Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 17 dicembre 2014

Burt Reynolds Proves to be as Iconic as his Auction Results at Julien’s Auctions

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

Crazy Streets of Las VegasLas Vegas, Nevada Julien’s Auctions, the auction house to the stars concluded a whirlwind two-day auction of The Collection of Award Winning Actor Burt Reynolds. The exciting auction event featuring personal effects, career memorabilia, and a museum-caliber fine art collection took place at the Palms Casino Resort Thursday and Friday with bidders from around the world bidding high and bidding often.Burt Reynolds, best known as a leading film star, has had a storied career both on the big and small screen. Aside from his award winning portrayals of some of the world’s most iconic characters in film and television, Reynolds is also a businessman who has owned a football team, a dinner theatre, a working ranch and even a museum.“Burt Reynolds is a legend who is loved all over the world,” said Darren Julien, President& CEO of Julien’s Auctions. “His collection which was full of iconic pieces of career memorabilia and personal items once again proves to be a solid investment with bidders who attended the auction from every corner of the globe this week.”His brilliant acting career spans over six decades beginning with his breakout role on the hit 1960’s CBS-TV show “Gunsmoke” and including his leading roles in the films “The Longest Yard,” “Smokey and the Bandit,” “Stroke Ace,” “Boogie Nights,” “Striptease” and who can forget, “Deliverance.” The auction also showcased Reynold’s fine taste in art with a vast collection of artworks and sculptures from some of the most sought after artists in the world. Bidders from every corner of the globe could not bid fast enough on several items offered from Burt’s legendary career. Highlights of the auction included the “Smokey and the Bandit” Trans Am car which sold for $450,000, Reynolds’ Smokey and the Bandit jacket which sold for $34,375, the canoe made for the movie “Deliverance” sold for $17,500, a pair of “Bandit” Burt Reynolds cowboy boots sold for $20,000, a “Stroker Ace” jacket and promotional shirt sold for $9,375, a “ Smokey and the Bandit” Western shirt sold for $15,625, the Burt Reynolds “Top Box Office Star of the Year” Award sold for $5,312, the “Smokey and the Bandit” Go-Kart sold for $13,750, a Burt Reynolds “Best Little Whorehouse in Texas” badge sold for $5,000, Burt Reynolds football trophy sold for $$1,875, a group of Burt Reynolds police badges which sold for $3,750, Burt Reynolds’ license plate sold for $5,937and the Burt Reynolds owned Bobby Goldsboro Hascal Haile guitar sold for $10,000.Other highlights included the 18K Gold Pocket Watch gifted to Burt Reynolds by Sally Field which sold for $13,750, Burt Reynolds’ 1998 Golden Globe Award sold for $21,250, his 1990-1991 Emmy Award sold for $28,125 and his 1983 People’s Choice Award sold for $10,625. Reynolds’ “Longest Yard” film worn helmet sold for $8,125 and a John Wayne inscribed photograph to Burt Reynolds sold $11,250.“Many people know Burt Reynolds as the iconic superstar of film and television but what is equally impressive is his fine taste in art and sculptures,” said Martin Nolan, Executive Director of Julien’s Auctions. “It was such a privilege to spend time with Burt in curating this collection and this auction is an accolade to the world.”
Burt Reynolds art assortment featured an amazing collection of paintings, sketches, sculptures and prints. Reynolds’ eye for American and Western Cowboy related artworks is an extraordinary one. Among the art highlights were the “Big Burt” Bohlin Saddle on stand which sold for $43,750 while a second Bohlin Saddle on stand which was offered sold towards the end of the auction for $46,875, the Harold Shelton “Real Dogs” oil on canvas which sold for $12,500, a Fred Williams “The Duke” oil on canvas featuring Western cowboy film star John Wayne which sold for $8,750, a Thomas Kinkaid “Water’s Edge” oil on canvas which sold for $8,125, a James Hutchinson “My Florida” oil on canvas which sold for $5,937, a Dan Poole “Magic Carpet” oil on canvas which sold for $4,687,
Burt Reynolds remains the quintessential movie star, a legend of both the big and small screen and a romantic leading man whose charm, dashing good looks and perpetual affection for the ladies has earned him an important place in Hollywood history.For those who could not attend or bid in the auction, high glossy collectible Collection of Burt Reynolds Catalogs featuring all of the items offered are available for purchase at http://www.juliensauctions.com
With expertise specializing in entertainment and music memorabilia, Julien’s Auctions has quickly established itself as the auction house to the stars. Julien’s Auctions presents exciting, professionally managed and extremely successful auctions with full color high quality auction catalogues unlike any other auction company and stars in the network primetime television series “Celebrity Home Raiders.” With media coverage spanning the globe and unprecedented marketing support, Julien’s Auctions has become known as the premier entertainment and celebrity memorabilia auction house worldwide. Previous auctions include the collections of Cher, U2, Barbara Streisand, estate of Marilyn Monroe, the estate of Les Paul, Bette Midler and many more.
Palms Casino Resort, heralded as one of Las Vegas’ most sought-after destinations, is an all-encompassing, one-stop experience. Opened in 2001, the boutique property boasts three distinct towers and a diverse mix of bars and restaurants across a 95,000-square-foot casino. Palms is in the midst of a property-wide renovation, having recently renovated its Ivory Tower guestrooms, the newly redesigned Race and Sports Book, the iconic N9NE Steakhouse and suave Ghostbar, recently named “Best Lounge” by Nightclub & Bar Magazine. Other amenities include the popular Fantasy Suites, such as the Hardwood Suite, the only hotel room in the world with its own basketball court, and the Pearl Concert Theater, Las Vegas’ leading concert venue; Nove Italiano; the Michelin-starred Alizé; Iron Chef winner Kerry Simon’s eponymously titled Simon Restaurant & Lounge; Drift Spa & Hammam; Brenden Theatres, a 14-theatre Cineplex; three swimming pool environments, and more than 60,000 square-feet of meeting space. In September 2014, the property introduced Lao Sze Chuan, an authentic Chinese cuisine restaurant by renowned Chicago chef Tony Hu. Palms Casino Resort is located just west of the center of the Las Vegas Strip and I-15 on Flamingo Road and offers free shuttle service to The StripConnect with Palms Casino Resort on Twitter @Palms, on Instagram @PalmsCasinoResort and on Facebook.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Money laundering: Parliament and Council negotiators agree on central registers

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

commissione europeaThe ultimate owners of companies would have to be listed in central registers in EU countries, accessible to people with a “legitimate interest”, such as investigative journalists and other concerned citizens, under a deal struck by Parliament and Council negotiators on a draft EU anti-money laundering directive on Tuesday. The rules would also require banks, auditors, lawyers, real estate agents and casinos, among others, to be more vigilant about suspicious transactions made by their clients.”For years, criminals in Europe have used the anonymity of offshore companies and accounts to obscure their financial dealings. Creating registers of beneficial ownership will help to lift the veil of secrecy of offshore accounts and greatly aid the fight against money laundering and blatant tax evasion”, said Economic and Monetary Affairs Committee rapporteur Krišjānis Kariņš (EPP, LV).”The new rules agreed today will provide much greater transparency of the shadowy business structures that are at the heart of money laundering schemes, as well as schemes used by businesses to avoid their tax responsibility”, added Civil Liberties Committee rapporteur Judith Sargentini (Greens/EFA, NL).The fourth anti-money laundering directive (AMLD) will for the first time oblige EU member states to maintain central registers listing information on the ultimate beneficial owners of corporate and other legal entities, as well as trusts. These central registers were not envisaged in the European Commission’s initial proposal, but were included by MEPs during the negotiations. The aim is to enhance transparency, make dodgy deals harder to hide and fight money laundering and tax crime.The central registers would be accessible to the competent authorities and their financial intelligence units (without any restriction), to “obliged entities” (such as banks conducting their “customer due diligence” duties), and also to the public, which may be subject to online registration of the person and to the payment of a fee to cover administrative costs.Any person or organisation who can demonstrate a “legitimate interest”, such as investigative journalists and other concerned citizens, would also be able to access beneficial ownership information such as the beneficial owner’s name, month and year of birth, nationality, residency and details on ownership. Any exemption to the access provided by member states would be possible only on a case-by-case basis in exceptional circumstances.The deal also clarifies the draft rules on “politically-exposed persons”, i.e. people at a higher than usual risk of corruption due to the political positions they hold, such as heads of state, members of government, supreme court judges, and members of parliaments, as well as their family members. Where there are high-risk business relationships with such persons, additional measures should be put in place, e.g. to establish the source of wealth and source of funds involved.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccolta piccoli rifiuti elettronici, oltre 10 tonnellate nelle isole ecologiche intelligenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

rifiutiOltre 10 tonnellate di piccoli rifiuti elettronici conferiti da quasi 5mila persone. È questo il primo bilancio dei 21 cassonetti intelligenti dedicati ai piccoli RAEE che sono stati messi in alcune aree commerciali dell’Emilia Romagna da Ecolight in collaborazione con il Gruppo Hera. Il consorzio che si occupa della gestione dei rifiuti elettronici su scala nazionale ha dato vita ad un progetto per incrementare i volumi di raccolta dei RAEE di piccole dimensioni. «Partiamo da un dato: tra i piccoli RAEE solamente 1 su 5 segue una corretta gestione. Per lo più, telefonini, frullatori e radio quando rotti vengono chiusi in un qualche cassetto prima di essere messi nella raccolta indifferenziata. Visto che i cittadini fanno fatica a portare i loro piccoli RAEE all’isola ecologica, abbiamo voluto portare l’isola ecologica nelle zone dove maggiormente si concentra la gente, ovvero le grandi aree commerciali», spiega Giancarlo Dezio direttore generale del consorzio Ecolight. E i primi riscontri sono positivi: «Quasi 5mila persone hanno utilizzato i 21 cassonetti intelligenti – RAEEshop – finora posizionati, conferendo così oltre 10 tonnellate di rifiuti tra computer e prodotti informatici, elettrodomestici utilizzati in cucina per la preparazione dei cibi e telefonini», prosegue Dezio.L’iniziativa è frutto del progetto europeo Identis WEEE, cofinanziato dall’Unione Europea e inserito nel programma Life+, che avviato dal Gruppo Hera, Ecolight e dalla fondazione spagnola Ecolum si concluderà il prossimo anno. «Nella volontà di non lasciar cadere nel vuoto l’esperienza che stiamo maturando con il progetto europeo attraverso innovativi prototipi per la raccolta dei RAEE, abbiamo voluto sviluppare dei nuovi cassonetti che mantenessero la tracciabilità dei rifiuti conferiti e fossero interamente automatici», spiega Dezio.
I RAEEshop hanno infatti dimensioni relativamente ridotte (3x1x1,57 metri) e non necessitano della presenza di alcun operatore. L’accesso per il consumatore è estremamente semplice: basta identificarsi con la tessera sanitaria e, indicando il tipo di prodotto da smaltire, il cassonetto apre uno sportello dove mettere il rifiuto. Sono stati progettati per accogliere i RAEE di dimensioni ridotte, come cellulari e piccoli elettrodomestici oltre alle lampadine a risparmio energetico (ovvero i raggruppamenti R4 ed R5). I rifiuti conferiti vengono tracciati dal momento della loro raccolta fino allo loro trattamento e recupero. Quando i contenitori interni sono pieni, la macchina avvisa con un sms i tecnici Ecolight che procedono allo svuotamento attraverso il servizio di Hera.«I risultati positivi ottenuti in questi primi mesi di utilizzo ci hanno portato ad ampliare l’area di utilizzo – annuncia il direttore di Ecolight -. Presto altri cassonetti saranno posizionati in Veneto, nella zona di Padova e in Friuli nell’area di Trieste. Inoltre, sono in fase di valutazione altri posizionamenti sempre in Emilia Romagna grazie alla collaborazione instaurata con il Gruppo Hera». (rifiuti)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercati e economia: Normalità e dintorni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

La_Borsa_-_Dettaglio_-_Foto_di_Giovanni_Dall'OrtoSiamo a Dicembre e come da tradizione si dà uno sguardo all’anno trascorso sui mercati e si cerca di raccogliere le idee per i prossimi dodici mesi.Qualunque investitore sa che in questi anni le Borse di tutti i continenti sono salite, le obbligazioni pure e molti mercati prezzano rischi bassi: il 2014 è stato un anno simile al precedente.Ma notizie sui giornali e tabelle statistiche di vario tipo riguardo al mercato del lavoro e alla crescita economica in Europa, la disinflazione in gran parte del mondo sviluppato e anche alcuni aspetti non convincenti della ripresa americana dipingono uno scenario diverso, molto meno limpido e roseo.Dopo anni di rally sui mercati, ci si chiede quindi quanto possa durare questo clima positivo e poco volatile. Su mercati come quelli azionari, c’è potenzialmente sempre spazio per ulteriori rialzi, perché non c’è limite al prezzo di un indice azionario, fintanto che gli utili e le prospettive aziendali sono attesi in miglioramento. Su strumenti obbligazionari un limite naturale ai rialzi c’è: difficilmente il rendimento atteso implicito nel prezzo di un’obbligazione può diventare negativo. In alcuni casi (Bund a 2 anni) i rendimenti in realtà sono oggi negativi, ma si tratta di estremi che più di tanto non possono essere forzati, se non per motivi tecnici relativi al funzionamento dei mercati monetari o per una preferenza da credit crunch per i titoli sovrani di rating AAA a scapito di qualunque altra alternativa.Fatte queste premesse, ecco quelli che a nostro avviso saranno alcuni dei temi principali: Sulle obbligazioni governative dei paesi sviluppati, la situazione è sempre più delicata. I tassi bassi sono giustificati da considerazioni congiunturali storicamente estreme, ma non garantiscono alcun “cuscinetto” di fronte a fasi di volatilità. Allo stesso tempo, potrebbe essere prematuro posizionarsi su un repentino rialzo dei tassi, perché nessuna Banca Centrale vuole (o può) intraprendere questa strada senza preannunciarla con anni di anticipo e farlo con infinita cautela. I tassi quasi zero non sono “normali”, se non altro perché si traducono in una remunerazione nulla del denaro nel tempo, andando a negare uno dei principi su cui si fondano i mercati moderni. Ma questa situazione straordinaria potrebbe durare ancora, per lo meno in Eurozona e Giappone.La situazione in Eurozona resta critica. Il problema dei debiti sovrani ha superato la fase più acuta (2011-2012), ma in termini di fondamentali poco è cambiato: gli Stati faticano a servire debiti alti e la crescita non è tale da permettere un virtuoso assorbimento del debito pubblico. Politicamente, diversi partiti populisti stanno conquistando consensi su proposte anti-europeiste e dal punto di vista istituzionale la crisi ha prodotto solo alcune riforme utili. Gli spread sul debito dei paesi periferici sono bassi al momento solo per via di un supporto da parte della Banca Centrale. Difficile aspettarsi nel breve qualche sorpresa su questo fronte, sia in positivo sia in negativo: chi si prenderebbe la responsabilità di affossare i risultati ottenuti dalla Bce con grande fatica come prestatore d’ultima istanza?L’economia in Eurozona richiederà pertanto ancora un supporto monetario, in assenza di uno stimolo fiscale. Questo favorirà il trend di indebolimento dell’Euro già in corso da alcuni mesi. Quanto questo potrà andare avanti dipende dalla forza relativa dell’economia americana rispetto a quella europea.Gli spread sui mercati corporate, in Eurozona e negli Stati Uniti, non sono su valori estremi. Nel caso dell’investment grade, spread bassi sono ancora giustificati da bilanci in miglioramento e indebitamento sostenibile. Nel caso degli high yield gli spread sono su livelli medi di lungo periodo, in Europa per via di un mercato del credito ancora debole, negli Stati Uniti anche per via delle tensioni che stanno colpendo il settore energetico, che ha un peso non marginale negli indici.Gli indici azionari vengono da diversi anni di buone performances, giustificate da utili in miglioramento e da una condizione di abbondante liquidità a livello globale. Ma i fatturati delle aziende, se si escludono gli Stati Uniti negli ultimi due trimestri, crescono poco: dopo una lunga fase di taglio dei costi da parte delle aziende, gli investitori guardano ai fatturati come uno degli indicatori più importanti per una crescita sostenibile degli utili aziendali. Nei paesi sviluppati, gli interrogativi più diffusi riguardano la capacità delle imprese europee di tornare a far salire gli utili e la risposta del mercato giapponese a stimoli straordinari di dimensioni epiche.Le economie emergenti continuano ad attraversare una fase difficile: il boom degli anni ’00 è finito e si porta dietro casi di eccessi di investimento (Cina), pericolosa dipendenza da export di materie prime (Russia, Venezuela), bilancio estero non sempre in attivo (Sud Africa, Turchia), inflazione alta e crescita bassa (Brasile). I mercati però prezzano già parte di questa transizione: le valute dei paesi emergenti sono sui minimi da dieci anni rispetto al dollaro e i mercati azionari non indicano particolare ottimismo. Dal punto di vista delle valutazioni, le azioni dei paesi emergenti non risultano care e le obbligazioni in valuta locale offrono rendimenti su livelli medi di lungo periodo. Attenzione va prestata alle obbligazioni in dollari emesse da società dei paesi emergenti: si tratta di un mercato molto cresciuto negli ultimi anni, per volumi e numero di emissioni, ma il debito in dollari è una forma di debito “estero” per queste società, oggi più costoso da ripagare. Il calo generale dei prezzi delle materie prime visto nel 2014 racchiude interessanti spunti di riflessione, se non altro perché l’effetto dirompente delle politiche monetarie qui non si è sentito e molto hanno pesato fattori come la fine del boom dei paesi emergenti, i cambiamenti tecnologici e i bassi consumi nelle economie globali.
La velocità con cui il prezzo del petrolio sta scendendo porterà con sé un gran numero di beneficiati e di danneggiati: questi ultimi già cominciano a vedersi e la loro agonia rischia di creare effetto contagio sui mercati internazionali. Il 2015 va quindi affrontato sapendo che l’alta marea del quantitative easing e dei tassi bassi continuerà a tenere a galla mercati e investitori.Ma come dicono due noti economisti, le parole “This time is different” (questa volta è diverso) sono le quattro parole più pericolose sui mercati: le pronunciarono gli investitori nel settore tecnologico alla fine degli anni ‘90 per dire che valutazioni alte erano sostenibili.
Lo stesso discorso venne fatto dai proprietari immobiliari in merito ai prezzi alti raggiunti dalle case americane nel 2007. La stessa cosa la stanno dicendo molti investitori che di fronte a rendimenti di poco superiori allo zero per le obbligazioni sostengono che la deflazione, la crescita bassa, il quantitative easing e mille altre ragioni “strutturali” garantiranno tassi zero per molti anni, volatilità bassa e prezzo degli asset finanziari alto. Pensare che questo contesto sia “normale” ha sotto molti punti di vista lo stesso significato del dire “This time is different”. (A cura di Claudio Barberis, head of asset allocation MoneyFarm.com, foto: di_Giovanni_Dall’Orto- Wikipedia)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Veneto internazionale 2014

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

veneziaVenezia Mercoledì 17 dicembre 2014, alle ore 12.00 presso la Sala Europa di Unioncamere del Veneto PST Vega, Edificio Lybra via delle Industrie 19/C Marghera. Il presidente di Unioncamere del Veneto Fernando Zilio presenterà agli operatori dell’informazione i dati del Rapporto annuale “Veneto Internazionale 2014” – giunto alla sua ottava edizione – attraverso il quale il sistema camerale fornisce il quadro sull’internazionalizzazione dell’economia regionale. Dopo un 2013 caratterizzato da un rallentamento, nel 2014 l’intera economia globale ha deluso le attese: la ripresa è di entità modesta e le sue cadenze evidenziano forti asimmetrie soprattutto tra l’Area euro da un lato e Stati Uniti e Regno Unito dall’altro. Tale tendenza ha interessato anche il sistema economico italiano e regionale, dove si sta assistendo ad un nuovo rallentamento dei livelli produttivi, solo in parte sostenuti dalle esportazioni.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Innovation in infectious diseases

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

Ospedale Spallanzani, RomaRoma 17-18 dicembre Sala Congressi – Hotel Capo d’Africa via Capo d’Africa, 54 Le malattie infettive sono ancora oggi un’importante problema di sanità pubblica. Gli ultimi successi nella gestione delle infezioni sono rappresentati dai nuovi farmaci contro la tubercolosi, i vaccini contro il virus dell’epatite B e la recente introduzione di composti anti -HCV che promettono la completa eliminazione dell’agente virale. Sono centinaia i vaccini attualmente candidati nelle sperimentazioni cliniche: più di 200 antivirali e oltre 100 composti antibatterici.
La comunità scientifica mondiale punta all’innovazione come strumento indispensabile per fronteggiare le malattie infettive. Innovazione intesa come ricerca di nuovi modelli per “sfruttare” al meglio i dati clinico – scientifici, nuove strategie per velocizzare gli interventi nelle situazioni di emergenza, nuovi strumenti per diagnosi precoci e più precise, nuovi media per la comunicazione e condivisione dei risultati raggiunti. Il tutto senza mai perdere di vista l’etica e la ridefinizione dei codici di condotta.
Di questo si discuterà all’evento promosso dall’Istituto per le malattie Infettive (INMI) Lazzaro Spallanzani, Innovation Infectious Diseases, che riunisce i maggiori esperti mondiali sul tema, politici e opinion leader. L’obiettivo è promuovere l’innovazione attraverso azioni che migliorino la qualità e ottimizzino i costi del sistema sanitario. Apre i lavori Giovanni Leonardi, Direttore Generale della Ricerca e dell’Innovazione in Sanità, Ministero della Salute.
Si ricorda che l’Istituto Spallanzani è l’unico Centro di Riferimento Hub per le patologie infettive ad elevato impatto sociale e con rilevanza di sanità pubblica. Rappresenta un modello di integrazione tra organi nazionali e regionali in grado di gestire eventi inattesi. E’ inoltre Servizio Regionale per Epidemiologia, Sorveglianza e controllo delle Malattie Infettive nel Lazio (SERESMI).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fiat Auto Polonia: 1,26 milioni di euro per 777 lavoratori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

fiat-polonia-120614140011_mediumUn migliaio di lavoratori sono stati licenziati nello stabilimento Fiat a Tychy, nel sud della Polonia, a causa della perdita di quote di mercato in Europa nella produzione di autovetture. Tra il 2011 e il 2012 la produzione a Tychy è scesa di almeno un terzo, colpendo sia lo stabilimento sia i suoi fornitori, in una regione dove la disoccupazione è in costante crescita dal 2011.Questa è la ventiduesima richiesta polacca di assistenza nel settore automobilistico. Il sostegno di 1,26 milioni di euro da parte del FEG contribuirà a coprire i costi per i vari corsi di formazione per aiutare i 777 lavoratori a reinserirsi nel mercato del lavoro. La domanda è stata approvata con 603 voti favorevoli, 81 contrari e 17 astensioni.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Air France: 25 milioni di euro per 3.886 lavoratori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

air franceLa compagnia aerea di bandiera francese ha richiesto sostegno dopo aver licenziato 3.886 dipendenti a causa della competizione aggressiva – soprattutto da parte di tre linee aeree nel Golfo Persico – e all’aumento dei costi del carburante. L’impatto di tali esuberi è aggravato dalla chiusura di un’azienda Peugeot nell’Ile-de-France, la stessa regione dove si trova Air France.I 25.937,813 milioni di euro di aiuti del FEG – molti dei quali andranno a rimborsare le autorità francesi per i piani già finanziati per reintegrare i lavoratori licenziati nel posto di lavoro – rappresentano la più alta somma di denaro mai pagata finora dal fondo. Il testo è stato approvato con 525 voti favorevoli, 88 contrari e 87 astensioni.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

35,5 milioni di euro per lavoratori licenziati in Italia, Francia, Polonia e Grecia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 dicembre 2014

lavoratoriCirca 6000 lavoratori europei licenziati da Air France, Fiat Auto Polonia, Whirlpool e dal rivenditore greco Odyssefs Fokas riceveranno fondi europei per 35,5 milioni di euro per facilitare la ricerca o la creazione di nuovi posti di lavoro in seguito al voto favorevole del Parlamento di martedì. Le richieste di sostegno al Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) dovrebbero essere state definitivamente approvate dal Consiglio nella giornata di oggi.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »