Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Archive for 24 gennaio 2015

Miami Existing Single-Family Home Sales Set Record in 2014

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

Miami-skyline-for-wikipediaMiami, FL –Miami home sales increased in December, as single-family home sales set an all-time annual record in 2014 and median sales prices continue to increase at a more moderate rate, according to the 35,000-member MIAMI Association of REALTORS and the local Multiple Listing Service (MLS) system.Year-end sales of single-family home sales in 2014 set an all-time record, increasing 4.8 percent to 13,521 compared to 12,899 the previous year. Condominium sales in 2014 were the second highest in history, decreasing 4.3 percent to 16,409 compared to 17,142 the previous year. Combined sales for the year decreased a negligible 0.4 percent.Single-family home sales in Miami-Dade County increased 9.6 percent relative to December 2013, from 1,140 to 1,250. Condominium sales decreased 2.1 percent from 1,426 the previous year to 1,396 last month. Combined, residential real estate sales increased 3.0 percent to 2,646 compared to 2,566 in December of last year.“The Miami real estate market again reflected great demand in 2014,” said 2015 Residential President of the MIAMI Association of REALTORS Christopher Zoller. “More single-family homes were sold in Miami-Dade County than ever in history, while condominium sales marked their second strongest year ever despite competition from new construction supply.”Single-family home prices, which again increased in December year-over-year, remain at affordable 2004 levels despite more than three years of consistent year-over-year increases. Condo prices also increased in December, marking 42 months of growth in the last 43 months.The median sale price for single-family homes increased 3.6 percent, up to $255,000 from $246,180 in December 2013. The average sale price for single-family homes decreased 1.7 percent from $414,560 in December 2013 to $393,340 last month.Compared to December 2013, the median sale price for condominiums increased 9.6 percent to $195,000 from $175,000 a year prior. The average sale price for condominiums increased 19.9 percent to $409,707 from $341,687 in December 2013.
Year-end sale prices for 2014 increased 8.9 percent to $245,000 for single-family homes and 8.6 percent to $190,000 for condominiums.The median number of days on the market for single-family homes sold in December was just 45 days, an increase of 9.8 percent from December 2013. The average percent of original list price received was 94.7 percent, down a negligible 1.7 percent from a year earlier.The median number of days on the market for condominiums sold in December was 57 days, an increase of 9.6 percent compared to the same period in 2013. The average sale price was 93.8 percent of the asking price, a decrease of 3.3 percent.The median days on market for properties sold in 2014 were 45 days for single-family homes, an increase of 9.8 percent, and 57 days for condominiums, an increase of 23.9 percent. The average sales price was 95 percent of the asking price, a decrease of 0.6 percent, for single-family homes and 94.7 percent, a decrease of 1.7 percent, for condos.
Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops in December, rose 2.4 percent from November and were up 3.5 percent from what they were in December 2013, according to the National Association of Realtors (NAR). Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 22,414 in December, up 15.8 percent compared to the year-ago figure, according to Florida Realtors. Statewide sales of condominiums totaled 9,466, up 11.3 percent from December 2013.The national median existing-home price for all housing types was $209,500 in December, a 6.0 percent increase from December 2013, according to NAR. The statewide median sale price for single-family existing homes last month was $185,000, up 6.9 percent from the previous year, while that of townhouse-condo properties was $149,000, up 8.4 percent over the previous year.Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 244,543 in 2014, up 8.1 percent compared to the 2013 figure. Closed sales of condominiums totaled 108,354 statewide in 2014, a decrease of 1.2 percent from 2013.
Cash sales in Miami continue to decline as more financing becomes available. Still, access to mortgage loans for condominium buyers remains limited, impeding further market strengthening.In Miami-Dade County, 55.9 percent of total closed sales in December were all-cash transactions, compared to 57.2 percent in December 2013. Cash sales in Miami are still double the national figure of 26 percent. All-cash sales accounted for 41.8 percent of single-family home and 68.5 percent of condominium closings, compared to a year earlier when cash sales were 41.0 percent of single-family home sales and 70.3 percent of condominium sales.Since nearly 90 percent of foreign buyers in Florida purchase properties all cash, this continues to reflect the much stronger presence of international buyers in the Miami real estate market.“In addition to active domestic buyers, foreign buyers continue to bolster the Miami real estate market, as evidenced by the high percentage of cash sales locally compared to the rest of the nation,” said Zoller. “As Miami continues to build its image as a leading global city, foreign investment in our real estate is expected to continue to fuel market expansion.”While traditional sales remain strong, distressed property transactions in December again declined in Miami-Dade due to fewer short sales. In December, only 31.5 percent of all closed residential sales in Miami-Dade County were distressed, including REOs (bank-owned properties) and short sales, compared to 37.2 percent in December 2013.Short sales and REOs accounted for 7.1 and 24.3 percent, respectively, of total Miami sales in December. Sales of REOs increased 17.2 percent while that of short sales declined by 53.2 percent.In 2014, distressed sales accounted for 33.7 percent of total closed sales compared to 37.9 percent in 2013.
Nationally, distressed homes accounted for 11 percent of December sales compared to 14 percent in December 2013 and 9.0 percent in November.
After three years of record sales activity that resulted in an inventory shortage, seller confidence continues to result in more properties being listed for sale in Miami. But total inventory and new listings are now increasing by narrower margins. Supply and demand for single-family homes continues to favor sellers, while that of condominiums reflects a balanced market between buyers and sellers.
Active listings at the end of December increased 10.9 percent, from 15,963 in 2013 to 17,695 last month but remain 60 percent below 2008 levels, when sales bottomed. Inventory of single-family homes increased 4.7 percent from 5,986 in December 2013 to 6,265 last month. Condominium inventory increased 14.6 percent to 11,430 from 9,977 active listings during the same period in 2013. At the current sales pace, there is a 5.6-month supply of single-family homes, a decrease of .02 percent from 5.6 months (figures the same due to rounding) in December 2013, and an 8.4-month supply of condominiums, up from 7.0 months in December 2013, an increase of 19.7 percent. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.
New listings of single-family homes increased 3.1 percent, up to 1,675 in December 2014 from 1,625 during the same period in 2013. New condominium listings increased 10.4 percent to 2,488.At the end of the December, total housing inventory nationally declined 11.1 percent to 1.85 million existing homes available for sale compared to the previous month, which represents a 4.4-month supply at the current sales pace. Unsold inventory nationally is 0.5 percent lower than a year earlier.
Strong sales in the coastal new construction condominium Miami market (east of I-95) continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report released today by Cranespotters.com and MIAMI.
As of December 29, there were nine (9) towers with 981 units that had been completed through 2014 in Miami-Dade County east of I-95, 66 towers with 9,598 units under construction, and 73 towers with 10,554 units that are planned but have not begun development. There are also 54 towers with 7,905 units that have been announced but not approved.
Overall in Miami-Dade County, developers had announced 202 towers with 29,038 units since 2011 through December 29.
Of the above projects in Miami-Dade:
• 91 projects with 106 towers comprising 16,175 units are currently selling
• 67 percent of units have been sold
• The mean price per square foot of these units is $856, compared to $820 last month

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anti-money laundering directive: vote on the Parliament/Council agreement

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

parlamento europeoBruxelles Tuesday 27 January 2015 at 15.30 Press conference room: Paul-Henri Spaak (PHS) 0A50 press conference with Krišjānis Kariņš (EPP, LV), from the Economic and Monetary Affairs Committee, and Judith Sargentini (Greens/EFA, NL), from the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee Parliament and Council negotiators reached a deal on the 4th anti-money laundering directive on 16 December, which is to be voted by the Economic and Monetary Affairs Committee and the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee on 27 January, at 15.00. Under the deal, the ultimate owners of companies will have to be listed in central registers in EU countries, accessible not only to the authorities but also to people with a “legitimate interest”, such as investigative journalists and other citizens. The rules will also require banks, auditors, lawyers, real estate agents and casinos, among others, to be more vigilant about suspicious transactions made by their clients. The new rules will contribute to fight tax crimes and terrorist financing.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Civil Liberties Committee will hold a meeting

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

Terrorista– Joint debate on counter-terrorism, de-radicalisation and foreign fighters, as a follow-up to the attacks in Paris on 7-9 January and in the run-up to the informal Justice and Home Affairs Council on 29-30 January, in Riga (Tuesday, 9.15 – 11.30):Exchange of views with Dimitris Avramopoulos, Commissioner for Migration, Home Affairs and Citizenship;Exchange of views with Gilles de Kerchove, EU Counter-Terrorism Coordinator; Presentation of the Radicalisation Awareness Network (RAN) by Omar Ramadan, Head of the RAN Secretariat;
Presentations by:Morten Kjaerum, Director of the EU Fundamental Rights Agency (FRA);Giovanni Buttarelli, European Data Protection Supervisor (EDPS).Vote – jointly with the Economic and Monetary Affairs Committee
– Prevention of the use of the financial system for the purpose of money laundering and terrorist financing [rapporteurs Krišjānis Kariņš (EPP, LV) and Judith Sargentini (Greens/EFA, NL)] and information accompanying transfers of funds [rapporteurs Peter Simon (S&D, DE) and Timothy Kirkhope (ECR, UK)] – reconsultation of the committees (room JAN 4Q2, 15.00 – 15.30)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Richard Branson and a prestigious panel of CEOs highlight new global research launched at World Economic Forum by EY and Oxford

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

Davos2DAVOS, SWITZERLAND Richard Branson, founder of the Virgin Group, led an event at the World Economic Forum today that unveiled initial findings from new research by EY and Saïd Business School, University of Oxford.The findings, which reveal how leading companies are transforming with a purpose to drive innovation and growth, were discussed by distinguished panelists that included: Arianna Huffington, President & Editor-in-Chief, Huffington Post Media; Antony Jenkins, Group CEO, Barclays; Paul Polman, CEO, Unilever; Irene Rosenfeld, Chairman & CEO, Mondelez International; and Mark Weinberger, Global Chairman and CEO, EY. The event was held in collaboration with The B Team.The research findings include an initial review of relevant literature and assembled case studies from global firms, as well as interviews with senior executives across industries and geographies worldwide. Some of the findings include:Corporate leaders see the organization’s role evolving to address global challenges, taking an active role in creating well-being and value for and with a wider set of stakeholders.Leading executives are talking about purpose more and in different ways – articulating a broader purpose that is their reason for being, grounded in an outward-facing declaration around their role in the global community.Leading executives are speaking a language of purpose that engages employees and customers in new ways, inviting their insights for innovation.Leading executives are initiating purpose-led transformation journeys in their organizations, spanning from the brand identity through the business model, across business units and functions.
Business professionals recognize the importance of an integrated, humane purpose driving core functions like strategy, business models and talent management, but they acknowledge there is a gap between this recognition and the policy and practice in their organizations. Cheryl Grise, EY’s Global Advisory Strategy Leader, says: “Purpose and meaning have an important role as a strategic, transformational element in business today. We are proud to reveal phase 1 of our research with the Saïd Business School, University of Oxford, at the World Economic Forum among such distinguished business leaders. We find in our work with clients and in our thought leadership that purpose-led transformation enhances organizational agility and does so in a way that increases innovation and drives sustainable growth for businesses.”
Andrew White, Associate Dean of Executive Education at Saïd Business School, says: “We have noticed from a number of conversations with CEOs and senior leaders that defining and implementing ‘purpose’ is becoming increasingly important to them. As companies acknowledge a broader set of stakeholders to whom they are accountable – ignoring this is not just an ethical issue – but one that has a deep impact on innovation and growth.”The event also featured the official launch of the EY Beacon Institute, which will be dedicated to transforming business through the science of purpose. Leading the co-development of the institute with members will be Valerie Keller, EY’s Strategy Executive Director. Additionally, there was a private unveiling of EY global research with Harvard Business Review (HBR) Analytic Services. The research features a survey of 474 business executives and was conducted among the readers of HBR and EY clients. It will be fully available in later in 2015. Four top-line insights shared at the meeting included:
Corporate purpose goes beyond financial results: 87% believe companies perform best over time if their purpose goes beyond profit.
Purpose-driven organizations are believed to have better results across a variety of measures: 89% say they encourage greater employee satisfaction, 85% better customer advocacy and 81% higher quality products and services.
Purpose is viewed as a driver of innovation and transformation: 84% believe their transformation efforts will be more successful if integrated with purpose.
Purpose is being underleveraged: only 37% say their business model and operations are well-aligned with their purpose. (Photo Wikipedia)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Youth Ag-Summit: Feeding a Hungry Planet

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

cibo2Bayer CropScience insieme a Future Farmers Network Australia (FFN) organizza il secondo Youth Ag-Summit a Canberra dal 24 al 28 agosto 2015.
Circa 100 giovani provenienti da tutto il mondo sono invitati a partecipare all’evento. Per candidarsi è necessario presentare un saggio che illustri il proprio punto di vista relativamente al problema della mancanza di cibo e alle conseguenze sulla popolazione mondiale.
Jacqueline Applegate, Managing Director of Bayer CropScience in Australia e Nuova Zelanda, dichiara: “Si stima che la popolazione mondiale arriverà a oltre 9 miliardi nel 2050. Per contro, diminuiranno sempre più i terreni coltivabili e le risorse. Il Summit lancia una sfida ai giovani, chiedendo loro di affrontare uno dei più grandi problemi mondiali della nostra epoca: come nutrire il pianeta?”
“Il Summit è un grande forum, che ispira i giovani leader a condividere idee e proposte innovative: una grande piattaforma globale che offre loro l’opportunità di confrontarsi con i leader del settore di oggi e di domani”, aggiunge Applegate.Bayer CropScience ha sostenuto l’iniziativa Youth Ag-Summit in Canada nel 2013, durante il quale più di 100 partecipanti provenienti da tutto il mondo hanno condiviso le loro idee in un dialogo aperto sul futuro dell’agricoltura.Georgie Aley, Chair of FFN afferma: “Future Farmers Network ritiene fondamentale coltivare nuovi talenti per affrontare al meglio le sfide che l’agricoltura comporta, sia locale che globale. Siamo orgogliosi di collaborare con Bayer CropScience nel lancio e nella realizzazione del Youth Ag-Summit 2015”.I saggi devono essere inviati entro il 31 gennaio 2015 all’indirizzo:www.youthagsummit.com
Future Farmers Network (FFN) is Australia’s only national youth agricultural network that connects and supports young Australians involved in rural industries. Operating since 2002, FFN connects youth involved in all facets of agriculture and provides members with access to the latest news, events, scholarships, awards and information from across all aspects of the Australian agricultural sector. To learn more about FFN visit: http://www.futurefarmers.com.au/
Bayer is a global enterprise with core competencies in the fields of health care, agriculture and high-tech materials. Bayer CropScience, the subgroup of Bayer AG responsible for the agricultural business, has annual sales of EUR 8,819 million (2013) and is one of the world’s leading innovative crop science companies in the areas of seeds, crop protection and non-agricultural pest control. The company offers an outstanding range of products including high value seeds, innovative crop protection solutions based on chemical and biological modes of action as well as an extensive service backup for modern, sustainable agriculture. In the area of non-agricultural applications, Bayer CropScience has a broad portfolio of products and services to control pests from home and garden to forestry applications. The company has a global workforce of 22,400 and is represented in more than 120 countries. This and further news is available at: http://www.press.bayercropscience.com.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elena Gelosa Direttore Marketing e Comunicazionedi ManpowerGroup Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

elena gelosaMilano ManpowerGroup, multinazionale leader mondiale nelle innovative workforce solutions, comunica la nomina di Elena Gelosa come nuovo Direttore Marketing e Comunicazione per l’Italia.Membro del comitato scientifico della Channel & Retail Academy di SDA Bocconi, Topic Leader dell’Area Marketing e membro del Comitato Direttivo della Bocconi Alumni Association, ha più di 20 anni di esperienza in consulenza strategica e direzionale. Elena pensa che infrastruttura umana e tecnologica siano il vero boost per una crescita sana e sostenibile. Crede che il Marketing dia valore al Brand e supporto fattuale al Business. Nel caso di ManpowerGroup, Leader nelle Innovative Workforce Solutions il Marketing abbia anche un’importante responsabilità sociale legata al Capitale Umano.“ManpowerGroup ha grandi ambizioni e in qualità di Official HR Premium Partner di Expo Milano 2015, sarà questo un anno molto importante per tutto il gruppo. – ha commentato Elena Gelosa – Il mio obiettivo sarà quello di contribuire ad implementare la strategia di marketing e continuare a sostenere il percorso strategico intrapreso”.Elena Gelosa rappresenta una nuova figura strategica per il management di ManpowerGroup e riporterà direttamente al Presidente e Amministratore Delegato Stefano Scabbio, operando dalla sede italiana di Milano. (foto elena gelosa)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’assemblea degli azionisti REC approva la cessione

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

CasafotovoltaicaL’Assemblea generale straordinaria degli azionisti tenutasi il 15 gennaio 2015 ha approvato la cessione delle quote aziendali di REC, primo produttore europeo di pannelli fotovoltaici, a Elkem Group, con sede in Norvegia. Si prevede che la transazione verrà perfezionata all’inizio di marzo 2015.
Bluestar Elkem Investment è pronta ad acquistare REC Solar Holdings AS e tutti gli attivi e passivi di REC Solar al prezzo di 4,34 miliardi di NOK in contanti. Dal 2011, Elkem Group, con sede in Norvegia, è una società detenuta al 100% da China National Bluestar, che a sua volta è una Joint Venture tra ChemChina e Blackstone.
Martin Cooper, CEO di REC ha dichiarato: “Siamo lieti che gli azionisti abbiano votato a favore di questa transazione, in linea con quanto precedentemente raccomandato dal Consiglio di Amministrazione. Riteniamo che questa unione offrirà solide basi per il futuro sviluppo di REC, con nuove sinergie e grandi opportunità”.
Elkem si prepara a sviluppare l’attuale organizzazione di REC e a investire nella sua crescita, come si addice a un leader globale del settore fotovoltaico. Come confermato dallo stesso management, entrambe le aziende si impegnano a conservare gli stessi standard qualitativi dei pannelli solari REC, che superano abbondantemente i requisiti stabiliti dalle certificazioni più severe, e a mantenere l’attuale livello di garanzie offerte alla clientela. A produrre i pannelli REC di altissima qualità sarà sempre l’impianto integrato e totalmente automatizzato di Singapore. In definitiva, e ancora più importante, nulla cambierà per i clienti.
Nel tempo, REC si aspetta nuove interessanti opportunità da questa transazione. Dato che Elkem Group è un fornitore leader di silicio, REC potrà sfruttare le nuove sinergie che verranno a crearsi a monte lungo la Value Chain. L’azienda, che vanta già una posizione strategica e finanziaria privilegiata, potrà beneficiare di nuove risorse: finanziarie, di ricerca e sviluppo, tecnologiche, produttive e commerciali, queste ultime derivanti soprattutto dalla capacità di penetrazione in nuovi importanti mercati asiatici come quello cinese. “Già da tempo, Elkem Group e REC avevano instaurato solide relazioni commerciali e, considerata la cultura aziendale norvegese che le accomuna, siamo certi che si tratterà di un’unione più che felice, oltre che altamente strategica. Elkem Group considera fondamentale rafforzare la propria presenza nel settore fotovoltaico. La sua ambizione è quella di proporsi come protagonista integrato del settore FV”, ha commentato Helge Aasen, CEO di Elkem AS.
Elkem è uno dei leader mondiali della produzione ecosostenibile di materiali, tra i quali spiccano silicio, silicio per pannelli solari, leghe speciali per le fonderie, prodotti a base di carbonio e microsilice. Elkem possiede 14 stabilimenti produttivi in Europa, Nordamerica, America latina, Africa e Asia, oltre a una fitta rete di uffici commerciali e rappresentanze che coprono i più importanti mercati del mondo. Elkem Group impiega 2.100 persone e ha sede a Oslo, Norvegia. Dal 2009, Helge Aasen è CEO di Elkem AS, oltre che membro del suo CDA. I ricavi operativi di Elkem Group nel 2013 sono stati pari a 7,9 miliardi di NOK.
REC è un leader globale nel campo dell’energia solare. Con oltre 15 anni di esperienza, offre prodotti sostenibili con elevate prestazioni, servizi e investimenti per il settore del fotovoltaico. Insieme ai suoi numerosi partner, crea e offre valore aggiunto per rispondere alla crescente domanda globale di energia. REC ha il suo Headquarter in Norvegia ed è quotata alla borsa di Oslo (ticket: RECSOL). Nel 2013, in tutto il mondo, i suoi 1.600 collaboratori hanno permesso all’azienda di generare ricavi per 647 milioni di dollari americani.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF: 58 milioni di bambini in età da scuola primaria non vanno a scuola

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cSecondo un rapporto lanciato oggi dall’UNICEF, in molti paesi del mondo vengono investite meno risorse pubbliche nell’istruzione dei bambini che appartengono al 20% più povero delle società, rispetto a coloro che appartengono al 20% più ricco. Questa disuguaglianza può essere superiore anche di 18 volte.
Il rapporto ”Investment Case for Education and Equity” afferma che in media il 46% delle risorse investite nell’istruzione pubblica nei paesi a basso reddito va direttamente a beneficio del 10% degli studenti più istruiti. Nei paesi a medio-basso reddito il dato è del 26%. Questo squilibrio favorisce in modo sproporzionato i bambini che provengono dalle famiglie più ricche che di solito raggiungono il più alto livello di istruzione.
Il rapporto, il primo di una serie dell’ UNICEF, è stato lanciato quest’anno con il supporto della Fondazione Bill e Melinda Gates e promuove fortemente un’ investimento più equo per l’istruzione. Invita anche i Governi a dare priorità alle esigenze dei bambini più emarginati – i poveri, le bambine, le minoranze etniche e linguistiche, bambini con disabilità e quelli che vivono in zone di conflitto.
“Nel mondo, oggi, circa un miliardo di bambini è in età da scuola primaria e secondaria inferiore. Questi bambini rappresentano 1 miliardo di ragioni per investire sull’istruzione”, ha affermato Yoka Brandt, Vice Direttore generale dell’UNICEF. “ Fin troppi tra questi bambini non ricevono un’istruzione di qualità a causa di povertà, conflitti, discriminazione di genere, disabilità ed appartenenza a minoranze etniche. Per cambiare le cose abbiamo bisogno di rivedere radicalmente le attuali pratiche, garantendo maggiori risorse e distribuendole più equamente”.
Il rapporto sottolinea anche un’ulteriore grave crisi nel campo dell’istruzione. I progressi per ampliare l’accesso all’istruzione sono in stallo: 58 milioni di bambini in età da scuola primaria non vanno a scuola, questo significa che il Secondo Obiettivo di Sviluppo del Millennio (arrivare all’istruzione primaria universale) non sarà raggiunto. Inoltre, molti di questi bambini che frequentano le lezioni hanno attualmente un apprendimento scarso o nullo. I dati rivelano che 130 milioni di bambini che hanno raggiunto il 4° anno scolastico non sanno né leggere né contare bene.
Questa situazione peggiorerà con l’aumento del numero di persone in età scolare. Per raggiungere un’istruzione universale di base, il mondo dovrà iscrivere nelle scuole entro il 2030 altri 619 milioni di bambini di età compresa tra i 3 ei 15 anni, con un aumento del 57 % rispetto ai dati di oggi.
Ciò nonostante, le risorse pubbliche per l’istruzione stanno diminuendo. Ogni anno mancano 26 miliardi di dollari, rispetto a quanto necessario, da investire nell’istruzione universale di base in 46 paesi a basso e medio reddito. Dal 2009 il sostegno pubblico allo sviluppo per l’istruzione è diminuito del 10%.
In prospettiva, solo il 5% dei guadagni annuali delle 15 aziende che nel mondo hanno i guadagni più alti potrebbe eliminare questa lacuna.
L’UNICEF chiede ai Governi e ai donatori di aumentare i loro investimenti nell’istruzione e assicurare che i fondi siano utilizzati in maniera più efficiente e vengano distribuiti più equamente. Secondo il rapporto, anche il settore privato ha un ruolo importante da giocare nella mobilitazione delle risorse per l’istruzione.
“Da molto tempo sappiamo che l’istruzione può rompere il ciclo della povertà e della condizione di svantaggio dei bambini, delle famiglie e dei paesi. Per fare tuto questo, però, Governi e settore privato devono non solo investire di più, ma anche investire nell’istruzione in maniera più efficace”, ha concluso Brandt.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

HR-Excellence in Research

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

commissione europeaLa Commissione Europea ha confermato l’accreditamento ufficiale “HR-Excellence in Research” per la Human Resources Strategy for Researchers (HRS4R), ossia la definizione di una strategia di risorse umane per i ricercatori, documento strategico che tutte le Università europee sono invitate ad adottare per l’attuazione dei principi della Carta Europea dei Ricercatori e del Codice di Condotta per il loro Reclutamento, sottoscritti dagli Atenei italiani proprio a Camerino il 7 luglio 2005.La definizione, da parte delle Istituzioni di Ricerca europee, di una Human Resources Strategy for Researchers è infatti considerata dalla Commissione Europea un passaggio cruciale per attrarre verso la professione del ricercatore i migliori talenti, europei e no e per promuovere all’attenzione dell’opinione pubblica (e quindi della politica) il ruolo-chiave dei ricercatori per lo sviluppo sociale, culturale ed economico dell’Europa.“Siamo ovviamente molto soddisfatti – ha dichiarato il Rettore Unicam prof. Flavio Corradini – per questo risultato che conferma per la seconda volta consecutiva la qualità del lavoro svolto: abbiamo infatti adottato la Human Resources Strategy for Researchers nel 2009 e dal 2010 possiamo vantare il riconoscimento HR-Excellence in Research, che mostriamo sempre con grande orgoglio. L’Università di Camerino si pone dunque sempre più come modello da seguire anche a livello europeo, grazie all’efficienza e alla qualità non solo dei processi didattici curriculari, che vedono sempre al centro di ogni scelta gli studenti, ma anche per le attività di ricerca e le strategie di reclutamento, di produttività e di soddisfazione del personale docente e ricercatore, come riconosciuto anche dalla Commissione Europea nel report di valutazione. Voglio quindi esprimere un particolare ringraziamento al gruppo di lavoro che si sta fortemente impegnando per continuare a mantenere alto il livello di attenzione dell’Ateneo nei confronti dei ricercatori, con particolare riferimento alla ricercatrici ed ai giovani ricercatori”.“Il giudizio finale che abbiamo ottenuto – ha dichiarato con soddisfazione la prof.ssa Anna Maria Eleuteri, Delegata del Rettore per la Carta europea dei ricercatori e valutazione e riconoscimento delle “nuove professioni” dell’Università e coordinatrice del gruppo di lavoro HRS4R – è ottimo ed include anche suggerimenti per il futuro, che rappresentano senza dubbio uno stimolo in più per proseguire nel percorso intrapreso. Nel report di valutazione viene evidenziato che abbiamo lavorato molto bene, risultando esemplari nel nostro modo di disegnare ed implementare l’HRS4R, e che siamo anche riusciti a diffondere consapevolezza del processo in tutta la comunità accademica”.Il riconoscimento è stato confermato in seguito alla visita a Camerino lo scorso 10 luglio, di tre peer reviewers inviati dalla Commissione Europea, che hanno valutato il lavoro svolto nei quattro anni di attività, così come la strategia di potenziamento dell’eccellenza della ricerca e del personale impegnato nelle attività di ricerca.L’Università di Camerino è una delle poche Istituzioni di Ricerca europee che hanno finora ottenuto questo riconoscimento dalla Commissione Europea e può mostrare sul proprio sito il logo ufficiale. Il diritto di utilizzare il logo viene infatti assegnato ad organizzazioni che hanno dimostrato di riuscire ad allineare le proprie politiche e pratiche ai principi base della ‘Carta e codice’, e che cercano quindi sistematicamente di muoversi verso l’eccellenza nella gestione delle risorse umane nel settore della ricerca.
La Human Resources Strategy for Researchers (HRS4R) di Unicam è disponibile nel sito http://www.unicam.it, cliccando sul banner HR-Excellence in Research.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Pascoli di poesia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

CASA PASCOLI COLORI_784_15414San Mauro Pascoli (Fc) – Quota quindici per il Premio Pascoli di poesia, promosso da Sammauroindustria, l’associazione pubblico-privato che raggruppa i principali imprenditori (calzaturieri e non solo) e l’amministrazione comunale di San Mauro Pascoli.
Due le sezioni del premio: in lingua, promosso dalla Banca Romagna Est, consta del valore di 2.000 euro, ed è riservato a opere edite non prima del 1 maggio 2014; dialetto, per opere edite non prima del 1 maggio 2013 (con testo italiano a fronte), sempre del valore di 2000 euro.Nelle edizioni passate sono stati premiati illustri personaggi della letteratura italiana e internazionale come Mario Luzi, Giovanni Giudici, Yves Bonnefoy, Adonis, Nelo Risi, Franco Loi .La giuria che vaglierà i lavori è composta da cinque esperti e studiosi di letteratura: Andrea Battistini (Università di Bologna, presidente della giuria e dell’Accademia Pascoliana), Franco Brevini (Università di Bergamo e Milano), Gualtiero De Santi (università di Urbino), Gianfranco Miro Gori (saggista, poeta), Piero Meldini (scrittore).
Il termine ultimo di partecipazione è il 30 aprile 2015. La partecipazione al concorso è gratuita. La premiazione avverrà nel corso di una serata pubblica in programma nel mese di luglio a Casa Pascoli, alla presenza dei vincitori.Il Premio Pascoli consta anche di una sezione dedicata alle opere prime a carattere biennale. Nell’ultima edizione il Premio Pascoli è stato assegnato nella sezione in lingua italiana a Sauro Albisani con il volume “Orografie”, nella sezione Opera prima a Francesco Romanetti con “Non siamo noi che andremo all’inferno”. “Il premio, che si è consolidato negli anni divenendo uno dei principali per la poesia in lingua e uno dei pochi forse l’unico rimasto, ormai, per la poesia edita in dialetto – afferma il Presidente di Sammauroindustria, Miro Gori – si è arricchito dall’anno scorso con l’introduzione del premio biennale all’opera prima, ponendosi così come luogo di emersione, di visibilità per poeti esordienti. Il che dovrebbe essere tra gli scopi dei premii”. Info: Sammauroindustria (presso la Biblioteca Comunale di San Mauro Pascoli tel. 0541-933656), oppure scaricare il bando sul sito http://www.sammauroindustria.com (foto premio pascoli poesia)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CashGuard expands their sales channels to the Baltic Countries

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

Baltic_Sea_mapLast summer CashGuard’s parent company PSI Group acquired the Baltic market leader of retail solutions, New Vision Baltija. As of this year New Vision will start selling CashGuard’s solutions in their markets. “We see New Vision as a perfect sales partner and see great potential in the Baltic countries,” says Roine Gabrielsson, CashGuard CEO.
New Vision Baltija was established in 1993 and is a retail business technology company. The company provides business management solutions and system integration services to retailers in the Baltic region and is actively expanding its activities outside the Baltics. Over 21 years of its work with retail companies, New Vision Baltija knows the demands of a modern retailer. All Baltic countries use the Euro as of the New Year. So the timing to introduce cash management is right. Julius Stulpinas, sales director for Baltics at New Vision says: “We feel that retailers are starting to recognise the importance of cash management and the benefits of automation and optimisation. They are interested in making the cash handling process less costly and more secure. That lets us believe CashGuard solutions have a great future in the Baltic market.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diventa Spa lo spin off targato Sapienza

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

domoticaL’idea vincente di un gruppo di giovani ingegneri della prima Università romana nel campo della domotica che rivoluziona l’impianto elettrico di casa e ufficio. Si chiama Over lo spin-off nato nel 2012 alla Sapienza dall’idea di Adriano Cerocchi, ingegnere informatico ora ventinovenne, nel corso del suo dottorato presso il dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale. In soli due anni la start up è divenuta una società per azioni contando tra i propri azionisti anche l’Ateneo romano, uno dei primi a partecipare – anche se in percentuale ridotta – al capitale sociale di uno spin off divenuto Spa.Durante il percorso di studi, Cerocchi insieme al docente della Sapienza Roberto Baldoni, con una squadra di altri quattro ingegneri, tutti oggi azionisti di Over, ha messo a punto un progetto che mira a rivoluzionare il concetto di domotica, ribattezzato “impianto elettrico 2.0”.Il sistema permette all’utente finale di monitorare o azionare, direttamente tramite computer, ipad e smartphone, ogni singolo apparecchio o presa elettrica, intervenendo non solo, in presenza di anomalie o di stand-by ma anche per evitare inutili quanto costosi consumi. Non solo risparmio quindi ma anche maggiore sicurezza per la propria abitazione o per l’ufficio o l’azienda, anche quando ci si trova dall’altra parte del mondo. “La trasformazione in Spa e i conseguenti investimenti sono la miglior risposta per coloro che non credevano nel nostro progetto” afferma Adriano Cerocchi, amministratore delegato e fondatore di Over Spa.
La Sapienza sta attuando da qualche anno una politica per sostenere i ricercatori che puntano ad avviare un’impresa con progetti innovativi scaturiti da un’attività di ricerca. Nel caso di Over il supporto universitario ha consentito alla start up di uscire da una realtà esclusivamente accademica e valorizzare i risultati della ricerca anche a livello imprenditoriale.
“Il successo di Over spa – dichiara il Rettore Eugenio Gaudio – rappresenta un primo fortunato caso che può diventare un virtuoso modello di sviluppo imprenditoriale per giovani e brillanti studenti. La Sapienza intende essere sempre di più un terreno fertile per la crescita e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali fondamentale per creare un ponte tra Università e mondo del lavoro.”

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce la domanda di mutui

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

domanda mutuiIn particolare, per quanto riguarda la domanda di mutui, nell’arco dei 12 mesi, ha fatto segnare una crescita pari al +15,0%, dopo ben 3 anni caratterizzati dal segno meno, sostenuta sia dagli stimoli proposti dagli istituti di credito, con offerte focalizzate sulla modularità e flessibilità del prodotto, sia dalle richieste di surroga, in virtù della convenienza dell’attuale tasso variabile. L’importo medio dei mutui richiesti nell’anno 2014 è ulteriormente calato, attestandosi a 124.346 Euro rispetto ai 127.328 Euro dell’anno precedente, confermando così un trend in contrazione che perdura da diversi anni sia a causa della diminuzione del prezzo di acquisto degli immobili sia per la tendenza a privilegiare soluzioni che gravino il meno pesantemente possibile sul bilancio famigliare.Il dettaglio relativo alla domanda di prestiti (personali e finalizzati) mostra come, nell’aggregato dei 12 mesi del 2014, la variazione della domanda ha mantenuto il segno negativo, con un complessivo -2,0%, sintomo di un quadro congiunturale che risulta ancora fragile, con il persistere di segnali negativi sul fronte dell’occupazione che ha raggiunto livelli record, penalizzando soprattutto le fasce di popolazione più giovani. Nel mese di dicembre appena concluso, però, la domanda di prestiti ha fatto registrare un incremento del +10,6%, dato che va a consolidare la dinamica positiva già rilevata a ottobre e novembre (rispettivamente in crescita del +7,6% e del +5,2%). Infine, rispetto al 2013, l’analisi condotta da CRIF mette in evidenza una sostanziale stabilità dell’importo medio dei prestiti richiesti (sempre nell’aggregato di prestiti personali più finalizzati), attestatosi a 7.422 Euro contro i 7.395 Euro del 2013 (+0,4%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cina: Inquinamento delle città

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

Smog JourneysGreenpeace diffonde oggi “Smog Journeys”, breve film realizzato da Jia Zhangke, uno dei registi cinesi più famosi al mondo, già vincitore in carriera del Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2006. Il corto affronta il tema degli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute e sulla vita quotidiana delle famiglie cinesi; e rappresenta una sfida alla Cina a risolvere questa crisi, certificata dai nuovi dati diffusi da Greenpeace che dimostrano come oltre il 90 per cento delle città prese in esame (190) superi i limiti consentiti relativamente alla concentrazione media annuale dei livelli di particolato ultrafine (PM2.5) nell’aria.«Ho voluto realizzare un film che possa aprire gli occhi alla gente, e non che la spaventi. Quello dello smog è un problema che tutti i cittadini del Paese hanno bisogno di affrontare, comprendere e risolvere nei prossimi anni», dichiara Jia Zhangke. «Un problema di cui ho preso coscienza negli anni Novanta. Riuscivo solo a percepire che l’aria era veramente terribile, che la polvere era ovunque, rendendo realmente difficile la vita quotidiana della gente».In “Smog Journeys” il regista asiatico racconta la vita di due famiglie cinesi, una di minatori, l’altra di designer di moda, rispettivamente della provincia di Hebei e di Pechino. Nel 2012 nella provincia di Hebei, che confina con l’area metropolitana di Pechino, sono stati consumati 313 milioni di tonnellate di carbone, e questa è stata la maggior causa di smog: delle 10 città cinesi con il peggior tasso di inquinamento da PM2.5, sette appartengono alla provincia di Hebei. Secondo le statistiche del Ministero cinese per la Protezione Ambientale, le città situate nei pressi del delta dei fiume Yangtze, del delta del fiume Pearl e nell’area che comprende Pechino, Tientsin ed Hebei sono soggette ad oltre cento giorni di foschia all’anno, con la concentrazione di PM2.5 che supera dalle due alle quattro volte i livelli indicati dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nella sola Pechino, nel 2010, all’inquinamento da PM2.5 potrebbero essere attribuite 2.349 morti.«Respirare aria pulita è una necessità fondamentale per una vita salutare. È triste che i bambini crescano circondati più da smog che da aria pulita e cieli blu, come raffigurato nel film di Jia. Restituire aria pulita deve essere una priorità che richiede provvedimenti immediati. Greenpeace chiede al governo cinese di intraprendere azioni immediate per la salvaguardia dei suoi cittadini, riducendo i consumi di carbone in favore di fonti più pulite come le rinnovabili», afferma Yan Li, responsabile della campagna Clima ed Energia di Greenpeace East Asia.A fine 2013, i leader cinesi hanno messo a punto un piano nazionale per il miglioramento della qualità dell’aria nel Paese. Nel breve termine, Greenpeace chiede maggior rispetto dei piani di azione nazionali e locali, che prevedono la chiusura delle industrie più sporche, la riduzione del consumo locale di carbone, lo sviluppo delle energie rinnovabili e l’attuazione di politiche più efficaci per la protezione delle popolazioni vulnerabili durante i giorni di pesante inquinamento.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rassegna BCE: soffiando sui carboni del fuoco reflazionista

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

banca centrale europea“Il mancato perseguimento del nostro mandato sarebbe illegale”. È così che Mario Draghi ha concluso la sua ultima conferenza stampa del 2014. La prima del 2015 è iniziata con l’annuncio di un programma di quantitative easing (QE) che persegue il mandato inflazionistico della Banca centrale europea (BCE) in modo ancora più forte. Una scelta opportuna, dal momento che i trend deflazionistici nell’eurozona erano divenuti ancora più incerti, con un continuo calo della produzione economica e del prezzo del petrolio.Le dimensioni del QE si situano nella parte alta delle aspettative del mercato. A partire da marzo 2015, la BCE intende acquistare obbligazioni per 60 miliardi di euro al mese fino a settembre 2016, il che significa poco più di mille miliardi di acquisti di asset di titoli di Stato e di enti pubblici di tutta l’Eurozona. In questo ammontare sono compresi anche i programmi di acquisto di covered bond e ABS già previsti.L’elemento che distingue questo QE da quelli di altre banche centrali è il carattere illimitato implicito nel fatto che il suo arresto è legato a un momento futuro in cui “osserveremo un aggiustamento sostenuto dell’andamento dell’inflazione che sia coerente con il nostro obiettivo di conseguire tassi d’inflazione inferiori, ma prossimi al 2% nel medio periodo” (l’enfasi è mia). Con l’inflazione attualmente pari al -0,2% e previsioni BCE che la collocano all’1,3% nel 2016, peraltro elaborate prima che il prezzo del petrolio scendesse a 50 dollari al barile, un aggiustamento sostenuto dell’andamento dell’inflazione che riporti quest’ultima verso il livello obiettivo potrebbe richiedere parecchio tempo, aprendo le porte alla possibilità che gli acquisti proseguano oltre il 2016, il che ci induce a concludere che la BCE sta prendendo molto sul serio il suo mandato.Inizialmente, eravamo preoccupati per il modo in cui le eventuali perdite sulle obbligazioni acquistate nell’ambito del QE potessero essere distribuite tra la BCE e i suoi 19 azionisti, le banche centrali nazionali (BCN), ma alla fine siamo giunti alla conclusione che la condivisione del rischio non è assolutamente un problema: il 20% delle obbligazioni acquistate dalla BCE e dalle BCN sarà oggetto di condivisione del rischio, mentre l’80% non lo sarà. Per quanto riguarda quest’ultima parte, ogni BCN acquisterà obbligazioni del proprio Stato e si accollerà il rischio ad esse connesso. Nell’eventualità di una perdita, solo la BCN di uno Stato in default parteciperebbe alla perdita. Ma la cosa più importante di tutte è che, dal momento che le banche centrali possono operare con un capitale proprio negativo e che i crediti delle banche commerciali sulle riserve create dal QE possono essere fatti valere in tutta l’Eurozona, la condivisione del rischio è, come ha detto Draghi nella conferenza stampa, “irrilevante”.Funzionerà il QE? Non illudiamoci: la politica monetaria può aiutare a mantenere il controllo sul ciclo economico, ma una crescita sostenibile deriva in definitiva dagli investimenti, dalla produttività e dalla crescita della popolazione. E affinché si giunga a ciò, sia il settore privato che quello pubblico dovranno fare la loro parte.Le autorità europee sembrano aver raggiunto una sorta di “grand bargain”, di ampio accordo che lascia pensare che il QE avrà successo. La BCE ha fatto la sua parte. La Commissione europea sta coordinando un fondo di investimenti infrastrutturali in partnership pubblico-privato che spera raggiungerà i 300 miliardi di euro, e diversi governi nazionali stanno intraprendendo seriamente riforme strutturali. Il premier Matteo Renzi si distingue per le iniziative di riforma del mercato del lavoro, del sistema elettorale e del settore bancario in Italia, e sebbene non tutte le riforme siano state ancora tradotte in legge, su questo fronte l’Europa sta senz’altro cambiando in meglio.Quale sarà l’impatto sul mercato e quale strategia di portafoglio consideriamo per il futuro? Una generalizzazione delle esperienze di QE negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Giappone suggerisce che un simile programma è favorevole per gli asset rischiosi e per l’oro e sfavorevole per la duration e per il valore esterno della moneta che viene stampata. Sebbene il Giappone rappresenti un’eccezione sul fronte della duration, riteniamo che l’Eurozona evidenzierà dinamiche simili a quelle di altri paesi che hanno adottato il QE.I titoli di Stato dei paesi periferici hanno registrato buone performance in passato, ma non vediamo particolari motivi per venderli. Con rendimenti del 2,7% sulle emissioni pubbliche italiane e spagnole a più lungo termine, il differenziale non è insignificante rispetto ad obbligazioni tedesche di pari scadenza. Ci aspettiamo che questi spread si riducano.Continuiamo a ravvisare opportunità nelle obbligazioni societarie investment grade e high yield. Le azioni bancarie dell’Eurozona e le obbligazioni bancarie subordinate hanno sottoperformato i corrispondenti mercati dei titoli di Stato di recente, e gli interventi della BCE sembrano prefigurare la possibilità di un certo recupero.Spostandoci più verso l’esterno di quelli che PIMCO chiama i cerchi concentrici dell’investimento, ossia verso asset class meno liquide e a più alto rischio, come gli investimenti immobiliari e il debito in sofferenza, anche in questo caso l’allentamento della politica monetaria dovrebbe avere un impatto positivo. Il team di analisti esperti di PIMCO dedicati al mercato immobiliare e al private equity sarà al lavoro nei prossimi mesi per individuare le opportunità in questi settori.Riteniamo meno interessanti i bassi rendimenti dei titoli di Stato tedeschi e l’esposizione valutaria all’euro. L’aumento di 33 euro del prezzo di un’oncia d’oro alla chiusura delle contrattazioni di giovedì (22 gennaio) in Europa dimostra quel che può succedere quando l’offerta di un asset aumenta rispetto a quella di un altro. L’euro continuerà probabilmente a deprezzarsi.Più in generale, dobbiamo considerare anche le ripercussioni globali delle decisioni della BCE. L’economia mondiale ha attraversato 35 anni di disinflazione sostanzialmente ininterrotta, culminata in una politica di tassi a zero e in un QE in tutti i principali mercati sviluppati. Sebbene si sia tornati ad assistere a fasi di espansione del ciclo economico negli Stati Uniti e nel Regno Unito, il notevole peso del rallentamento della crescita nel resto del mondo, soprattutto se si considerano anche la Cina e i mercati emergenti, e le dinamiche demografiche di invecchiamento della popolazione avranno implicazioni sui livelli fino ai quali la Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra potranno normalizzare i propri tassi ufficiali.I mercati continuano a credere nella capacità delle banche centrali di orchestrare scenari economicamente desiderabili. Se questa convinzione dovesse essere messa in dubbio, e le banche centrali gettassero la spugna come ha fatto la Banca nazionale svizzera, la disinflazione potrebbe trasformarsi in deflazione da debito. Per il momento almeno, la BCE soffierà sui carboni del fuoco reflazionista.” (Commento di Andrew Bosomworth – managing director di PIMCO)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove nomine in Dimension Data Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

dimension dataDimension Data Italia annuncia la nomina di Devid Mapelli quale Solutions Team Leader e promuove Roberto Fasiani a Professional Services & Consulting Director.Devid Mapelli avrà il compito di guidare le Business Unit, il Marketing e il relativo team della filiale Italiana attraverso le sfide imposte dai nuovi paradigmi tecnologici, quali il software-defined networking, comunicazioni convergenti, il next generation data centre e cloud, trasformandole in opportunità di differenziazione per i clienti e in nuovi obiettivi di crescita per la società.
Devid Mapelli ha dato prova delle sue competenze tecniche e strategiche maturate nel corso della sua carriera professionale. Un’esperienza maturata e consolidata nei ruoli di crescente responsabilità che gli sono stati affidati a partire dalla sua collaborazione con Cisco, prima come System Engeener e poi come Manager Systems Engineer, e successivamente in Samsung Electronics quale B2B Business Development e Pre Sales Senior Manager, fino al suo attuale incarico in Dimension Data Italia.“Oggi più che mai la tecnologia deve essere considerata il catalizzatore del cambiamento, portatrice di innovazione e capace di reinventare il modo di fare business,” ha commentato Devid Mapelli. “Grazie all’esperienza trentennale di Dimension Data possiamo fornire soluzioni e servizi ICT che offrono un reale valore ai nostri clienti e che consentono, passo dopo passo, una concreta trasformazione del loro business.”Roberto Fasiani avrà la responsabilità di consolidare e sviluppare il comparto dei servizi e della consulenza che rappresenta l’area di maggior crescita del business di Dimension Data.
Un compito volto a coordinare gli investimenti e l’impegno del team per continuare ad affermare una strategia solida e importante per offrire uno straordinario valore di business ai clienti verso un ICT basato sui risultati.
Entrato in Dimension Data nel 2000, Roberto Fasiani ha maturato una notevole esperienza nello sviluppo e nella promozione di nuovi servizi e soluzioni IT, contribuendo alla crescita delle aree più innovative della filiale italiana.Grazie ai diversi ruoli sempre più manageriali, Fasiani si è distinto per le sue capacità organizzative e strategiche lo hanno portato a essere Line of Business Manager e poi Solutions & Marketing Director, prima del suo attuale incarico.“I nostri clienti sono al centro di tutti i progetti che attuiamo,” ha affermato Roberto Fasiani. “Il nostro focus è un’offerta guidata dai servizi che aiutano i nostri clienti ad accelerare le proprie ambizioni di business. Per questo abbiamo e continueremo a migliorare le nostre capacità per i servizi professionali e di consulenza e i modelli di sviluppo.”
Fondata nel 1983, Dimension Data è un fornitore di servizi e soluzioni ICT e, grazie alle proprie competenze tecnologiche, alla capacità di operare su scala globale ed al proprio orientamento all’innovazione, aiuta ad accelerare le ambizioni di business dei propri clienti.
Dimension Data è un’azienda del Gruppo NTT.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Canon Italia annuncia un accordo per l’acquisizione dell’italiana Integra Document Management (IDM)

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

canonCanon Italia S.p.A. annuncia di aver siglato un accordo per l’acquisizione di Integra Document Management (IDM), società italiana specializzata e focalizzata sui servizi di Document and Business Process Outsourcing.
L’accordo testimonia la volontà di Canon di posizionarsi come uno tra i leader più importanti nel mercato italiano dell’Information Management e dei processi di business in outsourcing, affiancando le aziende italiane nel loro percorso verso la digitalizzazione.
“Questo importante investimento sul mercato italiano è un tassello fondamentale nella strategia di crescita di Canon Italia che abbiamo presentato alcuni mesi orsono”, ha commentato Enrico Deluchi, Amministratore Delegato e Presidente di Canon Italia. “Investire in Italia è una grossa sfida che cogliamo con convinzione, certi di poter dare un contributo di valore nell’indispensabile percorso di semplificazione attraverso la digitalizzazione dei processi delle Imprese e della Pubblica Amministrazione”.IDM, fondata nel 2001 da Fabio Risetti, Antonio De Cesare e Stefano Barzetti e supportata nella sua crescita dal fondo Alto Capital II gestito da Alto Partners SGR, è un’azienda che si posiziona, in termini di fatturato, clienti consolidati e volumi trattati, come la prima realtà italiana che garantisce una gestione diretta, globale ed integrata di tutti i processi documentali cartacei e digitali.Il successo di IDM si basa sulla qualità dei suoi servizi, sulle forti partnership costruite negli anni e su un solido approccio imprenditoriale, che ha consentito all’azienda di crescere costantemente negli anni.“Insieme, Canon e IDM costituiranno un sicuro punto di riferimento per il mercato italiano, proponendo soluzioni basate sulle innovative tecnologie Canon e sull’ampia gamma di servizi offerti da IDM”, ha proseguito Deluchi. “Il mercato delle soluzioni e dei servizi per la gestione delle informazioni e dei processi di business è in costante crescita e Canon intende avere un ruolo di primo piano in questo segmento nel nostro Paese. Il contributo di IDM sarà fondamentale per il nostro successo”.Anche Mario Calcagnini, Direttore Generale di IDM, ha espresso grande soddisfazione per questa acquisizione, che “offre grandi opportunità di crescita per IDM, permettendoci di continuare ad innovare grazie all’accesso alle risorse e alle competenze tecnologiche e di mercato di Canon Italia”.Al termine dell’acquisizione, che sarà completata entro la fine del mese di Febbraio 2015, IDM continuerà ad operare come società indipendente all’interno del gruppo Canon.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XXI Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico

Posted by fidest press agency su sabato, 24 gennaio 2015

la maledizioneLe iscrizioni per il XXI Trofeo RiLL sono aperte sino al 30 marzo 2015. Il Trofeo RiLL è uno dei maggiori concorsi letterari italiani per racconti fantastici ed è bandito dal 1994 dall´associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, col supporto del festival internazionale Lucca Comics & Games e della Wild Boar Edizioni. Possono partecipare al Trofeo RiLL racconti fantasy, horror, di fantascienza e, in generale,
tutte le storie che siano, per trama o personaggi, “al di là del reale”. A ogni edizione del concorso partecipano, da alcuni anni, 200-250 racconti, provenienti dall´Italia e dall´estero. Nel 2014, per l´edizione del ventennale, hanno partecipato 345 racconti, scritti da autori residenti soprattutto in Italia, ma anche in Australia, Uruguay, USA e paesi dell´Unione Europea. I migliori racconti del XXI Trofeo RiLL saranno pubblicati (senza nessun costo/ contributo per i rispettivi autori) nella prossima antologia del premio (collana “Mondi Incantati”, ed. Wild Boar). Il racconto primo classificato sarà inoltre tradotto e pubblicato:
– in Irlanda, sulla rivista di letteratura fantastica Albedo One (già vincitrice dell´European Science Fiction Award come migliore rivista del settore);
– in Spagna, su Visiones, l´antologia annuale dell´AEFCFT (Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror).
All´autore del racconto vincitore andrà un premio di 250 euro.
La selezione dei racconti finalisti sarà curata da RiLL: tutti i racconti partecipanti saranno letti e valutati in forma anonima, considerando in particolare l´originalità della storia e la qualità della scrittura. La giuria del Trofeo RiLL sceglierà poi, fra i racconti finalisti, quelli da premiare e pubblicare sull´antologia 2015 della collana “Mondi Incantati”. Sono giurati del Trofeo RiLL, fra gli altri, gli scrittori Donato Altomare, Pierdomenico Baccalario, Mariangela Cerrino, Giulio Leoni, Gordiano Lupi, Massimo Mongai, Massimo Pietroselli e Sergio Valzania; gli accademici Arielle Saiber (Bowdoin College, Boston, USA) e Luca Giuliano (Università “La Sapienza”, Roma); e i giornalisti e autori di giochi Andrea Angiolino, Beniamino Sidoti e Renato Genovese (quest´ultimo anche direttore del festival
internazionale Lucca Comics & Games).
Tutti gli autori partecipanti al XXI Trofeo RiLL riceveranno una copia omaggio dell´antologia “Mondi Incantati” del 2014: “LA MALEDIZIONE e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni”, che prende il nome dal racconto vincitore del XX Trofeo RiLL, scritto da Michele Piccolino (in attach la copertina, dell´illustratrice Valeria De Caterini). Oltre ai migliori racconti del XX Trofeo RiLL, il volume raccoglie i racconti selezionati nel concorso SFIDA 2014, sempre curato da RiLL, e i racconti vincitori di quattro premi letterari
europei dedicati alla letteratura fantastica (il Premio Nova, Finlandia; il Premio Domingo Santos, Spagna; l´Aeon Award Contest, Irlanda; il James White Award, Regno Unito), proponendo ai lettori un viaggio di respiro internazionale nell´immaginario fantastico.
(in attach il comunicato stampa dell´antologia)
La cerimonia di premiazione del XXI Trofeo RiLL avrà luogo nel novembre 2015, nell´ambito del festival Lucca Comics & Games. (foto: la maledizione)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »