Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 12 gennaio 2015

More targeted victim support services needed in the EU

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

A participant holding a poster with drawings and the inscription "We are 12 million European citizen - where are our rights?"Well-resourced, well-aimed victim support is vital to ensure that victims of crime have real access to justice for the suffering they have been caused and ensure their rights are respected. In the first comprehensive assessment of victim support services throughout the European Union, published today, the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) notes that despite improvements, challenges remain in many Member States.“Assistance must be made available to victims before, during and after criminal proceedings – and not only legal support, but also psychological and emotional,” says FRA Director Morten Kjaerum. “In 10 months EU Member States must have transposed the EU Victims’ Directive into national law, and there is still a lot to be done.”To help ensure effective support for victims throughout the EU, FRA makes a number of suggestions in the report, for example:
EU Member States need to ensure the provision of targeted support services, including trauma support and counselling, for victims with specific needs, for example victims with a disability, victims of sexual violence, or irregular migrants who become victims of crime. EU Member States must ensure they comply with obligations in the Victims’ Directive to train police officers and court staff, and make available the additional resources needed to implement these measures.
Bureaucratic hurdles should be removed so that legal aid is made available to victims who are party to criminal proceedings in the same way as it currently is to defendants.Member States should introduce measures that ensure victims have access to information about their rights and available support services, as well as to relevant information about their case.To encourage more victims to come forward and report crimes, EU Member States should ensure that information about victim support is made immediately available by all authorities and public services with which victims come into contact, including the health service.FRA research has consistently found that underreporting is a major obstacle to ensuring victims have full access to their rights. Targeted and practical victim support systems are a crucial element of any strategy to increase trust in the authorities and increase reporting rates, without which it is impossible to improve the investigation and prosecution of crime. In this regard, the Victims’ Directive, or Directive establishing minimum standards on the rights, support and protection of victims of crime is a big step forward. Member States must transpose the articles of the Directive by 16 November 2015.The subject of victim support is closely linked to FRA’s other work on access to justice, discrimination and hate crime, and particularly to the findings of the Agency’s large scale surveys of people who are most often victimised. The results of this work can be found in publications such as the LGBT report, discrimination and hate crime against Jews, or Violence against women.For today’s report, FRA has collected data from all 28 Member States in order to provide information and analysis on current procedures at national level. The publication demonstrates that despite the many challenges, there have been a number of positive developments across Member States. Many of these are listed in the report as promising practices. For example:Some EU Member States such as Belgium, Estonia or Finland ensure that victim support organisations are run either directly at police stations or in their immediate vicinity, making referrals easier.In several Member States, including Denmark, Poland and the United Kingdom, money is raised for victim support services by means of a fund paid into by people on conviction of a criminal offence.Apps have been developed in some Member States such as Spain or Sweden that provide details on court procedure, as well as on locations and contact details.
The Victims’ Directive is just one element of the broader Victims’ Package. Two other pieces of legislation that make up the Package will enter into force on 11 January 2015, which ensure crime victims who are granted protection in one EU country will be eligible for similar protection in another Member State.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Port Corpus Christi Managing Director Retires After 27 Years of Service

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

CORPUS CHRISTI, TX, USACORPUS CHRISTI, TX, USA – The Port of Corpus Christi Authority announces the upcoming retirement of Frank Brogan, Managing Director. Mr. Brogan will retire on February 2, 2015. He has been actively involved with the Port for over 40 years. “Frank Brogan has been the grand architect of all the port’s significant projects of the last 3 decades! His energy, patience, resourcefulness and incredible talent transformed this port and positioned the region to attract over $32 billion of investment. His stunning accomplishments are balanced by his personal humility – diverting all credit to his staff and others. Although it’s 50 years later, he has those same qualities we attribute to the Greatest Generation. Frank’s legacy is prosperity for the Coastal Bend,” said Judy Hawley, Port Commission Chair.
Brogan began his career as an engineering design consultant to the Port, which lasted for 13 years. As such, he designed many of the Port’s facilities that are in use today. He has been on the Port staff for over 27 years and was previously the Director of Engineering Services before being promoted to Deputy Port Director and subsequently to Managing Director. He was in charge of the final completion of the 45-foot channel project, the Mary Rhodes Pipeline and the Joe Fulton Corridor. “Frank’s hand prints are on many key infrastructure initiatives that have been and will have a long lasting positive economic impact in our region for generations to come. Frank Brogan was the first man to come to mind in finding a dependable and capable individual who could always see the most difficult projects through to completion,” said Nelda Martinez, Mayor of the City of Corpus Christi.Brogan led the planning for the future growth of the Port with projects such as the 52-foot channel project, the new Harbor Bridge, and the La Quinta Terminal. He helped reorganize the Port’s security department and played a key role in the Port’s new strategic plan and organizational plan. “I have worked with Frank Brogan on many community projects over the last 15 years. While Mayor, I worked with Frank on many water related projects and other economic development projects. He has always been a dedicated professional, tireless worker, and a person you can count on to do a job well. As County Judge, Frank and I have continued to work on water, the new Harbor Bridge, and environmental projects. He will be missed by us all in the community,” said Samuel L. Neal Jr., Nueces County Judge.”Frank is a good friend and a great community leader. He has brought a lot to our area and has been an asset for our growing port and its surrounding industries. We hope the best for him and his family,” said Todd Hunter, Texas State Representative District 32. San Patricio County Judge Terry Simpson also commented, “Frank was always willing to share his knowledge and experience. I enjoyed working with him to bring other businesses to the area as he always brought great insight and expertise to the table.”The Port Commission is expected to consider a nationwide search for his replacement at the January 13, 2015 commission meeting.
As the primary economic engine of the Coastal Bend, Port Corpus Christi is the 5th largest port in the United States in total tonnage. The Port’s mission statement is to “serve as a regional economic development catalyst while protecting and enhancing its existing industrial base and simultaneously working to diversify its international maritime cargo business.” Strategically located on the western Gulf of Mexico, with a straight, 45’ deep channel, the Port provides quick access to the Gulf and the entire United States inland waterway system. The Port delivers outstanding access to overland transportation with on-site and direct connections to three Class-1 railroads and uncongested interstate and state highways. The Port is protected by a state-of-the-art security department and an award-winning Environmental Management System. With outstanding management and operations staff, Port Corpus Christi is clearly “The Port of the Lone Star State.” http://www.portofcorpuschristi.com/

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Materialise’s Leapfrog Builder Now Bundled with Leapfrog 3D Printers

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

leapfrog_builder_by_materialise_0Materialise NV (NASDAQ: MTLS), a leading provider of Additive Manufacturing software and of sophisticated 3D printing solutions in the medical and industrial markets, and Leapfrog 3D Printers, a leading 3D printer producer from the Netherlands bringing 3D printing solutions to a wide audience, are proud that their partnership has led to a successful Builder, which will now be bundled with the new Leapfrog Creatr HS 3D printer. It is the first time that Materialise applies its decades of experience in developing high-end software to a leading desktop 3D printer. Leapfrog 3D printers are a preferred choice for business and educational users due to their deep knowledge on what these different type of users need to add value with a 3D printer. The Leapfrog Builder, which combines Materialise’s Build Processor with a user-friendly front-end solution, makes printing easier than ever while still offering the user many options to print.Much like printer drivers make inkjet printing easy because of the simple user interface that still allows the user to choose from many settings and profiles, the powerful Leapfrog Builder, developed by Materialise, enables the same for Leapfrog’s 3D printers, which use fused filament fabrication (FFF) technology. This lets users adjust the settings based on pre-set, automatically updated profiles or create their own profile based on the parameters of their choice. Not only does this give users more control and options over their print, it also drastically streamlines the printing process so that users can go from STL file to clicking print in one all-inclusive program.
In order to remain agile in the rapidly developing 3D printing industry, Leapfrog 3D Printers believes in building customized solutions for their clients by building partnerships with companies that are the very best in their specific field, like Materialise. Besides these types of partnerships, Leapfrog 3D Printers also partners up with customers in different industries, to gain a deep understanding of what is needed to add value for their specific application. Their very first partnership is still holding strong: Leapfrog 3D Printers was founded in 2012 by Dutch machine producer AV Flexologic, who is still using these printers in-house. Their immediate feedback is used to continuously develop the printers, making them ideal for the education, product design, medical purposes and architectural design. The Leapfrog Builder will help tremendously in making it even easier for all types of users to print their designs.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nicox amplia la linea di prodotti oculari Xailin

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

Nicox-banner-990x358-adenoNicox SA (NYSE Euronext Paris: COX), azienda oftalmica internazionale, oggi ha annunciato il lancio di nuovi prodotti appartenenti alla linea Xailin™. Ora comprende un totale di sei prodotti classificati come dispositivi medici: cinque lubrificanti oculari per i sintomi di secchezza oculare e un lavaggio oculare. Xailin™ è un brand commercializzato direttamente da Nicox nei principali mercati europei e attraverso distributori negli altri mercati internazionali al di fuori del Nord America. Tutti i prodotti della linea Xailin™ sono senza conservanti, o senza conservanti sulla superficie oculare grazie all’utilizzo del perborato, un conservante a ‘scomparsa’, che viene convertito in acqua e ossigeno da enzimi oculari una volta a contatto con la superficie oculare.
“Nicox offre ora una linea completa di prodotti oculari con il brand Xailin che sono stati progettati per rispondere ai bisogni dei pazienti”. Il Dr. Benito Guerra, Direttore Generale Italia di Nicox Farma SRL, ha affermato: “La linea di prodotti oculari Xailin è stata sviluppata considerando il feedback di oculisti e pazienti di tutta Europa. Tutti i prodotti della linea Xailin sono senza conservanti o ‘senza conservanti sulla superficie oculare’ e la maggior parte sono disponibili in una comoda confezione multidose. Siamo impegnati nella ricerca continua per espandere nei prossimi anni il nostro brand Xailin con ulteriori lanci di nuovi prodotti.”
La linea Xailin™ oggi comprende i seguenti dispositivi:
· Xailin Wash: lavaggio oculare sterile monodose, senza conservanti.
· Xailin Night: unguento oculare multidose per la protezione corneale notturna, senza conservanti.
· Xailin Fresh: collirio monodose contenente carmellosa per il sollievo dalla sensazione di secchezza oculare in pazienti con occhio secco occasionale o persistente, senza conservanti.
· Xailin HA: collirio multidose contenente acido ialuronico per il sollievo dai sintomi della secchezza oculare da moderata a grave, senza conservanti.
· Xailin Hydrate: collirio multidose contenente ipromellosa per il sollievo immediato dai sintomi della secchezza oculare, senza conservanti.
· Xailin Gel: gel oculare multidose contenente carbomer per un prolungato sollievo dai sintomi della secchezza oculare, senza conservanti.
Nicox ha costruito una rete commerciale attraverso la creazione di una forza vendite specialistica nei cinque principali mercati europei: Regno Unito, Spagna, Germania, Italia attraverso l’acquisizione di Eupharmed e Francia attraverso l’acquisizione di Doliage. Inoltre, sono state stabilite relazioni di partnership con altre aziende per la distribuzione dei prodotti Nicox in molti mercati internazionali al di fuori del Nord America.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF/Libano: 11,5 milioni di dollari in forniture invernali per aiutare i bambini colpiti dalla tempesta

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

Giacomo_Guerra_UnicefI bambini della Siria sfollati in Libano che vivono in tende ad elevate altitudini devono affrontare la tempesta invernale Zina che ha portato venti gelidi, forti piogge e neve. L’UNICEF e le organizzazioni partner stanno distribuendo abiti invernali per i bambini, coperte, teli e biscotti ad alto valore energetico, raggiungendo 75.000 bambini siriani, libanesi e palestinesi rifugiati in una delle aree fino ad ora tre le più colpite. Le squadre mobili sanitarie di emergenza, insieme alle Mobile Medical Units hanno curato oltre 1.600 pazienti presso insediamenti informali.
“Le nostre squadre e i partner locali stanno lavorando ora dopo ora per aiutare i bambini e le famiglie più vulnerabili ad affrontare la tempesta,” ha dichiarato Annamaria Laurini, Responsabile UNICEF in Libano. “Ogni singolo sforzo deve essere fatto subito per scongiurare tragedie non necessarie che potrebbero essere evitate”.
Nelle ultime 72 ore l’UNICEF con il Ministero della Salute Pubblica e le organizzazioni e associazioni locali ha sostenuto le Mobile Medical Units che stanno raggiungendo ogni insediamento informale, dove l’accesso è possibile. Almeno 1.600 pazienti sono stati visitati, tenda per tenda, e molti bambini, colpiti da malattie causate dalle temperature fredde – come influenza, febbre e malattie cutanee – sono stati curati.
Quest’inverno l’UNICEF impiegherà 11,5 milioni di dollari nell’assistenza per 456.500 bambini siriani, libanesi e palestinesi rifugiati: 160.000 bambini riceveranno kit con abiti invernali; 135.000 bambini riceveranno voucher per acquistare vestiti invernali; 583 scuole riceveranno carburante per i riscaldamenti a beneficio di 155.000 bambini; 6.500 bambini beneficeranno di misure per limitare i danni causati dalle inondazioni negli insediamenti informali.
A causa della tempesta di questa settimana, le strade principali e le autostrade sono state bloccate dalla neve, ostacolando i camion pronti con gli aiuti e le unità mediche mobili nel raggiungimento delle aree colpite. La distribuzione è ricominciata e saranno consegnati aiuti per i freddo durante il weekend e la settimana prossima, mentre le squadre mediche mobili hanno ripreso le loro attività.
L’UNICEF Libano si sta preparando all’inverno da Ottobre e ha preposizionato 28.000 kit per l’inverno nella Valle della Bekaa, ad Aarsal e ad Akkar. Ad oltre 20.000 persone saranno distribuiti kit per il drenaggio per limitare i danni causati dalle inondazioni negli insediamenti informali, insieme a teli di plastica in risposta all’emergenza.
ll numero di bambini vulnerabili sta crescendo giorno dopo giorno. Sempre più sfollati siriani non hanno risparmi e stanno ricorrendo a misure disperate – spingendosi verso gli insediamenti informali come ultima possibilità.
Dalla metà di dicembre l’UNICEF Libano e i suoi partner hanno distribuito circa 70.000 kit invernali che comprendono abiti per tenere al caldo 22.000 bambini ad Aarsal, 42.000 nella Valle della Bekaa, così come quelli che si trovano nel Nord e nel Sud del paese. Inoltre sono stati distribuiti anche 8.000 teloni e 400 kit per il drenaggio per circa 20.000 persone.
Oggi e domani saranno distribuiti ulteriori kit per l’inverno, coperte, teloni, scatole di biscotti al alto valore energetico, taniche, kit igienici e per il drenaggio e abiti femminili.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce l’evasione delle big-company

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

evasione-fiscale-controlliNel 2014 l’imponibile evaso in Italia è cresciuto del 3,4% con punte record nel nord dove ha raggiunto l’ 4,7%. In termini di imposte sottratte all’erario siamo nell’ordine di 180,7 miliardi di euro l’anno. La stima è stata effettuata dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “Antonella Di Benedetto” di KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani.
Cinque sono le aree di evasione fiscale analizzate: l’economia sommersa, l’economia criminale, l’evasione delle società di capitali, l’evasione delle big company e quella dei lavoratori autonomi e piccole imprese.
La prima riguarda l’economia sommersa. L’esercito di lavoratori in nero si gonfia sempre di più è composto da circa 2,9 milioni di persone, molti dei quali cinesi o extracomunitari. In tale categoria sono stati ricompresi anche 850.0 00 sono lavoratori dipendenti che fanno il secondo o il terzo lavoro. Si stima un’evasione d’imposta pari a 34,3 MLD di euro.
La seconda è l’economia criminale realizzata dalle grandi organizzazioni mafiose italiane e straniere (Russia e Cina in testa) che, nel nord Italia è cresciuta nel 2014 del 18,7%. Si stima che il giro di affari non “contabilizzati” produca un’evasione d’imposta pari a 78,2 MLD di euro l’anno.
La terza area è quella composta dalle società di capitali, escluso le grandi imprese. Dall’incrocio dei dati è emerso che il 78% circa delle società di capitali italiane dichiara redditi negativi o meno di 10 mila euro o non versa le imposte. Molte di queste chiudono nel giro di 5 anni per evitare accertamenti fiscali o utilizzano “teste di legno” tra i soci o amministratori. In pratica su un totale di circa 800.000 società di capitali operative, il 78% non versa le imposte dovute. Si stima un’evasione fiscale attorno ai 22,4 MLD di euro l’anno.
La quar ta area è quella composta delle big company. Una su tre ha chiuso il bilancio in perdita e non pagando le tasse. Inoltre il 94% delle big company abusano del “transfer pricing” per spostare costi e ricavi tra le società del gruppo trasferendo fittiziamente la tassazione nei paesi dove di fatto non vi sono controlli fiscali sottraendo al fisco italiano 37,8 MLD di euro all’anno. Nel 2014, le 100 maggiori compagnie del paese hanno ridotto del 14,2% le imposte dovute all’erario.
Infine c’è l’evasione dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese dovuta alla mancata emissione di scontrini, di ricevute e di fatture fiscali che sottrae all’erario circa 8,0 miliardi di euro l’anno.
In testa nel 2014, tra le regioni, dove sono aumentati numericamente gli evasori fiscali, risulta la Lombardia, con +5,2%. Secondo e terzo posto spettano rispettivamente al Veneto con + 4,9% e la Valle d’Aosta con +4,7%. A seguire la Liguria con +4,6%, il Piemonte con 4,5%, il Trentino con 4,1%, il Lazio con +3,9%, , l’Emilia Romagna con +3,8%, la Toscana con +13,6%, le Marche con +3,3%, la Puglia con +2,6%, alla Campania +1,0 %, la Sicilia con +0,6% e l’Umbria con +0,1%.
La Lombardia, anche in valore assoluto, ha fatto registrare il maggior aumento dell’evasione fiscale. In percentuale, il dato lombardo aumenta, nel 2014, di circa il 5,9%.
In Italia i principali evasori sono gli industriali (33,2%) seguiti da bancari e assicurativi (30,7%), commercianti (11,8%), artigiani (9,4%), professionisti (7,5%) e lavoratori dipendenti (7,4%).
A livello territoriale l’evasione è diffusa soprattutto nel Nord Ovest (31,4% del totale nazionale), seguito dal Nord Est (27,1%). dal Centro (22,2%) e Sud (19,3%).
“Per combattere l’evasione fiscale – ha affermato Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – bisogna riformare il fisco italiano introducendo la tax compliance, seguendo ciò che avviene nei principali paesi europei che hanno ridot to le aliquote fiscali, migliorato la qualità dei servizi pubblici e sopratutto eliminato gli sprechi della pubblica amministrazione. L’evasione fiscale è diventato lo sport più praticato dalle grandi imprese italiane. Fino a quando non migliorerà l’efficienza dell’amministrazione finanziaria e si taglieranno le spese della casta, il governo avrà bisogno di far cassa ad ogni costo, incassando i soldi “pochi, maledetti e subito” arrivando addirittura a depenalizzare il reato di evasione fiscale per banche e grandi imprese. E si premieranno sempre i grandi evasori fiscali, che preferiscono pagare le tasse a forfait e con il massimo sconto utilizzando l’accertamento con adesione, un vero e proprio condono permanente”.
LA MAPPA DELL’EVASIONE FISCALE IN ITALIA (ANNO 2014)
ECONOMIA SOMMERSA Almeno 2.900.000 occupati svolgono un’attività irregolare come lavoratori dipendenti: 34,3 MLD
ECONOMIA CRIMINALE Cont rollo del territorio: 78,2 MLD
SOCIETA’ CAPITALE Il 78% delle società di capitali dichiara redditi negativi o meno di ? 10 mila 22,4 MLD
BIG COMPANY Transfer pricing conti off-shore e società estere ? 37,8 MLD
LAVORATORI AUTONOMI E PICCOLE IMPRESE Mancata emissione di scontrini, ricevute e fatture fiscali: 8,0 MLD
TOTALE: 180,7 MLD

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agguato all’Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

agguato parigiPiù che un atto terroristico al periodico satirico Charlie Hebdo di Parigi, si tratta di un attentato all’Europa intera, teso a dimostrare l’incontrollabilità delle azioni terroristiche, che possono colpire chi vogliono, quando vogliono e come vogliono.
Sorge spontanea una domanda: “E’ questo il momento più idoneo per lanciarsi in vignette ironiche, che ledono i principi religiosi e nazionalistici di questi terroristi ?”
In Italia abbiamo avuto alcune forme di aggressione verbale indirizzate agli islamici in generale, ma dirette ai fondamentalisti in particolare. Ricordo Calderoli e la sua maglietta con le vignette contro il Corano, che gli valse la dimissione da ministro, stante la reazione in Libia, con parecchi morti, con la seguente motivazione: “Dimissioni per accertata stupidità”.
Fu ancora la Santanchè, quando non era nulla e non tollerava di non avere visibilità; fu allora che, pubblicamente, accusò Maometto di pedofilia, per questo gesto “eroico” il governo Berlusconi assegnò alla pitonessa una scorta con auto di rappresentanza.
Poi ci fu quel battesimo in mondo visione dell’apostata Magdi Allam, il più grave errore diplomatico, teologico e morale di Benedetto XVI, che lo costrinse a recarsi in Turchia a pregare nella moschea più importante. E’ superfluo ricordare le amene passeggiate di Calderoli con un maiale al guinzaglio per rendere impura la zona dove era stata progettata una Moschea.
Nessuno, però, interpreta il terrorismo o, almeno tenta di farlo. Eppure basterebbe saper rispondere a poche domande, eludendo la voglia aggressiva rimanendo, ben protetti, nella propria casa.
Chi se la sente di rispondere concretamente e con un minimo di conoscenza alle elementari domande che potrebbero indicare una via risolutiva ?
Dobbiamo (o dovremmo) chiederci :
· “Qual è lo scopo dei terroristi ?”
· “Quale strategia li ispira ?”
· “Come contrastarli ?”
Innanzitutto si deve prendere atto di avere di fronte una costellazione frazionata e non un soggetto monolitico, tant’è che ognuno dei gruppi tendenti al terrorismo, appartiene ad una delle tante deviazioni dell’Islam; le definizioni siamo noi stessi a fornirle legittimando il terrorismo con l’ attribuzione di una compattezza ideale, programmatica e operativa che non ha.
Questa compattezza viene riconosciuta identificando nel terrorismo un nemico da abbattere con una dichiarazione di guerra totale. Ma le guerre si fanno in due e il terrorismo è, per definizione, unilaterale, non porta divise, non innalza bandiere, opera e agisce all’improvviso, vilmente, e colpisce nel mucchio con il solo scopo di seminare terrore. Il suo obiettivo non è “il nemico” da abbattere e combattere, ma il popolo-spettatore, vittima passiva, primo attore di una tragedia che non vuole recitare. La guerra globale al terrorismo dichiarata dall’America serve solo all’America stessa che può, così, incrementare il lucrosissimo circuito del commercio delle armi, e qui tocchiamo il tasto più importante.
Le azioni terroristiche sono destinate ad incrementarsi, per diventare, quello che aspiravano ad essere: una minaccia diretta non alle nazioni, ma ai popoli. Per questo non può essere combattuto come si combattono le guerre vere, perché non si tratta di una guerra, mancando l’elemento primario che contraddistingue tutte le guerre e cioè lo scontro frontale.
La predicazione impotente dichiara che “occorre alzare la guardia, inasprire i controlli”, trascurando che basta un coltellino per improvvisare una tragedia come quella dell’11 settembre.
Blindare l’intero Occidente significherebbe accettare e riconoscere la vittoria del terrorismo.
La sola via praticabile è quella della politica, della diplomazia e del dialogo e, finalmente con una decisa azione di disarmo delle bande di terroristi.
Il terrorismo non ha una strategia perché non ha un modello di società da proporre, una eventuale destabilizzazione dell’Occidente non gli servirebbe ; nello stesso tempo è sbagliata la strategia occidentale con la convinzione che il suo modello di vita possa e debba essere imposto a livello planetario ed esportarlo con la forza.
Il terrorismo si ribella a questa pretesa, mirando a terrorizzare, non a conquistare: il terrore è un mezzo, mentre il programma di conquista è un fine. L’idea di convertire il mondo intero all’Islam non è praticabile, a tale ipotesi nessuno potrebbe credere.
La guerra totale al terrorismo indossa, però, gli stessi panni del terrorismo, colpendo nel mucchio, evitando lo scontro, stimolando, così, quella reazione rappresentata dagli atti terroristici.
Dalla guerra totale bisogna trasferirsi sul terreno della politica, della diplomazia e del dialogo accettando, riconoscendo e rispettando le differenze sociali, culturali e antropologiche.
Sono gli interessi delle lobby delle armi che conducono verso un mare in tempesta, che finirebbe con l’annientare tutte le parti contendenti.
La terza domanda: “Come contrastarli” non potrà mai avere una risposta definitiva, perché il solo modo possibile, oltre ad una adeguata diplomazia, è quella di non fornire più armi, ma ci si scontrerebbe con i potentati che producono armi.
L’Italia, grazie alla partecipazione alle guerre volute da Bush e condivise da Berlusconi, è diventata la seconda nazione al mondo produttrice ed esportatrice di armi ed esplosivi. Negli USA la produzione e il commercio delle armi, rappresenta il 35% del PIL, per cui nessun presidente oserebbe mettere un freno ed un controllo sulle esportazioni.
C’è poi una realtà ancora più inquietante, perché le varie entità a sfondo terroristico non dispongono della liquidità necessaria all’acquisto delle armi, per cui pagano, attraverso triangolazioni, con pani di droga, coinvolgendo nell’affare anche le mafie che infestano l’intero pianeta.
Poi arriva una “dama bianca” che usa l’immunità diplomatica, perfettamente abusiva, graziosamente offertale da una missione guidata dall’allora PdC, per trasportare decine di Kg. di droga di cui non si parla più, perché qualcuno non vuole e impone l’oblio, dopo l’omertà.
Le armi prodotte dall’America sono gestite dal Pentagono che autorizza la vendita e l’esportazione, ma non può , certamente, ritrovarsi coinvolto in una baratto con la droga, così avviene il coinvolgimento con le mafie che guadagnano due volte: con la compra-vendita delle armi e con la commercializzazione della droga. L’Italia non è immune da tale realtà, anzi, è considerata una specie di “porto franco” da dove far partire le armi e dove far giungere la droga. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’UE ha bisogno di servizi di assistenza alle vittime più mirati

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

Brafa 2011 - Musée Mayer van den Bergh - La Mise au Tombeau de Saint André, Bruxelles, vers 1510-1515L’assistenza alle vittime, se basata su risorse adeguate e ben mirate, è fondamentale per garantire che le vittime della criminalità abbiano un reale accesso alla giustizia per le sofferenze subite e che i loro diritti siano rispettati. Nella prima valutazione globale dei servizi di assistenza alle vittime in tutta l’Unione europea, pubblicata oggi, l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) sottolinea che, nonostante i miglioramenti riscontrati, in molti Stati membri vi sono ancora situazioni problematiche.
“L’assistenza deve essere messa a disposizione delle vittime prima, durante e dopo il procedimento penale – e non deve essere soltanto assistenza legale, ma anche psicologica ed emotiva” dichiara il direttore della FRA Morten Kjaerum. “Fra 10 mesi gli Stati membri dovranno aver recepito la direttiva Vittime dell’UE nella loro legislazione nazionale e c’è ancora molto da fare.”Per contribuire a garantire un’assistenza efficace per le alle vittime in tutta l’UE, nella sua relazione la FRA dà diverse indicazioni, fra cui:
Gli Stati membri dell’UE devono garantire la prestazione di servizi di assistenza mirati -fra cui l’assistenza ai traumi e la consulenza- per le vittime con esigenze particolari, ad esempio le vittime con una disabilità, le vittime di violenza sessuale o i migranti irregolari che diventano vittime della criminalità.Gli Stati membri devono garantire di essere conformi agli obblighi sanciti nella direttiva Vittime per di addestrare gli agenti di polizia e il personale giudiziario e rendere disponibili le ulteriori risorse necessarie per l’attuazione di queste misure.Devono rimuovere gli ostacoli burocratici affinché sia garantita l’assistenza legale alle vittime nel contesto di procedimenti penali, allo stesso modo in cui tale assistenza è attualmente garantita agli imputati.Gli Stati membri devono introdurre misure volte ad assicurare che le vittime abbiano accesso alle informazioni sui loro diritti e sui servizi di assistenza disponibili, nonché alle informazioni pertinenti sul loro caso.Per incoraggiare un numero maggiore di vittime a farsi avanti e denunciare i reati, gli Stati membri devono garantire che le informazioni sull’assistenza alle vittime siano rese immediatamente disponibili da tutte le autorità e i servizi pubblici con cui le vittime vengono a contatto, compreso il servizio sanitario.La ricerca della FRA ha riscontrato costantemente che il problema della scarsa denuncia impedisce di garantire che le vittime abbiano pieno accesso ai loro diritti. Sistemi di assistenza mirata e concreta alle vittime sono un elemento cruciale di qualsiasi strategia volta ad accrescere la fiducia nelle autorità e ad aumentare il numero di casi denunciati, senza i quali è impossibile migliorare l’accertamento e la repressione dei reati. A questo riguardo, la direttiva Vittime, o Direttiva che istituisce norme minime riguardanti i diritti, l’assistenza e la protezione delle vittime di reato è un grande passo avanti. Gli Stati membri dovranno recepire gli articoli della direttiva entro il 16 novembre 2015.L’argomento dell’assistenza alle vittime è strettamente legato al lavoro svolto dalla FRA sull’accesso alla giustizia, sulla discriminazione e sui reati generati dall’odio e, in particolare, ai risultati dei sondaggi su larga scala effettuati dall’Agenzia sulle persone che sono più spesso vittime.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Minori: autismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

autismoIn disparte, distaccati, più interessati agli oggetti che alle persone. Un’immagine convenzionale dei bambini autistici in cui non si ritrova David Oppenheim, membro senior del ‘Center for the study of child development’ dell’Università di Haifa (Israele). Il professore mostrerà i risultati delle sue ultime ricerche alla conferenza internazionale su ‘Attaccamento e autismo: l’importanza dell’insightfullness genitoriale’, il 31 gennaio e il 1° febbraio a Roma. Una due giorni di formazione promossa dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) nell’Aula magna dell’Istituto comprensivo Regina Elena, in Via Puglie 6 dalle 9 alle 18.
IN UN’INTERVISTA OPPENHEIM ANTICIPA LE SUE CONVINZIONI – È possibile parlare di attaccamento anche per una persona autistica? “Certo- afferma- in una nostra ricerca, così come in altre, abbiamo dimostrato che i bambini con autismo si affezionano alle loro madri in modi che sono molto simili a quelli di bambini con sviluppo tipico. Però i loro comportamenti di attaccamento – i modi specifici in cui mostrano il loro attaccamento – possono essere diversi”.
Quali caratteristiche ha l’attaccamento di un bambino autistico e verso quali figure si può manifestare? “Come accade per i bambini normodotati, i minori con autismo hanno un attaccamento sicuro ai loro caregiver- precisa l’ex presidente del dipartimento di Psicologia dell’Università di Haifa- li usano come base sicura per esplorare l’ambiente e come fonte di conforto quando sono stressati. La maggior parte delle ricerche sull’attaccamento nell’autismo è stata realizzata con le madri, ma si suppone che i bambini sviluppino un attaccamento anche verso i loro padri e altri operatori sanitari, proprio come i minori normodotati”.
Perché è importante riconoscere l’esistenza di una loro capacità di attaccamento? “I bambini con autismo a volte mostrano il loro bisogno di vicinanza, comfort e sicurezza in modi diversi rispetto ai minori con sviluppo tipico. A volte sembrano disinteressati agli altri- spiega il professore- o meno influenzati dall’andirivieni delle figure di attaccamento. Ciò può indurre i genitori e i terapisti a conclusioni sbagliate, pensando che i bambini non ne abbiano bisogno. Questo, a sua volta, può aumentare l’angoscia del minore. Comprendere l’importanza dell’attaccamento- sottolinea il ricercatore israeliano- ci aiuta a capire meglio le difficoltà dei bambini con autismo nel cercare l’intimità e il comfort”.
Ci sono studi scientifici o clinici sul tema? “Ci sono molti studi- conclude Oppenheim- in Israele stiamo lavorando sul tema della ‘insightfulness’ – la capacità di vedere le cose dal punto di vista del bambino – con le madri di minori con autismo, e come questa contribuisca a garantire l’attaccamento nell’autismo”.
UNA LUNGA COLLABORAZIONE, UN UNICO FILO CONDUTTORE – Una collaborazione scientifica, quella tra l’Italia e Israele in tema di autismo, che si rafforza sempre di più. Al centro della ricerca il rapporto genitori-figli nell’autismo. L’Università di Haifa a Roma porrà l’attenzione sul rapporto insightfulness-attaccamento nell’autismo, ovvero sulla capacità del genitore di guardare il mondo attraverso gli occhi del figlio (insightfulness) e sulle potenzialità del bambino di rispondere a questa ‘comprensione empatica’.
IL PUNTO DI VISTA DELL’IDO – “L’IdO è in sintonia con questo approccio teorico e terapeutico- evidenzia Magda Di Renzo, responsabile del Servizio terapie dell’Istituto- un’impostazione che mette sempre il bambino al centro dell’osservazione e della terapia e che richiede agli adulti (clinici, genitori, insegnanti) lo sforzo di comprendere in ‘quali luoghi’ il bambino abita per poterlo raggiungere. Un impegno- spiega la psicoterapeuta dell’età evolutiva- che chiama genitori e terapeuti a trovare insieme i mezzi comunicativi atti a favorire il processo empatico e il dispiegamento delle abilità cognitive. Solo una comprensione adeguata dei limiti e delle potenzialità del bambino- conclude Di Renzo- permette il rispetto dei suoi tempi di sviluppo e di un progetto su misura”.
ALLA DUE GIORNI I RISULTATI DELLE RICERCHE – Il seminario dell’IdO sarà l’occasione per presentare i risultati delle ricerche israeliane sulla relazione insightfulness materno-tipologia di attaccamento nei figli autistici. Sarà presente all’evento anche Ayelet Erez, membro della Clinica per la psicoterapia psicodinamica dell’età evolutiva del Ministero della Salute di Haifa.
RIPARTE LA SCUOLA E IL CORSO BIENNALE IDO – Prendono il via in quest’ultimo fine settimana di gennaio sia la Scuola di specializzazione IdO in Psicoterapia psicodinamica dell’età evolutiva, che il nuovo e del corso biennale per medici e psicologi. Per avere tutte le informazioni sulle modalità di iscrizione è possibile scrivere a scuolapsicoterapia@ortofonologia.it. Al termine della due giorni verrà rilasciato un attestato di partecipazione ma, dato il numero ridotto di posti, è necessario registrarsi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La TraspaRenzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

palazzo chigiNei sistemi democratici, specialmente in quelli risorti dopo le dittature nazi-fasciste, il perno su cui deve (o meglio “dovrebbe”) ruotare l’attività dell’esecutivo, è “la trasparenza”, termine usato e spesso abusato, che dovrebbe offrire ai cittadini la possibilità di controllo, sancita dalla Costituzione che dichiara essere il popolo il più alto detentore del potere nazionale e sovranazionale che coinvolge gli interessi del “Bene Comune”.
“La trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche.” E’ questa una delle definizioni in letteratura che chiarisce la dimensione totalizzante che deve assumere la trasparenza, in grado di favorire forme diffuse di controllo da parte del popolo sovrano. Ma oltre la Costituzione, altre leggi ne garantiscono l’efficacia.
Il principio della trasparenza, infatti, inteso come «accessibilità totale» alle informazioni che riguardano l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, è stato affermato con decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33. Obiettivo della norma è quello di favorire un controllo diffuso da parte del cittadino sull’operato delle istituzioni e sull’utilizzo delle risorse pubbliche. (Dlgs n.33 del 14 marzo 2013).
Il legislatore ne ha fatto un Decreto Legge, per renderne immediatamente efficace l’applicazione.La locuzione decreto legislativo (spesso abbreviato in DLgs) o decreto delegato si intende, in particolare nel diritto costituzionale, un atto normativo avente forza di legge adottato dal potere esecutivo (Governo) per delega espressa e formale del potere legislativo (Parlamento).Ma cosa sta accadendo in Italia nell’attuale frangente di crisi economica e disordine politico ?
Sta accadendo che di tutto si può e si deve parlare tranne che di “trasparenza” dell’esecutivo, con un presidente del consiglio (rigorosamente minuscolo) non eletto dal popolo, sostenuto da un pregiudicato condannato dopo tre gradi di giudizio, espulso per indegnità dal Senato, dichiarato dalla Banca d’Italia “privo di onorabilità, tant’è che gli è stato vietato possedere la quota di controllo della Banca Mediolanum, interdetto dai pubblici uffici, privato del diritto di voto arrivo e passivo, in candidabile per sei anni. I due, messe insieme le loro debolezze, che ritengono essere le loro forze, hanno stipulato un patto segreto, diabolico, dove uno garantisce l’eternità del governo, in cambio non dell’anima, bensì delle sorti dell’intera nazione.
Con tale “Patto del Nazareno” è il governo stesso che è entrato a gamba tesa nel conflitto di interessi che ha dominato la politica degli ultimi venti anni, diventandone complice ed esecutore materiale. La trasparenza, che dovrebbe illuminate i provvedimenti dell’esecutivo, si è trasformato in una omertoso accordo segreto tra le due parti, vietando, inoltre, al popolo italiano di esercitare il diritto/dovere di pronunciarsi, con elezioni “trasparenti”, sulla scelta dei proprio rappresentanti e di cacciare i mercanti dal Tempio della Democrazia.
Tra le righe si potrebbe anche leggere un attentato alla Costituzione, essendo mortificati i principali diritti che Essa garantisce.
La Costituzione è LA LEGGE, la sola legge che non ammette interpretazioni di comodo o particolari forme attenuanti che ne alterano la volontà.
In natura tutto accade seguendo ciecamente secondo l’eterna legge naturale; soltanto l’uomo, fornito di ragione autonoma, agisce nella rappresentazione della legge.
Di fronte alla ragione la legge avrebbe carattere oggettivo, obbligatorio e universale; ma così non è.
Se l’uomo fosse solamente ragione, obbedirebbe alla legge, la quale acquisirebbe anche un carattere soggettivo, in quanto la ragione coinciderebbe con la volontà individuale.
Ma l’uomo non è solamente ragione, valutazione che bloccherebbe l’intera umanità dentro gli angusti confini di un illuminismo statico, l’uomo ha passioni, inclinazioni, esigenze, bisogni, impulsi, egoismi, a volte, contrari alla ragione, ha anche tendenze criminali che si scontrano con l’esercizio del Bene Comune; per questo motivo l’esigenza oggettiva della legge razionale DEVE imporsi sulla volontà in forma imperativa, con un comando, punendo severamente che ne ostacola l’universalità.
E’ così che in Italia non possiamo più parlare di trasparenza, ma di una sua fallace e interessata interpretazione, che possiamo identificate con questo nuovo termine che ne chiarisce bene l’itinerario individualista: la TraspaRenzi. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie parodontali e diabete: incidenza più alta e maggior rischio di peggioramento

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

diabete_21-300x224In Italia oltre 3 milioni di persone soffrono di diabete, e rischiano di contrarre infezioni orali 2/3 volte di più, con un rischio di peggioramento del 37%. I pazienti affetti da diabete mellito sono 2/3 volte più a rischio di contrarre una malattia parodontale infettiva, soprattutto nella fasi di ipoglicemia e iperglicemia, quando, cioè, la glicemia non è tenuta sotto controllo, e rischiano di veder peggiorare la malattia nel 37% dei casi, contro un’incidenza dell’11% tra la popolazione non diabetica.In Italia i pazienti diabetici sono oltre 3 milioni, senza considerare un ulteriore milione di persone che ha il diabete ancora non diagnosticato. L’incidenza della mortalità è di circa 27.000 morti ogni anno e il costo di questa malattia è decisamente elevato, sia in termini economici, sia sociali.Per questi pazienti, contrarre parodontiti può comportare l’insorgere di complicazioni anche gravi. Nelle lesioni parodontali, infatti, si trovano elevate concentrazioni di batteri patogeni Gram-negativi in grado di penetrare i capillari delle gengive ed entrare in circolo nell’organismo, dando origine a episodi di batteriemia ed immissione in circolo di tossine.”I pazienti che soffrono di parodontite, hanno la tendenza a sviluppare stati infiammatori nell’intero organismo, riscontrabili anche a livello ematico, tendenza che vediamo accentuata in chi soffre di diabete. – Ha commentato il dottor Marco Turco, dentista responsabile dei programmi di cura dei centri Samadent. – Avere un’infiammazione elevata costante costituisce una fonte di stress insostenibile per il nostro organismo, che è come se si trovasse sempre al centro di una guerriglia, e da questa situazione possono nascere disturbi ben più gravi come malattie aterosclerotiche o, addirittura, si può rischiare un infarto miocardico. Noi dentisti da sempre consigliamo di sottoporsi regolarmente a visite di controllo dal proprio odontoiatra di fiducia, ma per quanto riguarda i pazienti diabetici, questo invito diventa ancora più importante.””Inserire un diabetico in un programma di controllo e cura dentale, può tradursi in una riduzione del costo delle cure del 20. – Prosegue il dottor Turco. – E’ opportuno, però, che lo specialista faccia delle domande mirate a conoscere lo stile di vita del paziente, il suo andamento glicemico, se hanno perso denti, se alcuni dondolano, se le gengive sono infiammate o si ritirano. Credo che sarebbe opportuno, nel momento stesso in cui il medico diagnostica la patologia, informare il paziente della correlazione tra diabete e malattie parodontali, e delle conseguenze che queste possono comportare”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No alla pena di morte

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

pena di morteGuardiamo un po’ meno a caldo quanto accaduto ieri nella sede del settimanale satirico francese. Esecrazione generale, ognuno in base ai propri convincimenti, con le scontate levate di scudi da parte di chi usa la propria ignoranza per cercare di erigerla a governo del civile: razzisti di varia tacca in prima fila. Fin qui, tutto normale. L’esecrazione e’ piu’ o meno la stessa che abbiamo riscontrato per le stragi che vengono ritenute del settore, cioe’ quelle con matrice politica/religiosa. E come si fa a non essere d’accordo contro chi ammazza delle persone in nome di qualcosa che l’assassino stesso ritiene degno di sacrificio al proprio dio? Il “problema” nasce quando questi ammazzamenti vengono invece fatti nel nome del dio di cui si condividono i riti sacrificali.
Certo -dicono in tanti- un dio che si presuppone chieda ai propri fedeli il sacrificio umano, che razza di dio e’? Per alcuni e’ comunque un dio perfetto, per altri e’ fanatismo o degenerazione da o per quel dio. Come si fa, quando accadono fatti come quello parigino, a non capire l’imbarazzo dei tanti musulmani nel mondo che mai farebbero male alla cosiddetta mosca? Lo sapevamo ieri e lo sappiamo anche oggi. In questi ultimi decenni, inoltre, non sono una grande novita’ gli ammazzamenti in nome di questo dio (Torri gemelle, Parigi, Londra, Madrid, per dirne solo alcune piu’ “grosse” e piu’ “vicine” a noi occidentali) o contro questo stesso dio (Norvegia). Se poi ci spostiamo dagli scranni di “casa nostra”, gli ammazzamenti del genere sono quotidiani (37 morti solo ieri a Sanaa/Yemen, quasi in contemporanea con Parigi). Se poi andiamo indietro nella storia, come possiamo dimenticare le stragi che i cristiani facevano con le Crociate per sottomettere (si’, sottomettere, proprio come dicono oggi gli assassini in nome del Corano) questo o quell’altro infedele.
Ma il dio e’ solo quello delle vergini che rimangono incinte o delle vergini che ti aspettano in paradiso? Fino ad un certo momento della storia dell’umanita’, sembra che sia stato cosi’, ma poi, con l’avvento dei secoli che stiamo vivendo ora, e’ arrivato anche il dio denaro e il dio civilta’. Per il primo (dio denaro) si commettono ammazzamenti ogni giorno ovunque e, con piu’ o meno “ragioni di Stato”, gli assassini rimangono impuniti: spesso al punitore sfugge (con consapevolezza o meno, poco importa) l’ammazzamento come conseguenza del sacrificio a questo dio. Per il secondo (dio civilta’) si commettono altrettanti ammazzamenti quotidiani perche’, per il mantenimento di questo dio si ricorre a sacrifici umani, animali e naturali per i quali ci si salva la coscienza istituendo organismi per la loro prevenzione e cura, ma che quasi sempre sono solo ordinatori e razionalizzatori del sacrificio gia’ compiuto o in atto (la strage di Ebola in Africa dell’ovest, e’ solo l’ultimo eclatante sacrificio in ordine temporale).
Qual e’ il filo conduttore tra tutti questi dii? Che ci sono sempre i cosiddetti fanatici (manifesti od occulti, poco importa) che pur di onorarli, falcidiano quelli che ritengono gli ostacoli, senza pieta’ (direbbero i cristiani).
Rimedi? Facili non ce ne sono, perche’ c’e’ da combattere contro culture e pratiche millenarie dei seguaci dei vecchi e nuovi dii.
Tendenza per la riduzione del danno? Si tratta, in ogni caso, di pene di morte. E come i Paesi cosiddetti piu’ civili combattono la pena di morte, altrettanto potrebbe essere fatto liberandosi di ogni presunta missione a cui si e’ ispirati in nome del proprio dio ritenuto piu’ buono o meno cattivo di quello dell’altro. Quando sentiamo cose tipo “supremazia dei valori occidentali”, “lotta contro la censura”, etc, riferendosi a fatti come quelli di Charlie Ebdo, restiamo perplessi. Sono frasi che forse avrebbero senso se si trattasse di imbastire una iniziativa contro un qualche presidente o re occidentale che sequestra questo o quell’altro giornale che riporta cose a lui non gradite. Ma nel nostro caso sono inutili. Ve l’immaginate, quando e se dovessero essere arrestati gli assassini di Charlie-Hebdo, si dovesse dir loro qualcosa tipo “non e’ giusto che tu lotti per la censura della nostra liberta’ di espressione”… non capirebbe di cosa stiamo parlando.
Si tratta -a nostro avviso- solo di una lotta universale contro tutti coloro che infliggono e praticano la pena di morte, partendo dal dato di fatto che quando questa pena viene comminata, lo si fa sempre in nome di un dio che viene ritenuto superiore. Se invece ci liberassimo di questi dii superiori, forse la lotta contro questa pena di morte potrebbe essere piu’ efficace e -sempre forse- essere compresa dai piu’, anche e soprattutto da quelli a noi piu’ lontani e nemici. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appalti: è necessario un nuovo codice?

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

appalti-pubblici-biproget1“La proposta di Cantone di istituire un albo nazionale per la formazione delle commissioni di gare per l’assegnazione dei contratti pubblici, attraverso un sistema di sorteggio, tra professionalità con competenze specifiche strettamente connesse al tipo di appalto, ci vede perfettamente d’accordo” lo dichiara, in una nota, Vincenzo Garofalo, capogruppo di Ap (Ncd – Udc) in commissione Trasporti alla Camera.“Come ha sottolineato il presidente Nunzia De Girolamo, ciò va nella direzione da noi sempre auspicata, ovvero quello della trasparenza e rispetto delle regole. Il gruppo Ncd, infatti, aveva presentato un emendamento in tal senso nella legge di stabilità, e lo ripresenterà alla legge delega per la riforma del Codice degli appalti” spiega.“E’ bene sottolineare che già nel 2010 il Governo si era espresso in questa direzione e che Camera e Senato avevano approvato, nel nuovo Regolamento del Codice degli appalti pubblici, forme di selezione analoghe per i soggetti partecipanti alle gare. Ci adopereremo per introdurre, finalmente, questo basilare principio di trasparenza e, inoltre, un sistema premiante per le imprese sulla base dei comportamenti tenuti nei precedenti appalti al fine di abbattere i costi delle opere pubbliche, avere certezza sui tempi di completamento delle opere, e, altresì, favorire la crescita delle imprese migliori e più meritevoli” conclude Garofalo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centrali elettriche: Le attività di ristrutturazione sostengono la domanda di servizi di manutenzione

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

centrali elettricheLe ristrutturazioni in atto per aumentare la flessibilità operativa delle centrali elettriche a combustibile fossile danno slancio al mercato europeo, già maturo, dei servizi di manutenzione delle centrali elettriche. Nei paesi dell’Europa occidentale, la mancanza di manodopera efficiente e qualificata favorisce l’adozione di questi servizi. Nell’Europa orientale, tuttavia, sono i bassi costi che incoraggiano le utilities ad esternalizzare una gran parte dei propri servizi di manutenzione degli impianti ad aziende indipendenti.
Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “European Power Plant Services Market”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 3,59 miliardi di euro nel 2013 e stima che questa cifra raggiungerà quota 4,14 miliardi di euro nel 2020. Lo studio riguarda i servizi relativi a: turbine a vapore, turbine a gas e generatori di vapore e caldaie a recupero di calore. I servizi di manutenzione sono offerti sia dalle case produttrici degli impianti sia da fornitori di servizi indipendenti, e rivolti alle utilities e ai produttori indipendenti di energia elettrica. “La domanda di energia elettrica delle economie europee, sia mature che emergenti, e il decommissionamento delle vecchie centrali termoelettriche tradizionali alimentano il mercato dei servizi di manutenzione degli impianti, – afferma Pritil Gunjan, analista di Frost & Sullivan. – L’ingente manutenzione e le riparazioni richieste per ottimizzare l’utilizzo delle vecchie centrali elettriche offriranno ulteriori opportunità ai fornitori di servizi di manutenzione degli impianti.” I nuovi progetti saranno una combinazione di impianti a carbone altamente efficienti (grazie al calo dei prezzi del carbone) e di moderni impianti con turbine a gas a ciclo combinato. Anche nell’ambito degli impianti termici tradizionali, le centrali elettriche a gas manterranno la quota dominante. Ciò darà slancio alla domanda di manutenzione da parte delle case produttrici, che sono nella posizione migliore per offrire servizi tecnologici per le complesse turbine a gas. “Con lo sviluppo di nuove turbine a gas basate su tecnologie avanzate, sempre più clienti affideranno alle case produttrici i servizi di manutenzione degli impianti installati, – continua Gunjan. – I fornitori di servizi di manutenzione beneficeranno anche della disponibilità delle grandi utilities a firmare accordi di servizio a lungo termine per le loro centrali di nuova costruzione.” Sfortunatamente, il finanziamento dei progetti continua ad essere al di sotto dei livelli precedenti alla crisi economica. Il relativo calo delle attività industriali e commerciali ha ridotto l’utilizzo energetico in questi settori. Inoltre, le utilities, gli istituti finanziari e gli investitori privati stanno mostrando interesse ad investire in tecnologie efficienti e rinnovabili per la produzione di energia, piuttosto che in soluzioni termiche e a combustibile fossile. “Non appena il clima industriale si riprenderà, le utilities e i produttori indipendenti di energia elettrica registreranno tempi operativi più lunghi e avranno ancora più bisogno di servizi di manutenzione delle centrali, – osserva Gunjan. – Fino ad allora, le case produttrici degli impianti e i fornitori di servizi indipendenti si concentreranno sul rinnovo dei contratti, fornendo parti di ricambio e identificando nuove opportunità per sopravvivere in questo panorama affollato e competitivo.”
Lo studio “European Power Plant Services Market” fa parte del programma Energy & Power Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo sono: “Global Solar Power Market”, “Global Gas and Steam Turbine Markets”, “Global Hybrid Power Systems Market” e “Global Diesel Generator Set Market”. Tutte le analisi comprese nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, collabora con i propri clienti per potenziare una visione innovativa che risponda alle sfide globali e alle opportunità di crescita correlate che faranno la differenza per gli operatori del mercato di oggi. Per oltre 50 anni abbiamo sviluppato strategie di crescita per le 1000 aziende più importanti a livello globale, le realtà emergenti, il settore pubblico e la comunità degli investitori. La vostra azienda è pronta per la prossima ondata di convergenza industriale, tecnologie dirompenti, crescente competizione, macro tendenze, best practice innovative, clienti in continua evoluzione e mercati emergenti?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’obesità associata al diabete possibile fattore di rischio per l’autoimmunità

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

obesoUn nuovo marcatore di autoimmunità per il diabete è stato recentemente associato all’obesità. Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori della Sapienza è stato pubblicato sulla rivista medica statunitense Diabetes Care. Un nuovo marcatore di autoimmunità per il diabete è stato recentemente associato all’obesità. Il lavoro, messo a punto da un gruppo di ricercatori della Sapienza (Raffaella Buzzetti, Marialuisa Spoletini, Simona Zampetti, Giuseppe Campagna, Lidia Marandola, Francesca Panimolle, Francesco Dotta, Claudio Tiberti for the NIRAD Study Group – NIRAD 8) suggerisce che l’obesità possa favorire la comparsa di anticorpi coinvolti nella genesi della autoimmunità. Infatti lo studio ha individuato un anticorpo che agisce verso una proteina trans-membrana (la tirosina-fosfatasi frammento 256-760) della beta-cellula pancreatica che produce insulina. I ricercatori hanno scoperto che tale anticorpo aumenta con l’aumentare dell’indice di massa corporea (BMI) in soggetti obesi con precedente diagnosi di diabete tipo 2.
Questi risultati sono stati raggiunti grazie ad una sperimentazione effettuata su un ampio numero di pazienti (1850) con diagnosi di diabete tipo 2. Il 6.5% dei pazienti è risultato positivo ad almeno un anticorpo caratteristico del diabete tipo 1 ed inoltre lo studio ha evidenziato che l’anticorpo di recente individuazione, aumenta con l’incremento del BMI dei pazienti.
“La presenza di un autoanticorpo diretto verso la beta-cellula pancreatica in pazienti diabetici obesi che aumenta con l’aumentare del BMI” – afferma Raffaella Buzzetti coordinatrice della ricerca – “lascia ipotizzare che il tessuto adiposo in eccesso possa avere una genesi nella formazione degli stessi anticorpi”.
Lo studio è stato effettuato nell’ambito del progetto NIRAD (Non Insulin Requiring Autoimmune Diabetes) finanziato dalla Fondazione della Società italiana di Diabetologia grazie ad un contributo della NOVO Nordisk. Il NIRAD o LADA è una forma di diabete clinicamente simile al diabete tipo 2 caratterizzata dall’insorgenza in età adulta, dalla presenza di marcatori anticorpali caratteristici del diabete tipo 1 ad insorgenza giovanile e dalla evoluzione frequente verso la terapia insulinica. (Raffaella Buzzetti)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pitti e SACE: accordo per sostenere l’alto di gamma Made in Italy

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

pittiIl gruppo SACE e Pitti Immagine annunciano la firma di un importante accordo di collaborazione destinato a rafforzare la competitività internazionale delle imprese che partecipano ai saloni organizzati da Pitti Immagine, attraverso un miglior accesso ai prodotti e servizi assicurativo-finanziari messi a disposizione dal gruppo SACE.Pitti Immagine opera ai massimi livelli nella promozione dell’industria e del design della moda, attività che di recente si è estesa anche ai settori dell’enogastronomia e dei profumi: comparti del Made in Italy già molto apprezzati sui mercati esteri, che hanno fatto registrare tassi di crescita dell’export superiori alla media globale nei primi sette mesi del 2014 (+3% tessile, +5,5% la moda), trovando in paesi extra-europei come Hong Kong, Cina e Turchia alcune delle destinazioni più importanti.Specializzato nel sostegno all’export e all’internazionalizzazione, il gruppo SACE ha sviluppato un’offerta capace di rispondere a tutte le esigenze delle imprese che competono dentro e fuori dall’Italia: accesso a finanziamenti per l’internazionalizzazione, assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento, protezione degli investimenti esteri dai rischi politici, liquidazione dei crediti vantati con le controparti, italiane o estere, e servizi di advisory.L’accordo di collaborazione prevede il rafforzamento dei canali di comunicazione e dello scambio di informazioni tra SACE e Pitti Immagine, oltre ad occasioni di formazione ed iniziative commerciali mirate, in una prospettiva strategica e integrata, grazie al ruolo facilitatore svolto da Pitti Immagine a beneficio delle realtà che attorno ad essa gravitano (1.120 aziende a ogni edizione di Pitti Uomo, più le 70 di Pitti W; circa 440 aziende a Pitti Bimbo; 115 filature d’eccellenza a Pitti Filati; oltre 200 aziende moda donna a Super; e altre 450 aziende complessivamente tra Modaprima, Taste e Fragranze). “La moda italiana ha un elevato potenziale export ancora da esprimere, sia nei propri mercati di riferimento sia verso nuove geografie: oltre al Medio Oriente, penso a realtà di frontiera come quelle del Far East e dell’Asia Centrale, dove la partnership con SACE può davvero fare la differenza, come già accade con tante imprese dei diversi comparti del manifatturiero Made in Italy – ha dichiarato Simonetta Acri, Direttore Rete Italia di SACE – L’obiettivo del nostro accordo con Pitti Immagine è proprio questo: far crescere la quota di mercato globale delle produzioni italiane di alta gamma oltre l’attuale 13%, mettendo a disposizione strumenti adeguati per migliorare i flussi d’incasso, offrire condizioni di pagamento competitive e servizi di consulenza per affrontare al meglio aspetti delicati come la valutazione delle controparti, la redazione dei contratti e la gestione dei rischi”.“In una fase di complessità e turbolenza economica come quella che stiamo attraversando – aggiunge Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine – per le aziende di medie dimensioni, che costituiscono la struttura portante del sistema produttivo di qualità del Made in Italy, è ancor più fondamentale avere supporto assicurativo e finanziario. Siamo quindi molto felici di aver raggiunto questo accordo con SACE, che per Pitti Immagine rappresenta uno strumento ulteriore per accompagnare le nostre aziende il più lontano possibile: non solo permettendo loro di avviare e sviluppare contatti commerciali durante i nostri saloni internazionali, ma fornendo anche garanzie concrete per le successive fasi del loro business”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FederAnziani a vertici sanità Chioggia (Veneto): da oggi siete responsabili in solido di ogni morte degli over 80

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

anzianiMessina: molti dirigenti sanitari perdono il pelo ma non il vizio di discriminare gli anziani, così come noi non perdiamo quello di difenderli.
I dirigenti che discriminano gli anziani negando loro l’accesso alle cure vanno considerati responsabili “in solido” della morte di questi ultimi. E’ la denuncia di FederAnziani che contesta duramente la determina del Direttore Generale della ULSS 14 di Chioggia che, in base alla modifica della nota n. 13 dell’Aifa nega la rimborsabilità delle statine alle persone che hanno superato gli 80 anni. Questo gravissima discriminazione per età nei confronti degli ultraottantenni assurdamente motivata chiamando in causa la mancanza di studi dei farmaci sulla popolazione over 80, è la prova che occorre immediatamente modificare la clinica sugli studi per l’immissione in commercio dei farmaci o per le loro indicazioni già presenti e future. La federazione delle associazioni della terza età, tuttavia, non può far passare inosservato il fatto che si vuole far cessare la rimborsabilità dei farmaci una volta compiuti gli 80 anni. “Già dalla prossima settimana faremo in modo di avvertire la popolazione di questo grave rischio – afferma il Presidente della federazione Roberto Messina – e di essere pronti a difenderci nelle opportune sedi in casi di peggioramento, ricovero o morte del povero paziente che, colpevole di aver superato i 79 anni può solo scegliere se morire o sopravvivere pagando le medicine di tasca propria! Non è colpa dei pazienti anziani se non esistono evidenze sufficienti alla continuità del trattamento, così come dice la nota Aifa. Proprio per questo, non avendo richiesto tali evidenze – prosegue Messina rivolgendosi ai dirigenti sanitari – sarete ritenuti responsabili della salute dei più fragili, ovvero gli over 80”.
Infine FederAnziani ricorda di aver già, due anni fa, contestato in Veneto un’analoga discriminazione per età, quella volta messa in atto proprio dall’amministrazione regionale che con un decreto impediva alle donne over 65 affette da cancro alla mammella di accedere ad un farmaco oncologico. In seguito alla contestazione il decreto fu ritirato dalla Giunta della Regione Veneto.
“Insomma – conclude Messina – molti dirigenti sanitari perdono il pelo ma non il vizio di discriminare gli anziani, così come noi non perdiamo il vizio di difenderli”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2014: persone in fuga nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 gennaio 2015

rifugiatiCon la guerra che infuria in ampie aree del Medio Oriente e dell’Africa oltre che in altre zone, si stima che 5,5 milioni di persone siano state costrette a lasciare le proprie case nei primi sei mesi del 2014, segnalando un ulteriore aumento delle persone in fuga.
Il nuovo rapporto Mid-Year Trends 2014 dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) mostra che di questi 5,5 milioni, 1,4 milioni è fuggita attraverso i confini internazionali divenendo rifugiati, mentre il resto è sfollato all’interno dei propri Paesi (IDPs). Prendendo in considerazione l’esistente popolazione di persone in fuga, la revisione dei dati, i rimpatri volontari e i reinsediamenti, il numero di persone che sono state assistite dall’UNHCR (menzionate nel rapporto come People of Concern) si è attestato a 46,3 milioni a partire da metà 2014 – circa 3,4 milioni in più rispetto alla fine del 2013, un nuovo record.Tra i principali risultati del rapporto emerge che i siriani, per la prima volta, sono diventati la più grande popolazione di rifugiati sotto il mandato dell’UNHCR (i palestinesi nel Medio Oriente sono infatti sotto il mandato dell’UNRWA), superando gli afghani, che avevano tenuto quella posizione per più di tre decenni. I rifugiati siriani, oltre 3 milioni a giugno 2014, rappresentano ora il 23% di tutti i rifugiati che sono assistiti dall’UNHCR in tutto il mondo.Nonostante siano scesi in seconda posizione, i 2,7 milioni di rifugiati afghani nel mondo rimangono la più grande popolazione di rifugiati di lunga data di cui si occupa l’UNHCR (l’Agenzia definisce una “situazione di rifugiato di lunga data”, quando sussiste da almeno cinque anni).Dopo Siria and Afghanistan, i principali paesi di origine dei rifugiati sono Somalia (1,1 milioni), Sudan (670.000), Sud Sudan (509.000), la Repubblica Democratica del Congo (493.000), Myanmar (480.000) e Iraq (426 mila).Il Pakistan, che ospita 1,6 milioni di rifugiati afghani, rimane il maggiore paese ospitante in termini assoluti. Altri paesi con una popolazione di rifugiati numerosa sono Libano (1,1 milioni), Iran (982.000), Turchia (824.000), Giordania (737.000), Etiopia (588.000), Kenya (537.000) e Chad (455.000).Facendo un confronto tra il numero di rifugiati e la popolazione di un paese o la sua economia, il rapporto dell’UNHCR contestualizza il contributo dei paesi ospitanti: in proporzione alla propria popolazione ad esempio, il Libano e la Giordania ospitano il maggior numero di rifugiati, mentre in proporzione all’economia gli oneri sostenuti dall’Etiopia e dal Pakistan sono i maggiori.A metà anno, sono diventati 13 milioni i rifugiati sotto il mandato dell’UNHCR, il numero più elevato dal 1996, mentre il totale degli sfollati interni protetti o assistiti dall’Agenzia ha raggiunto il nuovo record di 26 milioni. Dal momento che l’UNHCR assiste gli sfollati interni solo nei paesi dove il governo richiede l’intervento dell’Agenzia, la cifra non include tutte le persone in questa situazione a livello mondiale.“Nel 2014 abbiamo visto crescere senza precedenti il numero di persone sotto la nostra protezione. Fintanto che la comunità internazionale continuerà a fallire i tentativi di trovare soluzioni politiche ai conflitti esistenti e di prevenirne di nuovi, noi ci troveremo ad avere a che fare con le drammatiche conseguenze umanitarie” ha affermato l’Alto Commissario ONU per i Rifugiati António Guterres. “I costi economici, sociali e umani di assistere i rifugiati e gli sfollati interni è sostenuto soprattutto dalle comunità povere, coloro che possono permetterselo di meno. E’ un dovere incrementare la solidarietà internazionale se vogliamo evitare il rischio che sempre più persone vulnerabili vengano lasciate senza un adeguato sostegno”.Un altro importante risultato che emerge dal rapporto è lo spostamento della distribuzione regionale della popolazione di rifugiati. Fino all’anno scorso, la regione che ospitava il maggior numero di rifugiati era l’Asia e il Pacifico. Come conseguenza della crisi in Siria, il Medioriente e il Nord Africa sono diventate le regioni che accolgono il maggior numero di rifugiati.Il rapporto dell’UNHCR Mid-Year Trends 2014 è basato su dati provenienti dai governi e dagli uffici dell’UNHCR nel mondo. Poiché le informazioni disponibili a questo punto dell’anno sono incomplete, non è possibile mostrare il totale delle persone in fuga globalmente (questi dati sono invece presenti nel rapporto dell’UNHCR Global Trends pubblicato a giugno di ogni anno, che alla fine del 2013 ha evidenziato che 51,2 milioni di persone sono state sfollate forzatamente in tutto il mondo). Tuttavia, i dati che presenta sono una componente importante del totale mondiale e un indicatore importante dei rifugiati in tutto il mondo e delle tendenze relative ai dati sugli sfollati.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »