Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 6 novembre 2014

Magnificent Jewels

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

gioielliHong Kong – This fall, Christie’s Hong Kong will hold its Magnificent Jewels sale on 25 November, presenting a spectacular spectrum of grand gemstones and jewels. The sale consists of approximately 300 lots, estimated to fetch combined total of HK$650 million / US$80 million. Led by a 10.10 carats Burmese no heat pigeon’s blood red ruby, a 2.09 carats fancy red diamond and a 3.39 carats fancy vivid blue internally flawless clarity diamond, the auction also features a dazzling rainbow of coloured gemstones from Kashmir sapphires to Colombian emeralds, as well as a grand selection of multi-coloured diamonds. Further complementing the sale are a pair of sizable jadeite cabochon ear studs and an important natural coloured pearl and diamond pendant necklace.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migration: MEPs quiz Commission and Council on plans to prevent further deaths in the Mediterranean

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

african_migrants.jpg.crop_displayThe Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee approved today oral questions addressed to the European Commission and to the Council on the situation in the Mediterranean and the need for a holistic EU approach to migration. MEPs want to know what are their plans to step up solidarity and a fair sharing of responsibility among member states, to ensure that search and rescue obligations are effectively fulfilled and to improve cooperation with third countries, among other issues.The oral questions to the Commission and Council are to be addressed in the plenary of 24 to 27 November, with a debate. A resolution is then expected to be voted in December’s plenary session.
Oral question on the situation in the Mediterranean and the need for a holistic EU approach to migration
In October 2013 the EP adopted its resolution on migratory flows in the Mediterranean. Shortly after Council set up a “Task Force Mediterranean” followed by several Commission Communications. In October 2014, the JHA Council adopted conclusions on “Taking action to better manage migratory flows”.
Could Council and Commission:
1) explain how to step up solidarity and a fair sharing of responsibility (in compliance with Article 80 TFEU) on the one hand towards Mediterranean Member States – initial destination of the refugees and migrants – but also on the other towards Member States of final destination which receive the highest numbers of refugees and asylum-seekers;
2) explain how to ensure that search and rescue obligations are effectively fulfilled, while tackling the criminal behaviour of smugglers and traffickers; and provide information on the practices by smugglers and traffickers in particular in relation to the causes of migrant deaths;
3) indicate whether they consider it necessary to broaden the activities of Frontex and confirm how long Triton is expected to last and how it will be funded in the medium and long term;
4) explain how they intend to develop safe and legal routes for asylum seekers and refugees into the EU;
5) explain how they strengthen the common resettlement policy and encourage higher and fairer participation by Member States;
6) explain how they will improve the overall strategy on cooperation with third countries, in particular on regional protection, resettlement, returns and to address the root causes of migration; what form will that strategy take in conflict zones, such as Libya and Syria?
7) explain how they intend to develop a comprehensive approach to migration, including adequate legal migration channels, as announced by President Juncker in his opening statement in EP;
8) provide a detailed analysis on how Home Affairs funds are spent in this context, including emergency funds, in particular for actions in the field of migration and asylum, border control, fighting smuggling and trafficking, and return, as well as funds relating to EU foreign and development policy;
9) explain how they will ensure an effective implementation of the CEAS and guarantee effective common standards for reception, procedures and qualification throughout the EU, protecting the most vulnerable and encouraging the social inclusion of refugees; whether the Commission is willing to launch infringement procedures if needed and whether it would revise the legislation if monitoring showed it is necessary.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

My brilliant friend by Elena Ferrante

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

torontoToronto. Saturday, November 29, 2014 – 2:00 pm.Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St., Toronto Free admission.Both the English and the Italian editions are available at the Toronto Public Libraries The discussion will be moderated by Franco Gallippi.Presented by EUNIC – Toronto (European Cultural Institutes of Toronto) Istituto Italiano di Cultura, Alliance Française de Toronto Goethe-Institut Toronto Camões Toronto
Ferrante, Elena. My Brilliant Friend. New York. Europe Editions, 2011.
The city of Naples seen through the friendship between Elena and Lila.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il ‘nuovo inizio’ della Commissione cruciale per il futuro dell’UE”

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

commissione europeaLa Commissione europea, guidata da Jean-Claude Juncker, si è insediata ed è già pienamente operativa. Oggi il Presidente ha tenuto la prima riunione settimanale con il resto del collegio di commissari. È la prima volta che una Commissione europea si insedia nei tempi da quando, nel 1994, la Commissione Delors ha introdotto le audizioni dinanzi al Parlamento europeo. Di solito si dice che ogni nuovo inizio è positivo ma in questa occasione possiamo aggiungere che questo nuovo inizio è anche cruciale per il futuro destino dell’Unione europea come costruzione che ha segnato gli ultimi sessant’anni di storia del continente europea. Il nuovo Presidente ebbe addirittura a definire la sua come un’esperienza da “ultima chance” per l’Europa. “Le sfide dell’Europa non possono aspettare”, è questo il nuovo motto.
I presupposti ci sono tutti – sia in senso negativo che in quello positivo. Iniziamo dai primi. Come confermato anche ieri dalle previsioni economiche d’autunno, crescita economica debole per il resto di quest’anno, sia nell’UE che nella zona euro mentre l’inflazione rimane a livelli molto bassi. La situazione economica e dell’occupazione non sta migliorando con sufficiente rapidità. Qui è anche il momento per ribadire che molti dei giudizi su quanto fatto fin ora a livello europeo sono stati ingenerosi. Proviamo a ricordare come solo qualche anno fa l’ esistenza stessa dell’Unione veniva minata nelle sue fondamenta dalle turbolenze dei mercati. Siamo riusciti a dimostrare forza, capacità e, soprattutto, unità nel prevenire che ciò possa accadere.
Ora dobbiamo concentrarci sulla seconda fase – quella orientata alla crescita. La Commissione infatti si impegna ad avvalersi di tutti gli strumenti e le risorse disponibili per aumentare la crescita e l’occupazione in Europa. E’ infatti atteso – e qui passiamo agli aspetti positivi – nei prossimi mesi il piano di investimenti di 300 miliardi di euro per rilanciare e sostenere la ripresa economica. L’accelerazione degli investimenti è infatti il perno della ripresa economica. La stabilità del sistema Europa rimarrà anch’essa una priorità con il completamento, appunto, dell’Unione bancaria, ora che il suo primo pilastro è divenuto operativo.
Gli orientamenti politicipdf del nuovo Collegio sono ambiziosi ma al tempo stesso realistici e necessari. Ogni suo punto è essenziale per lo sviluppo futuro delle nostre economie e per rendere l’Europa un attore più forte sulla scena globale. Già dalle sue prime righe si evince l’importanza delle sfide che ci attendono – occupazione, crescita, equità e cambiamento democratico. Il Presidente Juncker avrà a disposizione una squadra solida ed esperta, impostata anche su un nuovo metodo di lavoro, ancora più concentrato, collegiale e politico. Proprio sull’aspetto della politica conviene spendere qualche parola in più. Spesso la Commissione viene accusata di essere poco politica e priva di legittimazione democratica. Anche questo elemento appare un po’ sottovalutato. La nuova Commissione si è insediata grazie al sostegno democratico dei cittadini europei, del Parlamento europeo e dei capi di Stato e di governo. Il 15 luglio Jean-Claude Juncker è stato eletto dal Parlamento europeo con una forte maggioranza di voti (422 contro i 376 necessari) proprio sulla base del programma che aveva presentato al Parlamento. Il Parlamento ha inoltre tenuto audizione di ogni singolo membro del Collegio.
La Commissione sarà più “politica” anche in virtù del fatto che la campagnabattistotti elettorale cui abbiamo assistito a maggio di quest’anno ha fatto entrare l’Europa anche nei dibattiti nazionali, rendendo i cittadini più consapevoli degli interessi in ballo. Legare anche i partiti politici con le candidature chiare e riconoscibili alla presidenza della Commissione ha fatto sì che lo spazio pubblico europeo sembrasse un po’ più vicino che in passato.
La nuova Commissione, inoltre, è presieduta da un personaggio politico di grande esperienza che conosce ogni sfaccettatura della vita politica europea, sia a livello europeo che nazionale. Ma questo non significa che i Paesi membri con i relativi spazi pubblici nazionali perderanno rilevanza per quello che è il nostro futuro comune. La partecipazione di ognuno ad ogni livello sarà indispensabile. L’Unione europea, l’Europa non è un progetto fatto dall’alto, è sempre più un progetto che ha bisogno della partecipazione, consapevole e critica se necessaria, ma costruttiva di ognuno di noi. Solo così l’Europa tornerà a dare speranza. Concludo con le stesse riflessioni del Presidente Juncker rivolte al Parlamento europeo al momento della sua elezione: “I cittadini stanno perdendo fiducia, gli estremisti incalzano da sinistra e da destra, i nostri concorrenti avanzano a nostre spese. È ora di dare nuovo slancio al progetto europeo.
Ci attendono enormi sfide e tocca a noi affrontarle nel modo giusto. Se vogliamo avere un ruolo in futuro, dobbiamo assumerlo adesso. Spetta a noi fare in modo che il modello sociale europeo sia chiaramente visibile in tutto ciò che facciamo. Perché l’Europa è lo scudo che protegge tutti noi, che possiamo chiamare patria questo magnifico continente. Qui di fronte a voi, in questa assemblea che è il faro della democrazia europea, vi invito a rimettere in moto l’Europa.” E’ giunto il momento di rimboccarci le maniche, tutti assieme.(Lucio Battistotti)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

broncopatiaAlla luce della XIII Giornata Mondiale della BPCO del 19 novembre, i rappresentanti delle principali società scientifiche italiane in materia si sono riuniti a Milano per un approfondimento dedicato alla patologia, agli approcci terapeutici attuali e futuri e all’importanza di una gestione multidisciplinare e integrata che assicuri un’efficace presa in carico del paziente. “La BPCO si manifesta con ostruzione cronica delle vie aeree e diminuzione del flusso respiratorio, risultanti dalla combinazione di lesioni diverse e variabili per sede, tipo, gravità o estensione – afferma il Professore Carlo Mereu, Direttore Struttura Complessa di Pneumologia e Direttore Dipartimento Specialità Mediche ASL2 Savona, e Presidente SIMeR (Società Italiana di Medicina Respiratoria) – Tra le maggiori cause di questa condizione, va considerato il tabagismo, seguito dall’esposizione ad agenti inquinanti e dall’inalazione di sostanze nocive”.
I sintomi della BPCO (tra i più frequenti tosse protratta, presenza di catarro, dispnea, limitata tolleranza all’esercizio fisico e influenza o bronchiti che tardano a guarire) vengono spesso sottovalutati e trascurati, poiché ritenuti conseguenza pressoché naturale del fumo o dell’invecchiamento della persona. Ciò fa sì che la diagnosi avvenga in ritardo o non avvenga affatto. Il principale strumento diagnostico per la BPCO è la spirometria, esame che verifica l’ostruzione del flusso aereo, unita alla valutazione di sintomi respiratori e/o esposizione ai fattori di rischio, della qualità di vita e a eventuali altre indagini di funzionalità respiratoria. “Si pensi che in alcuni pazienti la BPCO viene diagnosticata attorno ai 60 anni, quando la malattia è ad uno stadio avanzato e la funzione respiratoria risulta già significativamente compromessa – prosegue Mereu – La spirometria, che richiede massima collaborazione da parte del paziente, nonché la presenza di personale adeguatamente istruito, è purtroppo un esame poco effettuato. Questo aspetto, insieme alla non adeguata valutazione dei fattori di rischio, contribuisce ad accrescere la problematica della sottodiagnosi”.Come per tutte le grandi cronicità, la corretta gestione della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) richiede un programma di monitoraggio della malattia che consenta di adattare il trattamento alla progressione della stessa e, soprattutto, un precoce intervento della riabilitazione respiratoria per prevenire l’invalidità polmonare. “La terapia del paziente con BPCO in fase stabile – precisa il Professore Fausto De Michele, Primario della U.O. di Pneumologia I e Fisiopatologia Respiratoria dell’Ospedale Cardarelli di Napoli e Presidente Nazionale AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) – prevede innanzitutto la rimozione dei fattori di rischio, con particolare riferimento al fumo di sigaretta. Attualmente sono, inoltre, disponibili diversi farmaci broncodilatatori a lunga durata d’azione (LAMA, anticolinergici long acting, LABA, β2-agonisti a lunga durata d’azione associabili a steroidi inalatori) che sono molto efficaci nel controllo dei sintomi del paziente ed in grado di rallentare la progressione della malattia”.Nel corso della storia naturale della condizione patologica, il paziente con BPCO può andare incontro a riacutizzazioni, prevalentemente su base infettiva (virale e/o batterica) che rappresentano la principale causa di visite mediche, ospedalizzazioni e decessi. “Per la prevenzione delle riacutizzazioni è importante l’esecuzione in tutti i pazienti della vaccinazione antinfluenzale, associata al regolare trattamento farmacologico di base – afferma De Michele – Per quanto riguarda il trattamento delle esacerbazioni, quelle meno gravi possono essere trattate a domicilio con l’aumento del livello di trattamento basale e l’integrazione, se necessario, di antibiotici e steroidi. Nei casi più gravi bisogna ricorrere alla ospedalizzazione, possibilmente in ambiente specialistico pneumologico – conclude De Michele – per la possibilità di utilizzare, quando necessario, presidi quali l’ossigenoterapia continua e la ventilazione meccanica non invasiva al fine di ridurre il rischio di ricovero in area critica (rianimazione)”.Il paziente con BPCO richiede una gestione piuttosto complessa, soprattutto in considerazione del fatto che frequentemente si tratta di un paziente anziano, diagnosticato in ritardo, molto probabilmente fumatore (o ex fumatore) e con possibili comorbilità. Per la presa in carico ottimale di questo tipo di paziente è pertanto necessario un approccio multidisciplinare, che veda la massima collaborazione tra il medico di medicina generale e lo specialista pneumologo (ed eventuali altri figure professionali coinvolte nell’assistenza domiciliare) e che incontri un sistema di cure integrate sul territorio.“Il medico di medicina generale ricopre un ruolo fondamentale, innanzitutto nella prevenzione e nella diagnosi precoce della malattia – afferma il Dott. Germano Bettoncelli, Medico di Medicina Generale a Brescia e Responsabile Nazionale Area Pneumologica SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) – se si considera che in un anno ha la possibilità di visitare in media circa l’80% dei propri assistiti. Di fronte a un paziente con BPCO, è fondamentale che il medico di medicina generale imposti un piano di presa in carico globale, che tenga conto della cronicità della patologia, della sua progressiva evoluzione e del rischio di esacerbazioni della stessa. – conclude Bettoncelli – Soltanto una buona relazione tra medico di medicina generale e specialista, in un contesto di gestione integrata territoriale, purtroppo ancora in parte da costruire, permetterà di offrire al paziente la continuità assistenziale auspicabile”. E’ proprio con l’intento di sensibilizzare i medici di medicina generale sulla diagnosi precoce della BPCO e sulla gestione globale del paziente, che il board scientifico composto dai Presidenti delle Società AIPO, SIMeR, AIMAR e SIMG, con il contributo non condizionato di Biofutura, ha dato vita al progetto educazionale EUREKA, in occasione della XIII Giornata Mondiale della BPCO del prossimo 19 novembre. “Il progetto EUREKA – spiega il Prof. Fernando De Benedetto, Direttore dell’UOC di Pneumologia Presidio Ospedaliero Clinicizzato di Chieti e Presidente AIMAR (Associazione Scientifica Interdisciplinare per lo studio delle Malattie Respiratorie) – prevede lo svolgimento di 150 incontri ECM sul territorio nazionale che coinvolgeranno oltre 1.000 medici di medicina generale con l’intento, grazie anche al coordinamento di uno specialista pneumologo, di fornire un’opportunità educazionale sulla gestione clinica integrata della BPCO”.La ricerca clinica e farmacologica attuale nell’ambito della BPCO prosegue nell’impegno di valutare i benefici derivanti dall’associazione di farmaci broncodilatatori come i LABA (β2-agonisti a lunga durata d’azione) o i LAMA (anticolinergici a lunga durata d’azione), tra loro o eventualmente associati a steroidi.
“Recenti studi clinici hanno mostrato che la combinazione fissa di due broncodilatatori con meccanismo d’azione sinergico- conclude De Benedetto – ha dimostrato di migliorare la qualità di vita del paziente, grazie a un potenziamento dell’azione e a una duplice broncodilatazione. La monosomministrazione giornaliera dei due broncodilatatori assicura una maggiore compliance senza che aumentino gli effetti collaterali. Questa associazione, dunque, ha le potenzialità per diventare un’opzione terapeutica di riferimento nel trattamento della BPCO”.
La società Biofutura Pharma nasce nel 2001 con l’obiettivo di sviluppare prodotti etici, nutraceutici e medical device per la cura di patologie dell’apparato respiratorio, del sistema nervoso centrale, dell’apparato muscolo-scheletrico e del sistema vascolare, nell’intento di espandere la presenza del Gruppo Sigma-Tau, di cui fa parte, nel comparto farmaceutico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattia da virus Ebola

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

virus-ebolaRoma 10 novembre dalle 10 alle 12 Istituto Spallanzani in collegamento dalla Sierra Leone con Gino Strada.
l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) “Lazzaro Spallanzani” IRCCS, organizza un Webinar Nazionale sulla malattia da virus Ebola. Il Seminario online organizzato dall’INMI prevede un confronto tra esperti, ma aperto al pubblico via web, per fornire informazioni sullo stato dell’epidemia, descrivere gli interventi adottati a livello nazionale, mettere a disposizione strumenti e conoscenze, contribuire alla preparazione delle strutture sanitarie a gestire al meglio eventuali casi di Ebola in Italia. IL Webinar è un tassello del percorso dell’INMI che parte dall’esperienza maturata dai precedenti seminari su Ebola rivolti agli Infettivologi della Regione lazio, i medici di Pronto Soccorso, gli Infermieri e operatori di Triage.Il Webinar, gestito presso l’INMI da un gruppo di facilitatori, sarà dedicato alle procedure da adottare per la valutazione e la gestione di pazienti provenienti da zone a rischio di MEV o con sintomi compatibili con MEV, nonché ai criteri per la valutazione iniziale dei contatti di soggetti esposti a MEV.Oltre agli esperti dell’INMI e dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano, Interverranno rappresentanti della Commissione Europea, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero della Salute, dell’Aeronautica Militare, della Regione Lazio, delle Regioni Italiane e, in collegamento dalla Sierra Leone, Gino Strada fondatore di Emergency. “Ringraziamo la società Effetti – sottolinea il Ospedale Spallanzani, RomaProf. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani – che ha accettato, con grande sensibilità la richiesta, di mettere a disposizione gratuitamente la piattaforma e di curare sempre gratuitamente l’organizzazione dell’evento, come contributo all’impegno del Paese nella preparazione per affrontare nel migliore dei modi l’epidemia di Ebola in Africa ed in Italia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne rifugiate e apolidi

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 novembre 2014

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) accoglie con favore l’introduzione di una nuova serie di linee guida internazionali adottate oggi dal Comitato per l’Eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione contro le gender violenceDonne delle Nazioni Unite. L’UNHCR inoltre si appella agli Stati affinchè adottino un approccio più sensibile alle questioni di genere per le donne rifugiate, richiedenti asilo e apolidi, e che tenga in giusta considerazione gli abusi da loro frequentemente subiti.“Molti sono i casi di donne costrette a fuggire dai loro Paesi e chiedere asilo a causa della diffusa violenza di genere. Questa Raccomandazione Generale dovrebbero aiutare gli Stati ad affrontare tali casi tenendo conto delle dovute differenze di genere” ha affermato Volker Türk, il Direttore dell’Ufficio di Protezione Internazionale dell’UNHCR.Basandosi sull’operato e sulle stesse linee guida dell’UNHCR per contrastare la persecuzione di genere, queste Raccomandazioni Generali chiariscono come i Paesi debbano tenere in considerazione criteri di parità di genere e il principio di non-discriminazione nelle procedure d’asilo. Troppo spesso, infatti, la mancata applicazione di tali criteri porta a decisioni contraddittorie in materia d’asilo, privando molte donne e ragazze della protezione internazionale.Uno degli aspetti fondamentali delle nuove linee guida è la possibilità, per le donne richiedenti asilo, di essere interrogate da funzionari di sesso femminile. A questo si aggiungono l’introduzione di procedure che consentono alle donne di presentare domanda d’asilo nel loro pieno diritto, al sicuro e libere da ogni tipo di intimidazione. “Queste linee guida ribadiscono che nessuna donna o ragazza dovrà essere restituita alla persecuzione o alla violenza di genere ed il loro pieno diritto di chiedere asilo.” ha sottolineato Türk.Un altro punto chiave è il diritto delle donne alla cittadinanza, incluso il diritto di acquisire, cambiare o mantenere la propria cittadinanza e trasmetterla ai propri figli e coniugi. L’eliminazione della discriminazione di genere dalle leggi sulla cittadinanza è una delle dieci Azioni proposte nel Piano d’Azione Globale per porre fine all’apolidia: 2014-2024, lanciato ieri dall’UNHCR nell’ambito della campagna contro l’apolidia (http://unhcr.it/cosa-facciamo/eventi-e-campagne/i-belong) (si consiglia di copiare e incollare il link sul browser). Sono ancora 27, ad esempio, i paesi che negano alle donne il diritto di trasferire la cittadinanza ai loro figli, una situazione che può rendere i bambini apolidi, con conseguenze devastanti per la loro infanzia e durante la loro vita.“La Raccomandazione Generale è un importante strumento per aiutarci ad affrontare questa questione ed evitare che le future generazioni si uniscano all’attuale numero di apolidi; Ci sono 10 milioni di persone apolidi nel mondo e noi vogliamo porre fine a questa anomalia, non vederla crescere ulteriormente, ” ha dichiarato Türk.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »