Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 2 ottobre 2014

Il World Wide Lab a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Roma, 5 – 12 ottobre 2014 Laboratorio teatrale internazionale e una settimana di repliche: 5 spettacoli inediti sul tema “DISTRUZIONE E RINASCITA” KIT Italia e Kairos Italy Theater, in collaborazione con il Teatro Due Roma – teatro stabile d’essai e 42mm Associazione di arti fotografiche, presentano il progetto internazionale collaborAZIONI: il World Wide Lab a Roma.
Il WWL coinvolge 12 registi, originari di 10 diversi paesi, che lavorano a coppie su 5 idee o testi, inediti in Italia, con un cast di 10 attori. Selezionati, scritti o adattati dagli stessi registi insieme alle direttrici artistiche Orly Noa Rabinyan e Laura Caparrotti, questi rispondono al tema “DISTRUZIONE E RINASCITA” (“Upheaval”). Diretti a quattro mani, verranno presentati organizzati in due programmi e costituiranno i diversi momenti di un unico spettacolo ideale, in scena dal 7 al 12 ottobre presso il Teatro Due Roma – teatro stabile d’essai, Vicolo dei Due Macelli 37. La settimana di repliche è preceduta da un evento speciale – il 5 ottobre presso il Teatro Biblioteca Quarticciolo – che porta a Roma lo spettacolo frutto di collaborAZIONI caLABria, il workshop tenutosi l’estate scorsa fra Cosenza e Pizzo Calabro. Evento speciale, 5 ottobre Teatro Biblioteca Quarticciolo: “Onions – in pasto al mare”“Onions – in pasto al mare” scritto da Rosario Mastrota in collaborazione con Dalila Desirée Cozzolino, regia Orly Noa Rabinyan, con Emilia Brandi, Laura Caparrotti, Rita De Donato, Francesco Meola, Ernesto OrricoIl mito, come bellezza, è ancora possibile: può farsi terra, cibo o pietra per naufraghi mai sazi di essere salvi. Un approdo sicuro, fatto di una tavola piena di cibo, trasforma l’uomo in liberatore di un’amara divinità che non ha più fame d’amore.
????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Lo spettacolo, deriva dal workshop caLABria – tenutosi a Pizzo Calabro dal 25 agosto al 12 settembre sempre nell’ambito di collaborAZIONI – ed è frutto del lavoro collettivo degli artisti coinvolti nel laboratorio: la regista isrealiana Orly Noa Rabinyan e lo scrittore di Castrovillari Rosario Mastrota, coadiuvato da Dalila Desirée Cozzolino, tutti pluripremiati nei rispettivi paesi, e gli attori calabresi Ernesto Orrico, Rita De Donato, Emilia Brandi insieme a Francesco Meola e a Laura Caparrotti. Lo spettacolo ha debuttato il 12 settembre sulla spiaggia Le Tavole di Pizzo Marina. L’evento è stato presentato dalla Kairos Italy Theater e KIT Italia insieme all’Assessorato alla Cultura del Comune di Pizzo Calabro, l’Ufficio di Affari Culturali di Israele in Italia, l’Associazione Culturale Zahir, con il sostegno dall’Azienda Callipo e della Cooperativa Kairos di Pizzo. ( BIGLIETTI 5€ )
7-12 ottobre Teatro Due Roma – Il WWL a Roma: Distruzione e rinascita
“Upheaval”, titolo originale dello spettacolo, è il termine inglese che indica un processo di sconvolgimento e annientamento da cui risorge una nuova possibilità di vita. Il tema, tradotto in italiano come “Distruzione e rinascita”, è il filo conduttore delle idee, ispirazioni, brevi brani di testo su cui sono costruiti i 5 movimenti scenici che compongono questo spettacolo. Che racconta l’oggi: l’immigrazione (Alien Attack!), il potere (Kuafu), la crisi (Imperium), i rapporti interfamiliari difficili (Young Lear e Lion in the streets).
PROGRAMMA A (7, 9, 12 ottobre ore 21:00, 11 ottobre ore 17:00)
Kuafu da Classic of Mountains and Seas, una leggenda cinese, adattamento e regia Laura Tesman (USA) e Jocelyn Youchia Chang (Taiwan), con Francesco Meola Alien Attack! di Sophie Reyer, regia Jay Stern (USA) e Chang Nai Wen (Taiwan/Germania), con Francesco Andolfi, Ketty Di Porto, Marcello Paesano, Laura Rovetti Imperium testo e regia di Evan T. Cummings (USA) e Esther Jun (Canada/Corea del Sud), con Francesco Meola, Marcello Paesano, Nicole Pyrathon, Laura Rovetti
PROGRAMMA B (8, 10, 11 ottobre ore 21:00, 12 ottobre ore 17:00) Lion in the Streets di Judith Thompson, regia Vidhu Singh (India/USA) e Evan Tsitsias (Canada/USA), con Ilaria Ambrogi, Ketty Di Porto, Alessia Giangiuliani, Francesco Meola, Laura Rovetti, Jacopo Rampini
Young Lear da King Lear di W. Shakespeare, adattamento e regia di Annie G. Levy (USA) e Ioli Andreadi (Grecia/UK), musiche Erato Kremmyda con Francesco Andolfi, Ilaria Ambrogi, Alessia Giangiuliani, Nicole Pyrathon, Mauro Santopietro Gli artisti sono stati selezionati tramite bando con l’intento di coinvolgere giovani professionalità under 35: oltre agli attori partecipano al laboratorio Daniele Crasti (assistente alla regia), Sara Svati (scene) e Angela Giulia Toso (costumi). ( BIGLIETTI 15€, RIDOTTI 12€ )

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gala di Chiasso

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

massimo lopezSi terrà venerdì 3 ottobre presso il Cinema Teatro di Chiasso la seconda edizione del “Gala di Chiasso”, una serata a scopo benefico realizzata grazie ad una collaborazione attivata tra il Gruppo Banche Chiasso, il Municipio di Chiasso e direzione artistica Cinema Teatro Chiasso.
Alle 19.30 si terrà una cena – solo su invito – per cui tutta la struttura teatrale verrà elegantemente allestita: la platea sarà svuotata dalle tradizionali sedute e trasformata in una grande sala da ricevimento sfavillante di luci e suoni, con sedie e tavoli finemente addobbati per l’occasione.
Alle 22.00 l’evento proseguirà con lo spettacolo – aperto anche al pubblico – “Sing and Swing” con Massimo Lopez e la Jazz Company, una messa in scena nella quale l’istrionico attore rivisiterà in chiave personale alcune tra le più celebri melodie dell’epoca d’oro dello Swing, una carrellata di canzoni composte da grandi autori quali Cole Porter, George Gershwin, Jimmy Van Heusen, Richard Rodgers ed altri. E tra una canzone e l’altra, Massimo Lopez intratterrà il pubblico con divertenti gag, monologhi e le sue irresistibili imitazioni, le stesse che negli anni lo hanno portato al grande successo popolare.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’apologia di Socrate

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

L'apologia di SocrateComo 15 ottobre, ore 21 Sala Musa – Associazione Carducci in via Cavallotti a Como, lo spettacolo teatrale “Apologia di Socrate” diretto e interpretato da Christian Poggioni. La rappresentazione, che prende spunto dal testo scritto da Platone tra il 399 e il 388 a.C, è organizzata dall’Associazione Accanto Onlus – Amici dell’Hospice San Martino di Como, in collaborazione con l’Associazione Carducci. L’evento cui si riferisce l’Apologia è l’autodifesa che Socrate pronuncia davanti ai giudici di Atene nel 399 a.C. e della quale Platone è testimone oculare. È questo del filosofo il dialogo politico per eccellenza, che vede di fronte un uomo e la sua comunità nel drammatico confronto sul senso di vivere personale e politico.
Socrate, vittima di una congiura politica, è accusato di empietà e di corrompere i giovani. Per questo è condannato a morte, ma al termine del processo porge ai propri accusatori un ultimo, fondamentale messaggio: “Se credete, col condannare a morte uomini, di impedire a qualcuno di rimproverarvi perché non vivete in modo retto, voi non pensate bene; a un uomo giusto, infatti, non può capitare nessun male, né in vita né in morte”.
La rappresentazione ruota quindi attorno al dialogo tra Socrate, i suoi accusatori e i 500 giudici della polis che, nello spettacolo, prendono simbolicamente vita grazie alla presenza del pubblico. Il rapporto tra Socrate, i suoi accusatori e i giudici ateniesi, crea un contrasto drammatico tra l’attore e il pubblico, direttamente chiamato in causa dalle domande e dalle provocazioni del maestro, le cui parole risuonano attuali qui e oggi non meno che nell’aria corrotta dell’Atene di allora.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bill Hare, Climate Analytics, with Carl-Friedrich Schleußner, Michiel Schaeffer

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

energyVictor and Kennel argue that the target of limiting global warming below 2degC relative to pre-industrial levels (the “2degC goal,” or rather, “limit”), adopted by the international community, should be dropped. They put forward two main reasons: that it is no longer feasible to meet the 2degC limit, in large part because there has been insufficient action to date, and that the 2degC limit is not measurable and cannot be translated into emission limits for countries and regions. They go on to argue that there should be a new process started to develop a a new set of global goals starting in Paris to replace the 2degC limit.Both major reasons put forward to drop the 2degC limit are hopelessly flawed or just plain wrong:
Whilst no one is in doubt about the difficulty of limiting warming below 2degC, it is incorrect to claim that achieving this goal is infeasible and cannot be done. The scientific community, in the form of the IPCC AR5 Working Group III report, has assessed that limiting warming below 2degC limit is technically and economically feasible, and at low to modest cost. No one in the scientific community has any doubt about the difficulty of the political decisions that need to made to realise this. Each person is entitled to their own views of whether or not political leaders will take the steps needed, but for the authors to dress up their own judgements – that these decisions will not be made – as a scientific fact is wrong.
The argument that the 2degC limit cannot be translated into emission goals and budgets is, to put it mildly, unconvincing, and demonstrates a deep ignorance of scientific developments over the last ten years. If this were so, then there would be no science-based policy debate about the size of the gap between where emissions are headed at present and where they need to be in 2020 and 2030 at global, regional, and national levels. In fact, there have been annual scientific assessments of this since 2010.No global goal on an issue as complex as climate change is going to be perfect, however it turns out that a temperature limit is actually a very good composite indicator of many serious impacts and risks. And it is understandable to the public and to political leaders, and it can be translated into quantifiable emission actions, which can be updated with new science regularly, accounting for the full range of scientific uncertainties.
There has been an enormous amount of work by the scientific community on issues related to planetary boundaries and on the implications of different indicators for emission pathways beyond global mean temperature. When put together, this research has shown the 2oC limit provides an upper bound on emissions if other key systems are to be maintained, within safe limits, a fact which, startlingly, does not come through at all in this Comment, despite the space spent discussing alternative climate indicators. On this issue, the scientific literature contradicts the authors and shows clearly that including other metrics (objectives, such as reducing sea level rise, reducing ocean acidification) will increase the level of mitigation (emission reductions) needed.And last but not least, the 2degC limit has triggered considerable political action at national, regional and global level – indeed the present process to negotiate a new global agreement with legal force and applicable to all stems very much from the scientific “pressure” generated by the existence of this limit. If action has not been sufficient it’s certainly not because of the limit. Many countries have indeed taken action – or are now planning more ambitious measures; however, in overall terms, the collective effort has been fully inadequate. The world is confronted with rapidly rising emissions – fastest from one of the most intensive source of CO2 emissions, coal – exactly at a time when CO2 emissions should be decreasing. It is wrong, however, to conclude that this means the issue is lost, when the main battle lies ahead and just when the process of developing a new agreement is building momentum. It would be an act of grave irresponsibility for the 2degC limit to be dropped. This would signal a clear deflation of pressure to reach an ambitious agreement, delegitimise the international negotiations, weaken efforts at a national level to build ambitious policies, and send a highly adverse signal to the private sector. Without the emission pressures of the 2degC limit there would effectively be a green light for continued massive expansion of coal and other fossil fuel intensive infrastructure in the next decade. As the International Energy Agency has warned, this infrastructure could lock-in warming levels of 4oC this century.
Dropping the 2degC limit , and with it pressure for the needed level of emission reductions, while starting a debate about a multitude of other goals is akin to doctors dithering over a critically ill patient. As in medicine, there are several indicators addressing different aspects of the vitality of the planet, but each of them would call for action if it reached a critical state. The planet’s rising temperature is a vital sign and the prognosis is clear for future warming without urgent action. What doctor would refuse to provide treatment to a patient with a body temperature exceeding 40degC because their blood pressure cannot be measured? (photo Reuters)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rare gemstones, and signed jewels

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

christie'sChristie’s New York announces highlights of its upcoming Important Jewels auction on October 22. With 350 jewels on offer, the sale features an array of colored and colorless diamonds, rare gemstones, and signed jewels – led by a magnificent rectangular-cut potentially internally flawless diamond pendant necklace of 81.38 carats (illustrated above; estimate: $2,800,000 – 3,500,000). Estimates range from $3,000 up to $4 million, and the total sale is expected to achieve in excess of $30 million.
In the first half of 2014, Christie’s International Jewelry department achieved their highest ever half-year result at US$362 million and established 8 new world auction records. The May 14 Magnificent Jewels auction at Christie’s Geneva saw the highest total ever achieved for a jewelry auction at US$154 million that included the record-breaking WINSTON BLUE diamond (US$23.8 million), which set a new world auction record price per carat for a blue diamond at US$1.8 million per carat.
RAHUL KADAKIA, INTERNATIONAL HEAD OF CHRISTIE’S JEWELRY, commented: “We are excited to begin our fall jewelry season with this promising sale of Important Jewels on October 22 at Christie’s New York. From an impressive cushion shaped diamond of over 100 carats to a chic multi-strand moonstone bead necklace, by Tiffany & Co., the sale has a jewel for everyone. We look forward to seeing collectors back in our saleroom in New York and then Geneva, Hong Kong, Paris, and London as the season progresses.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aurelio Amendola will be in attendance

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

6michelangelo_amendola_bisArt Gallery of Ontario (October 18 – January 11) Opening reception: Wednesday, October 1, 2014 – 6:30pm – 8:30pm Aurelio Amendola will be in attendance. Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron Street, Toronto Free admission
The 36 black-and-white photographs of Aurelio Amendola capture in unexpected ways the sensuality and tragic force emanating from the statues carved by Michelangelo. His lens seems to coincide and overlap with the sculptor’s eye at the moment of observing the different angles of the marble surface. From the Dying Slave of the Louvre, to the statues of Sagrestia Nuova of San Lorenzo, to the Pietà Rondanini of Milano, to the Crouching Boy of St. Petersburg, Amendola offers a sophisticated and unexpectedly new vision of Michelangelo’s works, by being able to capture every little sign left by the artist in creating his work.
Over his long career as art photographer, Pistoia native Aurelio Amendola has developed a special sensibility for the world of sculpture, by documenting the works of Jacopo Della Quercia, Michelangelo and Donatello, and by illustrating single works and monuments such as the Pistoiese pulpit of Giovanni Pisano, the Robbiano Frieze at the Ospedale del Ceppo, also in Pistoia, Santa Maria della Spina and the Battistero in Pisa, St. Peter’s in the Vatican. This last work, the first of a series dedicated to the great themes of Italian art visited according to the photographer’s personal outlook, presents a completely new iconography, calibrated on the “taglio”: by taking advantage of a rare occasion of a contact without restraint with Bernini monuments, Amendola is able to capture the most unexpected and detailed point of view. This becomes his artistic style in many of his subsequent works. In 1994 his book Un occhio su Michelangelo – dedicated to the Medici Chapel in San Lorenzo, Florence – won the “Premio Oscar Goldoni.” In 1995 an exhibition on this same theme was organized in Milan at the Palazzo Reale by the City’s Administration. In 1997 he was awarded the “Cino da Pistoia,” a prestigious career prize. In 2014, 23 of his large-format photographs of Michelangelo’s sculptures have been exhibited at the Medici Chapels in Florence to commemorate 450 years of the great Renaissance artist’s death. On the occasion the publishing house UTET Grandi Opere-FMR published the precious limited-edition volume Michelangelo, la dotta mano, featuring 83 photographs of Aurelio Amendola. Contemporary art represents the opposite pole of great interest for Amendola, who through the years has been able to collect a true gallery of portraits, comprising the most renowned masters of the twentieth century like De Chirico, Lichtenstein, Pomodoro, Schifano, Kosuth, Warhol, to name but a few. This collection, which is daily refreshed with unaltered passion, updating the names and the most cutting-edge artistic trends, acquires special cultural and human value thanks to the long friendships between the photographer and the artists. To Amendola’s work we owe the many monographs dedicated to the most famous contemporary sculptors and painters, including Mario Marini, Burri, Manzù, Fabbri, Ceroli, Vangi, Kounellis. At the Fondazione Pomodoro there are some of the most symbolic portrait pictures of the Maestro from Pistoia on view. In 2007 he was the first artist to have an exhibition at the Hermitage Museum in St. Petersburg. In May 2014 the Triennale of Milano dedicated to him a retrospective In atelier – Aurelio Amendola: fotografie 1970 – 2014.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Herpes genitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

herpesDolore, bruciori e prurito intenso. Sono questi i sintomi dell’herpes genitale una delle più comuni malattie a trasmissione sessuale che colpisce soprattutto le donne. In Europa sono oltre 13,7 milioni le donne infettate, 7,2 invece gli uomini. Il loro numero è destinato a crescere. È quanto emerso dal 89° Congresso Nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) Isola donna al centro del mondo medico e sociale che si chiude oggi a Cagliari. “I farmaci antivirali sono a tutt’oggi il cardine del trattamento dell’herpes genitale – spiega Gian Benedetto Melis, Direttore della Clinica Ostetrica dell’Università di Cagliari e Presidente del congresso SIGO – tuttavia, per l’ovvia latenza d’azione dovendo agire sulla replicazione virale, non risolvono prontamente i sintomi legati all’infezione, che poi è la problematica primaria lamentata dalle nostre pazienti. La possibilità di aiutarle con un trattamento espressamente rivolto alla rapida risoluzione del dolore, bruciore prurito, facilita notevolmente la gestione di tale patologia genitale, peraltro frequente. Durante l’attacco erpetico – ha aggiunto Melis – le raccomandazioni sono di tenere l’area pulita e asciutta per prevenire le infezioni secondarie. Bisogna poi evitare di toccare le lesioni, e lavarsi le mani dopo ogni contatto con le vescicole è una pratica igienica da seguire. Occorre inoltre indossare biancheria di cotone e non aderente. Non ci sono mai stati fin ora trattamenti specifici della sola sintomatologia da herpes genitale. In letteratura sono citate esperienze con una preparazione topica di zinco solfato o con lo iodio. Si ricorre anche a rimedi estemporanei come impacchi ghiacciati o delle compresse di bicarbonato per lenire il dolore. Ora per contrastare i sintomi e alleviare i disagi delle persone colpite dal virus – ha concluso Melis – c’è anche un nuovo dispositivo medico, Clareva Gel, che agisce sui sintomi e, fin dalle prime applicazioni, riduce rapidamente, prurito, pizzicore, dolore e bruciore. Il gel a base di trigliceridi ossidati derivati da acidi grassi essenziali di origine vegetale, copre le lesioni erpetiche con una pellicola protettiva trasparente che facilita il processo di guarigione con un’efficacia diretta su segni e sintomi dell’herpes genitale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un prestigioso riconoscimento per l’invenzione dell’impianto cocleare

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

Ingeborg_J._Hochmair-DesoyerLa dottoressa Ingeborg Hochmair, CEO di MED-EL, azienda austriaca specializzata nel campo degli impianti uditivi, il 19 settembre ha ricevuto il Premio Ludwig Wittgenstein Prize da parte della comunità di ricerca austriaca per le sue eccezionali invenzioni nel settore della tecnologia medica. Dal 1975, ha lavorato insieme al marito, il professor Erwin Hochmair, nell’ambito della ricerca di soluzioni per l’udito, con l’intento di offrire alle persone con disabilità uditive una qualità della vita migliore: questa rimane ancora oggi la forza trainante di MED-EL. Il loro lavoro ha portato, nel 1977, alla prima installazione di un impianto cocleare microelettrico multicanale. Da allora la tecnologia si è evoluta costantemente, consentendo a più di 100,000 persone di scoprire il mondo dei suoni attraverso le loro innovazioni tecniche.
La dottoressa Ingeborg Hochmair ha studiato ingegneria elettrica all’università Tecnica di Vienna, ed è stata la prima donna ad ottenere un dottorato in questo settore nel 1979. Ha continuato i suoi studi scientifici all’Università di Stanford e all’Università di Innsbruck. Nel 1990, insieme al primo dipendente, ha gettato le basi di MED-EL, un’azienda in grado oggi di offrire la più ampia gamma di soluzioni uditive impiantabili per tutti i tipi di disabilità. La dottoressa Ingeborg Hochmair ha già ricevuto numerosi premi per i suoi successi nel campo della medicina e della scienza. Nel 2013 ha ricevuto il prestigioso Premio Lasker-DeBakey Clinical Medical Research per lo sviluppo dell’impianto cocleare moderno.
Il Premio Ludwig Wittgenstein conferito dalla comuntà di ricerca austriaca e che prende il nome dal filosofo austriaco Ludwig Wittgenstein, morto nel 1951, viene assegnato ogni due anni a scienziati come riconoscimento per risultati eccezionali raggiunti. Il premio è sempre assegnato ad una persona le cui ricerche sono state condotte in Austria o il cui lavoro scientifico è di grande rilevanza per l’Austria. I candidati possono essere nominate solo dai membri del Comitato Scientifico della comunità di ricerca austriaca.
MED-EL Medical Electronics, che ha sede in Austria, è leader mondiale nel campo degli impianti uditivi, con 29 filiali in tutto il mondo. L’azienda a conduzione familiare è una delle pioniere del settore. I due scienziati austriaci Ingeborg e Erwin Hochmair hanno sviluppato i primi impianti cocleari micro-elettronici multicanale del mondo nel 1977. L’impianto cocleare era e rimane la prima sostituzione di un senso umano, il senso dell’udito. Nel 1990 hanno posto le basi per la crescita della società quando hanno assunto i primi dipendenti. Ad oggi, l’azienda è cresciuta fino ad avere più di 1500 dipendenti in tutto il mondo . Foto fonte Wikipedia)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cannabis e terapia del dolore

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

droghePromossa da Advanced Algology Research, associazione per la ricerca scientifica senza scopo di lucro, si svolgerà sabato 4 ottobre, alle ore 15:00, presso l’Hotel Holiday Inn di Viale Vespucci a Rimini, la tavola rotonda, aperta alla cittadinanza, dal titolo “La Medicina del Dolore nel terzo millennio”, durante la quale verranno trattate tematiche di grande attualità, tra cui le applicazioni terapeutiche e la prescrivibilità dei farmaci cannabinoidi. È recente, infatti, la notizia dell’accordo siglato fra Ministero della Salute e della Difesa per l’avvio di un progetto pilota che consentirà la produzione di cannabis terapeutica, in linea con il nuovo disegno di legge che si prefigge di semplificare e agevolare il regime di produzione, importazione, prescrizione e dispensazione dei farmaci cannabinoidi.Ma a circolare è anche molta confusione e disinformazione, pertanto l’obiettivo dell’incontro del 4 ottobre è proprio quello di fare chiarezza grazie all’intervento di medici ed esperti che illustreranno l’utilità di questa particolare categoria di farmaci per tutti i pazienti affetti dalle diverse forme di dolore cronico. “L’utilizzo della cannabis, o degli oppioidi e di futuri principi attivi, può e deve implementare le possibilità terapeutiche della medicina del dolore”, dichiara il dottor Gilberto Pari, medico algologo, Presidente di Advanced Algology Research. “Il rischio è che si sollevi del ‘fumo’ sull’argomento per mascherare i tanti limiti che la cura del paziente affetto da sofferenza ancora presenta”.La tavola rotonda si inserisce all’interno del corso di approfondimento organizzato annualmente da Advanced Algology Research. L’evento, intitolato quest’anno “Aggiornamenti in Medicina del Dolore: Integrazioni ed Interazioni terapeutiche”, si svolgerà dal 2 al 4 ottobre, è accreditato ECM e chiamerà a raccolta medici e infermieri del Centro-Nord Italia, interessati alla tematica del dolore persistente e cronico.Le novità d’interesse per i tanti pazienti che soffrono – il 25% della popolazione – non finiscono qui. Per rispondere più adeguatamente alle esigenze di cura del territorio, infatti, nel 2015 a Rimini, in Via Montefeltro, verrà attivato un nuovo Poliambulatorio di Medicina del Dolore, che ambisce a diventare un vero e proprio punto di riferimento in tutto il riminese. Sarà caratterizzato da un approccio multidisciplinare e si occuperà delle diverse forme di sofferenza: dal dolore acuto (ad insorgenza improvvisa, come nelle patologie acute del rachide), a quello persistente tipico di una serie di patologie tra cui fibromialgia, osteoporosi, artrosi, artriti croniche. Verranno trattati anche i dolori neuropatici (neuropatie, dolore centrale, post–ictale, radiocolopatie, nevralgia del trigemino, nevralgie post-erpetiche). Tutte queste patologie necessitano di un servizio integrato e per tale motivo si è costituto un team multidisciplinare di specialisti per la diagnosi e la terapia delle diverse sindromi algiche.Un’ulteriore iniziativa che coinvolge i pazienti riminesi è quella della Fondazione per la Qualità di vita, ente senza fini di lucro il cui obiettivo è promuovere progetti che favoriscano l’assistenza sanitaria e/o riabilitativa gratuita nel campo della Medicina del Dolore. In collaborazione con Advanced Algology Research e Università di Siena, la Fondazione ha infatti avviato lo studio: “Alimentazione e dolore”, che intende valutare gli effetti della dieta sul dolore e sulla qualità di vita in pazienti affetti da mal di schiena (Low Back Pain). Recentemente sempre più attenzione è stata rivolta allo studio dell’interazione fra nutrizione e patologie croniche. Attraverso il cibo ogni individuo assume le sostanze indispensabili per il proprio metabolismo e le proprie funzioni vitali ed è ormai noto che una cattiva alimentazione sia uno dei fattori principali nell’insorgenza e nel mantenimento di svariate patologie (ipertensione, diabete, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, per citare gli esempi più conosciuti). Ad oggi esistono invece pochissimi dati sulla relazione fra cibo e dolore persistente e cronico. Lo scopo del progetto è proprio quello di verificare se la dieta regolarmente assunta dai pazienti sofferenti di mal di schiena sia equilibrata e se la sua semplice regolamentazione possa, e in quale misura, migliorarne la qualità di vita.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Connettività e convergenza rivoluzionano il mondo del business

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

Monte Carlo Bay Hotel & Resort di MontecarloL’aumento senza precedenti di connettività e convergenza sta cambiando il modo di fare business in tutti i settori. Di fatto, la contaminazione reciproca di tecnologie, idee e processi sta definendo e plasmando rapidamente un mercato – una volta pura illusione – da un trilione di dollari.
Per esplorare le immense opportunità e le grandi sfide collegate a un mercato in convergenza, Frost & Sullivan riunirà una rete globale di esperti per il suo evento annuale dedicato alla crescita, all’innovazione e alla leadership (GIL). L’evento si terrà il 30 ottobre al Monte Carlo Bay Hotel & Resort di Montecarlo, ed attirerà un ampio spettro di alti dirigenti di diversi settori. Il tema dell’evento è ‘Disrupt, Collapse & Transform’. Oltre alle presentazioni su città intelligenti e vita connessa, ci saranno sessioni interattive sulla convergenza industriale e sulle macro tendenze; la prospettiva a 360 gradi contestualizzerà i diversi modi in cui connettività e convergenza influenzeranno la prossima generazione di aziende. La giornata si chiuderà con la cena di gala di Frost & Sullivan per l’assegnazione dei premi per l’eccellenza nelle best practice, che riconosce le organizzazioni che si sono distinte nei vari settori per idee, servizi e soluzioni fortemente innovativi. Ad aggiungere lustro al gruppo già notevole di relatori ci sarà Jean Castellini, Ministro delle Finanze e dell’Economia del Principato di Monaco. Alcuni dei relatori esterni che condivideranno la propria prospettiva strategica includono Olivier Courtade, CEO di M2M Solutions; Erik Grab, Vice-Presidente per l’anticipazione strategica, l’innovazione e lo sviluppo sostenibile nel Gruppo Michelin; Martin Peronnet, CEO di Monaco Telecom; e Rodolphe de Beaufort di Alstom Grid, Marketing Director del gruppo Smart Grid. “Questo congresso di un giorno darà ai partecipanti un’opportunità unica di rinnovare la propria passione, alimentare la propria creatività e ottenere l’accesso alle best practice, agli strumenti e alle strategie che guideranno la crescita e ispireranno l’innovazione, – afferma Jan E. Kristiansen, Senior Partner e Global Head of Growth Consulting di Frost & Sullivan. – Con queste conoscenze, i partecipanti potranno valutare e rafforzare efficacemente le strategie della propria azienda e raggiungere nuovi livelli di successo.” Grazie alla presenza di relatori di alto profilo, delegati di aziende premiate, e altri invitati di eccellenza, GIL 2014: Monaco offre una piattaforma ideale per dedicarsi al networking con gli altri partecipanti e costruire relazioni commercialmente valide in tutti i settori.
La comunità globale GIL di Frost & Sullivan continua ad essere l’unica risorsa per il settore a sostegno degli amministratori delegati e dei team di management nelle loro decisioni critiche, fornendo strumenti che aiutano i leader dei vari settori industriali a raggiungere i tre obiettivi essenziali: crescita, innovazione e leadership. GIL 2014: Monaco offre agli amministratori delegati e ai loro team di crescita non solo la possibilità di partecipare alla conferenza GIL, ma anche di assistere in prima persona alla realizzazione di questi tre obiettivi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »