Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 9 dicembre 2014

Statement on Persecution of Religious Minorities in the Middle East Region

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

human-rights-first-350x219.3The Conference of European Churches (CEC) expresses its concerns about very serious violations of fundamental human rights, the humanitarian crisis and the security situation in the Middle East region, especially in the conflicts in Syria and Iraq. CEC deeply regrets that the situation continues to worsen. CEC urges that targeted killings, forced religious conversions, trafficking of women and children, recruiting of children for suicide bombings, the beheading of Christians and members of other religious minorities based on their religion or belief, and vandalism of religious sites, cultural heritage and places of worship must end immediately.On a daily basis, innocent lives of people belonging to religious and ethnic minorities including Christians from the ancient churches in the region, Yazidi, Turkmen, Shabak, Kaka’e, Sabian and Shia communities, moderate Muslims, Kurds are taken by the self-proclaimed Islamic State (IS) and other extremist groups. Many Muslim religious leaders disagree with their practice of ethnic and religious “cleansing”. It is our conviction that religious pluralism is a basic principle of human rights. This most grievous situation needs a strong international and European response.CEC supports the efforts of the Middle East Council of Churches, and stands hand-in-hand with its Christian brothers and sisters, and all people of goodwill who are looking for peace solutions in the inflamed region. In particular we pray for the abducted Archbishops of Aleppo, Archbishop Gregorios Yohanna Ibrahim and Archbishop Paul Yazigi.We ask international peace negotiators to bring the voice of religious and ethnic minorities into peace processes and to engage faiths and convictions in peaceful dialogue. While recognising that the EU Foreign Affairs Council and European Council have issued their conclusions on the situation in Iraq and Syria, we, the Conference of European Churches, urge the European Institutions to:
1. Pay special attention to the religious dimension of the existing conflict – especially the instrumentalisation of Islam – and implement an ongoing comprehensive plan to combat current extremism and radical ideology, which have also infected some Europeans and other foreign fighters and led them to support IS.
2. Call on those in conflict to respect freedom of religion or belief as a fundamental human right guaranteed by Art. 18 of the Universal Declaration of Human Rights and use the potential of ecumenical and inter-religious bodies, together with other civil society organisations to promote peace and religious tolerance.
3. Encourage EU member states to increase, as a matter of urgency, their assistance, humanitarian aid and refugee protection to those who belong to Iraqi or Syrian minorities, or any other minorities living in these territories, without consideration of their religion or belief, age, sex, ethnicity and to place special emphasis on women and children, people with disabilities and elderly people and single persons who have lost their families.
4. Extend and create possibilities for family members to be admitted to EU Member States in order to join their families with priority and reduced bureaucratic hurdles.
5. Substantially and urgently increase immediate financial support to the World Food Program in those countries that host refugees, and also ensure medical supplies, personnel, and winter shelter.
6. Implement EU Guidelines on the promotion and protection of Freedom of Religion or Belief (2013) in order to promote human rights and human dignity of all people and nations without taking into account their country of origin.
7. Demand the implementation by EU member states of the EP resolution of 18 September 2014 on the situation in Iraq and Syria, and the IS offensive, including the persecution of minorities (2014/2843/ (RSP)) as well as the UN Security Council Resolution 2170(2014) and UN Human Rights Council resolution S_22/L.1(2014).
CEC supports efforts of the UNHCR and of neighbouring countries to the conflict aimed at providing protection and safety to refugees and also request European states to considerably increase their refugee resettlement contingents.We call upon all churches in Europe to join us in our prayers for all people who are suffering in conditions of extreme privation, and in expressing solidarity with churches and individual Christians in Syria, Iraq and the whole Middle East region. We pray that an end to these conflicts can be found so that peace may prevail in their homeland, where Christians have been present for centuries. We invite CEC member churches and all people of goodwill to carry out advocacy in this difficult moment vis-à-vis their own governments and to stand in solidarity in welcoming refugees and asylum seekers. We encourage other religious representatives to join us in this appeal to strengthen multicultural and multi-religious society in the Middle East region.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Finnish-African rewarding interactive internet TV technology is spreading rapidly in Africa

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

consumers-hmed-619p.grid-6x2A unique Internet-TV concept and service platform developed by Finnish Neonella Ltd, has received a huge success in Africa. Neonella started a crowdfunding campaign last week.The features of the service are based on interactive functions between the user and the content provider as well as the fact that users’ are being rewarded with bitcoins from participation with the content.
– Consumers are able to use bitcoins within the service and generally bitcoins can be used in tens of thousands of other online stores and services. The service allows communication between consumer and the advertiser. For example it is possible to make offers, ask opinions and make money transfers both ways while using the service, says CEO Jussi Myllylä.The demand of internet-TV technology is growing strongly in Africa, as many countries are currently undergoing the transition from analog to digital TV. To this end, Internet-TV, due to the popularity of smartphones, is the most natural option. Cisco predicts that mobile data-traffic by continent, will grow most in Africa and will increase to 70%* by the year 2018. There are currently over 500 million mobile users in Africa**. Neonella`s strategic partner in Africa is Somocon Ltd, who is involved in the business, but also in the development of the services, especially for the needs of African markets. At the moment, the service platform has orders in Uganda, Tanzania, Kenya and Zambia.The technical platform created by Neonella Ltd. can also be developed for educational purposes due to it´s interactive features. Technological services for educational use are growing rapidly in Africa.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New China, US, EU post-2020 plans reduce projected warming – Climate Action Tracker

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

Lima_Peru_01Lima. For the first time since 2009 the Climate Action Tracker has calculated a lower projected warming over the 21st century than before – because of the new proposed post-2020 actions from China, the US and the EU. However, this is still not enough to limit warming below 2˚C. The Climate Action Tracker is an assessment by four research organisations: Climate Analytics, Ecofys, NewClimate Institute and the Potsdam Institute for Climate Impact Research, assessing government pledges and actions against what’s needed to limit warming below a 2°C increase above preindustrial levels, and against the goal of bringing warming below 1.5°C by 2100. Today’s update was released at the climate talks in Lima. If China, the United States and the European Union, who together comprise around 53% of global emissions, fully implement their new, post-2020 plans, they would limit global temperature rise to around 3˚C by 2100, between 0.2˚C and 0.4˚C lower than it would have been prior to their announcements. These announcements are more ambitious than previous commitments, and represent significant progress, but remain insufficient to limit warming below 2˚C. “China, the US and the EU are proposing additional action that, if implemented, would reduce projected warming to around 3degC, which is better than it would have been but still substantially above the almost universally-agreed goal of holding warming below 2°C,” said Dr Louise Jeffery of the Potsdam Institute for Climate Impact Research. “In the context of increasing momentum towards a global agreement to be adopted in Paris in 2015, this represents a very important first step towards what is needed,” said Bill Hare, Executive Director of Climate Analytics.“Tempering this optimism is the large gap that remains between the policies that governments have put in place that will lead to warming 3.9°C by 2100, compared to the improvements they’ve made in their promises.“These new developments indicate an increasing political will to meet the long-term goals, and it is encouraging that the EU and US are putting their pledges closer to a direct path to their 2050 goals, rather than relying on delayed, rapid action post-2030,” said Hare.
“We estimate that China will likely achieve its 2020 pledge and the objectives stated for 2030, reaching 20% share of non-fossil fuels in a manner that is consistent with peaking CO2 emissions by 2030. Levelling emissions off after 2030 has a major positive effect on global warming in the 21st century,” said Niklas Höhne, Founding Partner of the NewClimate Institute.“However, China’s post 2020 emissions levels remain unclear and difficult to quantify – an important point when considering rules and ways to measure the climate action governments have to table next year on the way to Paris.“China’s peak by 2030 falls somewhat short of a 2°C pathway. However, if emissions peak just five years earlier, this could make a very big difference and move them very close to a 2°C pathway,” said Höhne.He noted that with its current and full implementation of its proposed policies, the US appears likely to meet its 2020 goal of 17 percent. However, further measures will be needed to meet its newly-proposed 2025 goals.The EU’s current policies put it on a good trajectory toward meeting its 2020 target. However, with current policies the EU is not on track to meet its more ambitious conditional target of 30% emissions reduction below 1990 levels by 2020 and the 40% reduction target by 2030.The Climate Action Tracker noted that Governments like India could take further action. Recent discussions indicate that India could be considering putting forward in 2015 a peak year for emissions between 2035 and 2050 which, depending upon the level at which this peak occurred, could be consistent with a 2°C pathway.In today’s update, the CAT has also assessed multiple countries and made them available on its website.The assessments find that China, the EU and Brazil’s currently implemented policies will be sufficient to meet their pledge, even though the all of these pledges could be much improved.Japan, Russia and Ukraine are also achieving their pledge, but this is primarily due to the lack of ambition in their targets. At the other end of the scale, Australia, New Zealand and Norway are far away from achieving their pledges. Most other countries also still have to implement additional policies or purchase international emission units to achieve their pledges.“There is considerable diversity between countries both in terms of the ambition level of their reduction pledges and the actual translation of these pledges into policy action on the ground. If all countries followed the leading country on both tasks, the goal of limiting warming to below 2˚C could be within reach,” says Professor Kornelis Blok, Director of Science at Ecofys.Of the 22 countries the Climate Action Tracker analysed, only five are projected to meet their 2020 pledges, with 13 exceeding (an assessment of the remainder has not been possible). Very few of the pledges are consistent with limiting warming below 2°C. The overview below shows, for the first time, the emergence of a decline in emissions (if pledges to 2050 were fully implemented) compared to the previous continuous increase in a pathway based on current policy projections. This decline, however, is still small. (photo font Wikipedia)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF: 15 milioni di bambini coinvolti in gravi conflitti

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

Giacomo_Guerra_UnicefBen 15 milioni di bambini sono stati coinvolti in conflitti violenti in Repubblica Centrafricana, Iraq, Sud Sudan, Stato della Palestina, Siria e Ucraina – compresi tutti i bambini sfollati interni o che vivono come rifugiati. A livello globale, 230 milioni di bambini attualmente vivono in paesi e aree colpite da conflitti armati.
Secondo l’UNICEF il 2014 è stato un anno di orrore, paura e disperazione per milioni di bambini, a causa del peggioramento dei conflitti in tutto il mondo che li ha esposti a violenze estreme e alle loro conseguenze, reclutati con la forza e individuati deliberatamente come obiettivi da gruppi combattenti. Già molte crisi non catturano più l’attenzione del mondo: ha dichiarato l’UNICEF.
“Questo è stato un anno devastante per milioni di bambini”, ha detto Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF. “I bambini sono stati uccisi mentre erano nelle loro classi a studiare, mentre dormivano nei loro letti. Sono rimasti orfani, sono stati rapiti, torturati, reclutati, violentati e perfino venduti come schiavi. Mai nella storia recente così tanti bambini sono stati soggetti a brutalità così orribili.”
Nel 2014, centinaia di bambini sono stati rapiti dalle loro scuole o mentre erano sulla strada per andare scuola. Decine di migliaia sono stati reclutati o usati da forze o gruppi armati. Gli attacchi alle scuole e alle strutture sanitarie e l’uso delle scuole come obiettivi militari è aumentato in molte zone. Altri dati:
– Nella Repubblica Centrafricana: 2,3 milioni di bambini sono stati coinvolti da conflitti, fino a 10.000 bambini si ritiene siano stati reclutati da gruppi armati nell’ultimo anno e più di 439 bambini sono stati uccisi o mutilati – 3 volte di più rispetto al 2013.
-A Gaza: 54.000 bambini sono rimasti senza casa in seguito a 50 giorni di conflitto durante l’estate che hanno visto 538 bambini uccisi e più di 3.370 feriti.
– In Siria: più di 7,3 milioni sono i bambini colpiti dal conflitto compresi 1,7 milioni di bambini rifugiati, le Nazioni Unite hanno verificato almeno 35 attacchi a scuole nei primi nove mesi dell’anno, durante i quali 105 bambini sono stati uccisi e altri 300 sono stati feriti. In Iraq: dove si stima che 2,7 milioni di bambini sono stati colpiti dal conflitto, almeno 700 bambini hanno subito amputazioni, sono stati uccisi o ammazzati per esecuzione quest’anno. In entrambi i paesi, i bambini sono stati vittime, testimoni e anche perpetratori di violenze brutali e estreme sempre crescenti.
-In Sud Sudan: si stima che 235.000 bambini sotto i 5 anni soffrano di malnutrizione acuta grave. Quasi 750.000 bambini sono sfollati e più di 320.000 vivono come rifugiati. Secondo i dati delle Nazioni Unite, quest’anno più di 600 bambini sono stati uccisi e oltre 200 hanno subito amputazioni, circa 12.000 bambini sono utilizzati da gruppi e forze armati. Il numero totale delle crisi nel 2014 indica che molte sono state dimenticate velocemente o hanno ricevuto poca attenzione. Le crisi che si sono protratte in paesi come Afghanistan, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Pakistan, Somalia, Sudan e Yemen hanno continuato a mietere ancora più giovani vite. Nell’affrontare accessi umanitari ristretti, condizioni di insicurezza e sfide nei finanziamenti, le organizzazioni umanitarie, compreso l’UNICEF, hanno lavorato insieme per garantire assistenza salvavita e altri servizi come istruzione e supporto psicologico per aiutare i bambini a crescere in alcuni dei luoghi più pericolosi della terr:
– Nella Repubblica Centrafricana: appena le condizioni di sicurezza lo permetteranno, inizierà una campagna per portare a scuola 662.000 bambini,.
– Circa 68 milioni di dosi di vaccini contro la polio sono stati consegnati nei paesi del Medio Oriente per contenere lo scoppio di polio in Iraq e Siria.
-In Sud Sudan: più di 70.000 bambini sono stati curati per malnutrizione acuta.Quest’anno lo scoppio dell’Ebola in Guinea, Liberia e Sierra Leone che ha lasciato migliaia di bambini orfani e altri 5 milioni che non frequentano più le scuole. Nei paesi colpiti dall’Ebola, si lavora per combattere il virus nelle comunità locali attraverso il sostegno alle comunità nei centri sanitari e nelle Unità per il trattamento dell’Ebola. Con la formazione degli operatori sanitari e le campagne per la condivisione di informazioni per ridurre i rischi di trasmissione; e attraverso il sostegno dei bambini orfani a causa dell’Ebola.“E’ tristemente ironico che in questo 25° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia, in cui abbiamo celebrato i progressi per i bambini a livello globale, i diritti di molti altri milioni di bambini sono stati brutalmente violati”, ha continuato Lake.
“Le violenze e i traumi non danneggiano solo ogni bambino – minano la forza della società. Il mondo può e deve fare di più per rendere il 2015 un anno migliore per i bambini. Ogni bambino che cresce forte, sano, in salute e istruito, è un bambino che può dare un contributo positivo al suo futuro, alla sua famiglia, alla comunità, alla nazione e al nostro futuro comune”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marco Impagliazzo rieletto Presidente della Comunità di Sant’Egidio

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

Comunita di Sant'Egidionella foto: il Presidente Marco ImpagliazzoROMA. Marco Impagliazzo è stato rieletto Presidente della Comunità di Sant’Egidio. Professore di storia contemporanea all’Università per stranieri di Perugia, presidente uscente della Comunità, Impagliazzo è stato scelto con un vasto consenso dai rappresentanti dei diversi nuclei di Sant’Egidio diffusi nel mondo. L’elezione di quest’anno riflette la crescita della Comunità, nata a Roma nel 1968 ad opera di Andrea Riccardi e diffusa ormai in tutti i continenti: all’assemblea elettorale, che si è svolta a Roma – in collegamento, via streaming, con numerose città italiane, europee, americane, africane e asiatiche – hanno partecipato 220 delegati.La Comunità di Sant’Egidio, Associazione Internazionale Pubblica di Laici riconosciuta dalla Santa Sede e da numerosi organismi internazionali tra cui l’Onu e l’Unione africana, è presente in 73 Paesi del mondo con la partecipazione attiva di oltre 60 mila persone e la collaborazione di migliaia di volontari. Le sue frontiere sono, ovunque, la comunicazione del Vangelo, la solidarietà con i poveri e la costruzione della pace, come ha sottolineato anche Papa Francesco durante la sua visita alla Comunità il 15 giugno scorso: “Andate avanti su questa strada: preghiera, poveri e pace. Camminando così aiutate a far crescere la compassione nel cuore della società, che è la vera rivoluzione”. Ringraziando l’assemblea che ha rinnovato il suo mandato, Marco Impagliazzo ha annunciato di voler continuare il suo impegno proprio nella direzione delle 3 “p” (preghiera, poveri, pace) indicate dal Papa e, di fronte alla conoscenza della Comunità nel mondo, acquisita in questi anni, si è detto “impressionato dalla larghezza dei suoi confini e dalle importanti sfide che l’attendono”.
Si tratta di un impegno che vede oggi Sant’Egidio in prima linea in importanti campagne, come quella portata avanti in Europa contro ogni forma di razzismo ed esclusione nei confronti degli immigrati e dei più poveri o come quella, in Africa e in America Latina, contro una violenza urbana sempre più diffusa. Le Comunità di Sant’Egidio, in diversi angoli del mondo, si impegnano in un’opera di sensibilizzazione nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, dagli anziani abbandonati ai disabili fino ad una presenza importante nelle prigioni per il miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti in Europa, in Africa e altrove. Una rete capillare di “Scuole della Pace” si occupa, in tutti i continenti, di difendere i diritti dei minori, a partire dall’iscrizione all’anagrafe e dalla scolarizzazione. Tra i più progetti più conosciuti, il programma “Dream” per la prevenzione e la cura dell’Aids, che assiste 260 mila persone in 10 Paesi africani.La costruzione della pace è tra gli obiettivi prioritari perchè “la guerra è la madre di tutte le povertà”. Da questa coscienza è nato, nel corso degli anni, l’impegno in numerose opere di mediazione, da quella più conosciuta, che portò nel 1992 alla pace in Mozambico, a numerosi altri negoziati in diversi continenti. Tra le ultime iniziative, l’appello per “salvare Aleppo” – lanciato da Andrea Riccardi e accolto da importanti adesioni – a favore di un corridoio umanitario che liberi dall’assedio, legato alla guerra civile in corso, la storica città siriana, luogo di secolare coabitazione tra musulmani e cristiani di diverse confessioni. (foto Impagliazzo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regioni contro la riforma UE del biologico

Posted by fidest press agency su martedì, 9 dicembre 2014

commissione europeaI leader locali e regionali avvertono che la riforma del settore biologico dell’UE potrebbe causare un declino di quello che è oggi un mercato fiorente. Il Comitato delle regioni (l’Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell’UE) concorda sulla necessità di rivedere la normativa e varare un nuovo piano a sostegno della crescita sostenibile a lungo termine del settore biologico ma ritiene che le proposte della Commissione europea siano semplicemente controproducenti e manchino di flessibilità e investimenti adeguati. Nel parere elaborato da Hester Maij il Comitato sostiene l’obiettivo della Commissione di favorire la crescita sostenibile del settore biologico dopo il rapido sviluppo di questi anni: 19,7 miliardi di euro di fatturato nel 2011, con una previsione di crescita annua di circa il 9 %. L’UE però, sostiene Maij, deve mostrarsi ambiziosa e investire di più sulla tutela della salute delle future generazioni e sulla protezione dell’ambiente. In particolare il Comitato ritiene che le norme dell’UE debbano adattarsi meglio al mercato e alle condizioni climatiche locali e teme che l’inasprimento delle regole inciderà negativamente sulle imprese agricole. Intervenendo a Bruxelles, Maij, membro del Consiglio provinciale di Overijssel (Paesi Bassi), ha affermato: “vogliamo rafforzare la fiducia dei consumatori nei prodotti biologici, garantendo al tempo stesso condizioni di concorrenza eque, ma ciò non è possibile tramite un semplice inasprimento delle regole”. La flessibilità è necessaria perché la produzione biologica dipende fortemente dal tipo di coltivazione e dalle caratteristiche specifiche della regione.I piani della Commissione di porre fine al modo di produzione duale (che consente agli agricoltori di praticare sia l’agricoltura biologica che quella convenzionale sulle stesse superfici) potrebbero anche rivelarsi dannosi, avverte il Comitato. Il Comitato rileva che circa un quarto delle aziende europee che praticano l’agricoltura biologica ha anche una produzione convenzionale, pertanto “Un divieto di tale modo di produzione duale farebbe sparire una parte dei produttori biologici”.Il Comitato ritiene inoltre che sarebbe necessario individuare fondi specificamente dedicati al biologico all’interno del bilancio europeo e invita l’UE a fissare obiettivi concreti. “Nella sua forma attuale, le proposte rappresentano un’opportunità mancata, poiché non è stato previsto alcuno strumento di bilancio a sostegno del settore. Gli enti locali e regionali sono direttamente coinvolti nello sviluppo dell’agricoltura biologica, nella loro veste di cofinanziatori delle misure adottate nel quadro dei programmi di sviluppo rurale, e affinché la riforma abbia successo, occorre rafforzarla e finanziarla secondo modalità più appropriate”. A tal fine, il Comitato raccomanda anche di creare una piattaforma a livello UE volta a promuovere e valutare il successo dei piani. La piattaforma dovrebbero coinvolgere gli operatori economici, la società civile, gli enti pubblici e il mondo della formazione e della ricerca.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »