the booming clean energy industry. That’s where new jobs and prosperity will come from.” “France, Germany, Japan, South Korea and other OECD countries must also stop financing foreign coal-fired power plants through development banks and export credits and shift these investments towards renewable energies,” said Kaiser. “Burning fossil fuels not only causes serious air pollution and health problems but is also accelerating global warming. The world`s ice sheets are melting at an alarming rate. Yet Australia, Canada, Japan and Poland want to rely on highly polluting coal-fired power plants and oil for the next few decades,” said Kaiser. “This is madness.”Kaiser said: “If the US, the EU and other rich nations provide the Green Climate Fund with around $15 billion, this will help unlock the climate negotiations.(2) Ensuring that all major carbon polluters including the US, China, India and Brazil table tough medium-term targets for cutting greenhouse gas emissions by the promised date of March 2015 is also an essential part of the equation.”During the meeting in Bonn, civil society groups criticised the EU’s climate negotiations in Brussels. Martin Kaiser said, “It is ridiculous that leaders like Merkel, Hollande, Tusk and Cameron are proposing weak climate and renewable energy targets while at the same time complaining about Europe’s dependence on imported fossil fuels. Ambitious cuts in carbon emissions based on ramping up renewable energy supply and greater energy efficiency are the key to energy security for Europe, and point the way internationally.”

 

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

First complaint to Dutch development bank FMO admitted Independent Complaints Mechanism to examine Barro Blanco dam in Panama

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

Kiad/Panama, Amsterdam FMO’s Independent Complaints Mechanism (ICM) determined that the complaint submitted by Panamanian indigenous communities has met its admissibility criteria and will move on to the next phase. The complaint, filed on May 5 2014, alleged that FMO failed to ensure free prior and informed consent was obtained before financing the Barro Blanco hydropower project that would result in the flooding of indigenous lands. “We are pleased that the ICM has acted so quicksomoly to move the complaint to the next phase. Time is of the essence now, as the construction of the dam nears completion,” said Kristen Genovese of the Centre for Research on Multinational Corporations (SOMO). The ICM’s independent experts will next begin to discuss the issues with the parties and review available documentation related to the project. Following this preliminary review phase, the ICM will determine whether to convene a dialogue, conduct an investigation, or both. “The fact that independent experts will look into the grievances of the Ngöbe communities is of enormous importance. The affected communities have raised the failure to obtain free prior and informed consent on many occasions and in many different fora. The fact that the ICM of the Dutch development bank FMO, although late in the process, will now engage with them and look into the responsibility of the bank is definitely an important step forward,” said Anouk Franck, senior policy officer at Both ENDS. In a recent letter addressed to the FMO, the Movimiento 10 de Abril (M-10), a group that represents members of the indigenous community directly affected by the Barro Blanco Dam, reiterated their demand that FMO withdraw their funding from the project. “We were never consulted on this project. The things that will be lost because of this dam, cannot be compensated by money. No adequate environmental and social impact study was done and the respect of the human rights of the population cannot be guaranteed”, states Manolo Miranda from M-10. Awaiting the finalization of the dam, community members remain in their encampment along the banks of the Tabasará River to prevent machinery from entering their land.

 

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Angela Merkel will attend the 5th Lindau

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

merkel angelaMeeting on Economic Sciences at Lake Constance in Germany in August. The Chancellor will give a keynote address to the participating 19 Nobel Laureates and 460 young economists at the opening ceremonyof the meeting on Wednesday 20 August. Chancellor Merkel becameMember of the Honorary Senate of the Foundation Lindau Nobel Laureate Meetings in 2007. It will be her first visit to the long-standing Lindau Meetings that have been fostering the inter-generational dialogue among scientists in physiology or medicine, chemistry, and physics since 1951. The triennial Lindau Meetings on Economic Sciences were initiated in 2004.
The 5th Lindau Meeting on Economic Sciences will be held from 19 to 23 August. A record number of 19 laureates of the Sveriges Riksbank Prize in Economic Sciences in Memory of Alfred Nobel, commonly referred to as the Nobel Prize in Economics, will participate in the meeting – among them Joseph Stiglitz, John Nash and Edmund Phelps. Approximately 460 aspiring young economists from more than 80 countries will come together to share their knowledge and experiences, to gain inspiration and motivation, and to expand their contact networks. The meeting is organised by the Council for the Lindau Nobel Laureate Meetings and the Foundation Lindau Nobel Laureate Meetings.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Studente Unicusano premiato dal Presidente della Repubblica Napolitano

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

Campus_UnicusanoLa tesi di laurea di uno studente di Giurisprudenza dell’Università Niccolò Cusano premiata dal Presidente della Repubblica con la pubblicazione sul sito internet e tra i bollettini del Quirinale. Quale miglior premio per un giovane studente universitario di sapere che la propria tesi di laurea sia finita sul tavolo del Presidente della Repubblica Napolitano e che presto sarà pubblicata sul sito del Quirinale? E’ quello che è successo a Francesco De Fina, neo laureato in Giurisprudenza presso l’Università Niccolò Cusano, il cui elaborato, incentrato sulla figura del Presidente della Repubblica, è finito nelle mani di Giorgio Napolitano, il quale non ha mancato di mostrare il proprio apprezzamento. “La scelta dell’argomento è stata sin da subito abbastanza complicata, ricorda il Dott. De Fina dai microfoni di Radio Manà Manà, emittente dell’Unicusano, anche solo considerando il fatto che, in quanto a materiale e fonti, sul Presidente della Repubblica non esiste molta letteratura in merito. Mi sono impegnato per circa due anni in un lavoro più giornalistico che bibliografico e ho deciso di mettere in evidenza i passaggi fondamentali che conducono un uomo a divenire un’istituzione”. In sede di stesura, racconta ancora De Fina alla radio dell’Ateneo, “avevo inoltrato una richiesta al Quirinale per poter accedere alla loro biblioteca. Solo successivamente sono stato ricontattato dalla stessa biblioteca del Quirinale che mi invitava a mandare la mia tesi sia alla biblioteca che all’attenzione del Presidente Napolitano, in quanto sarebbe stata oggetto di studio e valutazione”. E’ a quel punto che sono arrivati i ringraziamenti del Capo dello Stato attraverso una lettera: “Gentile Dott. De Fina, il Presidente Napolitano ha ricevuto copia della tesi che lei ha voluto gentilmente inviargli. A riguardo desidero ringraziarla a suo nome ed esprimerle i sensi del suo più vivo apprezzamento per le tematiche trattate. Lei certamente conosce lo spirito che anima il Presidente Napolitano verso le giovani generazioni e il suo convincimento che il loro contributo al rinnovamento della classe dirigente sia essenziale per il futuro dell’Italia. Il Capo dello Stato ha inoltre molto apprezzato l’impegno e la passione da lei manifestata per i temi trattati”. “All’inizio ho pensato ad uno scherzo poi, leggendola e rileggendola, mi sono reso conto che era tutto vero, ricorda ancora il Dott. De Fina alla radio dell’Università Niccolò Cusano, la notizia più bella mi è giunta dopo, quando ho saputo che la mia tesi sarebbe stata pubblicata tra i bollettini del Quirinale”. La tesi del neo laureato Unicusano sarà infatti pubblicata sul sito internet e tra i bollettini del Quirinale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Jewish Congress head voices concern about neo-Nazi party in Argentina

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

nazy partyBUENOS AIRES/NEW YORK – The World Jewish Congress today voiced its concern about the recent official registration in Argentina of a neo-Nazi party, Bandera Vecinal, a status that allows the party to compete in the 2015 presidential elections. “This ugly party espouses the ideology and revels in the trappings of the Hitler regime, and it should be banned, shunned and isolated, not accepted into politics,” said World Jewish Congress President Ronald S. Lauder. Claudio Epelman, Executive Director of the Latin American Jewish Congress, the Argentine-based arm of WJC, said that the organization views with great concern the official approval received by Bandera Vecinal, which translates to “Local Flag” in English. The party’s leader, Alejandro Biondini, has publicly and repeatedly praised Adolf Hitler and Nazism and is frequently pictured giving the Nazi salute surrounded by swastikas, Epelman said. “It is troubling that an openly neo-Nazi party can arise in this country. It’s inconsistent with the culture of acceptance and diversity among the Argentine people, whose country served as refuge for victims of the Nazi regime, a regime Biondini reveres,” Epelman said. “We will monitor the activities and discourse of Biondini’s party and will denounce any hate speech and incitement of violence against any minority groups in our country.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltrattamenti e atti di bullismo

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

bullismo1Che i maltrattamenti subiti nell’infanzia potessero avere conseguenze sulla salute mentale in età adulta era cosa nota. Ora nuove evidenze scientifiche dimostrano che questi incidono persino sulla durata della vita. Una overview di studi scientifici presentata al 70° Congresso Italiano di Pediatria in corso a Palermo nell’ambito della tavola rotonda dedicata ai diritti dei bambini, mette in luce che abusi, punizioni, negligenze e atti di bullismo provocano stress cronico nei bambini, invecchiamento precoce e un maggior rischio di sviluppare patologie come obesità, cefalea, sindromi dolorose, asma, malattie cardiache, tumori. Fenomeno sommerso “Una ragione in più per rafforzare la sorveglianza e prevenire gli abusi sui minori, un fenomeno che interessa circa 100.000 bambini ogni anno in Italia” (dati Cismai) afferma Pietro Ferrara, giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Roma e Docente di Pediatria presso l’Istituto di Clinica Pediatrica dell’ Università Cattolica del S. Cuore e l’Università Campus Bio-Medico di Roma. “Si tratta comunque di una stima approssimativa in quanto nel nostro Pese non esiste un sistema di monitoraggio, gli unici dati certi sono quelli relativi agli abusi sessuali, ma il maltrattamento è un concetto molto più ampio che include molestie, abusi fisici e psicologici, negligenza nelle cure, atti di bullismo. L’OMS Europa ha stimato che i casi reali siano 9 volte più numerosi di quelli segnalati”. “Gli studi ancora una volta confermano come sia necessario rafforzare la prevenzione degli abusi”, afferma il Presidente della Società Italiana di Pediatria Giovanni Corsello. “La SIP è da tempo impegnata a formare i pediatri a riconoscere i segni dell’abuso e identificare qualsiasi situazione sospetta in questo percorso. Ad esempio fratture delle ossa lunghe o rottura delle ossa costali posteriori in bambini di età inferiore a 18 mesi, fratture ricorrenti, incidenti domestici frequenti devono far suonare un campanello d’allarme: si stima che un quarto delle fratture delle ossa lunghe nei bambini molto piccoli sia la conseguenza di un maltrattamento”. GLI STUDI I danni a lungo termine: malattie e minore aspettativa di vita – “Una recente ricerca apparsa su Molecular Psychiatry ha rivelato che le conseguenze delle punizioni e delle violenze sono cicatrici invisibili che rimangono nella psiche e, sorprendentemente, nel DNA. Sono state intervistate le madri di 236 bambini che avevano subito violenze domestiche, assistito a comportamenti violenti tra i genitori o erano stati vittima di bullismo ed è stato misurata la lunghezza dei loro telomeri. Si tratta delle piccole porzioni di DNA che si trovano alle estremità dei cromosomi e che si accorciano ad ogni divisione cellulare fungendo da veri e propri indicatori della longevità dell’individuo. I ricercatori che hanno misurato la lunghezza dei telomeri del gruppo di bambini maltrattati hanno osservato un accorciamento di queste strutture pari ad un invecchiamento prematuro di circa 7-10 anni”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove regole di vendita e recesso

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

consumatoriEntrano in vigore oggi le modifiche al Codice del consumo apportate dal D.lgs.21/2014 (1) che, recependo la Direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori, ha riscritto le regole inerenti i contratti tra consumatore e professionista.
Le novità sono diverse, prima tra tutte l’introduzione di nuove regole comuni valide per TUTTI i contratti, compresi quelli negoziati nei locali commerciali del venditore, per i quali la precedente versione del Codice del consumo rimandava alla normativa generale del settore del commercio (D.lgs.114/1998) che resta comunque vigente. Il recesso per ripensamento continua ad essere applicabile solo in caso di sottoscrizione di contratti a distanza (per telefono, Internet, fax, etc.) o fuori dai locali commerciali del venditore (a casa propria, per strada, presso una fiera, etc.) ma passa da 10 giorni lavorativi a 14 giorni solari, in linea con gli altri termini di recesso riguardanti contratti particolari (contratti bancari, assicurativi, finanziari, di multiproprietà, etc.). Il nuovo termine si applica ai contratti sottoscritti a partire da oggi. Queste, in breve, le novità in vigore da oggi:
– il termine per recedere da contratti stipulati a distanza o fuori dai locali commerciali dei venditori passa da 10 giorni lavorativi a 14 giorni solari.
– se i venditori non adempiono all’obbligo di dare informativa completa sul diritto di recesso il termine per esercitarlo diventa di un anno a partire dallo scadere dei 14 giorni, oppure, se la comunicazione avviene nel frattempo, scatta da quel momento (per 14 giorni).
– in caso di recesso il rimborso delle somme eventualmente pagate deve avvenire entro 14 giorni da quanto il professionista viene a conoscenza dello stesso.
– in caso di recesso l’eventuale bene acquistato deve essere restituito entro lo stesso termine e deve essere in “normale stato di conservazione”. Anche prima la norma si esprimeva in tal senso ma aggiungeva anche che il bene doveva essere “integro” e ciò ha creato in molti casi confusione. Adesso viene chiaramente detto che il bene può esser manipolato per verificarne la natura, le caratteristiche e il funzionamento, senza che ne risulti un danno o una diminuzione di valore.
– vengono fatti rientrare tra i contratti sottoscritti fuori dai locali commerciali del venditore anche quelli sottoscritti nei suddetti locali ma DOPO che il consumatore e’ stato avvicinato personalmente in altro luogo e poi li’ condotto.
– per i contratti sottoscritti telefonicamente il consumatore e’ vincolato solo DOPO aver firmato la proposta d’ordine o comunque il contratto, quindi in un momento successivo rispetto alla telefonata in se’.
– scatta l’obbligo di preventivo per i lavori fatti in casa (manutenzioni o riparazioni), che rientrano nei contratti stipulati fuori dai locali commerciali dei venditori.
– per tutti i contratti di acquisto di beni scatta il termine di consegna di 30 giorni se sul contratto non e’ specificato un termine diverso. In caso di mancato rispetto del termine di consegna, contrattuale o di legge, può scattare la risoluzione del contratto dopo aver intimato la consegna entro un termine “supplementare” (si amplia quindi il concetto generale della risoluzione per inadempimento sancita dal codice civile, art. 1453).
– sempre per i contratti di acquisto di beni per i quali del trasporto si occupa il venditore (per contro proprio o tramite terzi) viene messo nero su bianco il principio secondo cui sul consumatore NON deve gravare alcun rischio di perdita o danneggiamento dei beni, almeno fino al momento in cui non ne entra in possesso.
– viene ribadito il principio, gia’ presente in altre normative, secondo cui il consumatore non e’ tenuto a pagare forniture non richieste di qualsiasi genere (beni, servizi, gas, elettricità, acqua, etc.). Il silenzio del consumatore non costituisce assenso.
– non sono addebitabili costi aggiuntivi legati al mezzo di pagamento (carte) o per l’utilizzo del telefono (addebitabili solo le tariffe dei contratti in essere tra consumatore e proprio gestore).

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutilazioni bambini

Posted by fidest press agency su domenica, 15 giugno 2014

diffusione della praticaSei mesi dopo che gli intensi combattimenti hanno raggiunto Bangui, la capitale della Repubblica Centrafricana, dozzine di bambini sono stati uccisi, centinaia sono stati mutilati, migliaia sono sfollati. “Le violenze in Repubblica Centrafricana fanno torcere le budella per la loro brutalità e la loro ferocia ; i bambini non stati risparmiati”, ha dichiarato Souleymane Diabaté, Rappresentante UNICEF in Repubblica Centrafricana. “In media, negli ultimi sei mesi, almeno un bambino al giorno è stato mutilato o ucciso durante scontri. Il ciclo di brutalità e rappresaglie deve finire”. L’UNICEF ha verificato che 277 bambini sono stati mutilati e 74 uccisi negli ultimi sei mesi. I numeri attuali però sono molto più alti, comprese le morti e le malattie causati dal totale collasso dei servizi di base. A causa delle implacabili violenze e delle scarse condizioni di sicurezza in alcune parti del Paese, l’UNICEF non può verificare tutti i casi di violazioni nei confronti dei bambini.Un peggioramento della situazione nel paese, compresa la capitale, sta costringendo ancora una volta sempre più persone e bambini a lasciare le proprie case. Adesso più di mezzo milione di persone sono sfollate internamente, almeno la metà sono bambini.Altre 347.000 persone – due terzi delle quali bambini –hanno lasciato il paese e adesso vivono come rifugiati la maggior parte in Camerun, ma anche in Ciad, Repubblica Democratica del Congo e Repubblica del Congo. L’UNICEF sta lavorando a stretto contatto con i suoi partner per proteggerei bambini dalle violenze, realizzando spazi sicuri per l’istruzione e il supporto psicosociale per i bambini più colpiti. I minorenni separati dalle proprie famiglie sono stati registrati per essere riunificati ai propri familiari il prima possibile. I negoziati con i gruppi armati che hanno reclutato bambini sono in corso per assicurare il loro immediato rilascio e il reintegro nelle comunità quando possibile. L’UNICEF sta anche aiutando a fornire assistenza umanitaria ai bambini e alle famiglie sfollate, con acqua pulita, servizi igienico sanitari adeguati e altri beni di base come teloni per rifugi, stuoie di plastica e taniche per l’acqua. La mancanza di fondi è ancora un punto cruciale. La crisi nella Repubblica Centrafricana e nei paesi vicini è l’emergenza regionale su larga scala meno finanziata. I fondi richiesti sono aumentati a 120 milioni di dollari per il 2014, ad ora finanziati solo per meno del 25%.“Siamo impegnati a mantenere la rotta e a fare tutto ciò che possiamo per i bambini della Repubblica Centrafricana,” ha detto Diabaté. “La comunità internazionale deve fare la sua parte”.

 

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »