Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 18 luglio 2014

Call for experts: structured dialogue under ESI Funds (deadline 05/08)

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

Call for experts: structured dialogue under ESI Funds (deadline 05/08)The European Commission is looking for organisations to join the recently established structured dialogue group of experts on the European Structural and Investment Funds (ESIF).
The group of experts will bring together umbrEuropean Commissionella organisations representing their partners at EU level and having a specific interest in the European Structural and Investment Funds. It will: support the work of the Commission as regards the development of cohesion policy, the policy of rural development, the Common Fisheries Policy and the integrated maritime policy in different areas of expertise,
assist the Commission on questions relating to the implementation of support from the ESI Funds, monitor the evolution of policy in the field of partnership and multi-level governance, exchange experience and good practice in this field.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

How to apply Regulation (EU) 1379/2013 on the Common Organisation of the Markets of Fishery and Aquaculture Products (CMO)

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

european parliamentThe European Parliament and the Council adopted this Regulation (the “CMO regulation”). It entered into force on 1 January 2014 (apart from the provisions on consumer information, which will apply from 13 December 2014). The regulation: substantially changes EU funding in this field, reducing the previous 6 mechanisms to one – storage aid – which is itself due to disappear on 1 January 2019 (see Commission implementing regulation (EU) No 1419/2013). provides for a new tool – production & marketing plans (see Commission implementing regulation (EU) No 1418/2013) – mandatory since 1 January 2014. These plans will help professional organisations with the day-to-day implementation of the Common Fisheries Policy’s reform goals and allow them to manage their activities in a business-like and market-oriented manner. improves consumer information requirements, to help consumers make informed choices. These provisions, which complement regulation (EU) 1169/2011 on food information for consumers (“FIC”), will apply from 13 December 2014. They do not change any of the terms of regulation 1169/2011. These FAQs are designed to help all interested parties to better understand and correctly apply the CMO regulation. They have no formal legal status.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU-Morocco Fishing Partnership Agreement comes into force as new four-year Protocol agreed with Madagascar

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

marocco 2The EU’s Fisheries Partnership Agreement with Morocco, agreed last year, has now come into force following official ratification by Morocco. The EU vessels will receive certain fishing rights in Moroccan waters in return for financial assistance by the EU to develop the Moroccan fishery sector. The protocol is the second largest of its kind and belongs to a new generation of fisheries agreements after the reform of the EU Common Fisheries Policy, placing a strong emphasis on environmental sustainability. Elsewhere, the EU and Madagascar initialled a new 4 year-Protocol to the Fisheries Partnership Agreement, the EU’s second largest one in the Indian Ocean. This deal guarantees the continuation of Europe’s fishing operations beyond the expiry at the end of this year.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Blue Growth a priority as EU launches Adriatic and Ionian Strategy

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

Mediterranean Sea1Better cooperation between countries in the Adriatic and Ionian regions is needed to address shared challenges and better exploit joint opportunities. This Strategy seeks to facilitate this co-ordination and will help the regions’ 70 million citizens to benefit from a boost in the maritime economy, the preservation of the marine environment, stronger transport and energy links and increased tourism.
The European Commission has officially launched a new EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region to help its 70 million residents to reap the benefit of closer cooperation in areas like promoting the maritime economy, preserving the marine environment, completing transport and energy links and boosting sustainable tourism. The Strategy will also provide a valuable opportunity non EU-countries to work alongside EU members, in particular contributing to the integration of the Western Balkans into the European Union. This is the first EU ‘macro-regional strategy’ with such a large proportion of non-EU countries (Albania, Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia) cooperating with EU members (Croatia, Greece, Italy, and Slovenia). The Strategy mainly revolves around the opportunities of the maritime economy – ‘blue growth’, land-sea transport, energy connectivity, protecting the environment and sustainable tourism – sectors that are bound to play a crucial role in creating jobs and boosting economic growth in the region. The starting point for this is the Maritime Strategy for the Adriatic and Ionian Seas, adopted by the Commission on 30 November 2012 and now incorporated into the Strategy. European Commissioner for Regional Policy Johannes Hahn commented: “Working together to tackle common challenges and promote shared potential makes great sense. The Adriatic Ionian will be Europe’s third macro-regional strategy. The countries involved should learn lessons from the Baltic Sea and Danube Strategies, namely the importance of focusing on a few priorities with strong political leadership, if it is to have a real impact. In a region that has seen some of Europe’s most serious recent conflicts, the Adriatic Ionian Strategy, with its cooperation between EU and non-EU neighbouring countries, could also play an important part in helping the integration of the Western Balkans into the European Union.” Maria Damanaki, Commissioner for Maritime Affairs and Fisheries said: “The maritime challenges we face in the Adriatic and Ionian Region are not unique to any one country: from overfishing to pollution, traffic congestion, transport connections and seasonal tourism: the only way that makes sense to tackle these issues is the united, coherent way. Since there is growth potential many of these areas, the action plan for the Adriatic Ionian can help propel the region out the crisis and put its economy back on track.” A pair of countries – one EU Member State and one non-EU country- coordinated the development of each element of the Action Plan: Greece and Montenegro on “Blue Growth”,
Italy and Serbia on “Connecting the Region” (transport and energy networks),
Slovenia and Bosnia and Herzegovina on “Environmental Quality”,
Croatia and Albania on “Sustainable Tourism”.
In addition, capacity building as well as research, innovation and small and medium size business are cross-cutting aspects. Climate change mitigation and adaptation as well as disaster risk management are horizontal principles relevant to all four pillars.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mediterranean still heavily overfished as Northeast Atlantic fish stocks recover

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

Mediterranean SeaFish stocks in the Northeast Atlantic continue their recovery but serious overfishing persists in the Mediterranean Sea. That’s the conclusion of the this year’s report on the state of fish stocks. The document is now open to the views of stakeholders via an online public consultation, before the Commission makes its proposals for the 2015 fishing opportunities this autumn.
For the first time, the Commission could take into account scientific advice for the state of the stocks in the Mediterranean and the Black Sea. The fish stock data for the Mediterranean show a dismal picture: 96% or more of the Mediterranean bottom-living fish are overfished, and for the middle-water stocks like sardine and anchovy the figure is 71% or more. For the Black Sea, all bottom-living fish and 33% of pelagic stocks are overfished. But there is good news elsewhere, as in the Northeast Atlantic area, and that includes the Baltic and North Seas, overfishing has fallen from 86% (30 stocks overfished out of 35 assessed) in 2009 to 41% (19 out of 46 stocks) in 2014.
“I am very worried how badly things are going in the Mediterranean Sea”, European Commissioner for Maritime Affairs and Fisheries, Maria Damanaki, said. “Now that scientists have assessed many more fish stocks over the last five years, the time of denial is over: the Mediterranean Sea is heavily overfished. I see a long struggle and hard work ahead: We need to build up the science, adopt regional fishing plans to bring fishing down to sustainable levels. If we do not act now, we will lose the tremendous potential of these resources for future generations. The new Common Fisheries Policy offers an opportunity that we must live up to, and I shall be discussing this with all the Fisheries Ministers in the Mediterranean Member States”. On the situation in the Northeast Atlantic area, Commissioner Damanaki stated: “The successful recovery of fish stocks in the Northeast Atlantic proves to me that with the right rules in place, it is possible to bring overfishing to an end. When good science is available, when catches are set at the right level and when – most important of all – the fishermen join in the efforts to protect the stocks, then I am sure we will see further improvements ahead. These are the principles that the reformed Common Fisheries Policy is based on.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coordinated maritime surveillance for safer and more secure seas

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

ciseThe European Commission took a further step towards a more effective and cost-efficient surveillance of European Seas by announcing the Common Information Sharing Environment (CISE). By bringing together surveillance data from civil and military authorities like coast guards, navies, and fisheries and border control, duplication of work can be avoided and a potential €400 million worth of savings can be made every year.Increased cooperation and sharing of data will help to deal with “real time” events at sea such as accidents, spills, crime or any other security threat. CISE aims to help the relevant actors share live information and data and is a key part of the recently adopted European Maritime Security Strategy.The CISE Communication is indicative of the progress and commitment made at EU and national level since a roadmap was outlined in 2010. It proposes guidance and priorities for further action with a main focus on how to further enhance information exchange – in particular between civil and military authorities – to better interconnect existing maritime surveillance systems. This will bring allow for more effective and timely co-ordination of maritime surveillance operations in EU waters. It will help create a safer investment climate for blue growth and ensure the security of EU citizens.The Commission will launch a project under the EU’s 7th Framework Programme for Research in order to test Maritime CISE on a large scale. Along with Member States, it will produce a best practice handbook on how to apply CISE based on experience from existing systems and pilot projects like MARSUNO, Bluemassmed and Cooperation.Maria Damanaki, Commissioner for Maritime Affairs and Fisheries, said: “Sustainable economic growth within the maritime sector can only be ensured if our seas and oceans are safe and secure. CISE aims to make sure that all involved maritime surveillance actors have a complete picture of all events at sea. Sharing such information is key to avoid duplication in collection of data and for the use of patrol ships, planes, helicopters or satellites in the same sea areas. Today, about 40% of information is collected several times and 40% to 80% of information is not shared amongst the interested users. We cannot afford such a waste of efforts and money”.(cise)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I deputati esortano l’UE ad aiutare 5,3 milioni di giovani a trovare un lavoro dignitoso

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

infortuni-lavoroIl Parlamento europeo ha chiesto misure più efficaci per combattere la disoccupazione tra i giovani, tra cui standard minimi comuni per l’apprendistato e salari decenti, in una risoluzione approvata giovedì. Nel documento chiede che il finanziamento UE dei programmi relativi all’occupazione sia aumentato nei futuri bilanci annuali.Una crescita economica sostenibile è impossibile senza ridurre le disuguaglianze, si afferma nel testo approvato con 502 voti favorevoli, 112 contrari e 22 astensioni. I deputati sottolineano che la disoccupazione giovanile ha raggiunto livelli senza precedenti, con una media UE del 23% e picchi di oltre il 50% in alcuni Stati membri. In totale, 5,3 milioni di cittadini europei sotto i 25 anni sono disoccupati.La Commissione dovrebbe monitorare attentamente l’attuazione della “Garanzia giovani”, lanciata lo scorso anno e proporre standard minimi UE su qualità dei tirocini, livelli salariali e accesso ai servizi per l’impiego. I finanziamenti comunitari per la Garanzia giovani, attualmente di 6 miliardi di euro, devono essere aumentati, aggiungono i deputati.Il Parlamento propone anche l’adozione di misure aggiuntive a livello nazionale per combattere l’abbondono scolastico e promuovere la formazione e l’apprendistato e di strategie globali per chi non ha un lavoro e non partecipa a programmi d’istruzione o formazione. Gli Stati membri dovrebbero, inoltre, utilizzare il Fondo sociale europeo o il programma ERASMUS+ per finanziare progetti che promuovono l’imprenditorialità e aiutano a sradicare la povertà e l’esclusione sociale.Nella risoluzione si sottolinea l’importanza per i giovani di acquisire competenze trasversali, quali la conoscenza delle tecnologie dell’informazione, le capacità di leadership, il pensiero critico e le lingue, anche attraverso lo studio all’estero. I deputati consigliano inoltre agli Stati membri di dare priorità all’insegnamento di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, poiché questi profili saranno probabilmente quelli maggiormente richiesti sul mercato del lavoro.Infine, i deputati invitano gli Stati membri a garantire che i giovani abbiano accesso a posti di lavoro di qualità che offrano stabilità e sicurezza e rispettino le norme fondamentali sul lavoro. Per incoraggiare la creazione di posti di lavoro, i governi nazionali dovrebbero ridurre gli oneri amministrativi per i lavoratori autonomi, le microimprese e le piccole e medie imprese e introdurre politiche fiscali capaci di creare un clima più favorevole per gli investimenti privati.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iraq: no al terrorismo jihadista, è necessaria una soluzione politica sostenibile

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

iraq-MMAP-mdIn una risoluzione approvata giovedì, il Parlamento condanna fermamente gli attacchi dello Stato islamico (IS) contro lo Stato iracheno e i suoi cittadini, e in particolare le esecuzioni extragiudiziali e l’imposizione di un’interpretazione rigida della Sharia. Allo stesso tempo, la risoluzione esorta le forze di sicurezza irachene a rispettare gli impegni internazionali in materia di diritti umani e libertà fondamentali nella lotta contro l’IS e gli altri gruppi terroristici. I deputati condannano fermamente gli attacchi contro obiettivi civili, tra cui ospedali, scuole e luoghi di culto e il ricorso alle esecuzioni e alle violenze sessuale nel conflitto. Respingono senza riserve e considerano illegittimo l’annuncio della leadership dell’IS che dichiara di aver stabilito un califfato nelle zone attualmente sotto il suo controllo e avverte che – se viene consentito all’IS di controllare il territorio di cui ha preso possesso – ci potrebbero essere uccisioni di massa. Secondo i deputati, la risposta alla questione della sicurezza deve essere combinata con una soluzione politica sostenibile che coinvolga tutte le componenti della società irachena e che tenga conto delle loro legittime rivendicazioni. Ritengono che, dopo le elezioni di aprile, si debba formare con urgenza un governo dotato di un programma inclusivo, che rappresenti la diversità politica, religiosa ed etnica della società irachena, per porre fine allo spargimento di sangue e alla frammentazione del paese. Inoltre, l’esercito dovrebbe essere riorganizzato in modo inclusivo, non settario e imparziale. Nel documento si sottolinea che l’UE dovrebbe sviluppare un approccio strategico globale per il Medio Oriente e che l’Iran, l’Arabia Saudita e gli altri Stati del Golfo dovrebbero partecipare agli sforzi di allentamento delle tensioni in Siria e in Iraq. Inoltre, i diritti umani e le libertà fondamentali, compresa la libertà di espressione, di stampa e le libertà digitali, devono essere rispettati anche durante la crisi.I deputati chiedono una cooperazione internazionale al fine di intraprendere azioni legali contro centinaia di combattenti stranieri, compresi cittadini europei, che si sono uniti l’insurrezione IS e sono sospettati di essere coinvolti in atti terroristici. I cittadini dell’UE in questione sono considerati dai governi degli Stati membri un rischio per la sicurezza.Il gruppo di Stato islamico (IS) – precedentemente lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL) – ha conquistato parti dell’Iraq nordoccidentale, compresa Mosul, la seconda città del paese, per poi procedere a esecuzioni sommarie di cittadini iracheni, imporre un’interpretazione rigida della Sharia, distruggere i luoghi di culto e i templi sciiti, sufiti, sunniti e cristiani e perpetrare altre atrocità contro la popolazione civile. Secondo le stime, vi sarebbero 1,2 milioni di sfollati interni nell’Iraq centrale e settentrionale e circa 1,5 milioni di persone bisognose di aiuti umanitari.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo: conti pubblici

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

“Poniamo al ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, 10 domandi alle quali dovrà rispondere in Parlamento”. Lo scrive Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da “Il Giornale”.
“1. Quanto peserà in termini di deficit la crescita italiana più vicina allo zero assoluto che non allo 0,8% delle previsioni governative?”.
“2. Con ogni probabilità il Consiglio europeo non accetterà la proposta dell’Italia di posporre al 2016 il pareggio di bilancio. Come verranno corretti i conti pubblici?”
“3. In che modo e in che tempi il governo intende far fronte alle Raccomandazioni della Commissione europea che hanno accompagnato l’Italia fuori dalla procedura d’infrazione e che sono state ribadite in tutte le successive deliberazioni?”.
palazzo chigi“4. Di fronte ai modesti risultati in termini di aumento dei consumi del “bonus Irpef” di 80 euro il governo intende ora rendere quella misura strutturale ed estenderla ai pensionati, ai lavoratori autonomi e ai cosiddetti “incapienti”. Costo previsto di almeno 15 miliardi. Con quali coperture?”.
“5. Nel tendenziale di finanza pubblica sono incorporati tagli pari a 4,5 miliardi nel 2014; 17 miliardi nel 2015 e 32 miliardi a decorrere dal 2016, da realizzare attraverso la Spending review, che si mostra fin troppo impantanata. Come si recupereranno le risorse che mancano all’appello?”.
“6. Debiti della Pa. Per Banca d’Italia ci sono ancora 75 miliardi da pagare. Come farà il governo ad onorare l’impegno di saldare tutto entro il 21 settembre di quest’anno?”.
“7. A differenza del 2012 e del 2013, il debito pubblico italiano già a maggio è superiore di 25 miliardi rispetto alle previsioni del Def per fine anno 2014. Nei primi 5 mesi l’aumento complessivo è stato di oltre il 10%. Come si intende rimediare?”.
“8. Nei primi 4 mesi del 2014 le entrate fiscali sono aumentate dell’1,4%, contro un’ipotesi di crescita del 3,1% contenuta nelle previsioni governative. Il buco virtuale è di circa 8 miliardi. Come colmarlo?”.
“9. Nel tendenziale di finanza pubblica sono previste privatizzazioni per 10 miliardi l’anno per il prossimo triennio. I tentativi finora portati avanti si sono dimostrati un flop. Come recuperare il tempo perduto? E soprattutto, si può ancora?”.
“10. Il presidente del Consiglio ha più volte escluso l’ipotesi di una manovra correttiva. Alla luce dei dati forniti, ci può il ministro indicare come avverrà il miracolo?”, conclude Brunetta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Curiamo l’acne

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

abano termeAbano Terme (PD), Esposizione al sole, ricorso alle lampade abbronzanti e sospensione delle cure dermatologiche durante il periodo estivo, sono tutti fattori che determinano nei pazienti acneici un peggioramento della malattia al rientro dalle vacanze.Ciò si deve al falso mito che l’acne, patologia comune che insorge soprattutto nell’età adolescenziale, ma che non risparmia gli over 30, possa migliorare, se non addirittura sparire, esponendo la pelle al sole. In Italia si stima che l’acne di gravità intermedia colpisca il 30-40% della popolazione tra i 15 e i 20 anni; nei trentenni la percentuale scende all’1% negli uomini e al 5% nelle donne. “Se all’apparenza vediamo la pelle meno unta e con meno imperfezioni, non vuol dire che stiamo guarendo perché i raggi solari, in realtà, accentuano il processo infiammatorio alla base dell’acne, provocando un ispessimento dello strato più superficiale dell’epidermide (strato corneo) che causa la formazione dei comedoni, cioè i punti neri. L’apparente miglioramento si deve anche all’abbronzatura che, donando uniformità al colore della pelle, tende a nascondere le imperfezioni” – afferma il Professor Stefano Veraldi, Direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, Università degli Studi di Milano – “Alla falsa credenza che il sole guarisca l’acne, si aggiunge un altro comportamento diffuso e dannoso per la pelle: la tendenza a sospendere il trattamento in ragione del fatto che diversi farmaci per l’acne possono rendere la pelle più sensibile ai raggi UV. Si tratta dei cosiddetti farmaci fototossici o fotosensibilizzanti, che possono causare danni e macchie alla pelle in seguito all’esposizione al sole, come nel caso delle tetracicline orali”. Se è vero che alcuni farmaci non possono essere impiegati sotto il sole, è ancor più vero che vi sono altri farmaci antiacne che possono essere utilizzati anche nel periodo estivo. “Si tratta dei retinoidi topici e di alcuni antisettici, che devono essere applicati sulla pelle alla sera e accuratamente sciacquati prima di esporsi al sole. Senza dimenticare le protezioni solari indicate per la pelle acneica – da evitare quelle occlusive perché sono comedogeniche (causano la formazione dei punti neri) -, i detergenti e le creme idratanti. E’ quindi importante non interrompere i trattamenti durante il periodo estivo perché si rischia che il rientro a settembre porti con sé una riacutizzazione della malattia” afferma il dermatologo. “Vi sono, poi, prodotti per il trattamento delle lesioni acneiche lievi e intermedie che possono essere impiegati anche sotto il sole in quanto non presentano fenomeni di fototossicità. – aggiunge il Prof. Veraldi – E’ il caso, tra gli altri, di un gel a base di perossido di idrogeno e acido ialuronico. Il perossido di idrogeno, con le sue proprietà antisettiche, contrasta un batterio coinvolto nella patogenesi dell’acne, Propionibacterium acnes. Inoltre, è ben tollerato dai pazienti”.Questo gel (Ialect gel) è trasparente e fluido, non unge, non colora e non macchia, al contrario di molti altri trattamenti. Distribuito sulla parte interessata, forma una pellicola protettiva che impedisce l’aggressione degli agenti esterni e previene le infezioni batteriche. La cute apparirà più asciutta e diminuiranno imperfezioni e lesioni, a tutto vantaggio della vita sociale del paziente.
L’acne è una malattia molto comune che può determinare risvolti negativi anche dal punto di vista psicologico, soprattutto negli adolescenti: proprio perché la parte maggiormente interessata è il viso, quindi una zona visibile, il soggetto può vivere una condizione di disagio e insicurezza nella vita di relazione con gli altri. E’ quindi essenziale rivolgersi a un dermatologo per affrontarla e curarla precocemente.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »