Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 126

Archive for 8 novembre 2014

EU PNR, Internal Security Strategy, Cyber Crime

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

images (1)Bruxelles Monday 10 November and Tuesday 11 November Room: József Antall (JAN) 2Q2. The Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee will hold a hearing on judicial cooperation in criminal matters focusing on the “roadmap” on procedural rights of suspects and accused persons. After the adoption of the directives on the right to interpretation and translation, on the right to information and on the right of access to a lawyer, the European Commission presented in November 2013 three new legislative proposals: a directive on the safeguards for children suspected or accused in criminal proceedings, a directive on certain aspects of the presumption of innocence and a directive on provisional legal aid. The hearing will take stock of the achievements in the development of the roadmap and will provide a forum for debate about the proposals currently under consideration.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

High-tech “Made in Berlin” chosen to monitor UK solar farm

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

solar farmBerlin, Germany, skytron® energy has successfully commissioned its monitoring, control and supervision system installed in one of UK’s largest ground-mounted photovoltaic power plants, the Kencot Hill Solar Farm. The monitoring technology of the Berlin-based company ensures trouble-free operation and enhanced performance of the solar power plant in Oxfordshire. With a total capacity of 37 MWp and an annual power generation of 36 Mio. kWh, the Kencot Hill Solar Farm will provide clean energy for more than 10.000 UK households.
Conergy UK Ltd was responsible for the engineering, procurement and construction (EPC) of the plant and is responsible for its ongoing operation and maintenance (O&M). For this Conergy relies on the complete and proven monitoring, control and supervision system of skytron energy. With its modular design, including intelligent combiner boxes for DC distribution, weather condition monitoring and a special on-site server, the system is able to monitor and record all performance characteristics of the plant and store the data in local data loggers.
“Conergy will be handling the management of the Kencot plant as part of our international O&M business, and we were looking for a high-performance monitoring technology. We were attracted both by skytron energy’s precision string current measurement system, and the quality of their components which are built to last”, says Robert Goss, Managing Director of Conergy UK.
Kencot Hill Solar Farm was constructed on a former RAF airfield in only five months. Pre-commissioning and on-site commissioning of the complete monitoring system was carried out by skytron energy’s own commissioning engineers and successfully completed recently.
“At skytron energy we are committed to provide customers with best possible O&M solutions because we know plant owners value high-quality data”, says Stefan Degener, Managing Director of skytron energy. “We are constantly working on improving our technology, so our customers can be ahead of coming changes and developments. In this context, we recently launched a new tool that ensures optimized performance and enhanced market integration of solar plants specifically under the new Contracts-for-Difference (CfD) trading scheme in the UK.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Latin American art

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

new yorkNEW YORK – Christie’s announces highlights of its upcoming Evening and Day sales of Latin American Art at Rockefeller Center on November 24-25. The Evening Sale on November 24, will be led by Alfredo Ramos Martínez’s visual tour de force Mujeres con flores, circa 1938 (estimate: $2,000,000 – 3,000,000) and Fernando Botero’s monumental Adam and Eve, (estimate $1,800,000 – $2,500,000). Also included in the evening sale is Lygia Clark’s Bicho pq. (Versão 1) (estimate: $700,000 – 900,000), an exceptionally rare and early example from the artist’s breakthrough series of Bichos (Animals or Creatures), hinged abstract sculptures that are meant to be manipulated by the viewer. Christie’s sale of Latin American Art will continue on November 25 with superb examples of paintings, sculpture, and drawings by artists such as Wifredo Lam, Rufino Tamayo, Enoc Perez, Carlos Enríquez, Doris Salcedo and Beatriz Milhazes.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Masterpieces from a European private collection realise €8.3M

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

astaParis The Masterpieces from a European private collection auction realised a combined total of €8,365,125 / $10,450,551 / £6,531,490. The sale attracted bidders from 16 countries across 5 continents, who acquired 95% of the lots, representing 98% by value. François Curiel, Auctioneer of the sale: “Through incredible bidding battles in a full saleroom, over the numerous telephone lines and strong participation through Christie’s LiveTM, collectors have demonstrated particular interest for the high quality of this collection. Witnessing an incredible international enthusiasm towards European masterpieces from the 15th to the 19th century, we are very pleased with these very strong results”.(asta)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

First Solar, BELECTRIC to Add 45 Million kWh of Clean Electricity to UK Generation Portfolio

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

Landmead09MAINZ, Germany & TEMPE, Ariz. First Solar, Inc. (Nasdaq: FSLR) and BELECTRIC today announced that they have broken ground on a new 46 megawatt (MWDC) utility-scale power plant, in Oxfordshire, Southern England. When completed, the facility will produce 45 million kilowatt-hours (kWh) of clean, solar electricity per year; sufficient to power approximately 14,000 average homes or approximately 25% of the estimated 55,400 households in the city of Oxford.
The project is the fourth to be executed in the United Kingdom (UK) under a First Solar and BELECTRIC Joint Venture, announced in 2013. With its recently built solar farms in Wiltshire and East Anglia, the JV is expecting to reach a total capacity of 80MW in the UK. Together, the farms generate almost 80 million kWh of clean energy per year, while displacing an estimated 35,000 tons of greenhouse gasses, each year.“This latest project is a clear indication of the fact that dramatic efficiency gains and increased cost competitiveness have created an undeniable tipping point for solar power, not only in the UK but around the world. There is no doubt that, thanks to the UK’s renewable energy roadmap, solar PV will help reinforce the country’s efforts to address climate change, while also working towards sustained energy independence,” said Christopher Burghardt, Vice President for Europe at First Solar.A total of 483,157 of First Solar’s advanced thin film modules will be used to power the facility, while BELECTRIC is responsible for the construction and the Balance-of-Systems (BoS) requirements. By displacing 20,000 tons of greenhouse gases each year, the plant will help to maximize the share of climate-friendly power generation in the UK. The project will be in compliance with stringent sustainability standards designed to minimize its impact in the local environment, and to support biodiversity initiatives. Furthermore the land under the solar farm will continue to remain in food production with sheep grazing the site as was the case before the project was constructed.”By combining First Solar’s best-in-class thin film modules and components with our industry-leading BoS and construction techniques, we are effectively helping to realize the vast potential of fast developing solar markets, such as the UK,” said Martin Zembsch, Chief Sales Officer, BELECTRIC. “This project, and the others before it, demonstrates that we can remain competitive in a wide range of regulatoryLandmead12 environments thanks to our singular focus on quality, reliability and competitiveness.”“When we connect this project in the coming months, it will be the UK’s largest and most technologically advanced solar energy plant, incorporating the latest innovations delivered by both BELECTRIC and First Solar,” said Toddington Harper, CEO of BELECTRIC UK. “To put it in context, this single project will produce enough secure, home-grown, solar energy to drive an electric vehicle over 200 million kilometers per year, or the equivalent of approximately 260 round trips to the moon. Combined with the fact that the land under the solar arrays will remain in agricultural use, with areas set aside to support biodiversity, this is a prime example of the multiple benefits that best-in-class solar farm projects can deliver to the UK”.First Solar and BELECTRIC share a longstanding relationship that spans over a decade. In 2013, they realized Europe’s largest thin film PV power plant in Templin, Germany. Bringing together industry-leading capabilities and technologies the two groups established a joint venture to realize selected utility-scale PV projects in Europe, North Africa and the United States.(landmead)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Schneider Electric presenta Lexium 28

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

Lexium 28Stezzano (BG) Schneider Electric, lo specialista globale nella gestione dell’energia, annuncia un nuovo ingresso nelle serie Lexium 23 Plus e Lexium 32 con i nuovi servoazionamenti Lexium 28.Analogamente alla serie Lexium 23 Plus, questi servoazionamenti seguono il principio di un design semplice e versatile, configurabile con varie opzioni, ma aggiungono nuove caratteristiche: accoppiamento del bus DC, funzionalità di sicurezza integrata e una funzione di tuning automatica facile da utilizzare come nel drive “best in class” Lexium 32. Lexium 28 è ampiamente compatibile con Lexium 23 Plus per quanto riguarda l’integrazione ed è utilizzabile in caso di applicazioni che richiedono funzionalità supplementari.Il range di potenze della serie Lexium 28 varia da 0,05 a 4,5 kW. I nuovi servoazionamenti sono dotati di serie con interfacce CANopen, CANmotion e PTI/PTO (PTI = Pulse Train Input, PTO = Pulse Train Output), per cui possono essere collegati con estrema facilità ai controllori senza l’uso di bus di campo. Grazie alle comunicazioni CANopen e CANmotion, questi servoazionamenti possono essere utilizzati con l’intero portafoglio Modicon di MachineStruxure, il motion controller Modicon LMC058 e la nuova generazione di controllori Modicon M221, 241 e M251.La parametrizzazione e la messa in servizio dei servoazionamenti avvengono tramite interfaccia Modbus. Grazie alle funzioni di controllo della coppia e della velocità e all’integrazione di un algoritmo di regolazione automatica, sono particolarmente adatti in una vasta gamma di applicazioni. Le interfacce integrate comprendono otto ingressi digitali e due ingressi analogici, cinque uscite digitali e due uscite analogiche. Due di queste uscite sono veloci e adatte ad applicazioni come il controllo delle stampanti. Grazie all’integrazione della funzione STO (Safe Torque Off), il servoazionamento può essere utilizzato per creare soluzioni di sicurezza fino al livello SIL 2/PL d (SIL: Safety Integration Level; PL: Performance Level). Analogamente al Lexium 32, i bus DC possono essere accoppiati tramite ponticelli a innesto sulla parte anteriore dell’unità. Le unità Lexium 28, inoltre, sono personalizzabili con una vasta gamma di accessori, ad esempio filtri di potenza, resistenze di frenatura e altri accessori che semplificano l’installazione e la messa in servizio.Abbinati con i motori serie Lexium BCH2, i servoazionamenti Lexium 28 sono adatti a una vasta gamma di applicazioni, dalle macchine per imballaggio alle macchine utensili e ai sistemi di movimentazione. I motori BCH2, disponibili con vari livelli di inerzia, coprono un range di performance che varia da 0,05 a 45 kW, con flange di dimensioni da 40 a 180 mm. (foto Lexium 28)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete: emergenza nelle città

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

diabete_21-300x224Vivono in città oltre 2 persone con diabete su 3. Secondo i dati dell’International Diabetes Federation (IDF), nel mondo sono 246 milioni (65%), coloro che hanno la malattia e abitano nei centri urbani, rispetto ai 136 milioni delle aree rurali. E il numero è destinato a crescere. Nel 2035 si stima che raggiungeranno il 70% le persone con diabete nelle città: 347 milioni rispetto ai 147 milioni che abiteranno fuori dai grandi centri abitati. Pare quindi che le città siano “catalizzatrici” per il diabete: chi si sposta in città ha infatti maggior probabilità di sviluppare la malattia rispetto a chi rimane fuori dai grandi centri. E questo è un dato preoccupante soprattutto se si considera il fatto che, per la prima volta nella storia dell’Umanità, la maggior parte della popolazione vive oggi nelle aree urbane, e le proiezioni stimano un progressivo aumento dei residenti nelle città.“La maggior ricchezza, e di conseguenza i maggiori consumi alimentari, uniti a una vita più sedentaria – si stima che 4 italiani su 10 siano completamente inattivi e solo 1 su 4 pratichi qualche sport, secondo quanto rilevato recentemente dal Censis – sono alcune delle possibili spiegazioni a questo fenomeno” dice Salvatore Caputo, Presidente Diabete Italia, l’organizzazione che raccoglie le società scientifiche e le associazioni di volontariato delle persone con diabete. “È come se la città ‘alimentasse’ il diabete, in maniera lenta ma continua, ed è per questo motivo che proprio dalle città e dallo stile associato alla vita cittadina bisogna partire per concentrare gli sforzi volti ad arginare la pandemia diabete, sempre più gravosa per il nostro sistema sanitario. Questo vuol dire soprattutto fare ‘prevenzione’. L’80% delle malattie croniche, tra cui il diabete, può essere prevenuto seguendo corretti stili di vita” aggiunge.La crescita del diabete nei grandi centri urbani non è necessariamente inarrestabile. La collaborazione tra professionisti della salute, esperti del mondo delle attività motorie e sportive, amministratori, urbanisti, il mondo scientifico, le associazioni di pazienti e gli stessi cittadini può trasformare le nostre città e renderle luoghi più adatti, a prova di diabete.In Italia sono già in atto interventi in questa direzione. Da due anni è in corso il progetto Città per Camminare e della Salute, iniziativa patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dal Ministero della Salute, dal Senato della Repubblica e dal CONI, ideata dalla Scuola del Cammino fitwalking Italia, e studiata per offrire opportunità concrete per promuovere attività motoria e stili di vita salutari, fattori alla base della prevenzione del diabete.”Non è necessario essere un atleta professionista – spiega Maurizio Damilano, campione olimpico di marcia a Mosca ’80 e attuale presidente della ‘Scuola del cammino’ – per essere in salute va benissimo spostarsi a piedi, utilizzare con più regolarità il cammino, ancor meglio se a passo veloce. Per questo abbiamo ideato il ‘Passaporto’ che offre agli abitanti della penisola una proposta e soluzioni per muoversi, praticamente a costo zero, in centri urbani a misura d’uomo. Sono stati individuati oltre 30 percorsi in tutta Italia ideali per camminare in Città, adatti ad una pratica motoria semplice, ma efficace dal punto di vista della prevenzione salutistica. In questo modo si preserva e potenzia la propria salute e nel contempo si possono apprezzare le bellezze culturali e naturali delle nostre città”.L’Italia rappresenta in questo contesto un forte riferimento proprio in virtù del progetto della Scuola del Cammino fitwalking Italia che con il suo “passaporto” ha per prima individuato nel binomio cammino e città uno strumento estremamente efficace per combattere le malattie metaboliche dando ai cittadini e agli amministratori uno strumento tanto semplice quanto estremamente efficace.“Il diabete comporta non solo un costo sociale importante, ma ha anche un rilevante impatto economico sulle risorse del Sistema sanitario. Purtroppo è una malattia cronica in continua crescita e la prevenzione, soprattutto quella definita primaria, che agisce modificando stili di vita e alimentari scorretti, è l’arma più efficace per affrontarlo”, commenta Maria Luigia Mottes, membro del Comitato di coordinamento di Diabete Italia.Da questi presupposti nasce Cities Changing Diabetes, un ambizioso programma volto a far fronte alla sfida che il diabete pone nei grandi centri abitati. Partito da Città del Messico questa primavera, approdato in Europa, a Copenhagen, lo scorso ottobre, farà prossimamente tappa a Houston negli USA. Il progetto è destinato a coinvolgere attivamente le autorità municipali delle principali metropoli mondiali, Italia inclusa, nell’analisi delle ragioni alla base della crescita della malattia e nell’individuazione di specifici interventi volti a contrastarne l’avanzata.“È parte del progetto Changing Diabetes®, sostenuto da Novo Nordisk, un progetto internazionale che risponde alle richieste di cambiamento espresse in tutto il mondo dalle persone con diabete: un cambiamento nel modo in cui il diabete viene affrontato e curato e di come viene percepito dalle istituzioni e dall’opinione pubblica”, spiega Federico Serra, Direttore Government Affairs & External Relations di Novo Nordisk in Italia. “Changing Diabetes è partito all’inizio del secolo con l’obiettivo di sensibilizzare i decisori politici e i Governi nei confronti della malattia diabetica, successivamente si è evoluto verso iniziative volte a informare l’opinione pubblica a conoscerla, oggi entra in una nuova fase: l’intervento. Cities Changing Diabetes ha come obiettivo proprio quello di agire per affrontare il diabete dove colpisce maggiormente, nelle città” conclude.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore ovarico

Posted by fidest press agency su sabato, 8 novembre 2014

carcinoma ovaieLa cura del carcinoma ovarico trova il più grande ostacolo nell’insorgere della resistenza alla chemioterapia, un fenomeno che dipende sia da meccanismi intrinseci ai tumori, che dal microambiente circostante.
Un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma ha scoperto un nuovo meccanismo molecolare alla base della chemioresistenza nel carcinoma ovarico, ed ha trovato il modo di neutralizzarlo.
La ricerca, coordinata dalla Dott.ssa Anna Bagnato, è stata pubblicata oggi dalla prestigiosa rivista “Cancer Research”, ed è stata finanziata dall’AIRC, Associazione italiana per la Ricerca sul Cancro.
Nel carcinoma ovarico l’endotelina, legandosi al suo recettore e alla proteina adattatrice beta-arrestina, attiva altre reti di segnale e si integra con le via molecolare di Wnt/β –catenina, responsabile dell’insorgere della chemioresistenza. “Lo studio rivela come neutralizzare gli effetti indotti dall’endotelina – illustra Anna Bagnato, che da anni svolge ricerca su questa proteina – utilizzando il farmaco molecolare macitentan. È stato verificato in modelli sperimentali che il trattamento con il macitentan permette anche ai tumori chemioresistenti di rispondere alla cura con chemioterapici. Bloccando entrambi i recettori A e B dell’endotelina, espressi sia sulle cellule tumorali che sulle cellule endoteliali dei vasi sanguigni, il macitentan inibisce non solo la formazione delle metastasi e l’insorgenza della chemioresistenza, ma blocca anche la formazione di nuovi vasi che alimentano il tumore.”
In studi in vivo, il nuovo farmaco è risultato superiore ad altri antagonisti, selettivi per il solo recettore A, poiché, grazie al legame prolungato con entrambi i recettori, riesce a colpire sia il tumore che il microambiente tumorale.
Il macitentan, recentemente approvato per altre patologie (ipertensione polmonare), può essere utilizzato nella sperimentazione clinica, e potrà essere sfruttato per lo sviluppo di nuovi approcci molecolari in combinazione con la chemioterapia standard per un trattamento mirato contro il carcinoma ovarico.
“Questo studio ha messo in luce- sottolinea Laura Rosanò , primo autore del lavoro- l’esistenza di un network di segnali che, interagendo tra di loro, possono influenzare la risposta al trattamento chemioterapico”.
Abbiamo studiato inoltre le caratteristiche clinico-patologiche associate al fenomeno della chemioresistenza, in collaborazione con Gabriella Ferrandina dell’Università Cattolica di Roma, osservando che la sovraespressione del recettore A dell’endotelina permette di evidenziare i casi di carcinoma ovarico che probabilmente non risponderanno al trattamento con chemioterapia.
“Queste informazioni – conclude Ruggero De Maria, direttore scientifico IRE – saranno preziose in futuro per aiutarci a scegliere la terapia più efficace per ogni singolo paziente.” (foto fonte Wikipedia)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »