Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 16 ottobre 2014

Fronteggiare l’ebola a livello mondiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 ottobre 2014

virus-ebolaLa gestione dell’epidemia da virus Ebola necessita la massima collaborazione tra gli Stati e una chiara leadership che fino ad ora l’Organizzazione Mondiale della Sanità non è stata in grado di realizzare. Le epidemie sono come un incendio: si possono controllare quando è sono un fuocherello, mentre quando divampano è quasi impossibile spegnerle, poiché i numeri salgono in modo esponenziale. L’epidemia in Liberia, Guinea e Sierra Leone avrebbe dovuto esser controllata agli esordi o almeno si sarebbe dovuto fare tutto il possibile per evitare la diffusione del contagio in occasione della comparsa dei primi casi. In mancanza di vaccini e terapie efficaci, l’umanità affronta oggi l’epidemia da virus Ebola con gli stessi mezzi con cui affrontava la peste nei secoli passati, con la differenza che il contagio si diffonde ora non più con le navi, ma con il mezzo aereo. E’ molto probabile che il contagio si estenda a breve ad altri paesi africani, rendendone sempre più difficile il controllo. Una misura efficace potrebbe essere la realizzazione di un cordone sanitario per i tre paesi colpiti impedendo qualsiasi volo da quei paesi, ma tale misura provocherebbe certamente panico e forse reazioni violente da parte degli abitanti di quei paesi. Lasciando aperte le frontiere, è inevitabile che tutti gli Stati si trovino ad affrontare prima o poi la gestione di nuovi casi anche- come si è visto- a migliaia di chilometri di distanza. Come per le epidemie del passato, in particolare la peste, si dovranno affrontare paure ingiustificate, comportamernti irrazionali, fughe di sanitari, panico. E’ dunque molto importante che la gestione dell’epidemia possa contare su una leadership autorevole, scelta dalle Nazioni Unite. Mentre l’European CDC con sede a Stoccolma ha mostrato chiari limiti, la CDC di Atlanta, organismo governativo degli Stati Uniti creato nel 1948 dimostra molta più autorevolezza pur avendo subito negli ultimi giorni una perdita di credibilità nell’incapacità di garantire la sicurezza degli operatori sanitari che hanno affrontato il caso zero degli Stati Uniti, posto che l’infermiera ammalata abbia seguito scrupolosamente i protocolli indicati. Evidenti sono apparsi altresì i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che, nella gestione della cinese Chan, aveva già manifestato grave carenze in occasione della gestione della pandemia influenzale da virus H1N1. (Dr Walter Pasini Direttore Centro Travel Medicine and Global Health)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salute e immigrazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 ottobre 2014

immigrati“Mentre imperversano notizie incontrollate sulla presunta diffusione del virus Ebola in Europa, i pericoli concreti di malattie infettive passano in secondo piano, tra l’impotenza, l’indifferenza e l’incapacità delle istituzioni che dovrebbero assicurare la tutela della salute dei cittadini”. Lo afferma il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, che aggiunge: “Ci è giunta notizia che dieci giorni fa, l’ufficio immigrazione di Roma Tor Sapienza, in via Teofilo Patini, nei pressi del campo nomadi di via Salviati, sarebbe rimasto chiuso ben quattro giorni per disinfestazione straordinaria. Vorremmo sapere, a tale proposito, dalla Asl Roma B, competente per territorio, se corrisponda al vero la notizia che 150 immigrati clandestini sono risultati affetti da scabbia. Non è nostra intenzione sollevare un clima da caccia alle streghe – precisa Maritato – ma la salute dei romani va tutelata e non è certo con le omissioni che si può andare avanti in una situazione tanto delicata. I cittadini sono esasperati, per questo a Tor Sapienza sono scesi in piazza, per manifestare tutto il proprio sdegno. Tra roghi improvvisi e pericolosi, provenienti dal campo nomadi di via Salviati, minacce di ogni tipo cui sono sottoposti gli abitanti del quartiere e il pericolo della diffusione delle cosiddette ‘malattie della povertà’, la situazione è diventata insostenibile ma il sindaco Marino – massima autorità sanitaria cittadina – è sempre più evanescente mentre il presidente Zingaretti e i suoi collaboratori, non fanno altro che ripetere che la sanità è cambiata e la salute dei cittadini migliora”, conclude Maritato.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fundraisers challenged to make more effective use of storytelling tools

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 ottobre 2014

storytellingFundraisers around the world were challenged today to consider whether they were making the most effective use of the storytelling tools available to them, specifically photography and digital. The challenge was made during the opening plenary at the International Fundraising Congress (IFC), hosted by the Resource Alliance.
With a nod towards the fact many charities do not invest adequately in photography, Keith Jenkins of National Geographic highlighted how photography is consistently used to inspire people and companies to take action, to give money and to change their behaviour.He said: “The power of the still image is something we can all harness. But it’s not the photo alone that counts. It’s what you do with it and who you engage with it that makes it powerful. I challenge you to think about how you view investment in your mission and in your ability to inspire. Embrace the power of visual storytelling and photography in the work you do. Tell stories that matter, and inspire your organisations and the people they serve to change the world.”Beth Kanter of Networked Nonprofit focused on the impact of tools such as Twitter and Facebook. Highlighting how many people often suggest ‘slacktivism’ results in fewer donations, she said: “Should we be criticising charity slackers? No. I’ll tell you why. I had the opportunity to work with a fairly large data set of 33,000 survey respondents that asked lots of questions about donation motivation triggers and habits, and social media activity. If this slacktivist theory is true we would expect to see an inverse relationship between social media and levels of donations, but there wasn’t one. Instead what it showed is that social media is an opportunity for charities to find new donors, to keep them within their networks and to encourage them to donate.”Finally, delegates heard from Ben Rattray of change.org who said that online is a hugely powerful tool – if it is properly invested in. He said: “If you still think that online activism doesn’t work you’re not paying attention. We have connected 30 million people to good causes. We don’t just raise awareness, we create change. However, one barrier to success is resource. Many organisations build a website and then sit back and wait for people to flood to the site. When they don’t, they say online isn’t working. But you wouldn’t print thousands of direct mail packs and then leave them in a doorway for people to pick up. So why do the same for online? You need to properly invest in it.”He added: “Online activism matters because there is an immense power to enable every day citizens. But the frank reality is that it is it much more powerful when institutions with expertise join forces with these individuals. That is where the most powerful mix lies.”Kyla Shawyer, interim chief executive of the Resource Alliance, said: “Some of the world’s best fundraisers attend the IFC, who are responsible for raising billions of pounds for good causes every year. Inspiring individuals to give is just part of their role – they also need to connect people to other people so that they can extend the power to make a difference beyond their own networks and into the lives of others. Here at the IFC we aim to give fundraisers the skills and knowledge to achieve this.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Best international fundraisers announced

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 ottobre 2014

perth australiaCelebrations marking outstanding fundraising took place last night at the Global Awards for Fundraising ceremony, hosted by the Resource Alliance at their 35th International Fundraising Congress (IFC). Winners were from Australia, Denmark and Italy.The Global Awards for Fundraising commend excellence and inspirational fundraising in organisations and individuals in three categories:This category awards a prize to a small or medium organisation that have implemented a successful new fundraising idea or stream of revenue on a small budget in the past 12 – 24 months. The award went to the Ronald McDonald House Stronger Together campaign, to build a new Ronald McDonald House in Perth, Western Australia, which will provide a sanctuary of comfort for families of seriously ill children. The campaign raised over AUS$22 million in total pledges from the community, trust and foundations, corporates, individuals and government.
Shortlisted: Cancer Care West for The Road to Inis Aoibhin – Donegal to Galway 240k cycle (Ireland); CRIS Cancer Foundation for Works that Value Lives (Spain)
This category recognises organisations for a fundraising campaign which displays innovation and opportunity for replication during the last 12 – 24 months. The prize went to DanChurchAid for its Give Malawi a Lifeline campaign, held in collaboration with Bilka, a Danish chain of department stores. The goal of raising kr6.5 in three years to renovate two health centres for pregnant women and young children was reached after only four months, prompting an expansion of the project with a new goal to raise a further kr20m to support eight health centres. So far, they have reached kr16.1m.Shortlisted: Microfinance and Community Development Institute (MACDI) for the Investors and Successful Biogas Microfinance Businesswomen (Vietnam); Peter MacCallum Cancer Foundation for its Premium Acquisition campaign, May 2013 (Australia)
This category recognises an individual with five years’ fundraising experience who demonstrates exemplary fundraising success over a sustained period of two years or more. The award was presented to Stefano Malfatti, Head of Fundraising at Fondazione Don Gnocci ONLUS, for his energetic approach to fundraising and recent success with the foundation which specialises in rehabilitation and care for a variety of people with complex needs. Stefano has developed major initiatives and has doubled the amount of bequests. In the last five years, money gifted in wills to the foundation has exceeded €20m. Shortlisted: Johann Fox, Children’s Medical & Research Foundation (Ireland); Luis Fernando Donadio, Oswaldo Cruz Foundation, Fiocruz (Brazil)
Kyla Shawyer commented “The Resource Alliance is proud to celebrate the outstanding achievements of all winners as well as those shortlisted, and we wish them all congratulations on their successes in the charity sector. The Global Fundraising Awards is an internationally diverse event indeed, with entrants from all over the world. The awards showcase the best ideas in fundraising and also serve as a framework for fundraisers to both inspire and be inspired by these innovative ideas.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Tutto in una notte”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 ottobre 2014

bolognaE’ il suggestivo titolo del Congresso FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti) Giovani Emilia Romagna che si è svolto a Bologna il 10 ottobre 2014, dedicato alle situazioni che un giovane medico può trovarsi ad affrontare durante un turno di notte di guardia.
Il primo degli argomenti discussi durante il Congresso è la necessità di utilizzare una terapia anticoagulante nel caso di una trombosi venosa profonda, situazione assai frequente, potenzialmente molto impegnativa perché può mettere a repentaglio la vita di una persona.La trombosi venosa profonda è la formazione di un coagulo di sangue all’interno di una vena profonda del corpo, che causa un’ostruzione parziale o completa al flusso del sangue. La complicanza più temuta di questa condizione è l’embolia polmonare, un’evenienza che si verifica quando un frammento di trombo si stacca e passa in circolo, per andarsi a fermare a livello delle arterie polmonari.
La trombosi venosa profonda ha un’incidenza annuale di oltre 800.000 casi ed è responsabile di circa 100.000 morti/anno per embolia polmonare associata.“Da qualche tempo il medico ha uno strumento in più nel proprio arsenale terapeutico, rappresentato dai Nuovi Anticoagulanti Orali – NAO, in particolare, rivaroxaban, che è l’unico di questa categoria farmacologica ad essere attualmente registrato e utilizzato in Italia con questa indicazione – dichiara il Dottor Giovanni Iosa, Presidente di FADOI Emilia Romagna e Direttore di una delle Unità Operative di Medicina Interna dell’AUSL della Romagna – La terapia tradizionale, che prevede la somministrazione di eparina a basso peso molecolare, con modalità iniettiva sottocutanea, 2 volte al giorno, e, a seguire, un altro anticoagulante per via orale (antagonista della vitamina K) viene, così, sostituita con risultati equivalenti da un’unica terapia orale molto maneggevole (2 compresse al giorno per tre settimane e poi, in seguito, una sola). Il trattamento con rivaroxaban – continua il dottor Iosa – ha i vantaggi di un approccio terapeutico con un unico farmaco orale, senza necessità di dover praticare iniezioni o dover effettuare un monitoraggio continuo dei parametri di coagulazione, come con gli antagonisti della vitamina K. Si tratta di una novità assolutamente rilevante, che vanta un’esperienza oramai avanzata, che sta entrando a tutti gli effetti nella pratica clinica quotidiana.”“Ad oggi il farmaco, che oltre la trombosi venosa profonda prevede un’altra importante indicazione quale la prevenzione dell’ictus in pazienti affetti da Fibrillazione Atriale da assumersi in monosomministrazione giornaliera, è prescrivibile solo da un numero ristretto di specialisti, autorizzati dalle singole Aziende Ospedaliere, che sono gli unici abilitati alla prescrizione – aggiunge il dottor Iosa – Prescrizione che presuppone la compilazione per via telematica di un piano terapeutico, ossia un modulo che contiene le indicazioni e le modalità di trattamento. Per quanto riguarda la nostra Regione si deve fare riferimento al portale unificato per la Regione Emilia Romagna dei Servizi Sanitari”.Il Congresso ha, inoltre, affrontato il tema delle forme di trombosi superficiali, complicanza di una patologia molto frequente, soprattutto nella popolazione femminile, quali l’insufficienza venosa.
“Si tratta di un quadro molto meno grave della forma profonda – conclude il dottor Iosa – In questo caso il trattamento prevede la somministrazione di eparina per via sottocutanea per un periodo breve (4-5 settimane)”.
Medtronic ha annunciato il lancio in Italia di CoreValve Evolut R, l’innovativo sistema per la sostituzione transcatetere della valvola cardiaca (TAVI: Transcatheter aortic valve implantation), destinato ai pazienti con stenosi aortica severa. Il nuovo dispositivo è auto-espandibile e ha ottenuto ad Agosto di quest’anno il marchio di Conformità Europea (CE). L’innovazione, ora disponibile con questa valvola, consiste in un miglioramento delle prestazioni e soprattutto in una maggior facilità d’inserimento. La valvola transcatetere di Medtronic è ora completamente ricatturabile (la valvola può essere reinserita nel catetere) e riposizionabile (la valvola può essere spostata al di sopra o al di sotto della sua collocazione iniziale) durante la fase d’inserimento.”Il sistema CoreValve Evolut R rappresenta il progresso della TAVI, una tecnologia ben collaudata”, ha dichiarato la Professoressa Sonia Petronio, Responsabile della Sezione Dipartimentale di Emodinamica della AOUP Cisanello di Pisa “Le nuove caratteristiche di ricatturabilità del dispositivo e il miglioramento del sistema di rilascio della valvola, assicurano agli specialisti una maggiore sicurezza nella fase procedurale. La possibilità di ricollocare la valvola in una posizione migliore rappresenta un vantaggio significativo nella fase di impianto. L’intervento, che abbiamo appena realizzato a Pisa con questa tecnologia, si è concluso con successo e con la massima soddisfazione del team da me diretto.”La nuova tecnologia, che consiste nella valvola aortica transcatetere CoreValve Evolut R e nel nuovo catetere, è stata progettata per essere impiantata in maniera accurata ed efficace al primo tentativo. Inoltre il sistema è dotato di una speciale guaina che, grazie al suo profilo pari a 14 Fr, è il più sottile attualmente disponibile e consente così di ridurre al minimo il rischio di gravi complicanze vascolari.“CoreValve Evolut R rappresenta l’evoluzione di Corevalve, il sistema per la sostituzione transcatetere della valvola cardiaca con cui sono stati realizzati più di 65.000 impianti nel mondo.” ha dichiarato il dottor Arturo Giordano, responsabile del Reparto di Interventistica Cardiovascolare del Presidio Ospedaliero Pineta Grande di Castelvolturno. “La procedura, che viene effettuata per via percutanea mediante una piccola incisione, prevede l’immediato impianto di una nuova valvola biologica, caricata in un catetere e rilasciata al livello della valvola malata. A Castelvolturno abbiamo appena realizzato un impianto su un paziente che ha confermato le caratteristiche innovative di questa tecnologia.”CoreValve, valvola aortica impiantabile per via transcatetere(attraverso un accesso arterioso o attraverso aorta ascendente) prodotta da Medtronic, è stata progettata per sostituire la valvola aortica nativa in pazienti giudicati ad alto rischio o inoperabili senza la necessità di un intervento chirurgico a cuore aperto e senza la concomitante rimozione della valvola malata. La valvola aortica è una valvola unidirezionale che permette il flusso del sangue dal cuore a tutto l’organismo. La stenosi valvolare aortica (AS), patologia di origine degenerativa causata dalla calcificazione dei tessuti in seguito all’invecchiamento, è una delle malattie più comuni delle valvole cardiache.In Italia ne soffrono il 12,4% degli over 75enni, di cui il 3,4% ha una stenosi classificabile come severa. Le conseguenze di questa malattia sono molto pericolose con il decesso della metà dei pazienti con stenosi valvolare aortica severa entro due anni dalla diagnosi se non ricevono un trattamento in grado di procurare un significativo miglioramento dei sintomi.I trattamenti attualmente disponibili sono la terapia medica, la valvuloplastica, la sostituzione chirurgica della valvola aortica (AVR) tradizionale o mini-invasiva, con valvola tradizionale o sutureless, e l’impianto di una valvola aortica per via transcatetere (TAVI). Tra questi, in realtà, solo la sostituzione della valvola ha dimostrato di essere una cura efficace e duratura: non ci sono infatti farmaci che abbiano dimostrato di prevenire o ritardare la progressione della malattia e di aumentare la sopravvivenza. Anche la valvuloplastica è usata sempre più raramente a causa della assenza di efficacia a lungo termine e l’assenza di benefici in termini di sopravvivenza. I pazienti che vengono sottoposti a sostituzione chirurgica della valvola hanno invece una maggiore aspettativa di vita rispetto ai pazienti in trattamento medico e per questo motivo l’intervento chirurgico è considerato il gold standard nel trattamento della stenosi aortica severa. Purtroppo gran parte della popolazione con AS non può ricevere un trattamento chirurgico a causa del rischio operatorio ritenuto troppo elevato e, di conseguenza, ha una minore aspettativa di vita.Una nuova soluzione meno invasiva come l’impianto transcatetere della valvola (TAVI) offre ai pazienti ad alto rischio la possibilità di ottenere una maggiore aspettativa di vita e una migliore qualità di vita rispetto alla terapia medica.In Italia, considerando soltanto la popolazione di età superiore ai 75 anni, è possibile stimare che circa 30.000 pazienti siano trattabili con TAVI.Ad oggi le evidenze cliniche a supporto della TAVI sono ricche e robuste. Un recente studio, presentato alla conferenza Transcatheter Cardiovascular Therapeutics (TCT) 2014 di Washington, condotto su 350 pazienti per due anni, ha dimostrato che il trattamento di sostituzione della valvola cardiaca TAVI con CoreValve ha raggiunto un tasso di sopravvivenza eccezionale per quei pazienti che, senza trattamento, avrebbero una probabilità di morte del 50% in due anni ma nello stesso tempo considerati troppo malati e fragili per poter subire un intervento tradizionale open di sostituzione della valvola cardiaca. Inoltre, in questa analisi, i pazienti trattati con intervento TAVI hanno utilizzato meno risorse sanitarie in termini di tempi procedurali, utilizzo di terapie intensive, tempi di ospedalizzazione e servizi di riabilitazione.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »