Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 19 settembre 2014

Red Bull Cliff Diving World Series 2014

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

Red BullBilbao, Spain. Sixth stop of 2014 Red Bull Cliff Diving World Series is hosted in Bilbao, Spain, on September 20 The World Series is back to business and it’s Bilbao in Spain’s Basque Country to hold a one-of-a-kind 27m event off La Salve Bridge this weekend. The cliff divers are ready to take on the final two stops of the 2014 season and show their very best. It was the USA’s Steven LoBue who took his first victory in two years in stop number 5 to make up crucial ground on Gary Hunt in the overall standings. The triple champion wants his title back, but with positions 2 to 5 separated by just 130 points it’s going to be a thrilling fight. The penultimate stop of 2014 is the first-ever on Spanish soil and has the iconic Guggenheim Museum as a backdrop. On Saturday, at 2pm local time, the brave athletes will introduce their impressive sport to the Spanish people and fight for their chance to win the title.
With his second career win, 29-year-old LoBue pressed his claims for this year’s World Series title in the Azores. Colombian Orlando Duque and third-placed David Colturi, of the USA, also produced their best performances of the year in Portugal. While the leader of the overall standings, Gary Hunt, missed out on a place in the final for the first time in his career, finishing a disappointing 11th, and his nearest challenger prior to the event in Portugal, Jonathan Paredes, fared little better in 10th, meaning it’s all to dive for going into the final two World Series events of the year. Who’s the strongest and most complete diver in the current cliff diving season? Spain will provide a first hint. The diving location, whose official name is the ‘Prince and Princess of Spain Bridge’, gained popularity when the Guggenheim Museum was built right under it, its structure merging into the museum’s. The bridge, which usually welcomes the sailors returning from sea, will be the take-off point for three seconds of aesthetic freefall. With the main competition day on Saturday, the cliff diving elite will demonstrate multiple twisting and flipping action while diving into the Nervión river at 85kph from mind-blowing heights.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Faster and accurate identification of drugs causing allergic reactions: a great relief for patients

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

A new diagnostic set to become the regular method for the diagnosis of cutaneous adverse drug reactions is faster, safe and easy to perform Allergic skin diseases are among the most frequently misunderstood diseases that allergists have to deal with
Experts confirm that better and faster diagnosis will help improve the quality of life of patients with allergic skin diseases
Krakow (Poland), Medication is a major pillar in the management of many diseases. But for some patients, their use can have detrimental effects including cutaneous adverse drug reactions (CADR), a common form of allergic skin disease, what can seriously impact on their quality of life. For allergists, CADR can prove time-consuming, especially with regard to diagnosis, since they often require the use of more than one analytic system to find the drug causing the allergy.Until recently, no universal method has been available, despite allergic reactionsintensive research in this field over the preceding decades. However, the diagnosis of CADR could now improve significantly thanks to a new method developed by a group of researchers led by Dr Grzegorz Porebski, Jagiellonian University, Department of Clinical and Environmental Allergology (Krakow, Poland). Faster, safer, more accurate and widely availableThe new technique is faster and more accurate than existing methods as it allows the accurate identification of the drug causing the reaction:“People usually take more than one drug together and it’s impossible to withdraw all this medication immediately. Patients would like to know which drug they can continue using and which one not, and this is a big challenge. Now they have a new tool that can improve the causality diagnosis to exclude the drug which has caused the allergy and it can be used in quite a large group of people affected by these reactions,” explains Dr Porebski.In addition, the method is safer because it doesn’t require exposure of the patient to the drug, as it is performed in vitro with a blood sample. Another advantage is that the technique is easy to perform and could be easily available in health centres, as opposed to other methods which are more expensive and therefore not accessible to all patients.This new diagnostic method has been studied in a drug whose use is widespread among Europeans – carbamazepine – which is prescribed in cases of epilepsy, psychiatric disorders or neurophatic pain. However, the study is also to confirm the method’s efficiency in the use of antibiotics and new phases will be extended to other drugs.Dr Porebski will present the implications of this new method at the Third Skin Allergy Meeting (SAM) organised by the European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI). The meeting is being held in Krakow, Poland, starting today until Saturday. Europe’s leading researchers and clinicians in the field of skin allergy are gathering at SAM to share their expertise with participants on a wide range of topics from contact dermatitis, atopic eczema, urticaria and angioedema, to mastocytosis and anaphylaxis, drug and food allergies and the skin, diagnostics in skin allergy and hand eczema.
Allergies can be seen in almost every organ. Most commonly, however, it is the skin and the mucous membranes that are involved since they represent the frontier between the individual and their environment. Despite being so common, allergic skin diseases are among the least understood, and most frequently misunderstood, diseases the allergists have to deal with.The umbrella term for a local inflammation of the skin should be dermatitis. What is generally known as “atopic eczema/dermatitis” is not one, single disease but rather an aggregation of several diseases with certain characteristics in common.According to Professor Radoslaw Spiewak, Professor and Head of the Department of Experimental Dermatology and Cosmetology of the Jagiellonian University Medical College and President of the Local Organising Committee for the EAACI SAM, one of the common mistakes that allergists make is to consider all forms of eczema as atopic dermatitis. Another frequent error is to blame food allergy as the major cause of allergic skin diseases. Moreover, various types of eczema may co-exist in a patient, overlapping, and being replaced by one another. Sometimes, this situation occurs without being noticed by patient or doctor. Despite a similar appearance, the diversity of mechanisms underlying allergic skin diseases requires diverse and complex approaches.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Citizenfour

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

citizenfourLaura Poitras’ highly anticipated film about worldwide mass surveillance revealed by Edward Snowden will open in Europe and the United States this fall. CITIZENFOUR is the final film in Poitras’ 9/11 trilogy, following the Academy Award-nominated My Country, My Country on the Iraq War and Emmy-nominated The Oath about Guantánamo.Praxis Films today announces the German premiere of CITIZENFOUR as the opening film at the International Leipzig Festival for Documentary and Animated Film (DOK Leipzig) on October 27. Piffl Medien will release the film theatrically in Germany on November 6. Co-production partners in Germany are Norddeutscher Rundfunk (NDR) and Bayerischer Rundfunk (BR).Poitras produced CITIZENFOUR with Berlin-based Mathilde Bonnefoy and Dirk Wilutzky. Bonnefoy is also the editor. Post-production has taken place in Germany, and Deutscher Filmförderfonds (DFFF) has provided production support. Laura Poitras currently lives in Berlin.Citizenfour will be featured as a special presentation at the Copenhagen International Documentary Film Festival (CPH:DOX) on November 11. Poitras will also curate a series of films, talks, and art projects for CPH:DOX which she has titled “Astro Noise.” On November 23, the film will be featured as a special presentation at the International Documentary Film Festival Amsterdam (IDFA).As previously announced, CITIZENFOUR will have its world premiere on October 10 at the New York Film Festival and the UK premiere at the BFI London Film Festival on October 17. On October 24, the film will be released theatrically in the United States by RADiUS, in association with Participant Media and HBO Documentary Films. In the United Kingdom, the film is distributed by BRITDOC Foundation and will be released in cinemas on October 31 by Artificial Eye, as a Film4 co-production.
In January 2013, Laura Poitras started receiving encrypted e-mails from an anonymous source identified as “citizen four,” who claimed to have evidence of illegal covert surveillance programs run by the NSA in collaboration with other intelligence agencies worldwide. In June 2013 she and reporters Glenn Greenwald and Ewen MacAskill flew to Hong Kong for the first of many meetings with the man who turned out to be Edward Snowden. She brought her camera with her. The resulting film is a real-life thriller, unfolding minute-by-minute before our eyes.Laura Poitras’ films have premiered at festivals worldwide. My Country, My Country (2007) was nominated for an Academy Award, an Independent Spirit Award, and an Emmy Award. The Oath (2010) won the Sundance Cinematography Award, Edinburgh Film Festival Documentary Jury Award, and a Gotham Award for Best Documentary. Additional honors include a Peabody Award and a 2012 MacArthur Fellowship.Poitras has taught filmmaking at Duke and Yale universities, and in 2012 her work was selected for the Whitney Biennial. She will have her first solo exhibition at the Whitney Museum in 2016.Her reporting has appeared in DER SPIEGEL, The New York Times, The Guardian, The Washington Post, and The Intercept. Her NSA reporting contributed to a Pulitzer Prize for Public Service awarded to The Guardian and The Washington Post.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore al colon retto

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

colon-retto tumoreIl prof. Francesco Cognetti, presidente Fondazione “Insieme contro il Cancro”: “Con queste analisi biologiche possiamo stabilire l’efficacia del trattamento e garantire risparmi al sistema sanitario”. Nel 2013 stimati 55.000 nuovi casi. Il prof. Carmine Pinto, presidente eletto AIOM: “Migliora la sopravvivenza, ma ancora troppi italiani non svolgono gli esami di screening”
Milano, 18 settembre 2014 – Tutti i pazienti colpiti da tumore del colon-retto dovrebbero essere sottoposti a un test molecolare. Dal risultato di questo esame dipende la scelta della terapia più efficace. Nel 60% dei malati, infatti, non è presente una particolare mutazione (gene RAS) e, in questi casi, le terapie personalizzate sono in grado di migliorare in maniera significativa la sopravvivenza. Quella del colon-retto è la forma di cancro più diffusa in Italia, in costante crescita: nel 2013 sono state colpite 55mila persone, erano 52mila nel 2012 e 50mila nel 2011. Grazie alla ricerca, le percentuali di guarigione in 15 anni sono aumentate del 12% fra le donne e del 14% fra gli uomini. La Fondazione “Insieme contro il Cancro”, in collaborazione con l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e Europa Colon, col sostegno di Amgen, ha realizzato una guida per affrontare la malattia, destinata ai pazienti e ai familiari, che sarà distribuita in tutti i centri della Penisola. Il materiale informativo è stato presentato oggi in un incontro a Milano. “Sei persone su 10 riescono a sconfiggere questa neoplasia – afferma il prof. Francesco Cognetti, presidente Fondazione ‘Insieme contro il Cancro’ -. Un risultato importante, raggiunto anche grazie a nuove terapie ‘su misura’. La selezione dei pazienti, basata su un test per verificare la mutazione genetica, si traduce in un miglioramento di tutti i parametri di efficacia, con risparmi consistenti per il servizio sanitario nazionale. Perché la terapia viene così somministrata solo ai malati che possono beneficiarne con certezza”. Per garantire uniformità nella pratica clinica nell’applicazione dei test molecolari in tutta Italia, gli oncologi (AIOM) e i patologi (SIAPEC-IAP) hanno sviluppato un ampio progetto per la caratterizzazione dei tumori in funzione della strategia terapeutica. “Negli ultimi anni – continua il prof. Carmine Pinto, presidente eletto AIOM – abbiamo unito gli sforzi per stabilire leAdenocarcinoma,_colon raccomandazioni che permettono di definire con precisione le caratteristiche biologiche di cinque tipi di cancro: al seno, al colon-retto, al polmone, allo stomaco e melanoma. Inoltre, in base a un recente controllo di qualità per la valutazione delle mutazioni genetiche nel carcinoma del colon-retto, è stato validato il 90% delle strutture di anatomia patologica e biologia molecolare (79 su 88) che si sono sottoposte in maniera volontaria al programma delle due società scientifiche. In questo modo siamo certi che il test venga eseguito secondo criteri uniformi e accurati. Si tratta di una procedura unica in tutta Europa e vanto italiano a livello mondiale”. Il 20% dei pazienti colpito da cancro del colon-retto presenta, al momento della diagnosi, la malattia già in stadio avanzato. “È necessario – sottolinea il prof. Cognetti – promuovere campagne di sensibilizzazione per far capire ai cittadini che il cancro si può prevenire, adottando stili di vita sani. E troppi italiani non aderiscono ai programmi di screening, fondamentali per individuare in fase precoce la malattia, quando può essere trattata con successo. Il test basato sulla ricerca del sangue occulto nelle feci è offerto gratuitamente dal nostro sistema sanitario a tutte le persone di età compresa fra 50 e 75 anni anche senza fattori di rischio specifici. Ma il 65,9% dei nostri connazionali over 50 e il 72,6% degli over 70 non hanno mai eseguito questo esame”.
Il tumore del colon-retto rappresenta uno dei big killer in tutto il mondo. Nel nostro Paese è la terza neoplasia più frequente nei maschi e la seconda nelle femmine. Oggi in Italia vivono quasi 300mila persone con una precedente diagnosi di questa malattia. “È in costante aumento soprattutto a causa del permanere di stili di vita scorretti, in particolare legati alla scarsa attività fisica e alla dieta non equilibrata – spiega il prof. Pinto -. Il cancro del colon è direttamente associato ad un’alimentazione ad alto contenuto calorico, ricca di grassi animali, di carni rosse e povera di fibre. È dimostrato un incremento di rischio del 15% nelle persone in sovrappeso e del 33% negli obesi. Dobbiamo quindi impegnarci sempre più intensamente per migliorare il livello di consapevolezza della popolazione, per far comprendere ai cittadini che l’obesità è un fattore di rischio, pericoloso quanto il fumo di sigaretta. È indispensabile mettere in atto nuove strategie per ridurre la percentuale di tumori correlati a questa condizione. Siamo di fronte a una vera e propria sfida per la salute pubblica e per garantire la sostenibilità del sistema”. Solo un numero limitato di casi è di origine genetica. “Per chi possiede una familiarità o altri fattori predisponenti (morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa, ecc.) – continua il prof. Cognetti – è molto importante eseguire anche la colonscopia. Si tratta di un esame essenziale per la diagnosi precoce, utilizzato soprattutto per la sorveglianza dei pazienti ad alto rischio e per accertamenti di secondo livello nei casi positivi al test di screening”.
“Il nostro impegno non si esaurisce negli investimenti in ricerca e sviluppo (4 miliardi di dollari nel 2013) per rendere disponibili farmaci innovativi – conclude il dott. Francesco Di Marco, amministratore delegato Amgen -. Concentriamo i nostri sforzi anche nella definizione di test che permettano di selezionare in anticipo i pazienti che trarranno giovamento dalle terapie. Lavoriamo al fianco degli specialisti per assicurare l’impiego appropriato dei farmaci, coscienti che la sostenibilità del sistema è anche nostra responsabilità”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spallanzani: non solo ebola

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

Ospedale Spallanzani, RomaIl Commissario Straordinario Valerio Fabio Alberti e il direttore scientifico Giuseppe Ippolito hanno accompagnato il Presidente della Regione Nicola Zingaretti a visitare il centro di alto isolamento costruito dalla protezione civile. “ E’ un importante momento di riorganizzazione– ha dichiarato Alberti all’apertura dell’incontro – un occasione di rilancio del ‘polo scientifico romano’ che porterà ad ulteriori risultati di qualità e sviluppo dei singoli Istituti.” Lo Spallanzani è la struttura di riferimento nazionale ed internazionale per il virus Ebola. E’ di questi giorni infatti l’attivazione del laboratorio mobile coordinato dagli esperti dell’Istituto a Foya in Liberia, con il finanziamento della Commissione Europea e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo che l’Istituto ha già attivato nei mesi scorsi laboratori in Guinea e in Sierra Leone. Da lunedì 22 settembre lo Spallanzani gestirà i Corsi di formazione sulla malattia da virus Ebola rivolti ai medici di tutti i servizi di Pronto Soccorso del Lazio, l’avvio di un percorso per definire la gestione dei pazienti con patologie infettive che arrivano in pronto soccorso.Lo Spallanzani ha un ruolo storico nell’affrontare tutte le patologie infettive e svolge funzioni cruciali in occasione di epidemie o emergenze sanitarie. “Rispondere in tempi rapidi – ha sottolineato Giuseppe Ippolito, direttore scientifico INMI – alle richieste di diagnosi, assistenza e formazione degli operatori è possibile grazie al costante investimento di energie e risorse nella clinica, nella ricerca e nei modelli organizzativi, oltre a grande dedizione e spirito di appartenenza di tutto il personale.“L’Istituto sta definendo con il Ministero degli affari esteri le modalità di supporto tecnico-scientifico per l’intervento italiano in Sierra Leone sempre in merito al contrasto dell’epidemia di Ebola. “E’ una delle punte di diamante – ha sottolineato Zingaretti – del cambiamento del sistema sanitario che abbiamo messo in atto. È perno del sistema di risposta agli eventi infettivi per il Lazio ed il Paese, e per la comunità internazionale”.
Lo Spallanzani non è solo Ebola: assiste nel Lazio il maggior numero di pazienti con HIV (oltre 6000 pazienti seguiti in day service per 35000 accessi); è riferimento per la tubercolosi nella Regione ed assiste il 65% dei pazienti, il 100% delle tubercolosi multi resistenti del Lazio e accoglie pazienti da altre regioni, è riferimento per le epatiti virali acute e croniche (oltre 5000 i pazienti seguiti) e per le infezioni gravi, ospedaliere e post trapianto. Senza dimenticare le attività legate ad aspetti sociali di malattie con circa 20.000 interventi per assistenza domiciliare, inserimenti in case famiglia o centri diurni, stranieri irregolari, rifugiati e senza fissa dimora, detenuti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Toscana: Dal primo ottobre cambia l’attuale modalità di autocertificazione della fascia economica per il pagamento del ticket

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

regione toscanaCosa cambia. Non si potrà più autocertificare la propria fascia di reddito sulla singola ricetta, né in farmacia né negli ambulatori delle aziende sanitarie. Infatti, con il passaggio alla ricetta elettronica (che sta avvenendo in questi mesi e si concluderà con la fine del 2014), il codice della fascia economica sarà già presente sulla ricetta, ricavato direttamente dalla banca dati dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps. Sarà il medico prescrittore a riportare sulla ricetta, attraverso il software di prescrizione elettronica che interroga le banche dati del Mef e dell’Inps, la posizione economica dell’utente.
Cosa fare. E’ opportuno quindi verificare fin da subito, e poi annualmente, che il codice della propria fascia sia presente e sia corretto. E’ giusto che non sia presente solo se la propria fascia economica è superiore a 100.000 euro (secondo il reddito complessivo del nucleo familiare fiscale o ISEE). Se il codice che risulta è corretto, non si dovrà fare niente. Se invece il codice non c’è, o non è corretto, sarà necessario fare l’autocertificazione. Dal 1° ottobre 2014, se nessun codice è presente sulla ricetta, il cittadino dovrà pagare il ticket corrispondente all’importo massimo. E’ bene precisare che la scadenza del 1° ottobre si riferisce alla impossibilità di autocertificare sulla singola ricetta, ma ogni cittadino può regolarizzare la propria situazione in qualsiasi momento, dopo la scadenza, però prima di recarsi dal medico.Verifica e autocertificazione. E’ possibile verificare ed eventualmente autocertificare la propria fascia economica con la Carta Sanitaria Elettronica precedentemente attivata (alla Asl o in farmacia):
– direttamente on line sul sito della Regione: http://www.regione.toscana.it/servizi-online, essendo in possesso di un lettore di smart card.
– oppure in uno degli oltre 100 Totem “Punto Si” presenti in tutte le aziende sanitarie, inserendo la propria tessera sanitaria attivata nel Totem e seguendo la procedura indicata sullo schermo.
L’autocertificazione va fatta per ogni componente del nucleo familiare. Le aziende sanitarie sono tenute a effettuare controlli sulla veridicità del contenuto delle autocertificazioni. L’eventuale evasione dal ticket su dichiarazione non vera comporta il recupero degli importi non pagati e l’applicazione della sanzione amministrativa. I cittadini potranno avere assistenza agli sportelli della propria Asl. Per evitare che i cittadini paghino un ticket errato, nel caso di fascia non corrispondente, o per coloro per i quali la fascia non è resa disponibile dal Sistema tessera sanitaria, le aziende sanitarie hanno messo a punto iniziative specifiche volte a facilitare l’adempimento richiesto ai cittadini, con l’avvio della prescrizione elettronica voluta a livello nazionale e in via di implementazione. Attingendo alle informazioni della banca dati del Sistema tessera sanitaria dell’Agenzia delle Entrate e della banca dati degli assistiti, ogni azienda sanitaria ha rilevato i nominativi che risultano privi di codice di fascia assegnato. Questi cittadini riceveranno, se già non l’hanno ricevuta, una lettera da parte della propria azienda sanitaria, con allegato il modulo per l’autocertificazione, così da facilitarne la restituzione all’azienda sanitaria. L’assistito potrà inviare il modulo compilato e la copia di un documento di identità, utilizzando una delle diverse possibilità indicate nella lettera stessa. Se il cittadino ha fatto l’autocertificazione o utilizza un Isee in corso di validità, non è tenuto a fare niente e non dovrà tener conto della lettera. In tutte le Asl, nelle farmacie, negli studi dei medici di famiglia, sono affisse locandine per informare in maniera corretta e uniforme la popolazione.
Questi i codici relativi alla diverse fasce di reddito:
– ERA: soggetti con reddito complessivo del nucleo familiare fiscale inferiore a 36.151,98 euro;
– ERB: soggetti con reddito complessivo del nucleo familiare fiscale da 36.151,98 a 70.000 euro;
– ERC: soggetti con reddito complessivo del nucleo familiare fiscale da 70.000 a 100.000 euro.
Guarda tutte le istruzioni per la verifica della fascia economica.
Guarda le risposte alle domande frequenti sulle fasce economiche per i ticket sanitari.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Turismo: chi ha speso di più in Italia?

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

TURISMOSono gli abitanti del Medio Oriente i viaggiatori che hanno speso di più per soggiornare in hotel in Italia nella prima metà del 2014 secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, sito leader nella prenotazione di hotel online. Con una media di €170 per camera a notte occupano la prima posizione della classifica di Hotels.com, nonostante una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.Al secondo posto, con €15 di differenza, si posizionano i Tailandesi, con una spesa media di €155 (+8%), poco distanti dai viaggiatori provenienti dagli USA, che con €153 per camera a notte, hanno pagato l’1% in più rispetto ai primi sei mesi del 2013. Ad eccezione del settimo posto, occupato dai Norvegesi con una spesa media di €142 e un rialzo del 3%, la parte alta della classifica è dominata da viaggiatori a lungo raggio, provenienti da Paesi molto distanti dall’Italia: Australia (€149), India (€148), Messico (€143), Singapore (€141), Cina (€140) al pari merito con il Giappone (€140) e, infine, Sud Africa (€139).Tra i top spender europei, dopo i Norvegesi, seguono a ruota gli Svizzeri e i viaggiatori provenienti dal Regno Unito, che con una spesa media di €134 e €131 si posizionano rispettivamente al quattordicesimo e al quindicesimo posto della classifica. Chiudono la top 5 gli Svedesi e gli Irlandesi che, nonostante un aumento del 4% e del 3%, si mantengono stabili al numero 18 e al numero 22, dopo aver speso mediamente €128 e €124.Gli Europei, inoltre, occupano gli ultimi nove posti in classifica. Coloro che hanno speso di meno per un soggiorno in hotel in Italia nel 2013 sono i Polacchi, con una media di €92 per camera a notte, nonostante un aumento del 13% rispetto all’anno precedente.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pope Francis, Jewish leaders discuss situation in Middle East, lament persecution of Christians

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

sinagoga romaROME / BRUSSELS – Pope Francis on Wednesday evening received a delegation of 40 international Jewish leaders at his residence in Rome ahead of Rosh Hashana, the Jewish New Year, which begins next week. The presidents of the World Jewish Congress (WJC), Ronald S. Lauder, and of the Latin American Jewish Congress (LAJC), Jack Terpins, presented the head of the Catholic Church with a number of gifts, including a traditional honey cake. In their conversation, the Pope notably raised the question of the persecution and mass slaughter of Christians in the Middle East and told the Jewish delegation, “Like you [the Jews] suffered in the past, Christians are today suffering in many parts of the world.”The meeting with Francis took place in the Santa Marta guesthouse in an informal setting and lasted 40 minutes. Among the participants were many Jewish community heads from Latin America and other parts of the world.The Pope expressed his desire for peace in the Middle East and said the “window of prayer” to find a peaceful solution was still open. Lauder also raised the subject of the mass slaughter and persecution of Christians in the Middle East, to which the Pope replied: “Christians are being expelled from the region. They are persecuted, not liked, discriminated against. You [the Jews] suffered from that in the past, and we [the Christians] are suffering from it today in parts of the world.”In a press conference on Thursday, Ronald Lauder said fanatical Islamists such as ISIS were tagging Christian houses with the letter N for ‘Nassarah’, a term used for Christians in the Koran, which was “no different from the yellow star of David which the Nazis obliged Jews to wear to separate them from the others.” He had raised this issue in an opinion article published by the New York Times last month.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiesa luterana: nuova coppia pastorale

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 settembre 2014

Chiesa_luterana_riesteLa Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola e i cui rapporti con lo Stato italiano sono regolati dall’Intesa siglata nel 1993, annuncia che il 21 settembre s’insedieranno i nuovi pastori della Comunità luterana di Firenze ed Emilia Romagna: Franziska Müller e Friedemann Glaser.Franziska Müller e Friedemann Glaser sono una coppia pastorale: sposati dal 2012 e genitori del piccolo Felix Raphael di 17 mesi, negli ultimi anni, hanno svolto il ruolo di pastori in Germania, nel Decanato di Muehlacker.L’insediamento avverrà con un culto che sarà celebrato alle ore 15 di domenica 21 settembre, presso la Chiesa Evangelica-Luterana di Lungarno Torrigiani 11 a Firenze.La celebrazione sarà presieduta dal Decano Heiner Bludau. Saranno presenti altri rappresentanti di comunità e organismi protestanti, cattolici e anglicani, delle chiese ortodosse e delle comunità ebraiche ed islamiche di Firenze. Fra i rappresentanti laici sono stati invitati esponenti del governo locale, i consoli di alcuni paesi europei ed i direttori di istituzioni civili e culturali di Firenze e della Toscana.“E’ con un benvenuto caloroso e i migliori auspici per lo svolgimento del loro incarico che accogliamo i nuovi pastori Franziska Müller e Friedemann Glaser: la nostra comunità li ha scelti, ritenendo di aver individuato in loro quelle doti di sensibilità, preparazione ed esperienza indispensabili per lo svolgimento di un ruolo così delicato – spiega Jörn Lahr, Presidente della Comunità Luterana di Firenze ed Emilia Romagna. – Siamo certi che sapranno essere una guida saggia, presto integrati nella comunità e capaci di alimentare la vivacità e consolidare lo spirito di fratellanza ecumenica che caratterizzano la nostra piccola ma storica realtà”.La Comunità Luterana di Firenze ed Emilia Romagna – composta da circa 400 membri di lingua tedesca, ma non solo – è stata costituita oltre un secolo fa, ha sede nel capoluogo toscano e organizza spesso incontri, culti e concerti anche a Bologna e Pisa. “Questo nuovo incarico ci riempie di gioia, anche perché abbiamo avuto già modo di conoscere e apprezzare le caratteristiche della nostra nuova comunità: cercheremo di sostenerla, traendo energie dal nostro interesse per le persone e attingendo alla nostra esperienza nel lavoro. E, di più, cercheremo di essere una famiglia all’interno di una ‘famiglia’ più grande. Con questo spirito e con tanto entusiasmo ci apprestiamo ad adempiere al nostro compito, sempre grazie all’aiuto della fede e certi del sostegno degli appartenenti alla nostra comunità” commentano la pastora Müller e il pastore Glaser.
Franziska Müller, 45 anni, tedesca del Württemberg, al termine di un apprendistato bancario di due anni, ha intrapreso gli studi di teologia nel 1990, con permanenze a Stoccarda, Magonza, Roma e Tübingen.
Dal 1994 al 1998 ha svolto il ruolo di Assistente presso l’Istituto per la Dottrina Sociale della Chiesa. Nel triennio successivo, ha compiuto studi sulla persona nell’ambito del corso di Pedagogia Sociale presso l’Università di Scienze Applicate di Francoforte. Nello stesso periodo ha effettuato anche un tirocinio (in materia di educazione ai media) presso il Centro media evangelico di Stoccarda, ha collaborato presso la Missione Ferroviaria di Francoforte e ha svolto il ruolo di consulente giovanile presso la EJW (Gioventù Evangelica) di Francoforte.Dal 2001 al 2003 ha lavorato nel Vicariato di Oppenweiler (Decanato di Backnang).
Nel quadriennio successivo è stata pastora nella Casa della Spiritualità della Chiesa Evangelica Luterana a Stift Urach. Nello stesso periodo ha partecipato a un Master in International Management per le ONG presso l’Università Cattolica di Scienze Applicate di FriburgoDal 2007 al 2010 è stata pastora a Oberndorf-Lindenhof e dal 2010 al 2014 presso il Decanato di Muehlacker.
Friedemann Glaser, 50 anni, tedesco del Württemberg, dopo un anno di servizio sociale presso una casa di cura, nel 1985 ha intrapreso lo studio della teologia protestante, che lo ha portato a vivere negli anni nelle città di Erlangen, Kiel, Vienna e Tübingen.
Dal 1992 al 1995 ha lavorato nel Vicariato di Waldenbuch (Decanato di Böblingen).Nel quadriennio successivo è stato pastore, prima a Winterlingen (Decanato di Balingen) e poi presso le scuole superiori a Kirchheim unter Teck.
Dal 1999 al 2002 è stato pastore a Wernau e – dal 2001 – ad Aichwald (Decanato di Esslingen).
Negli ultimi 12 anni è stato invece pastore a Iptingen e – dal 2005 – anche a Großglattbach (Decanato di Muehlacker).
La Chiesa Evangelica Luterana in Italia, CELI, essendo statutariamente bilingue, italiano e tedesco, è un ente ecclesiastico che attualmente raggruppa 7.000 luterani distribuiti in 15 comunità, dalla Sicilia all’Alto Adige. I suoi rapporti con la Repubblica Italiana sono regolati dalla legge n° 520 del 1995 (Intesa secondo l’art. 8 della Costituzione).
La più antica comunità luterana in Italia è quella di Venezia, risalente alla Riforma attuata dal monaco agostiniano Martin Lutero nel 1517.
Capace di evolvere con la società, oggi la CELI è fortemente impegnata non solo nella cura delle anime, ma anche in numerosi ambiti quali cultura, sanità, scuola, assistenza a poveri e immigrati, educazione ambientale, pari opportunità uomo-donna, difesa delle diversità e lotta alle discriminazioni, partecipazione al dibattito etico, religioso e politico.
Proprio per questo impegno, la Chiesa Luterana si merita ogni anno il sostegno di tantissimi italiani che scelgono di destinarle l’otto per mille sulla dichiarazione dei redditi: così, nel 2013, sono state 58.500 le firme a favore della CELI, cioè oltre 8 volte il loro numero in Italia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »