Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 18 dicembre 2014

Patients and doctors urge to put EU air quality policy back on the agenda

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

BruxellesBrussels.The European Commission presented yesterday at the European Parliament plenary in Strasbourg, its 2015 working plan. The new plan withdraws the proposal for the revision of the National Emission Ceilings Directive, a key EU legislative file aimed at regulating air quality by setting maximum emission levels for six main pollutants – PM, SO2, NOx, VOCs, ammonia and methane- that directly affect our health and the environment we live in.European Commission Vice-President Mr. Frans Timmermans announced that the Commission “will bring forward a modified proposal”, but he did not specify its exact timing.Timmermans announcement has dismayed and confused institutions and civil society representatives. Member of the European Parliament Sirpa Pietikäinen (Finland, EPP) reacted: “EU is lagging badly behind from the World Health Organisation recommendations (2) for good air quality. Hundreds of thousands of premature deaths still occur in Europe due to fine particles in the air. It is by no means smart regulation to delay new legislation to improve air quality.”
EFA President Breda Flood declared: “We are shocked at the death sentence imposed by the Commission on EU air quality policies. Air pollution has no boundaries and needs to be regulated at EU level. At this very moment, 9 out of 10 Europeans living in cities are breathing air that is harmful to their health. The majority of EU citizens consider air quality a major concern and expect political action to improve the air we breathe. (3) (4) The Clean Air Package is a paramount piece of legislation to improve this reality, a political tool that could save thousands of lives and protect people living with allergy, asthma and chronic obstructive pulmonary disease (COPD). In November, we urged to keep this legislation on the table (4) as we consider that improving current clean air policy now is imperative to ensure that our health will not be compromised in the future. Sustainable economic growth should protect people’s health. Therefore, we encourage the Members of the European Parliament to use their influence to put back on the political agenda air quality legislation for the next year”.EAACI President Nikos Papadopoulos declared: “The decision of the Commission to drop the revision of the National Emission Ceilings Directive is of profound concern, certainly to the medical community, but also to all Europeans. Almost 150 million EU citizens suffer from chronic allergic diseases, of which 70 million of asthma. The Commission move to stop further discussions on this key legislative proposal, equals denying the many allergy and asthma sufferers the perspective of an improved health future.
This approach disregards the huge societal benefits that sound environmental and public health policies are able to deliver to the European citizens. Health is a wealth, and the Commission cannot put short-term economic growth at the expense of people’s health. Only sustainable politics that take health, the major human need, into account, can guarantee a sustainable Europe”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Relax ALLY crowdfunding campaign raised € 100 000 to end the travel nightmare

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

relaxRelax ALLY equity crowdfunding campaign reached the campaign target 17th December 2014. Company raised € 100 000 through FundedByMe crowdfunding platform.Active Ally Oy/Ltd (a Finnish company) provides innovative solutions for the travel market that uniquely solves a huge problem experienced by millions of travellers daily. Sleep comfortably while sitting in airplanes, trains, busses and cars.Their product Relax ALLY® helps to fall asleep relaxed, prevents the head from falling and thus sleep from interrupting.“The problem is simply huge and for some reason people just seems to have accepted it. We wanted to wake-up people with a horror themed travel nightmare video and show a viable solution with huge potential to revolutionise the way we travel.” says Mr. Lasse Korvala, CEO, Active Ally Oy. The product has already been sold to over twenty countries and has been featured in global media (Forbes, Entrepreneur, Mail Online, The Telegraph and USA today). Now the company aims to grow and is raising funds via an equity crowdfunding campaign. Currently with over 60 international investors and 4 lead investors the campaign has already exceeded it’s initial goal € 100 000 and is the biggest Finnish success on the FundedByMe platform till date.The company has already started issuing shares but still welcomes new investments until the closing date (29th of Dec).”Active Ally Oy has an easily understood business, a solution to a well known problem with IPR in hand and an experienced team that we have had the opportunity to meet and evaluate in beforehand. We see the opportunity for co-operation and are investing into this company as a lead investor. We recommend this company with highly scalable business to other investor colleagues.” says lead investor Mr. Antti Miettinen, Guida Invest Oy, a Finnish investment company as the lead investor.”It is clear that Relax ALLY will have huge demand in the Asian travel hubs. With a successful airline company co-operation we will have a solid take off for growth also in this market area.” says lead investor Mr. Jari Talvinen, Managing Partner, Paradise Investment, Singapore. (photo: relax)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nel Regno Unito gli imprenditori ora vengono dal basso

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

imprenditoriIn Gran Bretagna, il fenomeno dei nuovi imprenditori non solo ha raggiunto un picco storico, ma presenta un nuovo profilo per i suoi protagonisti, che sembrano venire sempre più “dal basso”. Lo afferma Experian, leader mondiale dell’informazione creditizia, che ha rilevato come i neoimprenditori (persone che mai hanno in precedenza operato in ruolo analogo o dirigenziale) nel 2013 siano risultati alla guida del 59% delle nuove imprese (startup) britanniche, contro il già elevato 52% del 2009; e ancora, e soprattutto, come stia crescendo la quota di coloro che partono con poco, sono disposti a “tirare la cinghia” per i primi anni e provengono dalle classi meno abbienti. A quest’ultimo riguardo Experian ha rilevato come la quota di neo imprenditori disposta ad accontentarsi inizialmente di remunerazioni che non superano le 25 mila sterline sia passata dal 14% del 2009 al 33% del 2013; quella di chi ha un patrimonio inferiore alla media nazionale sia passata dal 4 al 10%; e, ancora e sempre fra il 2009 e il 2013, come sia più che raddoppiata (dal 3,7% al 7,7%) la quota di neoimprenditori che vive in social housing (abitazioni di edilizia popolare o convenzionata).Sono dati che vanno letti alla luce di dinamiche economiche, quelle del Regno Unito, favorevoli, che danno conto di scelte tutt’altro che obbligate. Nel Regno Unito e nel 2013 le nuove imprese sono state in totale 515mila, l’8,9% in più rispetto all’anno prima, con quelle dei neoimprenditori a quota 314 mila (il 59% del totale) e un incremento quasi doppio (12,6%). Di buono c’è anche che il tasso di sopravvivenza dopo due anni delle startup dei neoimprenditori è di soli tre punti percentuali sotto quello della generalità delle startup. Secondo Experian si tratta di dati che, assieme alla crescente provenienza dal basso, suggeriscono di guardare ai neoimprenditori in modo nuovo, superando i luoghi comuni sulle startup, digitali e non.
Experian (Experian Plc) è leader mondiale nei servizi informativi per la prevenzione dei rischi di credito e di frode, il marketing e la protezione dei dati di aziende e consumatori. E’ quotata alla Borsa di Londra (EXPN), ove concorre all’indice FTSE-100, espresso dai 100 titoli azionari più importanti. Nel 2014 è stata inserita da Forbes Magazine nel novero dei gruppi più innovativi. Ha sede a Dublino (Irlanda) e le principali direzioni operative sono a Costa Mesa (California, USA), Nottingham (GB) e San Paolo (Brasile). Conta circa 16.000 addetti in 39 paesi, con un fatturato annuo che supera i 4,8 miliardi di dollari. In Italia, opera dal 1995; ha sedi a Roma e Milano.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il PD di Philadelphia e il Think-tank politico renziano

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

FiladelfiaMilano. 19 Dicembre, alle ore 18 italiane (alle ore 12 per la Costa Orientale degli Stati Uniti) presso la sede del Consiglio Regionale della Lombardia, in via Fabio Filzi 22, a Milano. Un collegamento Skype sarà effettuato per permettere la partecipazione di ospiti dagli Stati Uniti. Un convegno internazionale sull’Accordo Trans Atlantico di Partnership Commerciale ed Industriale -TTIP- e sulle elezioni del COMITES sarà organizzato dal PD di Philadelphia e dal Coordinamento Territoriale di Milano del Think-tank di elaborazione politica vicino al Premier italiano Matteo Renzi LITALIAINTESTA. Pasquale Nestico, Segretario del PD di Philadelphia, Anthony Colavita, Presidente del PD di Philadelphia, e Matteo Cazzulani, Coordinatore de LITALIAINTESTA di Milano, parteciperanno all’evento da Philadelphia. L’On. Patrizia Toia, europarlamentare PD, l’On. Paolo Cova, parlamentare del PD, e Carlo Borghetti, consigliere regionale del PD della Lombardia, parteciperanno all’evento da Milano. Daniele Marconcini, il Vicepresidente de LITALIAINTESTA, e Giuseppe Taverna, Vice Coordinatore de LITALIAINTESTA di Milano, modereranno l’evento.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Doro acquisisce Caretech AB

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

teleassistenzaDoro, leader mondiale nel mercato della telefonia semplificata per utenti senior, annuncia oggi l’accordo con Verane Capital V, importante fondo nordico di private equity, per l’acquisizione di CareTech per un valore di 240 milioni SEK, che si perfezionerà il 31 gennaio 2015. Le soluzioni e i servizi offerti da CareTech consentono agli utenti senior di vivere in maniera indipendente in totale sicurezza e più a lungo nelle loro case. Nel 2014 l’azienda è stata protagonista di una riorganizzazione legata all’offerta di prodotti di teleassistenza nei paesi nordici pienamente compatibile con i nuovi standard IP del settore, così come la gestione della centralina di allarme di 60.000 utenti per conto degli enti locali di Svezia e Norvegia.“Vogliamo crescere nel settore della teleassistenza che è in perfetta sinergia con il nostro attuale core business della telefonia per senior. L’acquisizione di CareTech accelera lo sviluppo della nostra offerta e rappresenta un grande passo in avanti per la realizzazione di un’azienda globale di teleassistenza.” dichiara Jérôme Arnaud, CEO Doro. “Inoltre, i servizi offerti dal business model di CareTech ci consentiranno di migliorare i nostri margini”, conclude Jérôme Arnaud.
L’acquisizione sarà finanziata mediante l’attuale liquidità e un nuovo prestito bancario. Inoltre, Doro si è riservata l’opzione di pagare parte del corrispettivo con le nuove azioni (fino a 2.1 milioni) emesse in base al mandato conferito dall’assemblea annuale degli azionisti Doro.Come anticipato, CareTech registrerà nel 2014 un importante riposizionamento con elevati volumi di vendita in dinamica crescita e un notevole miglioramento di margini. CareTech attualmente ha un tasso di crescita annuale di circa il 30%, con ricavi previsti per 150 milioni di SEK e margini EBIT di circa il 20% per il 2015.Per Doro Group, l’acquisizione avrà effetti positivi sui guadagni delle azioni e sul margine EBIT nel 2015. Il Gruppo manterrà la sua forte posizione finanziaria con un rapporto Indebitamento/Patrimonio di circa 0.6 post acquisizione qualora dovesse scegliere di pagare parte del corrispettivo con i 2.1 milioni di nuove azioni del Gruppo.
Doro AB è un’azienda fondata in Svezia nel 1974. Specializzata dal 2007 nello sviluppo di telefonia mobile semplificata, oggi Doro è leader a livello globale del marcato della telefonia per utenti senior. Disponibili in oltre 30 paesi e 5 continenti, i prodotti Doro includono la telefonia mobile, smart device, applicazioni, software, telefonia fissa e tele assistenza. Grazie alle innovative tecnologie utilizzate e al design dei propri prodotti, Doro ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello internazionale. Doro è quotata alla OMX Nordic Exchange Stockholm, Nordic list, Small companies. Nel 2013 l’azienda ha registrato un fatturato pari a 1,142.5 milioni di Corone Svedesi (Euro 128.9 milioni).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allerta sull’acido ialuronico contraffatto

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

acido-ialuronico-funzionaL’allerta arriva direttamente dal Ministero della Salute: sul mercato italiano potrebbe essere stato immesso un filler riassorbibile a base di acido ialuronico contraffatto, proveniente dalla Cina. «Si tratta di una contraffazione del prodotto originale Juvederm Ultra 4, marcato CE a nome della ditta Allergan Industrie Sas – dice Pierfrancesco Cirillo, segretario dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) -. Per verificare se il prodotto è o meno quello contraffatto, il Ministero invita a controllare il numero di lotto (quello sospetto è il #S30LA30262) e la dicitura sulla confezione esterna, dove è riportato “Science of Erjuvenation” al posto dell’originale “Science of Rejuvenation”. L’importatore dovrebbe essere la Qufu Hantang Biological Co. Ltd, con sede in Cina. L’invito, per chiunque riconosca il prodotto contraffatto, è di non utilizzarlo o di sospendere immediatamente l’utilizzo».I filler riassorbibili, utilizzati per attenuare i segni di invecchiamento del volto o per correggere lievi inestetismi del corpo, risultano i trattamenti di medicina estetica più praticati in Italia. L’acido ialuronico poi è il più praticato in assoluto, con 290mila trattamenti eseguiti nel 2013, circa 800 al giorno, secondo l’indagine condotta da Aicpe.«Purtroppo anche in questo settore i prodotti contraffatti costituiscono una realtà ed è necessario che sia i medici, sia i pazienti prestino la massima attenzione» afferma Emanuele Bartoletti, consigliere Aicpe e segretario della Società Italiana Medicina Estetica (Sime). Le raccomandazioni per il paziente di medicina estetica sono, anzitutto, di rivolgersi a un medico che abbia competenza in materia: «Le cosidette “punturine”, di solito di acido ialuronico o botulino, si possono eseguire in ambulatorio e non richiedono un periodo di convalescenza – spiega Bartoletti -. Spesso si pensa che, trattandosi di interventi che si eseguono in ambulatorio ed i materiali iniettati sono riassorbibili, ossia con una durata limitata nel tempo, non possano provocare danni troppo seri: niente di più sbagliato. I danni da medicina estetica, se praticati da mani inesperte e con prodotti di scarsa qualità, possono essere molto seri, comparire anche a distanza di mesi e in molti casi sono irreversibili. Importante è verificare che il medico a cui ci si rivolge abbia una competenza in medicina estetica e che sia un professionista serio. Attenzione alle offerte low cost e ai “prendi due paga uno”: se il prezzo è troppo basso a rimetterci è quasi sicuramente la sicurezza del paziente. Inoltre bisogna sempre chiedere al medico il tagli andino del prodotto che è stato iniettato, dove sono riportati numero di serie, lotto, data, sede di produzione e data di scadenza».
AICPE: L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), la prima in Italia dedicata esclusivamente all’aspetto estetico della chirurgia, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi e di tutela.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

When East meets West

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

triesteTrieste, 18-20 gennaio 2015 22 progetti cinematografici provenienti da 13 Paesi saranno presentati durante la quinta edizione di When East Meets West, il mercato di co-produzione che si terrà dal 18 al 20 gennaio 2015 nell’ambito del Trieste Film Festival. L’evento riunirà professionisti dell’industria cinematografica internazionale provenienti da Italia, Europa dell’Est e da una nuova area geografica diversa di anno in anno. L’edizione 2015 dedica un focus speciale ai Paesi di lingua inglese e si estende per la prima volta oltre i confini europei, dando vita a un ambizioso programma rivolto alle opportunità di coproduzione con UK, Irlanda, Canada e Stati Uniti. I 22 progetti in sviluppo selezionati per il pitching, 10 documentari e 12 lungometraggi, sono stati scelti tra i 285 presentati – 57 dall’Italia, 38 dal Regno Unito, 19 dal Canada, 15 dall’Irlanda, 13 dagli Stati Uniti e il resto dall’Europa dell’Est. I progetti verranno proposti a una vasta platea di possibili co-produttori, finanziatori, sales agents, programmatori di festival e distributori internazionali. “Non sono soltanto i numeri che ci confortano nell’edizione di quest’anno. La qualità dei progetti presentati continua a rimanere sempre alta e non è stato facile selezionare quelli che parteciperanno al pitch” dichiara Paolo Vidali, direttore del Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia. Una giuria internazionale composta da Nikolaj Nikitin di SOFA, Matthieu Darras di TORINOFILMLAB e Kristina Trapp di EAVE, assegnerà il WEMW Development Award al miglior progetto e una borsa di studio per prendere parte alla prossima edizione dell’EAVE European Producers Workshop. Infine, grazie alla partnership con EGG, uno dei principali studi di post-produzione in Irlanda, verrà messo in palio anche l’Egg Digital Cinema Award, ovvero un completo Digital Cinema Package.
Altre novità fondamentali nel programma di questa edizione sono First Cut Lab e Last Stop Trieste: il primo è un workshop dedicato a lungometraggi di finzione in fase di post-produzione, il secondo rappresenta una preziosa occasione per presentare documentari in avanzata fase di montaggio a un ristretto pubblico di sales agents, responsabili di festival, rappresentanti di broadcasters. Senza dimenticare Born in Trieste, la nuova sezione del Trieste Film Festival dedicata ai film che negli scorsi anni hanno iniziato il loro percorso produttivo a WEMW.
Da sottolineare, infine, il rinnovato sostegno a WEMW da parte di Creative Europe – MEDIA Programme che conferma il ruolo chiave dell’iniziativa nello sviluppo di nuovi progetti di valore internazionale.WEMW è organizzato dal Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia, assieme a Trieste Film Festival, in collaborazione con EAVE, Antenna MEDIA Torino, Maia workshops, Eurimages, e con il supporto di Creative Europe – MEDIA Programme, CEI (Central European Initiative), MiBACT e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’UE dovrebbe intensificare maggiormente gli sforzi per aiutare l’industria siderurgica a uscire dalla crisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

siderurgicoI deputati eurtopei chiedono alla Commissione europea che gli accordi commerciali migliorino le condizioni di esportazione dell’acciaio e che ci sia un controllo sulle regole di concorrenza UE e gli aiuti di Stato per evitare iniquità tra i paesi europei.I deputati chiedono alla Commissione di fornire informazioni precise sull’equilibrio tra domanda e offerta di acciaio a livello europeo e mondiale e di individuare le maggiori sfide a livello sociale, economico e ambientale in modo da sviluppare iniziative a medio e lungo termine per sostenere l’industria siderurgica in Europa.Il Parlamento chiede alla Commissione se l’applicazione delle norme sulla concorrenza e quelle sugli aiuti di Stato abbia portato a soluzioni ingiuste nel mercato siderurgico europeo e, se così, di presentare misure correttive. I deputati chiedono, inoltre, misure per evitare rivalità tra gli Stati membri nel caso in cui un grande produttore di acciaio annunci una ristrutturazione.I deputati chiedono che i futuri accordi commerciali prevedano disposizioni volte a migliorare in maniera significativa le opportunità di esportazione e l’accesso ai mercati per l’acciaio e i prodotti siderurgici europei. Sottolineano il fatto che vi può essere un commercio equo dei prodotti siderurgici soltanto rispettando i diritti fondamentali dei lavoratori e le norme ambientali ed evidenzia l’urgente necessità di modernizzare gli strumenti di difesa commerciale dell’Unione.La risoluzione è stata adottata con 466 voti a favore, 133 contrari e 100 astensioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La sfida delle smart cities nel progetto Rise2Up a Expo Milano 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

smart citiesAnche le best practices nei settori di sostenibilità e gestione delle risorse raccontate dai maxischermi nel padiglione della Società Civile Un mercato in costante aumento, che a fine 2014 si aggira sui 654.57 miliardi di dollari e che, nel 2019, dovrebbe raggiungere addirittura quota 1.300 miliardi di dollari. È il giro d’affari delle “smart cities”, le città del futuro, fotografate dall’analisi MarketsandMarket “Worldwide Market Forecasts and Analysis 2014 – 2019”; un tema che sarà affrontato anche durante Expo Milano 2015, dedicato a “Alimentare il Pianeta: Energia per la vita”. «Nonostante la tematica possa sembrare incentrata sul tema dell’alimentazione, in realtà, offre una significativa apertura verso il tema dell’ottimizzazione delle risorse naturali: dall’energy management alla prevenzione con la sanità digitale, il tutto anche come declinazione di innovazione nella città intelligente del futuro (smartcity)» afferma Mirella Mastretti, presidente dell’associazione Talent4Rise, ideatrice e responsabile del programma culturale di Rise2Up, progetto che sarà ospitato nel Padiglione della Società Civile Cascina Triulza a Expo Milano 2015.Ogni continente, nei prossimi anni, vedrà un rapido aumento della popolazione urbana e si troverà ad affrontare i problemi e le sfide che questo fenomeno comporta in un contesto che già presenta una serie di problematiche come inquinamento, consumo eccessivo delle risorse naturali ed energetiche, iperdensità abitativa, cementificazione e consumo del territorio, disuguaglianza ed esclusione sociale.«Le tecnologie destinate al mercato smart city hanno lo scopo di curare e risolvere, anche in maniera rapida, la gran parte dei mali che affliggono le nostre città – prosegue Mastretti -. I settori principali che sono interessati sono edilizia di nuova generazione, smart grid, big data/open data, connettività mobile e diffusa, comunicazioni elettroniche, internet delle cose, efficienza energetica, sistemi avanzati per la gestione delle risorse idriche, mobilità sostenibile e smart mobility, sicurezza delle infrastrutture critiche e del cittadino, automazione industriale, sanità elettronica e istruzione/formazione digitale. Determinante anche la gestione delle risorse idriche (smartwater) che sono state lo scorso anno al centro di un’iniziativa dell’ONU che ha lanciato l’Anno internazionale della cooperazione nel settore idrico come piattaforma per unire gli impegni presi sia dal Sistema Nazioni Unite, sia da altre organizzazioni regionali o internazionali, dai governi, dalla società civile e dalle imprese, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi legati alle risorse idriche e sulle sue possibili soluzioni» prosegue Mastretti.Gabriella Grazianetti, responsabile smart-metering e formazione per Talent4Rise aggiunge: «Le varie iniziative in merito ai contatori intelligenti (smart metering), in Italia come all’estero, rappresentano il punto di partenza di un percorso di trasformazione lungo e sfidante, dal punto di vista tecnologico e normativo, nella prospettiva delle soluzioni “smart city”»Il progetto Rise2Up intende dare visibilità, all’interno di Cascina Triulza, anche a queste realtà: «Daremo spazio a tutte le buone pratiche che sono collocate non solo nel settore dell’agroalimentare, ma anche in contesti legati alla sostenibilità del pianeta – afferma Paola Corradi vice-presidente dell’associazione Talent4Rise -. Offriremo quindi visibilità alle aziende impegnate in questi settori ed ospiteremo iniziative e manifesti culturali a supporto del tema realizzati da artisti emergenti come Stefano Antoniazzi, Carlo Corradi e Maurizio Gabbana».Le aziende avranno la possibilità di realizzare dei video in cui raccontare la storia della propria azienda e i motivi di eccellenza. I filmati saranno poi proiettati da mega schermi interattivi installati all’interno dello stand del padiglione della Società civile, così da essere visibili ai visitatori di Expo 2015. La trasmissione avverrà in modo ciclico, per dare a tutti, compresi i più piccoli, la possibilità di partecipare all’evento. Non solo: i video saranno caricati sui social network, così da avere una visibilità più amplificata, ma anche da promuovere la partecipazione, soprattutto delle nuove generazioni. Sarà infatti possibile votare il video preferito e i migliori saranno premiati.
Il progetto prevede inoltre dei workshop suddivisi per tematica, che coinvolgeranno stakeholder nazionali ed internazionali, in cui i produttori potranno raccontare la propria storia in prima persona. Partner tecnologico del progetto è Siseco, azienda leader nel settore IT che sviluppa soluzioni rigorosamente “Made in Italy”.
ll progetto Rise2Up (www.expo2015-expose.com) nasce con l’obiettivo di dare visibilità alle buone prassi delle aziende agroalimentari Italiane presenti in Italia e all’estero e di quelle estere. Obiettivo primario è quello di educare ad una corretta alimentazione per favorire nuovi stili di vita, incoraggiando la partecipazione attiva dei consumatori, in particolare giovani e adolescenti, valorizzando la conoscenza. Il progetto è stato presentato dall’associazione “La libreria che non c’è” alla Call Internazionale promossa da Fondazione Triulza e Expo 2015 Spa per far parte del programma culturale del padiglione della Società civile. È stato ideato dall’associazione Talent4Rise (talent4rise.com) che è responsabile anche delle attività culturali collegate al progetto. Partner tecnologico dell’iniziativa è Siseco, azienda leader nel settore IT che sviluppa soluzioni rigorosamente “Made in Italy”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il film polacco “Ida” vince il Premio LUX Film 2014

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 dicembre 2014

Mercoledì a mezzogiorno il Presidente Martin-schulz ha annunciato, durante una cerimonia in Aula, il vincitore del Premio LUX per il cinema 2014 del Parlamento europeo. “Ida” è la storia di una ragazza alla ricerca della propria identità, una commovente storia personale che si sovrappone al passato doloroso dell’Europa.Ricevendo il premio dal Presidente del Parlamento europeo, il regista Pawel Pawlikowski ha detto: “Ida è un film che è riuscito a toccare il pubblico in tutta Europa. Questo dimostra che il cinema ha ancora un ruolo da svolgere nella nostra società. (…) Il Premio LUX ha istituito un nuovo premio per i cineasti europei (…) e ha anche reso possibile per migliaia di cittadini europei di unirsi insieme per vivere emozioni condivise.” Complimentandosi con il vincitore, il Presidente Schulz ha detto: “I film europei non sono girati in un qualche luogo o in un qualche momento, ma in luoghi specifici e in specifici contesti storici (…) Ci permettono di imparare qualcosa sulla nostra storia comune e sulle storie dei nostri vicini; ci forniscono un’idea di com’è realmente la vita in altri paesi, e ci aiutano a capire meglio noi stessi e i nostri vicini. Le storie raccontate dal cinema europeo ci offrono una maggiore comprensione reciproca e rafforzano il senso comune di appartenenza, superando i confini nazionali”, ha aggiunto Schulz. Silvia Costa (S&D, IT), presidente della commissione cultura e educazione, ha detto: “L’iniziativa del Parlamento europeo con il Premio LUX è unica: sottotitolare 3 film in 24 lingue, proiettarli in 28 paesi, in almeno 18 Festival, in più di 40 città europee, discutere e parlare di Europa grazie allo stesso prodotto culturale, non è mai stato fatto da nessuno.Credo inoltre che dovremmo accentuare nel Premio LUX il carattere di attenzione alle nuove generazioni di autori europei, ai giovani che raccontano i giovani, come nel caso dei finalisti di quest’anno. In questo modo il cinema può diventare uno strumento di dialogo e conoscenza e aiutare la politica a comprendere veramente l’universo giovanile, evitando stereotipi e generalizzazioni.”Il Parlamento assegna questo premio ogni anno per contribuire a promuovere quei film che trattano temi che vanno al cuore del dibattito pubblico europeo. La rosa dei tre finalisti per il 2014 comprendeva anche Class Enemy (Razredni Sovražnik), dalla Slovenia, di Rok Biček, e Girlhood (Bande de filles), dalla Francia, di Céline Sciamma. Grazie al sostegno del Parlamento europeo, i film finalisti sono stati sottotitolati in tutte le 24 lingue ufficiali dell’UE e sono stati proiettati durante i LUX Film Days in 28 Stati membri. Sono stati i deputati, con una votazione, a decretare il vincitore.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »