Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for 21 settembre 2014

The Civil Liberties Committee will hold a meeting

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

BruxellesBruxelles Wednesday 24 September and Thursday 25 September Room: Paul-Henri Spaak (PHS) 3C050- Migration and Asylum: presentation by the Commission of the 5th Annual Report on Immigration and Asylum (2013) and presentation by the Executive Director of the European Asylum Office (EASO), Robert K. Visser, of the Annual Report on the situation of Asylum in the EU (2013), the Annual Activity Report 2013 and the EASO multi-annual work programme 2014 – 2016 “Towards a coherent implementation of the Common European Asylum System” (Wednesday, 9.10 – 10.00 and 10.00 – 11.15)
– Cybercrime: exchange of views on the Council of Europe Cybercrime Convention – presentation by Alexander Seger, Executive Secretary Cybercrime Convention Committee, Head of Cybercrime Programme Office (C-PROC), Erik Planken, T-CY Chair, Ministry of Justice of the Netherlands, Giovanni Buttarelli, Assistant European Data Protection Supervisor, and Wojciech Rafał Wiewiórowski, Inspector General for Protection of Personal Data, Polish Data Protection Authority (Wednesday, 15.00 – 16.30)
– Drugs: presentation by the Director of the European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction (EMCDDA), Wolfgang Götz, of the European Drug Report 2014: Trends and Developments, and of the EMCDDA’s General Report of Activities 2013: Key achievements and governance: a year in review (Thursday, 9.00 – 9.45)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cristina Milani presidente della Onlus Italiana Gentletude è stata nominata Vice Presidente del World Kindness Movement

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

Hands on a globeSidney (Australia), “Assumo questo incarico” Afferma Cristina Milani “con un sentimento di riconoscenza nei confronti dei rappresentanti dei Paesi che all’unanimità mi hanno eletta Vice Presidente”. L’incarico “è assai impegnativo, abbiamo dinnanzi progetti che coinvolgono culture, sensibilità e bisogni diversi tra loro” tra questi, anche “l’adesione all’ONU e altri di carattere istituzionali”.Al movimento, nato in Giappone nel 1997, aderiscono Paesi Asiatici, Usa ed Europei. La sfida “di completare la nostra copertura del pianeta è a portata di mano anche grazie alle manifestazioni di interesse per il tema da parte di decine di Paesi Europei e del meaddle east sui quali mi impegnerò personalmente”.Intanto Gentletude Onlus, l’associazione locale presieduta da Cristina Milani, dedicata al tema della gentilezza con sede a Milano, si è sviluppata molto grazie ad alcuni progetti di grande successo dedicati alla formazione e per le aziende oltre alla collana editoriale Gentlebooklets.
Cristina Milani, negli ultimi 15 anni ha svolto incarichi all’interno del gruppo GWH SWISS a New York City e Singapore, come responsabile della divisione HES specialized in translating evidence-based psychology and coaching into workable solutions. Cristina Milani è inoltre co-fondatore del magazine internazionale Work Style dedicato alle evoluzioni del mondo del lavoro.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alzheimer: la ricerca parla italiano con Actifcare

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

alzheimer-cervelloL’Irccs Istituto Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia, leader nella ricerca e cura delle malattie psichiatriche e della demenza di Alzheimer, e la Fondazione “Fondazione Fatebenefratelli per la ricerca e la formazione sanitaria e sociale” (Roma) partecipano ad Actifcare (ACcess to TimelyFormal Care), un Progetto Europeo di Programmazione Congiunta nell’Ambito delle Malattie Neurodegenerative (JPND –www.jpnd.eu) finanziato dal Ministero della Salute (MinSal) che è la più grande iniziativa di ricerca sulle Malattie Neurodegenerative mai creata. L’obiettivo del progetto, lanciato nelle scorse settimane a livello europeo, è favorire le sinergie tra i Paesi europei per l’identificazione delle cause e lo sviluppo di trattamenti e cure per i pazienti affetti da Malattie Neurodegenerative: in breve, abbreviare i tempi di diagnosi.A questo progetto sta lavorando un pool internazionale, di cui fanno parte Orazio Zanetti, che dirige l’U.O. Alzheimer-Centro per la Memoria dell’IRCCS Centro S. Giovanni di Dio – Fatebenefratelli di Brescia, Patrizio Pasqualetti del Servizio di Statistica Medica & Information Technology (SeSMIT) della “Fondazione Fatebenefratelli per la ricerca e la formazione sanitaria e sociale” (Roma) e Alessandro Padovani direttore della Clinica neurologica dell’Università di Brescia.
Lo studio è diretto a capire come ottimizzare l’assistenza alla persona affetta da demenza nei Paesi in cui sono già stati promossi tutti i servizi necessari ad arrivare a una diagnosi precoce e malgrado questo i pazienti non ricevono ancora tutti i servizi del tipo, della qualità e con le tempistiche di cui hanno bisogno, perchè il sistema sanitario non riesce a mettere in collegamento “domanda” e “offerta”, ossia il bisogno di assistenza che scaturisce dalla diagnosi e il servizio offerto dal Sistema Sanitario Nazionale. “Con Actifcare analizziamo i percorsi di assistenza per persone con demenza – e per le loro famiglie – nei diversi paesi europei, nel tentativo di comprendere meglio le ragioni delle ineguaglianze che si verificano ancora nell’accesso all’assistenza sanitaria – spiega Zanetti -. In assenza di una cura che possa alterare il corso delle malattie neurodegenerative è importante ottimizzare i percorsi che conducono dalla diagnosi precoce all’assistenza, percorsi che, se ottimizzati, incidono positivamente sia sulla cura del malato che sulle spese che essa comporta”.
Molti paesi europei, infatti, hanno adottato strategie per la promozione del riconoscimento tempestivo della demenza ma, “nonostante questi sviluppi, spesso le persone che soffrono di demenza non ricevono i servizi del tipo, della qualità e con le tempistiche di cui hanno bisogno” ammette Zanetti, spiegando che Actifcare punta a colmare questa lacuna, dall’impatto sociale non secondario. Si stima infatti che 9.9 milioni di persone in Europa abbiano una demenza: sono il 28% del problema mondiale. Il costo totale per l’assistenza medica e sociale per la Demenza di Alzheimer in Europa è di 135.04 bilioni di dollari. Una persona con demenza moderata (PcD) ha bisogno di un ammontare sempre crescente di assistenza e supporto dai servizi di assistenza sociale a mano a mano che comincia a perdere la capacità di svolgere le attività quotidiane. Due terzi delle PcD vivono da sole o con un famigliare, e buona parte di supporto e assistenza vengono forniti da famigliari non pagati; oltre il 70% delle PcD in Europa riceve assistenza non pagata. Questi “assistenti informali” possono esperire alti livelli di stress, depressione, isolamento sociale, e problemi di salute fisica.
Concretamente, cosa farà Actifcare? “Una valutazione e un paragone dei sistemi di assistenza sanitaria che danno accesso all’assistenza domiciliare formale in 8 paesi (Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Olanda, Regno Unito e Svezia) – risponde Zanetti -. Actifcare valuterà l’accesso e l’uso dei servizi di assistenza formale da parte delle PcD e i loro assistenti in questi otto paesi, e esaminerà come questo si collega ai loro bisogni (in)soddisfatti e alla loro qualità di vita; saranno inoltre valutati costi, conseguenze, e due nuovi strumenti di misurazione”. Il progetto si focalizza sugli stadi intermedi della demenza, dove avviene la transizione dall’assistenza solamente informale alla combinazione tra cura formale e informale, e si pone l’obiettivo di aumentare la comprensione del perché le persone con demenza e i loro caregivers usano, o falliscono nell’uso dei servizi di assistenza formale come le residenze per anziani, i servizi di assistenza diurna e le strutture e i processi di assistenza medica, infermieristica, comunitari e di counselling a lungo termine. La comparazione internazionale dei sistemi di assistenza sanitaria, dei percorsi individuali alla cura e dei costi associati forniranno una visione “essenziale” per delineare la pianificazione e i valori di riferimento. Il progetto inoltre identificherà l’efficienza delle buone pratiche e le strategie finanziariamente efficaci che possono essere integrate nei servizi di assistenza sanitaria e sociale europei, per permettere ai decisionmakers nazionali di prendere decisioni basate sull’evidenza quando vogliano riformare l’organizzazione dell’assistenza per la demenza.
Actifcare è guidato dall’Università di Maastricht e unisce partners da tutta l’Europa, inclusi esperti in demenza di paesi come Germania (Martin-Luther University, Halle-Wittenberg), Irlanda (Dublin City University), Italia (Unità Valutazione Alzheimer – Clinica della Memoria, Brescia), Norvegia (Norwegian Center of Ageing and Health, Oslo), Portogallo (Faculdade de CiênciasMédicas, Universidade Nova de Lisboa, Lisbon), Svezia (Karolinska Institutet, Stockholm) e Regno Unito (Bangor University e University College London).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rai sospende “Ti lascio una canzone”, ora in tv solo bambini veri

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

ti lascio una canzone“Apprendiamo con soddisfazione che nel palinsesto della Rai 2014-2015 non è confermato il programma ‘Ti lascio una canzone’. Lo chiediamo orami da sette insieme ad altre associazioni genitori, il Forum delle famiglie, l’Aiart e altre associazioni di utenti”. E’ il commento di Fabrizio Azzolini, presidente dell’Age (associazione italiana genitori), alla sospensione di ‘Ti lascio una canzone’.
“Un segnale – prosegue Azzolini – di una rinnovata sensibilità della Rai verso il ruolo servizio pubblico e di attenzione alla tutela dei diritti dei bambini in Tv. In particolare alla loro presenza in trasmissioni televisive basate su competizioni, come nel caso di ‘Ti lascio una canzone’. Qui i bambini sono adultizzati nell’abbigliamento e negli atteggiamenti manierati e zuccherosi, imbarazzati nel rispondere a domande sui sentimenti rivolte da chi conduce lo spettacolo: grottesche imitazioni degli adulti davanti a un pubblico osannante e alla commozione esibita di genitori sedotti dall’illusione di una labile fama dei figli da afferrare”.
“L’auspicio è che in Rai e nelle televisioni private i bambini ‘facciano i bambini’ davvero ed esprimano le loro capacità innate, canore e non solo, con la serena spontaneità che gli è propria. Non bambini-strumento, ma bambini veri e veramente dotati. In un tono di allegria e semplicità, senza melassa”, conclude il presidente dell’Age.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unimpresa: Banche ed economia reale

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

banca europeaIn tre anni il credito bancario alle imprese ha subito una contrazione pesantissima da quasi 70 miliardi di euro, mentre le famiglie hanno visto ridursi i finanziamenti di 14 miliardi. Da luglio 2011 a luglio 2014, i prestiti al settore privato da parte delle banche è diminuito complessivamente di 83,1 miliardi (-5,49%) passando da 1.513 miliardi a 1.430 miliardi. Questi i dati principali di un’analisi realizzata dal Centro studi di Unimpresa a pochi giorni dalla prima operazione mirata di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO, Targeted Longer Term Refinancing Operations) condotta dalla Banca centrale europea. “Con questi dati, intendiamo rispondere ai banchieri che, per giustificare la stretta ai rubinetti del credito, puntano il dito contro le aziende, sostenendo che è colpa del cavallo che non beve: la realtà è diversa e racconta di una sistematica azione volta a ridurre drasticamente l’offerta di liquidità allo sportello” commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi. “E il mezzo fallimento dell’asta Bce – aggiunge Longobardi – conferma che da parte degli istituti di credito non c’è alcuna intenzione di finanziare l’economia reale”.
Quanto all’indagine Unimpresa, emerge che nei tre anni sotto esame (luglio 2011 – luglio 2014) i prestiti alle famiglie sono scesi di 14,04 miliardi (-2,29%) passando da 612,9 miliardi a 598,8 miliardi. Nel dettaglio, il credito al consumo si è ridotto di 5,6 miliardi (-8,78%) passando da 63,8 miliardi a 58,2 miliardi; i mutui per l’acquisto di abitazioni sono calati di 3,8 miliardi (-1,05%) scendendo da 363,5 miliardi a 359,7 miliardi; i prestiti personali sono diminuiti di 4,6 miliardi (-2,51%) da 185,5 miliardi a 180,9 miliardi.
Per le aziende il quadro è ancor più grave: da luglio 2011 a luglio 2014 gli impieghi in questo comparto sono scesi di 69,08 miliardi (-7,67%) da 900,2 miliardi a 831,1 miliardi. Nel dettaglio, i finanziamenti di breve periodo (fino a 1 anno) si sono ridotti di 39,02 miliardi (-11,29%) passando da 345,7 miliardi a 306,t miliardi; i prestiti di medio periodo (fino a 5 anni) sono calati di 12,2 miliardi (-8,71%) scendendo da 140,1 miliardi a 127,9 miliardi; i prestiti di lungo periodo (oltre 5 anni) sono diminuiti di 17,8 miliardi (-4,31%) da 414,3 miliardi a 396,5 miliardi. In totale i finanziamenti alle famiglie e alle imprese (il settore privato) si sono contratti per un ammontare pari a 83,1 miliardi (-5,49%) scendendo da 1.513.1 miliardi a 1.430,02 miliardi.
“La situazione è gravissima e per dare una svolta servono importanti misure da parte del governo sul versante delle garanzie, che richiedono un massiccio investimento di danaro pubblico. Alle attuali condizioni di mercato – spiega ancora il presidente di Unimpresa – ottenere un finanziamento è un miracolo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli attacchi sistematici contro i civili perpetrati da Israele saranno esaminati dal Tribunale Russell sulla Palestina

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

Gazastrip24-25 settembre – Bruxelles – Albert Hall, Bruxelles. La sessione straordinaria su Gaza del Tribunale Russell prenderà in esame gli attacchi sferrati contro i civili e le infrastrutture civili durante l’“Operazione Margine Protettivo” nei mesi di luglio e agosto di quest’anno.
Recentemente, il Human Rights Watch ha accusato Israele di aver commesso crimini di guerra in un rapporto che analizza tre attacchi contro le scuole di Jabalya, Beit Hanoun e Rafah, in cui sono rimaste uccise 45 persone, tra cui 17 bambini.
Non è la prima volta che un’indagine giunge a queste conclusioni. Anche le Nazioni Unite e Amnesty International avevano trovato prove di crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Secondo le Nazioni Unite, durante i 50 giorni dell’offensiva israeliana, 2.131 palestinesi sono rimasti uccisi. Tra questi, 501 erano bambini, sotto i 12 anni nel 70% dei casi, stando ai dati UNICEF.Nello stesso periodo, i dati diffusi dal Ministero della Salute di Gaza parlano di 10.918 feriti, tra cui 3.312 bambini e 2.120 donne. Le Nazioni Unite hanno dichiarato che 244 scuole sono state bombardate e che una è stata utilizzata come base militare. Secondo l’organizzazione per i diritti umani Al Mezan, almeno 10.920 abitazioni private sono state danneggiate o distrutte; tra queste, 2.853 sono state rase al suolo. Inoltre, sono stati colpiti anche 161 moschee, otto ospedali, sei dei quali resi inagibili, 46 ONG, 50 pescherecci e 244 veicoli.John Dugard, Professore di Diritto internazionale e ex Relatore Speciale ONU sui Territori Palestinesi Occupati ha dichiarato:
“Nell’atto di bombardare case e palazzi potenzialmente occupati da militanti di Hamas, le IDF (Forze di Difesa Israeliane) hanno dimostrato un atroce cinismo verso quello che consideravano soltanto un danno collaterale; il problema è che questo danno collaterale spesso coincideva con uccisioni e ferimenti di civili e con la distruzione delle loro case. La mancata distinzione tra obiettivi militari e civili costituisce un palese crimine di guerra” Raji Sourani, Direttore del Centro Palestinese per i Diritti Umani con sede a Gaza, ha dichiarato: “I civili sono stati nell’occhio del ciclone durante tutta l’offensiva. Israele ha seguito la legge della giungla. Questo perché nessuno lo ha chiamato a rispondere in merito alle Operazioni Piombo Fuso e Pilastro di Difesa. C’è bisogno del diritto internazionale e di un’assunzione di responsabilità, per porre fine all’occupazione israeliana, che è, di per se stessa, un atto criminale”. Ivan Karakashian, Coordinatore del servizio di difesa legale del DCI-Palestine, presenterà il caso dei bambini utilizzati come scudi umani da parte dell’esercito israeliano, come è accaduto a Ahmed Abu Raida, trattenuto per cinque giorni a questo scopo. Ivan ha dichiarato:
“Le indagini interne all’esercito israeliano non sono trasparenti né indipendenti, e di sicuro non sono serie. Finora, nessun ufficiale israeliano ha contattato Ahmad o la sua famiglia per ottenere informazioni sul fatto che sia stato usato come scudo umano. In un contesto del genere, la Corte penale internazionale e iniziative come il Tribunale Russell sulla Palestina sono fondamentali per chiedere e ottenere giustizia per i bambini palestinesi.” Il tribunale raccoglierà le dichiarazioni di esperti e testimoni che erano sul posto durante l’attacco, tra cui il giornalista britannico Paul Mason, del Channel 4 News in merito al bombardamento delle scuole, il Direttore del Raji Sourani in merito agli attacchi contro civili, i chirurghi Mads Gilbert e Mohammed Abou-Arab in merito agli attacchi contro strutture e operatori medici, il giornalista Martin LeJeune in merito ai bombardamenti contro zone industriali e fabbriche, e Ashraf Mashharawi in merito agli attacchi contro infrastrutture per l’energia e i rifiuti.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artem Silchenko wins 6th stop of the 2014 Red Bull Cliff Diving World Series and Gary Hunt secures 4th overall title

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

red bull10red bull11Russia’s Artem Silchenko has dominated the penultimate stop of the season in the capital city of the Basque Country, but Gary Hunt’s second-placed finish is enough for the Brit to take back the title that he relinquished to the Russian in 2013. The rapidly-improving Kris Kolanus, from Poland, completed the podium for the first time in his World Series career as four rounds of 27m cliff diving delivered an unforgettable weekend in Bilbao. Sunshine, heavy showers and a rumble or two of thunder above the already dramatic setting of the Guggenheim Museum made for a truly spectacular event that was witnessed by an unbelievably huge crowd of 52,000 enthusiastic spectators who lined the Nervión River underneath La Salve Bridge. Cliff diving’s cream of the crop will meet again for the final three-second flights of the season in Yucatan, Mexico, on October 18, to crown the male and female champions.
Red Bull Cliff Diving World Series 2014 It’s pure, it’s fast and it takes your breath away. Cliff divers leap aesthetically from almost three times the Olympic height and hit the water at speeds of 85kph, protected only by their concentration, skill and physical control. Since 2009, the Red Bull Cliff Diving World Series has featured the biggest talents, the most promising newcomers, and since 2013 has also provided a platform for women. Seven tough competitions for the men, three challenges for the women – in its sixth season this jaw-dropping sport will hit new as well as proven ground in the Caribbean, North and Latin America and Europe between May and October to determine a new champion for both men and women. Maurice Lacroix is the official watch partner of the 2014 Red Bull Cliff Diving World Series.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The return of Mr Sidney Jehoshua Zoltak to Sciesopoli

Posted by fidest press agency su domenica, 21 settembre 2014

shie zoltakAlthough the sky was covered with clouds, yesterday was of those you never forget. From Montreal (Canada) Mr. Sidney Jehoshua Zoltak, Holocaust survivor, came to visit Sciesopoli. Mr Zoltak, board member of the Conference on Jewish Material Claims Against Germany, Inc. (known as the Claims Conference), at the age of fourteen, in 1945/46 was hosted as a refugee in Sciesopoli. His memories and his stories have permeated the day. The charismatic figure, firm and sweet, of Sidney Zoltak guided us inside the walls of Sciesopoli making them live again. Zoltak is used to accompany students from around the world visiting the Treblinka camp (some footage of these visits can be seen in youtube). He told the camera of Enrico Grisanti his story of those years. When ready, the video will be deposited at the Center for Jewish Documentation (the CDEC) in Milan. He also wrote his story and that of his loved ones: “My Silent Pledge: a Journey of Struggle, Survival and Remembrance” is his wonderful book published in 2013 in Canada. The joy of being returned to Sciesopoli, where Sidney has found life, however, was overshadowed by the pain of seeing the state of destruction and abandonment in which that structure still languishes.Ass. Simona Murero was with us on behalf of the Town Council of Selvino. To her Sidney addressed words of invitation to the City of Selvino to face the problem of Sciesopoli with energy and determination.
Shortly before going to Sciesopoli, with Sidney Zoltak we met, in the lobby of City Hall, the new mayor of Selvino, Diego Bertocchi. Also present was Simona Murero. It was a brief and informal meeting. After the presentations, we did underline that the Organizing Committee of the Petition for Sciesopoli did not intend to press, up to this time, the city administration in consideration of his having recently established and the deceleration of municipal activities due to the summer break. We asked the mayor to express himself on the interest of the new council about Sciesopoli and summon us to a next meeting to plan together a work project.
The mayor’s response was positive, of great interest and commitment. Then they told us that the new administration has already had an exploratory meeting with the company “Nuova Fenice” (which was nominated for the purchase of the building of the former colony during the days of May 2014, when it took place in Selvino, with the past administration, a number of initiatives on Sciesopoli).
We hope that those of the mayor Bertocchi and Ass. Murero not remain words and making it become operational, we convene as soon as possible for a meeting.We found the plate that was missing from Sciesopoli: it is located in Milan, in perfect condition, along with many documents in the archive of the Institute for Assistance to the Poor and the Elderly. The last director of the colony for children had detached and saved against the risk of destruction and abandonment when his institute abandoned that structure.
The website http://www.sciesopoli.com, edited Bernardino Pasinelli archivist, author of the exhibition on Sciesopoli, is now enriched with new documents.In collaboration with the Anpi, the Volunteer Corps of the Ticino Park and the Municipal Administration of Magenta (MI) we are working on the organization of the Memorial Day 2015. Magenta, between 1945 and 1948, was home to an important field of reception of hundreds of Jewish refugees. Its relationship with Sciesopoli was continuous, and many of the children of Sciesopoli came from Magenta. We hope we’ll be able to establish a twinning between Magenta and Selvino on this topic. (Shana Tova, Marco Cavallarin)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »