Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

Archive for 7 luglio 2014

Steady Stadler stretches advantage

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 luglio 2014

Steady StadlerAmerican Kevin Stadler remains on course for a wire-to-wire victory in the Alstom Open de France after a testing third round which saw just three players break 70. Stadler held a one shot lead after a flawless opening 64 and extended his advantage to three shots thanks to a second round of 68. And although the World Number 62 shot a one over par 72 on Saturday, the wet and windy conditions meant he finished the day four ahead of France’s Victor Riu and Thailand’s Thongchai Jaidee. Jaidee’s 69 would have been even better if not for a bogey on the 18th, where he drove into the water, while US Open Champion Martin Kaymer is six off the lead after a 70. “I think since the first day he’s running away a little bit, so I guess he likes the golf course as much as I do,” Kaymer said of Stadler, who won his first US PGA Tour title in Phoenix in February. “So I think it will be difficult to catch him. If the weather stays like this, I just need to shoot a very, very low score tomorrow. If you get within two or three shots of him, he might get some nerves the last three or four holes because it’s a tough finish. But the way he plays golf and the way I know him, he’s a very laid-back guy so it will be difficult to catch him. I can only try to shoot as low as I can to be happy with myself.” Stadler carded one bogey and eight pars on the front nine and that allowed Riu to claim a share of the lead when he recorded his second birdie of the day on the ninth. At that point the 29 year old from Paris was the only player in the field not to have dropped a shot, but a bogey promptly arrived on the tenth after he drove into the water and Stadler holed from ten feet for birdie and a two shot swing. Riu bounced straight back with a birdie on the 11th but then carded five bogeys and a birdie in the next six holes, managing his only par of the back nine on the 18th. Stadler was far more consistent with seven pars and a bogey on the 17th, despite struggling with a back injury which flared up during the round. “It’s a little tight,” the 34 year old said. “It’s been a little out of whack all week. Luckily didn’t give me a whole lot of trouble the first couple of days, but it today it turned up a bit. I’m still able to swing so should be fine. I got about what I deserved out of my game today. I didn’t play that great, made a whole lot of pars and did not have nearly as many looks (for birdie) as I had the last couple days, but you can’t expect to play that well for four days in a row. I knew I really didn’t have to do anything crazy today. A couple less would have been nice, but overall I’m happy the way it went.” Defending champion Graeme McDowell is eight shots off the pace after a rollercoaster 73 which featured four bogeys, one double bogey and four birdies in the space of five holes from the fifth. “It was tough to find a rhythm, it was playing pretty difficult,” McDowell said. “It was nice to string a few birdies together and get myself back into it and as I made the turn I was feeling good about myself, my swing and my position in the tournament. “My swing off the 10th and 13th tee has been haunting me a bit, I’m just not committing to those shots and missing them all left. I’m disappointed with that back nine (39) because I really felt like I swung the club decently today. All I can do is try to shoot a 66 or 67 and there’s a 75 or 76 waiting for anyone on this golf course.”As far as French players are concerned, Julien Quesne managed a brilliant three-under par 68, the lowest round of the day, to tie for 12th. On the same mark is Alexander Levy, who carded a 1-over 72. World No. 22 Victor Dubuisson finished and horrendous day with a double bogey on 18 for a five-over par 76. (Steady Stadler)

 

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stadler provides fireworks for 4th of July

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 luglio 2014

indipendence daysAmerican Kevin Stadler celebrated Independence Day by claiming a three shot halfway lead in the Alstom Open de France, despite a shaky finish to his second round. Frenchman Victor Riu took second spot on his own after a fine round of 67, while nine other local players made the cut, including Victor Dubuisson who carded a 68, the only bogey-free round of the day. Stadler carded a flawless opening 64 at Le Golf National and did not drop his first shot of the tournament until his 32nd hole at the 2018 Ryder Cup venue. But after bouncing back in style with birdies on the next two holes, the World Number 62 shanked his approach to the par five ninth – his final hole – to run up a double bogey seven. “I just tried to get a little too much out of it,” admitted Stadler, who had to settle for a round of 68. “I didn’t have the best of lies and had to hit the shot perfectly. I got a little too steep on it and it came off the hosel and into the deep stuff. It was not exactly how I planned to finish the day but overall it was another good day so it’s all good. I putted brilliantly the first couple of days. I got a little sloppy on my final nine today but other than that struck the ball very well as well, had a lot of chances and rolled in a lot of nice putts.” Stadler won his maiden US PGA Tour title in February and was half of the first father-son pairing to play in the same Masters Tournament in April with his father Craig, the 1982 champion. The 34 year old finished joint eighth at Augusta National but that has been his only top-ten since winning in Phoenix and he added: “It’s been a little rotten the last couple of months but it’s starting to show some signs of form again and I’ve hit plenty of good shots the last couple of days. “Hopefully I can do more of the same at the weekend, the putter keeps co-operating and I am looking forward to the last couple of days.” Stadler’s nearest challenger is Parisian Victor Riu, whose only bogey in a round of 67 came on the 18th after finding a greenside bunker, with 2012 winner Marcel Siem two shots further back on five under after a 72. Riu has missed the cut in five of his last six events but some hard work with his coach and a touch of local knowledge paid off for the 29 year old. “I’m attached to (the nearby) St-Nom-La-Bretèche but most of time I come here because the course is so good,” Riu said. “I used to play here most of the time I’m in Paris. I didn’t feel very good in my game but my coach arrived here on Monday. We are training very hard and I feel much, much better.” Defending champion Graeme McDowell added a 69 to his opening 70 to finish three under par – good enough for a share of fourth place with six other players – and was quick to acknowledge Stadler’s superb performance. “I said to (US Open Champion) Martin Kaymer it was nearly as good as his at Pinehurst, but not quite,” said McDowell, whose winning total 12 months ago was nine under. “It’s a great display of golf. It’s Kevin’s type of golf course and if he keeps playing like that he’s going to be tough to catch, but I feel like three under is not a bad return for the last two days and if I can go low tomorrow and get myself back into it, who knows?” Playing partner Kaymer, who won his second major title by eight shots last month, was a shot behind McDowell on two under after carding a 68 containing six birdies and three bogeys.Aside from Riu, the other nine Frenchmen to make the cut are Alexander Levy, Thomas Linard, Gary Stal, David Bobrowski, Dubuisson, Grégory Bourdy, amateur Julien Brun, Alexandre Kaleka and Julien Quesne.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova relazione medico-paziente

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 luglio 2014

medico-pazienteConoscere la malattia attraverso la conoscenza relazionale, e su questa base pensare una nuova organizzazione del lavoro. Una “relazione” di tipo nuovo, non banalizzata nella sola accezione della amabilità comunicativa, ma un nuovo principio epistemologico a partire dal quale rifondare la Sanità italiana, rinnovando i piani formativi degli operatori sanitari e le prassi ordinarie. Un nuovo metodo che rimetta in discussione l’attuale organizzazione ‘tayloristica’ della sanità basata su giustapposizioni e non su “relazioni”.Questo è ciò che è emerso dal seminario di studio “La relazione con il malato: un nuovo modo di conoscere, di organizzare, di agire la medicina oltre i luoghi comuni” che la Fondazione Chirurgo e Cittadino ha organizzato a Palazzo Marini a Roma il primo luglio.Dopo la lettura introduttiva di Ivan Cavicchi, e i saluti istituzionali dell’ onorevole Pierpaolo Vargiu, presidente della XII Commissione affari sociali della Camera, di fronte ad un folto pubblico selezionato di invitati, si sono succeduti gli interventi di rappresentanti della FNOMCEO (Luigi Conte), della FIMMG (Giacomo Milillo), dell’AGENAS (Marina Davoli), di Federanziani (Giuseppe Pozzi), della FESMED (Carmine Gigli), dell’ACOI (Diego Piazza), della NURSIND (Andrea Bottega), di Cittadinanzattiva (Francesca Moccia), Mario Ciaccia (Italia Unica). “Nella considerazione della ormai prossima definizione del Patto sulla Salute sarà sufficiente un programma di aggiustamenti di sistema? Certamente no! E’ necessario guardare al futuro con occhi attenti ai rivolgimenti sociali in atto dove, in tema di salute, il malato è uscito dalla definizione di “paziente” ed è diventato cittadino “esigente”. Il medico deve conoscere la malattia attraverso la conoscenza della complessità della persona malata. Per governare la complessità, quale insieme di variabili, è necessario mettere in relazione le stesse variabili. Indispensabile, quindi, un diverso ed innovativo modello di organizzazione del lavoro dove, tra le altre cose, il tempo della relazione, della comunicazione, della informazione sia universalmente e strutturalmente considerato quale tempo integrato della cura. In buona sostanza una rivoluzione rifondativa di un sistema ormai del tutto al di fuori dei tempi ed un invito forte a chi dovrà decidere, di essere ascoltati, prendendo sul serio la relazione medico/malato per sviluppare un pensiero di rinnovamento della medicina”. Lo ha detto Rodolfo Vincenti (presidente della Fondazione Chirurgo e Cittadino) riassumendo nelle conclusioni i dati emersi dal dibattito.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezione HIV

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 luglio 2014

via_san_GallicanoUn soggetto affetto da malattia sessualmente trasmessa ha maggiore probabilità di contrarre un’infezione HIV. È questo il dato più importante emerso da uno studio longitudinale durato 25 anni e condotto a Roma presso l’Istituto San Gallicano. La sifilide In particolare si è dimostrata capace di aumentare il rischio di infezione da HIV fino a oltre sette volte. Un aumento del rischio è stato dimostrato, in misura minore ( circa 2 volte), anche per la gonorrea. Alla luce di questi risultati da marzo di quest’anno, presso la Dermatologia Infettiva del San Gallicano, diretta da Antonio Cristaudo, è stato avviato in collaborazione con il Ministero della Salute, un Programma di lotta alla sifilide nelle popolazioni di giovani adulti, allo scopo di contrastarne il ruolo nella diffusione dell’infezione da HIV.I risultati dello studio e le tappe del Progetto Sifilide sono stati presentati oggi al San Gallicano al convegno”Focus on: HIV” che ha visto il confronto di massimi esperti sul tema. In Italia nell’arco di oltre vent’anni, dal 1991 al 2012, sono stati circa 97.000 i soggetti colpiti da infezioni sessualmente trasmesse, 15.000 i colpiti da Sifilide. Di questi oltre 67.000 hanno effettuato screening per HIV e circa 5000 sono risultati positivi, pari a una prevalenza ( casi registrati) del 7,3%. Questi i dati del Sistema Nazionale di Sorveglianza Sentinella delle infezioni sessualmente trasmesse di cui fa parte il San Gallicano, unico centro clinico del centro Italia che ha prodotto il 27% dei dati del centro sud. (Notiziario ISS, 4-2014)“Lo studio venticinquennale del San Gallicano – sottolinea Aldo Di Carlo, Direttore scientifico del San Gallicano – conferma questa tendenza. E’ stata valutata la probabilità di acquisire l’infezione da HIV in una popolazione di circa 2000 maschi a rischio (MSM= maschi che fanno sesso con maschi), dimostrando come tra il 2001 e il 2009 si sia verificato un incremento dell’incidenza dell’infezione mai registrato dal 1985. Tale incremento di rischio si è riscontrato soprattutto tra i più giovani e tra coloro che nel periodo di osservazione avevano contratto infezioni sessualmente trasmesse (IST), come la sifilide o la gonorrea. Nel 2013 la proporzione di pazienti sieropositivi con sifilide è del 33% rispetto del 2011 che era del 17%.”“Oggi questi dati pongono l’attenzione – precisa Antonio Cristaudo – sulla lotta alle IST come strategia prioritaria da avviare anche per arginare la diffusione di HIV, soprattutto nelle popolazioni più giovani e in quelle più vulnerabili.”“Stiamo oggi assistendo, – avverte Cristaudo – ad un abbassamento della guardia rispetto all’AIDS. La malattia infatti da mortale è diventata di tipo cronico grazie alle nuove terapie. C’è quindi minore paura e precauzione, sia tra i soggetti a rischio che tra gli eterosessuali. La minor attenzione alle misure preventive ha determinato una recrudescenza di tutte le malattie sessualmente trasmesse, ed i soggetti affetti a loro volta acquisiscono più facilmente infezione da HIV.” Esperti dell’Istituto nazionale per la malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, che per il numero di pazienti con HIV trattati è la prima nel Lazio e tra le principali realtà in Italia, hanno portato il loro contributo. “Dalla nostra esperienza – dichiara Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani – emerge in maniera chiara l’importanza di una adeguata informazione e di una identificazione precoce dell’infezione da HIV e delle patologie indicative di essa per un inizio tempestivo del trattamento. Il numero di casi trattati e le competenze cliniche e diagnostiche acquisite dal nostro Istituto, come testimoniato dai risultati clinici ottenuti, fanno sottolineare come, con l’evolversi della patologia sia sempre più importante che le persone con infezione da HIV si rivolgano e vengano gestite da centri di alta specializzazione con grandi casistiche ed accesso a strumenti diagnostici e terapeutici innovativi.”L’aumento progressivo dei pazienti in trattamento, legato al numero costante di nuove diagnosi e ai criteri di accesso alla terapia sempre più allargati, pone crescenti problemi di sostenibilità economica, per quella che è oggi la seconda voce della spesa farmaceutica ospedaliera dopo l’oncologia. “Controllo dell’appropriatezza prescrittiva e aderenza alle linee-guida, un approccio basato sulla costo-efficacia e l’utilizzo dei farmaci equivalenti possono consentire di controllare i costi mantenendo elevata la qualità delle cure – dichiara Andrea Antinori, direttore sanitario dello Spallanzani – “In tal senso la Regione Lazio ha sviluppato un Protocollo Diagnostico Terapeutico (PDT) sulla terapia antiretrovirale, basato su modelli farmaco-economici e di HTA, al fine di operare un intervento valido sia in termini di programmazione di spesa che di miglioramento degli standard di cura”.“Le neoplasie – evidenzia Francesco Cognetti, direttore del Dipartimento di Oncologia medica del Regina Elena – sono molto frequenti in pazienti HIV positivi e ne rappresentano una delle cause principali di mortalità. La terapia antiretrovirale migliora la sopravvivenza ma espone ad altri cancerogeni ambientali, e l’elevata associazione di HIV con altri virus oncogeni hanno ampliato lo spettro neoplastico. E’ pertanto necessaria una stretta sorveglianza in questi pazienti rispetto alla popolazione sana soprattutto per quanto riguarda i tumori del collo dell’utero e dell’ano, la cui diagnosi precoce previene l’incidenza di cancri invasivi”.“Multidisciplinarità e collaborazione tra centri di eccellenza – dichiara Fulvio Moirano Commissario Straordinario degli IFO e dello Spallanzani – sono oggi gli elementi fondamentali per il progresso della salute pubblica in questo ambito, come in tutte le patologie.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »