Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 12 novembre 2014

Organic Process Research & Development welcomes new editor Kai Rossen

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

rossenWASHINGTON, The American Chemical Society (ACS) announces that Kai Rossen, Ph.D., will assume the role of editor-in-chief of Organic Process Research & Development (OPR&D), effective January 2015. Rossen, group leader at Sanofi in Frankfurt, Germany, has served on the Editorial Advisory Board of OPR&D since 2010.Rossen will succeed Trevor Laird, Ph.D., who has served as the inaugural editor-in-chief of the journal since its launch in 1997. Laird, owner and founder of Scientific Update LLP, will assist with the transition and remain with the journal in his current role through the end of 2014.”We are delighted to welcome Dr. Rossen in his new role as editor-in-chief of OPR&D. Dr. Rossen’s broad perspective of the pharmaceutical industry, coupled with his interest in sustainable chemistry, will ensure the journal continues to grow to meet the needs of the process chemistry community,” says Susan King, senior vice president of the Journals Publishing Group at ACS.Rossen received his Diplom-Chemiker from the University of Düsseldorf and a Ph.D. in synthetic organic chemistry from Cornell University. After holding positions at Bayer, Merck and Degussa, Rossen accepted a position at Sanofi in 2005, where he is currently group leader. In addition to the laboratory groups he leads, Rossen is responsible for representing Sanofi in global green chemistry networks, and he serves as the sponsor for Ph.D. theses supported by Sanofi. An inventor on 46 patents, Rossen has authored research articles in leading ACS journals, including the Journal of the American Chemical Society, Organic Letters, Organic Process Research & Development and The Journal of Organic Chemistry.According to Rossen, “The needs of readers must define a publication for it to be successful. The world of the pharmaceutical industry has dramatically changed over the last years. Therefore, for OPR&D to continue to be successful, it will be necessary to expand the journal scope beyond the traditional target audience of chemists and engineers in the pharmaceutical industry.”OPR&D is a trusted resource for research in the broad field of process chemistry, with a unique focus on the development and optimization of chemical reactions and processes and their scale-up, spanning organic chemistry, catalysis, analytical chemistry and chemical engineering.The American Chemical Society is a nonprofit organization chartered by the U.S. Congress. With more than 161,000 members, ACS is the world’s largest scientific society and a global leader in providing access to chemistry-related research through its multiple databases, peer-reviewed journals and scientific conferences. Its main offices are in Washington, D.C., and Columbus, Ohio. (photo rossen)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The “petite montre à répétition quarts, échappment libre à levées naturelles”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

PETITE MONTRESabine Kegel, Head of Sale, commented: “Following the Patek Philippe 175 sale which fetched nearly SFr.20M, the watch team is very pleased to have realised a grand total of SFr.34M in 24 hours. In a broad, healthy and ever growing market, where buyers demand expertise and scholarship, we offered once again the finest selection of watches and wristwatches. Today’s auction was led by the Reference 5016/1 by Patek Philippe, another famous model of the 175 years old manufacturer which fetched SFr.713,000. Throughout the day, over 600 watch connoisseurs registered to become the new owners of one of these exceptional watches. The team was especially proud of the result achieved for the Breguet No.1135 which sold for SFr.605,000, three times its presale estimate to The Breguet Museum. Today’s results show the depth and the strength of the watch market demonstrating great consistency at all levels in terms of watches, prices and clients.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Debate on plans to use EU Passenger Name Record (PNR) data to fight terrorism

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

commissione europeaA draft law that would oblige airlines to hand EU countries the data of passengers entering or leaving the EU, in order to help fight serious crime and terrorism, will be discussed with the Commission and Council in the Civil Liberties Committee at 11.30. Debate on the EU Passenger Name Record (PNR) proposal, tabled in 2011, has gained momentum due to worries that Europeans returning home after fighting for the so-called “Islamic State” could pose a threat to the EU’s internal security.The EU PNR proposal, presented by the Commission in February 2011, would oblige air carriers to provide EU countries with the data of passengers entering or leaving the EU for use in preventing, detecting, investigating and prosecuting serious crime and terrorist offences.The draft directive was rejected by the Civil Liberties Committee in April 2013 by 30 votes to 25. MEPs voting against questioned the necessity and proportionality of the proposed EU scheme to collect airline passengers’ data, while those voting in favour highlighted its potential added value for EU counter-terrorism policy. In June 2013, Parliament decided in plenary session to refer the matter back to the Civil Liberties Committee.Debate on the proposal has gained momentum due to concerns over possible threats to the EU’s internal security posed by Europeans returning home after fighting for the so-called “Islamic State”. On 30 August 2014, the European Council called on Parliament and Council to finalise work on the EU PNR proposal before the end of the year.PNR data is information provided by passengers and collected by air carriers during reservation and check-in procedures. It contains several different types of information, such as travel dates, travel itinerary, ticket information, contact details, and means of payment used.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Polar bears gain protection under Migratory Species Convention

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

orsoBorn Free Foundation and Born Free USA representatives welcome the listing of the polar bear on Appendix II of the Convention on the Conservation of Migratory Species of Wild Animals (CMS), which has been meeting in Quito, Ecuador. This move extends additional protection that polar bears so desperately need. By agreeing this move, member countries, also known as ‘Parties’ to the Convention, have agreed to work more closely together to improve protection for this iconic species.The entire global population of polar bears, estimated in 2009 to consist of 20-25,000 individuals, is unevenly distributed across the circumpolar Arctic. Their range is encompassed within the territories of five countries: the United States of America, Canada, Greenland (administered by Denmark), Norway and Russia. Individual polar bears occupy extensive home ranges and migrate across huge distances, during which they frequently cross international borders meaning they classify as ‘migratory’ under the Convention’s rules. Polar bears have come to the attention of the Convention because of the worrying threats they face. Of 19 recognised subpopulations, four are classified by the Polar Bear Specialist Group of the IUCN Species Survival Commission as ‘declining’, and nine as ‘data deficient’, with only one classified as ‘increasing’. Late maturity, low reproductive rates and long-term maternal dependency make polar bears extremely vulnerable to a dramatic decrease in numbers, while their specialised diet renders them highly susceptible to habitat loss and prey-base reductions.Global warming, resulting in reductions in the sea-ice, on which the bears rely for food, mating and denning, is the main threat to the future of this iconic species. The impacts of climate change have been most dramatic in polar-regions, and Arctic sea ice extent is now more than two million square kilometres less than it was in the late 20th century. An additional 10-50 percent decline in annual average sea-ice extent is predicted by 2100.
One study predicts the global population of polar bears could fall by two thirds by 2050 as a result.Some polar bear subpopulations are also directly impacted by human activities including shipping, subsistence hunting and, in the case of Canadian populations, by sport hunting and resulting commercial trade in trophies and hides. Additional threats, such as disease, contamination with pollutants, human-wildlife conflict as human activity in the Arctic increases, and competition/hybridisation with the brown bear Ursus arctos, may become increasingly significant as polar bear habitat contracts.The Appendix II listing provides a framework within which the wider international community can collaborate in its efforts to protect this species. It complements the existing regional priorities and plans administered by the Arctic Council and the range states. The CMS listing adds value since it reaches out to the international community to assist.Mark Jones from the Born Free Foundation said: “The CMS Appendix II listing is a milestone in international efforts to protect the iconic polar bear. The engagement of the CMS family will provide mechanisms for supporting and strengthening exiting multilateral and bilateral collaborative measures between Arctic States and indigenous Arctic communities aimed at conserving polar bears. We now urge CMS Parties and non-parties alike to work together to secure the future of this iconic species.” (orso)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mark Roden, Founder and CEO of ding celebrates third business recognition of the month

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

OLYMPUS DIGITAL CAMERADublin, Ireland –ding*, the world’s largest international top-up provider, has been awarded the number two spot in Deloitte Technology Fast 50, a ranking of the 50 fastest growing technology companies in Ireland. Rankings are based on average percentage revenue growth over five years and ding* posted growth of 1073%. This is the third year in a row that ding* has featured prominently on the list having brought home the top prize in both 2012 & 2013 and was also named Deloitte’s Rising Star in 2011.Founder & CEO Mark Roden commented: “It’s an honour to be recognised in Deloitte’s Fast 50 for a third time. Not only does this award recognise our successful growth to date but it is also a wonderful validation of all the hard work and long hours put in to building the business by all the team at ding*.” He also congratulated Inhance Technology, a Cork based company that develop white-label mobile applications who were awarded the top spot. ding, formerly ezetop, enables people living abroad to top-up the mobile phones of their friends and family back home, making it easier for them to stay connected and empowering the receiver to get the most out of their mobile phone. Since its inception in 2006, ding* has built a network that spans half the world and is partnered with over 300 mobile operators in 130 countries with a total reach of a staggering 3.5 billion phones. Through http://www.ding.com, the ding* mobile apps and its 500,000 retail outlets, the company delivers a top-up every second of every day.It’s been a great month for Founder & CEO Mark Roden, who was awarded EY Entrepreneur Of The Year 2014 on the 23rd October and was also named ‘Business Person of the Month’ by Business and Finance last week.
Fundamental rights at the EU’s borders: FRA reports reveal challenges aheadTwo new reports by the European Union Agency for Fundamental Rights (FRA) present the human rights situation at the EU’s air and land borders where asylum seekers as well as victims of trafficking for labour and sexual exploitation and for organ extraction may also first enter the EU. The reports are based on research at five airports and six major land border crossing points, and demonstrate the potential for fundamental rights infringements at the EU’s borders. Together with FRA’s earlier report on fundamental rights at the EU’s southern sea borders, these studies describe the treatment of people entering the EU and make suggestions to improve respect for their human rights. “The EU’s borders are its first point of contact with the external world. This is where the EU’s fundamental rights’ obligation begins,” said FRA Director Morten Kjaerum. “Any action taken by the EU to help manage its external borders must comply with fundamental rights. Making fundamental rights part of the Schengen border control evaluations is already a step in the right direction. Security concerns at the borders must not overrule fundamental rights, which must be at the core of modern and integrated border management.” The two new reports reveal a number of issues that affect the fundamental rights of non-EU citizens arriving in the EU. In the light of these findings, FRA makes a number of proposals to improve fundamental rights safeguards at the EU’s borders, aimed at EU and national policy makers, the EU borders Agency Frontex, and operative officers working at border check posts. For example: Although border guards receive instructions on professional and respectful treatment, some passengers found border guards to be unhelpful, unresponsive and hostile verbally. EU Member States should therefore take effective action to address serious forms of disrespectful conduct towards travellers; Less than half of border guards at airports said they informed people undergoing detailed border checks why they were being examined. Over two thirds also said they would not tell people who are refused entry into the EU where to get legal assistance. Border guards must provide all travellers with timely and adequate information when they are subjected to detailed checks or if they are refused entry. Member States should also be more active in promoting language learning by border guards and put in place effective interpretation mechanisms at border crossing points;At the land border crossing points, two out of three border guards said they would not start an asylum procedure even if the traveller said that their lives or freedom would be at risk if they were returned to the country they had left. At airports, only 22% of border guards had received written guidance on identifying potential victims of trafficking. Border guards therefore need to be better trained and sensitised to recognise asylum seekers or migrants who have been trafficked. Border management authorities should also ensure there are procedures in place and training available for border guards who deal with children. Facilities for migrants who have been refused entry or who have arrived without papers are often insufficiently equipped, even though people can be held there for several hours; at some airports they were held for several days. Member States must ensure that the facilities in which people whose entry to the EU has been denied are held meet basic needs, including the provision of food and water.FRA’s annual Fundamental Rights Conference, which begins today, is devoted this year to the topic of fundamental rights and migration to the EU. As well as border management, the conference will debate issues such as the protection of children, migrant integration and the growing racism in some places against migrants. Participants will also discuss the challenges posed by the recent pressures at the EU’s external borders for receiving countries, and ways of responding to the situation. Visit the conference site for the programme and list of participants.Fundamental rights at airports: border checks at five international airports in the European Union. Fundamental rights at land borders: findings from selected European Union border crossing points.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissioner Vella starts work with focus on sustainability, jobs, and growth

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

vellaThe new Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, Karmenu Vella, took office on the 1st November with the task of making Europe’s seas and oceans environmentally and economically sustainable. On taking up his duties Commissioner Vella stressed the need to create jobs and incentivise investment in the maritime economy whilst ensuring that the environment and Europe’s natural resources are preserved. With his widened portfolio Commissioner Vella will now seek to achieve those goals by overseeing both the Green and Blue Growth strategies and ensuring that environment, maritime, and fisheries policies work hand in hand for the benefit of European citizens. Commissioner Vella took office alongside his colleagues in the new Commission following an individual hearing in front of the European Parliament committees relevant to his remit. At the hearing, the former Maltese Minister for Tourism spoke of his close affiliation to the sea, his country’s maritime heritage, and the importance of the maritime and fishing economy for Malta and Europe’s future. The new structure of the Commission reflects the challenges which Europe is faced with renewed emphasis being placed on tackling unemployment, enabling and encouraging investment, creating a truly digital Europe, presenting a credible foreign policy, and ensuring the EU is energy secure. To that end, President Juncker announced that seven Vice-Presidents would be tasked with leading project teams based on the EU’s top priorities. Under the new structure Commissioner Vella will work alongside the Vice-President for Jobs, Growth, Investment and Competitiveness, Jyrki Katainen, and theVice President for Energy Union, Maros Sefcovic.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Epatite C

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

syracuse_siteBristol-Myers Squibb ha annunciato nuovi ed importanti dati del programma di sperimentazione clinica UNITY che ha valutato a 12 settimane il regime TRIO, combinazione tutta orale a dose fissa di daclatasvir (DCV), asunaprevir (ASV) e beclabuvir (BCV) in un’ampia gamma di pazienti con infezione da virus dell’epatite C (HCV) genotipo 1.
I dati presentati al “The Liver Meeting® 2014”, appuntamento annuale dell’Associazione americana per lo studio delle malattie del fegato (AASLD), in corso a Boston fino all’11 novembre. L’endpoint primario di entrambi gli studi (UNITY-1 e UNITY-2) era la percentuale di pazienti che sono stati curati, definito come assenza di virus misurabile 12 settimane dopo la fine del trattamento.
Lo studio UNITY-2, che ha valutato pazienti cirrotici con un trattamento per 12 settimane di daclatasvir TRIO, ha mostrato, quando somministato insieme alla ribavirina, un tasso di risposta virologica misurata 12 settimane dopo la fine della terapia (SVR12) del 98% dei pazienti mai trattati e del 93% dei pazienti che avevano fallito una precedente terapia, e quando somministrato senza l’aggiunta di ribavirina del 93% nei naïve e dell’87% nei pretrattati.
“Anche dopo i più recenti progressi nella terapia dell’HCV, i pazienti con genotipo 1 e cirrosi epatica sono tuttora difficili da trattare”, ha dichiarato Andrew J. Muir, Associate Professor of Medicine Clinical Director, Gastroenterology & Transplant Hepatology, Duke University, Durham North Carolina. “Oggi i pazienti con cirrosi che hanno fallito una precedente terapia hanno bisogno di un trattamento di 24 settimane per raggiungere elevati tassi di risposta virologica sostenuta. I risultati di questo studio che ha utilizzato il regime daclatasvir TRIO in questa popolazione hanno mostrato elevati tassi di guarigione con un regime di 12 settimane che ha la potenzialità di migliorare l’adesione alla terapia e raggiungere la guarigione in meno tempo”.
Lo UNITY di fase III ha valutato un regime di 12 settimane con la combinazione a dose fissa daclatasvir TRIO (daclatasvir 30 mg, asunaprevir 200mg e beclabuvir 75 mg ) in pazienti con genotipo 1 con e senza cirrosi.
Lo studio UNITY-1, in aperto, ha valutato un regime di 12 settimane con daclatasvir TRIO senza ribavirina in pazienti non cirrotici sia naïve che precedentemente trattati. I pazienti senza cirrosi naïve al trattamento (n = 312) e già trattati (n = 103) hanno ricevuto daclatasvir TRIO in dose fissa con somministrazione orale di un’unica pillola due volte al giorno per 12 settimane e con follow up a 24 settimane. La maggior parte dei pazienti (73%) presentava genotipo 1a e il 91% del totale ha raggiunto una SVR12. Il 92% dei pazienti naïve e l’89% di quelli già trattati hanno ottenuto la guarigione senza l’aggiunta di ribavirina.
Nello studio UNITY-2, i pazienti con cirrosi, naïve e già trattati, hanno ricevuto daclatasvir TRIO, in dose fissa, in un braccio senza aggiunta di ribavirina (n = 102) e nell’altro in associazione a ribavirina (n = 100). Lo studio ha utilizzato ribavirina in doppio cieco e la maggior parte dei pazienti (74%) aveva il genotipo 1a. Ha inoltre mostrato una SVR12 nel 96% dei pazienti totali che hanno ricevuto daclatasvir TRIO con ribavirina e nel 90% di coloro che hanno ricevuto daclatasvir TRIO senza ribavirina.
“I risultati degli studi di fase III UNITY con daclatasvir TRIO, in dose fissa, sono particolarmente interessanti per i pazienti con cirrosi e genotipo 1, il cui trattamento è spesso più difficile da gestire rispetto ai pazienti non cirrotici” ha sottolineato Douglas Manion, Head of Specialty Development, Bristol-Myers Squibb. “Per Bristol-Myers Squibb la complessità dell’epatite C necessita di valutare soluzioni personalizzate e i risultati degli studi UNITY sono particolarmente promettenti soprattutto nei pazienti con cirrosi, che rappresentano una percentuale specifica ma significativa di quelli con genotipo 1”.
In entrambi gli studi UNITY-1 e UNITY-2 sono stati osservati bassi tassi di eventi avversi che hanno portato alla sospensione della terapia e di eventi avversi gravi generali. Nello studio UNITY-1 sono stati registrati 7 eventi avversi gravi, tutti considerati non correlati al trattamento in studio, e 3 eventi avversi che hanno portato alla interruzione del trattamento. Gli eventi avversi più comuni sono stati cefalea (25,8%) e affaticamento (16,6%). Nello studio UNITY-2 si sono manifestati 3 eventi avversi gravi correlati al trattamento e 4 eventi avversi che hanno portato all’interruzione della terapia. Gli eventi avversi più comuni erano cefalea e affaticamento (entrambi 19,8%).
Gli abstract completi delle due presentazioni degli studi UNITY sono disponibili sul sito web di “The Liver Meeting”.
Il virus dell’epatite C attacca il fegato ed è trasmesso per contatto diretto con sangue ed emoderivati infetti. Nel mondo l’infezione da virus dell’epatite C colpisce circa 170 milioni di persone e negli Stati Uniti si stima siano cronicamente infetti tra 2,7 e 3,9 milioni di persone. Fino al 90% delle persone affette da epatite C non elimina spontaneamente il virus e diventa cronicamente infetto. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 20% dei pazienti con epatite C cronica svilupperà cirrosi; fino al 20% di questi ultimi potrà progredire fino al tumore del fegato. L’impegno della ricerca di Bristol-Myers Squibb è focalizzato su molecole in fase di sviluppo avanzato per offrire ai pazienti con epatite C il massimo valore possibile. Al centro della nostra pipeline è daclatasvir, un potente inibitore pan-genotipico del complesso di replicazione NS5A (in vitro), che continua ad essere studiato in regimi multipli di trattamento e in pazienti con co-morbilità. Daclatasvir è stato recentemente approvato nell’Unione Europea per l’uso in combinazione con altri medicinali per il trattamento nell’adulto dell’infezione cronica da HCV genotipi 1, 2, 3 e 4. Daclatasvir è stato anche approvato in Giappone in combinazione con asunaprevir, un inibitore della proteasi NS3/4A. Il regime Dual daclatasvir + asunaprevir in Giappone è il primo trattamento tutto orale, senza interferone e ribavirina per pazienti con infezione cronica da HCV genotipo 1, inclusi quelli con cirrosi compensata. Nel 2013, il regime tutto orale daclatasvir TRIO di Bristol-Myers Squibb (daclatasvir/asunaprevir/beclabuvir) ha ricevuto la Breakthrough Therapy Designation negli Stati Uniti, il che ha aiutato a velocizzare l’avvio del Programma di Fase III UNITY, attualmente in corso. Le popolazioni in studio comprendono pazienti naïve con e senza cirrosi e pazienti precedentemente trattati. Oltre agli studi UNITY-1 e UNITY-2, sono tuttora in corso lo studio UNITY-3, in pazienti giapponesi con genotipo 1 naïve al trattamento e già trattati, e lo studio UNITY-4, che sta esaminando il daclatasvir TRIO senza ribavirina in pazienti con e senza cirrosi in Corea, Russia e Taiwan. Daclatasvir TRIO è in studio come combinazione a dose fissa, somministrata due volte al giorno.
Studi ulteriori su daclatasvir in combinazione con sofosbuvir sono in corso in pazienti con patologia epatica molto avanzata, come quelli in attesa di trapianto e post-trapianto, i pazienti con co-infezione HIV/HCV e i pazienti con genotipo 3, nell’ambito del Programma di Fase III ALLY, attualmente in corso.
Bristol-Myers Squibb è un’azienda biofarmaceutica globale, la cui mission è scoprire, sviluppare e rendere disponibili farmaci innovativi che aiutino i pazienti a contrastare malattie gravi. Per maggiori informazioni visita il sito http://www.bms.com o seguici su Twitter all’indirizzo http://twitter.com/bmsnews.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non solo gotta: elevati livelli di acido urico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

gotta1Il ruolo dell’acido urico in diverse patologie è ormai confermato. Oltre a essere responsabile della gotta, la forma di artrite più frequente negli adulti, l’iperuricemia interviene anche nelle malattie cardiovascolari e nel diabete. Per chiarire i meccanismi alla base del rapporto tra infiammazione e patologie, dal 6 all’8 novembre 2014 i massimi esperti mondiali si sono riuniti a Bologna per il simposio dal titolo “From gout to cardiovascular disease: a central role for uric acid”, organizzato dall’Unità Operativa Medicina Interna, Azienda Ospedaliero–Universitaria S. Orsola-Malpighi, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, dal Dipartimento di Reumatologia dell’Hôpital Laribosiére di Parigi, e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
«Se il limite di solubilità viene superato l’acido urico precipita nei tessuti sotto forma di microcristalli, la cui presenza determina fenomeni infiammatori nei tessuti molli, nei reni e nelle articolazioni dove può scatenare la tipica manifestazione artritica acuta, cioè la gotta» spiega Claudio Borghi, Direttore dell’Unità Operativa Medicina Interna del S. Orsola-Malpighi e co-presidente del simposio. «L’acido urico però rappresenta anche un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari e renali nelle persone con ipertensione, scompenso cardiaco e diabete. In questi soggetti un livello elevato di acido urico può contribuire anche alla comparsa di infarto o ictus e quindi alla morte. Secondo alcune ricerche l’acido urico potrebbe essere corresponsabile di quattro infarti su dieci, soprattutto in coloro che presentano colesterolo alto, ipertensione e iperglicemia».
Considerazioni preoccupanti, dato che nei paesi occidentali l’uricemia media è in progressivo aumento: nella popolazione maschile degli Stati Uniti il valore è raddoppiato in pochi decenni. Il recente progressivo aumento dell’uricemia viene messo in rapporto con la crescente diffusione di sovrappeso e obesità e dall’aumentato consumo di alimenti che favoriscono l’aumento di acido urico nel sangue.
A questo proposito le raccomandazioni della Società Italiana di Reumatologia sulla gestione della gotta, pubblicate sulla rivista Reumatismo (2013; 65 (1): 5-24) segnalano che alcuni alimenti, come carne e frutti di mare, sono associati a livelli incrementati di acido urico. Numerosi studi hanno evidenziato che il consumo di alcolici si associa a un aumento di acido urico, con un incremento del rischio dose-dipendente di gotta. Un altro studio ha dimostrato come il ruolo dei diversi tipi di alcolici sul rischio di gotta sia differente: il consumo quotidiano di birra si associava a un rischio elevato, mentre il consumo di vino moderato non aumenta significativamente il rischio di gotta.
Anche l’assunzione quotidiana di bevande zuccherate aumenta il rischio di sviluppare gotta, mentre i derivati del latte sembrano avere un ruolo protettivo sulla gotta, in particolare quelli a basso contenuto di grassi, come il latte scremato. Infine, recenti studi suggeriscono un ruolo protettivo della vitamina C nei confronti della gotta.
Per quanto riguarda le terapie, febuxostat si è dimostrato un farmaco ipouricemizzante efficace nei pazienti con gotta, e a dosaggi pari o superiori a 80 mg ha dimostrato un’efficacia superiore ad allopurinolo al dosaggio massimo di 300 mg nel ridurre l’uricemia a breve termine. La terapia con febuxostat si è dimostrata sicura rispetto ad allopurinolo anche in pazienti con insufficienza renale lieve o moderata.
Il simposio di Bologna indagherà anche sui meccanismi che sono alla base del danno da acido urico nel sistema cardiocircolatorio. «I cristalli di urato che si depositano sulla parete dei vasi aumentano la possibilità di formazione della “placca” aterosclerotica, a cui contribuiscono anche i processi di sintesi dell’acido urico portando alla formazione di una grossa quantità di sostanze ossidanti che alterano l’endotelio della parete dei vasi rendendoli più suscettibili alla comparsa di aterosclerosi» spiega Borghi. «Varie ricerche hanno portato prove di una associazione tra iperuricemia e vasculopatie periferiche, carotidee e coronariche e con la comparsa di ictus, di preeclampsia e di demenza vascolare. L’associazione appare particolarmente stretta nei soggetti ad alto rischio cardiovascolare e nelle donne, e nel simposio di Bologna contiamo di fornire nuovi contributo alla comprensione del ruolo dell’acido urico nello sviluppo di diverse patologie» conclude Borghi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

SACE partecipa alla missione imprenditoriale promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e Confindustria in Kazakistan

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

Kazakhstan Political Map 2000 Con un flusso di export pari a oltre 700 milioni di euro (2013), l’Italia è il secondo maggiore esportatore europeo in Kazakistan dopo la Germania, e il sesto a livello globale: una performance trainata dalla meccanica strumentale (che da sola rappresenta il 43,3% dell’export italiano nel Paese) e dalla moda (22,1%). nel portafoglio di operazioni di export e investimenti italiani assicurati da SACE in Kazakistan ammonta a 67 milioni di euro e si concentra prevalentemente nei settori dell’industria metallurgica e delle infrastrutture e costruzioni, ma il potenziale offerto dal Paese nel medio termine è più articolato. Sebbene il contesto operativo resti un fattore di incertezza, SACE rileva opportunità interessanti in linea con la strategia economica intrapresa dal Governo kazako, volta a stimolare la crescita e lo sviluppo del tessuto industriale locale puntando su settori a maggior valore aggiunto, come le infrastrutture e le tecnologie meccaniche, ma anche l’agroalimentare e il tessile & abbigliamento.
Da segnalare in particolare il piano di investimenti pubblici da 5 miliardi di dollari, che mira a potenziare il ruolo del Kazakistan nel trasporto aereo, marittimo e ferroviario a livello regionale; e la collaborazione con istituzioni finanziarie multilaterali per sostenere le imprese di piccole e medie dimensioni.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Neutropenia severa e la neutropenia febbrile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

Milano, 17 Novembre 2014 Centro Svizzero, Via Palestro, 2, ore 17,00 sono tra gli effetti collaterali più temuti della chemioterapia, in quanto associati a riduzione delle difese immunitarie (neutrofili) e ad un incrementato rischio di contrarre infezioni potenzialmente fatali.
Intervengono:Dottor Sandro Barni, Direttore Oncologia Medica A. O. – Treviglio-Caravaggio (Bergamo)
Dottor Marco Castino, Vice President Oncology & Specialty Teva Europe
Dottor Giuseppe Visani, Direttore Ematologia e Centro Trapianti Osp. San Salvatore – Muraglia
Professor Pier Luigi Zinzani, Direttore Ematologia Osp. L. & A. Seragnoli Bologna
Modera la giornalista Michela Vuga
La riduzione dei neutrofili, (le prime cellule che intervengono nella difesa del nostro organismo dagli agenti infettivi) indotta dalla chemioterapia, crea un deficit nel sistema immunitario ed espone il paziente ad un potenziale ritardo o sottodosaggio del trattamento antitumorale previsto. La Neutropenia oltre a causare la scarsa aderenza alla terapia oncologica, incide sulla qualità di vita del paziente che vive con ansia e timori la “conta” dei neutrofili. Oggi la Neutropenia severa, febbrile o meno, si può contrastare e prevenire grazie ad un armamentario terapeutico che recentemente si è arricchito di un nuovo farmaco prodotto tramite una innovativa piattaforma tecnologica .

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teva, tutte le risposte per la Salute della donna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

Teva_PharmaceuticalSe l’argomento è “salute della donna”, Teva Italia, azienda leader nel settore farmaceutico, ha molto da dire. Nell’ultimo anno nel campo della sola contraccezione ormonale, l’azienda si è posizionata al 3° posto (dati IMS), alle spalle di leader storici che riportano una performance sostanzialmente stabile. Analizzando il mercato della Ginecologia – a esclusione delle specialità dedicata alla fertilità – l’azienda si piazza al 4° posto (dati IMS) nel ranking a livello nazionale. “Il successo di Teva nel campo della Women’s Health” spiega Hubert Puech d’Alissac, AD dell’azienda “risiede nella sua pipeline che annovera sia farmaci off patent, sia farmaci innovativi sempre più vicini alla salute della donna e in grado di rispondere alle esige nze femminili. Per sostenere questi risultati positivi”, continua Hubert Puech d’Alissac “continueremo a lavorare per avere sempre nuovi prodotti e lanceremo nel 2015 sul mercato italiano un prodotto contraccettivo innovativo e dal metodo di assunzione rivoluzionario, già approvato dalla Food and Drug Administration (FDA)”. “Questo trend è un chiaro segnale che non indica solamente la stabilità di Teva,” sottolinea Hubert Puech d’Alissac “Le nostre risposte” conclude l’AD “rendono accessibili i farmaci e aiutano la sostenibilità del sistema sanitario nazionale, attraverso un’ampia scelta di prodotti e una sempre maggiore attenzione nei confronti della salute della donna: un mondo eterogeneo e delicato al quale dedicare la nostra innovazione”.
Teva è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali, impegnata nell’accrescere l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di farmaci generici, così come di farmaci innovativi e di principi attivi. Per quanto riguarda i farmaci innovativi, Teva concentra la sua attività di sviluppo nell’area delle malattie neurologiche, di quelle oncologiche, respiratorie e della salute della donna, oltre che nel settore dei farmaci biotecnologici e biosimilari.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il cervello immagina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 novembre 2014

cervelloLe neuroscienze hanno recentemente dimostrato che ancora prima di iniziare un movimento il nostro cervello è già in grado di calcolarne il tempo necessario per compierlo, la traiettoria migliore e le conseguenze di quel movimento. Inoltre, si è visto che immaginare un atto motorio attiva molte delle aree cerebrali coinvolte nell’esecuzione reale di tale atto. In un soggetto con deficit motori a seguito di una lesione cerebrale, un training riabilitativo basato sull’immaginazione motoria potrebbe dunque essere un primo passo per riattivare le aree cerebrali coinvolte in quei movimenti facilitandone il recupero. Partendo da queste basi, il Laboratorio Clinico di Neuroriabilitazione Sperimentale della Fondazione Santa Lucia IRCCS, diretto dal dott. Stefano Paolucci, ha recentemente pubblicato due studi sulla prestigiosa rivista Frontiers in Human Neuroscience relativamente alla cosiddetta motor imagery, ovvero la capacità di rappresentare mentalmente un movimento in modo realistico anche senza una sua palese esecuzione. In particolare tali studi hanno riguardato la capacità di immaginare la propria locomozione. Nel primo studio, svolto in collaborazione con l’unità di Scienze dell’Esercizio Fisico e dello Sport dell’Università degli Studi Roma “Foro Italico”, è stato scoperto che la rappresentazione mentale della locomozione è più realistica quando accompagnata da un movimento che mima quello reale. Questo mimare il movimento mentre lo si immagina, chiamato Dynamic Motor Imagery, è risultato in grado di produrre una maggiore consapevolezza del proprio movimento rendendo la rappresentazione in termini di parametri spazio-temporali della locomozione molto più simile alla realtà. Il secondo studio ha coinvolto anche bambini sani e bambini con paralisi cerebrale in cura presso il Dipartimento di Neuroriabilitazione Infantile della Fondazione diretto dalla dott.ssa Daniela Morelli. I risultati hanno mostrato come la motor imagery sia una capacità meno sviluppata nei bambini rispetto agli adulti, tuttavia i bambini sani sono in grado di compensare ciò basandosi su feedback sensoriali, ottenendo prestazioni non meno efficaci di quelle degli adulti. Invece nei bambini con paralisi cerebrale non solo le prestazioni motorie risultano deficitarie, ma le rappresentazioni mentali del movimento sono persino più danneggiate della reale capacità di movimento. Per comprendere l’importanza di questi studi si pensi a tutte le volte che attraversiamo la strada: il nostro cervello in pochi istanti calcola se il tempo necessario per l’attraversamento sia inferiore a quello in cui possa sopraggiungere un’automobile prima di dare i comandi motori per iniziare l’attraversamento. Un deficit di immaginazione locomotoria può quindi esporre a gravi rischi il soggetto che ne è affetto, come ad esempio un ragazzino con paralisi cerebrale anche lieve. Augusto Fusco e Marco Iosa, i due ricercatori che si stanno occupando di queste ricerche, stanno ora conducendo nuovi test per comprendere se anche i pazienti con ictus possano avere simili deficit e se una rieducazione cognitivo-motoria specifica possa permettere al soggetto di recuperare una corretta immagine mentale del movimento sia al fine di recuperare il movimento stesso, sia per consentire al soggetto di predire in modo corretto le conseguenze delle sue azioni motorie. I primi risultati di tale tipo di riabilitazione cognitivo-motoria per i bambini con paralisi cerebrale sono promettenti. L’immagine motoria appare quindi una nuova frontiera per la neuroriabilitazione cognitivo-motoria dei soggetti con danni cerebrali e per le neuroscienze.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »