Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 5 novembre 2014

O inflation, where are thou?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

infortuni-lavoroThe unemployment rate is heading towards full-employment, asset purchases by the Fed have ended. Logically, the next stage is to raise policy interest rates. But there is a problem: whilst fundamentals favour price increases, inflation remains stubbornly low, a trend which is not exclusive to the US. The recent fall in oil prices is such that inflation of below 1% in a few months is a distinct possibility. The Fed therefore risks becoming inaudible, pulled between those demanding a re-activation of QE due to low inflation and those who wish to pursue the normalisation of monetary policy due to low unemployment. (Anna Zaffoni)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Why we should believe in European defence

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

elisabethGuest speaker of the 5th edition of the “Ateliers de la Citadelle”, entitled “Europe without defence? Crises and Perspectives for the Common Security and Defence Policy”, organised by the City of Lille and the Mission Lille Eurométropole défense et sécurité (LEDS) in partnership for the first time with Notre Europe – Jacques DelorsInstitute and Toute l’Europe, on 9 October 2014, Elisabeth Guigou, president of the Foreign affairs committee at the French National Assembly, calls the member states to engage in the European defence.
Her speech scrutinises:
1. the current alarmist framework calling Europeans to take their responsabilities,
2. fifty years on the roller coaster of the European defence,
3. promising initiatives taken since the European Council of December 2013,
4. an increasing European awareness of security challenges provoked by the crisis, to finally conclude by advocating that the European credibility will more than ever rely on the member states’ capacity to be serious in matters of defence.(photo: notre europe)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Situation in the Mediterranean, terrorism, equal treatment, UK opt out

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

BruxellesBruxelles Wednesday 5 November and Thursday 6 November Room: Paul-Henri Spaak (PHS) 3C050Situation in the Mediterranean one year after Lampedusa tragic events – presentation by the Chair, Claude Moraes (S&D, UK), and adoption of an oral question addressed to the European Commission and to the Council on the situation in the Mediterranean and the need for a holistic EU approach to migration (Wednesday, 9.15 – 9.50)- Terrorism, foreign fighters and EU Terrorism Situation and Trend Report (TE-SAT) – debate with Rob Wainwright, Director of Europol, Gilles De Kerchove, EU Counter-terrorism Coordinator, Michèle Coninsx, President of Eurojust, Mara Marinaki, Director for Multilateral and Global Affairs, European External Action Service (EEAS), and Claudio Galzerano, Chairman of EU Council’s Terrorism Working Party (TWP) (Wednesday, 16.30 – 18.30)- Equal treatment of persons irrespective of religion or belief, disability, age or sexual orientation – presentation of the state of negotiations in the presence of the Italian Presidency of the Council – rapporteur: Ulrike Lunacek (Greens/EFA, AT) (Wednesday, 9.50 – 10.20)
– “UK opt out and opt back in” – The transitional provisions in the field of judicial cooperation in criminal matters and police cooperation (Lisbon Treaty – Protocol 36) – presentation by the Commission and the Council Presidency on the state of negotiations with the United Kingdom (Thursday, 9.00 – 10.00)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stopping black carbon will not buy time for global warming action, new study shows

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

black carbonClimate action efforts that focus on so-called “short-lived climate forcers” (SLCF) such as black carbon will do little to keep global warming below 2˚C in the long term, says a new study published today in the Proceedings of the National Academy of Sciences.The study, authored, amongst others, by three Climate Analytics scientists – Joeri Rogelj (lead author), Michiel Schaeffer and Bill Hare – shows that efforts to focus on cutting black carbon must go hand in hand with wider efforts to cut carbon dioxide emissions, or they’ll have little effect on global warming.Some governments have seized upon reducing black carbon as a way to fight climate change in the short term. The new study now puts important question marks next to the effectiveness of such action for limiting climate change in the long term.The new study has done what previous studies haven’t: it focused on the link between short-lived climate forcers like black carbon and long-lived forcer CO2. They are often released from common sources and are therefore intricately linked, for example black carbon is emitted alongside CO2 from a coal-fired power station, just as it is emitted from a diesel vehicle. For reasons of simplification, this linkage was often ignored by studies that carried out long-term projections of the climate effects of SLCF’s. But this turns out to be the crucial missing link in the understanding of what black carbon can contribute in the long term.“Reducing black carbon will clean up our air and reduce our impact on the climate in the next couple of decades, but we find that it cannot be a substitute for action to stop carbon dioxide emissions,” said Dr Joeri Rogelj, lead author of the paper.“It turns out that reducing black carbon cannot buy us time for putting in place stringent carbon dioxide emission reductions.” The authors found that while deep cuts in methane in the short term do hedge against exceeding important temperature thresholds, they only do this if linked with deep cuts in carbon dioxide emissions. The effects of methane and hydrofluorocarbons (HFC’s) are fairly robust across all scenarios, but in the long term, black carbon’s effects become vanishingly small. Consequently lumping these together would obscure many of these important differences.
From a climate perspective, Governments would be better to focus on comprehensive C02 mitigation policies that will lead to reductions in co-emitted pollutants like black carbon along the way. At the same time, the local health benefits of black carbon can still be a valid, yet entirely different, motivation for reducing black carbon in the near term. “A rapid phase out of carbon dioxide emissions, including eliminating unmitigated coal from our energy mix, remains the single biggest measure for early action on global warming, which would also reduce a large of air pollutants including black carbon”. This confirms – from a very different perspective – the key finding of a limited carbon budget in the just-published Synthesis Report by the Intergovernmental Panel on Climate Change,” said Dr Michiel Schaeffer.Reducing black carbon and sulfur dioxide from the atmosphere can be done in ways that don’t address carbon dioxide, such as cleaning up car exhausts, diesel engines, and changing fuel in cookstoves, but this would contribute little to the fight against global warming in the long term.“Efforts to clean up black carbon and other pollutants are all very well and good for their human health benefits, but if we don’t tackle the key gas, carbon dioxide, then we’re not going to solve the problem,” said another of the authors, Dr Bill Hare.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congo: nuovi massacri nei pressi della città di Beni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

congoIn seguito a un nuovo massacro avvenuto nei pressi della città congolese di Beni, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha chiesto ai Caschi Blu delle Nazioni Unite maggiore impegno per la protezione della popolazione civile della regione del Kivu. Nella notte di sabato 1 novembre otto persone sono state uccise in un agguato compiuto presumibilmente da ribelli dell’ADF (Allied Democratic Forces – Forze Democratiche Alleate).Dagli inizi di ottobre ad oggi nella città di Beni e nei suoi dintorni sono state uccise almeno 101 persone in attacchi di presunti miliziani dell’ADF. Vittime della crescente violenza dell’ADF non è più solo la popolazione civile delle città ma sempre più anche i gruppi di Pigmei che vivono nelle foreste attorno a Beni. Durante l’aggressione del 1 novembre, i miliziani dell’ADF hanno ucciso sei civili e due soldati nel quartiere di Bel Air. Questa attacco segue di pochi giorni quello del 30 ottobre compiuto contro diversi villaggi e in cui sono morti una contadina nel fuoco appiccato alla sua abitazione e diversi altri contadini e cercatori d’oro uccisi a colpi di machete. Altre 84 persone erano state uccise nelle settimane precedenti.Una delle più importanti basi del gruppo ribelle ugandese di stampo islamico ADF si trova proprio vicino a Beni nella Repubblica Democratica del Congo. Da aprile 2013 l’ADF ha intensificato la propria attività militare e tramite il reclutamento forzato ha considerevolmente aumentato il numero dei suoi combattenti. Il gruppo ribelle si procura alimenti e altri beni uccidendo e terrorizzando i contadini e attacca con machete la popolazione civile. L’APM si appella direttamente alla missione Monusco dell’ONU, i cui effettivi sono stazionati nella regione del Kivu settentrionale. E’ fondamentale che la popolazione civile sia effettivamente e efficacemente protetta dalla crescente violenza dei miliziani.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arriva la rivoluzione per l’assegnazione di 1,5 miliardi di fondi statali in base al merito: per molti atenei del Sud sarà la fine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

stefania gianniniLa nuova ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario è già stata firmata dal Ministro, Stefania Giannini, e inviata alla Corte dei conti. Le rassicurazioni del Miur: oltre il 22% delle risorse disponibili quest’anno sarà distribuito sulla base delle performance dei singoli atenei, tra quota premiale, programmazione triennale, dottorati di ricerca, fondo per i giovani e fondo perequativo. Tra i requisiti figura anche l’internazionalizzazione delle università. Marcello Pacifico (Anief-Confedir): il Ministero parla di clausole di salvaguardia, ma è evidente che queste risorse verranno assegnate con il contagocce negli atenei collocati nei contesti svantaggiati: si ragiona, infatti, sulla base di performance di carattere nazionale. E un modello simile potrebbe purtroppo essere in serbo anche nella scuola, dove però oltre nel frattempo i fondi si sono già prosciugati.Il Governo ha intenzioni di riformare non solo la scuola, ma anche l’Università. Il metro però è sempre lo stesso: quello dell’inserimento del merito adottando tagli ai finanziamenti complessivi. Il Miur ha infatti comunicato che è in arrivo una vera “rivoluzione nell’assegnazione dei fondi alle università: oltre il 22% delle risorse disponibili quest’anno – fa sapere il Ministero – sarà distribuito sulla base delle performance dei singoli atenei, tra quota premiale, programmazione triennale, dottorati di ricerca, fondo per i giovani e fondo perequativo”. La novità, che riguarda circa l’assegnazione di un miliardo e mezzo di euro l’anno, è contenuta nel decreto di ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO), firmato dal Ministro Stefania Giannini e inviato al vaglio della Corte dei conti, che introduce per la prima volta nel calcolo per la ripartizione delle risorse anche il costo standard di formazione per studente in corso. Si tratta di un caso unico nella Pubblica Amministrazione.Il Fondo di finanziamento ordinario ammonta, per il 2014, a poco più di 7 miliardi di euro (7.010.580.532). Il 18% di queste risorse (1.215.000.000) è assegnato alla cosiddetta quota premiale su cui pesano i risultati conseguiti nella valutazione della ricerca (per il 70%), la valutazione delle politiche di reclutamento (20%), i risultati della didattica con specifico riferimento alle aperture internazionali (10%). Anche altri stanziamenti come il fondo per i dottorati, quello per il sostegno ai giovani e il piano triennale delle università (per complessivi 259.296.174 euro) vengono ripartiti attraverso criteri meritocratici. Una fetta della quota base dell’FFO è poi assegnata, per 1 miliardo circa, in base al costo standard di formazione per studente in corso. Un sistema inedito che punta ad agganciare lo stanziamento delle risorse non più a criteri storici, ma alla qualità e alla tipologia dei servizi offerti agli studenti. “Il decreto – assicurano dal Miur – tiene conto degli atenei situati in contesti economicamente più deboli, con clausole di salvaguardia che stabiliscono un tetto massimo di riduzione dei fondi pari al 3,5%, contro il 5% del 2013”. Tuttavia, fa notare l’Anief, sarà inevitabile che ad essere penalizzati da questa nuova distribuzione di oltre il 20% delle risorse saranno gli atenei collocati nei contesti più svantaggiati, ad iniziare da quelli del Sud. Chi potrà pagare, del resto, l’addio ai tetti all’incremento degli stanziamenti destinati agli atenei virtuosi, quelli che hanno aumentato il livello della loro prestazione, introdotto proprio che queste nuove disposizioni? E chi uscirà danneggiato dall’aumento sensibile della quota premiale del finanziamento (dal 13,5% del 2013 al 18% del 2014), che sarà distribuita prendendo in considerazione anche l’internazionalizzazione delle università?
“Le rassicurazioni del Ministero sul tenere in considerazioni i problemi oggettivi in cui versano le facoltà universitarie dei Sud – sostiene Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – non ci convincono, perché è evidente che i fondi per il merito verranno assegnati principalmente sulla base di modelli e performance di carattere nazionale. Ma non solo: abbiamo il fondato motivo di temere che un modello del genere possa essere adottato anche nella scuola”.“Le premesse di questo scenario – continua Pacifico – sono contenute nelle linee guida della stessa ‘Buona Scuola’, ancora per due settimane sottoposta all’esame degli italiani, dove si parla espressamente di valutazione degli istituti e scatti stipendiali legati da assegnare in base all’efficienza delle strutture e dei singoli docenti. Oltra alla inevitabile sperequazione che si verrebbe a creare, con le scuole del Meridione, in particolare quelle delle isole maggiori, penalizzate in partenza per la presenza di studenti difficili e un contesto socio-culturale dimesso, viene da chiedersi di cosa stiamo parlando visto che le risorse destinate alle scuole sono già state abbondantemente assorbite”.“Oltre la metà del fondo d’istituto è stato infatti destinato alla copertura degli scatti di anzianità. E quello che rimane del Mof, poco più di 600 milioni di euro da dividere per 8.400 scuole autonome sparse per il territorio, dovrebbe servire per tenere in vita funzioni extra, progetti, visite culturali, corsi di recupero e tanto altro. Viene da chiedersi – conclude il sindacalista Anief-Confedir – come si può pensare di parlare, in queste condizioni di modesta copertura finanziaria, di spinta del merito e di innalzamento della qualità dell’istruzione pubblica”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenire l’autismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

autismoDa uno studio sperimentale la proposta di un modello a tre fattori, genetici, ormonali e ambientali, per comprendere il rischio autismo.L’Autismo esordisce in età infantile ed è rilevabile già prima dei tre anni di vita. Associato o non a delle cause organiche, l’autismo è riconoscibile dai sintomi che impediscono o pongono delle serie difficoltà al bambino nel suo processo di entrata nel linguaggio, nella comunicazione e nel vincolo sociale. Le stereotipie, le ecolalie, l’assenza di linguaggio, l’aggressività rivolta su di sé sono alcuni dei sintomi che mostrano l’isolamento del bambino o dell’adulto dal mondo che lo circonda e la sua tendenza a bastare a sé stesso.
Recentemente si è molto parlato di un possibile incremento dei casi di autismo chiamando in causa di volta in volta fattori ambientali o tossici diversi. Ultima in linea temporale è la polemica sulla relazione fra vaccinazione anti-morbillo-parotite-rosolia (Mpr) e autismo che ha avuto ampia eco sui media e che è stata definitamente smentita da più sedi di grande autorevolezza. Indipendentemente dalle diverse polemiche e dalle loro strumentalizzazione pare evidente l’interesse generale sui meccanismi patogenetici dell’autismo. Attualmente, le cause dell’autismo sono ancora sconosciute, ma esiste un consenso nel sostenere che alla base dell’autismo non vi sia un unico fattore, ma che esso sia il risultato della interazione fra fattori diversi. Sicuramente il fattore genetico riveste una notevole importanza ma studi statistici ed evidenze clinico/sperimentali indicano come un grosso perso rivestano anche variazioni ormonali durante lo sviluppo e possibili tossici ambientali.
E’ a partire da questi elementi che tre anni fa, grazie ad un finanziamento della fondazione USA Autism Speaks, è stata avviata una ricerca dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia e del Campus Bio-Medico, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e l’Università di Pisa. I risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati on line sulla rivista Neurotoxicology.
In questo studio, condotto dalla Dr.ssa Laura Latini del Laboratorio di Neuroriabilitazione Sperimentale diretto dal Dr. Marco Molinari (IRCCS FSL), insieme al Dr. Filippo Biamonte del Laboratorio delle Neuroscienze dello Sviluppo e della Plasticità Neurale diretto dal Prof. Flavio Keller (Campus Bio-Medico), sono state dimostrate le interazioni a livello cellulare e comportamentale dei tre principali fattori imputati nella genesi del disturbo autistico: il fattore genetico, il fattore sessuale ed il fattore ambientale. Gli esperimenti sono stati eseguiti analizzando gli effetti degli ormoni sessuali, della alterazione genetica della sintesi di Relina, (proteina fondamentale nell’embriogenesi), e della esposizione a mercurio nel periodo prenatale e perinatale sullo sviluppo di comportamenti autistici. Ognuno dei fattori preso isolatamente non era in grado di sviluppare comportamenti autistici, mentre l’interazione fra loro induceva la comparsa di diversi indicatori del disordine autistico sia a livello cellulare che comportamentale. In sintesi, lo studio dimostra che comportamenti autistici possono derivare dalla coesistenza di condizioni ormonali, genetiche e ambientali che prese singolarmente non hanno rilevanza patologica. Lo studio fornisce una importante prova sperimentale alla validità della ipotesi patogenetica multifattoriale e pone le basi sperimentali per studiare a livello cellulare e comportamentale la complessa triade ambiente/genetica/ormoni considerata l’ipotesi più accreditata sulla patogenesi dell’autismo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come genetica e ambiente influenzano il libero arbitrio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

libero arbitrioIl neuroscienziato Pietrini con il professor Morgante hanno discusso al Future Forum di come la “predisposizione” genetica possa condizionare anche i comportamenti criminali. In futuro potrebbero portare a ripensare a pene e riabilitazioni più adeguate a rispondere a determinate patologie Non solo l’ambiente, ma anche i fattori genetici possono condizionare i comportamenti dell’uomo, influenzare il libero arbitrio e la capacità di controllo di impulsi automatici. E di conseguenza aumentare o diminuire la probabilità che insorgano comportamenti criminali, con tutto ciò che ne deriva: come questi casi vengono trattati in tribunale e quali sono le pene e le riabilitazioni più adeguate.
Con il professor Michele Morgante dell’Università di Udine e Pietro Pietrini, ordinario di biochimica e biologia molecolare clinica all’Università di Pisa , questa sera al Future Forum 2014 si è parlato delle conseguenze sul futuro degli studi genetici, «che negli ultimi anni – ha introdotto Morgante – stanno vivendo uno sviluppo sempre più rapido. Nel prossimo futuro potremo capire meglio quali sono i determinanti genetici delle caratteristiche fenotipiche e dei nostri comportamenti. Ci vuole però ancora uno sforzo di “modellizzazione” e teorizzazione che finora e mancato. E potrà essere d’aiuto anche riuscire ad attingere al contributo di altre discipline, con l’obiettivo riuscire a rendere il nostro fare ricerca molto più predittivo che descrittivo». Che cosa stiamo ora imparando dalla genetica in termini di libertà del nostro agire l’ha spiegato Pietrini, che peraltro è stato il primo al mondo ad applicare anche un esame neuroscientifico e del dna alla perizia psicologica “classica” in un caso di omicidio successo proprio a Udine nel 2007. Gli esami hanno confermato fra l’altro la presenza di alcuni fattori genetici associati ad uno scarso controllo di comportamenti automatici e dell’aggressività. Si è arrivati poi a una sentenza di secondo grado più lieve per l’omicida. «Così come i fattori ambientali, i fattori genetici non determinano necessariamente un comportamento, ma lo condizionano – ha precisato Pietrini –. È necessario spostare la lancetta da “bad” a “mad”: ci sono comportamenti automatici, espressione diretta di una patologia, che le persone non compiono per scelta, ma perché non li possono controllare. Non c’è determinismo, c’è un aumento di probabilità di sviluppare alcuni comportamenti in presenza di un determinato fattore genetico». Di qui la prima necessità in Italia. «Considerare le patologie psichiatriche alla stessa stregua delle altre patologie che colpiscono l’organismo – ha rimarcato Pietrini –: questo è il primo passo che porta a classificare correttamente i comportamenti umani». E, in caso di comportamenti criminali anche a identificare qual è la pena e quali le forme di riabilitazione più idonee.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore alla mammella: scoperto biomarker

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

Natali CANCRO acrilico su tela lavorata a mano 100x100Si chiama TAZ ed è un’oncoproteina candidata a nuovo potente biomarcatore predittivo dell’efficacia della chemioterapia pre-chirurgica per il carcinoma mammario. Lo dimostra uno studio firmato da ricercatori dell’Istituto Regina Elena e pubblicato di recente sulla rivista Oncotarget.
I ricercatori dell’Istituto Regina Elena di Roma avevano precedentemente dimostrato che l’elevata espressione di TAZ è un importante fattore prognostico negativo nei tumori della mammella, in quanto questa proteina agisce sulle cellule staminali tumorali proteggendole dalla chemioterapia.
Il nuovo lavoro di questa equipe di ricercatori e clinici dell’Istituto Regina Elena IRE ha indagato il legame tra la presenza della proteina TAZ e il tipo di risposta alla terapia neoadiuvante (pre-operatoria) nelle pazienti con tumore al seno HER2-positivo. I risultati dimostrano che una buona risposta al trattamento con chemioterapia e trastuzumab si ottiene solo se nei tumori vi è una bassa espressione di TAZ, mentre livelli elevati di TAZ sono correlati ad una mancata risposta al trattamento.
L’obiettivo è che diventi routine clinica, per la scelta della terapia, rilevare la presenza o meno del marcatore tumorale TAZ nelle donne con tumore della mammella HER2 positivo, in modo da poter effettuare una terapia preoperatoria solo nelle pazienti che ne possano beneficiare realmente.
La ricerca IRE è stata finanziata grazie al sostegno di un programma di ricerca AIRC finanziata al prof. De Maria.L’attivazione dell’oncoproteina TAZ sta emergendo come un importante segnale molecolare dello sviluppo di cancro della mammella.“Clinicamente – spiega Ruggero De Maria, Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena – è fondamentale riuscire a predire una buona risposta al trattamento neoadiuvante che deve essere in grado di far scomparire la lesione tumorale per permettere alla chirurgia di essere più efficace e meno invasiva. Questo lavoro permette di comprendere con una metodologia piuttosto semplice se i tumori della mammella HER2 positivi possano giovarsi della terapia pre-chirurgica standard”
Riferimenti dello studio: Vici et al. The Hippo transducer TAZ as a biomarker of pathological complete response in HER2-positive breast cancer patients treated with trastuzumab-based neoadjuvant therapy. Oncotarget (Online ISSN: 1949-2553).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Boom per i test diagnostici in vitro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

test diagnosticoNonostante le sfide economiche e industriali, il mercato globale dei dispositivi medico-diagnostici in vitro (IVD) sta crescendo con forza – ad un tasso doppio rispetto al settore farmaceutico globale. Il mercato resterà vivace poiché il recente successo della diagnostica complementare e della medicina personalizzata, che permettono un risparmio sui costi, favorisce l’adozione di diversi test in vitro e apre nuove opportunità di espandere i test disponibili. Sebbene i mercati di USA ed Europa continuino ad essere importanti, il loro rallentamento richiede di guardare al mercato globale. Di conseguenza, la regione Asia-Pacifico sta diventando una destinazione redditizia per i produttori di IVD. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Analysis of the Global In Vitro Diagnostics Market”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 47,27 miliardi di dollari nel 2013 e stima che questa cifra raggiungerà quota 62,63 miliardi di dollari nel 2017. Lo studio riguarda immunochimica, automonitoraggio della glicemia (SMBG), analisi point-of-care (POCT), diagnostica molecolare, ematologia, microbiologia clinica, emostasi e diagnostica dei tessuti. “L’ampio potenziale di applicazione e la tendenza al ribasso dei prezzi, possibile grazie all’integrazione con la microfluidica, alimentano la crescita a lungo termine del segmento dei test point-of-care (POCT). Nonostante l’incertezza del mercato, anche il segmento relativo all’ematologia sta guadagnando terreno grazie al lancio di nuovi prodotti, al sostegno derivante dalla base installata esistente e alle esigenze dei mercati emergenti, – afferma Divyaa Ravishankar, analista di Frost & Sullivan. – Oltre a questi segmenti, è promettente anche quello della diagnostica molecolare, grazie alla continua domanda da parte dei mercati sviluppati di USA ed Europa.” Tuttavia, i bassi rimborsi della sanità pubblica per i prodotti per l’automonitoraggio della glicemia negli Stati Uniti e in Europa hanno un impatto negativo sullo sviluppo di questo segmento. Le aziende produttrici di IVD si stanno rivolgendo ai mercati emergenti per compensare la diminuzione del passo del mercato nei paesi sviluppati. Poiché la pressione dei prezzi e la concorrenza sempre più intensa caratterizzano i mercati emergenti, i produttori di IVD devono operare strategicamente in questi territori. Inoltre, i budget già ridotti dei laboratori, la carenza di personale e il minor numero di visite mediche effettuate da coloro che hanno perso l’assicurazione sanitaria fornita dall’azienda ostacolano la vendita di test diagnostici in vitro a livello globale. La connettività insufficiente nelle strutture sanitarie limita la capacità di erogare test diagnostici, creando ulteriori difficoltà al mercato. “Ciò nonostante, e poiché i test diagnostici vanno verso la semplicità e la decentralizzazione, la domanda crescerà, – osserva Ravishankar. – Tutto ciò non solo incoraggerà l’ingresso nel mercato della diagnostica molecolare tramite acquisizioni, ma aumenterà anche la diffusione di biomarcatori che possono essere testati al livello del point-of-care.” Gli operatori del mercato devono impiegare diverse strategie, piuttosto che fare affidamento su un portfolio completo di prodotti, per espandere il proprio business. Si prevede che le strategie adottate saranno:
· Investire nel sequenziamento di prossima generazione (NGS)
· Rafforzare il portfolio di prodotti in un’area specifica
· Entrare nei mercati emergenti stringendo alleanze con le aziende locali
· Acquisire un laboratorio certificato CLIA (Clinical Laboratory Improvement Amendments) per commercializzare rapidamente nuovi test diagnostici
· Licenziare a terzi piattaforme tecnologiche proprietarie o avviare collaborazioni con importanti istituti di ricerca
· Integrare i big data nello sviluppo dei prodotti e aumentare la connettività dei dispositivi
· Offrire macchine personalizzate e semplificate per migliorare l’accesso e lo sviluppo clinico
Lo studio “Analysis of the Global In Vitro Diagnostics Market” fa parte del programma Life Sciences Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo argomento sono: “US Hematology Diagnostics Market”, “US Next-generation Sequencing Market”, “Global Next-generation Sequencing Market”, “European Next Generation Sequencing Markets”, “Analysis of the Global Tissue Diagnostics Market” e la ricerca di prossima pubblicazione “US Immunochemistry Market”. Tutte le analisi comprese nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani diabetici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 novembre 2014

diabete_21-300x224Secondo i dati Istat 2013, in Italia il diabete interessa il 5,4% della popolazione, il che vale a dire che più di 3 milioni di italiani ne soffrono, lo stesso OMS parla addirittura di vera e propria “epidemia” del diabete.
Il diabete di tipo 2 rappresenta il 90% dei casi: la prevalenza aumenta con l’età fino a raggiungere il 20,4% nelle persone con età uguale o superiore ai 75 anni. Per quanto riguarda la distribuzione geografica in Italia, la prevalenza è più alta nel Sud e nelle Isole, con un valore del 6,6%, seguita dal Centro con il 5,3% e dal Nord con il 4,6%.Numeri importanti, che tenderanno a crescere se non si metteranno in atto tutte le misure concrete predisposte all’interno del PND.Di diabete e dello stato di implementazione del Piano nazionale sulla malattia diabetica si discute oggi a Roma durante il Workshop “Il Piano Nazionale sulla malattia diabetica: una best practice al banco di prova dell’implementazione regionale”, promosso da AboutPharma, con il patrocinio del Ministero della Salute e organizzato con il contributo di AstraZeneca. L’evento, che si pone a chiusura di una serie di incontri regionali dal titolo “Il Piano Nazionale sulla Malattia diabetica al banco di prova dell’attuazione regionale: una valutazione di sistema”, vuole illustrare le principali vie proposte dal Piano per affrontare le problematiche relative alla patologia e avviare un confronto tra il livello nazionale e i livelli regionali, analizzando le azioni intraprese e l’impegno assunto da 4 Regioni chiave (Puglia, Sicilia, Lombardia e Liguria) per l’implementazione del PND e la gestione della patologia.
L’obiettivo è quello di definire un’agenda operativa di lotta al diabete che si basi su 3 punti fondamentali, quali: istituzione di PDTA sul diabete, riallocazione delle risorse e concreta partecipazione delle persone con diabete nella lotta alla patologia.“Il Piano Nazionale sulla malattia diabetica è il documento più importante in materia di assistenza alla persona con diabete dai tempi della legge 115 del 1987 ed è l’unico Piano dedicato a una specifica patologia cronica non trasmissibile e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ponendosi così come pietra miliare nella storia dell’assistenza alla cronicità in Italia” – spiega Paola Pisanti dirigente del Ministero della Salute, Presidente della Commissione Nazionale Diabete. “Per un’efficace ed efficiente attuazione degli obiettivi proposti nel PND è fondamentale che le Regioni continuino ad impegnarsi, oltre che nel recepimento, anche nell’effettiva implementazione dello stesso al fine di garantire i più opportuni assetti locali nella gestione del diabete” – conclude la Pisanti.”“Nonostante si riscontrino elevati tassi di prevalenza e un alto rischio di complicanze, la gestione del diabete rappresenta un modello di riferimento tra le patologie croniche, poiché si presta ad essere definito da un percorso diagnostico-terapeutico abbastanza delineato” – sostiene Americo Cicchetti, Professore di Organizzazione Aziendale e Direttore dell’ALTEMS dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. “Lo stesso PND evidenzia la necessità di implementare i LEA secondo le priorità di salute delle persone con diabete e nel rispetto della condivisione dei Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA), i quali vanno costruiti attraverso rigorosi percorsi che selezionano le tecnologie da adottare (farmaci, dispositivi, ecc.) secondo l’approccio dell’health technology assessment” – conclude Cicchetti.“L’Italia ha una formidabile rete di assistenza specialistica diabetologica, invidiataci in tutto il mondo anche per i risultati che ha conseguito. Ci sono evidenze forti di cost-effectiveness di questa rete” – dichiara Enzo Bonora, Presidente della Società Italiana di Diabetologia. “La rete costa l’1% del totale della spesa attribuibile al diabete” – continua Bonora – “una rete che il PND ha considerato come irrinunciabile e che va solo ottimizzata a costo zero, eliminando piccoli ambulatori isolati i cui professionisti che vanno collocati in centri dotati di tutte le risorse necessarie. Una rete di secondo e terzo livello che va integrata con la rete di primo livello (i MMG) anche grazie all’uso massiccio dell’informatica”.“Nonostante nell’ultimo decennio sia cambiata la percezione della malattia da parte dell’opinione pubblica, il diabete è ancora oggi una di quelle malattie che il paziente stesso tende a trascurare”- sostiene Antonio Ceriello, Presidente dell’Associazione Medici Diabetologi. “Vista la complessività e la variabilità della patologia da soggetto a soggetto, ci stiamo muovendo sempre più verso una personalizzazione dell’approccio, che combini l’appropriatezza della cura con la tempestività, nell’idea che bisogna trattare subito e trattare bene. L’AMD, a questo proposito, ha lanciato il Progetto quadriennale NICE – Need is core of effectiveness” – conclude Ceriello.“Una concreta attuazione degli obiettivi del Piano deve prevedere l’effettivo coinvolgimento delle Associazioni pazienti nei tavoli decisionali, come anche auspicato nel più recente Patto della Salute, con il fine ultimo di raggiungere quei livelli di assistenza appropriati che costituiscono la condizione preliminare essenziale per migliorare la qualità di vita delle persone” – sottolinea Egidio Archero, Presidente della FAND.“AstraZeneca è impegnata a fornire terapie sempre più efficaci ed innovative” – commenta Nicola Braggio, Amministratore Delegato di AstraZeneca Italia. “Con questa consapevolezza abbiamo scelto di contribuire all’organizzazione di incontri regionali per avviare un confronto tra quanto stabilito dal PND e quanto realmente recepito e applicato a livello locale” – conclude Braggio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »