Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 21 novembre 2014

Miami October Home Sales Surge, Exceed Record Levels

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

Miami-skyline-for-wikipediaMiami, FL – Miami single-family home and condominium sales surged in October, exceeding record activity in 2013, according to the 34,000-member MIAMI Association of REALTORS and the local Multiple Listing Service (MLS) system.Single-family home sales in Miami-Dade County increased 13.6 percent relative to October 2013, from 1,060 to 1,204. Condominium sales increased 6.5 percent from 1,416 the previous year to 1,508 last month. Combined, residential real estate sales increased 9.5 percent to 2,712 compared to 2,476 in October of last year.“Miami continues to experience population growth, interest from foreign and domestic second home buyers, and economic expansion,” said 2014 Chairman of the Board of the MIAMI Association of REALTORS Liza Mendez. “The Miami real estate market continues to strengthen due to demand for local properties, as evidenced by sales that exceed record activity in 2013.”Single-family home prices, which again increased in October, remain at affordable 2004 levels despite 35 months of consistent year-over-year increases. Condo prices also increased in October, marking 40 months of growth in the last 41months. Condo prices declined in August for the first time in more than three years but rebounded in September.The median sale price for single-family homes increased 9.1 percent, up to $240,000 from $220,000 in October 2013. The average sale price for single-family homes decreased 6.6 percent from $421,546 in October 2013 to $393,515 last month.Compared to October 2013, the median sale price for condominiums increased by 8.8 percent to $185,000 from $170,000 a year prior. The average sale price for condominiums increased 22.3 percent to $362,657 from $296,568 in October 2013.
The median number of days on the market for single-family homes sold in October was just 43 days, an increase of 7.5 percent from October 2013. The average percent of original list price received was 95.3 percent, down a negligible 1.0 percent from a year earlier.
The median number of days on the market for condominiums sold in October was 58 days, an increase of 31.8 percent compared to the same period in 2013. The average sales price was 93.7 percent of the asking price, a decrease of 3.9 percent.
Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops also bounced back in October, increasing 1.5 percent from September and 2.5 percent below what they were in October 2013, according to the National Association of Realtors (NAR). Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 21,894 in October, up 17.8 percent compared to the year-ago figure, according to Florida Realtors. Statewide sales of condominiums totaled 9,377, up 7.4 percent from October 2013.The national median existing-home price for all housing types was $208,300 in October, a 5.5 percent increase from October 2013, according to NAR. The statewide median sale price for single-family existing homes last month was $177,000, up 4.6 percent from the previous year, while that of townhouse-condo properties was $139,900, up 7.7 percent over the previous year.Cash sales in Miami continue to decline as more financing becomes available. Still, access to mortgage loans for condominium buyers remains limited, impeding further market strengthening.
In Miami-Dade County, 55.8 percent of total closed sales in October were all-cash transactions, compared to 61.7 percent in October 2013. Cash sales in Miami are still more than double the national figure of 27 percent. All-cash sales accounted for 40.8 percent of single-family home and 67.8 percent of condominium closings, compared to a year earlier when cash sales were 48.9 percent of single-family home sales and 71.3 percent of condominium sales.
Since nearly 90 percent of foreign buyers in Florida purchase properties all cash, this continues to reflect the much stronger presence of international buyers in the Miami real estate market.
While traditional sales continue to increase, distressed property transactions in October again declined in Miami-Dade due to fewer short sales. In October, only 34.9 percent of all closed residential sales in Miami-Dade County were distressed, including REOs (bank-owned properties) and short sales, compared to 38.2 percent in October 2013.Short sales and REOs accounted for 8.0 and 26.9 percent, respectively, of total Miami sales in October. Sales of REOs increased 30.1 percent while that of short sales declined by 43.6 percent.Nationally, distressed homes accounted for 9.0 percent of October sales compared to 14 percent in September 2013.After three years of record sales activity that resulted in an inventory shortage, seller confidence continues to result in more properties being listed for sale in Miami. But new listings are now increasing by narrower margins.“Seller confidence is resulting in greater inventory becoming available in the Miami real estate market,” said 2014 MIAMI Association of REALTORS Residential President Francisco Angulo. “But strong home sales in Miami continue to yield rapid inventory absorption, resulting in rising prices even if at a more moderate pace.”Active listings at the end of October increased 19.5 percent, from 14,893 in 2013 to 17,801 last month but remain 60 percent below levels 2008, when sales bottomed. Inventory of single-family homes increased 15.6 percent from 5,571 in October 2013 to 6,439 last month. Condominium inventory increased 21.9 percent to 11,362 from 9,322 active listings during the same period in 2013. At the current sales pace, there is a 5.8-month supply of single-family homes, an increase of 10.4 percent from 5.2 months in October 2013, and an 8.2-month supply of condominiums, up from 6.5 months in October 2013, an increase of 26 percent. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.New listings of single-family homes increased 6.8 percent, up to 2,316 in October 2014 from 2,169 during the same period in 2013. New condominium listings increased 3.0 percent from 2,915 in October 2013 to 3,003 last month.At the end of the October, total housing inventory nationally declined 2.6 percent to 2.22 million existing homes available for sale compared to the previous month, which represents a 5.1-month supply at the current sales pace. Unsold inventory nationally is 5.2 percent higher than a year ago.Strong sales in the coastal new construction condominium Miami market (east of I-95) continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report released today by Cranespotters.com and MIAMI.
“South Florida’s preconstruction condo market is booming east of Interstate 95 in the tricounty area, as the area heads into the winter buying season,” said Peter Zalewski, founder of Cranespotters.com. “In the last month, buyers purchased about 730 preconstruction condo units based on the latest CraneSpotters.com Developers Price Survey of exclusive brokerages representing planned towers. Industry sentiment suggest that preconstruction condo sales are expected to strengthen further during the upcoming historically busy winter tourism season.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bloccare la proteina TRF2

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumoraleTRF2 è una proteina strutturale delle regioni terminali dei cromosomi (telomeri), che gioca un ruolo importante nel processo di trasformazione neoplastica. Bloccarla può rappresentare una nuova e valida strategia antitumorale. Un gruppo di ricercatori dell’Istituto Regina Elena (IRE) di Roma, coordinato da Annamaria Biroccio, ha sintetizzato un piccolo peptide in grado di interrompere i segnali cellulari ad attività tumorale di TRF2. Il lavoro è stato pubblicato oggi sulla rivista internazionale Journal of American Chemical Society.
Il progetto multidisciplinare nasce dalla collaborazione con i Chimici dell’università Federico II di Napoli e si fonda sull’osservazione che la proteina TRF2, attraverso il suo dominio TRFH è in grado di convogliare al telomero varie proteine che contribuiscono con la loro attività alla formazione del tumore. I ricercatori, basandosi su dati cristallografici disponibili in letteratura, hanno disegnato e sintetizzato un peptide che, legandosi con alta affinità al dominio TRFH di TRF2, inibisce i segnali coinvolti nel processo di tumorigenesi. Tale molecola non è stata scoperta per caso, ma tramite processi di ingegneria chimica, che hanno permesso la modulazione della sua funzionalità e l’ottimizzazione di determinate proprietà, allo scopo di trovare la molecola giusta.
Questi studi rappresentano il futuro della ricerca. “La bioinformatica – chiarisce Annamaria Biroccio – e nello specifico gli studi predittivi, permetteranno di ottimizzare quei processi che intercorrono tra la fase di ‘disegno’ e quella di selezione dei farmaci a bersaglio molecolare e permetteranno, conseguentemente, di abbattere i tempi e, non ultimo, i costi legati alla sperimentazione.”
“Le moderne tecniche di Rational Design e l’utilizzo di modelli bioinformatica- spiega Pasquale Zizza, primo autore dello studio – hanno consentito il disegno e la selezione di una molecola ad elevato potenziale applicativo in grado di bloccare le funzioni reclutanti di TRF2.”
“I risultati ottenuti – evidenzia Annamaria Biroccio – scaturiscono da uno studio più ampio, in collaborazione con il gruppo francese diretto dal Prof. Eric Gilson, in cui è stato identificato un ruolo non canonico della proteina telomerica TRF2. Il lavoro pubblicato sulla rivista “Nature Cell Biology” a Luglio del 2013, infatti, evidenziava come TRF2 possa contribuire allo sviluppo tumorale, non solo attraverso la sua già nota capacità di mantenere l’integrità telomerica, ma anche attraverso la modulazione di alcuni componenti del sistema immunitario.”“Lo studio appena pubblicato – sottolinea Ruggero de Maria, Direttore Scientifico IRE -rappresenta un esempio di come attraverso un approccio multidisciplinare sia possibile in tempi rapidi passare dall’identificazione di un bersaglio molecolare al disegno di un inibitore specifico.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rossini’s William Tell concert

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

rossini orchestra reggio torinoToronto Monday, November 24 – 6:30pm Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St., On the occasion of Rossini’s William Tell concert performed by Teatro Regio di Torino, hosted by the Toronto Symphony Orchestra, with Mo. Gianandrea Noseda, conductor, on December 5, 2014. Libretto by Étienne de Jouy and Hippolyte-Louis-Florent Bis based on Friedrich von Schiller’s Wilhelm Tell.
First Performance: 3 August 1829, Paris Opéra.
Arnold, a Swiss patriot and son of the venerable Swiss leader, Melcthal, has saved from drowning Matilda, daughter of the Austrian tyrant Gessler, whom the Swiss abhor. Arnold and Matilda have fallen in love with each other.
Gianandrea Noseda, conductor
Dalibor Jenis, baritone (Guglielmo Tell)
Enea Scala, tenor (Arnoldo Melcthal)
Angela Meade, soprano (Matilde)
Marco Spotti, bass (Gualtiero Farst)
Fabrizio Beggi, bass (Melcthal)
Marina Bucciarelli, soprano (Jemmy)
Anna Maria Chiuri, mezzo-soprano (Edwige)
Gabriele Sagona, bass (Gessler)
Mikeldi Atxalandabaso, tenor (Ruodi)
Saverio Fiore, tenor (Rodolfo)
Paolo Maria Orecchia, bass (Leutoldo)
Orchestra and Chorus Teatro Regio Torino

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Digital Churches? Challenges in proclaiming the Gospel today

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

hannoverThe CEC-CCEE Joint Committee annual meeting took place from 17 to 19 November in Hannover at the invitation of the Protestant Church in Germany (EKD).Participants gathered to discuss the theme Communication of the Gospel in Today’s Europe. Different speeches were given on three main sub themes: the communication in Today’s Europe; Christian communication and “marketing” of Christian faith today and Christian Communication and building communion. In Hannover, CCEE delegates were introduced to the new CEC Joint Committee members, elected after the last CEC Plenary Assembly in 2013.
In 2014, Europe and the churches within it are in a unique position to reflect on a history that made up of stories of division and reconciliation, turmoil and healing. Together we turn to the 100th anniversary of the start of World War I and 25th anniversary of the fall of the Berlin Wall. In the long shadow of these divisive times, we are reminded of the human ability to destroy, to kill, and to turn away from that which is gracious and good.
Today, as we gather in Hannover, Christians from across the confessional and cultural traditions of Europe commit themselves anew to living stories of hope and reconciliation. We turn to these moments in our shared past so that we may better bring about God’s reign of justice and mercy today. In this already-but-not-yet time, the Conference of European Churches (CEC) and the Council of European Bishops’ Conferences (CCEE) bear witness to the need for God’s reconciling spirit in a divided world. In a world rife with many conflicts, we lift up the divisions of humanity to God through the cross of Christ. Of particular concern at this time must be Ukraine and the Middle East.
● In the ongoing conflict in Ukraine, which remains prominent in the news, we recommit ourselves to the Psalmist’s call to “seek peace and pursue it”. We pray for victims of violence, and for those who grieve loss of life and security, that they may know God’s comfort and an end to conflict. We pray for those who remain silent or are disempowered to speak, that they may be stirred toward solidarity.
● In the Middle East, the cradle of our Christian faith, the world is witnessing unprecedented expressions of violence and extremism. Indiscriminate murders, persecution of Christians as well as other minorities, suppression of aid, and untold chaos characterise life across much of Syria and Iraq. Human rights are inviolable and violence intolerable. Peace cannot be realised without an end to the global arms trade. We condemn the misappropriation of religion to justify the spilling of human blood in God’s good Creation, especially as manifested by the so-called Islamic State. We pray for those who take up arms against their brothers and sisters, that they may turn their swords into ploughshares.In this Joint Committee, we seek to be a beacon for the churches in Europe and beyond. We strive for reconcilliation and work for unity in the midst of division in the Church. In these shared words of peace, and a joint call for justice, we are reminded that the Gospel of Christ is a Gospel of reconcilliation for all to proclaim.
As we reflect together in our meetings on the impact of communicating the Christian faith today, we note five themes:
1) Being in the digital world is not an option, but a reality and the context of the mission of the Church. The Church as sign and presence of the unity of humankind must be where the people are and there is a real hunger in digital spaces and across social media platforms for authentic expressions of the Gospel message.
2) Jesus Christ, Word of God, is the exemplar in all our communication, even as we enter unfamiliar and uncharted terrain. He is our saviour and guide, and reminds us that human beings are more than the sum of our digital footprints.
3) We have seen the richness of the churches’ experience and the depth of our discernment. We strive to cultivate dialogue and community in all our efforts to understand how to communicate and live better the Christian faith.
4) Evolving technologies present challenges for the Church and its witness in the world. Many find themselves preoccupied with inappropriate and trivial use of the internet and digital technologies. There are serious anthropological, spiritual, theological, and ethical challenges that must be addressed by the Church for the flourishing of humankind.
5) Education for life-giving and liberating use of these technologies is a priority for the Church. This is an enormous opportunity to create and nourish community and be witnesses to life in Christ.
Even as we face new ways of praying, thinking, and acting out our Christian faith, online and elsewhere, we recall the ancient words and sacred traditions that guide our being and our doing, “I am the Alpha and the Omega, the first and the last, the beginning and the end.” (Revelation 22:13). The 2015 meeting will take place in Rome, Italy.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Industria farmaceutica: Novo Nordisk tra le migliori al mondo nel favorire l’accesso alle cure

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

visionIl gruppo farmaceutico Novo Nordisk si dimostra fra i migliori al mondo nel fornire accesso alle cure. Lo dimostra il secondo posto ottenuto nell’edizione di quest’anno dell’Access to Medicine Index, la classifica che si propone di valutare 21 aziende farmaceutiche di tutto il mondo in base a politiche e pratiche attuate per migliorare l’accesso alle cure nelle nazioni svantaggiate.Nel 2013 Novo Nordisk è stata in grado di fornire trattamenti a circa 24,3 milioni di persone con diabete in tutto il mondo, mostrando un aumento del 7% rispetto al 2012. In particolare, Access to Medicine Index ha segnalato due tra i programmi per l’accesso alle terapie per il diabete dell’azienda danese: il progetto “Base of the Pyramid”, volto a migliorare diagnosi, trattamento e educazione sul diabete per i lavoratori poveri nei Paesi in via di sviluppo attraverso un approccio integrato con le organizzazioni religiose, e il programma “Changing Diabetes in Children”, che fornisce farmaci gratuiti, trattamento ed educazione ai bambini che convivono con il diabete di tipo 1 nei paesi a basso reddito. “Oggi più dell’80% delle persone con diabete vive in nazioni a basso e medio reddito in cui l’accesso alle cure e al trattamento è semplicemente inadeguato,” dice Lars Rebien Sørensen, CEO di Novo Nordisk. “L’anno scorso abbiamo lanciato la nostra strategia per l’accesso globale alle cure per il diabete, rinforzando i nostri sforzi per abbattere le barriere che impediscono l’accesso alle terapie e per permetterci di raggiungere 40 milioni di persone che convivono con il diabete entro il 2020.” “Abbiamo la conoscenza, le capacità e l’impegno per migliorare la salute delle persone che vivono con il diabete a prescindere da dove vivono. In quanto leader mondiali nella cura del diabete continueremo a lavorare con i governi, le organizzazioni sanitarie e le comunità per far sì che questo diventi una realtà in tutto il mondo” conclude Sørensen.Da quando Novo Nordisk ha lanciato la sua prima strategia di accesso alle terapie nel 2001, il diabete è diventato una delle maggiori sfide alla salute a livello globale. Ad oggi si stimano 387 milioni di persone con diabete in tutto il mondo e questo numero è destinato a crescere fino a oltre mezzo miliardo entro il 2035.
Con sede in Danimarca, Novo Nordisk è un gruppo farmaceutico internazionale da oltre novant’anni impegnato nell’innovazione e leader nella cura del diabete. Novo Nordisk è anche leader nel campo della cura dell’emofilia, della terapia con ormone della crescita e della terapia ormonale sostitutiva. Novo Nordisk ha circa 41.000 dipendenti in 75 Paesi e commercializza i suoi prodotti in più di 180 nazioni. Per maggiori informazioni visita http://www.novonordisk.com

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Worth Wearing, parte dall’Italia la nuova frontiera del fundraising

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

T-SHIRT_calcio_retroLa nuova frontiera del fundraising è arrivata e parte proprio dall’Italia. Lanciato in questi giorni, Worth Wearing è un innovativo prodotto per il fundraising e il merchandising. L’idea è semplice e innovativa: una piattaforma gratuita per la stampa di t-shirt a sostegno di cause sociali e culturali. “Tutti indossiamo t-shirt e la nostra identità passa anche da come ci vestiamo”, racconta Salvatore Barbera, ideatore del progetto. Toscano nel sangue e una vita dedicata all’attivismo, ha passato 17 anni in Greenpeace tra Amsterdam, Instanbul e l’Italia per poi fondare Latte Creative, giovanissima agenzia dedicata al campaigning e alla comunicazione per le ONG. Worth Wearing è il primo progetto totalmente ideato, sviluppato e realizzato dall’agenzia. “Il nostro sogno è che chiunque abbia un’idea la possa finanziare creando una semplice t-shirt e vendendola sul nostro sito a tutti coloro che credono in quel progetto”. Il team, giovanissimo e internazionale, lavora tra Roma e Bruxelles e ha scelto l’Italia per fare innovazione. La piattaforma permetterà di creare un negozio online per vendere magliette senza alcun costo, aiutando la propria causa con il ricavato ma anche diffondendo il messaggio di una campagna e di un’organizzazione tra i potenziali sostenitori e chiunque condivida quegli ideali. “Ci siamo posti l’obiettivo di creare il sito di riferimento per tutto il merchandising sociale in Italia, dalle grandi ONG ai singoli individui con una buona idea”, dice Silvio Cianciullo, che per Worth Wearing cura il marketing e la logistica. “Un posto per chi voglia comprare una maglietta etica e sostenere una buona causa”. Insomma, chiunque abbia un’idea “worth”, “degna” – sociale, ambientale o personale – può semplicemente “caricare sul sito una grafica, un testo, un’illustrazione da stampare per poi destinare il ricavato delle vendite al finanziamento della propria causa”, aggiunge il Design Director Andrea Pinchi. “Non ci sono costi: caricare il disegno e la grafica della propria campagna non costa nulla”, aggiunge Mara Visinescu, Project Manager di Worth Wearing, arrivata in Italia da Bucarest meno di due anni fa, a 22 anni, con il sogno di unire arte e management al servizio dell’innovazione nel mondo dell’attivismo. “Chi lancia una t-shirt su Worth Wearing ha solo da guadagnarci grazie al sistema di stampa ‘on demand’, guadagnando ogni volta che le magliette vengono comprate dagli utenti”.Worth Wearing nasce da un’intuizione ma anche da un’analisi approfondita del mercato, dell’attivismo e del web. “Vogliamo creare un altro strumento per il campaigning accanto a quelli tradizionali, un nuovo sistema versatile di donazioni tramite magliette che si possa affiancare liberamente agli altri tipi di fundraising già esistenti”, dice Sedef Yilmaer, Web Strategist e creativa. Classe 1990, innamorata di Istanbul, la sua città, Sedef lavora a Roma con Latte Creative da due anni. Il sito è “semplice, innovativo e intuitivo, facilmente accessibile per chi lo usa e per tutti gli attivisti che vorranno acquistare”, aggiunge Angelo Baldicchi, Software Engineer del progetto.“Abbiamo lanciato in questi giorni la nostra campagna di crowdfunding per ottenere gli ultimi fondi per partire e farci conoscere”, spiega da Bruxelles Michela Locati, Digital Copywriter ed esperta di integrazione crossmediale. “Stiamo comunque già cercando i primi soggetti da coinvolgere e vediamo che il progetto riscuote interesse e curiosità. Non solo: il periodo natalizio ormai alle porte è un momento dell’anno favorevole per le ONG e il fundraising. Ecco perché per la campagna di crowdfunding prevediamo per chi dona anche dei “premi” come ad esempio la nostra consulenza in anteprima e speciali set di magliette WW”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Rainbow MagicLand!

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

rainbowVuoi divertirti con la magia dei parchi divertimenti? Hai occhio per le immagini e abilità con le parole? PaesiOnLine sta cercando proprio te! Sono aperte le selezioni per un inviato speciale che diventerà testimonial del progetto “Un giorno di divertimento al parco Rainbow MagicLand”, che dovrà raccontare in modo accattivante e originale il concetto di divertimento sulle pagine social di Vita da Turista (www.vitadaturista.it), il progetto di promozione turistica non convenzionale di PaesiOnLine. Per candidarsi basta collegarsi alla pagina http://www.vitadaturista.it/magicland entro il 24 novembre 2014, caricare una o più foto (fino a un massimo di 10) che rappresenti la propria idea di divertimento, spiegando perché sia stata scelta proprio quell’immagine. Il testimonial selezionato trascorrerà la giornata dell’8 dicembre presso il parco divertimenti Rainbow MagicLand di Valmontone (RM), raccontando l’esperienza in diretta web, foto e post sulla pagina Facebook di Vita da Turista. Alla fine dell’esperienza, inoltre, pubblicherà un resoconto finale sotto forma di diario.Al vincitore della selezione PaesiOnLine proporrà un Contratto di lavoro autonomo occasionale della durata di 3 giorni, che prevederà un compenso di 100,00 euro netti, l’ingresso al parco per il selezionato e un accompagnatore, un MagicPass, un buono pasto per 2 persone, un pacchetto foto, per un valore complessivo di 155,00 euro.Il progetto Vita da Turista è promosso da PaesiOnLine con l’obiettivo di raccontare destinazioni ed esperienze in modo immediato e non convenzionale, utilizzando linguaggi originali e mezzi multimediali. Ciò che rende innovativo questo progetto è il concetto di esperienza e la scelta dei testimonial: per raccontare un luogo o un evento, è indispensabile viverlo, farne esperienza diretta, e la credibilità di un testimonial passa attraverso la reale conoscenza che questi ha degli argomenti che propone. PaesiOnLine (www.paesionline.it) punto di riferimento per oltre 30 milioni di utenti che cercano informazioni su viaggi e per aziende e operatori che investono nella promozione dei loro prodotti in Italia e all’Estero. Attualmente le località recensite sono circa 15 mila, e le foto condivise oltre 40 mila. Le pagine social connesse al portale sono ai primi posti in Italia per engagement generato.
Rainbow MagicLand è il parco divertimenti di Roma – Valmontone (a circa 30 minuti d’auto dalla Capitale), dove la “magia” è l’elemento dominante. Un vero e proprio “viaggio” in una terra fantastica, tra castelli fatati, coraggiosi vichinghi, magiche fate, potenti stregoni e abili avventurieri, il tutto inserito in suggestive e accattivanti scenografie che ricostruiscono mondi fatati in ogni dettaglio. http://www.rainbowmagicland.it

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia estetica

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

chirurgia esteticaGran parte degli interventi di chirurgia estetica, in Italia come nel resto del mondo, avvengono in ambulatori chirurgici o strutture di day surgery e non in cliniche. «Si tratta di strutture sicure e controllate periodicamente dalla Asl, che devono garantire altissimi standard di qualità per aprire e per restare aperte. Sbagliato quindi puntare il dito contro questo tipo di realtà, facendo passare l’idea che l’Italia sia una sorta di Far West della chirurgia estetica, con medici che operano nel sottoscala o in sale operatorie improvvisate. Ci sono anche queste realtà, ma sono l’eccezione: la norma è tutt’altra». Parola di Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica) che, attraverso il segretario Pierfrancesco Cirillo, intende fare chiarezza, in particolare dopo il recente fatto di Napoli e quello di qualche mese fa a Cagliari, dove due pazienti sono morte in seguito a interventi eseguiti appunto in ambulatori chirurgici. «In Italia sono centinaia le strutture private di day surgery e di chirurgia ambulatoriale, che danno lavoro a migliaia di persone ed erogano migliaia di interventi chirurgici ogni anno – afferma Cirillo -. I controlli sull’esistenza dei requisiti sono deputati in prima battuta alle ASL, che con il servizio tecnico ispettivo verifica severamente prima del rilascio di un’autorizzazione, e quindi ai Carabinieri del NAS, che effettuano controlli a campione per monitorare l’attività». Dall’indagine realizzata dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), la chirurgia estetica in Italia si pratica in oltre il 65% dei casi in day hospital o day surgery (34,4%), o in ambulatorio chirurgico (31,2%), mentre nel rimanente 33.9% in clinica (dati 2013). «Esistono da anni regole e linee guida che prevedono che certi interventi si possono eseguire in tutta sicurezza in regime ambulatoriale o di day surgery – afferma Cirillo -. Purtroppo i regolamenti non sono uniformi e variano da regione e regione: Aicpe è stata la prima a denunciare questa situazione, auspicando che si possano rendere omogenei i criteri per il rilascio dell’autorizzazione a livello nazionale. Dagli anni ’60 la chirurgia ambulatoriale è una realtà negli Stati Uniti e nel 1989 sono state definite le linee guida con un documento che ha come obiettivo la qualità e non dell’inutile burocrazia. Non dimentichiamo che la percentuale di mortalità in chirurgia plastica è molto bassa, dello 0,02%, ma si tratta pur sempre di interventi chirurgici, quindi una percentuale di rischio, anche se bassa, esiste, e spesso è imponderabile. Nei casi di Napoli e Cagliari la magistratura farà il suo corso, ma nonostante gli operatori siano chirurghi plastici di provata esperienza, le cose accadono anche per complicazioni imprevedibili. Ci risulta che in ambedue i casi, le strutture fossero autorizzate per la chirurgia ambulatoriale». La gran parte degli interventi estetici, per la loro natura e complessità, possono essere effettuati con assistenza chirurgica a ciclo diurno, quindi senza pernottamento nella struttura, consentendo così di contenere i costi e di proporre comunque interventi in sicurezza. I modelli organizzativi sono due: la chirurgia ambulatoriale e la day surgery. La chirurgia ambulatoriale può essere effettuata in ambulatori attrezzati secondo rigidi requisiti. Si tratta di interventi di facile esecuzione, da condurre in anestesia locale o analgesia su pazienti dichiarati idonei a questo trattamento, con assistenza anestesiologica. in base a una selezione che comprende condizioni generali e anche aspetti psicologici, logistici e familiari.La day surgery comprende procedure con un ricovero che prevedono un regime di ricovero limitato alle sole ore del giorno con una sorveglianza clinica e un’organizzazione specifica all’interno di strutture per le quali siano definite norme e caratteristiche. In questo contesto, è possibile eseguire operazioni non meno importanti di quelle erogate con il regime di assistenza chirurgica tradizionale. I risultati garantiti e la qualità sono gli stessi, con la riduzione del rischio al minimo accettabile per il paziente, e contenendo i costi. I pazienti adatti per la day surgery sono selezionati in base alle condizioni generali, età, fattori logistici e familiari. In regime di chirurgia ambulatoriale e di day surgery si possono eseguire la stragrande maggioranza degli interventi, in particolare blefaroplastica, rinoplastica, mastoplastica additiva, lifting, otoplastica, mastopessi, lipofilling, trapianto dei capelli, mentoplastica, protesi zigomatiche, lifting del sopracciglio, cheiloplastica e ginecomastia. Anche la liposuzione può essere eseguita in regime ambulatoriale, se la percentuale di grasso prelevato non supera il 5% del peso corporeo e se le zone trattate sono limitate.
AICPE. L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), la prima in Italia dedicata esclusivamente all’aspetto estetico della chirurgia, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, che è gemellata con l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 200 chirurghi in tutta Italia. Membri di Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, che aderiscono a un codice etico e di comportamento da seguire fuori e dentro la sala operatoria. L’associazione ha elaborato e pubblicato le prime linee guida del settore, consultabili sul sito internet, in cui si descrive il modus operandi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici in diversi modi: disciplinando l’attività professionale sia per l’attività sanitaria sia per le norme etiche di comportamento; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica. Tra gli obiettivi c’è anche l’istituzione di un albo professionale nazionale della categoria.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »