Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 30 luglio 2014

The first Annual Report

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

europeanCourtHumanOn July 29, the European Union borders Agency Frontex published the first Annual Report of the Frontex Consultative Forum on Fundamental Rights. The key task of the Consultative Forum, which FRA and the Jesuit Refugee Service Europe (JRS) have co-chaired since its inauguration in October 2012, is to provide advice to Frontex on fundamental rights issues. Core areas on which the Consultative Forum is consulted include the further development and implementation of Frontex’ Fundamental Rights Strategy and Code of Conduct.
Following its establishment, the Consultative Forum began by assessing which Frontex activities may give rise to major fundamental rights concerns, in cooperation with the Fundamental Rights Officer, Frontex staff and the Frontex Management Board. This resulted in a decision for the Consultative Forum to work on selected issues in the fields of strategic planning, joint operations, risk analysis and training.
The Annual Report provides an overview of the activities undertaken by the Consultative Forum in 2013 and contains the main recommendations made to Frontex and its Management Board, as well as the subsequent impact of these on the Agency’s work.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Invest in Photonics(R) organizers attest to material-based science technologies moving closer to mainstream commercial market adoption

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

bordeauxInvest in Photonics, a two-day international business partnering convention focusing exclusively on photonics venture capital investment, takes place October 9 – 10, 2014, in Bordeaux, France.
With the needs for industry growth, job creation and other societal and environmental challenges, event organizers are keen to point the investment community towards the new technological advances that will bring them fast returns. New advances in photonics, a technology that uses light to run devices and transmit data, is in the process of revolutionizing healthcare, transforming computing and manufacturing as well as addressing challenges in energy-efficiency with intelligent light management systems. “Photonics is finally getting closer to the consumer,” said Thierry Thevenin, head of the Invest in Photonics organizing committee. “Beyond broadband access, smartphones and tablets or laser eye surgery, people will start to see more photonics-based diagnostics equipment used to treat age and life-style related diseases. Among key developments on the rise are wearable computing and intelligent lighting. One of the main issues we’ll be addressing at this year’s event will be how to invest correctly in R&D to pursue the various applications that will impact our lives and transform society. At Invest in Photonics, influential global players provide those insights that participants can turn into profitable and saleable ventures.” Arch Venture Partners is an international investment firm based in the US that finances entrepreneurs developing disruptive technologies. Mr. Thurk will take part in the VC roundtable at the event.
The Internet of Things (IoT), where any natural or man-made object – from your refrigerator to a heart monitoring implant – can be assigned an IP address and have the ability to transfer data over a network, is seen as one of the next major market opportunities driven by photonics. It is a market high on the Invest in Photonics agenda. It is expected to reach USD 70bn by 2018 (source: ‘Technologies and Sensors for the Internet of Things’ report, Yole Developpement, June 2014). This signals big exit values for venture capitalists.
Photonics-based diagnostics equipment are table-top machines that will provide diagnostics directly from the hospital to the doctor’s office. Diagnostics will be complemented by ‘lab on chip’ biosensors that are non-invasive, light-based and ultra-sensitive. As the cost of diagnostics drops considerably, so its market adoption will increase.
Invest in Photonics(R) is the only European partnering convention focused exclusively on leading investments in photonics. 2014 will see the fourth Invest in Photonics, the biennial event where investors are presented with the most innovative, credible and profitable business ventures in photonics. The two-day event creates strategic investment opportunities by bringing together at a single venue institutional investors and venture capitalists with the world’s experts on photonics, industry leaders, analysts and photonics entrepreneurs. Early stage companies seeking seed funding, development and later stage financing can successfully network with qualified international panels of investors and potential partners to further business projects. Featuring recognized speakers from world leading companies, Invest in Photonics’ conferences provide the highest quality data on market trends and engage participants in informational exchanges on photonics developments.
The event, jointly organized by the Bordeaux Chamber of Commerce, ALPhA (Aquitaine Laser Photonics and Applications) technology cluster and CEA, the largest government-funded technological research organization in France, takes place in Bordeaux, France, host of the Laser Megajoule. The region is recognized as a center for photonics.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nel mondo ogni dieci trattamenti estetici più di due sono di botulino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

medicina-esteticaCon oltre 5 milioni di trattamenti eseguiti in un anno, la tossina botulinica si conferma l’intervento estetico più praticato in assoluto al mondo. È il dato che emerge dal sondaggio condotto dall’Isaps (International Society of Aesthetic Plastic Surgery), la principale associazione a livello internazionale con oltre 2.700 chirurghi specializzati in plastica estetica iscritti al relativo albo in 95 Paesi, che ha presentato i risultati della ricerca più completa a disposizione sul settore della chirurgia e medicina estetica. In totale, i trattamenti di medicina e chirurgia estetica eseguiti sono stati oltre 23 milioni. «Ogni dieci interventi estetici praticati nel mondo, più di due riguardano la tossina botulinica» afferma Giuseppe Sito, vice presidente dell’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino (Aiteb).Tra i Paesi considerati dal sondaggio Isaps, l’Italia è l’unico nel quale la tossina botulinica non è il primo intervento di medicina estetica: «Questo non significa che gli italiani non si ritoccano, ma semplicemente che per farlo preferiscono fillers e sostanze riassorbibili o che esiste ancora un’ingiustificato timore che riguarda la tossina botulinica» commenta Sito.La nazione in cui si utilizza più botulino sono gli Stati Uniti (1.271.739 interventi, 24,7% del totale), seguita a distanza dal Brasile (308.185, 6%). L’Italia è sesta, con 76.472 trattamenti di botulino, pari all’1,5% del totale.
In Italia, la tossina botulinica è guardata con una certa diffidenza che non trova conferma nella letteratura scientifica: «Spesso l’equazione che viene fatta è volti gonfi e artificiali uguale tossina botulinica, mentre in realtà molto spesso si tratta di un abuso di filler e sostanze iniettabili – aggiunge Sito -. Non bisogna infatti dimenticare che i volti trattati con tossina botulinica permettono di ottenere risultati naturali, modulabili e di ringiovanire lo sguardo».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ha un cuore disordinato la fibra ottica del futuro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

cuore“Lo studio, condotto dall’Istituto dei Sistemi complessi (ISC-CNR) e dall’Istituto per i Processi fisico chimici (IPCF-CNR) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologie, il Dipartimento di Fisica della Sapienza, e l’Università del Wisconsin è stato appena pubblicato sulla rivista Nature Communications.”Abbiamo sviluppato un nuovo tipo di fibra che può trasportare in principio più informazione rispetto alle fibre ottiche convenzionali – spiega Marco Leonetti del laboratorio di Fotonica dell’Istituto dei Sistemi Complessi CNR presso il Dipartimento di Fisica della Sapienza – La fibra è formata da tubi di un materiale simile alla comune plastica disposti in maniera disordinata, come una manciata di fiammiferi o di spaghetti all’interno di una scatola”.I segnali luminosi che viaggiano su queste linee di trasmissione portano più informazioni rispetto alle fibre ottiche convenzionali in cui soltanto un canale spaziale di luce attraversa la fibra. L’interno disordinato della fibra fa si che, per effetto del fenomeno della localizzazione di Anderson, il raggio di luce venga bloccato in in spazi piccolissimi, dove rimane intrappolato. A questo punto i ricercatori, grazie a un modulatore di luce spaziale, sono riusciti a concentrare la luce e a controllare la forma del fascio luminoso. La focalizzazione ottenuta attraverso la localizzazione di Anderson e il modulatore permetterà in pratica di fabbricare una nuova generazione di fibre per tecnologie altamente sofisticate.
“In chirurgia, si può utilizzare una fibra ottica per trasportare un fascio laser e realizzare tagli molto precisi, uniti a un effetto coagulante – spiega Claudio Conti, Direttore dell’Istituto dei Sistemi Complessi del CNR – Il taglio è tanto più preciso, quanto più la luce è focalizzata, e le nuove fibre potrebbero migliorare la precisione di questo bisturi laser. Nel campo delle telecomunicazioni le fibre consentirebbero di trasmettere più segnali nella stessa linea di trasmissione utilizzando i diversi canali spaziali creati al loro interno dalla forma disordinata”. (fibra ottica)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio giornalistico Teva Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

teva società farmaceuticaL’iniziativa premierà cinque giornalisti. Per la prima volta, tra le categorie, anche un premio rivolto agli under 30. Requisito essenziale degli articoli – che saranno valutati da una Giuria “d’eccellenza” presieduta dal professor Silvio Garattini, farmacologo e Direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano – dovrà essere quello di fornire un’informazione completa, originale e corretta sui farmaci equivalenti (i cosiddetti “generici”). Favorire una corretta e completa informazione sui farmaci equivalenti (definiti anche “generici”) attraverso la promozione di articoli di divulgazione medico-scientifica documentati e approfonditi. Questo l’obiettivo della 3ª edizione del Premio Giornalistico “La cultura equivalente”, bandito da Teva Italia,azienda leader nel settore farmaceutico, da sempre impegnata nel rendere accessibili cure di alta qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione sia di medicinali equivalenti sia di farmaci innovativi, specialità farmaceutiche e principi attivi.Teva mette in palio 5 premi,del valore di 2.500 euro ciascuno che saranno attribuiti ai migliori articoli/servizi dedicati ai farmaci equivalenti, pubblicati su:
•agenzie di stampa:
•quotidiani/periodici;
•testate specializzate dirette a medici e/o farmacisti;
• siti internet, radio, tv e web tv.
Inoltre, novità di questa edizione 2014, sarà premiato l’elaborato di un giovane giornalista under 30, iscritto o meno a una Scuola di Giornalismo. Saranno ammessi al concorso lavori in lingua italiana pubblicati tra il 1° aprile 2013 e il 31 agosto 2014.La partecipazione al concorso è gratuita ed è aperta a tutti gli iscritti all’Albo dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, sia Professionisti sia Pubblicisti.Gli articoli in concorso saranno valutati da una Giuria composta da esponenti di spicco del mondo della Sanità e da nomi illustri dell’informazione nel mondo dell’Healthcaree dell’informazione. Il bando del concorso (in allegato) è disponibile anche presso la segreteria organizzativa del Premio – Value Relations, Via G.B. Morgagni 30 – 20129 Milano – che dovrà ricevere le schede d’iscrizione (vedi allegato) e i lavori giornalistici entro e non oltre il 16 settembre 2014. I nomi dei vincitorie la data della premiazione verranno comunicati successivamente.
I farmaci equivalenti sono farmaci che contengono la stessa quantità di principio attivo dei farmaci “a marchio” e che ne riproducono la forma farmaceutica e la via di somministrazione. La loro bioequivalenza rispetto al farmaco originatore è stata ampiamente dimostrata così come gli standard di qualità e purezza. Poiché i farmaci “generici” non risentono dei costi di ricerca e sviluppo – in precedenza sostenuti dalle aziende che hanno sintetizzato le molecole dei farmaci originatori – essi sono prodotti a costi inferiori. Questo rappresenta una notevole opportunità di risparmio per le famiglie e per il Sistema Sanitario Nazionale, della quale gli italiani non sembrano ancora del tutto consapevoli: il consumo di farmaci equivalenti nel nostro Paese si attesta ancora a livelli di molto inferiori alla media europea.
Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE: TEVA) è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali. È impegnata nell’accrescere l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di farmaci generici a prezzi accessibili, così come di farmaci innovativi e di specialità e ingredienti farmaceutici attivi. Con sede in Israele, Teva è il più grande produttore di farmaci equivalenti al mondo, con un portfolio prodotti globale di oltre 1.000 molecole e una presenza diretta in circa 60 Paesi. Per quanto riguarda i farmaci innovativi, Teva concentra la sua attività di sviluppo nell’area delle malattie neurologiche, del dolore, delle malattie oncologiche, respiratorie e della salute della donna, oltre che nel settore dei farmaci biotecnologici e biosimilari. Teva impiega circa 45.000 persone in tutto il mondo e ha registrato 20,3 miliardi di dollari in ricavi netti nel 2013.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia plastica, Italia settima al mondo per numero di interventi nei dati Isaps 2013

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 luglio 2014

MedicinaL’Italia è il settimo Paese al mondo per numero di interventi di chirurgia e medicina estetica. È quanto emerge dal sondaggio condotto dalla International Society of Aesthetic Plastic Surgery (Isaps), la più grande associazione al mondo di chirurghi plastici estetici, che anche quest’anno ha realizzato un’indagine sui principali trattamenti chirurgici e non chirurgici realizzati nel 2013.I Paesi che hanno effettuato il maggior numero di trattamenti sono stati gli Stati Uniti (3.996.631 interventi, 17% del totale), seguiti a distanza da Brasile (2.141.257, 9,1%) e Messico (884.353 (3.8%). Settima l’Italia con 192.576 interventi, pari all’1.6% del totale. «Un risultato che conferma come l’Italia sia uno dei Paesi chiave per il settore della chirurgia e medicina estetica – aggiunge Campiglio -. Tra i soci di Isaps, peraltro, gli italiani sono molto numerosi. Un ulteriore segno del ruolo di primo piano che riveste il nostro Paese in questo campo»Le procedure chirurgiche più richieste al mondo sono state l’aumento del seno (1.773.584); liposuzione (1.614.031); blefaroplastica (1.379263); lipofilling (trapianto di grasso autologo) 1.053.890 e rinoplastica (954.423). Le stesse rilevate in Italia dall’indagine effettuata dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe): «Per il 2013 i cinque interventi più praticati in Italia sono gli stessi rilevati da Isaps a livello mondiale – afferma Pierfrancesco Cirillo, segretario di Aicpe -. Questo significa che le esigenze degli italiani sono sostanzialmente allineate con quelle del resto del mondo: una tendenza peraltro che risulta sempre più evidente in tutti i Paesi considerati. I canoni di bellezza sono sempre più globalizzati».Diverso invece il discorso per quanto riguarda la medicina estetica: se a livello mondiale l’intervento più praticato in assoluto si conferma essere la tossina botulinica (5.145.189), seguita a distanza da filler e riassorbibili (3.089.686), in Italia la situazione è diversa. Al primo posto si conferma infatti l’acido ialuronico, seguita dalla tossina botulinica: «Nel nostro Paese si registra ancora una certa resistenza nei confronti della tossina botulinica, a causa spesso di informazioni non sempre scientificamente corrette» commenta Cirillo. I dati sono stati raccolti grazie a un questionario di due pagine inviato ad oltre 30.000 chirurghi plastici di tutto il mondo . Le risposte analizzate da Industry Insight, azienda statunitense indipendente specializzata in queste ricerche da oltre 15 anni, sono state 1.567.
AICPE: L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), la prima in Italia dedicata esclusivamente all’aspetto estetico della chirurgia, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, che è gemellata con l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 200 chirurghi in tutta Italia. Membri di Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, che aderiscono a un codice etico e di comportamento da seguire fuori e dentro la sala operatoria. L’associazione ha elaborato e pubblicato le prime linee guida del settore, consultabili sul sito internet, in cui si descrive il modus operandi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici in diversi modi: disciplinando l’attività professionale sia per l’attività sanitaria sia per le norme etiche di comportamento; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica. Tra gli obiettivi c’è anche l’istituzione di un albo professionale nazionale della categoria.
ISAPS: Fondata 43 anni fa alle Nazioni Unite da un gruppo di chirurghi plastici, l’Isaps è oggi la più grande associazione di categoria, con 2.360 membri in 93 Paesi. I chirurghi, per essere ammessi, sono sottoposti a una rigida selezione e devono avere precise qualifiche e requisiti. La missione dell’Isaps è duplice: da un lato informare i chirurghi plastici sulle ultime tecniche del settore e dall’altro promuovere la sicurezza per i pazienti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »