Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 21 gennaio 2015

What CEOs Need to Lead in an Uncertain and Hyper-Connected World

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

Business School, Park End Street ., Oxford,DAVOS, SWITZERLAND. Chief executives today navigate a world unprecedented in complexity and unpredictability. Their success hinges on adaptability, authenticity, and continual growth in the role, even more than on preparation beforehand, according to The CEO Report, the product of a year-long global research partnership between Saïd Business School at the University of Oxford and Heidrick & Struggles (Nasdaq: HSII).The role of CEO is structurally unique and preparation therefore always incomplete, the report notes. Embracing a mindset of continual learning and curiosity is necessary for CEOs to cope with the uncertainty around them.Based on in-depth interviews with more than 150 CEOs from around the world and across business sectors, The CEO Report is one of the most comprehensive in-depth studies of CEO leadership capabilities. It identifies a suite of integrated skill sets that today’s senior-most leaders leverage to help them grow and thrive in a business environment marked by constant change and dissonance of competing stakeholder interests.“Senior business leaders must operate in a new normal of unpredictable change in a hyper-connected world,” said Tracy Wolstencroft, Heidrick & Struggles CEO and President. “Volatile business climates can provide a competitive advantage for those who are able to manage uncertainty and understand that the past alone is not an accurate predictor of the future.”“This research captures what it is to be a CEO today and the significant leadership challenges CEOs face. A picture emerges of leaders who are changing and developing as quickly as the environment in which they operate,” said Professor Peter Tufano, Dean of Saïd Business School. “This rich and detailed study gives us a deeper understanding of the needs of executives at the top of organizations and suggests ways in which we can support them in their personal development.”
Contextual intelligence is not enough today. CEOs need to continuously adapt to changing dynamics impacting every aspect of their business. “Ripple intelligence” – a critical finding in the research – is the ability to see the interactions of business contexts like ripples moving across a pond. It enables CEOs to envision how trends and contexts may intersect and change direction, so they can anticipate disruptions, make time to plan, and protect against being blindsided by unexpected events. Ripple intelligence also makes CEOs aware of their own impact and how it may influence contexts that might otherwise seem remote and unconnected.
“Ripple intelligence is a significant early warning system that CEOs are using to navigate the uncertainty and unpredictability of today’s world,” said lead researcher Dr. Michael Smets, Associate Professor in Management and Organisation Studies at Saïd Business School. “The report will help CEOs understand the dimensions of how to amass information and perspective so they can better navigate the ripples they can see, and anticipate those they can’t.”
“The research has given us a deep understanding of how CEOs are navigating these markets,” said Valerie Germain, Managing Partner, Heidrick & Struggles. “It is clear that they strive to find opportunity among the challenges, for both business and personal growth. There were many consistent leadership traits despite the diverse experiences of this wide-ranging group.”
“Both Heidrick & Struggles and Oxford’s Saïd Business School are committed to helping develop the next generation of business leaders to create greater impact in the world,” Wolstencroft said.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

At the start of today’s Civil Liberties Committee meeting

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

Paris-antenne-vue-eiffel-tourIn the last Civil Liberties Committee meeting, I already said a few words about the recent attacks in Paris. The immediate attention was of course on catching the terrorists, giving condolences to the victims’ families and supporting the freedom of speech. However, in the days that followed, the debate has been broadened towards our actions to fight terrorism and radicalisation.
In an emergency meeting of Home Affairs Ministers in Paris on 11 January, a series of issues were raised, among which, preserving and defending the rule of law and the foundations of democracy; implementing UN resolutions 1377 and 2178; fighting radicalisation, in particular on Internet; reducing the supply of illegal firearms throughout Europe; better sharing of intelligence information; detecting and screening travel movements by European nationals crossing the EU’s external borders, including with a possible amendment to the Schengen Borders Code; adopting a constructive approach with the EP on EU PNR, including intra-EU PNR; ensuring consistency between internal and external actions, including within the Global Counter Terrorism Forum (GCTF); fostering cooperation with the United States and Canada; addressing these matters in the informal Justice and Home Affairs (JHA) Council in Riga, on 29 January.
Obviously all these points are of key interest to our committee and we are directly involved in related legislative work.
In the recent days, we have heard several EU leaders asking for additional measures to be taken or new legislation to be adopted. However, we should take great care not to rush too quickly into setting up new instruments or adopting new legislation. We need a “counter-terrorism and counter-radicalisation roadmap” to analyse the problems and gaps and to come up with a comprehensive package of measures at all levels (local, national, EU and international), aiming at all the factors involved (prevention, protection, detection, repression).
Both the Council and the Commission are working towards this roadmap, with a meeting of the European Council scheduled on 12 February.
Let me set out for you now quickly how our roadmap in the Civil Liberties Committee – in terms of upcoming meetings and activities – would look like in this field:
– Last Monday 19 January: Foreign Affairs Council discussed the external dimension of the fight against terrorism;
– The Council Group on Operational Cooperation on Internal Security (COSI) met yesterday 20 January;
– Today: Ministers Kozlovskis and Rasnačs (Latvian Presidency) as well as Commissioners Jourová and Timmermans will speak before the Civil Liberties Committee;
– The College of Commissioners will be meeting this morning and discuss anti-terrorism measures;
– Next 27 January: I have invited Commissioner Avramopoulos, the EU Anti-Terrorism Coordinator and representatives of the Raising Awareness Network (RAN) to brief the committee on deradicalisation;
– 28 January: Plenary discussion on counter-terrorism;
– 29 January: Informal JHA Council in Riga will discuss anti-terrorism (which I will attend, as well as two rapporteurs from the committee);
– early February: the French Interior Minister Cazeneuve may meet the Civil Liberties Committee Coordinators;
– February: Eurojust may present in the Civil Liberties Committee a report on criminal justice response on counter-terrorism/foreign fighters;
– 12 February: European Council devoted to counter-terrorism (President Schulz to attend);
– 18 February: International Summit on countering violent extremism hosted by President Obama;
– February-May: Civil Liberties Committee to draft a strategic own-initiative report on radicalisation and foreign fighters and another one on prisons;
– March: Civil Liberties Committee to hold a hearing on the fight against terrorism;
– 12-13 March: JHA Council;
– June: joint hearing by the Civil Liberties Committee (LIBE) and the Security and Defence Subcommittee (SEDE) on Solidarity Clause (Art 222 TFEU, which includes obligations on the Union to prevent terrorist threat and on the European Council to regularly assess threats facing the Union).
As to PNR: on 4 February the rapporteur and the shadows will hold a meeting with national experts on the issue. After that the rapporteur will come back with a possible timeline.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rassegna di concerti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

Rassegna di concerti1Rassegna di concertiRassegna di concerti2Palermo. E’ stata organizzata da Cucì enoteca creativa in via Salvatore Marchesi 9 (sotto il colonnato, accanto la chiesa di San Michele), giovedì 22 gennaio alle 20.Si potrà assistere, tra un bicchiere di vino e pietanze sfiziose, a splendidi concerti non invasivi, dal sound soft e delicato, come si addice a un luogo dove si punta al piacere, partendo dal buon bere. A grande richiesta tornano i Radioflores trio, che porteranno uno show fatto di brani swing dagli anni Trenta e Quaranta ai giorni d’oggi. Spazio così in scaletta ad autori come il Quartetto cetra, il Trio Lescano, Mina, ma anche a Simona Molinari, Amy Winehouse e Nina Zilli. In scaletta anche “That’s amore”, “Pippo non lo sa”, “All about that bass”. Il trio é formato da: Nancy Ferraro (voce, kazoo e ukulele), Daniele Guttilla (contrabbasso, basso acustico e percussioni) e Giulio Barocchieri (chitarra acustica e cori). Ingresso con aperitivo o con cena alla carta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ensuring Access to Medicines for Patients: Pharmaceutical industry associations

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

BruxellesBrussels, AESGP, EFPIA, EGA, and PPTA are pleased to announce today’s release of the joint principles for “Communication of information on quality and manufacturing potential supply disruption”. This document forms part of the industry response to the EMA (European Medicines Agency) call for voluntary and proactive action, to provide European patients with continuous access to medicines.
There can be multiple causes to medicines shortages, including issues relating to quality and manufacturing. In cases where a disruption to the manufacturing process of a medicine arises, Marketing Authorisation Holders (MAHs) are obligated to timeously notify Competent Authorities (CAs). This document addresses such communications, and complements the output from the professional organisations ISPE & PDA on the prevention of such supply disruptions – see enclosed summary report.
This ‘Principles’ document introduces a harmonised approach to the communication of information by MAHs, meeting the complex and divergent data requirements across national CAs and EMA. This is expected to facilitate coordinated action between CAs; it will further enable CAs to gather standardised data for the identification and analysis of the causes, while considering mitigation strategies. This ‘Principles’ document constitutes a first and concrete step in the right direction and was warmly welcomed by the EMA and national CAs.AESGP, EFPIA, EGA, and PPTA believe that more can be achieved within the EMA initiative, particularly on reporting and notification mechanisms beyond manufacturers, which should form the next key milestone of the EMA initiative for 2015. This necessitates an integrated solution involving all stakeholders in the supply chain, illustrated in the recent report commissioned by DG Sanco1.The pharmaceutical industry is fully committed to working with these stakeholders, to mitigate factors that could contribute to supply disruptions, and to provide European patients with continuous access to the medicines they need.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Enterprise Promotion Awards 2015 launched today

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

european commissionYesterday the European Commission has announced the launch of the 2015 edition of the European Enterprise Promotion Awards, a competition to reward the most imaginative and successful initiatives from public bodies and public-private partnerships which support entrepreneurship, and small and medium sized enterprises (SMEs).The competition is organised across all EU Member States and Iceland, Norway, Serbia and Turkey. In June, the two national winners from each country will be selected to compete at the European level and represent their country. Participants’ ultimate aim is to win the Grand Jury Prize, which will be announced in Luxembourg on 19 November, which is part of the SME Assembly, the main European SME Week event.The six entry categories are:
· Promoting entrepreneurial spirit
· Investing in skills
· Improving the business environment
· Supporting the internationalisation of businesses
· Supporting the development of green markets and resource efficiency
· Responsible and inclusive entrepreneurship.
The competition has two stages; applicants must first compete at the national level and will then be eligible to compete at the European level. For the national competition, each country will select two entries to be nominated for the European competition by June 2015.
A shortlist of nominees will be chosen by the European jury. All nominees from the national and European competitions will be invited to attend the Awards ceremony, which recognises the winners for their efforts and gives them the opportunity to present themselves in a pan-European environment. Winners will receive their prizes during a ceremony at the 2015 SME Assembly in Luxembourg on 19 November.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Novità organizzative in Canon, evolve la struttura della sede italiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

canonIn linea con la visione e le strategie recentemente presentate dall’Amministratore Delegato Enrico Deluchi, Canon Italia annuncia oggi un’evoluzione della propria struttura organizzativa, che rappresenta un ulteriore passo che la società compie per continuare a creare valore per tutto l’ecosistema che circonda il mondo Canon.Il percorso evolutivo impatta sia la struttura dedicata alle soluzioni per il mercato consumer, sia quella responsabile della commercializzazione di soluzioni professionali e aziendali, e rappresenta, come sottolinea Enrico Deluchi, “la nostra ferma volontà di modellare l’organizzazione per rispondere puntualmente e rapidamente ai cambiamenti del mercato”.I cambiamenti organizzativi, effettivi dall’1 gennaio 2015, si concretizzano come segue:
Marco Di Lernia assume il ruolo di Country Director, Consumer Imaging. La sua responsabilità è quella di definire la strategia locale e assicurare la corretta implementazione dei piani d’azione per tutta l’organizzazione B2C in Italia. In Canon Italia dal 1996 e sino ad oggi Marketing e Retailer Channel Director della divisione consumer, Marco è un vero “veterano” del mercato con una grande esperienza sviluppata sia a livello italiano che a livello EMEA.Le attività di vendita, sia per quanto riguarda il canale Retailer che la Distribuzione e IT&Office, verranno guidate da Elisabetta Bisignano, Sales Director Consumer Imaging. Elisabetta, che vanta una pluriennale esperienza nella gestione del canale distributivo, coordinerà e ottimizzerà le attività commerciali per tutto il comparto B2C.Tutte le attività di marketing verranno infine gestite da Andrea Contarini, Marketing Director Consumer Imaging . Andrea, che possiede una ricca esperienza sia in ambito sales che marketing, guiderà la “rivoluzione” nell’approccio di Canon al mercato e agli utilizzatori finali, interpretando lo spirito della nuova campagna “Come and See”, in cui Canon invita e stimola tutti gli utenti a raccontare con le immagini nuove e affascinanti storie, esplorando con più curiosità ciò che li circonda.“In questi ultimi anni il mercato Imaging è stato caratterizzato da forti e rapidi cambiamenti. La nostra ambizione è quella di continuare a giocare un ruolo fondamentale in tutto ciò che il consumatore decide di fare con le immagini: scattare, archiviare, condividere, modificare e stampare. ” ha aggiunto Deluchi. “Sono certo che Marco, Elisabetta e Andrea otterranno grandi successi nei loro rispettivi ruoli, creando un nuovo dialogo con i consumatori e coinvolgendo un numero sempre più ampio di persone grazie a quello che in Canon consideriamo un linguaggio universale: le immagini”.Per rafforzare il proprio ruolo e leadership nel mercato delle soluzioni e dei servizi, Canon annuncia inoltre la costituzione di una nuova struttura organizzativa denominata Information & Imaging Solutions.A guidare la nuova divisione è Massimiliano Ceravolo, Director Information & Imaging Solutions. Massimiliano, forte della sua pluriennale esperienza che spazia dai mercati B2C a quelli B2B e maturata sia in ambito locale che EMEA, avrà la capacità di guidare la trasformazione di Canon da azienda focalizzata sui prodotti a partner che abilita la digitalizzazione con le proprie soluzioni.
Il team avrà il compito di accelerare la crescita dell’azienda attraverso lo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni costituite da prodotti, software e servizi rivolte sia alle imprese sia ai professionisti. Maurizio Basile assume il ruolo di Sales Director Business Imaging Group. Già responsabile della vendita diretta, Maurizio Basile avrà ora la supervisione di tutti i canali di vendita delle soluzioni office di Canon Italia. Come sottolinea Enrico Deluchi “Maurizio, nel suo nuovo ruolo, avrà il compito di assicurare una maggiore efficienza operativa e una migliore collaborazione tra tutti i canali”.
Basile, in Canon dal 1988, ha ricoperto posizioni di crescente importanza all’interno delle organizzazioni commerciali focalizzate sulla vendita di soluzioni printing per le aziende, sia in ambito SMB che large account, e per i professionisti della stampa.
Fondata nel 1937 per produrre fotocamere di altissimo livello, Canon, multinazionale giapponese con sede a Tokyo, è leader mondiale nella fornitura di innovative soluzioni di imaging per le aziende e i consumatori.Attualmente, l’azienda sviluppa, produce e vende un’ampia gamma di prodotti che spaziano dalle fotocamere compatte alle reflex digitali, dai dispositivi per radiografie agli obiettivi broadcast, dalle stampanti ai multifunzione di produzione, tutti coadiuvati da un’ampia gamma di servizi a valore aggiunto.Il marchio Canon è conosciuto e stimato in tutto il mondo da clienti, famiglie, aziende e settori industriali, confermato dal terzo posto nella classifica Interbrand nella graduatoria dei migliori marchi giapponesi per l’anno 2012.Il fatturato complessivo di Canon Inc. nel 2013 ammonta a circa 3.731,4 miliardi di yen, al quale Canon Europa contribuisce per circa un terzo vendendo in 116 paesi tra Europa, Medio Oriente e Africa.L’Azienda investe costantemente in Ricerca & Sviluppo, nel 2013 circa l’8% del fatturato, per fornire soluzioni all’avanguardia e servizi che soddisfino le esigenze dei propri clienti. Nel 2013 con 3.825 brevetti depositati si è classificata al terzo posto negli USA e negli ultimi 28 anni è sempre stata nelle prime cinque posizioni.A professionisti, appassionati di fotografia, professionisti della stampa, Canon consente di soddisfare ogni esigenza legata all’imaging. Ritiene, inoltre, che essere sensibili agli interessi della società e dell’ambiente sia parte integrante di una buona attività commerciale. Questo concetto è racchiuso nella filosofia Kyosei: “Vivere e lavorare assieme per il bene comune”.Canon è presente in Italia dal 1957 con sedi a Milano e Roma.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo salone di tecnologie innovative applicate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

milanoSi terrà dal 26 al 29 marzo prossimi a Milano presso MiCo Centro congressi con il patrocinio di Expo Milano 2015: si tratta del primo salone internazionale dedicato alle aziende e startup digitali che stanno innovando nella filiera agroalimentare ed enogastronomica.
Seeds&Chips contribuirà a fare da volano ad Expo Milano 2015, anticipandone ad un mese dalla sua apertura la focalizzazione sui suoi contenuti e le soluzioni tecnologiche che stanno rivoluzionando processi e settori. Nel comunicato stampa in allegato sono indicati i temi che verranno affrontati (tra cui: sostenibilità, lotta agli sprechi, tracciabilità e sicurezza alimentare, sviluppo di micro imprese locali).

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La security nell’era dell’Internet of Things

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

intelligenceÈ ancora molto diffusa una notevole incertezza circa la natura, il valore e la modalità di utilizzo delle informazioni sulle minacce. L’intelligence globale delle minacce rimane un concetto molto generale, cui si affiancano l’intelligence delle minacce relativa a un settore verticale, o sulle minacce locali, all’interno di un’azienda specifica. Sfruttare una di tali fonti di intelligence comporta una grande sfida, figuriamoci tutte. Ma oggi sono indirizzabili con la combinazione di piattaforme di prevenzione delle minacce innovative e SIEM (Security Information and Event Management). La maggior parte delle aziende si sta attrezzando con strategie rivolte alla raccolta delle informazioni sulle minacce e all’analisi del loro impatto sugli endpoint tradizionali. Ma quando entreremo nel vivo dell’Internet of Things (IoT) bisognerà trovare il modo di non essere sommersi dai dati arginandoli e incanalandoli verso una corretta direzione.Secondo una recente ricerca di Forrester, un americano su dieci sta già utilizzando un fitness tracker o un contapassi connesso a internet, e secondo il 68% dei decisori aziendali i dispositivi indossabili sono una priorità per la loro azienda, con il 51% che li considera una priorità moderata, elevata o critica “(Fonte:. (Forrester, Five Urgent Truths About The Future Of Wearables That Every Leader Should Know, December 2014).Oltre a questo tipo di dispositivi per il monitoraggio della propria salute e dell’attività fisica, l’IoT include termostati, rilevatori di fumo, e monitor video posizionati all’0interno delle abitazioni, ma anche dispositivi aziendali, come i sistemi di riscaldamento e condizionamento, illuminazione, segnaletica interna ed esterna e sensori di trasporto, ma si stanno affacciando all’IoT anche terminali POS (point-of-sale) e controllori di produzione. Inoltre, sono sempre più numerose le società che stanno facendo a gara per la creazione delle applicazioni più innovative per i dispositivi come gli smartwatch e i sensori, sia come servizi da commercializzare, sia per aumentare la produttività, l’efficienza o la sicurezza del personale.Si tratta di dispositivi che trasmettono e memorizzano dati che possono essere non rilevanti ma anche molto personali, ma che soprattutto sono estremamente vulnerabili, non solo in quanto potenziali obiettivi di attacco, ma anche come potenziali vettori di accesso ai sistemi connessi. Con la crescita esponenziale della quantità di dispositivi connessi, prevediamo che gli attacchi mirati saranno sempre più indirizzati a tali dispositivi e allo sfruttamento delle loro vulnerabilità per riuscire a entrare nelle reti aziendali. Un numero di potenziali backdoor quasi incommensurabile. Abbiamo già visto reti compromesse a partire dai sistemi HVAC, dalle telecamere di sorveglianza, o dai contatori intelligenti. Perché non attraverso una pompa d’acqua, una lampadina, o una serratura?I vendor stanno lavorando attivamente per proteggere l’IoT, introducendo la sicurezza a livello di chip, firewall, gateway, funzioni di boot sicure, controlli di autenticazione e di accesso e vincoli all’esecuzione delle applicazioni. L’intelligence da questo fronte sarà fondamentale per ridurre i tempi di rilevamento e contenimento delle minacce.La sfida è dare un senso a questa intelligenza, date la varietà e la vastità della serie di dati. Pensando al numero di dispositivi su una rete elettrica, in un sito di produzione, o in un quartiere della città, ci sono molti più zeri in quel numero che in una tipica rete aziendale. Ogni dispositivo, firewall e gateway pubblicherà informazioni sul comportamento di ogni singolo dispositivo connesso. Bus di messaggistica Security possono portare rapidamente queste informazioni ai sistemi interessati, rendendole disponibili al team competente del SOC o dell’incident response. E poi?Questa nuova ondata di dati si aggiunge al problema già attuale dei big data della security, dal momento che gli analisti di sicurezza sono già sommersi da eventi e avvisi, cercando di sfruttare analytics ad elevate prestazioni, come Hadoop, per trovare un significato nella mole delle informazioni disponibili. Il SIEM log management- oriented sta già cedendo il passo a sistemi avanzati molto abili nel filtraggio, elaborazione e valutazione di questi dati, in grado di individuare gli eventi anomali o per i quali si rendono necessarie indagini più approfondite. L’IoT accelererà questa transizione caricando i team operativi di security di un onere ancora più pesante a seguito della corsa ai “must-have” indossabili e connessi ricevuti in regalo quest’anno.L’intelligence delle minacce verticale, come stiamo vedendo ad esempio con il FS-ISAC (Financial Services Information Sharing and Analysis Center) e altre iniziative a livello governativo, sarà normalizzata e correlata con dati sulle minacce locali, sulla propria azienda, e globali, per aiutare i sistemi e il personale a decidere quali contromisure intraprendere.I vendor forniranno l’intelligence sulle minacce a livello di dispositivo e di settore verticale, proprio come fanno oggi per gli endpoint esistenti. L’internet degli oggetti può essere protetto, ma la protezione sarà possibile pensando la sicurezza come parte integrante dell’infrastruttura, non come un’aggiunta a posteriori.Una volta rilevato un comportamento anomalo e identificato come potenziale indicatore di attacco o indicatore di compromesso, sarà essenziale condividere queste informazioni rapidamente all’interno della community. Con la velocità di esecuzione e la capacità di adattamento degli attacchi odierni, non sarà più accettabile mantenere per sé l’informazione su una minaccia, né attendere gli avvisi di sicurezza dai team centralizzati.Sarebbe necessario troppo tempo in attesa dei controlli umani per il rilevamento e la risposta agli avvisi urgenti. Invece, la condivisione di informazioni e di analisi automatizzate daranno le informazioni giuste, nei temi giusti, alle persone giuste. L’obiettivo rimane lo stesso: è indispensabile passare dalla raccolta di tutti i dati in modo reattivo, all’identificazione dei dati in modo proattivo, ovvero passare a un sistema di informazioni condivise e automatizzate sulle minacce, correlate con i dati su minacce globali, nazionali, locali, verticali, e mirate e inquadrate infine in una visione olistica su misura per ogni organizzazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un altro 2010? Il potenziale QE della BCE prelude a un’impennata della curva dei rendimenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

potenziale QE della BCECrescono le pressioni sulla Banca Centrale Europea per ulteriori interventi a sostegno dell’economia e dell’erogazione di prestiti a fronte di un’inflazione ancora ben al di sotto del target della banca centrale (poco inferiore al 2%) nei 18 paesi dell’euro. Mickael Benhaim, co-head of Global & Regional Bonds, esamina le prospettive delle obbligazioni europee mentre si moltiplicano le congetture su tempistiche e dimensioni del programma di acquisto di emissioni sovrane della BCE.A un osservatore attento, l’attuale situazione sui mercati e le divisioni all’interno della BCE ricordano l’esperienza degli investitori prima che la Fed lanciasse la seconda tranche di quantitative easing (QE2) nel secondo semestre del 2010.Le analogie saltano subito all’occhio. Prima di optare infine per un piano di acquisto di obbligazioni nell’ordine dei 600 miliardi di USD, l’allora presidente della Fed Ben Bernanke dovette fare i conti con una strenua resistenza politica: gli oppositori del QE sostenevano infatti che il programma avrebbe alimentato l’inflazione e determinato un crollo dell’USD. Oggi, il Presidente della BCE Mario Draghi deve vedersela con i detrattori del QE – essenzialmente la Germania – i quali sostengono che l’acquisto di obbligazioni sovrane equivarrebbe a una forma di finanziamento illegale dei governi e potrebbe provocare un’iperinflazione simile a quella degli anni Venti oltre a bolle dei prezzi degli asset.Ma le analogie non finiscono qui. La curva dei rendimenti dell’Eurozona registrerà un andamento non dissimile a quello dell’omologa curva statunitense di quattro anni fa.Nel periodo precedente il lancio del QE2 nel novembre 2010, o in quella che noi chiamiamo la fase di attesa, il gap tra i rendimenti dei Treasury USA a 10 e 30 anni è rimasto stabile a circa 100 punti base (fig. 1 potenziale Qe).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prima boutique italiana della designer inglese Margaret Howell

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

margaret howellmargaret howell1Firenze. La stilista Margaret Howell apre il suo primo negozio e ufficio produzione a Firenze in Piazza Carlo Goldoni 5r. Il nuovo punto vendita offre le collezioni da uomo, donna e accessori, ma anche una selezione di oggetti per la casa, mobili vintage e sue riedizioni. La collezione esposta in negozio, rispecchia l’interesse di Margaret per il design moderno inglese della meta’ del ‘900. Lo spazio si sviluppa su due livelli, un piano espositivo, adibito alla vendita
e un piano superiore che ospita il primo ufficio produzione dell’azienda, creato al di fuori della Gran Bretagna.
Negozio e ufficio si trovano in pieno centro a Firenze di fronte al fiume Arno. Sei vetrine si affacciano sulla piazza, esponendo capi di abbigliamento e oggetti di produzione inglese e italiana. Gli interni sono stati progettati da William Russell dello studio Pentagram Architects, rispecchiando il design originale che l’architetto ha creato per Margaret Howell- Wigmore Street, negozio di Londra nel 2002. Il concetto di interior design, ideato da Russell, e’ unico in tutti i punti vendita internazionali dell’azienda. Appendiabiti e mensole alle pareti, scaffalature Vitsoe a tutta altezza vengono utilizzate per esporre le linee di accessori, abbigliamento e arredi per la casa del marchio inglese.
‘ Negli ultimi dieci anni ho lavorato con Will Russell sugli interni dei nostri negozi. Will e’ sempre riuscito a concretizzare le mie idee introducendo qualcosa che mai mi sarebbe venuto in mente, una sorta di visione dello spazio speciale. Il risultato e’ un rapporto di lavoro gratificante e di successo’ MARGARET HOWELL
‘ La boutique di Piazza Goldoni, in un bellissimo edificio nel cuore di Firenze, espone i nostri migliori prodotti realizzati in Inghilterra. La combinazione di ufficio e negozio a Firenze, ci permette di accorciare la distanza con i nostri fornitori italiani e di mostrare la nostra collezione a un pubblico internazionale.’ (foto margaret howell)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Education World Forum di Londra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

londraA circa 63 milioni di adolescenti tra i 12 a 15 anni viene negato il diritto all’istruzione, secondo il nuovo rapporto congiunto dell’Istituto per le Statistiche dell’UNESCO e dell’UNICEF “Fixing the Broken Promise of Education for All: Findings from the Global Initiative on Out-of-School Children”, lanciato oggi in occasione dell’Education World Forum di Londra.
A livello globale, 1 adolescente su 5 non va a scuola, rispetto ad 1 bambino su 11 in età di scuola primaria. Quindi gli adolescenti hanno il doppio delle probabilità di essere fuori dalla scuola rispetto ai loro colleghi più giovani. Il rapporto, finanziato dalla Global Partnership for Education, mostra anche che per i bambini che crescono aumenta il rischio di non iniziare la scuola o di abbandonarla.
121 milioni di bambini e adolescenti non hanno mai iniziato la scuola o l’hanno abbandonata, nonostante la promessa della comunità internazionale di raggiungere “l’istruzione per tutti” entro il 2015. I dati mostrano che dal 20017 non sono stati registrati progressi nella riduzione di questo numero. I bambini che vivono in situazioni di conflitti, quelli che lavorano e che devono affrontare discriminazioni su base etnica, per questioni di genere o per disabilità sono i più colpiti.
“Il lavoro, così come le strategie consolidate basate su più insegnanti, più aule e più libri di testo non sono sufficienti per raggiungere i bambini più svantaggiati”, ha detto il Direttore generale dell’UNESCO Irina Bokova. “Abbiamo bisogno di interventi mirati per raggiungere le famiglie sfollate a causa dei conflitti, le ragazze costrette a rimanere a casa, i bambini con disabilità e i milioni costretti a lavorare. Ma queste politiche hanno un costo. Questo si propone di fare un appello per mobilitare le risorse necessarie per garantire l’istruzione di base per ogni bambino, una volta per tutte”.
Mentre cresce la pressione per includere l’istruzione secondaria universale nell’agenda per lo sviluppo globale post-2015, il rapporto indica la via da seguire per rompere le barriere che tengono i bambini fuori dalla scuola. Se le attuali tendenze continuano, è probabile che 25 milioni di bambini – 15 milioni di bambine e 10 milioni di ragazzi – non metteranno mai piede in una classe.
“Per realizzare la promessa dell’istruzione universale per ogni bambino, abbiamo bisogno di un impegno globale per investire in tre aree: aumentare il numero di bambini nella scuola primaria; aiutare più bambini – soprattutto le femmine – a proseguire la scuola frequentando la scuola secondaria; migliorare la qualità dell’apprendimento che ricevono”, ha detto il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake. “Non ci dovrebbe essere alcun dibattito tra queste priorità: dobbiamo farle tutte e tre, perché il successo di ciascun bambino – e l’impatto del nostro investimento nella formazione – dipende da tutte e tre queste priorità”.
I più alti tassi di abbandono scolastico si registrano in Eritrea e Liberia, dove rispettivamente il 66% e il 59% dei bambini non frequentano la scuola primaria. In Pakistan, il 58% delle adolescenti di età compresa tra i 12 e i 15 anni non vanno a scuola, rispetto al 49% dei ragazzi.
Secondo il rapporto, la povertà è il più grande ostacolo alla formazione. In Nigeria, i due terzi dei bambini delle famiglie più povere non vanno a scuola e quasi il 90% di loro probabilmente non sarà mai iscritto. Al contrario, solo il 5% dei bambini più ricchi non va a scuola e si ritiene che la maggior parte di loro cominci prossimamente.
L’UNESCO e l’UNICEF ritengono che le nuove politiche devono concentrarsi in particolare sui bambini più emarginati, nell’ambito di più grandi sforzi per migliorare l’accesso e la qualità dell’istruzione. Per fare questo, i governi hanno bisogno di informazioni affidabili su chi sono questi bambini, dove vivono, se hanno mai frequentato la scuola e se sono in grado di farlo in futuro. Ma molti di questi bambini rimangono invisibili all’interno dei metodi di raccolta di dati. I bambini con disabilità sono tra i meno visibili – semplicemente non esistono dati affidabili – e vengono trascurati nelle risposte nazionali sui bambini che non vanno a scuola.
Il rapporto richiama a investire nel miglioramento dei dati e dimostra che raggiungere i più emarginati può inizialmente costare di più, ma produce anche i migliori benefici. Migliori statistiche e strumenti innovativi possono aiutare i governi e i donatori a destinare gli investimenti per l’istruzione in modo più efficace ed efficiente.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »