Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 16 dicembre 2014

“I fidanzatini” del XXI secolo

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

renzi-berlusconiIn una recente trasmissione televisiva un ospite invitato dalla conduttricedel programma di commentare l’incontro tra Renzi e Prodi a palazzo Chigi ha visualizzato la situazione raffigurando Renzi che vede Prodi come l’amante intrattenuto per fare un dispetto al “fidanzato” Berlusconi per ripagarlo di qualche sgarbo non noto al volgo. Alla fine i due, Renzi e Berlusconi, riprenderanno con maggior foga ad amoreggiare perché questo appare il destino dei due.
Uscendo dalla metafora mi sembra chiaro che il tutto stia proprio nel patto del Nazareno e che ognuno dei due appare intenzionato a tenere celato il contenuto di là delle scarne notizie che sono state lasciate in pasto ai media.
E se questo è un segreto, e che per taluni appare alquanto inquietante e insidioso per la stessa tenuta del sistema politico italiano, mi sembrano altrettanto legittime le illazioni al riguardo. Per prima cosa è sotto gli occhi di tutti il fatto che si parli sempre meno dei processi che riguardano Berlusconi e appare, inoltre, alquanto strano che quest’ultimo continui ad insistere nel ribadire la sua fedeltà al rispetto degli accordi sulle modifiche alle leggi costituzionali come se si trattasse di un solenne impegno al prezzo pagato a Renzi su un qualcosa di personale e tanto che non esiterà, se necessario, a svendere la sua creatura politica: Forza Italia.
La circostanza più sconcertante è che è proprio la destra storica dalla Meloni a tutti gli altri non si siano resi conto di una realtà già presente venti anni fa con l’alleanza Fini-Berlusconi in quanto quest’ultimo se ne impipava della destra ma che gli era necessaria per la sua ascesa politica-clientelare. Ora con altrettanta disinvoltura può farne a meno se potrà convolare a giuste nozze con il suo partner ideale: Matteo Renzi. D’altra parte l’inciucio a sinistra di Berlusconi c’era già ai tempi del primo governo Prodi con la fronda secessionista di D’Alema, Violante e C. Sotto questo profilo in nome del dio Profitto il caro Silvio è stato più che coerente, direi maledettamente fedele. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Smile of the Child

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

smile of the childeThis year’s winners received their medals during the national award ceremony that was held by the Information Office of the European Parliament in cooperation with the Representation of the European Commission in Greece on Friday 12 December, 2014. The Smile of the Child, NGO Diogenis and the Centre for Education and Rehabilitation of the Blind were this year’s winners from Greece.The European Citizen’s Prize was launched by the Parliament in 2008 to recognise exceptional achievements by citizens, groups, associations or organisations. The Citizens’ Prize is given for activities that either facilitate cross-border cooperation within the EU or promote better mutual understanding and closer integration between citizens and member states. It can also be awarded for day-to-day activities reflecting the values enshrined in the EU’s charter of fundamental rights.This year 47 people and organisations from 19 member states were selected for the prize in honour of their good work. They will receive their medals in national award ceremonies and they will have the chance to showcase their work and meet MEPs at the European Parliament in Brussels on 25-26 February 2014.“Today’s award belongs to our friends, staff, supporters and volunteers. Above all, this recognition belongs to our children and people who fight in the frontline promoting Greece as a country fighting with decency”, Costas Yannopoulos, Chairperson of “The Smile of the Child” underlined. Costas Yannopoulos presented the wide spectrum of nationwide actions of “The Smile of the Child” where 729 children have been raised in its 19 years of work. During the same period 3.843 children with serious health problems were supported, while the National Helpline for Children SOS 1056 received 2.471.824 calls. The Chairperson of the Greek organization thanked the Greek MEPs Miltiadis Kyrkos and Dimitris Papadimoulis for their decision to nominate and support “The Smile of the Child” for the European Citizen’s Prize 2014.Greek MEP Miltiadis Kyrkos (Group of the Progressive Alliance of Socialists and Democrats, Greece) referred to the significance of recognizing the important work of civil society organisations. “Very often the work of these organisations is forgotten by the society. I would like to say a personal thank you to all of those that support our co-citizens in need”, Miltiadis Kyrkos underlined.
Greek MEP Elissavet Vozemberg (Group of the European People’s Party) underlined the fact that this year’s European Citizen’s Prize comes as recognition to their work and promotes Greece abroad, while representatives from the Information Office of the European Parliament and the Representation of the European Commission in Greece extended their warm thanks to this year’s winners of the European Citizen’s Prize.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Debate on CIA’s use of torture and role of EU member states

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

terrorist attacksUS Senate revelations of the CIA’s use of torture and other cruel, inhuman or degrading treatment of detainees in the wake of the 9/11 terrorist attacks, with the alleged complicity of some EU member states, will be debated with Commissioner Dimitris Avramopoulos and the Italian Secretary of State for Foreign Affairs Benedetto Della Vedova on Wednesday, at 15.00.You can watch the plenary debate via EP Live and EbS+ and follow live coverage on twitter @EP_Justice. Hashtags: #CIA TortureReport.The alleged use of European countries by the CIA for the transportation and illegal detention of prisoners was investigated by a European Parliament temporary committee set up in 2006.In its final report, approved on 14 February 2007, Parliament deplored the passivity of some EU member states in the face of illegal CIA operations.The CIA’s extraordinary rendition programme “in the majority of cases, involved incommunicado detention and torture”, said the text. This was confirmed by the victims – or their lawyers – who testified to the Parliament’s committee.A resolution on the US Senate report revelations will be put to a vote at February’s plenary session.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CEC Reacts to Lima talks: Climate change needs more decisive action

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

summit clima1The 20th session of the Conference of Parties (COP) of the United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) ended last week in Lima, Peru. The nearly two-week gathering saw over 12, 000 international visitors, including government and UN agency representatives, descend on Lima for intensive dialogue aimed at assessing and addressing widespread global climate change.
An ecumenical team under the leadership of the World Council of Churches, including representatives from European churches, participated in these events. CEC and European Christian Environmental Network (ECEN) were represented in Lima through the work of this ecumenical team.The talks concluded with 195 countries agreeing to the Lima Call for Climate Action. The document paves way for a more definitive international climate agreement to be tabled at COP 21, which will be held in Paris in 2015. While United Nations Secretary General Ban Ki-moon hailed the Lima talks as paving meaningful way to COP 21 in Paris, the Conference of European Churches expresses deep ambiguity and frustration with the Lima outcomes. The Lima negotiations failed in their ambitious aims to restore trust in the UNFCCC process and facilitate progress towards a Paris agreement. Hopes for a robust and cohesive action out of Lima were high, yet participating governments left much undone in advance of the Paris talks. The decisions from Lima show a disheartening dilution of global commitment to addressing catastrophic climate change and an ongoing marginalisation of those most affected by climate change. At this juncture, CEC renews its commitment to be a unifying presence for the churches in Europe and beyond in delivering a meaningful, faith-based response to climate change. In reflecting on the Lima talks, CEC General Secretary Guy Liagre remarks, “We hope that the days and months leading to the Paris talks will see a strengthened and coordinated church response to the devastation of God’s good creation and the oppression of those made poor by climate change.” WCC delegation member Henrik Grape, Church of Sweden, echoes this sentiment, “Church presence at meetings of this kind is about underlining solidarity, justice, and equity.”Faith can be a great carrier of hope and source of courage in the work of transforming the world. “The CEC takes seriously its mission in working on climate justice, which our governing board reaffirmed just last week,” Liagre notes, “Our efforts will be intensified on the way to the COP meeting in Paris next year.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The Walking Mind”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

docscient_SlideIl film documentario dedicato al progetto di ricerca della Fondazione Santa Lucia vince la quarta edizione dell’International Scientific Film Festival di Roma. The Walking Mind è il film documentario vincitore del IV International Scientific Film Festival di Roma. Una storia di uomini e tecnologia, che si intrecciano nel racconto del regista Andrea Fasciani, aprendo al pubblico le porte dei laboratori della Fondazione Santa Lucia. È qui che sono avvenute le fasi finali di un progetto europeo di ricerca durato quattro anni e che ha coinvolto anche Centri e Università in Belgio, Germania, Islanda e Olanda. L’obiettivo raggiunto: restituire la capacità di camminare a chi da anni è in sedia a rotelle. Il protagonista: un concentrato di tecnologia indossato da Alessandro, Emanuele, Giovanni e Marius per tornare a camminare sulle proprie gambe.The Walking Mind accende i riflettori su un settore della ricerca bioingegneristica, che dall’inizio del nuovo millennio punta a robot capaci di restituire a soggetti paraplegici l’equilibrio e il movimento. Il loro nome tecnico è “esoscheletri”. “Come dice la parola stessa – spiega il Prof. Marco Molinari, Direttore del Dipartimento di Riabilitazione Neurologica della Fondazione Santa Lucia – si tratta di uno scheletro esterno al corpo, dotato di motori che muovono un complesso sistema di articolazioni meccaniche controllate da sensori e sistemi digitali. La sperimentazione ha dimostrato la possibilità di rimettere un paziente nelle condizioni di camminare. Non possiamo ancora parlare di un utilizzo nella vita quotidiana, ma il futuro è quello”In attesa del futuro, The Walking Mind mostra da vicino il presente, nei pensieri e nelle sensazioni dei protagonisti: “Stai in piedi e alla fine cammini da solo – racconta Emanuele dopo la sperimentazione – È una bella sensazione. Con l’esoscheletro sono tornato a vedere le cose come le vedevo tre anni fa”.“Il linguaggio cinematografico avvicina ciò che è lontano – ha commentato il regista, Andrea Fasciani, in occasione della premiazione, avvenuta oggi presso la Casa del Cinema di Roma – La scienza, per essere compresa dalla gente, ha bisogno del suo supporto. Solo così i progressi scientifici possono divenire consapevolezza collettiva e dare risultati positivi su larga scala”. (foto docscient)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimension Data: pianificare ora per il data centre software-defined del futuro

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

dimension dataDimension Data, specialista di soluzioni IT e fornitore di servizi da 6 miliardi di dollari, sostiene che le organizzazioni dovrebbero prepararsi sin da ora per i data centre software-defined (SDDC), data l’inevitabilità della virtualizzazione prevista a qualsiasi livello IT.“Anche se le organizzazioni non vedranno benefici tangibili nel breve periodo, le decisioni operative che le aziende devono prendere adesso influenzeranno la capacità di trarre pieno vantaggio dai nuovi paradigmi quando avverranno,” ha commentato Kevin Leahy, Global General Manager per la Data Centre Business Unit di Dimension Data.“Come la virtualizzazione, anche l’implementazione di un SDDC sarà una trasformazione. La virtualizzazione era possibile già alla fine degli anni ’90 ma ci sono voluti circa quindici anni perché venisse considerata un asset operativo concreto – e solo per l’80% delle aziende. Questo perché richiede una capacità considerevole nella gestione del cambiamento specifica per ogni organizzazione. Non esiste un unico modo per approcciare o implementare la virtualizzazione. Lo stesso sarà per l’SDDC.“Basandoci sulla nostra esperienza nei sistemi e nel networking, sappiamo che il principale focus per qualsiasi disciplina software-defined è la necessità di integrazione – non solo di sistemi ma anche di processi di business.“Stiamo vedendo che sempre più organizzazioni si rivolgono a noi per raggiungere questa integrazione. Quello che più ci interessa è che le aziende comprendano che il ‘software-defined’ è un trend che avrà conseguenze su ogni aspetto operativo e che quindi plasmerà i cambiamenti nel data centre.”La virtualizzazione e le reti software-defined emergenti stanno già esercitando un’ulteriore pressione sulla gestione dei data centre convenzionali. E sarà proprio questa pressione che spingerà verso la creazione dei SDDC.“Sia che le organizzazioni stiano considerando il proprio data centre dal punto di vista della mobilità, della crescita di dati, del cloud, consolidamento o virtualizzazione, uno degli elementi chiave che deve essere preso in considerazione è la rete,” ha continuato Leahy. “La rete è ciò che rende tutto il resto possibile.“In virtù del fatto che le funzionalità vengono estratte sempre più a livello software, la rete sta diventando sempre più flessibile. Dal momento che offre benefici come un più ampio numero di intersezioni, orchestrazione e connettività su richiesta, questa gestione della rete consente risparmi di costo sostanziali e maggiori efficienze.“Ciò nonostante, la carenza di funzionalità software-defined nei data centre potrebbe creare colli di bottiglia impedendo la realizzazione di questi benefici sia sulla rete sia nei data centre. Inoltre, potrebbe ostacolare i data centre nella piena fruizione della virtualizzazione.”
Come per tutti i cambiamenti tecnologici, un approccio software-defined – per la rete o per i data centre – richiede nuove competenze IT e cambiamenti nei processi di business.Da qui la necessità di pianificare. I requisiti in termini di competenze e gestione del cambiamento specifici di ciascuna organizzazione saranno differenti a seconda di come si sceglierà di allocare i propri carichi di lavoro.
“La questione dell’SDDC è paragonabile a quella del cloud,” ha spiegato Leahy. “Il carico e la tipologia di lavoro allocati su cloud determina il rimanente carico che deve essere gestito dal data centre. Questo, a sua volta, definirà la quantità di infrastrutture fisiche e virtuali necessarie e, oltremodo, il livello che ogni specifico data center deve raggiungere per essere considerato software-defined.
“La maggior parte dei vendor tecnologici sta realizzando un’offerta mirata alla vendita dei propri prodotti. Molti di questi prodotti saranno certamente parte di un ambiente software-defined che però potrebbe o non potrebbe includere il data centre aziendale. La scelta ottimale ricade su quei vendor che riusciranno a rendere il business sostenibile.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »