Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 28 dicembre 2014

Feste: consigli per il dopo acquisti

Posted by fidest press agency su domenica, 28 dicembre 2014

regalo-natalePuò accadere che un regalo di Natale non funzioni bene oppure sia della misura sbagliata. Ma il venditore rifiuta di sostituirli o di restituire quanto pagato (non si cambia nulla, manda il telefonino a riparare al centro assistenza, ecc.). Allora, vediamo quali sono i diritti del consumatore per quanto riguarda la garanzia (nel caso in cui il prodotto non funzioni come dovrebbe) ed il diritto di recesso (cosiddetto diritto di ripensamento).
Se un bene e’ guasto o non corrisponde a cio’ che e’ descritto sulla confezione, ci si potra’ avvalere di una di queste forme di garanzia:
– Garanzia legale a carico del venditore. Il venditore, a sua scelta, dovra’ riparare o sostituire il bene entro “tempi congrui”, da pattuire insieme al consumatore. Se la riparazione o la sostituzione non fossero possibili, si ha diritto alla restituzione dei soldi. Questa garanzia e’ valida 2 anni, ma il difetto deve essere segnalato al venditore entro 2 mesi dalla scoperta.
– Garanzia del produttore. Questa e’ una garanzia contrattuale, e per sapere cio’ che ci e’ dovuto dal produttore e quindi dai suoi centri di assistenza, si dovra’ leggere attentamente il contratto di garanzia acquistato insieme al bene (di solito, lo si trova all’interno della confezione). Se invece si vuole esercitare il diritto di recesso (o ripensamento), la legge distingue tra i seguenti casi:
– Per gli acquisti fatti in negozio, la legge non prevede alcun diritto di recesso. In altre parole, una volta acquistato il bene, non si puo’ pretendere che il venditore lo cambi, a meno che non fosse stato pattuito al momento dell’acquisto.
– Per gli acquisti fatti a distanza (via Internet, telefono, ecc.) o fuori dai locali commerciali (per posta, a domicilio, negli alberghi, ecc.), la legge da’ diritto al recesso entro 14 giorni dall’acquisto oppure dal giorno in cui si riceve il bene. Solitamente, le modalita’ di recesso sono previste nel contratto di acquisto. Per sicurezza, e’ comunque consigliabile esercitare il recesso con una lettera raccomandata a/r ed eventualmente rispedire il bene tramite assicurata.Qualora il produttore o il venditore non rispettino questi diritti, sara’ necessario richiedere il dovuto tramite una lettera raccomandata a/r di messa in mora e fare una segnalazione all’Autorità garante della concorrenza e del mercato . Eventualmente, si dovra’ ricorrere al giudice di pace per ottenere il dovuto. (fonte aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche: ritorna il “bail out”

Posted by fidest press agency su domenica, 28 dicembre 2014

banche americaneSolitamente Babbo Natale porta i regali ai più piccoli. Ma quest’anno, forse anche lui un po’ frastornato dalla valanga di messaggi di pubblicità o malignamente disinformato dall’onnipotente National Security Agency, ha fatto un bel regalo anche alle banche più grandi del pianeta. Il Congresso americano infatti ha approvato delle misure che proteggono le “too big to fail” in tutte le operazioni con derivati finanziari. E’ stato cancellato il cosiddetto “Emendamento 716” della legge di riforma finanziaria Dodd-Frank che, per taluni derivati, costringeva le banche ad operare attraverso delle sussidiarie. Era un modo per evitare che i soldi dei depositi bancari venissero utilizzati in operazioni speculative. Poiché i succitati depositi utilizzati usufruivano delle garanzie della Federal Deposit Insurance Commission (FDIC), tutte le banche in crisi finora hanno goduto di generose operazioni di salvataggio con fondi pubblici da parte del governo, i cosiddetti “bail out”. In realtà la legge Dodd-Frank, originariamente concepita proprio per proteggere i risparmiatori dopo gli sconquassi della crisi finanziaria globale del 2007-8, era già stata abbondantemente annacquata. Permetteva quindi l’utilizzo dei depositi per i derivati relativi alla protezione rispetto ai rischi sui prestiti concessi, alla volatilità dei tassi di interesse e ai crediti inesigibili. Di fatto tale protezione riguardava ben il 95% di tutti i derivati.Perciò è d’obbligo porsi la domanda del perché vi sia “tanta animosità” per il rimanente 5%, pari a 14 trilioni di dollari in rapporto a un montante nominale complessivo di circa 280 trilioni. Ciò soprattutto in considerazione del fatto che da tempo le banche possono contare anche sulla copertura del cosiddetto “bail in”, cioè sulla possibilità di attingere ai depositi, oltre che al capitale proprio, per coprire gli eventuali buchi provocati da operazioni finanziarie spericolate e da speculazioni andate male.
La risposta, secondo noi, sta proprio in quel 5% di derivati esclusi che include i derivati sulle commodity, rilevanti sotto tutti i punti di vista. Come evidenziato in passato, le banche hanno penetrato i mercati delle materie prime, su cui esercitano una crescente influenza sicuramente destabilizzante. Oggi le banche americane sentono la necessità di garantirsi il “bail out” pubblico anche su questi segmenti di finanza speculativa in quanto i loro derivati, soprattutto quelli relativi al petrolio, rischiano di produrre grandissime perdite.
Infatti, mentre per i tassi di interesse il comportamento della Federal Reserve è una variabile prevedibile, l’andamento del prezzo del petrolio negli ultimi mesi non lo è stato. Non è stato quindi coerente con la legge della domanda e dell’offerta. In breve tempo esso è sceso da 110 dollari al barile a circa 60 dollari. Vi è una chiara scelta politica sottesa alla volontà di inondare i mercati di petrolio e di continuare a produrne grandi quantità anche in situazioni di calo del prezzo assai vistoso. Normalmente non dovrebbe essere così, a meno che non vi siano forti ragioni geopolitiche. Ora appare evidente la volontà di mettere in ginocchio finanziariamente la Russia e l’Iran, due grandi produttori di petrolio i cui bilanci dipendono non poco da tale risorsa.. Però adesso le banche americane si trovano in pancia tanti prodotti derivati emessi in garanzia di aumenti del prezzo del petrolio oppure in rapporto a eventuali diminuzioni meno consistenti di quelle attuali. La banca forse più esposta è la JP Morgan Chase, tanto che ha mandato il suo chief executive a testimoniare al Congresso per la rimozione dell’emendamento citato. La cosa in verità è passata sotto silenzio, “seppellita” nella legge finanziaria americana del 2015 che tra l’altro approva anche la copertura di spesa del governo per 1.100 miliardi di dollari per evitare così nuovi shut down. Il voto delle leggi finanziarie spesso nasconde tra le migliaia di commi e di norme scelte e decisioni non giustificabili e non sostenibili. In verità il cosiddetto “assalto alla diligenza” accade anche da noi in sede di approvazione della Legge di Stabilità.Speriamo che la scelta compiuta dal Congresso americano non venga imitata anche dall’Unione europea. (Mario Lettieri Sottosegretario all’Economia del governo Prodi e Paolo Raimondi Economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jobs act: giudizio di merito

Posted by fidest press agency su domenica, 28 dicembre 2014

jobs actE’ stato pubblicato lo schema di decreto legislativo contenente la nuova disciplina del regime di tutela in caso di licenziamento illegittimo. Si tratta di una “piccola” rivoluzione nella disciplina dei licenziamenti illegittimi per i nuovi assunti, in base alla quale la sanzione della reintegrazione è esclusa sempre nei licenziamenti economici (individuali e collettivi), mentre nei licenziamenti soggettivi (per giusta causa o giustificato motivo soggettivo) essa è eccezionalmente ammessa solo quando i motivi indicati sono “materialmente” inesistenti” (e dunque non è ammessa quando si discute se il licenziamento è misura “proporzionata” rispetto ai fatti). Invece della reintegrazione, in caso di licenziamento illegittimo spetta solo un indennizzo che dipende dall’anzianità (tutele crescenti) e che parte da 4 mensilità e può arrivare fino ad un massimo di 24 mensilità.“Il giudizio sulla manovra a livello generale è positivo poiché cambia il volto della disciplina del rapporto di lavoro in Italia rendendola più flessibile e vicina a quelle europee, anche se ci vorranno anni o decenni affinché si estenda alla maggioranza della popolazione italiana lavorativa – commenta l’Avvocato Fabrizio Daverio, socio fondatore dello Studio Legale Daverio & Florio, specializzato in diritto del lavoro e della Previdenza Sociale -. Il Jobs Act porta avanti la riforma Fornero rendendola però più netta e più chiara dato che i confini fra reintegrazione e indennità erano molto più ambigui. La reintegrazione adesso è un’eccezione assoluta, che si può applicare, a parte i licenziamenti discriminatori, solo nel caso di licenziamento soggettivo, quando i fatti materiali non sono veri.”
La nuova disciplina si applica a tutti i nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato ed è sufficiente che siano nuovi, cioè stipulati dopo l’entrata in vigore del decreto. Non conta più il requisito dei 16 dipendenti o oltre. La differenza è che per le aziende piccole gli indennizzi sono dimezzati e la reintegrazione non si applica neppure nel caso dei fatti “materiali” non veri.“Si tratta quindi di una piccola rivoluzione che porta certezza nella materia ma bisogna sottolineare che ciò vale solo per i nuovi contratti – prosegue l’Avvocato Fabrizio Daverio -. Non cambia nulla per quelli già in essere per i quali rimane in vigore la legge Fornero del 2012. La popolazione lavorativa italiana, dal momento in cui entrerà in vigore il decreto, si dividerà quindi in due, con i “nuovi assunti” a cui si applicherà la nuova disciplina e i “vecchi” che manterranno la precedente. Una spaccatura evidente anche a livello processuale poiché, per lo stesso caso, ai vecchi assunti si applicherà la legge Fornero, mentre per i “nuovi” si applicherà il giudizio ordinario del lavoro.”“E’ evidente che la manovra, congiuntamente alla politica di forte agevolazione e incentivazione alle assunzioni, punta a favorire le nuove assunzioni assicurando agli imprenditori la possibilità di poter ridurre il personale “nuovo” a costi certi e prevedibili, e soprattutto senza rischiare la reintegrazione – prosegue l’Avvocato Fabrizio Daverio – Alcune aspettative sono però andate deluse. Per esempio, è mancata un’espressa menzione dello “scarso rendimento” come causa di licenziamento. Un punto che interessa molto alle aziende ma si ritiene che il nuovo quadro normativo favorisca comunque iniziative anche a tale riguardo.”Ci sono anche novità molto interessanti. Il datore di lavoro che licenzia può offrire al lavoratore licenziato, in Sede Ufficiale, un indennizzo ridotto (da due a diciotto mensilità), con il vantaggio che esso è esentasse e non soggetto neppure a oneri sociali. E’ un modo per avvicinare le parti ad un accordo riducendo il costo dell’indennizzo (per il datore di lavoro) e aumentandone il valore (per i licenziati). “I piccoli imprenditori vengono incoraggiati a varcare la soglia dei 15 dipendenti prevedendo che la nuova disciplina si applichi – solo per essi, e solo se varcano tale soglia – anche se assunti precedentemente a tale data – conclude Daverio.”Viene infine istituito il “contratto di ricollocazione” volto a favorire il reinserimenti dei lavoratori licenziati nel mondo del lavoro. Lo si vedrà nei dettagli con i prossimi decreti attuativi.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »