Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 15 ottobre 2014

Christie’s kicked off Frieze Week with the single owner evening auction of 43 works

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

christie'sLondon Christie’s kicked off Frieze Week with the single owner evening auction of 43 works from the Essl Collection, one of the most important private collections of Post-War and Contemporary Art in Europe. The selection of works by German masters Gerhard Richter, Sigmar Polke, Georg Baselitz and Martin Kippenberger as well as major works by international artists such as Cindy Sherman, Frank Stella, Louise Bourgeois and Morris Louis sold 91% by lot and totaled £46,861,500 / $75,306,431 / €59,420,382, establishing this carefully curated selection from the Essl Museum’s holdings of 7,000 works as the most successful single owner sale of Post-War and Contemporary Art ever held at Christie’s in London.Led by five major works by Sigmar Polke, arguably the greatest grouping of Polke works ever offered at auction, which realized £16,252,500 / € 20,608,170 / $26,117,770 (see single sold prices below), tonight’s sale saw strong bidding from international buyers resulting in half of the lots (49% / 21 lots) selling above estimate, many for double or even five times of their pre-sale estimate – like Aggregate (2004) by Anthony Gormley which sold for £1,258,500 / $2,022,410 / €1,595,778 against an estimate of £150,000-200,000. Also the works by the two Austrian artists, Maria Lassnig and Friedensreich Hundertwasser, which Karlheinz Essl expressly included in the sale selection as typifying his core collection, sold for prices above estimate: Friedensreich Hundertwasser’s Der 7. Bezirk / The 7th District (1966) selling for £266,500 / $428,266 against a pre-sale estimate of £150,000-200,000 and Maria Lassnig’s Zwei Maler, drei Leinwände / Two Painters, Three Canvases (1986) selling for £182,500 / $293,278 / €231,410, achieving the 2nd highest price for the artist at auction. Auction records were set for Bernd & Hilla Becher (Fördertürme England / English Mineheads, sold for £242,500 / $389,698 / €307,490) and a sculpture by Georg Baselitz (Meine neue Mütze / My New Hat, 2003, sold for £1,426,500 / $2,292,386 / €1,808,802).“Christie’s is delighted to secure the future of the Essl Museum with a very tightly curated selection of masterpieces of Post-War German Art, married with their American counterparts. In true museological fashion, they charted the evolution of art history since WW II. In a month of retrospectives of Anselm Kiefer and Sigmar Polke in London, it was great to see outstanding prices achieved for Polke and Baselitz, which confirmed the growing market confidence in German Post-War art” commented Francis Outred, Chairman & Head of Post-War & Contemporary Art, Christie’s EMERI.Christie’s series of sales during Frieze week continues with the evening auction of Post-War and Contemporary Art on 16 October 2014 at King Street. (Christie’s)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Illegal fisheries: green cards for five countries, but red card for Sri Lanka

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

illegal fishing activitiesIn its fight against illegal fishing activities worldwide, the European Commission has today proposed to ban imports of fisheries products from Sri Lanka to tackle the commercial benefits stemming from illegal fishing. The move comes after four years of intense dialogue with the country after which it could not demonstrate that it sufficiently addressed illegal, unreported and unregulated (IUU) fishing. In contrast, the Commission today confirmed that Belize, Fiji, Panama, Togo and Vanuatu, which had received warnings at the same time as Sri Lanka, have successfully taken measures to tackle illegal fishing. Consequently, the Commission proposes to lift the trade measures imposed in March this year against Belize.
European Commissioner for Maritime Affairs and Fisheries, Maria Damanaki, said: “Our policy of resolute cooperation is yielding results. Five countries receive today our appreciation for getting serious on illegal fishing. Unfortunately, I cannot say the same for Sri Lanka. I hope that the message we are sending today will be a wake-up call for this country.”
According to the Commission’s assessment, Sri Lanka has not sufficiently addressed the shortcomings in its fisheries control system identified in November 2012. The main weaknesses include shortcomings in the implementation of control measures, a lack of deterrent sanctions for the high seas fleet, as well as lacking compliance with international and regional fisheries rules.As a result, the Commission tables a ban on fisheries products caught by Sri Lankan vessels being imported into the EU. In order to avoid disrupting ongoing commercial contracts, the full trade measures will only come into force in mid-January 2015, which is three months after the decision is published in the EU’s Official Journal.
The Commission has today also proposed to remove Belize from the list of non-cooperating third countries in the fight against illegal fishing and to end the trade measures imposed against the country in March 2014. Belize has demonstrated its commitment to reforming its legal framework and adopting a new set of rules for inspection, control and monitoring of vessel. The Council will take a decision in this respect.In a similar vein, the Commission also announced the termination of steps against Belize, Fiji, Panama, Togo and Vanuatu who all received a formal warning in November 2012. The countries have taken concrete measures in addressing established shortcomings and shown commitment to complete structural reforms in order to address illegal fishing.The Commission has prolonged the cooperation with Korea, Curacao and Ghana until January 2015. Despite some progress achieved in these countries, which have received formal warnings in November 2013, more time is needed in these countries to make changes. Commissioner Damanaki said: “The improvements Belize made as regards its fisheries control system since its ‘red card’ show that the EU’s fight against illegal fishing works. The formalised cooperation with the EU has helped the country to move towards sustainable fisheries. The same goes for Fiji, Panama, Togo and Vanuatu. These countries’ positive attitude should serve as a template to other countries in similar situations.”

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rubbettino lancia il portale Biblioteca liberale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

Più libri più liberi 2010_Foto di Jacopo Pergameno_Courtesy AIE_Associazione Italiana Editori_PANORAMICA_E’ on line Biblioteca liberale http://www.bibliotecaliberale.it, il portale della Rubbettino editore dedicato al liberalismo. Un luogo di incontro, discussione, confronto e approfondimento del pensiero liberale. Grazie a un potente motore di ricerca powered by Google la piattaforma si configura come la più ricca risorsa on line in lingua italiana dedicata al liberalismo. È possibile non solo sfogliare la sezione del catalogo Rubbettino dedicata al liberalismo (più di 300 titoli, cartacei e ebook, che fanno di Rubbettino l’editore italiano più attento a questa tradizione culturale) ma soprattutto fare ricerche per parole chiave all’interno dei libri. Per questo motivo Biblioteca liberale è strumento di lavoro e di ricerca imprescindibile per chi si occupa di tematiche liberali. Vi sono infine due sezioni che mettono gratuitamente a disposizione del visitatore documenti testuali e video originali.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Week of the Italian Language in the World

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

world film locationsToronto Wednesday, October 22, 2014 – 6:30pm – 8:30pm Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St., Toronto Free admission. On the occasion of the publication of the book World Film Locations: Florence (Intellect Books), the Istituto Italiano di Cultura presents Reading the Cinematic City: World Film Locations Florence and Toronto, a panel with editor Alberto Zambenedetti and contributor Luca Somigli, Fiona Luck and Kevin Harrison, contributor and photographer to the World Film Locations: Toronto.
The panel will discuss the symbiotic relationship between the rise of filmmaking as an artistic and social practice and urbanization on a global scale, with particular emphasis on Florence and Toronto. These cities are the subject of two new volumes in the World Film Locations series published in the United Kingdom by Intellect Books and distributed worldwide. Written by leading scholars in the field of location studies, the series also includes books devoted to Venice and Rome. Each volume discusses how a specific urban fabric is used on film, how its representation changes in the hands of different directors, how genres influence its depiction, and how time changes both the cinematographic medium and its privileged set, the city.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifiuti elettronici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

rifiuti-elettroniciArrivano segnali positivi dopo tre anni di stallo nella raccolta dei rifiuti elettronici: sono aumentati i piccoli elettrodomestici riciclati. «In un quadro che è stanzialmente fermo, ci conforta il dato che ci arriva sulla raccolta di piccoli elettrodomestici, cellulari e pc non più funzionanti: più 10%», afferma Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight, consorzio nazionale RAEE che gestisce un terzo di tutti i piccoli elettrodomestici raccolti in Italia. «Questo è indice di una crescente sensibilità da parte dei cittadini che non gettano nel sacco dell’indifferenziata il vecchio aspirapolvere o il frullatore non funzionante, ma si assicurano che segua un corretto percorso di recupero affidandolo all’ecocentro comunale oppure portandolo in negozio».Nei primi nove mesi del 2014 la raccolta complessiva dei rifiuti elettronici si è attestata intorno alle 150mila tonnellate, poco al di sopra di quanto gestito nello stesso periodo dell’anno scorso. Sostanzialmente stabili i raggruppamenti R1 ed R2, ovvero frigoriferi e congelatori per il primo e forni, lavatrici e lavastoviglie per il secondo. In calo il raggruppamento R3, televisori e monitor: «Si sta esaurendo l’effetto digitale terrestre che ha portato al rinnovo degli apparecchi televisivi. Al posto dei pesanti televisori a tubo catodico, sono stati introdotti quelli a schermo piatto che oltre ad essere meno ingombranti pesano meno della metà dei precedenti», osserva Dezio. In crescita invece i RAEE più piccoli, ovvero quelli che appartengono al raggruppamento R4. «Ecolight ha registrato un incremento del 10% rispetto all’anno scorso, arrivando a gestire quasi a 11.500 tonnellate piccoli rifiuti elettronici», continua il direttore generale del consorzio. «Questa tipologia di rifiuti da sempre è quella più difficile da intercettare. Troppo spesso infatti cellulari, telecomandi, ma anche piccoli elettrodomestici per la cucina finiscono nel sacco della spazzatura indifferenziata quando non funzionano più. Come consorzio abbiamo investito molto per aumentare la sensibilità, progettando sistemi innovativi di raccolta».Ecolight ha infatti sviluppato dei cassonetti intelligenti per i piccoli RAEE che potessero rispondere alle esigenze dei cittadini-consumatori e di chi è chiamato a raccoglierli. Ricorda Dezio: «Nell’ambito del progetto europeo Identis WEEE, progetto inserito nel programma Life+, in collaborazione con il Gruppo Hera abbiamo studiato e dato vita ad una sperimentazione in Emilia Romagna che sta dando buoni frutti: in un anno sono state raccolte 24 tonnellate di piccoli RAEE. Inoltre, da questo progetto è nata una seconda iniziativa dedicata ai punti vendita con la realizzazione di cassonetti smart pensati per la raccolta di piccoli elettrodomestici e lampadine a risparmio energetico. I 10 cassonetti che sono stati posizionati a metà luglio in due mesi e mezzo hanno permesso la raccolta di oltre 2.200 pezzi tra vecchi cellulari, ferri da stiro e stampanti che non funzionano più, oltre a un centinaio di lampadine». Per quanto ancora parziali, i frutti sono positivi. Conclude il direttore di Ecolight: «La strada da fare è ancora molta, ma qualcosa si sta muovendo. Ecolight ha in programma il posizionamento di altri cassonetti intelligenti in prossimità di grandi punti vendita».
Ecolight – Costituito nel 2004, è uno dei maggiori sistemi collettivi per la gestione dei Raee, delle Pile e degli Accumulatori. Il consorzio Ecolight, che raccoglie oltre 1.500 aziende, è il secondo a livello nazionale per quantità di immesso e il primo per numero di consorziati. È stato inoltre il primo sistema collettivo in Italia ad avere le certificazioni di qualità ISO 9001 e ISO 14001. È punto di riferimento per la grande distribuzione (Gdo) e tratta tutte le tipologie di Raee. http://www.ecolight.it.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo psicoterapeuta: quando il cibo è espressione del nostro disagio diventa patologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

cibiE’ capitato a tutti di usare o di rifiutare il cibo perché si è arrabbiati, si vive un momento di stress, per aiutarci a superare una situazione difficile. E’ normale, ma quando questi comportamenti divengono abituali sorgono problemi seri. Lo psicoterapeuta Giovanni Porta, proprio in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione, ci spiega a cosa prestare attenzione in casa con noi stessi e con i nostri figli.“È difficile descrivere in maniera generale i fattori che facilitano l’insorgere dei disturbi del comportamento alimentare. – spiega – Il primo, e il più ampiamente analizzato, riguarda la famiglia di origine. Non a caso, il periodo di più frequente insorgenza di anoressia, bulimia e abbuffate incontrollate (binge eating) si situa in età adolescenziale, momento in cui il rapporto con la famiglia conosce una profonda trasformazione, che spesso mette in evidenza difficoltà di relazione preesistenti. Ci sono famiglie in cui ai figli viene a mancare il più necessario dei nutrimenti: l’amore. Questo può avvenire per ragioni che hanno a che fare con problematiche personali non risolte dai genitori e/o con esigenze di vita non controllabili. I figli sviluppano e si abituano a convivere con un profondo senso di solitudine, quasi una impossibilità a sentirsi visti e riconosciuti, e può capitare che alcuni cerchino di controllare in maniera ossessiva il proprio corpo per avere un illusorio senso di padronanza di fronte a una realtà verso la quale si sentono impotenti, o almeno incapaci di ottenere ciò che a loro interessa davvero”.Ma le difficoltà nel rapporto con la famiglia di origine, naturalmente, non sono l’unica causa scatenante.“L’adolescenza è un periodo estremamente delicato nella vita di una persona, – continua – durante il quale il corpo di ognuno subisce profonde trasformazioni e le relazioni si complicano. È il momento in cui per la prima volta si inizia ad avere a che fare con erotismo e sessualità, e il desiderio di piacere a potenziali partner diventa più pressante. Il cibo può essere il luogo dentro il quale nascondersi e con il quale consolarsi (come nel caso delle abbuffate incontrollate) oppure qualcosa da evitare con attenzione: un nemico che rovina la nostra bellezza. Inoltre, tutti sappiamo quanto sia elevata la paura del giudizio, in questa fase della vita. La difficoltà di adattarsi alle prime, a volte feroci forme di competizione tra coetanei, timidezza, problemi relazionali, difficoltà a convivere con la frustrazione, rigidità, scarsa autostima (con conseguente difficoltà ad essere soddisfatti del proprio aspetto) ecc. sono tutti fattori personali che possono facilitare l’insorgere di disturbi del comportamento alimentare. Alle volte si inizia per gioco, o come sperimentazione, e ci si trova poi ad avere a che fare con una vera e propria dipendenza.Come nelle dipendenze da sostanze psicotrope, una cattiva abitudine (dimagrire troppo, vomitare, oppure abbuffarsi) diviene un comportamento di cui non si riesce più a fare a meno. Diviene un modo “magico” per dominare emozioni troppo spiacevoli o per avere l’illusione di controllare situazioni che sfuggono di mano. Ma è una magia di cui prima o poi si paga un conto salato.È importante che i genitori che si accorgono dell’esistenza di forme di disagio nei propri figli e nelle proprie figlie non facciano finta di niente, ma trovino il modo di parlare con loro, senza condannarli ma anzi interessandosi ai loro vissuti, accompagnandoli magari verso un professionista con il quale valutare se iniziare un percorso d’aiuto. Il primo passo è rivolgersi a uno psicoterapeuta, o a un professionista della nutrizione (medico dietologo o nutrizionista). Meglio non aspettare che la situazione diventi di innegabile gravità per intervenire”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bisturi in fuga

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

sala operatoria1“Non è un paese per chirurghi” è l’esclamazione accorata del Professor Francesco Corcione, Presidente Eletto della SIC a Congresso a Roma “ormai formiamo risorse che cercano fortuna all’estero. Una lenta ma inarrestabile emorragia che presto mostrerà i suoi effetti”.
In Italia nel 2010 il numero di assunti di ruolo in chirurgia generale ha coperto solo il 10% del fabbisogno e il 20% nella chirurgia specialistica. Situazione analoga nei reparti dove nel 2011 mancavano all’appello 8800 medici che secondo alcune stime diventeranno 22mila nel 2018 e 34mila tra soli 10 anni .
“Le ragioni sono molteplici, da quelle personali e professionali a quelle organizzative” prosegue il Presidente Corcione “Le scuole di non riescono a riempire i posti a disposizione: negli ultimi anni abbiamo assistito ad un calo di iscrizioni del 30%. Diventare chirurgo non è più un sogno per i giovani medici: un laureato in medicina tra specializzazione e precariato inizia a guadagnare ben 10 anni dopo i suoi “colleghi” in ingegneria o giurisprudenza. Negli Stati Uniti il percorso formativo è più breve: 4 anni per la laurea, 5 di internato e 2 di specializzazione per diventare ‘chief resident’ (ce la fa uno su 10). Nel frattempo il giovane studente americano alla fine dei 7 anni trascorsi “sul campo” ha eseguito circa 2000 interventi con una rotazione obbligatoria nelle varie specialità”.
Uno specializzando italiano alla fine del suo processo formativo ha lavorato su cartelle cliniche, e interventi minori e si avvia una vita da “precario”. Per tacere il fatto che talora gli specializzandi vengono utilizzati per supplire alla carenza del personale di ruolo, esponendoli a rischi professionali. Questo perché vengono stipulati pochissimi contratti a tempo indeterminato (nel 2011 coprivano solo il 15% del fabbisogno) a causa di tagli, errate valutazioni del fabbisogno da parte delle Regioni e blocco dei contratti in quelle sottoposte al piano di rientro.
Anche a livello economico i medici e i chirurghi italiani non trovano vantaggi rispetto ai sacrifici richiesti: in Italia uno specializzando guadagna la metà di uno inglese, 1750 euro contro 2500 sterline, il quale ha anche la prospettiva di crescita importanti negli anni successivi e un medico della carriera che opera in un ospedale pubblico guadagna tra i 100 e i 250 mila euro l’anno.
Ricevere una denuncia nel corso della carriera è invece praticamente una certezza. Deve difendersi l’80% dei medici e 9 su 10 vengono assolti, il che dovrebbe suggerire che forse in Italia esiste una tendenza a tentare la denuncia nella speranza di un risarcimento.
“Un quadro già critico, il ‘paziente SSN’ è già in terapia intensiva, ma a farne le spese è sempre l’utente finale: tra 10 anni e con quasi 30mila medici in meno il sistema non sarà più in grado di rispondere alla domanda di assistenza, limiterà l’accesso alle cure e allungherà esponenzialmente le liste d’attesa. Il risultato? Entro 10 anni assisteremo ad un progressivo peggioramento della salute dei cittadini il che alimenterà a discapito delle fasce più fragili e povere come le famiglie con bambini, gli anziani, i soggetti con malattie croniche, le persone con bisogni speciali” conclude il chirurgo. Di questo passo tra 10 anni non avremo più chirurghi formati ed esperti e saremo costretti ad assumere chirurghi provenienti da paesi dell’est o dei paesi in via di sviluppo con conseguenze facilmente immaginabili”.
E mentre gli uomini abbandonano il bisturi sul tavolo operatorio e prendono valigia e passaporto emerge un piccolo esercito di “chirurghi in rosa”: in 10 anni infatti, le donne iscritte alle scuole di specializzazione in chirurgia sono aumentate dall’8 (2001) al 50% (2010). (fonte: Federspecializzandi)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezioni ospedaliere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

infezioni ospedaliereSi chiamano ‘riammissioni’ e sono il fenomeno per il quale un paziente torna in ospedale entro 30 giorni dal primo ricovero. Rappresentano, insieme alla mortalità, uno dei parametri di efficienza di un reparto e di un nosocomio e in Italia interessa il tra il 9% (dati ISS) e il 15% (*) dei pazienti ricoverati, mentre la necessità di tornare in ospedale o in sala operatoria dopo la chirurgia coinvolge il 4% dei pazienti. Circa 16mila casi l’anno, le cui cause sono correlate all’intervento come emorragie, infezioni locali o sistemiche, interventi massivi o a cielo aperto, tempi di degenza troppo contratti, dovuti alla necessità di ottimizzare le spese.
“L’hanno chiamata ‘Sindrome da porta girevole’ e ne sono particolarmente a rischio gli anziani” spiega il Professor Francesco Corcione, Presidente Eletto della SIC a Congresso a Roma sino al 15 ottobre “un recente studio effettuato su 2milioni e 400mila pazienti americani da Keith Kocher dell’University of Michigan School of Medicine e pubblicato su Lancet ha riscontrato come quasi un paziente anziano su 5 torni al Pronto Soccorso dopo un intervento chirurgico: il 17,3% una volta e il 4,4% più volte nei 30 giorni successivi. L’analisi è stata effettuata su pazienti con più di 65 anni sottoposti ai sei interventi chirurgici più comuni negli Usa: angioplastica, bypass coronarico, aneurisma addominale, frattura di anca, neurochirurgia per la schiena e resezioni del colon per cause oncologiche operati nell’ambito del servizio Medicare che assiste gli over65 ”. “Diminuire questi numeri è possibile” prosegue il Professor Corcione “si è visto che il tasso di complicanze dopo un intervento alla colecisti eseguito in laparoscopia e quindi con tecniche mini-invasive è sceso dal 2,28% del 2010 al 1,52% nel 2012 (dati Programma Nazionale Esiti dell’Agenas 2013 che ha valutato gli indici di outcome di 1400 ospedali pubblici e privati). La chirurgia in questo senso conferma la sua eccellenza e l’alto livello di assistenza”.
Studi internazionali come quelli di Vashi (JAMA. 2013 Jan 23;309(4):364-71) e Jencks (N Engl J Med 2009; 360:1418-1428) hanno stimato un tasso medio di riammissioni tra il 12 e 18% (1 paziente su 6) con un costo di 7500 dollari a paziente che potrebbe essere evitato in una percentuale di casi che varia tra il 20 e il 40%. Come? Migliorando la qualità delle cure e soprattutto con una più efficace gestione della dimissione del paziente, con istruzioni più chiare e un dialogo con la medicina di territorio. La gestione della dimissione dal setting ospedaliero deve quindi essere ottimizzata per facilitare la presa in carico del malato da parte dell’assistenza territoriale, che a questo punto sostituirebbe l’ospedale nell’assumere il ruolo di riferimento principale per il paziente e i suoi eventuali (ulteriori) bisogni di cura. “Un paziente chirurgico è comunque più fragile, ha modificato le proprie abitudini, è stato allettato, ha ricevuto farmaci e altri medicamenti che possono alterare le condizioni fisiche e cognitive che aprono la strada ad una nuova patologia o a un malessere che non si esaurisce con la convalescenza e che necessita di ulteriori cure”.Sono stati identificati diversi fattori su cui intervenire: check list scrupolose, tecniche chirurgiche impeccabili e standardizzate, uso di strumenti avanzati in sala operatorie per il controllo delle complicanze, selezione dei pazienti da trattenere in Terapia Intensiva, tutto questo rende la chirurgia più sicura. Un importante studio pubblicato su Lancet (9847, 22 settembre 2012) sulla mortalità post-chirurgica per tutti gli interventi non cardiaci eseguito su un campione di 498 ospedali in 28 paesi europei, ha sottolineato come 1 o 2 giorni di degenza in Terapia Intensiva possano evitare ben il 43% dei decessi, ma l’utilizzo di questa struttura è talora condizionato dai livelli di spesa sanitaria delle singole realtà locali.Sempre meno invece le infezioni del sito chirurgico (ISC) tenute sotto controllo grazie alla accurata profilassi preoperatoria. A questo proposito durante il Congresso si terrà una relazione proprio sulla Negative Pressure Wound Therapy, un sistema per trattare le infezioni in siti potenzialmente contaminati o in pazienti particolare come quelli obesi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come compilare un curriculum

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

Curriculum-vitaeSempre più spesso si sente parlare di fuga di cervelli all’estero o di professionisti che, stanchi del mercato italiano, decidono di affrontare una nuova avventura professionale in un paese straniero. “Se si sta considerando un trasferimento all’estero per dare una svolta alla propria carriera è importante tenere presente che il formato, la struttura, la formattazione e i contenuti di un CV variano sensibilmente da Paese a Paese – spiega Carlos Manuel Soave, Managing Director Hays Italia – Così come ogni curriculum e ogni lettera di presentazione necessita di alcuni piccoli accorgimenti, in funzione del ruolo o alla società per cui ci si sta candidando, allo stesso modo è importante modificare il proprio CV in base al Paese in cui ci si vorrebbe trasferire”.
Un curriculum in linea con le aspettative della Nazione a cui ci si sta rivolgendo è, infatti, la prima occasione che un candidato ha per dimostrare non solo di avere grande spirito di adattamento, ma anche di aver compreso appieno quali sono i principali meccanismi che caratterizzano il nuovo – papabile – ambiente lavorativo. Ecco alcune piccole accortezze da seguire secondo gli esperti Hays: Resume o CV?: qual è la differenza? In molte Nazioni Resume o CV sono due parole assolutamente intercambiabili, anche se, in Nord America con il termine CV si intende esclusivamente un documento scritto da un ricercatore, un educatore o un accademico.
Lunghezza: varia notevolmente nelle diverse Nazioni. Nel Regno Unito, per esempio, un CV di una o due pagine è considerato appropriato, mentre in Nord America, non è mai superiore ad una singola pagina. In Russia, al contrario, un CV standard contiene un’ampissima quantità di informazioni ed esperienze lavorative altamente dettagliate, come in Grecia, dove si possono trovare curriculum lunghi fino a 5 pagine.
Fotografie: quando si fa domanda per un lavoro nel Regno Unito o nel Nord America, non è necessario allegare alcuna fotografia al proprio CV. Questo perché i datori di lavoro cercano in ogni modo di non contravvenire alle numerose leggi contro la discriminazione. La situazione è diversa, invece, in Germania, Francia e in molti Paesi asiatici, dove uno scatto del primo piano del candidato è invece molto apprezzato.
Educazione: indipendentemente dal Paese in cui si vorrebbe lavorare, è bene che il percorso di studi intrapreso sia chiaro e ben delineato, anche se il livello di dettagli richiesti può variare. Per esempio, in Cina è bene porre l’enfasi più sui titoli di studio ottenuti, piuttosto che sulle l’esperienze o le competenze acquisite.
Hobby e interessi personali: la sezione del CV dedicata agli “Interessi personali” è un altro importante strumento a disposizione dei candidati. Hobby vicini al paese o all’azienda in cui si vuole lavorare possono, a volte, fare la differenza.
Tono: In Nord America, le aziende esigono che dal CV emerga una chiara dimostrazione della forza del candidato, delle sue ambizioni, dei suoi traguardi e obiettivi. Il tono deve essere quindi battagliero e fiero. In Cina, invece, il tono dovrebbe essere molto più modesto, evitando qualsiasi tipo di ostentazione o vanteria.
Lingua: se ci si sta candidando per ricoprire in una posizione in una multinazionale, , il minimo che ci si aspetta dal candidato è di parlare correttamente il linguaggio del paese in cui l’azienda ha sede e il linguaggio degli affari (solitamente l’inglese o in alternativa la lingua del paese in cui ha sede il quartier generale aziendale). Il CV andrà redatto in entrambe le lingue.
Come inviare il proprio CV: Internet e il livello tecnologico è un elemento che varia (e di molto) nelle diverse Nazioni: è bene, quindi, assicurarsi di salvare il CV in un formato ampiamente riconosciuto – come Microsoft Word o in PDF – e inviarlo come allegato ad una e-mail. (foto carlos)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »