Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 23 ottobre 2014

The Coastal Bend Region Consolidates Regional Cooperation to Facilitate Communication and Commerce with Tianjin, China

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

AerialCorpusChristiCORPUS CHRISTI, TX, USA – Port Corpus Christi Authority, the Cities of Corpus Christi, Portland and Gregory and Counties of Nueces and San Patricio will sign a Memorandum of Understanding (MOU) with the Tianjin Commission of Commerce, People’s Republic of China. The MOU will be signed in a formal ceremony, Thursday, October 23, 2014 at 1:30 PM at the Solomon P. Ortiz International Center 402 Harbor Drive, Corpus Christi, Texas 78401. Esteemed delegates from Tianjin, China and the Coastal Bend region will join together in the signing of the MOU. The purpose of the MOU is to promote friendly contact, culture exchange, and cooperation to benefit the future of the regions surrounding Corpus Christi, Texas and Tianjin, China. Additionally, both regions will work together to facilitate investment in each other’s region, promote cooperation, exchange of technology for the benefit of key industries, and create a friendly commercial environment. “Our region is experiencing positive economic growth and attention. Not only are we getting national focus, we are joining with international groups to bring business and industry to the Coastal Bend. Today we take another great step in developing our economy.” Said Representative Todd Hunter, Texas House of Representatives. “As the port continues to develop the infrastructure needed to support the region’s economic development efforts, it is important to build strategic business partnerships to facilitate the consolidation of negotiations, and also promote and exchange knowledge to create favorable conditions for new business opportunities for the Coastal Bend.” Said Judy Hawley, Port Commission Chair.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ubidata is proud to present new projects for 2014 alongside a capital increase and an investment programme for a strong 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

BruxellesBrussels, These recent projects reflect a new phase in Ubidata’s growth strategy with a rollout of a new Android app and improved functionality of its telematic device to strengthen its position in the rail infrastructure supplier market. Of course this builds on all the well-known attributes of Ubidata telematics systems in rendering useful information to streamline business and save clients time and money.With Ancotrans’ large and sophisticated fleet came the need to develop an information delivery approach which will help the client save money and resources helping not only the bottom line but also the environment. Ubidata’s redesigned and easy-to-use Android app has been launched to ensure the right communication gets to key stakeholders to help them make the right decisions.Our work with Samskip in the Netherlands has showed how Ubidata can add flexibility and give power to a client system which is reliant on third party subcontractors. We help Samskip in empowering them take control by converting data into key performance indicators. This way Samskip can make decisions independently of other railways undertakings backlogs and can then consolidate their work accordingly.VoestAlpine Railpro found Ubidata’s solution effective over their large fleet by reducing redundancy by up to 15%. Ubidata’s telematics product helps flag up where redundancies in the system can and do occur which helps focus the client’s resources and time.These new client projects illustrate how Ubidata’s international client base is growing and underline an exciting new capital increase that has now begun. This investment phase will fund key areas of growth in product development and client relationship management. Ubidata’s aim is to grow the client base while continuing to serve current customers well through delivering the right information at the right time in the right place.
Ubidata is a Brussels based company specialising in Mobile Logistics Systems. On top of developing and commercializing fast evolving high-end software and hardware for the fleet and logistic industry, it offers a full range of services to assist clients in every step of the process: from analyzing their unique fleet situation and offering advice on the most optimal approach for improving their productivity to the seamless integration into their backoffices.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Works from eight important family collections

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

dubayDubai – Works from eight important family collections from across the region and around the world drove the total for tonight’s sale of Modern and Contemporary Arab, Iranian and Turkish Art at Christie’s Dubai above the $8.5million high estimate to $12,510,875 / AED45,939,933. This was the highest sale total for the category since 2010. The sale was 95% sold by value, an indication of the continuing strength of the market and the demand from collectors around the world for works of top quality by the leading artists from the region. Among the 121 lots in the sale, 19 new artist records were set including for works by Hamed Ewais, Shafic Abboud, Bahman Mohassess, Koorosh Shishegaran and Samia Halaby. (photo dubai)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Impressionist and Modern Art Day

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

impressionistNEW YORK – Christie’s is pleased to announce highlights of its upcoming Impressionist and Modern Art Day and Works on Paper auctions at Rockefeller Center on November 6, as well as a second installment of its popular Picasso Ceramics online-only sale running October 24 – November 7, exclusively at http://www.Christies.com/PicassoCeramics. A combined total of 407 works will be offered across Christie’s Day, Works on Paper, and Picasso Ceramics sales to complement Christie’s flagship Evening Sale of Impressionist and Modern Art on November 5 (see related release), creating even greater opportunities for both new and established clients to collect blue-chip works by the masters of the era. Paintings, sculptures, watercolors and drawings by some of the most acclaimed artists of the late 19th through early 20th century will be featured in the sales, including Fernand Léger, Maurice de Vlaminck, Amedeo Modigliani, Marc Chagall, and Paul Cézanne, among others. All of the works will be on view to the public at Christie’s Rockefeller Center galleries this fall, starting October 24 for Picasso Ceramics and November 1 for the Day and Works on Paper sales. (photo: impressionist)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Report reveals firms may not be taking ‘business process resilience’ seriously enough

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

london-centralLondon, 22 October 2014: According to a new report from FT Remark and Wipro (NYSE:WIT), business process resilience is mission-critical, but businesses may be missing opportunities to fortify themselves. In a global survey of 330 C-suite executives, nearly all respondents (98%) agreed that technology risk management is important or very important to the overall running of their firms, and 84% felt their firms’ technology risk management programmes add value. But 35% described their firms’ spending on technology risk management as ‘focused on the next year’, with a further 17% working on a ‘project-by-project basis’. Less than half (41%) described their spending as ‘focused on the long-term’. In addition, only 15% of those surveyed said decisions on technology risk management were made at board level, even though system failures have implications that reverberate throughout businesses’ ecosystems.This report seeks to identify how businesses are rising to the challenges that technology presents, and how they are making their businesses more resilient in the process through strategies, investments and partnerships.“In developing resilience plans, businesses should consider the full range of their operations, from customers to third party suppliers,” Nick Cheek, Managing Editor at Remark, part of the Mergermarket Group, explains. “Businesses should also concentrate on making themselves agile and modular, so that they can minimize the impact of negative events,” he concludes.Technology has also brought fantastic opportunities to businesses of all sizes. Data is power: the more businesses can understand about their customers, partners and products, the more agile and effective they can be.“Firms should think of business process resilience broadly,” says Alexis Samuel, Global Managing Partner, Wipro Consulting Services, Wipro Ltd. “Rather than being considered fodder for CIOs or CTOs, corporates should view these issues as board-level ones that have far reaching implications for disparate business arms.”Balasubramanian Ganesh, Chief Executive – Products & Solutions business, Wipro adds: “Over the years, the level of investment has not kept pace with the level required to address inherent and emerging risks in provision of services to customers. The aggregate impacts of this under-investment, accompanied by increase in customer expectations, have created risks to service which are no longer acceptable. Such risks will typically need to be addressed by a significant and sustained programme of investment.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Citizenship: Civil Liberties Committee Chair welcomes reshuffle to new Commissioner

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

european parliamentReplying to widespread concerns in the European Parliament, Commission President Jean-Claude Juncker, presenting his team to MEPs on Wednesday morning, announced that Dimitris Avramopoulos would take over the responsibility for “citizenship” from Tibor Navrasics. This means that citizenship will be grouped with Migration and Home Affairs.The Chair of the European Parliament Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee, Claude Moraes (S&D, UK), welcomed the change of Commissioner:”I am confident that Commissioner-designate Dimitris Avramopoulos is extremely competent to manage the additional policy area of citizenship in his portfolio of Migration and Home Affairs, especially after his impressive hearing in the European Parliament”, Mr Moraes said.”However, our committee shares some concerns regarding the decision not to place citizenship in the portfolio of the Vice-President Frans Timmermans. It would have been more beneficial to have placed citizenship in the portfolio of Mr Timmermans as bridging citizenship and fundamental rights is a more sensible link which would help to strengthen policies to protect the rights of European citizens”.”Citizenship is a key area of our committee as it covers a number of areas in the area of discrimination which is in the remit of the LIBE committee. Given that there will be no more official hearings in the European Parliament; we should insist that Mr Avramopoulos comes to talk to the LIBE committee as soon as possible to discuss this new portfolio”, concluded Mr Moraes.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cubist Pharmaceuticals

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

Cubist PharmaceuticalsCubist Pharmaceuticals è un’azienda impegnata nella ricerca, sviluppo e commercializzazione di prodotti farmaceutici che rispondono a importanti medical need insoddisfatti per il paziente acuto ospedalizzato con focus specifico su nuovi antibiotici per il trattamento di infezioni gravi e potenzialmente letali causate da batteri multi-drug resistant.
Cubist ha il global headquarter a Lexington, in Massachusetts, la sede internazionale a Zurigo, in Svizzera e ha recentemente aperto la sede italiana a Roma. Nel 2013, l’azienda ha ottenuto entrate nette totali per 1,1 miliardi di dollari. L’investimento di Cubist a livello globale in ricerca e sviluppo nel campo degli antibatterici è significativo e la maggior parte della sua forza lavoro è focalizzata sulla ricerca, lo sviluppo e la commercializzazione di antibiotici. Attualmente sono 4 i farmaci di Cubist in commercio negli Stati Uniti. Due di questi farmaci sono disponibili sul mercato italiano attraverso partnership commerciali con altre aziende. Fino ad oggi, Cubist ha commercializzato i suoi prodotti al di fuori degli Stati Uniti solo attraverso partner commerciali. Cubist continuerà in futuro a collaborare con i suoi partner, ma ha intrapreso un processo di espansione che porterà alla costituzione della sua organizzazione commerciale europea che sarà in grado, previa approvazione delle autorità regolatorie e negoziazione dei prezzi, di commercializzare nuovi farmaci in Europa in modo indipendente. Al momento Cubist ha due importanti molecole all’esame dell’Ente regolatorio europeo, con previsione di approvazione nel 2015; altri farmaci sono attualmente in Fase III di sviluppo e l’azienda sta lavorando su programmi pre-clinici di sviluppo che rispondono a significativi medical needs.
Per ulteriori informazioni su Cubist: http://www.cubist.ch/Nel quadro del progetto di espansione globale di Cubist, la nomina nel corso di quest’anno di Roberto Florenzano nel ruolo di Country Manager di Cubist Pharmaceuticals per l’Italia.
Cubist si avvale della collaborazione con alcune aziende italiane per la produzione dei suoi farmaci: ad esempio, il principio attivo del farmaco più importante attualmente in commercio di Cubist, è prodotto in Italia per tutto il mondo. Oggi Cubist si avvale di sei diversi siti produttivi in ​​Italia, creando direttamente e indirettamente opportunità occupazionali locali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WJC supports change in US legislation to strip Nazi war criminals of social security benefits

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

New YorkNEW YORK – The World Jewish Congress  announced its support for a change in United States law that presently allows certain presumed Nazi war criminals who were granted US citizenship by making false statements to immigration authorities to keep their social security entitlements in case they voluntarily leave the country. As reported by the ‘Associated Press’ on Sunday, numerous Nazi war criminals evaded deportation from the US by voluntarily leaving the country and renouncing their US citizenship rather than going through lengthy and costly deportation proceedings. They thus continued to draw on pension and other benefits whereas in the case of deportation, they would have been stripped of these entitlements. During the 1990s, the WJC supported the US Justice Department’s stance that not stripping Nazi war criminals who had entered the US on false pretenses of their Social Security benefits would hasten their departure, a goal sought at the time by Holocaust survivors who did want to have erstwhile Nazis and Nazi collaborators living in their midst. World Jewish Congress President Ronald S. Lauder declared: “While we understand the position taken by the Office of Special Investigations at the Justice Department at the time, we strongly feel that today the relevant legislation should be changed and that Nazi criminals should no longer benefit from Social Security payments if they illegally acquired US citizenship after the war. The expectation was that most if not all the individuals in question would be prosecuted by the European countries to which they returned or where their alleged criminal activities had been committed. Sadly, this proved not to be the case. And we note with grave concern that other countries have also been paying social benefits to Nazi war criminals.“The World Jewish Congress commends the Office of Special Investigations for its yeoman’s work over the years in exposing and deporting Nazi war criminals living in the US, and for stripping many of them of their Social Security benefits. At the same time, we continue to insist that all suspected Nazi criminals be put on trial. As US law does not allow for such trials in most cases, it is preferable that they take place in Germany, Austria, or in the respected suspects’ other countries of origin.”There cannot and there should not be such a thing as legal closure when it comes to genocide, and we support the US authorities in their efforts to track down all suspected Nazi war criminals, no matter what their age is today, and to bring them justice. We owe it to the victims of the Shoah that this effort is pursued relentlessly and with perseverance,” said Lauder.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New exhibition space and office in Shanghai

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

shanghaiShanghai In a formal ceremony that witnessed the performance of a creation of a unique work by artist Qin Feng, Christie’s officially opened their new exhibition space and office in Shanghai at the historic Ampire Building, near the Bund.“When James Christie first opened the doors in London in 1766, nearly 250 years ago, his intention was to bring people art lovers together with the art they loved. Today in Shanghai we open this wonderful building that speaks of the history of the city, the tradition of Christie’s and yet also feels very contemporary and looks to the future. This building gives us the opportunity not only to bring art from around the world to Shanghai, but to bring the art of China to the rest of the world,” Steven Murphy, Chief Executive Officer, Christie’s commented in his opening remarks. “China now plays a hugely important role in the global art market. Nearly one third of all buyers are from Asia and in the last year, 20% of all new clients to Christie’s globally came from Greater China. We continue to lead the art world in our dedication to be an advocate for Asian art and culture on the global stage. During the last year, we have staged over 73 public exhibitions of Asian and Chinese art across the world. And today, we witnessed a wonderful artist, Qin Feng (born 1961), creating a work in a unique project that shows art itself is at the heart of what we do.” (photo shanghai)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Multiresistenze batteriche

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

psicofarmaciCubist Pharmaceuticals sta gettando le basi per una presenza diretta in Europa: anche l’Italia fa parte di questo progetto di espansione? Cubist è una azienda biofarmaceutica americana fondata più di 20 anni fa a Lexington (Massachusetts). La nostra mission è la ricerca, lo sviluppo e la commercializzazione di antibiotici nuovi e innovativi per combattere le infezioni da germi multiresistenti nel paziente acuto ospedalizzato. Cubist negli Stati Uniti è già una Azienda leader in questo settore con un fatturato di 1,1 miliardi di dollari.
Cubist fino ad ora non ha mai avuto una presenza diretta in Europa ma ha commercializzato le proprie molecole attraverso partnership con altre grandi aziende. Recentemente ha annunciato un piano di espansione internazionale per commercializzare direttamente le nuove molecole in alcuni Paesi chiave. Il fenomeno delle multi-resistenze dei comuni batteri, con incidenza particolarmente elevata in Italia, dove sfiora il 30-50%, fa aumentare il medical need. Anche per questo motivo l’Italia è uno dei primi Paesi nei quali intendiamo consolidare il nostro progetto di espansione internazionale. La forte crisi economica che attraversa il nostro Paese tende a scoraggiare gli investimenti da parte delle aziende estere: su quali elementi si basa la fiducia di Cubist per investire in Italia? Qual è la politica di investimenti e di risorse umane che la vostra azienda intende applicare?
Indubbiamente, da parte degli investitori internazionali, se c’è, da un lato, interesse ad investire in Italia, dall’altro c’è anche un certo timore per l’instabilità della situazione economica e politica. Cubist fonda la sua fiducia su un preciso medical need che in Italia è elevatissimo. Inoltre crediamo che Cubist abbia una storia importante da raccontare e che in momenti storici come questo sia di vitale importanza investire laddove gli altri non investono più. Nello specifico mi riferisco all’investimento in ricerca e sviluppo di nuovi antibiotici, settore dal quale molte Big Pharma sono uscite – si pensi che sono circa 30 anni che non viene sviluppata una nuova classe di antibiotici o una nuova molecola per i batteri Gram negativi – ed all’investimento nello specifico nel nostro Paese, anch’esso deprioritizzato da molte aziende, farmaceutiche e non, per tutte le ragioni che conosciamo. Tutti questi fatti ci sembrano sfide sufficienti per iniziare a costruire qualcosa di veramente importante in questa area negletta. La scelta strategica di entrare sul mercato italiano significa portare investimenti, creare occupazione, ricerca clinica, lavorando a stretto contatto e in collaborazione con Istituzioni ed esperti infettivologi italiani che sappiamo essere un’eccellenza a livello internazionale. Oltretutto Cubist ha investito e continua ad investire nel nostro Paese centralizzando in Italia gran parte della sua produzione: infatti, collaborando con importanti aziende manufatturiere chimico-farmaceutiche, ha portato e continua a portare in italia grossi investimenti per creare impianti ex novo o adeguare impianti esistenti. Per fare un esempio, il principio attivo del farmaco più importante di Cubist viene prodotto in Italia per tutto il mondo. L’impegno di Cubist è focalizzato su un medical need emergente, il trattamento delle infezioni batteriche gravi: un’area terapeutica da non sottovalutare, ci può spiegare perché?
Una infezione contratta in ospedale può costare la vita. Alcune settimane fa nel corso del Congresso mondiale di malattie infettive mi hanno colpito le parole di un esperto internazionale che diceva: «oggi la gente è giustamente ancora spaventata da alcune malattie infettive come l’AIDS. Ma non tutti ci rendiamo conto che oggi, grazie alle nuove terapie, l’HIV è diventata una malattia cronica con la quale si può convivere, mentre contrarre in ospedale una peritonite o una polmonite da germi multiresistenti è potenzialmente letale per la mancanza di nuovi antibiotici per combatterle».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezioni ospedaliere

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

infezioni ospedaliereFiducia nelle prospettive della ricerca, negli esperti, negli specialisti nella Sanità italiana, ma soprattutto convinzione della possibilità di contribuire a contrastare l’urgente medical need causato da batteri multi-resistenti: sono questi gli elementi sui quali scommette Cubist Pharmaceuticals – leader nel settore degli antibiotici innovativi negli Stati Uniti, Azienda quotata al NASDAQ con un fatturato di 1,1 miliardi di dollari nell’ultimo anno – per investire nel nostro Paese, creando opportunità occupazionali, per dare risposte strategiche al problema delle infezioni batteriche ospedaliere.
Contrarre un’infezione durante un ricovero in ospedale è un’evenienza tutt’altro che rara e altamente rischiosa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera le infezioni nosocomiali una delle più gravi emergenze sanitarie e di salute pubblica.
In Europa oltre 4 milioni di persone ogni anno vengono colpiti da infezioni batteriche ospedaliere con 25.000 morti stimate per infezioni da germi resistenti. In Italia, in media il 5-8% dei pazienti ricoverati contrae un’infezione ospedaliera, che tradotti significano 450.000-700.000 casi di infezioni l’anno con 4.500-7.500 decessi correlati (dati ECDC, European Center for Disease prevention and Control).
Il fenomeno della multiresistenza dei comuni batteri agli antibiotici è una drammatica emergenza per il nostro Paese, dove le percentuali di resistenza agli antibiotici sono più alte della media europea, creando un medical need elevatissimo. L’esigenza di contrastare questa emergenza sanitaria, con una storia tutta da raccontare e tanta voglia di “costruire”, è alla base del progetto di Cubist, che ha annunciato il suo piano di espansione internazionale e l’ingresso in Italia per commercializzare direttamente le nuove molecole.«Cubist fonda la sua fiducia su un preciso medical need che in Italia è elevatissimo. La scelta strategica di entrare sul mercato italiano significa portare investimenti, creare occupazione, fare ricerca clinica, lavorando a stretto contatto e in collaborazione con Istituzioni ed esperti italiani, che sappiamo essere un’eccellenza a livello internazionale» afferma Roberto Florenzano, recentemente nominato Country Manager di Cubist Pharmaceuticals per l’Italia. «Oltretutto Cubist ha investito e continua ad investire nel nostro Paese centralizzando in Italia una grossa parte della produzione in collaborazione con importanti aziende manifatturiere chimico-farmaceutiche e portando importanti investimenti anche da questo punto di vista. Tanto per fare un esempio, il principio attivo del farmaco più importante di Cubist viene prodotto in Italia, ad Anagni, per tutto il mondo. Ed il piano è di fare lo stesso con nuove molecole».
L’azienda, nata più di 20 anni fa a Lexington (Massachusetts), vanta una mission votata alla ricerca, allo sviluppo e alla commercializzazione di nuovi antibiotici per combattere le infezioni da germi multiresistenti nel paziente acuto ospedalizzato. Un’area terapeutica, questa, estremamente importante e da non sottovalutare.«Un’infezione contratta in ospedale può costare la vita. In Italia le percentuali di germi resistenti sono tra le più alte d’Europa: gli Stafilococchi sono meticillino-resistenti nel 35% dei casi; il 50% delle Klebsielle è resistente alle cefalosporine e il 30% degli Pseudomonas non risponde ai carbapenemi – sottolinea Florenzano – purtroppo quest’area è stata abbandonata da molte grandi Aziende a favore di altre aree nelle quali il ritorno economico, a fronte dell’enorme investimento e rischio di ricerca e sviluppo, è migliore. Pensate che sono circa 30 anni che non viene commercializzata una nuova molecola per le infezioni da batteri Gram negativi…».
I microrganismi colpevoli delle infezioni batteriche ospedaliere sono principalmente Staphylococcus aureus, bacilli Gram negativi non fermentanti (in primis Pseudomonas aeruginosa e Acinetobacter baumannii) ed Enterobacteriaceae. Molti di tali microrganismi hanno sviluppato multi-resistenze, che coinvolgono più classi di farmaci, ed in continua evoluzione: esaustivo è il caso di Staphylococcus spp Meticillino-resistente che nell’ultimo decennio è stato capace di sviluppare ridotta sensibilità anche alla classe di farmaci considerata di riferimento.
Attualmente sono 4 i farmaci di Cubist in commercio negli Stati Uniti; due di questi sono disponibili sul mercato italiano attraverso partnership commerciali. Attraverso il piano di espansione internazionale l’Azienda ha in programma di commercializzare direttamente i nuovi farmaci in Europa e nello specifico in Italia. Al momento Cubist ha all’esame dell’Ente regolatorio europeo EMA due importanti molecole per le quali si attende opinione della Commissione nel 2015. Ci sono inoltre altre molecole in Fase III e l’Azienda sta lavorando ad ulteriori programmi in fasi più precoci di sviluppo che rispondono a significativi medical need.«Investire in ricerca e sviluppo, per una Pharma, è il cuore – spiega Florenzano – il nostro obiettivo è affermare Cubist come leader in ricerca, sviluppo e commercializzazione di antibiotici per la terapia di infezioni gravi e potenzialmente letali causate da “superbugs”. Parliamo con i fatti: ogni anno Cubist investe 400 milioni di dollari in ricerca e sviluppo, che rappresentano circa il 40% delle nostre vendite globali. Il nostro punto di forza è la focalizzazione in un’area ad elevatissimo medical need, le nostre priorità di ricerca sono guidate da questo bisogno insoddisfatto e sono in linea con quelle di Istituzioni come CDC, ECDC e OMS. Cubist si è impegnata a sviluppare 4 nuove molecole contro batteri multiresistenti entro il 2020».Cubist Pharmaceuticals al suo arrivo in Italia ha come priorità cominciare a lavorare sulla fiducia. Costruire un’Azienda di cui le Istituzioni, gli esperti del settore e i medici specialisti possano fidarsi, è il punto di partenza imprescindibile insieme a un dialogo aperto e costruttivo per assicurare un rapido accesso alle terapie innovative per i pazienti e gli specialisti italiani che valorizzi l’investimento in R&D in un’area terapeutica così importante.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia plastica estetica: il 16% delle operazioni effettuate per rimediare al primo intervento

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

chirurgia esteticaNon sempre è buona la prima. Nell’ambito della chirurgia plastica estetica può capitare che l’intervento non soddisfi le aspettative del paziente o che insorga qualche complicazione imprevedibile che rende necessario sottoporsi a un nuovo ritocco.Secondo l’indagine condotta dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), nel 2013 le operazioni secondarie, eseguite per rimediare a una precedente andata male, sono state il 16% di quelle eseguite a scopo estetico, pari a 37.884 interventi. Per tornare in sala operatoria, i pazienti si sono rivolti allo stesso dottore da cui sono stati operati la prima volta nel 31,1% dei casi, mentre la maggioranza (68.9%) ha preferito optare per un altro collega.«Il rapporto fra il chirurgo e un paziente che si rivolge a lui dopo essere stato operato da altri, rappresenta una situazione delicata e spinosa. Il secondo intervento deve essere gestito in maniera seria e professionale per evitare che si creino problemi per il primo chirurgo, il secondo operatore e, ancora di più, per il paziente» afferma il presidente di Aicpe, Mario Pelle Ceravolo.Per informare correttamente i pazienti ed evitare spiacevoli sorprese o disillusioni, Aicpe ha messo a punto una sorta di vademecum: «La chirurgia plastica non è una disciplina perfetta: pur essendo una scienza medica oggettiva, agisce su individui diversi che reagiscono in maniera differente allo stesso trattamento – spiega il presidente di Aicpe -. Anche se ci si rivolge a un bravo chirurgo, il risultato può non essere ottimale a causa di una reazione particolare dei tessuti del paziente o, più spesso, di situazioni contingenti imprevedibili».Il primo consiglio di Aicpe, valido per medici e pazienti, è avvalorare l’importanza del consenso informato,un documento che porta il paziente a conoscenza dei rischi e delle complicazioni inerenti l’operazione cui sta per sottoporsi. «Un consenso che spieghi esaustivamente i rischi di ogni intervento è una testimonianza di serietà da parte del chirurgo – dice Pelle Ceravolo -. Quindi non uno sgravio di responsabilità, ma la testimonianza di aver accuratamente informato il paziente. Uno dei motivi più frequenti dell’insoddisfazione dei pazienti è proprio la mancanza di informazione da parte del medico. Spesso la delusione è la conseguenza più di un fraintendimento tra le parti che di incapacità tecnica o di errori chirurgici. Non sempre è facile capire e farsi capire, soprattutto quando si parla di estetica».Secondo consiglio, in caso di richiesta di risarcimento, evitare di andare in giudizio, in quanto tale modalità di solito finisce per essere svantaggiosa per entrambe le parti. «Trovare un accordo transattivo è il modo più semplice ed economico per evitare una causa lunga e dispendiosa per tutti, e dagli esiti incerti» chiosa il presidente.Per i pazienti non soddisfatti, la prima opzione del paziente è farsi rioperare dallo stesso medico: «Di solito è lo stesso chirurgo plastico a proporre un secondo intervento correttivo, generalmente a condizioni economicamente più vantaggiose di quanto farebbe un nuovo chirurgo – afferma il presidente Aicpe -. Se, per una serie di ragioni, si decide di non ricorrere allo stesso medico, è bene scegliere un professionista di maggiore esperienza, accertandosi sulla sua capacità nel gestire casi già operati, con il quale creare un nuovo rapporto di massima sincerità e fiducia. È necessario approfondire con il secondo chirurgo tutti gli argomenti relativi alla dinamica dell’insuccesso e alle aspettative del paziente, che a volte, per la delusione o la rabbia perde la capacità di ragionare con oggettività e realismo. È infine consigliabile che il paziente autorizzi il secondo operatore a entrare in contatto con il primo per conoscere quello che è stato fatto e per avere altre informazioni che il paziente potrebbe non conoscere».
Quando si perde la fiducia in un medico e si decide di rivolgersi a un altro, non si può pensare che l’ultimo possa risolvere perfettamente tutti i problemi e offrire una soluzione magica: «Un secondo intervento è sempre più difficile del primo, è come un sarto che deve confezionare di nuovo un vestito tagliato male in precedenza – aggiunge Pelle Ceravolo -. Se errore c’è stato dev’essere riconosciuto e il paziente risarcito delle spese affrontate e dei danni subiti. Tra tutte le parti deve però instaurarsi un rapporto onesto che gioverà ai due chirurghi operatori e ancora di più al paziente che potrà essere assistito dal nuovo professionista nella maniera migliore».
AICPE: L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), la prima in Italia dedicata esclusivamente all’aspetto estetico della chirurgia, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, che è gemellata con l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 200 chirurghi in tutta Italia. Membri di Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, che aderiscono a un codice etico e di comportamento da seguire fuori e dentro la sala operatoria. L’associazione ha elaborato e pubblicato le prime linee guida del settore, consultabili sul sito internet, in cui si descrive il modus operandi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici in diversi modi: disciplinando l’attività professionale sia per l’attività sanitaria sia per le norme etiche di comportamento; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica. Tra gli obiettivi c’è anche l’istituzione di un albo professionale nazionale della categoria.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migranti e violenze

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

parlamento europeo“Senza che il Parlamento europeo sia stato informato, sono in corso nello spazio Schengen retate brutali contro migranti e persone in fuga da zone di guerra, carestie, disastri climatici. La più importante di queste operazioni poliziesche porta un nome classicheggiante, Mos Maiorum. Iniziata il 13 ottobre, finirà il 26. È stata proposta il 10 luglio dalla Presidenza italiana ai partner europei in un Consiglio dei ministri dell’Interno e della Giustizia. Lo scopo che si pretende di raggiungere con l’operazione: debellare il traffico di immigrati. Il risultato rischia di essere ben diverso: i fuggitivi senza documenti saranno più che mai spinti nella clandestinità e nella dipendenza da reti malavitose.Abbiamo appreso nel frattempo che le forze dell’ordine italiane vengono incaricate nell’ambito di operazioni simili di identificare con la violenza i migranti privi di documenti. Una circolare di cui siamo in possesso, anche se non sappiamo la data esatta, ordina alla polizia italiana di procedere – cito – all’”acquisizione di foto e di impronte digitali anche con l’uso della forza se necessario”.È evidente la violazione dei diritti della persona, del principio di non discriminazione etnica, del non respingimento dei migranti. Mos Maiorum si iscrive in una violenza ormai sistemica di cui chiedo conto al Consiglio. Chiedo anche alla nuova Commissione se non sia il caso, come già rivendicato l’estate scorsa dall’europarlamentare Harlem Désir – quando il governo francese annunciò lo smantellamento di alcuni campi Rom, il 5 agosto scorso – di attivare procedure d’infrazione a seguito di queste operazioni.”

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrazione e lavoro domestico

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 ottobre 2014

fuga migranti2Continuano ad essere esorbitanti i dati statistici sul lavoro sommerso in Italia, in particolare quello che coinvolge i cittadini stranieri. A seguito di tale emergenza, nel 2012 è stata emanata una cosiddetta “sanatoria” al fine di regolarizzare i rapporti di lavoro non dichiarati dei lavoratori domestici stranieri senza regolare permesso di soggiorno (purché non colpiti da espulsione e senza specifici precedenti penali). Tale sanatoria prevede una procedura di emersione attraverso la quale il datore di lavoro e lavoratore dichiarano, presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione, l’esistenza del rapporto di dipendenza al fine di regolarizzarlo.
L’art. 5 della sanatoria (d. lgs. 109/2012) limita tuttavia la possibilità di attuare la procedura di emersione alla presenza di due requisiti:
1) il rapporto di lavoro “sommerso” deve esistere continuativamente da almeno 3 mesi dall’entrata in vigore della sanatoria (ovvero dal 9 agosto 2012);
2) il lavoratore irregolare deve trovarsi in territorio italiano almeno dal 31 dicembre 2011 in maniera ininterrotta.
Punto critico della procedura è la dimostrazione dell’esistenza del rapporto di lavoro, posto che si tratta, per definizione, di una situazione di fatto non facilmente dimostrabile proprio per l’assenza di documentazione, per così dire, ufficiale.
Di recente, però, il Consiglio di Stato, investito di un’impugnazione riguardante proprio il rigetto di una procedura di regolarizzazione, ha aperto uno spiraglio sulla delicata questione, alleggerendo l’onere probatorio delle parti che richiedono l’emersione.
Con la sentenza 2855 del 26 settembre scorso, infatti, il Consiglio di Stato si è pronunciato su una decisione del TAR Umbria, che in primo grado aveva confermato il rigetto, già disposto dalla Prefettura, della emersione di un cittadino straniero e del suo datore di lavoro. L’Ufficio presso la Prefettura aveva infatti respinto la richiesta poiché non riteneva sussistente il primo requisito richiesto dalla sanatoria, ovvero che il rapporto di lavoro durasse da almeno 3 precedenti il 9.8.2012. Inoltre, il TAR aveva ritenuto non provato tale presupposto.
In sede di appello innanzi al Consiglio di Stato, la difesa del cittadino straniero appellante ha fatto notare come non fossero stati valutati affatto i documenti dimostranti il rapporto di lavoro, consistiti soprattutto in prove testimoniali. In tali casi, infatti, la valutazione non può prescindere da testimoni e altri documenti, i quali, pur non essendo dirimenti, sono gli unici concepibili in un rapporto solo di fatto, che si vuole appunto “ufficializzare” con la procedura di emersione. Anche dal punto di vista strettamente giuridico, l’art. 5 della sanatoria (d. lgs. 109/2012), prevedendo i requisiti per la procedura, richiede la loro dichiarazione, non anche dimostrazione (“i datori di lavoro italiani o cittadini di uno Stato membro dell’Unione Europea, ovvero i datori di lavoro stranieri in possesso del titolo di soggiorno previsto dall’art. 9 del Testo Unico d cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni e integrazioni, ch
e, alla data d entrata in vigore del presente d. lgs., occupano irregolarmente alle proprie dipendenze da almeno 3 mesi, e continuano ad occuparli alla data di presentazione della dichiarazione di cui al presente comma, lavoratori stranieri presenti nel territorio italiano in modo ininterrotto almeno dalla data del 31 dicembre 2011, o precedentemente, possono dichiarare la sussistenza del rapporto di lavoro allo Sportello Unico per l’immigrazione, previsto dall’art. 22 del d. lgs. 286/1998 (…)”. Al contrario, come conferma il Consiglio di Stato, può essere contestata la veridicità del rapporto di lavoro, da parte della Prefettura, fornendo prove concrete dell’inesistenza del rapporto; ma fino a quel momento, la dichiarazione effettuata dal richiedente fa fede ai fini di un corretto inoltro dell’istanza. Non a caso, il comma 15 dell’art. 5 d. lgs. recita: “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque presenta false dichiarazioni o attestazioni ovvero concorre al fatto, nell’ambito della procedura di emersione prevista dal presente articolo, è punito ai sensi dell’art. 76 T.U. di cui al decreto P.d.R. 445/2000”.
La pronuncia del Consiglio di Stato, che ha accolto l’appello del cittadino straniero, è quindi decisiva nel sollevare il cittadino straniero istante dall’onere di dimostrare l’esistenza del rapporto di lavoro – onere assolutamente gravoso, data la natura irregolare del rapporto- , affermando che “non può negarsi validità alle dichiarazioni rese nell’ambito della procedura di cui trattasi in mancanza di elementi concreti e valide argomentazioni”; e ancora: “in mancanza di elementi concreti che le smentiscono e in presenza di elementi che tendono a confermarle e a renderle comunque credibili (…), l’Autorità Amministrativa deve stare alle dichiarazioni per come sono state precisate dalle parti, salvo che abbia elementi concreti per dimostrarne la falsità”. Unico limite al corretto inoltro dell’istanza è quindi la prova, da parte della Prefettura, dell’inesistenza del rapporto di lavoro, sostenuta da prove concrete. (Cristiana Olivieri, Consulente legale Aduc)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »