Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 17 ottobre 2014

Ready, set, go! Eight ladies and 14 gentlemen are prepared to take to the water and determine the season’s best cliff divers

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

divingThe stages for the final showdown of the 2014 World Series have been set at 20m and 27m at the ‘Blue Cenote’ Ik Kil, a natural phenomenon which looks like an imaginary place with root-covered walls, crystal-clear waters, lush green vegetation and wildlife. The first-ever female World Series champion will be confirmed, as well as the ‘brilliant Brit’ Gary Hunt who will be crowned overall winner after securing the title at the penultimate stop. Competition among the men remains high, particularly for one of the coveted top-five places and a guaranteed spot for next season. After a long season of sensational diving, vital ranking points are still up for grabs and the final showdown on the Yucatán Peninsula will provide cliff diving at its most majestic.“It’s been a wicked year and it’ll be a pleasure to dive in Mexico knowing the title is already secured,” says Gary Hunt (910pts), with a hat-trick of wins to his name already in 2014. Besides the top spot, nothing has yet been determined. Defending champion Artem Silchenko (680pts), from Russia, moved up in the overall rankings from 5th to the position of runner-up by winning the competition in Bilbao, ahead of America’s Steven LoBue (660pts) who is in third place. The season of 85kph dives comes down to the wire and with only the top five of the overall standings qualifying automatically for next year, the fight is tight. England’s Blake Aldridge holds fifth, but Jonathan Paredes is nipping at his heels and is only 10 points behind (540pts), in sixth, before stop number 7 on home soil.In the Women’s World Series, it’s Texan Rachelle Simpson coming to Mexico as the leader of the standings. After two straight wins from 20m, she is 80 points ahead of six-time European cliff diving champion Anna Bader, from Germany. The third spot in the women’s standings is currently shared by Americans Ginger Leigh Huber and Tara Hyer-Tira, as well as Mexican Adriana Jimenez (200pts). As the top-four divers from the first Women’s World Series are automatically qualified for the 2015 series, Cesilie Carlton (180pts), the FINA high diving world champion, is still in the running for automatic qualification.The high diving elite returns to this awe-inspiring cenote close to the archaeological site of Chichen Itza in the heart of the Yucatán Peninsula, where the trophy for the best of the best will be awarded to both the male and female champions. On October 17, at 10am local time, the ladies will compete from 20m, a day later the men’s competition from 27m starts at 11.30am. Who will confirm their place in the Red Bull Cliff Diving World Series 2015?
It’s pure, it’s fast and it takes your breath away. Cliff divers leap aesthetically from almost three times the Olympic height and hit the water at speeds of 85kph, protected only by their concentration, skill and physical control. Since 2009, the Red Bull Cliff Diving World Series has featured the biggest talents, the most promising newcomers, and since 2013 has also provided a platform for women. Seven tough competitions for the men, three challenges for the women – in its sixth season this jaw-dropping sport will hit new as well as proven ground in the Caribbean, North and Latin America and Europe between May and October to determine a new champion for both men and women. Maurice Lacroix is the official watch partner of the 2014 Red Bull Cliff Diving World Series. (diving)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New Chair of the Resource Alliance announced

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

londonThe Resource Alliance is delighted to announce that Vicky Annis has been appointed as its new chair of trustees, replacing Jan Krol who has come to the end of his term.Vicky has more than 25 years’ experience in civil society organisations, including the NHS, local and central government, Trinity College London and Merlin. She is currently the director of finance and corporate resources at England Netball. She is a Fellow of the Association of Chartered Certified Accountants and a graduate of the Institute of Chartered Secretaries and Administrators. She has been a trustee and treasurer of the Resource Alliance since 2009.Speaking today from the Resource Alliance’s International Fundraising Congress in The Netherlands, Vicky said: “It is an absolute honour to be appointed Chair of the Resource Alliance. With a new strategy on the horizon, it is an exciting time for us as an organisation and I am looking forward to supporting the team in delivering even more of an impact for our extensive global network of fundraisers.”
Kyla Shawyer, interim chief executive at the Resource Alliance said: “We are delighted that Vicky has been appointed as chair. Her knowledge and expertise will have a vital role to play in helping the Resource Alliance continue to build fundraising skills, capacity and sustainability around the world. We would also like to thank Jan Krol for his inspirational leadership and guidance, which has been critical in enabling us to strengthen our impact and make a real and lasting difference to the organisations and individuals we work with.”

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs to debate counter-terrorism policies with UN’s Jean-Paul Laborde

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

terroristiThe external and internal aspects of policies for combatting terrorism, radicalisation and the rising phenomenon of “foreign fighters” will be the focus of a debate between Foreign Affairs and Civil Liberties, Justice and Home Affairs committees and Jean-Paul Laborde, Executive Director of the UN Counter-Terrorism Executive Directorate (CTED).

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoporosi: stop alla fratture

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

osteoporosiIn occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, il Prof. Giovanni Minisola, esperto di Osteoporosi e Direttore della Divisione di Reumatologia dell’Ospedale di Alta Specializzazione “San Camillo” di Roma, lancia un appello a tutta la popolazione femminile del Lazio, dai 50 anni in poi, affinché non vengano sottovalutati sintomi, come il dolore nei tratti dorsale e lombare della colonna, che possono essere dipendenti da fratture per fragilità ossea causata dall’osteoporosi severa, la cui incidenza è molto più comune di quanto si pensi.
La ricerca ha fornito un interessante spaccato relativo alla popolazione femminile del Lazio, da cui è emerso, ad esempio, che a fronte di una generale conoscenza della patologia (8 donne su 10), l’osteoporosi è però ritenuta grave soprattutto da chi soffre personalmente di fratture ricorrenti e dalle donne anziane (tra i 70 e i 79 anni). Assolutamente sottovalutati, invece, i rischi dovuti alla fragilità ossea a seguito di una caduta, che si accetta come una conseguenza dell’età e con un atteggiamento quasi di rassegnazione. Parlando di fattori di rischio, le donne del Lazio indicano l’essere andate in menopausa precoce come il principale, ma ritengono che anche avere un’alimentazione sbilanciata comprometta a lungo andare la salute delle ossa. Interessante è anche il fatto che, in caso di diagnosi di osteoporosi, esse non sono certe di rivolgersi ad un Centro specializzato per il trattamento di questa patologia e che, in generale, si dicono poco propense a riorganizzare la propria abitazione (togliere tappeti, spostare il mobilio…) in chiave preventiva di rischi di eventuali cadute.
«I risultati dell’indagine – dichiara il Prof. Giovanni Minisola – provano come tra le donne di età maggiore di 50 anni residenti nella nostra Regione sia diffuso rispetto al problema dell’Osteoporosi un atteggiamento arrendevole e rassegnato e come siano poco noti e sottovalutati i fattori che predispongono al rischio di fragilità ossea. Parliamo, ad esempio, del fumo, dell’eccessiva magrezza, dell’abuso di alcolici e della predisposizione famigliare per questa frequente e sottovalutata malattia, che causa fragilità ossea e che predispone al rischio di fratture. È chiaro come manchi ancora tra le donne un’informazione approfondita sull’Osteoporosi e sulle complicanze fratturative della forme severe. Ciò, verosimilmente, dipende anche dalla classe medica che non è stata finora in grado di sensibilizzare nella misura dovuta la popolazione femminile rispetto all’Osteoporosi e ai pericoli delle fratture ossee. Oggi, infatti, assistiamo ad una grave sottostima del rischio correlato alle fratture da fragilità ossea, come quelle del collo del femore, e non si considera che in tutto il mondo tali fratture sono tra le principali cause di morbilità e mortalità. Tutto lascia prevedere, stando alle ultime stime, che nei prossimi 40 anni, in assenza di percorsi diagnostico-terapeutici mirati per la popolazione a rischio, anche in Italia l’incidenza delle fratture da fragilità ossea raddoppierà».«Le istituzioni devono impegnarsi per creare una rete in grado di non lasciare sole le donne che soffrono di fragilità ossea, anche nella fase successiva alla cura, perché le percentuali di ricaduta sono altissime – spiega l’On. Rodolfo Lena, presidente della commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale – . Abbiamo nel Lazio dei centri di eccellenza per il trattamento dell’osteoporosi ma la sfida che oggi va raccolta è una piena integrazione sociosanitaria a livello territoriale» L’osteoporosi è una malattia di ampia rilevanza sociale e rappresenta, nel nostro paese, un importante problema di salute pubblica. Si tratta di una patologia sistemica dell’apparato scheletrico, caratterizzata da un aumentato rischio di fratturarsi sia per una bassa densità minerale ossea che per un deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo che, come tutto il nostro organismo, è destinato ad invecchiare. Per questi motivi le ossa diventano più fragili e sono più suscettibili al rischio di frattura per traumi anche minimi.L’Osteoporosi può essere primaria, post-menopausale o senile, e secondaria. Quest’ultima forma è così denominata perché associata ad altre malattie e, in particolare, a malattie reumatiche come artrite reumatoide e lupus per le quali viene spesso impiegato il cortisone, un farmaco che favorisce lo sviluppo di osteoporosi anche severa. «La patogenesi dell’osteoporosi associata a malattie reumatiche è multifattoriale – specifica il Prof. Minisola – riconoscendo essenzialmente sia meccanismi specificamente legati alla natura delle diverse malattie, sia meccanismi riconducibili ai farmaci impiegati per il loro trattamento. Tra questi il cortisone, un farmaco largamente utilizzato in Reumatologia, fortemente osteopenizzante e, pertanto, in grado di aumentare considerevolmente il rischio di fratture. Per tali motivi è necessario che quanti sono colpiti da malattie reumatiche, specie se in trattamento cortisonico, vengano attentamente sorvegliati anche per le possibili complicanze a carico dello scheletro provocate non solo dalla malattia di base ma anche dalla terapia».Le fratture da fragilità ossea, conseguenza grave dell’osteoporosi, hanno un’incidenza che non deve essere assolutamente da sottovalutare: secondo la World Health Organization, infatti, ogni 3 secondi, si verifica una frattura da fragilità osteoporotica a carico di femore, polso e vertebre. Ciò equivale a circa 25 mila fratture al giorno o 9 milioni all’anno.Si calcola che almeno il 40% delle donne dopo i 50 anni andrà incontro ad una frattura da osteoporosi quali fratture di femore (17%), vertebrali (16%) o di altri segmenti ossei (polso, pelvi, omero prossimale ecc.). Secondo l’OMS e la IOF (International Foundation of Osteoporosis) la presenza di una frattura da fragilità ossea (vertebrale o di altri segmenti scheletrici), configura sempre una condizione di OP severa. «La politica non deve compiere lo stesso errore di quelle donne che sottovalutano l’emergenza osteoporosi – conclude l’On.le Lena – l’età media sempre più alta della popolazione femminile del Lazio e l’aumentata aspettativa di vita impone una riflessione approfondita su questa patologia, che va affrontata alla stregua delle altri grandi patologie di genere, come il cancro al seno, anche attraverso specifici programmi di informazione e prevenzione».
I principali fattori di rischio per le fratture da fragilità ossea sono l’età, le pregresse fratture da fragilità, la terapia cortisonica cronica, un aumentato rischio di cadute dovuto a carenze visive come anche la concomitanza di malattie neuromuscolari, il ridotto apporto di calcio o la carenza di vitamina D. Ma anche la famigliarità per fratture, la menopausa precoce, l’eccessiva magrezza, il fumo e l’abuso di alcol. Oltre ai cortisonici, anche altri farmaci (ad esempio antiepilettici e anticoagulanti) contribuiscono ad aumentare il rischio di osteoporosi.«Pertanto è assolutamente necessario individuare precocemente i soggetti a rischio – conclude Giovanni Minisola – per intraprendere un adeguato iter diagnostico-terapeutico finalizzato a ridurre significativamente il rischio fratturativo. Sono soprattutto le donne che hanno nella propria famiglia casi di frattura di femore e che hanno un elevato rischio personale di frattura quelle per le quali è particolarmente indicata una MOC. Si tratta di un esame fondamentale e non invasivo, che misura la densità dell’osso, che permette di accertare l’esistenza di Osteoporosi e che mette in condizioni il medico di attuare tempestivamente una terapia efficace e personalizzata».Dai 50 anni di età, per ogni donna è fondamentale conoscere il proprio rischio fratturativo. Sul sito http://www.stopallefratture.it è disponibile il Defra Test online, test di autodiagnosi per valutare il rischio personale di fratturarsi nei successivi 10 anni (basso, medio, elevato, molto elevato). A seconda del risultato ottenuto, verranno indicate, per tutte, raccomandazioni e consigli su come prevenire eventuali fratture da fragilità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La magna carta di papa Francesco

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

papa francescoRoma Presentazione – Martedì 21 ottobre 2014, ore 17:30 Aula Magna della Pontificia Università Gregoriana. «Ciò che intendo qui esprimere ha un significato programmatico e dalle conseguenze importanti» (EG 20). Con queste parole il Santo Padre ha dichiarato il valore ineludibile dell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, vera e propria “magna carta” del suo pontificato.
Lo scorso 14 gennaio 2014 un gruppo interdisciplinare di professori della Gregoriana aveva animato una tavola rotonda per approfondire e discutere il documento papale. La riflessione si è ampliata nei mesi successivi, coinvolgendo diciotto docenti impegnati a vario titolo presso l’Università fondata da sant’Ignazio di Loyola, i quali offrono ora altrettante chiavi di lettura nel ricco commentario “Evangelii Gaudium: il testo ci interroga” (Gregorian & Biblical Press 2014, pp. 304; il volume non contiene il testo dell’esortazione).
Il testo programmatico del Pontefice è qui analizzato secondo diversi settori disciplinari (cristologia, ecclesiologia, sacramentaria, morale, economia, antropologia, dialogo con l’ebraismo e con l’islam, filosofia, comunicazione, ruolo del laicato, ruolo della famiglia, discernimento pastorale, formazione, custodia del creato, ecc.) da un team accademico internazionale. Chiude il volume una testimonianza a firma del Segretario speciale del Sinodo sulla Famiglia, mons. Bruno Forte. «Ci troviamo per la prima volta davanti a un documento pontificio di stile latinoamericano, secondo il metodo seguito dalla CELAM (Conferencia Episcopal Latinoamericana) – spiega il gesuita argentino Miguel Yanez, coordinatore del progetto. – Questo magistero utilizzava il metodo “vedere-giudicare-agire” a contatto con le comunità, le quali venivano consultate prima del raduno dei Vescovi». Un metodo che richiama quanto applicato al recente Sinodo straordinario.La presentazione del volume avrà luogo martedì 21 ottobre, alle ore 17:30, presso l’Aula Magna della Pontifica Università Gregoriana. L’incontro sarà presieduto dal cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario del Sinodo dei Vescovi, e moderato dal vaticanista Enzo Romeo. Interverranno il cardinale Luis Antonio Tagle (Arcivescovo di Manila), mons. Giancarlo Maria Bregantini (arcivescovo di Campobasso-Boiano), l’ecclesiologo Severino Dianich (Facoltà teologica dell’Italia centrale) e il moralista Cataldo Zuccaro (Pontificia Università Urbaniana)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

24 ottobre: sciopero generale

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

lavoratoriVenerdì 24 ottobre l’Unione Sindacale di Base ha proclamato lo sciopero generale nazionale di 24 ore in tutto il lavoro pubblico e privato.
Lo sciopero è indetto contro il jobs act e le politiche dettate dalla troika al governo Renzi sul lavoro e la pubblica amministrazione e contro il blocco dei contratti nel pubblico impiego; per l’occupazione e in difesa dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori. In occasione dello sciopero saranno organizzate manifestazioni territoriali in tutte le regioni. Queste le modalità dello sciopero generale:
Lavoro Pubblico
Ministeri, Università, Ricerca, Scuola, Enti Locali, Parastato (Inps, Inail, Inpdap, Aci), Agenzie Fiscali, Presidenza del Consiglio, Enac: intera giornata del 24 ottobre.
Vigili del Fuoco: personale operativo, 9.00/13.00; personale giornaliero, tutta la giornata del 24.
Sanità: sia pubblica che privata, da inizio del primo turno del giorno 24 a fine dell’ultimo turno dello stesso giorno.
Lavoro privato
Personale non sottoposto alla 146/90: intero orario di lavoro
Trasporto Aereo
Personale navigante, turnista e addetti settori operativi: dalle ore 00.00 alle ore 23.59 con il rispetto delle fasce di garanzia e dei voli garantiti
Lavoratori normalisti o non operativi: intero turno di lavoro
Trasporto Marittimo
Collegamenti isole maggiori
Personale amministrativo: intero turno
Personale viaggiante: da un’ora prima delle partenze del 24 ottobre
Collegamenti isole minori
Personale amministrativo: intero turno
Personale viaggiante: dalle 00.00 del 24 ottobre alle 24.00 del 25 ottobre.
Trasporto pubblico locale e trasporto merci e logistica:
24 ore nel rispetto delle fasce protette localmente definite
Trasporto Ferroviario
Personale addetto alla circolazione: dalle ore 09.01 alle 16.59
Personale fisso: intero turno
ANAS
Tutto il personale, compreso quello turnista h24: intero turno a partire dalle 06.00 del 24 ottobre alle ore 06.00 del 25 ottobre.
Energia
Intera giornata del 24
Turnisti: 8 ore per ciascun turno, a partire dall’orario d’inizio del turno di mattina fino al termine del successivo turno di notte.
Durante lo sciopero saranno garantiti i servizi minimi essenziali.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europa-Russia: una guerra commerciale alle porte?

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

tesoro cremlinoDi seguito una sintesi delle principali evidenze:
Ø L’escalation delle sanzioni reciproche adottate da Stati Uniti e UE e la Russia rischia di determinare un calo delle esportazioni italiane nel paese compreso tra € 1,8 miliardi e € 3 miliardi nel biennio 2014-2015, secondo le stime SACE, in peggioramento rispetto alle previsioni elaborate ad agosto.
Ø La meccanica strumentale, principale settore di esportazione Made in Italy verso il paese, sarebbe la più colpita: nel biennio potrebbe registrare un calo di vendite in Russia compreso tra € 650 milioni e € 1,1 miliardi.
Ø Gli impatti delle sanzioni sull’economia italiana potrebbero non essere limitati all’export. Un’eventuale “guerra commerciale” tra Europa e Russia avrebbe un impatto rilevante sull’Italia anche in termini di investimenti di aziende russe nel paese ed entrate da turismo (quest’ultimo si stima che abbia generato introiti nel 2013 per circa € 1,3 miliardi).
Ø La questione energetica resta un ulteriore fattore di incertezza, alla luce dell’imminente stagione invernale. L’Unione Europea infatti importa circa il 35% del proprio fabbisogno di gas dalla Russia, sebbene con dinamiche differenziate tra i vari paesi. Una riduzione delle forniture di gas russo verso l’Europa si tradurrebbe in un aumento della bolletta energetica per famiglie e imprese, con conseguenze negative su consumi e produzione industriale, ancora deboli in Europa.
Ø Nonostante l’attuale fase di incertezza, la Russia resta un mercato ad alto potenziale per le aziende italiane, che hanno registrato una quota di mercato nel paese costantemente al di sopra del 4% negli ultimi anni. Interessanti opportunità sono offerte sia dai grandi settori dell’industria dove la presenza italiana è consolidata (come oil&gas e minerario) sia in settori “minori” con quote di esportazioni relativamente contenute, ma con tassi di crescita dinamici e una penetrazione sempre maggiore nel mercato russo (come cosmetica e farmaceutica).

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Casacalenda in festa: 20 anni oasi Lipu

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

oasi lipuTre giornate speciali per tutti gli amanti della natura. Da venerdì 17 a domenica 19 ottobre si svolgeranno i festeggiamenti del 20esimo compleanno dell’Oasi Lipu di Casacalenda. Il ricco programma celebrativo del ventennale, messo a punto dalla Lipu e dalla Regione Molise- Assessorato Regionale alla Tutela Ambientale, in collaborazione con il Comune di Casacalenda e la Provincia di Campobasso, prevede un incontro celebrativo con le Istituzioni e le scuole sul tema ecologico, una mostra sulla biodiversità, visite guidate nell’Oasi, attività di animazione e laboratori per bambini ed adulti. “Un compleanno importante per la natura, gli amanti della stessa e per tutti noi- afferma l’Assessore regionale alla Tutela Ambientale, Vittorino Facciolla- Vogliamo celebrare una realtà importante che ha rappresentato e rappresenta tutt’ora il primo contatto tra i bambini e la natura in uno spazio appena fuori le mura del Comune di Casacalenda”.Sono trascorsi ormai venti anni dall’inaugurazione ufficiale dell’Oasi Lipu di Casacalenda. Un’area naturalistica di 150 ettari, autentico scrigno di biodiversità, che ‘ospita’ ben 15 specie di orchidee, 33 specie diverse di alberi, migliaia di coloratissime farfalle e numerose specie animali, come il tasso, il capriolo, il falco pecchiaiolo, la salamandrina dagli occhiali e la testuggine di palude europea. In tutto sono 1.000 le specie animali e vegetali censite, in 20 anni, dalla Lipu e da altri istituti di ricerca. “La funzione dell’Oasi Lipu è duplice- continua Facciolla- conservare la natura ed,
al contempo, renderla fruibile alla gente, partendo dai bambini e dagli studenti. Mi auguro che il prossimo fine settimana sia una vera festa della natura e che grandi e piccini partecipino numerosi all’iniziativa”- conclude. Ad inaugurare la ‘tre giorni’ sarà l’incontro con le Istituzioni (Regione, Comune di Casacalenda, Provincia di Campobasso, Unimol, Corpo Forestale dello Stato) organizzato per venerdì 17 ottobre a Campobasso, presso la Sala del Parlamentino Regionale. Sabato e domenica, invece, la festa continuerà a Casacalenda, presso l’Oasi Lipu, tra visite guidate, degustazioni di prodotti tipici, mostra sulla biodiversità e laboratori vari.
In questi 20 anni l’Oasi ha ottenuto importanti riconoscimenti: sito di rete Natura 2000 (Unione Europea) e area protetta (Ministero dell’Ambiente). “Un’Oasi naturale è molte cose in una- dichiara Danilo Selvaggi, Direttore Generale Lipu- è la preservazione di un pezzo di territorio prezioso, la possibilità di far vivere la natura alla gente regalandole benessere fisico e spirituale; è una chance di crescita per un’intera comunità in termini di educazione, conoscenza, consapevolezza, senso civico. A Casacalenda, in questi 20 anni, è successo proprio questo. La nostra soddisfazione è grande- continua- così come il ringraziamento che rivolgiamo al Comune di Casacalenda e alla Provincia di Campobasso, che ci hanno sostenuto in tutti questi anni, e alla Regione Molise che ha supportato questo importante evento”. (oasi lipu)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendita case storiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

case storichecase storiche1Sono decine le case storiche in vendita sulle pagine di Immobiliare.it (http://www.immobiliare.it) che da Positano a Lecco, passando per Roma, Milano, Alessandria, Lucca e molte altre zone del nostro Paese raccontano momenti e personaggi importanti della storia italiana e non solo.
Si va dalla casa in provincia di Asti dove visse Silvio Pellico nel periodo in cui scrisse Le mie prigioni a quella ricavata dal convento umbro in cui trascorse i suoi ultimi anni Jacopone da Todi; dalla casa d’Infanzia di Norberto Bobbio in provincia di Alessandria a quella romana che ospitava lo studio di Renato Guttuso.
Fra gli immobili in vendita sulle pagine di Immobiliare.it anche la casa lombarda dell’amore clandestino fra il compositore Vincenzo Bellini e Giuditta Pasta, quella viareggina dove trascorrevano le vacanze Galeazzo Ciano e Edda Mussolini, quella toscana abitata da Napoleone e Paolina Bonaparte, quella in provincia di Lecco dove Leonardo da Vinci visse mentre seguiva i lavori del traghetto che tutt’ora unisce le due rive del fiume a Imbersago o, ancora, quella siciliana in cui era solito soggiornare Leonardo Sciascia ospite dell’amico filosofo Pasqualino Fortunato.
I prezzi variano da poche decine di migliaia a diversi milioni di euro. Si allega, oltre al comunicato stampa e le immagini di alcune delle case in vendita, anche una tabella riassuntiva con le dimore più particolari.
Si precisa che, su richiesta, sono disponibili immagini di tutti gli immobili elencati nella tabella e i link agli annunci.
Sperando che la notizia sia di vostro interesse e possa trovare spazio sulla vostra testata alleghiamo la relativa nota stampa e rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore necessità di approfondimento. (case storiche)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Docente Unicam nominato membro della European Committee for Standardization

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

Ambientamento_Camerino1Camerino. Il Prof. Andrea Dall’Asta, docente della Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino, è stato di recente nominato membro di due commissioni della European Committee for Standardization (CEN), un ente normativo che ha lo scopo di armonizzare e produrre norme tecniche in Europa in collaborazione con enti normativi nazionali e sovranazionali.“La nomina – ha dichiarato il Prof. Dall’Asta – mi rende particolarmente orgoglioso: il CEN è, infatti, l’ente normatore europeo, organizzato in commissioni tecniche con competenze e responsabilità specifiche. In particolare, da qualche mese sono divenuto membro di due sottocommissioni della Commissione tecnica CEN/TC250 che si occupa della normativa per la costruzione delle strutture civili e industriali, raccolta in documenti noti in Italia come “Eurocodici Strutturali”, che costituiscono la base della normativa nazionale”. “Il ruolo della commissione – prosegue il Prof. Dall’Asta – è quello di predisporre aggiornamenti, estensioni e revisioni delle norme rendendo possibile il trasferimento dei progressi scientifici e tecnici nella pratica operativa. I documenti prodotti forniscono gli strumenti per progettare costruzioni sicure e durevoli all’interno della Comunità Europea e rappresentano un riferimento a livello internazionale. Nello specifico, le due sottocommissioni di cui sono componente si occupano della progettazione e della sicurezza dei ponti in acciaio e a struttura mista acciaio-calcestruzzo”.
Andrea Dall’Asta è professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni e svolge la sua attività didattica e di ricerca nella Scuola Unicam di Architettura e Design presso la quale è titolare del corso di Progettazione Strutturale. I principali temi di ricerca affrontati dal Prof. Dall’Asta riguardano la modellazione e la risposta sismica delle strutture in acciaio e miste acciaio-calcestruzzo, la progettazione di ponti in zona sismica, l’adeguamento di costruzioni esistenti mediante isolamento e dissipazione, il rischio sismico e la valutazione dell’influenza delle incertezze nella vulnerabilità. (andrea dall’asta)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie sessualmente trasmissibili

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

università triesteRoma, “È purtroppo comprensibile che le malattie sessualmente trasmissibili colpiscano sempre più fasce di età che fino a qualche tempo fa erano ritenute meno a rischio. Anzitutto la famiglia tradizionale è sempre meno “di moda” e la condizione di single facilita rapporti sessuali meno stabili e, talvolta, promiscui”. Commenta così il professor Francesco De Seta, ricercatore universitario presso l’Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Università di Trieste e membro della Società Italiana della Contraccezione (SIC), l’allarme lanciato da un’Associazione di andrologi italiani sulle infezioni di natura sessuale. Secondo l’indagine, solamente un terzo degli uomini italiani tra i 31 e i 45 anni utilizzerebbe il preservativo, mentre lo indosserebbe il 70% dei 18-30enni. “Occorre precisare” continua il professor De Seta “che gli over 40enni sono fisiologicamente più a rischio: i tessuti, soprattutto nelle donne in fase perimenopausale, sono più friabili e favoriscono l’attacco delle infezioni”. Alcuni fattori sociologici influiscono poi negativamente: “Oltre una certa età, diminuisce il timore di gravidanze indesiderate e, dunque, l’impiego del condom con conseguenze molto negative sulle infezioni di natura sessuale”. “Inoltre” continua il professore “la diffusione di farmaci per contrastare la diffusione erettile, ha spostato molto in là l’età sessualmente attiva”.Occorre precisare inoltre che per malattie sessualmente trasmissibili (MST) “non intendiamo solamente l’Hpv (papilloma virus) o il temutissimo Hiv” sottolinea il professor de Seta “esistono tutta una gamma di infezioni misconosciute – tra cui clamidia, gonorrea, herpes e sifilide – che meritano molta attenzione e che il ginecologo o l’andrologo ha il dovere di illustrare con parole semplici e chiare al paziente” “Il cosiddetto metodo “double dutch”, preservativo e pillola, è davvero consigliabile” aggiunge il ricercatore triestino. “Non tutti sanno infatti” sintetizza ancora “che gli estroprogestinici sono in grado di rendere la vita davvero difficile alle malattie sessualmente trasmissibili: hanno un effetto protettivo contro la clamidia, contro le gravidanze extrauterine – e dunque le infiammazioni pelviche, terreno fertile per le infezioni -, e sono in grado di ridurre le vaginosi batteriche, anch’esse spesso concausa delle MST”. “In generale, comunque” spiega il professor De Seta “l’arma migliore per combattere le malattie sessualmente trasmissibili è l’educazione sessuale: gli italiani, per tradizione popolo di grandi amatori, in realtà hanno timore di esprimere i propri dubbi e le proprie perplessità quando si parla di sesso. Invertiamo questa tendenza, parliamo con i nostri pazienti apertamente e senza falsi pudori”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge stabilità e anziani indigenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

giampaolo-palazzi7“Prima spremuti e poi dimenticati. I pensionati sono stati finora il facile bersaglio degli ultimi Governi per ‘fare cassa’, in particolare con il taglio della perequazione. Adesso sono caduti nel dimenticatoio”. Lo dichiara Giampaolo Palazzi, presidente dell’Anap, commentando la Legge di stabilità approvata ieri dal Governo. “Il bonus di 80 euro è stato confermato per i lavoratori dipendenti ma non è stato esteso ai pensionati, come era stato più volte promesso. Eppure, stando agli ultimi dati Inps, quasi la metà dei pensionati percepisce una pensione inferiore a 1.000 euro al mese e in oltre 2 milioni hanno una pensione al di sotto di 500 euro”, prosegue Palazzi. “La situazione è drammatica. Non è tollerabile che non ci sia la benché minima attenzione verso i pensionati che vivono in condizione di povertà. Ma non possiamo rassegnarci – aggiunge – e pertanto chiediamo con forza al Governo e al Parlamento di trovare, dopo aver consultato le associazioni dei pensionati, una soluzione immediata, equa e mirata, a questo problema, tenendo conto, in particolare, di quanti non hanno altri redditi oltre la pensione”. “Non dimentichiamoci – conclude il presidente Anap – che anche la Comunità europea ha evidenziato l’inadeguatezza delle nostre pensioni minime. E dell’opinione dell’Europa, di questi tempi, non possiamo certo non tener conto”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove strade per la diagnosi di depressione e suscettibilità allo stress

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 ottobre 2014

Rockefeller University di New YorkLa scoperta è di una giovane neuroscienziata italiana della Rockefeller University di New York che ha identificato i meccanismi molecolari di suscettibilità allo stress a partire dagli studi condotti nel laboratorio di Neurofarmacologia della Sapienza. Perché di fronte alle avversità, alcune persone soccombono allo stress sviluppando depressione e ansia, mentre altre riescono a fronteggiare il carico dello stress? Un nuovo studio della Rockefeller University di New York, recentemente pubblicato su “Molecular Psychiatry”, prima rivista del gruppo Nature nel settore della psichiatria, ha identificato i meccanismi molecolari del cosidetto Stress Gap che potrebbe portare all’identificazione di nuovi marcatori molecolari per la diagnosi di queste patologie devastanti. I risultati dello studio rappresenterebbero una svolta nella comprensione della patofisiologia dei disturbi psichiatrici, quali depressione e ansia.
Nel team Carla Nasca, giovane neuroscienziata approdata presso la Rockefeller University dopo gli studi condotti nel laboratorio di Neurofarmacologia del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia della Sapienza.
“Attualmente, la depressione è diagnosticata soltanto sulla base di sintomi – dice Carla Nasca – ma questi risultati ci portano sulla buona strada per scoprire marcatori molecolari nell’uomo che possano aiutare nella diagnosi di queste patologie devastanti e portare allo sviluppo di farmaci ad azione rapida che sono particolarmente importanti per diminuire il rischio di suicidio”.
L’esperimento condotto su un campione di animali da laboratorio, ha mostrato che un gruppo di essi sviluppa comportamenti simili a ansia e depressione nell’uomo, un altro rimane resiliente.I ricercatori hanno dimostrato che il gruppo di animali suscettibile allo stress ha livelli più bassi di una proteina conosciuta come mGlu2 (recettore metabotropico del glutammato di tipo 2) in una regione chiave del cervello nella risposta allo stress, l’ippocampo. La diminuzione del recettore mGlu2, deriva da un cambiamento epigenetico, che altera l’espressione dei geni, in questo caso del gene che codifica per il recettore mGlu2.
Questi risultati costituiscono un tassello importante verso la comprensione delle basi molecolari delle differenze individuali di risposta allo stress. “Ogni individuo così come ogni animale ha esperienze uniche nel corso della propria vita – dice Bruce McEwen (senior autore del lavoro e Alfred E. Mirsky Professor) – E sospettiamo che queste esperienze di vita possano alterare l’espressione dei geni e di conseguenza, condizionare la risposta di un individuo allo stress”.Una riduzione del recettore mGlu2 è fondamentale perché questa proteina regola il rilascio del glutammato, il principale neurotrasmettitore eccitatorio del Sistema Nervoso centrale, dai terminali nervosi. Il glutammato svolge un ruolo chiave nella comunicazione tra i neuroni che è essenziale per molti importanti processi cerebrali. Livelli troppo alti di glutammato possono indurre cambiamenti strutturali nocivi per il cervello.Studi sull’mGlu2 erano stati condotti da Carla Nasca nel laboratorio di Neurofarmacologia del dipartimento di Fisiologia e Farmacologia della Sapienza in una ricerca che aveva identificato il coinvolgimento di questa proteina nell’azione rapida di un antidepressivo di nuova generazione, l’acetilcarnitina. Il lavoro è stato supportato da finanziamenti dell’American Foundation for Suicide Prevention, Hope for Depression Research Foundation and National Institute of Health.La ricerca è pubblicata su http://www.nature.com/mp/journal/vaop/ncurrent/full/mp201496a.html

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »