Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 13 dicembre 2014

Statement from experts on the need for detailed emissions information in INDC’s

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

limaLima In order to be able to evaluate the effect of government proposals on their emissions, and to evaluate the collective total global effect of the INDC’s (intended nationally determined contributions) on emissions, it is very important that they include rigorous and scientifically sound emissions information.Two countries studied by the Climate Action Tracker, which has been evaluating the effect of countries pledges since 2009, illustrate this problem and need. In the case of Australia, while its target of -0.5% by 2020 suggests that it is apparently required to limit its emissions from energy and industry to approximately 1990 levels by 2020 under the Kyoto Protocol, when all of the measures available to it in the land sector are independently evaluated, Australia could be allowed a greater than 50% increase above 1990 levels of both energy and industrial emissions by 2020. Australia’s published information on these land use, land use change and forestry activities is not sufficiently transparent to enable independent verification of the government’s own claims that rather than a large credit, as evaluated by the Climate Action Tracker, it would receive a large debit. A credit adds to the country’s allowed emissions and a debit deducts from allowed emissions in its target year, ie 2020.The next example is China, which is taking substantial action to slow – and ultimately peak – its emissions by 2030. China has not, however, provided its own estimate on the envisaged level of emissions by 2030, nor enough information for it to be possible to accurately quantify the level of its peak emissions, which is fundamentally important to the likely level of global warming in the 21st Century. In the first case, Australia, it is clear: present policy settings will likely increase it emissions by more than 50% above 1990 levels by 2020. Hence it is also clear, that Australia has an interest in gaining as many land use credits as it can, and possibly obscuring the real outcome of its international Kyoto targets for as long as possible.In the case of China most analyses that fully account for present and proposed policies indicate that China’s emissions are likely to peak by the late 2020’s if they successfully implement all of the policies proposed. However, we are only able to determine, within a broad range, the likely level of those peak emissions.Given these considerations, it is very important that critical information is provided in the INDC’s of all countries to enable the quantification of expected emission reductions, and transparent information on the accounting of all significant activities and greenhouse gas emissions, particularly in the land use and forestry sectors. The land use change and forestry is particularly important because of the large uncertainties and because of the great potential for selective accounting to produce inflated credits.
The ultimate purpose of the INDC’s is for countries to progress towards holding warming below 2˚C. If the scientific community cannot evaluate the overall effects of INDC’s because countries have not given sufficient information, or not all important assumptions, then there can be no way that the public can be confident that an agreement in Paris will set us on a safer path than at present. The Climate Action Tracker is an independent science-based assessment that tracks the emission commitments and actions of countries. It is a joint project of the following organisations:
Climate Analytics is a non-profit organization based in Potsdam, Germany. It has been established to synthesize climate science and policy research that is relevant for international climate policy negotiations. It aims to provide scientific, policy and analytical support for Small Island States (SIDS) and the least developed country group (LDCs) negotiators, as well as non-governmental organisations and other stakeholders in the ‘post-2012’ negotiations. Furthermore, it assists in building in-house capacity within SIDS and LDCs.
Established in 1984 with the vision of achieving “sustainable energy for everyone”, Ecofys has become the leading expert in renewable energy, energy & carbon efficiency, energy systems & markets as well as energy & climate policies. The unique synergy between those areas of expertise is the key to its success. Ecofys creates smart, effective, practical and sustainable solutions for and with public and corporate clients all over the world. With offices in the Netherlands, Germany, the United Kingdom, China and the US, Ecofys employs over 250 experts dedicated to solving energy and climate challenges.
The PIK conducts research into global climate change and issues of sustainable development. Set up in 1992, the Institute is regarded as a pioneer in interdisciplinary research and as one of the world’s leading establishments in this field. Scientists, economists and social scientists work together, investigating how the earth is changing as a system, studying the ecological, economic and social consequences of climate change, and assessing which strategies are appropriate for sustainable development.
NewCLimate Institute is a non-profit institute established in 2014. NewClimate Institute supports research and implementation of action against climate change around the globe, covering the topics international climate negotiations, tracking climate action, climate and development, climate finance and carbon market mechanisms. NewClimate Institute aims at connecting up-to-date research with the real world decision making processes.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

What does it mean to be transgender in the EU today?

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

commissione europeaThe alarming reality of what it is like being transgender in the EU today is revealed in a new report by the EU Agency for Fundamental Rights (FRA). Violence and discrimination are common. Many hide their identity, are marginalised, and live in isolation or even fear.
“Everyone has the right to be themselves. However, in reality many trans people live in fear as society is often intolerant and ignorant of trans people and their needs,” says FRA Director Morten Kjaerum. “Our research shows that trans people live noticeably better lives where Member States are aware of the problems and have developed policies to protect and support them. The EU and all Member States should follow this lead so all trans people can be themselves in all walks of life.”The report points to how trans people experience frequent discrimination and victimisation, harassment and disrespect, drawing on the responses to FRA’s wider EU LGBT survey. Some difficulties that trans people particularly face include:Repetitive violence: Over two in five trans respondents, who were victims of violence, indicate that this happened three or more times during the year before the survey. Such findings point to the need to improve policies to combat hate-motivated violence and harassment by specifically protecting against transphobic hate crime and improving awareness among police of how to deal with such hate crime.Fear of being yourself: One third of all trans respondents avoid expressing their gender identity through the way they look or dress for fear of being assaulted, threatened or harassed. Half of the trans respondents avoid places particularly public places, like on the street, in squares or in parking lots, because of these fears. Almost one in five respondents avoid being open even in their own home. EU action and national responses should be strengthened and address gender identity and gender expression to better protect trans people. Member States should also ensure legal gender recognition in identity documents, without the need to resort to medical intervention or divorce, to help trans people enjoy their fundamental rights.Discrimination in employment, education and healthcare: One in three trans respondents felt discriminated against when looking for a job or at work. These findings point to the need to ensure that laws to protect against discrimination include explicitly gender identity. Employers should consider diversity training to improve awareness of trans issues; schools should provide a safe environment for trans pupils and objective information about gender identity and gender expression; and in healthcare, medical professionals should be made aware of the healthcare needs of trans people.
The analysis also shows that young and unemployed trans people, and those from the lowest income strata are more likely to report experiences of discrimination, harassment and violence.The report also provides evidence that where action plans, positive measures and equality policies combating discrimination are well developed and implemented, trans people are more open and can live a better life.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna al Giardino Inglese di Palermo la pista sul ghiaccio

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

pista su ghiaccioPalermo on ice 14 dicembre alle 16. Abbigliamento pesante, gambe strette per rimanere in equilibrio e pattini con le lame ben salde ai piedi. Non serve nient’altro per divertirsi a “Palermo on ice”, la pista su ghiaccio che riapre i battenti per il terzo anno consecutivo domenica 14 dicembre alle 16, all’interno del pattinodromo comunale del Giardino Inglese (ingresso diretto da via Duca della Verdura oppure da via Liberta o via Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa). Uno spazio grande oltre 800 metri quadri (la pista ne occupa 600) e coperto da una tensostruttura, dove bambini, adulti, adolescenti e gruppi di amici potranno divertirsi con salti e piroette improvvisate, cercando così di imitare le performance dei campioni.A chi vorrà scivolare saranno forniti dei pattini con le lame su misura (necessari per muoversi e mantenere l’aderenza sul ghiaccio) e calze monouso con cui ci si potrà muovere liberamente lungo la pista, supportati, se si vorrà, dall’aiuto di maestri esperti. Un punto di ritrovo per famiglie, che potranno qui rilassarsi e svagarsi grazie ai numerosi servizi offerti. L’evento è patrocinato in modo non oneroso dal Comune di Palermo. La pista rimarrà aperta ogni giorno fino all’1 febbraio dalle 10 a mezzanotte. Nel corso delle settimane non mancheranno degli appuntamenti speciali
L’ingresso costa 5 euro per chi vorrà pattinare mezz’ora, 7 per un’ora di giri sul ghiaccio. (Vassily Sortino),

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le innovazioni nel campo dei trapianti arrivano in Parlamento

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

trapiantiPresentati alla Camera dei Deputati il sistema di gestione integrata nel servizio di trasporto organi e una nuova tecnologia di perfusione del fegato in uso al Papa Giovanni XXIII.
Sono arrivati fino al Parlamento italiano l’innovativo progetto di gestione del trasporto d’organi, chiamato Gisto, e un nuovo sistema di perfusione del fegato, entrambi disponibili all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. A spiegare nei giorni scorsi le loro caratteristiche di fronte a una platea composta dai maggiori esperti italiani c’erano rispettivamente Mariangelo Cossolini, responsabile del Coordinamento prelievo e trapianto di organi e tessuti della provincia di Bergamo, e Michele Colledan, direttore del Dipartimento di Chirurgia del Papa Giovanni. Il nuovo sistema di trasporto è finalizzato a prevenire gli errori umani in fase di trasporto e a vegliare costantemente sullo stato di conservazione dell’organo monitorandone temperatura e tragitto attraverso appositi box isotermici (muniti di ghiaccio, chiusura ermetica, termometro e testati tramite crash-test presso il Politecnico di Milano). Cuore del sistema sono le etichette intelligenti antieffrazioni collocate sui box, in grado di registrare l’ospedale di donazione e quello di trapianto e inviare tramite un transponder a una piattaforma online tutte le informazioni utili, come il tipo di organo, la sua posizione lungo il tragitto, la provenienza, la destinazione, la temperatura e le generalità dell’autista o dell’équipe medica che sta trasportando l’organo. In questo modo i box sono sempre rintracciabili ed è possibile intervenire tempestivamente anche in caso di incidente stradale.L’innovativo progetto per il trasporto di organi destinati al trapianto è stato coordinato da Mariangelo Cossolini e nasce grazie alla collaborazione con il Coordinamento trapianti di Regione Lombardia, Areu, NITp e Avionord (società che si occupano già del trasporto degli organi).Da giugno, mese di lancio del sistema all’Ospedale di Bergamo, ad ottobre, il Gisto è già stato utilizzato con ottimi risultati su 22 organi, 16 dei quali trasportati su gomma, uno per via aerea e 5 prelevati e poi trapiantati internamente dell’équipe dell’Ospedale di Bergamo.Michele Colledan invece ha fatto una panoramica sulle moderne tecniche di perfusione extracorporea degli organi, una delle quali è temporaneamente disponibile in via sperimentale al Papa Giovanni. Si tratta di un’apparecchiatura che, perfondendo con opportune soluzioni il fegato prelevato da un donatore, consente di ottimizzarne la funzionalità, migliorarne le condizioni e di valutarne quindi, in condizioni standard, l’effettiva idoneità al trapianto.Mariangelo Cossolini e Michele Colledan interverranno anche al convegno organizzato da Regione Lombardia e Éupolis Lombardia “ Donazione e trapianto in Regione Lombardia: stato dell’arte, innovazione, prospettive ”, in programma il 17 e 18 dicembre a Milano. Cossolini interverrà alla tavola rotonda dedicata alla consapevolezza e al consenso alla donazione degli organi, mentre Colledan parlerà della tecnica split nei trapianti di fegato, per cui l’Ospedale Papa Giovanni XXIII è tra i centri più attivi al mondo. (foto trapianti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centinaia di Sindaci europei a Roma per rilanciare l’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

campidoglioSono già diverse centinaia gli amministratori locali provenienti da tutti i Paesi dell’Unione europea che parteciperanno alla Conferenza Cittadino nella mia città – Cittadino in Europa, prevista per i prossimi 15 e 16 dicembre a Roma, presso l’hotel Sheraton, Viale del Pattinaggio, 100. In una fase come l’attuale, contrassegnata da una generale sfiducia dei cittadini verso l’Unione europea, nella quale l’Europa si trova di fronte a sfide senza precedenti, non solo dal punto di vista economico e sociale, ma anche e soprattutto dal punto di vista politico, il CCRE prova a rimodulare l’idea d’Europa rimodellandola sui cittadini. Molti i temi che saranno discussi nel corso della due giorni romana: la partecipazione del cittadino: la nuova dimensione della democrazia locale e regionale; le dimensioni locali della mobilità, diversità e migrazione; gli anziani: cittadini attivi e partecipi; le sfide della nuova governance europea; giovani eletti europei impegnati nella cittadinanza attiva.Nel corso della Conferenza sarà assegnato il Premio “Gianfranco Martini”, che riconosce le migliori pratiche di gemellaggio con Comuni provenienti da Paesi dell’allargamento dell’UE dal 2004. Al termine della Conferenza sarà lanciato un appello alle istituzioni italiane ed europee per rilanciare il progetto europeo. Sono stati invitati, tra gli altri: Ignazio Marino, Sindaco di Roma; Anders Knape, Presidente Esecutivo CCRE, Presidente della Camera dei Poteri Locali del Congresso del Consiglio d’Europa; Dimitris Avramopoulos, Commissario Europeo responsabile per la Migrazione, gli Affari interni e la Cittadinanza; Maria Carmela Lanzetta, Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie (Italia); Wolfgang Schuster, ex Presidente del CCRE, ex Sindaco di Stoccarda; Carl Wright, Segretario Generale Forum dei Governi locali del Commonwealth.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una nuova fase di cooperazione nel Mediterraneo

Posted by fidest press agency su sabato, 13 dicembre 2014

sardegna«La Sardegna conosce molto bene, con la sua centralità e l’esperienza vissuta in questi anni, l’importanza del dialogo tra i paesi del Mediterraneo per lo sviluppo politico, sociale, economico e culturale». Il presidente della Regione Francesco Pigliaru, ha sottolineato con queste parole il ruolo di capofila della Regione Autonoma della Sardegna nel Programma ENPI CBC MED. Questa mattina, a Roma, all’hotel Parco dei Principi, a circa 500 persone provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo nel corso dell’evento NEXTMED, è stato illustrato il passaggio alla nuova fase di cooperazione tra i 14 Paesi dell’area eleggibile. All’appuntamento hanno partecipato, tra gli altri Renato Soru, Europarlamentare del Pd, Ian Borg, Segretario Parlamentare per la Presidenza Maltese del Consiglio dell’Unione Europea 2017 presso il Ministero degli Esteri, Nehad Abdel Latif, Ambasciatore, già assistente per il Ministro degli esteri Egiziano, Fathallah Sijilmassi, Secretario generale dell’Unione per il Mediterraneo (UFM) e Gabriel Busquets, del Ministero degli Affari Esteri della Spagna. «Al momento il programma sta vivendo una fase cruciale. Da una parte i progetti finanziati negli anni passati, durante la prima fase di ENPI CBC MED, che va dal 2007 al 2013, stanno raggiungendo la loro fase conclusiva. Dall’altra, il nuovo programma ENI per il periodo 2014-2020 è in uno stato avanzato di preparazione e ne attendiamo l’approvazione dalla Commissione Europea per il prossimo anno», ha detto ancora il presidente della Regione Autonoma della Sardegna, Francesco Pigliaru.
«I risultati raggiunti nella prima fase sono più che incoraggianti e il desiderio di avanzare nella cooperazione transfrontaliera del Mediterraneo, mostrata da tutti gli stakeholders, è molto rilevante – ha concluso Pigliaru – in questa situazione particolarmente delicata che si sta vivendo su entrambe le sponde del Bacino. Oggi i Paesi del Mediterraneo stanno affrontando molte sfide e devono trovare soluzioni di cooperazione per crescere insieme, superare le difficoltà e ridurre i divari, con l’obiettivo comune di uno sviluppo che sia davvero sostenibile».
NEXTMED è un’iniziativa organizzata nell’ambito del Semestre italiano di Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea e si configura come un momento di riflessione sulla nuova Politica Europea di Vicinato nel Mediterraneo, nella quale ancora una volta la Regione Autonoma della Sardegna sarà promotrice di processi strategici di cooperazione nella’area. La Regione Sardegna infatti, già Autorità di Gestione del Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013, continuerà a svolgere questo ruolo nell’ambito del nuovo Programma ENI CBC Bacino del Mediterraneo 2014-2020.
Nello specifico la sessione poltica “New challenges for Mediterranean cooperation”, moderata da Franco Zallio, ha riunito esponenti politici delle istituzioni europee e rappresentanti dei governi dei Paesi del Mediterraneo, con l’obiettivo di promuovere riflessioni comuni sulla Politica Europea di Vicinato e sul modo attraverso il quale può contribuire ad una migliore integrazione politica, economica, culturale e sociale dello spazio mediterraneo. Gli interventi dei relatori hanno cercato di illustrare in quali settori si può stimolare la cooperazione tra governi, istituzioni locali e società civile e quale potrebbe essere il valore aggiunto della cooperazione transfrontaliera nel quadro complessivo delle relazioni euro-mediterranee.
Fin dal 2007 il Programma di cooperazione transfrontaliera ENPI CBC MED, che coinvolge 7 Paesi membri dell’Unione Europea e 7 Paesi partner della sponda sud del Mediterraneo (Cipro, Egitto, Francia, Giordania, Grecia, Italia, Israele, Libano, Malta, Palestina, Portogallo, Siria, Spagna, Tunisia) ha costituito una piattaforma di cooperazione tra 735 attori locali quali amministrazioni pubbliche, istituzioni locali, università, la società civile e il settore privato.
Nello stesso periodo con una dotazione finanziaria di 200 milioni di Euro il Programma ENPI CBC Med 2007-2013 ha finanziato complessivamente 95 progetti in settori come la crescita socioeconomica, il dialogo culturale, il turismo sostenibile, le sfide ambientali e sviluppo del capitale umano.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »