Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Archive for 18 settembre 2014

Caritas leaders spoke of a Middle East in intensive care, suffering from multiple traumas

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

rescueCaritas Internationalis Secretary General Michel Roy said, “Our duty is to give hope to communities in the Middle East. As well as providing aid, Caritas organisations will work at a national, regional and international level to call for a Middle East open to all faiths, where human dignity and rights are respected, and everyone has the freedom to live in peace with their neighbours.”Keynote speaker, former government minister Damianos Kattar from Lebanon explained that the needs are so overwhelming that meeting them will be impossible.In Syria alone, if the war stopped today, it would cost more than a $100 billion and 15-25 years to rebuild the country. Extremists in Iraq and Syria are carrying out widespread ethnic and religious cleansing in the large areas under their control. Palestinians are living in an open prison in Gaza and are denied their dignity, land and rights in the occupied territories.Delegates heard from Bishop Shlemon Warduni, President of Caritas Iraq, Caritas Jerusalem Director Fr. Raed Abusahliah, Bishop Antoine Audo, President of Caritas Syria and from representatives in Jordan, Lebanon and Turkey.Voices from the region predicted the humanitarian crisis in Syria and Iraq will get worse in the immediate future as conflict escalates, fuelled by weapons from foreign governments. The collapse of millennia old pluralist communities was highlighted.“Life and death are at stake,” said Bishop Shlemon Warduni of Iraqi, urging for the human rights and freedoms of all peoples be protected.“Christians in the Holy Land live under the shadow of Christ on the Cross, a symbol of suffering on Middle East,” said Fr. Raed Abusahliah, who went on to say the exodus of Christians from their homelands will be a tragedy for all faiths in the region and for the world.As well as the persecution of minorities such as Christians and Yazidis, a key concern was the occupation of Palestinian territories and the blockade of Gaza.Faced with the scale of the crisis, Caritas organisations say they must build more resilient communities through interfaith reconciliation and community empowerment.Caritas delegates agreed on a long-term work plan that will focus on inter-religious cooperation, community peacebuilding, strengthening national Caritas organisations and working more closely with Church and other faith-based groups.Archbishop Youssef Soueif, President of Caritas Cyprus and board member of Caritas Internationalis said, “This forum will help us to strengthen our humanitarian aid, to do more to advocate for the dignity of all human beings and to promote peace and reconciliation based on the Christian message of love for your neighbour.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ComUnity.Pro PR network appoints international Board of Directors & launches global 2.0 PR Strategy

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

Brussels,Bruxelles ComUnity.Pro, the unique and independent network of top experienced and well-established local PR consultancies headquartered in Brussels, at the heart of Europe, is proud to announce the appointment of its Board of Directors.
Elected during the 3rd Annual Meeting of the network in Athens, Greece, its members are top senior executives and founders of their respective agencies across Europe and the near-East. Their tasks will mainly be to unify and individualise the different market approaches, as well as promote the network to both profit and non-profit making organisations and institutions. In addition the Board is developing a unique social media package offer, enabling customers to share their messages in the most efficient and cost-effective manner towards their target social communities. President: Marc Henri De Bruyne (@VademecomPR), Founder of VADEMECOM and of the PR Network ComUnity.Pro, Belux
Director of Business Development: Rose Ross (@Rose_at_O), Founder of Omarketing Limited, United Kingdom
Director of Treasury: Marie Elise Adriansens (@MEAdriansens), Partner & Head of Events, VADEMECOM, Belux
Director of Branding & Communications: Ana Velez (@VALKIRIAS_PR), Founding Partner of VALKIRIA’S Consultores, Portugal
Director of Social Media Services: Charly Lammers van Toorenburg (@CharlyLVT), Founder of LVT Benelux PR, The Netherlands
Director of Social Media Services: Baris Topus (@baristopuz), Founding Partner of C2A, Turkey“Since its foundation 5 years ago, our network has thrived, gaining new business on a regular and growing basis thanks to our transparent ‘Pay as You PR’ philosophy”, explains Mr. De Bruyne, President of ComUnity.Pro. “This unique way of working allows our happy customers to only pay for successfully completed agreed actions, not for the time it takes to achieve them. We are now bringing the network to a next level, by proposing an even more complete, unified and strong pioneering offer to meet the evolving needs of the market on local as well as international scenes.” Specialised in high-tech and innovation, ComUnity.Pro is active in more than 30 countries and is constantly expanding its expertise geographically in order to serve its clients with the same quality in other locations across the world. ComUnity.Pro is currently developing activities in Ireland, Brazil, North and South Africa, Israel and the Gulf Region, as well as bilateral agreements with Asia Pacific networks. The network moreover offers the advantage of a single point of contact. Its partners specialize in strategic communication in all major economic sectors worldwide and are carefully selected by the most neutral jury possible, that is to say influential journalists within their own country.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Airbus, Amazon, L’Oreal and Volkswagen execs headline speaker roster at Invest in Photonics(R) 2014

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

PhotonicsBordeaux, France, Invest in Photonics(R), a two-day international business partnering convention focused exclusively on photonics venture capital investment, today announces its line-up of top industry speakers. Amazon’s Babak Parviz and other leading executives from Airbus, Alcatel Lucent Bell Labs, Leica Microsystems, L’Oreal and Volkswagen will be among numerous top industry players and analysts discussing the fast-growth developments that photonics is enabling within their respective industries. Invest in Photonics takes place October 9 – 10, 2014 in Bordeaux, France, which is a growing region for lasers, optics and photonics.
Invest in Photonics focuses on providing venture capitalists with a clear perspective on the most innovative, credible and profitable market opportunities in photonics (light-based technologies).The two-day conference attracts top industry analysts, private investors and financial institutions looking to strike deals, SMEs seeking funding, OEMs and end-users. They come together to network and create profitable business opportunities. A select list of 20 innovative European companies will be invited to make elevator pitches during the conference. Invest in Photonics has helped raise EUR 87m (USD 119m) in funding to date, since the biennial event began in 2008. “It is an exciting time for photonics, which is bringing significant innovations to many traditional and emerging markets,” said Thierry Thevenin, head of the Invest in Photonics organizing committee. “At this year’s event, we are honored to welcome to Bordeaux top industry players and thought leaders who will share their experiences and insights on how photonics technologies are creating opportunities for growth in healthcare, consumer electronics, efficient energy, aerospace and transport. The two VC roundtable sessions: ‘Photonics Financing – The Shift from VC to Corporate?’ and ‘What’s up in Alternative Financing?’ will be essential to understanding the important changes taking place in financing. Invest in Photonics plays a unique role. We invite you to join the only venue that provides fast-track information on leading investments in photonics.” Photonics is a global industry currently estimated at USD 480bn (approx. EUR 364bn), according to market data from the International Society of Optics and Photonics (SPIE). In Europe, the photonics industry generates EUR 43bn in annual turnover, employing 245,000 salaried workers (source: CNOP, the French national committee for optics and photonics). Photonics spans a broad range of applications. In our daily lives, these range from the internet to any device with a display (smart phone, camera). It covers intelligent lighting, LED headlights and self-driving cars to imaging of cancerous cells as well as other health monitoring applications, endoscopy, and laser eye surgery among others. While photonics is ubiquitous, most users are unaware of its role or significance; it is often invisible in end-use applications. Around 60 per cent of companies in photonics employ fewer than 20 staff. A fair majority of start-ups are still looking for financial support, according to EPIC, an industry association for organizations working in the photonics field in Europe.
This year’s event will emphasize four market segments that extensively use photonics to further raise awareness among the financial community. These are consumer electronics, the life sciences, aerospace and transportation, plus energy and the environment.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Malattia di Alzheimer

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

alzheimer-cervelloNel mondo sono circa 25 milioni le persone affette da Malattia di Alzheimer, la più comune forma di demenza che solo in Italia fa registrare più di 600.000 casi. E’ in occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer, che si celebra il prossimo 21 settembre, che la Società Italiana di Neurologia (SIN) sottolinea l’importanza dei risultati conseguiti dalla ricerca scientifica nello sviluppo di nuove terapie e nella diagnosi precoce.La malattia di Alzheimer è costituita da un processo degenerativo che colpisce in maniera progressiva le cellule cerebrali. Deficit di memoria, disturbi del linguaggio, perdita di orientamento spaziale e temporale, oltre a frequenti cambiamenti di umore, costituiscono spesso la spia di questa irreversibile patologia. Ad esserne maggiormente colpiti i soggetti di età superiore ai 65 anni, in particolare le donne, anche se oggi appare ampiamente dimostrato come la patologia possa esordire anche in età presenile.
Ad oggi non esiste una terapia definitiva per combattere l’Alzheimer, ma a rivestire un ruolo cruciale è una diagnosi corretta e tempestiva.“Tecniche di imaging, quali la risonanza magnetica, o la PET – dichiara il Prof. Carlo Ferrarese, Direttore Scientifico del Centro di Neuroscienze di Milano, dell’Università di Milano-Bicocca, – sono strumenti potentissimi in grado di effettuare una diagnosi precoce o addirittura preclinica della malattia di Alzheimer, ossia prima che si sia dimostrata clinicamente la demenza. Effettuare la diagnosi precoce della malattia risulta fondamentale per alcune strategie terapeutiche, attualmente in fase avanzata di sperimentazione, che solo se attuate in fase precoce potrebbero modificare il decorso della malattia. Inoltre – conclude il Prof. Ferrarese – individuare con largo anticipo i soggetti che possono essere colpiti da Alzheimer significa poter prendere in carico il paziente sin dalle prime fasi e garantire un maggior livello di assistenza”.Queste terapie in via di sperimentazione andrebbero ad agire sulla proteina beta amiloide, che si deposita nel cervello delle persone affette da Alzheimer, bloccandone l’accumulo, inibendone la produzione o rimuovendola con anticorpi. Purtroppo non sono ancora note le cause alla base della malattia di Alzheimer, ma la ricerca scientifica ha fatto enormi passi avanti nell’identificazione di fattori che incrementano il rischio di sviluppare la patologia: specifiche mutazioni genetiche, età, nonché la conduzione di uno stile vita non corretto ed equilibrato, conferiscono infatti un rischio maggiore di contrarre la malattia. Studi recenti, inoltre, hanno dimostrato come l’esercizio fisico, la pratica di hobbies e i rapporti sociali agiscano da fattore protettivo non soltanto nei confronti di Alzheimer, ma più in generale delle varie forme di demenza esistenti.La Società Italiana di Neurologia conta tra i suoi soci circa 3000 specialisti neurologi ed ha lo scopo istituzionale di promuovere in Italia gli studi neurologici, finalizzati allo sviluppo della ricerca scientifica, alla formazione, all’aggiornamento degli specialisti e al miglioramento della qualità professionale nell’assistenza alle persone con malattie del sistema nervoso.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smagliature in gravidanza

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

smagliature in gravidanza“Le smagliature sono l’inestetismo più temuto dalle donne in gravidanze. Un problema che colpisce oltre il 50% delle italiane che stanno per far nascere un figlio. E che può causare problemi alla qualità della vita delle persone, soprattutto quando lasciano cicatrici, con danni permanenti. Bene quindi ha fatto il ministro della salute Beatrice Lorenzin a comunicare alle donne italiane, nel suo spazio su un noto settimanale, la necessità e i vantaggi di una prevenzione attiva nei confronti delle smagliature, attività che anche noi ginecologi svolgiamo quotidianamente nei nostri ambulatori – lo afferma il presidente nazionale della SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia) prof. Paolo Scollo -. Soprattutto perché la prevenzione si realizza abolendo il fumo e l’alcool, seguendo un’alimentazione corretta e soprattutto praticando un’attività fisica costante e quotidiana. Stili di vita corretti che a tutte le permettono alla donna di vivere in benessere. Ma che soprattutto in gravidanza permetteranno al nascituro una vita sana e serena”. “Purtroppo – aggiunge Scollo -, lo conferma la nostra attività quotidiana, troppe donne continuano a fumare e a consumare alcolici in gravidanza, dimenticando quanti danni possono causare al feto e a loro stesse! L’intervento del ministro, inoltre, è ancora più centrato soprattutto quando dice che, ovviamente, si possono usare anche creme per gestire al meglio l’insorgere delle smagliature, ma solo dopo consiglio del proprio medico che saprà consigliarvi quella più adatta a voi. Un utile richiamo al fatto che in questi mesi così delicati per la vita della donna (e del feto) è importante mantenere un rapporto molto stretto col proprio ginecologo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo partenariato transatlantico

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

commissione europeaLa Commissione europea ha aperto consultazioni pubbliche, via internet, per interpellare tutti gli stakeholder europei che si sentono coinvolti e vorranno dare il proprio contributo sul nuovo accordo di partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP), attualmente in corso di negoziazione tra UE e USA. Questa consultazione, disponibile anche in italiano, garantirà la massima libertà di espressione affinché tutti i lavoratori in tutti i settori che si ritengano coinvolti dal TTIP esprimano le proprie aspettative e diano suggerimenti su come dovrebbero essere condotte le negoziazioni e sul risultato atteso dell’accordo.L’Unione europea e gli Stati Uniti d’America stanno, infatti, attualmente negoziando una accordo internazionale sul commercio UE-USA, due dei più grandi mercati al mondo.L’accordo è chiamato partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP) e ha lo scopo di sostenere e promuovere entrambe le economie, europea e statunitense, facilitando il commercio di beni e lo scambio di servizi tra le due aree geografiche. Da quest’accordo trarranno beneficio specialmente le piccole e medie imprese.La Commissione europea sta conducendo le negoziazioni con gli USA per mantenere, naturalmente, elevato il grado di protezione di cui godono attualmente i cittadini europei, l’ambiente, ecc…Per le imprese europee, questo accordo avrà l’effetto di eliminare i dazi doganali che i consumatori statunitensi, anche potenziali, pagano sui prodotti europei esportati nel loro Paese. Per i consumatori europei, invece, significherà eliminare i dazi doganali pagati sui prodotti statunitensi importati nell’Unione europea con un evidente vantaggio sui costi. Inoltre il TTIP renderà più facile per le imprese europee rispettare tutti i requisiti amministrativi e le pratiche commerciali per quanto concerne la salute, la sicurezza e altro, nel commercio con gli Stati Uniti, pratiche che saranno semplificate anche per le imprese statunitensi che si trovano a dover rispettare le regole sul commercio nell’Unione europea quando esportano i loro prodotti nel nostro mercato. Più in generale, si stima che l’ambizioso progetto del TTIP farà aumentare le esportazioni europee negli Stati Uniti di circa il 28%, pari a un incremento netto di circa 187 miliardi di euro di export in beni e servizi. Partecipa quindi al sondaggio per aiutare i negoziatori della Commissione a ottenere le migliori condizioni per i consumatori e le imprese europei; quest’importante contributo sarà indispensabile per capire quali norme emanate dal governo statunitense (o dai singoli Stati federali degli USA) incidono sulle esportazioni delle imprese europee verso gli USA, e quali barriere commerciali impediscono, allo stato dei fatti, alle industrie europee di abbassare i costi ed espandere il proprio business. Il questionario (per la cui compilazione occorrono circa 15 minuti) è un’opportunità per esprimere il proprio punto di vista su come facilitare il commercio dei prodotti europei negli Stati Uniti e aiuterà ad assicurarsi che anche il proprio settore usufruisca dei numerosi benefici attesi dal TTIP. Le informazioni fornite saranno trattate come strettamente riservate e anonime e confluiranno nella valutazione generale, eseguita da Ecorys, dell’impatto dell’accordo commerciale UE-USA, la quale non conterrà alcun riferimento ai partecipanti al sondaggio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Funzionalità della memoria

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

memoriaGli Omega-3 (ω3) sono acidi grassi poli-insaturi essenziali, che possono essere introdotti nell’organismo soltanto attraverso un’alimentazione ricca di pesce ed di alcuni tipi di vegetali (ad esempio, semi di lino, colza, soia, noci, avena, mandorle, nocciole, mais, alghe, alcuni frutti come l’avocado). Costituendo la componente principale delle membrane neuronali (corrispondente a circa il 25% dei grassi cerebrali totali), gli ω3 sono necessari non solo per un normale sviluppo del cervello, ma anche per il mantenimento delle sue funzioni in età adulta. Tuttavia, con l’avvento della rivoluzione industriale la dieta si è sempre più arricchita di cibi elaborati, già pronti e a buon mercato (fast food). Di conseguenza, l’apporto dietetico dei grassi ω3 è drasticamente diminuito, a favore dei grassi saturi (contenuti nella carne, negli insaccati, nei formaggi, nel latte, burro, strutto, negli oli di cocco e di palma), dei grassi poli-insaturi ω6 (contenuti nei cereali, legumi, negli oli di semi) e di tipo trans (contenuti nella margarina o negli alimenti fritti in oli/grassi semi-idrogenati). Tale disequilibrio dietetico nell’apporto di acidi grassi ω3 aumenta il rischio di sviluppare malattie metaboliche e produce uno stato pro-infiammatorio cronico che con l’invecchiamento si associa ad un più elevato rischio di malattie cardio- e cerebrovascolari.Recenti studi epidemiologici e sperimentali hanno inoltre dimostrato una stretta correlazione tra bassi livelli di grassi ω3 ed incremento del declino cognitivo e di malattia di Alzheimer nella popolazione anziana. Considerando che l’età media della popolazione mondiale è in netto aumento, così come la crescita delle malattie neurodegenerative, sembra di grande attualità poter disporre di validi ausili dietetici per poter prevenire o quanto meno ritardare l’insorgenza di questi disordini. Un crescente numero di studi indica che un adeguato apporto di grassi ω3 è in grado di preservare le funzioni cognitive negli anziani.Tra i più recenti ed innovativi, uno studio sperimentale su animali di laboratorio condotto presso la Fondazione Santa Lucia di Roma (Cutuli et al., 2014)*, ha permesso di dimostrare che una supplementazione dietetica con acidi grassiω3 della durata di 2 mesi, iniziata quando gli animali erano già anziani, permetteva di migliorare la funzionalità dell’ippocampo, la struttura cerebrale deputata all’immagazzinamento della memoria e maggiormente colpita nei pazienti affetti da demenza.Il ripristino delle funzioni di memoria nei topi anziani alimentati con aggiunta di grassi ω3 si associava ad un aumento del volume dell’ippocampo, all’aumento della neurogenesi ippocampale e persino ad un aumento dell’arborizzazione dendritica dei neuroni ippocampali neo-formatisi (vedi Figura). Tali modificazioni erano accompagnate e sostenute da ulteriori effetti benefici, quali la riduzione dei livelli di neuro-infiammazione (aumento della reattività microgliale e riduzione dell’astrocitosi, dei livelli i lipofuscina e dell’apoptosi ippocampale), l’incremento dei livelli cerebrali di grassi ω3 e l’innalzamento dei livelli di acetil-carnitina.
I risultati ottenuti aprono nuove prospettive per la prevenzione del declino cognitivo durante l’invecchiamento nell’uomo, mediante un più mirato utilizzo dei grassi ω3 nella dieta dei soggetti anziani e dei pazienti in fasi precoci di demenza. (memoria)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il conflitto con gli Uiguri in Cina rischia l’escalation

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

uiguriL’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha accusato le autorità giudiziarie cinesi di voler mettere a tacere l’attivista per i diritti umani uiguro e professore di economia Ilham Tohti con un procedimento giudiziario assurdo. Con accuse inventate e stravaganti si vuole mettere a tacere una voce critica nei confronti della politica cinese verso le minoranze. Il processo è ridicolo, ma le conseguenze saranno drammatiche. Questo processo implica infatti un rifiuto di qualsiasi dialogo con gli Uiguri moderati. Il deliberato tentativo di criminalizzare il professor Tohti, è un affronto a tutti Uiguri. Chi manovra politicamente questo processo, vuole ancora più violenza e nessuna forma di dialogo. Si inaugura a Urumchi il processo all’ex professore di economia dell’Università delle nazionalità di Pechino. Tohti è accusato dalle autorità di “separatismo” e per quest’accusa è prevista la pena di morte. Se il giudice lo riterrà colpevole “solo” di istigazione al separatismo, rischia una pena detentiva da cinque a quindici anni. L’illustre professore è stato arrestato nel gennaio 2014, dopo sei mesi di indagini da parte delle autorità, insieme a sette dei suoi studenti. Nonostante le massicce intimidazioni e minacce da parte delle autorità Tohti aveva sempre promosso un dialogo tra gli Uiguri e la popolazione maggioritaria di cinesi Han; inoltre aveva costruito diversi siti web in lingua cinese per spiegare ai cinesi Han retroscena e storia della rivolta della comunità musulmana.
Nulla indica che le autorità giudiziarie cinesi vogliano un processo giusto. Così Tohti durante la detenzione preventiva è stato oggetto di trattamenti inumani e degradanti. Le guardie lo hanno maltrattato e hanno anche incoraggiato gli altri detenuti della sua cella a umiliarlo. Quando ha tentato di difendersi, è stato lasciato per settimane con mani e piedi in catene. A sua moglie è stata negata ogni visita al carcere.Le accuse sollevate dal procuratore della Repubblica sono assurde, perché Tohti non ha mai messo in discussione la sovranità della Cina in Xinjiang / Turkestan orientale. Tra la leadership di intellettuali uiguri la voce di Tohti è la più moderata. Tohti è un costruttore di ponti tra le due culture in conflitto. La Cina ha bisogno di lui oggi più che mai, per prevenire ulteriori violenze. Ora si vuole spegnere la sua voce con qualsiasi mezzo, perché con le sue critiche alle politiche per le nazionalità della Cina, ha guadagnato molto credito tra giornalisti stranieri e diplomatici.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete e distress

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

diabete_21-300x224Il diabete non comporta solo il rischio di gravi complicanze a cuore, reni, occhi, quando non tenuto adeguatamente sotto controllo, ma può avere anche un importante impatto psico-sociale sulle persone che ne soffrono e sui loro familiari. “Questo è uno dei tanti aspetti emersi dallo studio internazionale DAWN2™ (Diabetes Attitudes Wishes and Needs), l’indagine più ampia mai svolta, con lo scopo di fotografare e interpretare il mondo del diabete dal punto di vista della persona, del familiare e del medico, per evidenziare in particolare l’impatto della malattia sulla vita di tutti i giorni”, spiega Antonio Nicolucci, Responsabile Dipartimento farmacologia clinica ed epidemiologia della Fondazione Mario Negri Sud, centro scelto per elaborare e analizzare i dati dello studio raccolti nei vari Paesi. Lo studio DAWN2™, realizzato da International Diabetes Federation (IDF), International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD), International Alliance of Patients’ Organization (IAPO) e Steno Diabetes Center, con il contributo non condizionato di Novo Nordisk, ha coinvolto, infatti, oltre 15.000 tra persone con diabete, familiari e operatori sanitari (medici, infermieri, dietisti), intervistati in 17 Paesi di 4 continenti.“Nel nostro Paese – dice Nicolucci – emerge una situazione particolare. Una persona con diabete su 2 dichiara che la malattia causa un elevato ‘distress’. Possiamo definire il distress come il peso psicologico che la persona con diabete percepisce nel dover gestire la propria malattia cronica e nel dover affrontare il futuro. Questo dato è significativamente maggiore della media europea, che si attesta intorno al 40%. Se a questo dato ne associamo un secondo, legato a come la persona con diabete giudichi quanto la cura, il dover assumere continuativamente farmaci per tutta la vita, compresse o ancor peggio insulina per via iniettiva, interferisca negativamente con i propri progetti di vita e la quotidianità, emerge un chiaro quadro di disagio.” Se tutto ciò non bastasse, Nicolucci aggiunge un carico: “relativamente alla cura, il 60% delle persone con diabete dichiara di temere il rischio di ipoglicemia, con tutto il corredo di problematiche connesse, dall’impatto negativo su attività lavorativa, vita sociale, guida, pratica sportiva, tempo libero, sonno, sino alla tendenza emersa da diversi studi che hanno documentato come chi abbia avuto esperienza di ipoglicemia, specie se grave, tenda a diminuire l’adesione alla terapia e agli stili di vita raccomandati, riportando, in un perverso circolo vizioso, peggiore qualità di vita e maggiori preoccupazioni legate alla malattia”. E ciò risulta vero e confermato anche dalle dichiarazioni dei familiari che, a loro volta, si dicono, per il 64% preoccupati per il rischio di ipoglicemia cui può andare incontro il proprio congiunto.Quanto la modalità di cura della malattia e la paura dell’ipoglicemia abbiano un pesante impatto sull’equilibrio della persona con diabete è ben conosciuto. “È noto come un buon controllo metabolico sia in grado di prevenire lo sviluppo e la progressione delle complicanze croniche del diabete: retinopatia, nefropatia, neuropatia, malattia cardiovascolare”, dice Simona Frontoni, Responsabile UO Diabetologia Ospedale Fatebenefratelli, Isola Tiberina, Roma. “Tuttavia, fino ad oggi, il prezzo da pagare per ottenere e mantenere valori di emoglobina glicata considerati ottimali, nelle diverse categorie di persone con diabete, è stato molto elevato. In primo luogo, per il pericolo di ipoglicemia che, oltre a rappresentare un fattore di rischio per mortalità e morbilità cardiovascolare, ha un impatto devastante sulla qualità di vita della persona. Poi, per la terapia insulinica, necessaria al raggiungimento di questo controllo ottimale, che ad oggi necessita di schemi estremamente rigidi, con una mancanza di flessibilità che impatta anch’essa pesantemente sulla qualità di vita del paziente”, prosegue.Questi problemi dovrebbero essere superati dalle nuove insuline, come l’insulina degludec, analogo dell’insulina caratterizzato da durata d’azione superiore alle 24 ore e con un effetto metabolico distribuito uniformemente nel corso della giornata, la cui ridotta variabilità di assorbimento assicura un profilo glicemico più stabile con un’importante riduzione del rischio di ipoglicemia. “L’insulina degludec permette di superare le criticità sin qui esposte, in virtù delle sue caratteristiche innovative. Infatti, gli studi a nostra disposizione dimostrano che, a parità di controllo glicemico, l’insulina degludec determina un numero di ipoglicemie significativamente inferiore, rispetto all’insulina glargine. Questo aspetto è di particolare interesse, perché riguarda anche le ipoglicemie notturne, che rappresentano uno dei timori più avvertiti dalla persona con diabete trattata con insulina. Inoltre, le caratteristiche cinetiche di questa insulina consentono una grande flessibilità nei tempi di somministrazione, tale che il paziente può ‘modulare’ la distanza tra una somministrazione e l’altra, quando necessario nella vita di tutti giorni”, conclude Frontoni.“Lo studio DAWN2™ è il primo studio di queste dimensioni che ponga particolare attenzione agli aspetti psico-sociali della gestione del diabete, coinvolgendo non solo le persone con la malattia, ma tutti coloro che hanno a che fare con il diabete, familiari per primi”, sostiene Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia. “Il Progetto di indagine DAWN™, iniziato diversi anni fa con il primo studio DAWN™, ha sicuramente contribuito a modificare il modo in cui noi medici guardiamo alla malattia diabetica: non solo la cura della glicemia, ma la necessità di presa in carico della persona che, proprio per quanto emerge da questi dati, ha bisogno non solo di farmaci, ma di essere compresa, aiutata ed educata a convivere con il diabete. E tutto ciò si riverbera anche nelle politiche che vengono messe in atto nel nostro Paese nel quale, prima con la legge 115 del 1987, successivamente con il Piano nazionale per la malattia diabetica del 2013, si vuole porre la persona con diabete al centro del sistema”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per migliorare l’elasticità cutanea

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

cellule cutaneeUno studio condotto dal team del Professor Antonino Di Pietro, direttore scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis, e pubblicato recentemente sul Journal of Plastic Dermatology, ha dimostrato che sebbene l’invecchiamento cutaneo sia un processo inevitabile può essere efficacemente contrastato rifornendo la pelle delle sostanze, glicani e fosfolipidi, che stimolano le cellule cutanee a produrre più collagene, elastina e acido ialuronico, acquisendo così la capacità di reagire meglio agli stress ambientali. I più recenti progressi nello studio dell’invecchiamento cutaneo, presentati al congresso dell’American Academy of Dermatology di Chicago, hanno evidenziato il ruolo degli zuccheri per il benessere della pelle. Il livello degli zuccheri (glicani) si riduce di circa il 50% dai 30 ai 60 anni di età e quelli che restano subiscono dei cambiamenti che non permettono più un ottimale funzionamento di cellule e proteine di sostegno. Con il passare degli anni infatti, la pelle perde progressivamente la capacità di sintetizzare il collagene, la più importante proteina strutturale, e l’elastina, responsabile dell’elasticità cutanea. Parallelamente diminuisce anche la quantità di acido ialuronico che è il maggiore componente dei tessuti connettivi del derma.La ridotta presenza di collagene, elastina e acido ialuronico nel derma rende la pelle meno elastica, meno idratata, con ridotta funzione di barriera e maggiormente vulnerabile nei confronti degli agenti esterni che a loro volta favoriscono l’invecchiamento cutaneo. La scommessa quindi è quella di riuscire a restituire, integrando dall’esterno, le sostanze che le cellule della pelle non riescono più a produrre.“Lo studio condotto da mio team, spiega Antonino Di Pietro, ha arruolato 160 pazienti, trattati con applicazioni sul viso, una volta al dì per 30 giorni, di un composto costituito da fosfolipidi estratti dalla soia e glucosamina (uno zucchero) ottenuta da idrolisi di gusci di crostacei. Il complesso, che prende il nome di fospidin, favorisce la sintesi delle fibre di collagene ed elastina, e la glucosamina, veicolata in profondità dai fosfolipidi, favorisce la sintesi di acido ialuronico in quanto ne è il precursore. Nelle valutazioni successive si è osservato un miglioramento evidente di tutti i parametri osservati: l’elasticità cutanea è aumentata fino all’8,1%, si è avuto un aumento dell’8,9% della quantità d’acqua presente sulla superficie cutanea (indice di maggiore idratazione superficiale), l’evaporazione dell’acqua attraverso la pelle (segnale di idratazione profonda) è diminuita nel 93% dei casi e si è avuta una diminuzione del 9,2% del numero totale delle rughe e del 12,3% della profondità media”, conclude l’esperto.E’ interessante notare come la ricerca dermatologica made in Italy e le conclusioni dell’American Academy of Dermatology siano arrivate parallelamente agli stessi risultati conclamando l’importante ruolo dei glicani nei processi antiage della pelle.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »